Cerca nel blog

2018/01/23

Truffa dei falsi buoni Ikea su WhatsApp

“Pensavo che era la solita fregatura e invece l’ho appena preso! [...] Partecipa al nostro sondaggio per vincere... Ricevi subito un Buono Ikea del valore di £250”. Questo è il testo di un messaggio che sta girando da qualche giorno su WhatsApp.

È una truffa. Non cliccate sul link e non inoltrate quel messaggio a nessuno. Non ci sono buoni e non si vince nulla, ma si rischia di essere fregati.

Lo scopo dell’annuncio, infatti, sembra essere quello di abbonarvi con l’inganno a un servizio SMS Premium: a me, su computer, è comparsa l’offerta di abbonarmi al costo di 10 franchi la settimana a Ilovemobi.com, con rinnovo automatico. Il link completo (reso volutamente inservibile) è questo.



Gli indizi di truffa sono parecchi:

  • Perché Ikea dovrebbe ospitare una distribuzione di propri buoni su Chebuoni.win invece che su Ikea.com?
  • Chebuoni.win è stato registrato il 16 gennaio scorso e i suoi veri intestatari sono protetti tramite Whoisguard: Ikea non avrebbe motivo di nascondersi.
  • Il buono è in sterline (£).
  • I commenti positivi sul sito sembrano commenti di Facebook ma non lo sono: le immagini degli utenti sono uguali in tutte le lingue. 
Le versioni in inglese e in italiano dei “commenti” su Chebuoni.win.

  • Compilando il “sondaggio” viene chiesto di segnalare la “promozione” su WhatsApp a 15 gruppi o amici: trucco tipico per fa diffondere il messaggio e aumentare il numero di vittime.
  • Tentando di inviare la “promozione” agli amici compare un messaggio precompilato (“Pensavo che era la solita fregatura...”) che include un link a ikea[punto]com-premium.pro che riporta a Chebuoni.win.
  • Il dominio Com-premium.pro è intestato a tale Cheney Pichette (con indirizzo postale svizzero). Probabilmente sono dati di fantasia. È stato creato il 22 gennaio scorso.
  • Non è la prima volta che Ikea viene presa di mira da campagne truffaldine come questa (Italia, novembre 2017 e gennaio 2018), tanto che l’azienda ha pubblicato da tempo (dal 2013) una smentita generale.
Se ricevete questo spam, cestinatelo e avvisate chi ve l’ha mandato.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

24 commenti:

rico ha detto...

Posso farla breve? I buoni IKEA, semmai, li prendi all' IKEA.
Non su CheBuoniQuestiUTONTI.com

luca ha detto...

Chissà se la sgrammaticatura del testo è un semplice errore di traduzione o se è voluta per fare sembrare il messaggio più credibile (a chi ha amici che maltrattano i congiuntivi, naturalmente...)

Tony ha detto...

Chiamate il vostro operatore di telefonia cellulare e fatevi disattivare i servizi premium (i servizi a pagamento che solitamente si attivano navigando incautamente sul web).
Non costa nulla e vi risparmiate l'attivazione di servizi non voluti.

dani1967 ha detto...

Oltre che una truffa è un crimine contro il congiuntivo. Il che dovrebbe essere un campanello di allarme: va bene che IKEA è svedese, ma qualcuno che sa scrivere dovrebbe averlo nell' ufficio marketing.

Patrick Costa ha detto...

Non è riferito a questo caso specifico, ma mi è capitata ieri un'inserzione su Instagram riferita a Netflix, dove mi diceva che potevo avere il servizio a 1€ per un anno... ho fatto un paio di click, poi ho visto che i link ai siti erano MOOOOLTO SOSPETTI... alla fine volevo segnalare la "truffa", ma poi fare queste cose da cellulare, per me, è impossibile, ci metto troppo... e anche Instagram non aiuta... (che voglia in qualche maniera "sponsorizzare" queste truffe?!?)
La domanda che mi sono fatto è, come possano esserci delle regolari inserzioni con loghi regolari su portali così famosi... :-/

Mars4ever ha detto...

Io lo cestinerei già al "pensavo che era".

Marco P ha detto...

Pensa, un paio di anni fa mi inviarono un'offerta di amazon sul sito aVAzon

Unknown ha detto...

