skip to main | skip to sidebar
157 commenti

Windows Vista, qualche consiglio d’acquisto

Esce Vista, che fare?


Questo articolo vi arriva grazie alla donazione straordinaria di "michelangelo.bever****".
L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Finalmente Windows Vista arriva nei negozi e molti si pongono il dubbio se valga la pena di acquistare Vista, aspettare direttamente un computer nuovo o addirittura passare alle alternative come Mac o Linux. O magari restare con Windows XP.

Punto Informatico ha un articolo molto esauriente sull'argomento, che vi consiglio di leggere fino in fondo: esplora le questioni dei prezzi delle numerosissime versioni di Vista, che non mancheranno di suscitare confusione negli utenti (occhio, la grafica superfighissima di Vista, denominata Aero, non è disponibile nella versione Basic); i requisiti di sistema davvero notevoli del nuovo sistema operativo (512 MB di RAM sarebbero sufficienti secondo Microsoft, ma Dell raccomanda almeno 2 giga; ci vuole una signora scheda grafica per avere tutti gli effetti estetici di Aero); le questioni del Trusted Computing/ex Palladium e dei sistemi anticopia, che finalmente (si fa per dire) Vista implementa in grande stile, e molto altro ancora.

Se non avete tempo per leggere tutto l'articolo-indagine di PI e vi fidate di un consiglio di uno come me che ha mollato Windows dalla disperazione anni fa ma lo tiene d'occhio per evitare che morda a sorpresa o si ravveda (non si sa mai), conviene assolutamente aspettare il momento in cui volete comperare un computer nuovo, e poi pensarci su ancora.

Se invece siete maniaci della novità a tutti i costi e vi va di scucire da 99 euro/199 CHF in su (versione Basic Upgrade studenti) fino a 600 euro/849 CHF (versione Ultimate), accomodatevi; ma prima assicuratevi che il vostro computer regga il peso e i requisiti di Vista, usando il test di Microsoft. I risultati, anche su macchine molto brillanti, possono portare sorprese, come racconta The Register. Non è questione di pura potenza.

Fra l'altro, al momento in cui scrivo, la versione italiana dell'annuncio Microsoft ha un link rotto ("Windows Vista home page" attualmente linka questo URL inesistente invece di linkare la pagina giusta).

Anche nel momento in cui siete a caccia di un computer nuovo, comunque, vale la pena di valutare l'ipotesi di passare al Mac (aspettando un paio di mesi per avere Leopard, la nuova versione del sistema operativo Apple) o a Linux, che hanno già da tempo tutte le principali caratteristiche grafiche e tecniche di Vista ma non hanno un'orda di virus che li vuole aggredire (compresa la vantata distinzione fra utenti amministratori e utenti-e-basta). Per usare Vista bisogna comunque reimparare parecchie cose, per cui tanto vale investire lo sforzo verso qualcosa di meno restrittivo.

Sì, perché il vero problema di Vista è che è infarcito di lucchetti digitali: se non avete il monitor giusto, la stampante giusta e tutti i componenti multimediali benedetti da Hollywood e dai discografici, Vista vi impedirà di vedere e ascoltare certi prodotti legittimamente acquistati. Uno stream video in alta definizione, per esempio, verrà degradato e mostrato a bassa risoluzione, se Vista (e l'emittente) decide che non si fida del vostro hardware (HDMI, HDCP), anche se siete utenti legittimi dello stream; idem per l'audio. Questo è il trusted computing tanto preannunciato: altro che "informatica di cui fidarsi", questa è informatica che non si fida dell'utente. Ecco perché nascono siti come DefectiveByDesign.org che fanno campagne contro questi lucchetti, come Bad Vista (nella foto).

Nessun problema, invece, per i video e brani audio autoprodotti: Vista li presenterà senza distorsioni o lucchetti. Lo stesso vale, inevitabilmente, anche per film e canzoni piratate, che per definizione non hanno sistemi anticopia. Siamo arrivati, finalmente, alla dimostrazione concreta del paradosso del DRM: l'utente che cerca di essere onesto viene punito anche quando ha comperato la copia legale del film o disco, se per disgrazia il suo megatelevisore, monitor o impianto audio ultimo grido non è compatibile. O se qualcuno decide che non deve esserlo, anche se in realtà non c'è alcun ostacolo tecnologico. Il mio 32 pollici LCD da battaglia, comperato l'anno scorso, riproduce benissimo i filmati HD non protetti, ma non quelli con l'anticopia, perché gli manca il Magico Connettore Approvato. Sì, lo sapevo quando l'ho comprato; non butto soldi per hardware coi lucchetti, grazie. So come girarci intorno. E lo sanno anche i pirati, per cui è tutto un esercizio inutile.

E che dire per la sicurezza? Zio Bill ne fa un elemento portante di Vista, e non c'è dubbio che parecchie falle siano state turate. Vista sarà certamente più sicuro (o meglio, meno insicuro) di XP. Ma nei circuiti della criminalità organizzata c'è già chi vanta e vende exploit per Vista. Ed è recentissima la notizia che i sistemi anticopia di Vista sono già stati bucati in parte da Alex Ionescu. Per non parlare del fatto che già si prevede un Service Pack "di elevato impatto" entro fine 2007, come dice Punto Informatico.

E poi c'è la menata dei controlli antipirateria, che arrivano al punto di paranoia che se avete la versione Upgrade e per qualsiasi motivo vi tocca reinstallare, dovete prima installare XP e poi Vista. Un bel macello, se si considera che a titolo di confronto, né Mac OS X né Linux hanno questo genere di limitazioni.

Se volete restare fedeli a XP, magari perché avete programmi o hardware incompatibili con Vista, potete continuare a farlo fino al 2014, data in cui Microsoft cesserà totalmente il supporto a XP (e tanto il mondo finisce nel 2012, secondo i Maya). Se avete un computer nuovo sul quale trovate preinstallato Vista ma volete mettere XP (che girerà velocissimo sui computer capaci di far andare Vista), potete fare un downgrade legale, ma soltanto a patto di avere una licenza Open o Select oppure (per Vista OEM) una licenza di Vista Business o Ultimate, secondo i dati Microsoft.

Ma se fossi in voi, coglierei l'occasione per dire basta ai soprusi, alle imposizioni, alla corsa all'hardware e ai lucchetti inutili e cambiare una volta per tutte.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (157)
Due parole su Vista, prendendo spunto da un articolo apparso su Repubblica, le ho scritte anch'io.
> (e tanto il mondo finisce nel 2012, secondo i Maya)

LOL!!! :D

Applausi per Paolo!!!
Premettendo che ho provato Vista e non mi piace, lo trovo tutta fuffa senza vere novità rispetto all'ottimo xp, vorrei chiedere una cosina a Paolo:
tu dici di essere "disperato" nei confronti di win... possibile che un utente esperto come te non sappia configurare ben benino un firewall e tenere aggiornato un antivirus??
Da che deriva tutta questa disperazione?
Se poi parliamo di Mac, anche se adesso pare stia cambiando il vento, sono stati proprio i primi ad usare DRM e schifezzuole del genere... non mi pare sia il caso di decantarne il candore morale!
Se poi parliamo di Mac, anche se adesso pare stia cambiando il vento, sono stati proprio i primi ad usare DRM e schifezzuole del genere... non mi pare sia il caso di decantarne il candore morale!

Il chip c'era (ed ora non c'è più) ma non è stato MAI usato per il DRM, probabilmente serviva per non far installare Mac OS X sui PC "normali".
Riguardo all'altra tua osservazione, anche riuscendo a tenere a bada i virus, il malware e tutte le INsicurezze di windows - il che non è facile, anche per Paolo - l'esperienza d'uso (intendendo con questo: interfaccia, tempo speso per la "manutenzione", blocchi e riavvii indesiderati ecc.) di windows rimane pessima, sicuramente peggiore rispetto al mac, probabilmente peggiore rispetto a Linux...
>possibile che un utente esperto come te non sappia configurare ben benino un firewall e tenere aggiornato un antivirus??
Da che deriva tutta questa disperazione?

So come farlo, ovviamente, ma il problema è che queste sono soltanto _alcune_ delle cose che devi fare per ottenere un hardening decente di Windows. In attesa della prossima falla. Francamente ho cose migliori da fare nella vita. E' questione di efficienza. Il Mac è leggermente più caro, ma si ripaga sotto forma di uptime spettacolari (il laptop dal quale scrivo -- ibook 12" -- va giorno e notte da quasi tre anni). Spotlight è un godimento. Certo si può avere anche in XP, e c'è anche in Vista, ma perché perdere tempo ad aggiungere quello che puoi avere già installato e integrato nell'OS?

E poi c'è tutta la questione del DRM. Mi spiace, ma piuttosto che prendere hardware farcito di DRM, preferisco indossare le mutande usate di un lottatore di sumo.

Il DRM sul Mac è stato tolto, e ricorderai le mie critiche impietose per il chip TPM nei primi Mac Intel. Apple è ancora legata al DRM con iPod, e infatti non prenderei un iPod manco morto.

Certamente non si può parlare di candore morale di nessuno. Ma è questione di gradi. Vista ha deciso di legarsi al TC e al DRM fino al midollo: va bene, buon pro gli faccia. Ma per quel che mi riguarda, se ne sta fuori dalla mia vita. Nessuna azienda decide per me cosa posso e non posso fare con quello che ho legalmente acquistato.
[quote]...probabilmente serviva per non far installare Mac OS X sui PC "normali".

Teoricamente anche questo è un'utilizzo da DRM: si tratta sempre di gestione di diritti digitali, solo non di musica e di film, ma di un sistema operativo che tramite quel chip non si voleva far girare su computer "untrusted" (in quel caso i normali pc). Quindi in effetti Apple è stata pioniera in questo campo; del resto anche linux a modo suo è stato pioniere, perché è stato credo il primo a supportare nel kernel diverse funzionalità tipiche del tpm.
Comunque io sono passato circa un anno fa da xp a Kubuntu. Lo sforzo di apprendimento non è stato indifferente. Ma ne è valsa la pena: ora il tempo per tutte le manutenzioni è infinitamente minore, e non ho paura ad ogni aggiornamento del so o dell'antivirus che il mio ip venga loggato: anch'io craccavo windows o i vari programmi, e bisogna considerare chi fa come me (aldilà degli opinabili discorsi su morale e moralità) come una fetta di mercato. Se rendono troppo difficile per l'utente medio craccare windows, possono mungere la mucca a breve termine, ma non so quanto sia redditizio nel lungo termine (+ gente che passa a Linux o anche a Mac, visti ormai i prezzi di windows).
Ciao a tutti
sui DRM e soci mi trovi pienamente d'accordo: li odio e li vorrei tenere lontano quanto più possibile.