Gli abbonamenti a servizi premium a scalare dal credito telefonico sono facilmente resi innocui con un minimo di buon senso nel ricaricare il proprio credito. A cosa servono le ricariche da 20 euro, 30 euro, 50 euro se un'offerta decente di minuti e gb arriva a costare 6,7,massimo 9 euro al mese? Proprio ad agevolare queste truffe. L'UE, assieme al taglio dei costi per i servizi telefonici avrebbe dovuto impedire ricariche di importo rilevante. Tenere oltre 20 euro sul credito telefonico di una ricaricabile significa andarsela a cercare.

Verzasoft ha detto...

@unknown,
Premesso che i divieti devono avere un grande vantaggio rispetto alla loro assenza, e non puoi vietare alla gente di mettere 500 euro sul credito telefonico, se proprio vuole, a me le ricariche da 100€ servono: è l'unico modo per ricevere fatture gestibili.

Qwack ha detto...

A me è arrivato su un gruppo Whatsapp un messaggio che prometteva biglietti gratis per Ryanair... prontamente cestinato e segnalato al truffa a tutto il gruppo. Come l'ho riconosciuto? il nome del sito era ryanàir.com (sì, con l'accento!)
@Unknown: anche se hai un'offerta da 6 euro al mese, magari 10 euro di credito li carichi un po' in anticipo... se te ne fregano 5 con una truffa, l'operatore non ti rinnova l'offerta e senza rendertene conto cominci a telefonare e navigare a consumo. Anche se ti fai annullare il servizio e restituire i 5 euro, quei soldi in più di chiamate non li riprendi.

Tommy the Biker ha detto...

Pensavo che era la solita fregatura e invece l’ho appena preso!
Ecco, il problema è dove si rischia di prenderlo... :)

EddyKL ha detto...

Una promozione IKEA che andrebbe fatta in Italia: se si raggiunge il fatturato di 2 miliardi di euro nel primo trimestre del 2018 la Svezia si ritira dai mondiali e l'Italia viene ripescata... tutto il resto e' fuffa e truffa.

Unknown ha detto...

Interessanti i nomi famosi nella versione inglese: ma Robert Bosch è quello di Robert Bosch GmbH?

AmiC ha detto...

@rico
C'è da dire che esistono siti lecitissimi che consentono di acquistare gift card scontate (anche ikea), per cui il problema non è che non sia il sito ikea ufficiale a prometter la card (che non sarebbe scontata, ma omaggio), ma che sia una truffa. Per altri motivi.

stefano scogna ha detto...

Ringrazio Paolo, il curatore di questo blog, per la tempestività dell'informazione. Ottimo lavoro e... avanti tutta! Cordialità Stefano Scogna

stefano scogna ha detto...

Mars4ever ha commentato: Io lo cestinerei già al "pensavo che era". Commento #6 • 23/1/18 18:04
PAROLE SANTE! :-)

Layos ha detto...

"pensavo che ERA". Io solo per questo motivo (al di la del fatto che ovviamente è una sola) non avrei mai aderito.

martinobri ha detto...

....lo spirito di Accademia dei Pedanti aleggia ancora su questo blog....

Luca Favro ha detto...

Stasera mia zia mi ha inviato un messaggio WhatsApp con un annuncio simile, con 500€ al posto delle 250 £, non apro il link ovviamente.
Appena arrivato a casa sul sito dell'Ikea e cosa scopro? Che è una truffa

Berto ha detto...

@Luca Favro,

puoi sempre denunciare tua zia...!
^_^

Diego ha detto...

Segnalo che la stessa truffa compare anche relativamente a Conad con indirizzo simile (conad invece di ikea)

Mammiiiinaaa?! ha detto...

Stamattina mi è arrivata la variante conad, da un numero che non è fra i miei contatti, per cui, segnalata da uozapp stesso, è finita direttamente nello spam e il numero è stato bloccato... Ora, però, mi è venuto il dubbio che potevo segnalare alla polizia postale e non saprei proprio come recuperare il messaggio e il numero!

AmiC ha detto...

@Mammiiiinaaa?!
Non è Whatsapp a mandarti quei messaggi, bensì qualcuno che è venuto a conoscenza del tuo numero di cell...
Si può scrivere anche a chi non hai in rubrica!

Mammiiiinaaa?! ha detto...

No, non hai capito! Il warning sul fatto che il numero non fosse fra i miei contatti (e, quindi, un invito a prestare attenzione) era arrivato da uozapp, non il messaggio sul finto buono, ovviamente