>il laptop dal quale scrivo -- ibook 12" -- va giorno e notte da quasi tre anni

beh se l'hardware è buono cosa c'entra il sistema operativo?!

>Spotlight è un godimento. Certo si può avere anche in XP, e c'è anche in Vista, ma perché perdere tempo ad aggiungere quello che puoi avere già installato e integrato nell'OS?

e capirai... fare doppio click per installare un programmino di 4,45MB come Windows Desktop Search che faticata!

>In attesa della prossima falla

Le falle le hanno tutti i programmi, e lo sai bene... Mac e Linux non fanno certamente eccezione: hanno meno falle semplicemente perchè non hanno "nemici" di sorta e sono diffusi in maniera infinitamente minore rispetto a Windows.

>Il Mac è leggermente più caro

leggermente?! Questa estate ho comprato il portatile nuovo e avevo fatto il pensierino di prendere un Mac, ma, con i soldi che costava, potevo prenderci un PC portatile con il quadruplo della potenza in più (cosa che poi ho ovviamente fatto).
Caro Paolo,

noto una sorta di astio nei confronti di Vista. Sia chiaro, ti capisco, visto che anche io detesto l'approccio di Microsoft, però vorrei sottolineare che alcuni dei problemi che hai sottolineato, in particolare quelli della pesantezza dell'hardware e quelli relativi alle DRM, non sono problemi di Vista, ma sono comuni a qualsiasi piattaforma. Prima di tutto, non credo che l'hardware per fare girare il nuovo OS di MS sia così esoso: 1 GB di RAM e una CPU a 3 GHz sono il minimo per far girare decentemente qualsiasi cosa, anche su XP. Una scheda video compatibile con Aero, la trovi a meno di 100 euro. Certo, se vuoi videogiocare la questione è diversa (ma lo è anche su XP), ma per l'uso comune, un PC al di sotto dei 1000 euro basta e avanza. Chi ha di peggio, può risolvere con un piccolo upgrade, che non costerà più dell'OS stesso (che effettivamente è troppo caro, a mio avviso).

Per quanto concerne il DRM, TUTTI gli OS moderni hanno questo problema: guardare legalmente HD-DVD o Blu ray ti obbliga a comprare una scheda e un display compatibili HDCP, che usi Vista, XP, MacOS o che altro. Se lo vuoi fare illegalmente, è un altro discorso ^_^.
Ma il problema delle protezioni non è certo colpa di Microsoft: bisognerebbe puntare il dito contro le major, dato che sono loro ad aver insistito su questo (ti sei mai chiesto per quale motivo il lancio PlayStation 3 è stato ritardato così tanto?). Tra l'altro, le tanto potenti protezioni dei nuovi formati sono già state aggirate ;-)

Pape
Solo un piccolo appunto: 99 euro è per la versione basic ma in edizione accademic, dunque rivolta a studenti
[quote]
Certamente non si può parlare di candore morale di nessuno. Ma è questione di gradi. Vista ha deciso di legarsi al TC e al DRM fino al midollo: va bene, buon pro gli faccia. Ma per quel che mi riguarda, se ne sta fuori dalla mia vita. Nessuna azienda decide per me cosa posso e non posso fare con quello che ho legalmente acquistato.
[/quote]

Sicuro, una scelta che condivido a pieno. Ma non bisogna dimenticare che le DRM servono solo per gestire contenuti protetti: se non vuoi le DRM, non devi nemmeno comprare un lettore blu-ray o HD-DVD. Praticamente, se non vuoi le DRM, non devi acquistare i nuovi supporti video, né acquistare alcunché online (sottoforma di file protetti). Le DRM sono migliorabili, ma le ritengo una necessità, a meno che si voglia continuare a sprecare tempo e soldi in supporti digitali che diventano presto obsoleti. Facciamo una scommessa: si affermeranno prima i nuovi supporti video HD o vendita e noleggio tramite internet, sotto forma di file protetti? ^___^

Pape
>Se avete fretta e vi fidate di un consiglio di uno come me .....

>Se non siete maniaci della novità a tutti i costi e vi va di scucire da 99 ... accomodatevi;

Non dovrebbe essere "Se NON avete fretta..." e "Se siete maniaci..."?

O non ho capito io?
Matz
Non per fare le pulci all'articolo di The Register, ma io ho un PC con una 7800, 2 giga di ram, 500 giga di disco e un dual core AMD, e non solo il programmino di test di Svista mi dice "all right", ma la beta gira anche decentemente; non serve un mostro di pc per farlo andare.

Non entro nel merito della discussione perche potrei farmi il sangue acido a inveire contro microsblott, e rischierei di vomitare tanto bile da rimanerci soffocato :)
>beh se l'hardware è buono cosa c'entra il sistema operativo?!

infatti mi riferivo all'OS.

>Spotlight è un godimento.

>e capirai... fare doppio click per installare un programmino di 4,45MB come Windows Desktop Search che faticata!

Preso singolarmente no, ma facciamo un elenchino:
-- firewall (per rimpiazzare quello di XP che fa ridere)
-- antivirus
-- antispyware
-- antirootkit

Tutti da aggiornare periodicamente, con conseguente spreco di tempo. E magari anche un bel reboot che ti obbliga a chiudere la sessione di lavoro e poi ricostruirla.

-- Desktop Search
-- lettore PDF (in OS X è integrato)
-- Browser decente e non vulnerabile (IE7 ha attivato il tabbed browsing solo adesso)
-- Server Web (Apache, già incluso in OS X)
-- una shell di comando UNIX-like come si deve

Ripeto: perché dovrei tribolare con queste cose quando ho la possibilità di un OS che le integra già?

Per non parlare della facilità di installazione/disinstallazione/update del software in OS X.

>Le falle le hanno tutti i programmi, e lo sai bene... Mac e Linux non fanno certamente eccezione: hanno meno falle semplicemente perchè non hanno "nemici" di sorta e sono diffusi in maniera infinitamente minore rispetto a Windows.

Questo è un mito al qualche è già stato risposto tante volte. Se così fosse, come mai il diffusissimo Apache (software libero e a codice pubblico) è meno bucato di IIS?

In ogni caso, è questione di essere pragmatici: è un dato di fatto che attualmente (e da anni) le piattaforme non-Windows sono meno oggetto di attacchi. A prescindere dal motivo per cui lo sono, è quindi saggio usarle.

>Il Mac è leggermente più caro

leggermente?! Questa estate ho comprato il portatile nuovo e avevo fatto il pensierino di prendere un Mac, ma, con i soldi che costava, potevo prenderci un PC portatile con il quadruplo della potenza in più (cosa che poi ho ovviamente fatto).

Va benissimo: ognuno sceglie la soluzione che preferisce. Io includo nel costo del computer anche la spesa di tempo per la sua manutenzione. Il mio metro non è la potenza, ma l'efficienza.

>Solo un piccolo appunto: 99 euro è per la versione basic ma in edizione accademic, dunque rivolta a studenti

Giusto; era appunto un "a partire da" nel senso di prezzo minimo in condizioni ideali.


>noto una sorta di astio nei confronti di Vista.

Non astio, ma preoccupazione per un monopolista di fatto che spinge i propri utenti verso la follia del DRM.

>alcuni dei problemi che hai sottolineato, in particolare quelli della pesantezza dell'hardware e quelli relativi alle DRM, non sono problemi di Vista, ma sono comuni a qualsiasi piattaforma. Prima di tutto, non credo che l'hardware per fare girare il nuovo OS di MS sia così esoso: 1 GB di RAM e una CPU a 3 GHz sono il minimo per far girare decentemente qualsiasi cosa, anche su XP.

Dell consiglia almeno 2 GB.

> Una scheda video compatibile con Aero, la trovi a meno di 100 euro.

Per me 100 euro o giù di lì non sono noccioline, specialmente se il beneficio pratico è pressoché nullo.

>Chi ha di peggio, può risolvere con un piccolo upgrade, che non costerà più dell'OS stesso (che effettivamente è troppo caro, a mio avviso).

E' esattamente questo il concetto. Spendi, spendi, spendi. Mi sta benissimo spendere in cambio di un risultato: ma questa mi sembra una spesa senza alcun vero beneficio. Nulla che non ho già oggi e da un paio d'anni sul mio Mac.

>Per quanto concerne il DRM, TUTTI gli OS moderni hanno questo problema: guardare legalmente HD-DVD o Blu ray ti obbliga a comprare una scheda e un display compatibili HDCP, che usi Vista, XP, MacOS o che altro. Se lo vuoi fare illegalmente, è un altro discorso ^_^.

Attenzione, qui c'è un equivoco di fondo. Il DRM è una _tecnologia_, non una legge. Non c'è alcuna legge, che io sappia, che mi vieta di rippare un Blu-Ray che ho comperato e guardarmelo sull'hardware che voglio io e non su quello deciso da qualche magnate di Hollywood. E' il concetto alla base del DeCSS di DVDJon, confermato dalla relativa sentenza di tribunale.

>Ma il problema delle protezioni non è certo colpa di Microsoft: bisognerebbe puntare il dito contro le major,

già fatto :-)

> dato che sono loro ad aver insistito su questo

e sono stati i produttori di HW codardi a cedere. Ora se ne pentono (vedi caso Apple iPod e richiesta dei produttori di HW concorrenti di togliere il DRM).

Santo cielo, Microsoft è un colosso, eppure si fa comandare da Hollywood? Confrontiamo i fatturati dell'industria dell'HW con quelli dell'industria del cinema. Siamo nella situazione assurda che la coda dice al cane quando scodinzolare.

>Tra l'altro, le tanto potenti protezioni dei nuovi formati sono già state aggirate ;-)

Il che rende ancora più ridicola tutta la manfrina alla quale deve soggiacere l'utente onesto.
>O non ho capito io?
Matz

Sistemato, grazie!
Matz, mi sembra chiaro che si è trattato di un refuso... non sono il difensore d'uffico di Paolo (che non ne ha bisogno, del resto), ma mi piacerebbe leggere commenti sui contenuti dell'articolo, e non polemiche insensate su un palese errore.
Piuttosto, devo dire - da incompetente in materia - che ho trovato l'articolo molto interessante, ed anche grazie ad alcuni commenti e relativi link sarò in grado di prendere una decisione "a ragion veduta".
Quindi, grazie a Paolo!
Piero
andrea guida ha detto...

>Il Mac è leggermente più caro

leggermente?! Questa estate ho comprato il portatile nuovo e avevo fatto il pensierino di prendere un Mac, ma, con i soldi che costava, potevo prenderci un PC portatile con il quadruplo della potenza in più (cosa che poi ho ovviamente fatto).

Guarda è una battaglia persa. Non riuscirai mai a far cambiar idea alle persone che detestano Windows solo perchè marchiato Microsoft. Senza contare che le alternative sono, come hai giustamente detto tu, passare al Mac e pagare un pc il triplo degli altri, o passare a Linux, il che vuol dire impegnare i prossimi 3 mesi per imparare ad usare la shell. No Grazie!
Senza considerare che anche il signor Apple per vendermi il suo Mac OS X mi vuole scucire la bella cifra di 199 €.
Scusa, Andrea, ma mi sembra di notare una certa mancanza di conoscenza dell'ambiente Mac.

>>il laptop dal quale scrivo -- ibook 12" -- va giorno e notte da quasi tre anni
>beh se l'hardware è buono cosa c'entra il sistema operativo?!

Veramente, con i Mac quando compri l'uno prendi anche l'altro, non funzionano separati.

>>Spotlight è un godimento. Certo si può avere anche in XP, e c'è anche in Vista, ma perché perdere tempo ad aggiungere quello che puoi avere già installato e integrato nell'OS?
>e capirai... fare doppio click per installare un programmino di 4,45MB come Windows Desktop Search che faticata!

Il discorso è che comunque vi sono solo delle complicazioni in più.
Questa è leggera, altre lo sono meno.

>>In attesa della prossima falla
>Le falle le hanno tutti i programmi, e lo sai bene... Mac e Linux non fanno certamente eccezione: hanno meno falle semplicemente perchè non hanno "nemici" di sorta e sono diffusi in maniera infinitamente minore rispetto a Windows.

Intanto non si parla di programmi, ma di SO, e quelle di MacOSX sono infinitamente minori di qualsiasi Windows.
Forse ti confondi anche con i virus, ma anche la storia che i Mac siano meno appetibili da parte dei produttori di malware è ampiamente superata. Primo, perché violare un Mac è invece un'operazione che darebbe fama e successo. Secondo, perché il numero inferiore di nemici dipende dal fatto che nessun hacker (o quello che è) ci tiene a perdere del tempo per niente contro un Mac, quando dall'altra parte ha un lavoro facilissimo...
Infine, potrei anche dire che non mi importa un fico secco delle motivazioni: il fatto stesso che per Mac non ci siano virus, mi basta e avanza.

>>Il Mac è leggermente più caro
>leggermente?! Questa estate ho comprato il portatile nuovo e avevo fatto il pensierino di prendere un Mac, ma, con i soldi che costava, potevo prenderci un PC portatile con il quadruplo della potenza in più (cosa che poi ho ovviamente fatto).

A parte che un portatile così più potente del mio MacBook Pro semplicemente non esiste, il paragone andrebbe fatto con computer che funzionano davvero, non con quelli presi al supermercato.
Tutte le volte che è stato fatto un confronto realistico e serio, si è verificato che la differenza di prezzo non è così grande come si vuol far credere.
Ops, ci siamo sovrapposti io e Paolo...
Ma non contraddetti! :-)
x Andrea Guida: ciò che forse non sai, e che sanno in pochetti, è che il buon Attivissimo non è l'esperto che tutti credono. Ha scritto dei libri non certo per esperti (li ho letti tutti) e nei quali non è che sia emersa chissà quale esperienza, traduce testi dall'inglese (e per carità, qualcosa per induzione gli sarà pure entrato), e sia è specializzata in caccia dibufale e sicurezza informatica. Sulla sicurezza informatica, per altro, più che dimostrare conoscenza, dimostra capacità nel trovare notizie in rete, riportando puntualmente le prove altrui. Conosco diverse persone che hanno avuto a che fare col buon Attivissimo, denotando solo una discreta favella. Io stesso presenziai a una coferenza dove se ne uscì con le ossa piuttosto rotte (virtualmente parlando) dopo un dibattito nel quale seppe ribttere (mi si scusi il gioco di parole) ben poco. Ora, è chiaro che questa persona qualche difficoltà a convivere ocn Windows ce l'abbia, e qui non voglio certo entrare nella diatriba Linux-Windows. Slo, dico che Paolo non è esattamente una garanzia in fatto di attendibilità, quando a Punto Informatico è ben nota la sua avversione verso i prodotti Microsoft.
Lieto di aver fatto un po' di chiarezza.
Allora Paolo, prima si critica tanto Windows perchè include certe funzionalità nel SO e "turba" il mercato. Poi lo si critica perchè non ne include abbastanza e bisogna scaricare quelle di terze parti.

Prima dici che meglio tenersi XP, che, in fine dei conti, non cambia molto. Poi nei commenti dici che di XP non è buono perchè bisogna installare firewall, desktop search, etc (che in Vista sono appunto integrati).

Quando si parla di Windows consideri come "denaro" il tempo di manutenzione. Quando partli invece di migrazione ad altri sistemi immediatamente il tempo diventa gratis, come gratis diventa il rischio (e non dirmi che non c'è rischio).

Speravo più obiettività.
>Non riuscirai mai a far cambiar idea alle persone che detestano Windows solo perchè marchiato Microsoft.

Queste persone esistono, non dico di no.
Però in questa sede sono state fatte delle obiezioni precise e non preconcette, quindi il minimo della cortesia sarebbe quello di confutarle (ammesso sia possibile) come ha provato a fare Andrea (anche se secondo me sbagliando) e non di trincerarsi dietro una scusa di comodo.
Anche perché allo stesso modo io allora potrei dire che chi difende Windows lo fa solo perché in realtà ha mai provato delle alternative.
Guarda che la maggoranza degli utenti Mac e Linux una volta usava Windows, e se ora si trova meglio un motivo (o più motivi) ci sarà...
@piero

non facevo mica polemica, credo che faccia piacere a paolo che gli vengano segnalati i refusi nei suoi articoli, e segnalarglielo via blog mi è sembrato più veloce di mandargli una mail.

matz
[quote]Dell consiglia almeno 2 GB.
[/quote]

ho provato con 1 GB VIsta, e funziona come XP con 512 MB. Certo, con 2 GB va meglio, ma ti assicuro che se non giochi, o non usi Photoshop o Indesign al limite, 1 GB basta e avanza. In ogni caso, 1 GB di RAM in più lo porti a casa con poche decine di euro.

[quote]
Per me 100 euro o giù di lì non sono noccioline, specialmente se il beneficio pratico è pressoché nullo.
[/quote]

100 euro per una scheda video è niente. Sarà che sono un videogiocatore, e una scheda al di sotto dei 200 euro per me è solo spazzatura ^___^.

[quote]
E' esattamente questo il concetto. Spendi, spendi, spendi. Mi sta benissimo spendere in cambio di un risultato: ma questa mi sembra una spesa senza alcun vero beneficio. Nulla che non ho già oggi e da un paio d'anni sul mio Mac.
[/quote]

Come non hai niente? Se riesci a gestire un film in Full HD con FFDShow (che non so se esiste su Mac, ma su PC è fondamentale per l'HTPC), fammelo sapere ^___^.
Forse a te non interessa (l'home theater serio, così come la corretta riproduzione audio, non sono passioni diffuse, lo ammetto), ma i vantaggi ci sono eccome. Possiamo dire che sono visibili solo agli smanettoni e a coloro che sanno distinguere da un codec di qualità e uno standard, ma non che ci sono. Possiamo dire che l'uomo medio si accontenta dell'MP3 e lo considera pari al CD, ma non sono verità: l'appassionato nota al volo le differenze, al contrario dell'utente occasionale.


[quote]
Attenzione, qui c'è un equivoco di fondo. Il DRM è una _tecnologia_, non una legge. Non c'è alcuna legge, che io sappia, che mi vieta di rippare un Blu-Ray che ho comperato e guardarmelo sull'hardware che voglio io e non su quello deciso da qualche magnate di Hollywood.
[/quote]

Come no? Leggiti le leggi americane o italiane: qualsiasi strumento che aggiri la protezione è illegale. Quindi, non ti puoi rippare legalmente un HD-DVD se non includi la protezione. Se la includi, devi avere monitor e scheda HDCP. Se mi dici che è folle, sono il primo a seguirti, se mi dici che non esistono leggi a riguardo, devo dissentire.


[quote]
E' il concetto alla base del DeCSS di DVDJon, confermato dalla relativa sentenza di tribunale.
[quote]

A mio avviso è una questione ben più complessa. DVDJon non era colpevole per aver realizzato il codice, ma chi lo distribuiva, anche solo sottoforma di link, ha dovuto litigare non poco, e poi rimuovere il tutto. Chiedilo a Goldstein di 2600.com :-)


[quote]
e sono stati i produttori di HW codardi a cedere. Ora se ne pentono (vedi caso Apple iPod e richiesta dei produttori di HW concorrenti di togliere il DRM).

Santo cielo, Microsoft è un colosso, eppure si fa comandare da Hollywood? Confrontiamo i fatturati dell'industria dell'HW con quelli dell'industria del cinema. Siamo nella situazione assurda che la coda dice al cane quando scodinzolare.

[/quote]

Se tu fossi un produttore di hardware, ti metteresti contro le major? Lo ha fatto TiVo, ma ultimamente come vedi perde sempre più colpi: MS ha così tante cause (e non da poco) da affrontare che non gli conviene andare contro le major. ANche perché le leggi, purtroppo, danno ragione ai produttori di contenuti. Sono d'accordo con te: è una situazione che DEVE cambiare, perché è ridicola, inefficiente e prende per i fondelli l'utente, quello che paga per gli originali. Ma la legge è sempre una legge. E, soprattutto, se vogliamo che si diffonda il digital delivery, bisogna accettare le DRM. Basta trovare un giusto compromesso fra fastidio e libertà di utilizzo: Steam, il servizio DD di Valve, ha centrato in pieno l'obiettivo. Le major, semplicemente, hanno ancora molto da imparare da chi produce videogiochi e la rete la sfrutta da una vita ^_^

[quote]
Il che rende ancora più ridicola tutta la manfrina alla quale deve soggiacere l'utente onesto.
[quote]

No, a mio avviso dimostra solo che le major, che pagano più i legali degli ingegneri, non hanno capito una mazza di come realizzare una DRM che sia sicura per loro e comoda per gli utenti. Non credo che le DRM siano un male, anzi, credo solo che l'attuale implementazione faccia pietà.

Pape
[quote]A parte che un portatile così più potente del mio MacBook Pro semplicemente non esiste,
[/quote]

Mai sentito parlare di DPC o Alienware? A 1200 euro il Mac è la migliore scelta che puoi fare, come notebook, ma se vuoi la potenza pura, non c'è paragone con un ottimo portatile da PC. Poi, sono il primo a dire che per l'utilizzo comune (testi, posta, Internet e semplici fotoritocchi, per non parlare della durata della batteria) il Mac è senza dubbio la soluzione migliore. Quando si va a parlare di potenza bruta, però il PC è avanti, anche se il costo non è certo né accessibile né ragionevole.

[quote]
Tutte le volte che è stato fatto un confronto realistico e serio, si è verificato che la differenza di prezzo non è così grande come si vuol far credere.
[/quote]

Verissimo. Ma dipende dagli utilizzi. Se vuoi giocare (e chi compra un PC potente lo fa per quello), non puoi puntare a un mac.
Ribadisco: adoro il mac, come anche il PC, ma sono filosofie diverse, e tutto dipende dall'utilizzo che fai.
Se io non dovessi giocare col PC, e potessi accontentarmi di macchine poco espandibili col tempo, sceglierei sicuramente Apple. Ma io gioco, e ho bisogno di aggiornare costantemente la macchina, e non ho alternativa.

Pape
Per Anonimo:

il costo di una licenza di Tiger è 129€ come si può vedere anche nel sito della Apple.
Quella da 199€ è la Family Pack con tre licenze, sfido ad avere lo stesso da Windows
>Allora Paolo, prima si critica tanto Windows perchè...

Qui non si è fatto altro che giocare con le parole e mischiare situazioni diverse. E' una critica che quindi non ha valore.

A chi invece di ribattere i punti in questione preferisce diffamare chi li pronuncia (il che già smonta tutto il suo discorso) chiedo perché mai, quando uno prova Windows, Linux e Mac e alla fine trova che Win sia il peggiore dichiarando che con questo SO non si trova bene, diventi automaticamente inattendibile...
ops,chiedo scusa per il refuso, la Family Pack è di 5 licenze
>x Andrea Guida: ciò che forse non sai, e che sanno in pochetti, è che il buon Attivissimo non è l'esperto che tutti credono.

Mai detto di esserlo. Non mi qualifico mai come "esperto", e correggo chi lo fa.

>Sulla sicurezza informatica, per altro, più che dimostrare conoscenza, dimostra capacità nel trovare notizie in rete, riportando puntualmente le prove altrui.

Concordo. Piuttosto che atteggiarmi a sapientone e far finta che sia farina del mio sacco, preferisco indicare le fonti autorevoli sulle quali si basano le mie ricerche.

>Io stesso presenziai a una coferenza dove se ne uscì con le ossa piuttosto rotte (virtualmente parlando) dopo un dibattito nel quale seppe ribttere (mi si scusi il gioco di parole) ben poco.

Quale? M'incuriosisci.

>dico che Paolo non è esattamente una garanzia in fatto di attendibilità,

Giusto. Per questo indico le fonti. Non credo negli ipse dixit, ma nella ricerca diligente.

>Punto Informatico è ben nota la sua avversione verso i prodotti Microsoft.

E che dire allora della BBC? Anche loro anti-Microsoft? Dai un'occhiata agli articoli che stanno in prima pagina oggi. Secondo te, perché il sondaggio della BBC indica oltre il 70% di non desiderosi di installare Vista? Tutti sobillati da Steve Jobs o Linus Torvalds?

Ho l'impressione che si voglia giocare a screditare chi porta informazioni sgradite ai direttori delle vendite (hardware e software) in un giorno dove persino la Gazzetta dello Sport ha messo Vista in prima pagina e i giornali mainstream dispensano soltanto lodi.

>Lieto di aver fatto un po' di chiarezza.

Questa, senza offesa, non è chiarezza: è lanciare un sasso anonimo e ritrarre la mano.

Criticami pure: non m'offendo. Sarà molto più difficile criticare i fatti che ho portato a supporto di quanto ho scritto.



>Allora Paolo, prima si critica tanto Windows perchè include certe funzionalità nel SO e "turba" il mercato. Poi lo si critica perchè non ne include abbastanza e bisogna scaricare quelle di terze parti.

Infatti non sono d'accordo con questa critica dell'UE, ma è una storia lunga.

>Prima dici che meglio tenersi XP, che, in fine dei conti, non cambia molto. Poi nei commenti dici che di XP non è buono perchè bisogna installare firewall, desktop search, etc (che in Vista sono appunto integrati).

Mi spiego meglio: se devi restare con Windows per qualsiasi ragione, allora meglio XP che Vista; ma se puoi abbandonare Windows, meglio abbandonarlo.

>Quando si parla di Windows consideri come "denaro" il tempo di manutenzione. Quando partli invece di migrazione ad altri sistemi immediatamente il tempo diventa gratis, come gratis diventa il rischio (e non dirmi che non c'è rischio).

Ti parlo come uno per il quale il tempo è dannatamente denaro e che ha fatto la migrazione al Mac. Mi è costato inizialmente, ma si è ripagato.

Chiedi al Comune di Milano quanto è costata la loro monocultura Microsoft con il virus Kamasutra. Chiedi quanto spendono in licenze Microsoft: 300.000 euro l'anno.

Il rischio non c'è soltanto nella migrazione; c'è anche nello status quo.



Pape:

>ho provato con 1 GB VIsta, e funziona come XP con 512 MB. Certo, con 2 GB va meglio, ma ti assicuro che se non giochi, o non usi Photoshop o Indesign al limite, 1 GB basta e avanza. In ogni caso, 1 GB di RAM in più lo porti a casa con poche decine di euro.

Ammesso di averne già 1 e di saper fare un upgrade. Nel laptop la vedo dura. In cambio di quali vantaggi?

>Sarà che sono un videogiocatore, e una scheda al di sotto dei 200 euro per me è solo spazzatura ^___^.

Mi arrendo. Sei uno sporco capitalista :-)

Credo che molta gente non sia nelle tue felici condizioni.

>Se riesci a gestire un film in Full HD con FFDShow (che non so se esiste su Mac, ma su PC è fondamentale per l'HTPC), fammelo sapere ^___^.

Ci proverò, ma tieni presente che uso il computer per lavorare, non per vedere l'HDTV, e come me credo siano in molti. Devo dire che ieri stavo guardando un rip da HDTV
con VLC sul Mac Mini e andava molto bene, ma non so se il paragone regge pienamente.

>Forse a te non interessa (l'home theater serio, così come la corretta riproduzione audio, non sono passioni diffuse, lo ammetto), ma i vantaggi ci sono eccome.

Mi interessano, ma preferisco fruirne tramite sistemi dedicati piuttosto che un PC.

>Come no? Leggiti le leggi americane o italiane: qualsiasi strumento che aggiri la protezione è illegale.

Chiediti perché abito in Svizzera :-)

>Se tu fossi un produttore di hardware, ti metteresti contro le major?

Si', e col coltello fra i denti.

>ANche perché le leggi, purtroppo, danno ragione ai produttori di contenuti.

Soltanto finché le lobby sono finanziate dai media, l'industria dell'HW acconsente, e il pubblico sopporta.

>Ma la legge è sempre una legge.

La legge si può cambiare.

> E, soprattutto, se vogliamo che si diffonda il digital delivery, bisogna accettare le DRM.

Sono atteggiamenti come questi che favoriscono la diffusione del DRM più invadente (penso a Zune, che protegge col suo DRM anche le canzoni free!). Chi ha detto che bisogna?

Tutto il lavoro Creative Commons non va liquidato così. Ci sono tanti artisti (ne ho citati anche in questo blog) che distribuiscono senza DRM e vivono benissimo.

Il DRM è un cancro. Infetta permanentemente i media anche dopo che sono scaduti i già lunghissimi diritti d'autore. E' moralmente inaccettabile che non saremo in grado di tramandare ai nostri figli i film che guardavamo e la musica che ascoltavamo.
"Prima di tutto, non credo che l'hardware per fare girare il nuovo OS di MS sia così esoso: 1 GB di RAM e una CPU a 3 GHz sono il minimo per far girare decentemente qualsiasi cosa, anche su XP. Una scheda video compatibile con Aero, la trovi a meno di 100 euro. Certo, se vuoi videogiocare la questione è diversa (ma lo è anche su XP), ma per l'uso comune, un PC al di sotto dei 1000 euro basta e avanza."

Caspita, la tua percezione del valore del denaro è totalmente differente dalla mia!
Un pc da 1000 euro per me non va etichettato con un "basta e avanza", bensì con un "ad avecceli 1000 euro pe' compra' un pc!!! Grasso che cola se il mio l'ho pagato 600 euro - 3 anni fa - e mi durerà ALMENO un altro paio d'anni!"

Beato te...

Luca
> "Paolo Attivissimo ha detto...

Preso singolarmente no, ma facciamo un elenchino:
-- firewall (per rimpiazzare quello di XP che fa ridere)
-- antivirus
-- antispyware
-- antirootkit

Tutti da aggiornare periodicamente, con conseguente spreco di tempo. E magari anche un bel reboot che ti obbliga a chiudere la sessione di lavoro e poi ricostruirla."

Mi sa che ci sono alcune cose che non hai capito...il firewall integrato è più che sufficente per un utenza home. Io suo il firewall di xp e in tutti i test d'intrusione fatti sui vari siti specializzati, il firewall di XP riesce a resistere degnamente.

Antivirus, antispyware e, non dimentichiamo, sistema operativo si aggiornano in maiera completamente automatica ed invisibile. Quindi non capisco dove stia lo spreco di tempo.

Discorso a parte va fatto sugli antirootkit. I rootkit esistono anche per i sistemi unix (infatti i primi rootkit sono nati su unix per avere accesso alla root), quindi non puoi dire che su Windows c'è anche questo problema, visto che riguarda anche atri OS.
Caro Pape, i computer laptop che mi proponi in alternativa al mio MacBook Pro non difettano certo per potenza (anzi!) ma comunque - ricorda che io faccio riferimento al discorso iniziato da Andrea - non ne ho trovato alcuno che lo sia 4 volte tanto. Ma nemmeno il doppio... E soprattutto, non certo a parità di prezzo, come tu stesso precisi, del resto.
Sono d'accordo che, per valutare bene i prezzi e le prestazioni, occorra considerare approfonditamente la situazione e l'utilizzo. Probabilmente per giocatori hard i PC tradizionali saranno migliori, ma nel mio ambiente di lavoro (editoria) non c'è paragone in senso opposto.
Una curiosità: per l'impiego che fai tu con i giochi (posto che non credo ti riferisca a dei portatili) i Mac Pro Quad Core sono proprio così scarsi? Non possono montare anche loro tutte le schede che ti servono?
Io semplicemente da 4 anni uso il mac e mi piace. Tutti gli altri discorsi che avete fatto non so proprio cosa significhino.
"Ammesso di averne già 1 e di saper fare un upgrade. Nel laptop la vedo dura. In cambio di quali vantaggi?"

Hai ragione. Nel laptop non serve. Ma infatti, perché aggiornare se non si sente la necessità? Ovvio, il marketing ti spinge a farlo, ma ognuno valuta le sue necessità. Di Vista mi interessano le funzioni di Media Center, DirectX 10 e la gestione del DRM, principalmente. Se non ti interessa questo, ovviamente XP (o MacOS, o Linux) può ancora andare bene a lungo.

[quote]
Mi arrendo. Sei uno sporco capitalista :-)
[/quote]

Semplice deformazione professionale, oltre che forte passione ^___^. E il PC, rispetto ad altre passioni come per esempio l'Hi-Fi, è ancora economico :-)

[quote]
Credo che molta gente non sia nelle tue felici condizioni.
[/quote]

Ma infatti il passaggio a Vista impone certe condizioni ed esigenze. Molti lo ritengono un passaggio obbligato, io lo ritengo tale solo in certi casi, che sicuramente non sono la maggioranza.


[quote]
Ci proverò, ma tieni presente che uso il computer per lavorare, non per vedere l'HDTV, e come me credo siano in molti. Devo dire che ieri stavo guardando un rip da HDTV
con VLC sul Mac Mini e andava molto bene, ma non so se il paragone regge pienamente.
[/quote]

è proprio questo il punto, Paolo. Hai bisogno di un HTPC potente, flessibile e non troppo complesso da usare? Vista è un ottimo OS per farlo, così come è ottimo per i giochi, visto che supporta DX10. NOn te ne frega niente di HDTV e videogiochi? E perché passare a Vista, allora? Vanno bene anche altri OS, non necessariamente di MIcrosoft.

[quote]
Mi interessano, ma preferisco fruirne tramite sistemi dedicati piuttosto che un PC.
[/quote]

Sicuro. Ma quanto ti costa un lettore DVD di fascia medio/alta, con un ottimo chip di scaling e deinterlacing? Troppo, per me, ma con un PC opportunamente configurato, mi posso avvicinare a tali prestazioni, risparmiando parecchio. Anche per i videogiochi ci sono le console (che adoro), ma alcuni titoli sono fruiibili solo sul PC. Ribadisco: è una mia particolare esigenza ^___^


[quote]
Chiediti perché abito in Svizzera :-)
[/quote]

Fortunello ^___^

[quote]
Si', e col coltello fra i denti.
[/quote]
CHissà che direbbe il tuo CDA ^__^

[quote]
Soltanto finché le lobby sono finanziate dai media, l'industria dell'HW acconsente, e il pubblico sopporta.
[/quote]

Beh, accettare come va il mondo non vuol dire essere d'accordo ^_^. Hai ragione: se fosse diverso sarebbe meglio, ma io purtroppo non ci posso fare nulla.

[quote]
La legge si può cambiare.
[/quote]

Vorrei tanto: ma la gente deve capire. E oltre a noi, dovrebbero parlarne più diffusamente i media "importanti". Gli appassionati come noi possono distinguere, chi usa il PC solo per necessità, non sempre ha la voglia di capire. Così come per le auto, le moto, la musica e via dicendo ^_^


[quote]
Sono atteggiamenti come questi che favoriscono la diffusione del DRM più invadente (penso a Zune, che protegge col suo DRM anche le canzoni free!). Chi ha detto che bisogna?
[/quote]

Chi ha detto che le DRM devono essere invadenti? Prova Steam: credimi, funziona, è trasparente.... è splendido


[quote]
Il DRM è un cancro. Infetta permanentemente i media anche dopo che sono scaduti i già lunghissimi diritti d'autore. E' moralmente inaccettabile che non saremo in grado di tramandare ai nostri figli i film che guardavamo e la musica che ascoltavamo.
[/quote]

è immorale che non possiamo tramandare, sicuro. Ma perché le DRM devono essere così invasive? L?implementazione attuale lo è, hai ragione, e la critico io stesso, ma perché puntare a eliminarle e non a migliorarle, a renderle trasparenti per l'utente e sicure per chi detiene i diritti?
Creative Commons è una figata, ma non è per tutti i business.

Pape
>Mi sa che ci sono alcune cose che non hai capito...il firewall integrato è più che sufficente per un utenza home.

In tal caso, come mai così tanti utenti Windows fanno parte di botnet? Se il loro firewall bloccasse anche il traffico uscente, oltre che quello in entrata, i bot avrebbero un ostacolo in più.

>Antivirus, antispyware e, non dimentichiamo, sistema operativo si aggiornano in maiera completamente automatica ed invisibile. Quindi non capisco dove stia lo spreco di tempo.

Uhm... il PC Win che ho rinchiuso in cantina non la pensa così, con tutti i fumetti "clicca per aggiornare questo e quello, poi fai reboot". Sto _lavorando_ dannazione, ho mille finestre aperte, non voglio fare reboot :-)

Per non parlare di quando mi fa un bel freeze perché ha deciso che in quel momento non gli piace la tastiera USB e allora ci vogliono quattro-cinque reboot prima che si convinca. Ok, magari è un problema hardware. Ma quando faccio boot sotto Linux sullo stesso PC non me lo fa mai.

Lo sopporto soltanto perché ho il software di riconoscimento voce soltanto per Windows.

>I rootkit esistono anche per i sistemi unix (infatti i primi rootkit sono nati su unix per avere accesso alla root), quindi non puoi dire che su Windows c'è anche questo problema, visto che riguarda anche atri OS.

Non posso dire che il problema rootkit esiste _solo_ su Windows, e infatti non l'ho detto. Ma quanti rootkit conosci per Mac OS X? Quanti ce ne sono "in the wild"? E quanti invece per Windows? Ci risiamo. A prescindere dai motivi, resta il fatto che con Windows l'antirootkit è necessario; con gli altri OS no (ma male non fa).

I miei tre Mac sono esposti alla rete 24h/24. Uno fa anche da server. Mai successo nulla. E sì che ne frequento, di siti malfamati :-)
> Paolo Attivissimo ha detto...

In tal caso, come mai così tanti utenti Windows fanno parte di botnet? Se il loro firewall bloccasse anche il traffico uscente, oltre che quello in entrata, i bot avrebbero un ostacolo in più.

Sicuramente perchè non hanno adottato le più elementari regole di vita.


> Uhm... il PC Win che ho rinchiuso in cantina non la pensa così, con tutti i fumetti "clicca per aggiornare questo e quello, poi fai reboot". Sto _lavorando_ dannazione, ho mille finestre aperte, non voglio fare reboot :-)

Strano..il mio non ha nessun fumetto! Si auto-aggiorna e basta.

> Non posso dire che il problema rootkit esiste _solo_ su Windows, e infatti non l'ho detto. Ma quanti rootkit conosci per Mac OS X? Quanti ce ne sono "in the wild"? E quanti invece per Windows? Ci risiamo. A prescindere dai motivi, resta il fatto che con Windows l'antirootkit è necessario; con gli altri OS no (ma male non fa).

Per Unix ne trovi più di quelli che pensi.


> I miei tre Mac sono esposti alla rete 24h/24. Uno fa anche da server. Mai successo nulla. E sì che ne frequento, di siti malfamati :-)

Anche i miei due xp, con win firewall e antivirus, sono accesi tutte quelle ore e ad essere sincero non ho mai avuto problemi di virus e simili, negli ultimi 3/4 anni.

Ps. i siti malfamati li frequento anche io.. ;-)
Dunque, per prima cosa vorrei dire che non condivido le critiche a Paolo di cui apprezzo l'impegno di divulgatore informatico che purtroppo, nel nostro paese in pochi fanno (oserei facciamo viso che ho anche io un blog in tema! :-P ).
Per quanto riguarda gli anti-microsoft a prescindere, purtroppo ne esistono a bizzeffe ma mi sento di dire che Paolo non fa parte di questi ultimi.
Per la faccenda Mac hw e sw, lo so che sono una cosa ma, se un computer non si "scassa" non è certo merito del OS ma dei componenti hw che sono di buona qualità.
Per i prezzi la mia opinione non cambia...
Paolo: naturalmente ognuno ha il diritto naturale e fondamentale di avere le sue preferenze in fatto di sistemi operativi, e inoltre questo tuo è un blog, non una rubrica giornalistico/informatica, e quindi non sei tenuto all'obiettività asettica, ma puoi esprimere giudizi anche soggettivi, antipatie ecc....

Però ritengo che i tuoi attacchi regolari e sistematici a Windows, il tono fra il superiore e l'ironico nei suoi confronti, l'irrisione beffarda e soddisfatta quando escono vulnerabilità o si constatano problemi sia poi tanto rispettoso nei confronti dei milioni di utenti Windows.

Secondo te sono tutti sciocchi e sprovveduti scialacquoni che buttano via il loro denaro e tempo comprando Windows, tutti degli irriducibil e inguaribili sadomasochisti che si ostinano a farsi del male usando Windows e nemmeno se ne accorgono, in pratica degli Epsilon Minus di Huxley.....?!

Non pensi che magari almeno qualcuno di chi sceglie Windows lo fa perchè in termini di costi/ benefici lo trova la scelta migliore, perchè per lui è divertente, gli è simpatico come sistema operativo, gli PIACE addirittura ( scusa la parolaccia riferita a Windows :-) ).

E a prescindere da questo non pensi che toni e profili meno sarcastici e irrisori, magari un pò di understatement, nei confronti di chi usa Windows sarebbero più rispettosi ?
Ciao.
>> In tal caso, come mai così tanti utenti Windows fanno parte di botnet? Se il loro firewall bloccasse anche il traffico uscente, oltre che quello in entrata, i bot avrebbero un ostacolo in più.

> Sicuramente perchè non hanno adottato le più elementari regole di vita.

Si ma il concetto è sempre quello: la differenza fra utEnte e utOntO.

Ma se volessi migrare a linux, quale sarebbe il migliore (tra prezzo, user-friendly &co)?
Inoltre potrei farlo con la stessa identica macchina o devo fare come il mac che non posso metterlo su pc ma solo su Mac?

(si vede che non so una mazza?)

>Però ritengo che i tuoi attacchi regolari e sistematici a Windows, il tono fra il superiore e l'ironico nei suoi confronti, l'irrisione beffarda e soddisfatta quando escono vulnerabilità o si constatano problemi non sia poi tanto rispettoso nei confronti dei milioni di utenti Windows.

Bof...non penso che chi usa windows si possa offendere: semplicemente, constata che con chi lavora SEMPRE sul pc ha un'idea (ovvero windows=casino).
>E a prescindere da questo non pensi che toni e profili meno sarcastici e irrisori, magari un pò di understatement, nei confronti di chi usa Windows sarebbero più rispettosi ?

A me fa ridere, invece...almeno un pò d'ironia, in rete, su questi argomenti, non è semplice da trovare!

L'utOntO carlo
Grazie Carlo, con il tuo post e con le tue simpatiche etichettature fra utenti e utonti ( ma che originale ! non l'avevo mai sentita... ) confermi da parte tua e per quello che riguarda te quello che ho scritto nel mio post precedente. Chissà se gli utenti ( sì, io li penso come utenti, ) di Mac e Linux hanno lo stesso senso dello humour quando si fa un pò di satira sui loro sistemi. Di solito scatenano la guerra santa e la caccia all'uomo .....
> Carlo ha detto...
>> In tal caso, come mai così tanti utenti Windows fanno parte di botnet? Se il loro firewall bloccasse anche il traffico uscente, oltre che quello in entrata, i bot avrebbero un ostacolo in più.

> Sicuramente perchè non hanno adottato le più elementari regole di vita.

Si ma il concetto è sempre quello: la differenza fra utEnte e utOntO.



Scusa se ti sveglio dal tuo sogno, ma l'utunto e l'utente esistono su entrambi i sistemi opreativi.
Mah, fra i miei amici col Mac girano i filmati "Get a Mac" anche in versione "rivista e scorretta" pro PC, quindi non mi pare manchino di autoironia.
Sul fatto che QUALCUNO abbia scelto Windows con consapevolezza, valutando i pro e i contro, etc etc, sono perfettamente d'accordo. Ho ALCUNI amici che sono pienamente soddisfatti del loro PC e di Windows. Però loro sono degli smanettoni e poco meno che programmatori, oltre ad avere PC di un certo costo.
Se adesso spostassimo il discorso sulla MASSA degli utenti PC, siamo davvero sicuri che si possa parlare di scelta consapevole, di utilizzo accorto del computer, di rispetto delle più comuni regole di sicurezza? E non piuttosto di acquisto effettuato sull'onda degli sconti agli ipermercati, su consiglio dell'amico sadico che fa vedere solo una parte della frittata, nell'assoluta ignoranza dell'esistenza di sistemi alternativi? Altrimenti, di grazia, mi spiegate perché i virus si diffondono sempre a macchia d'olio ogni volta ne compare uno nuovo? (ma anche quelli vecchi, ora che ci penso...)
Questo, beninteso, non mi pare significhi insultare nessuno.
ciao.
non litigate. è solo silicio...

a chi piace usare osx usi osx (io uso osx)
a chi piace usare winblows usi winblows (giochini?... beato chi ha il tempo per loro. si vede che è parecchio giovane).

poi, se con il computer uno ci lavora... è tutto un altro paio di maniche...

io non ci riuscirei a lavorare con winblows (per quello che faccio con il computer). se magari fossi uno sviluppatore .NET (...) non potrei farne tanto a meno (mono?)

comunque. bella sega i drm... bella sega l'ipod (poveri bambini viziati...). bello schifo la musica che puoi comprare su itunes e compagnia bella.

per fortuna che nessuno mai sarà in condizione di costringere un utente intelligente a fare delle mosse stupide...
>Scusa se ti sveglio dal tuo sogno, ma l'utunto e l'utente esistono su entrambi i sistemi opreativi.

Se non ti sei ancora accorto che:
1 - vero, ma le percentuali sono ben diverse;
2 - e comunque con un sistema (indovina quale) non fanno danni, ma con quell'altro sì;
3 - non sta scritto da nessuna parte che solo i mezzi-programmatori hanno il diritto di usare un computer;
4 - uno dei punti di forza del Mac è proprio quello di non richiedere nozioni di informatica né di saper operare su firewall e compagnia bella...
...beh, forse sei tu quello che si deve svegliare.
E non offenderti, perché tu hai cominciato.
Secondo me oggi, Paolo, hai superato se stesso nell'esporre le sue idee e battere puntualmente alcune obiezioni di altri commentatori.
Sottoscrivo in pieno la frase "Il DRM è un cancro. Infetta permanentemente i media anche dopo che sono scaduti i già lunghissimi diritti d’autore. E’ moralmente inaccettabile che non saremo in grado di tramandare ai nostri figli i film che guardavamo e la musica che ascoltavamo."
Mi sembrava doveroso raccogliere le migliori nel mio blog. E' un post scopiazzato dal tuo, quindi non c'è bisogno che ci vai ;-)
ma xkè invece di fare tutte queste polemike ogniuno nn si tiene l' OS ke preferisce e poi sbattera' la testa nel muro o ridera' di gusto x le sue scelte?...
Non credo che si possa parlare di " assoluta ignoranza di sistemi alternativi ": credo piuttosto che Linux nn lo sia poi tanto, alternativo, nn dico sul piano tecnico ma su quello del mercato. Mercato significa domanda e offerta: nn solo sul piano del costo/prezzo, ma anche su quello dei desideri, delle esigenze, di ciò che la gente vuole, sceglie, usa. E su questo piano mi pare che i termini del confronto siano più che chiari :-) !!
Virus e bug per Mac poi ne stanno uscendo, mi sembra.....
Il problema è un altro: perchè, ma perchè ( ?? ) chi usa Mac o Linux ha l'esigenza irrefrenabile di criticare chi usa Windows ? Complesso di superiorità, ( ah sì, dimenticavo, siamo Epsilon Minus ) vanità, conflitti non risolti... che cosa ?! :-)
>Però ritengo che i tuoi attacchi regolari e sistematici a Windows, il tono fra il superiore e l'ironico nei suoi confronti, l'irrisione beffarda e soddisfatta quando escono vulnerabilità o si constatano problemi sia poi tanto rispettoso nei confronti dei milioni di utenti Windows.

La mia irrisione non è mai diretta verso gli utenti. Gli utenti, quasi sempre, non hanno scelta: sono costretti a usare Windows. Costretti dal capo, dall'assuefazione, dalla mancanza di informazione sulle alternative, dall'uso di formati proprietari, dal fatto di trovarsi Windows preinstallato su praticamente tutti i computer in vendita, dalla pressione sociale di fare quello che fanno tutti gli altri.

Hai idea di quanta gente non sa neppure che esistono sistemi operativi alternativi a Windows?

Secondo te, la Gazzetta dello Sport scomoda la prima pagina (la prima pagina!) quando esce un nuovo OS Mac o Linux?

Gli utenti sono vittime, e non mi permetterei mai di prenderli in giro. Semmai cerco di aiutarli informandoli.

L'irrisione è rivolta verso le società di software, che hanno budget fantastiliardari eppure sfornano prodotti bacati e si fanno battere da una banda di smanettoni squattrinati che regala il proprio lavoro (Firefox e il tabbed browsing? Openoffice e l'esportazione in PDF che MS Office si è *rifiutata* per anni di fornire di serie?). E non intendo specificamente Microsoft. Vale anche per tutti gli altri. Oggi, nella trasmissione radio, me la sono presa anche con TomTom, che è riuscita a spedire una partita di navigatori infettati da un virus, e ho citato storie analoghe anche con Apple e i suoi iPod.

Più sono grandi, più hanno il dovere di fare le cose per bene, e più noi abbiamo il diritto di prenderli per i fondelli quando non lo fanno.

>Non pensi che magari almeno qualcuno di chi sceglie Windows lo fa perchè in termini di costi/ benefici lo trova la scelta migliore, perchè per lui è divertente, gli è simpatico come sistema operativo, gli PIACE addirittura ( scusa la parolaccia riferita a Windows :-) ).

In termini di costi/benefici ne ho visti pochi. Ne ho visti molti legati dal vendor lock-in (se devi usare Autocad, che fai? Se come me usi Dragon per scrivere, che fai?). Devo ancora, sinceramente, trovare qualcuno che mi dica che Windows gli piace dopo aver visto le alternative. Ma forse frequento le compagnie sbagliate :-)
Krokko ha detto...
>Se non ti sei ancora accorto che:
1 - vero, ma le percentuali sono ben diverse;

Dove le hai viste le %? Io non ne ho parlato!

2 - e comunque con un sistema (indovina quale) non fanno danni, ma con quell'altro sì;


Linux? Io con Ubutnu ho fatto dei casini che con xp non mi sognavo di fare dopo il primo giorno di utilizzo

> 3 - non sta scritto da nessuna parte che solo i mezzi-programmatori hanno il diritto di usare un computer;

Infatti! i mezzi programmatori servono per usare Ubutnu

4 - uno dei punti di forza del Mac è proprio quello di non richiedere nozioni di informatica né di saper operare su firewall e compagnia bella...
...beh, forse sei tu quello che si deve svegliare.
E non offenderti, perché tu hai cominciato.

emh....guarda che il firewall devi usarlo anche con il Mac! Sveglia!
> Paolo Attivissimo ha detto...

Gli utenti sono vittime, e non mi permetterei mai di prenderli in giro. Semmai cerco di aiutarli informandoli.


Dovresti informarli anche quando Apple e Linux hanno falle, invece ti scateni solo quando tutto ciò riguarda Microsoft.

> In termini di costi/benefici ne ho visti pochi.

Costi/benefici? Ma ti rendi conto di quello che scrivi? Un pc "windows" costa la metà di un pc "apple". Più costi/benefici di questo!!!!

> Devo ancora, sinceramente, trovare qualcuno che mi dica che Windows gli piace dopo aver visto le alternative.

Eccolo!!!! L'hai trovato!! contento??
Paolo, non ti ho mai visto cosi agguerrito. e se Microsoft avvesse ragione? Se veramente funzionassero la "piu' avanzata gestione delle reti cablate e wireless", il "potenziato sistema per la condivisione, la sincronizzazione, la protezione e il backup dei dati", ma soprattutto le "nuove e migliorate funzionalità di sicurezza", i "controlli parentali"... bla, bla, bla? Non suonano di "nuovo" queste parole?

No? Microsoft li promette da anni? XP significava eXPerience? E' da prima dell'11 settembre che la Microsoft ha assunto l'impegno di rendere piu' sicuro Windows?

Diamo fiducia... del resto, cosa occorre? 512 miseri MB di RAM...

Per chi crede a Biancaneve e Cappuccetto Rosso, ecco la storia dei "requisiti minimi":
Windows 95: 4MB di RAM
Windows 98: 16MB di RAM
Windows ME: 32MB di RAM
Windows 2000: 64 MB of RAM
Windows XP: 128MB di RAM
Windows Vista: 512MB di RAM

Requisiti che naturalmente servono al solo sistema operativo e aumenteranno di volta in volta ad ogni Service Pack... tra un anno, due anni, tre anni...

Paolo fa male a svegliare gli utenti? Lasciarli in mano ai bottegai, farli raggirare da due piroettamenti di finestrelle? Kikko ha perfettamente ragione, l'utente non sceglie, e' raggirato (a parte l'Anonimo che coraggiosamente ha osato affrontare Ubuntu, che sicuramente ci dira' quali grossi ostacoli ha incontrato).
>Dovresti informarli anche quando Apple e Linux hanno falle, invece ti scateni solo quando tutto ciò riguarda Microsoft.

Ti invito a Googlare il contenuto di questo blog e notare quanto e quando ho parlato anche di queste falle. E' chiaro che le falle di Windows sono di maggiore interesse e quindi vengono segnalate maggiormente, ma non faccio sconti a nessuno. E a volte anche il silenzio conta. Hai forse sentito qualche mio osanna nei confronti di iPhone? Appunto.

>Un pc "windows" costa la metà di un pc "apple". Più costi/benefici di questo!!!!

A parte il fatto che non è vero (controlla i listini di prodotti aventi pari hardware e software), quanto costa un'infezione al computer dell'ufficio?

Come dicevo prima, chiedi al Comune di Milano quanto è costato tenere fermi novemila computer a febbraio 2006 per merito dell'inettitudine delle difese di Windows.

>Eccolo!!!! L'hai trovato!! contento??

Piacere. Sei contento anche di sostenere un monopolio di fatto, che strangola la concorrenza tanto da finire in tribunale all'antitrust USA e di essere ancora in lite con l'antitrust europeo?

Sei contento anche di supportare Trusted Computing, i formati proprietari chiusi di MS Office e il DRM che ti impedisce di fruire dei contenuti audio e video che hai legalmente acquistato?
Ricevo da Michela, con preghiera di pubblicazione, questo commento:

Se ne fossi capace, tecnicamente ed emotivamente, vorrei ora scrivere un commento sul tuo blog riguardo l'uscita di "Vista" per rispondere così all'Anonimo che alle 17,39 ha detto:

>Antivirus, antispyware e, non dimentichiamo, sistema operativo si aggiornano in maiera completamente automatica ed invisibile. Quindi non capisco dove stia lo spreco di tempo.

Io sono un'utente media. Mooolto media, basta pensare che ho il PC a casa solo da sei mesi.
Non uso il PC per lavoro, ma mi piace passare il tempo ad imparare ad usare qualche programma di grafica e di musica.
Tuttavia detesto ogni due o tre giorni dover perdere tempo ad effettuare repulisti con Spybot, AdAware e Nod32, cancellare regolarmente minimo 50 oggetti trovati, nonchè aggiornare questi programmi, in quanto non si aggiornano da soli, come Norton.
Quanto a Norton, è stato aggiornato (automaticamente) al riconoscimento di due dialer ("Generico" e "Passepartout", se ricordo bene) solo tre mesi dopo che questi avevano infestato il mio PC grazie alla "complicità" di Internet Explorer 6.
Nessun problema, grazie al fatto che avevo attiva una ADSL, ma se così non fosse stato...
Ogni giorno, per tre mesi, all'avvio del PC il Passepartout tentava di entrare.

Ti potrà sembrare strano che un'utente media, come mi sono definita, abbia tanta dimestichezza - purtroppo - in fatto di dialer e antispyware, in effetti, questa mia "cultura" la devo - paradossalmente - forse proprio alla Microsoft, anche se volentieri ne avrei fatto a meno, a fronte di investire il mio tempo per imparare a usare un pochettino meglio Gimp o NVU.
Naturalmente ho anche amici eccezionali, che mi hanno saputo ben indirizzare, e grazie ai quali ho conosciuto il tuo sito.

Con affetto
Michela
>Paolo, non ti ho mai visto cosi agguerrito.

La scuola di dialettica della CIA sta dando buon frutti, allora :-)

>e se Microsoft avvesse ragione? Se veramente funzionassero la "piu' avanzata gestione delle reti cablate e wireless", il "potenziato sistema per la condivisione, la sincronizzazione, la protezione e il backup dei dati", ma soprattutto le "nuove e migliorate funzionalità di sicurezza", i "controlli parentali"... bla, bla, bla? Non suonano di "nuovo" queste parole?

Si', in effetti le abbiamo già sentite tante volte e suonano un po' vuote.

E se zio Bill avesse ragione? Ma zio Bill ha ragione. Il suo benchmark è sempre la versione precedente di Windows, per cui è ovvio che quella nuova è nuova (per definizione) e migliorata.

Ne riparliamo tra sei mesi per vedere com'è andata? Ci sono gli exploit già in vendita, c'è già un Service Pack programmato per quest'anno... le premesse sono interessanti.
> Paolo Attivissimo ha detto...
Ricevo da Michela, con preghiera di pubblicazione, questo commento:

Dovresti suggerire alla tua lettrice che il nod32 si aggiorna ASSOLUTAMENTE in modo automatico! Per quanto riguarda l'antispy...suggerisci alla tua lettrice di installare l'antispyware gratuito di Microsoft! Anche quello si aggiorna da solo!
Ma secondo te gli anonimi che parlano di problemi non meglio identificati con Linux, che scrivono 3-4 punti esclamativi, sembrano arrabbiati (opinione personale) e non si capisce perché, e sembrano voler difendere a tutti i costi zio Bill replicando a tutto (anche all'irreplicabile), non sono classificabili (senza offesa) come troll? Se è così, il detto "non dar da mangiare ai troll", in altri casi vitale, crolla davanti alla tua pazienza e puntualità. Grande!
> Paolo Attivissimo ha detto...

> Ti invito a Googlare il contenuto di questo blog e notare quanto e quando ho parlato anche di queste falle. E' chiaro che le falle di Windows sono di maggiore interesse e quindi vengono segnalate maggiormente, ma non faccio sconti a nessuno. E a volte anche il silenzio conta. Hai forse sentito qualche mio osanna nei confronti di iPhone?

Non ho bisogno di fare ricerche in questo blog per rendermi conti che: ogni 10 falle di win ne riporti 11!!! Ogni 10 falle di Mac ne riporti mezza!!

> A parte il fatto che non è vero (controlla i listini di prodotti aventi pari hardware e software), quanto costa un'infezione al computer dell'ufficio?

A parte che i listini dovresti verificarli, comunque negli ultimi tre/quattro anni non ho mai avuto un infezione! Quanto mi è costata??

> Come dicevo prima, chiedi al Comune di Milano quanto è costato tenere fermi novemila computer a febbraio 2006 per merito dell'inettitudine delle difese di Windows.

Non puoi prendere ad esempio questo fatto! E' come si io prendessi ad esempio che la fiat uno è meno sicura dell'attuale punto! Cavolo che scoperta!!! Nel comune di Milano i pc non erano stati aggiornati agli ultimi sp. Antivirus non presenti, e se presenti, avevano database obsoleti. Non parliamo di firewall mai installati. Se gli OS e gli AV fossero stati aggiornati e se i firewall fossero stati installati, col piffero che si sarebbero presi quell'infezione!!! Non facciamo una copla di sistema operativo. In quel caso la colpa è stata di chi gestive la rete. Indipendemente dal sistema operativo usato!
Ciao

La mia esperienza con vista è iniziata subito bene: ho installato il "W.V. Upgrade Advisor" per verificare se il mio sistema è adatto al nuovo so (lo so già, 5 anni di vita, 1GB di ram,2.4Ghz.. è troppo vecchio, ma tentar non nuoce.. no?). Bene, pare che non sia adatto neppure all'utility di verifica: all'esecuzione del suddetto sw, ottengo un bel pop-up che mi dice che si è verificato un errore e che se voglio posso sempre disintallare l'utility e scaricarne una versione più recente..(ma come.. mi fanno scaricare una versione vecchia dal link ufficiale? ci sarà mica una night build da qualche parte?).

Per ora all'upgrade non ci penso proprio.. Hasta la Vista!

Ste

P.S.
Sarò superficiale, ma la prima impressione conta.. eccome se conta!

P.P.S.
ma non è che 2GB di ram e 3 GHz per navigare su internet e far andare un word processor che aspetta le mie 20 battute al minuto (quando mi impegno) siano un po' tantine?
Dovresti suggerire alla tua lettrice che il nod32 si aggiorna ASSOLUTAMENTE in modo automatico! Per quanto riguarda l'antispy...suggerisci alla tua lettrice di installare l'antispyware gratuito di Microsoft! Anche quello si aggiorna da solo!

Dubito che alla lettrice sia stato detto 6 mesi fa, quando acquisto' il computer, che stava per comprare un qualcosa di incompleto, cioe' che per usarlo avrebbe dovuto procurarsi antivirus, antispyware e compagnia bella, e che avrebbe diovuto cercare aiuto nel blog di Paolo Attivissimo dove un anonimo entusiasta le avrebbe suggerito di installare l'antispyware gratuito di Microsoft, nel giorno stesso in cui apprendiamo da Steve Ballmer che "i software che si scaricano gratuitamente da Internet non potranno mai avere produttivita', qualita' e livello di affidabilita' dei nostri pacchetti informatici" (ANSA).

Quanto agli anonimi, mi dispiace che non comunichino il nome: sono gli unici a non avere problemi con Microsoft e non possiamo neppure proporli per il Guinness dei primati!
Paolo, continuo a non comprendere il bisogno fisiologico che avete di " convertire " chi usa Windows . Ma scusa, chi ve l'ha chiesto ?! C'è di sottofondo - e a volte anche nelle vostre parole - sempre l'idea che chi usa Windows è uno sottosviluppato, uno sprovveduto che ha bisogno di tutela, come un minore un pò disastrato ( Epsilon Minus : tu certamente Huxley l'hai letto ): e allora arrivate voi, come i boy scout che costringono la vecchietta ad attraversare la strada anche se non vuole.
Arrivate voi con i vostri Mac dal prezzo improponibile e dalle poche applicazioni ( a meno che uno nn sia architetto o grafico professionista ), con Linux che proclamate affiancato dalla shell e ricco di driver, peccato che poi non è vero :_). A proposito, senza offesa, la grafica di Linux ( KDE e Gnome ) a me sembra infantile, e tante altre cose non mi piacciono. Solo che non sento l'esigenza di convertire chi usa quei sistemi operativi, nè di dire tutte le cose negative che ne penso.
Perchè voi volete continuare a farci attraversare la strada ??? e perchè pensate che di informatica ne sappiamo tutti meno di voi?
___ATTENZIONE___
SPERO CHE QUALCUNO LEGGA IN MEZZO A TUTTO STO CAOS!!!

IL MAC È LA COSA PIU' BELLA CHE MI SIA CAPITATA NELLA VITA!

LA MATTINA LO ACCENDO, LAVORO, E LA SERA LO SPENGO. E SI SPEGNE SUBITO!

WINDOWSATI, STATE INGUAIATI!!!
>Non ho bisogno di fare ricerche in questo blog per rendermi conti che: ogni 10 falle di win ne riporti 11!!! Ogni 10 falle di Mac ne riporti mezza!!

"Non ho bisogno di fare ricerche". Emblematico.


>A parte che i listini dovresti verificarli, comunque negli ultimi tre/quattro anni non ho mai avuto un infezione! Quanto mi è costata??

Sei stato fortunato: molti non lo sono stati. Chiediamoci perché. E verifica pure i listini.

>Se gli OS e gli AV fossero stati aggiornati e se i firewall fossero stati installati, col piffero che si sarebbero presi quell'infezione!!!

Appunto: "se gli OS e gli AV fossero stati aggiornati". In altre parole, l'OS era obsoleto e inadeguato. Ma Microsoft l'aveva ben venduto al Comune, giusto? Gli aveva quindi rifilato un pacco?

E' una scusa comoda dire "avevi software obsoleto, dovevi comprare la versione nuova". Poi compri la versione nuova, e ti bucano lo stesso. E allora il venditore ti dice "Ah, ma adesso c'è la versione ancora più nuova". E la compri, la installi, e ti bucano lo stesso.

A un certo punto viene il dubbio legittimo di essere presi un tantinello in giro. Specialmente se consideri che il software (non solo quello di Microsoft), a differenza delle automobili che citavi, non viene venduto con garanzia contro i suoi difetti. Leggiti una qualsiasi EULA.

Se un'auto (o un frullatore o qualsiasi altro prodotto) ha un difetto che mi causa lesioni o danni, ho diritto a rivalermi sul fabbricante.

Se un software mi causa danni (che so, una macchina per radiografie comandata da software che sbaglia i dosaggi, come è realmente successo anni fa), su chi mi posso rivalere? Se Windows s'incricca e ti fa perdere il documento di lavoro che ti era costato cosi' tanta fatica, a chi fai causa? A nessuno. La EULA parla chiaro: il software è venduto senza garanzie.

Allora tanto vale andare dal software libero. Se mi fa sconquassi, perlomeno al danno non s'aggiunge l'ingiuria di averlo pure pagato.

Vi saluto, scappo per un po'. Continuate pure, ma fate i bravi, mi raccomando.

Ciao da Paolo.
Un'ultima risposta poi scappo davvero:

>Paolo, continuo a non comprendere il bisogno fisiologico che avete di " convertire " chi usa Windows . Ma scusa, chi ve l'ha chiesto ?!

No, nessun desiderio da parte mia. Chi vuole vivere con Windows lo faccia pure. L'importante è che lo faccia in modo consapevole, sapendo quali sono i rischi di sicurezza e le conseguenze del DRM.

>C'è di sottofondo - e a volte anche nelle vostre parole - sempre l'idea che chi usa Windows è uno sottosviluppato, uno sprovveduto che ha bisogno di tutela, come un minore un pò disastrato ( Epsilon Minus : tu certamente Huxley l'hai letto ):

Si', e a questa considerazione credo di aver risposto sopra, forse si sono accavallati i commenti. Nessun insulto agli utenti, semmai ai produttori di sw.

>Arrivate voi con i vostri Mac dal prezzo improponibile e dalle poche applicazioni

Questi sono due miti da sfatare. Controlla i listini Apple e confrontali con macchine di marca (Sony, per esempio). E di software per Mac ce n'è a bizzeffe. C'è persino MS Office.

Io lavoro sotto Mac e faccio la metà di mille cose. Non ho problemi di software, con una sola eccezione: il riconoscimento voce (sono affezionato a Dragon e non lo voglio cambiare).


>la grafica di Linux ( KDE e Gnome ) a me sembra infantile, e tante altre cose non mi piacciono.

Giudichi un libro dalla sua copertina?

'Notte!
continuo a non comprendere il bisogno fisiologico che avete di " convertire " chi usa Windows.
Provo lo stesso sentimento: perche' ci vuoi convincere che Windows e' bello e buono? Entri nel blog di Paolo, lo accusi di essere contro Windows e vuoi "venderglielo"?

Comune di Milano: Non facciamo una colpa di sistema operativo.
Per quanto ricordo, il Comune disse di non poter aggiornare tutti i computer perche' su un certo numero di pc avevano Windows 98, quindi niente aggiornamenti. Probabilmente avrebbero potuto installare Linux, OpenOffice e Firefox, ma erano impediti dalle altre applicazioni Microsoft, che nonostante i costi non erano capaci di comunicare con il mondo Open Source (es: documenti OpenOffice).

Per i driver, potrei dire che Microsoft mi era gia' antipatico quando Windows 2000 rifiuto' di riconoscere lo scanner (ma per fortuna Linux lo divoro' in un sol solo), ma preferisco approfittare per un annuncio: AAA cercasi licenza Windows 98 SE upgrade per un ente che ha acquistato una stampante ma non esistono i driver per Windows 98. Nessun bottegaio e' in grado di aiutare se non consigliando di schiacciare il pc sotto il peso di XP (qualche eroico ha suggerito ME)? Astenersi perditempo...
Mi firmo con tanto di nome, cognome e blog: http://lorfed.blogpot.com.
Forse sono il primo a fare outing... ho attualmente un pc con Win XP ma il mio prossimo computer sarà un Mac: mini o iMac.
Salve a tutti!!
Paolo, sono MARCO ti scrivo dalla Svizzera e ti volevo dire che ti ascolto sempre alla radio.

Detto questo volevo dire soltanto che io sono cresciuto con Microsoft, ho solo 22 anni e dal 3.1, windows è sempre stato impiegato e do ragione a Poalo che ci vuole tanto tempo per gestire un sistema operativo di microsoft. Falle, virus, compatibiltà, schermate blu, che non ti spieghi mai. Da tempo volevo spostarmi al mondo Apple, ma la disponibilità di programmi mi ha sempre lasciato titubante. Ma ora proprio il mio pc mi ha abbandonato dopo 4 anni di onorato servizio. Volevo dire che concordo di provare a passare dai rivali e aspetto Leopard però. Paolo sai darmi una data del'uscita di Leopard devo decidere se vista o o spostarsi a Apple. Grazie ciaooooo
Visto che qui ci sono dei mac-esperti, me lo dareste un consiglio?

Visto che ormai il mio lapootop è diventato per me quasi inaccessibile (quando provo astaccare la mmamma dalla testiera ringhia), stavo facendo un mezzo pensierino sul mac.

Per una persona che ne fà il seguente utilizzo:

Standard (internet, posta elettronica office suite)
Grafica 3D (maya, blender)
Grafica 2D
Editing audio\video
Video giochi

Cosa conisigliereste?
per i videogiochi passa al PC o alle console. I MACisti potranno dire tutto, tranne che ci sono bei titoli su MAC! ;)
[quote]Caro Pape, i computer laptop che mi proponi in alternativa al mio MacBook Pro non difettano certo per potenza (anzi!) ma comunque - ricorda che io faccio riferimento al discorso iniziato da Andrea - non ne ho trovato alcuno che lo sia 4 volte tanto. Ma nemmeno il doppio... E soprattutto, non certo a parità di prezzo, come tu stesso precisi, del resto.
[/quote]

Purtroppo la tecnologia, in qualsiasi ambito sia (TV, casse, giradischi, lettori CD, PC o altro) ha un grosso limite: per ottenere vantaggi veramente minimi, oltre un certo livello devi spendere cifre vergognose, immorali direi in certi casi. Un discreto lettore CD te lo porti a casa anche con 500 euro, ma se ne vuoi uno di fascia alta, che suona meglio ma "non il quadruplo meglio" (se mi permetti la frase poco sensata ^_^), ne costa 2000. Per migliorare ancora di un cicinnino la qualità, si arriva a spenderne 20.000, solo per godere di sottili differenze adatte ai palati fini (e ai grossi conti in banca). Idem per il PC o il mac: con 5000 euro non prenderai mai un computer che è doppiamente veloce di uno da 2500. Con 7000 euro guadagni solo qualche punto percentuale rispetto a quello da 5000...

[quote]ma nel mio ambiente di lavoro (editoria) non c'è paragone in senso opposto.
[/quote]

Lavoro anche io nell'editoria. Da qualche anno, per questioni economiche principalmente, abbiamo "buttato via i mac", e usiamo principalmente Indesign e Photoshop su PC: i grafici (tutti provenienti da anni di fedele amore per il Mac, e inizialmente scettici per il passaggio) non sembrano aver accusato troppi colpi. Ora, non dico che in ambito di impaginazione il PC sia meglio (e credo che nessuno ancora osi azzardarlo), ma sicuramente il gap si è colmato sotto questo profilo, e si può usare produttivamente anche XP, che finalmente non si inchioda più, è abbastanza veloce e mediamente è più economico. Un artista difficilmente accetterà il compromesso del PC, ma un impaginatore potrebbe non trovarlo così male ^_^

[quote]
Una curiosità: per l'impiego che fai tu con i giochi (posto che non credo ti riferisca a dei portatili) i Mac Pro Quad Core sono proprio così scarsi? Non possono montare anche loro tutte le schede che ti servono?
[/quote]

Sicuro che ci puoi montare le schede video che vuoi, ma non hai le DirectX, e senza quelle, non ci giochi ^_^. Ormai col passaggio di Apple a Intel, Mac e PC sono quasi la stessa cosa, a livello hardware, e principalmente è l'OS a fare la differenza. E, a seconda degli utilizzi, si può preferire il comodo, snello ed efficiente MacOS al pachidermico, un po' buggato ma sempre in espansione Windows. Che crea tanti mal di testa, come giustamente sottolinea Paolo, ma che in mano a un utente esperto non è così malaccio come lo si dipinge. Un MacOS lo installi e funziona quasi out of the box, una macchina Windows richiede giorni di certosina messa a punto, e può dare in certi campi molte soddisfazioni.

Pape
[quote]Per una persona che ne fà il seguente utilizzo:

Standard (internet, posta elettronica office suite)
Grafica 3D (maya, blender)
Grafica 2D
Editing audio\video
Video giochi

Cosa conisigliereste?

[quote]

Mac per tutto, videogiochi esclusi (ne fanno pochissimi, di giochi per MacOs). Ma puoi sempre rimediare con una economica console, per i giochi, a meno che sei fissato con alcuni particolari generi ^_^
Caro Paolo, tralasciando un pò questo bellissimo dibattito riguardo i sistemi operativi, volevo sapere se hai avuto modo di assistere allo scempio fatto dal TG5 riguardo il lancio di Vista.
Io ne ho fatto un resoconto dettagliato sul mio blog, dimmi che ne pensi:
http://andreaguida.wordpress.com/2007/01/31/il-tg5-delle-2000-parla-di-windows-vista-una-marea-di-errori/
Per Maurizio Grill..: fin dal mio primo post ieri ho scritto che naturalmente il blog è di Paolo ( di Paolo, non tuo: cosa significa:

" perche' ci vuoi convincere che Windows e' bello e buono? Entri nel blog di Paolo, lo accusi di essere contro Windows e vuoi venderglielo ? "

Non comprendo quel "ci": non sapevo, e credo neanche Paolo, che questo fosse il blog solo degli utenti di Mac e Linux.....Se è così mi scuso, non avrei postato, io non faccio predioche per convertire.

Per Paolo: scusami, ma:

" Chi vuole vivere con Windows lo faccia pure. L'importante è che lo faccia in modo consapevole, sapendo quali sono i rischi di sicurezza e le conseguenze del DRM."

La dimostrazione che siete convinti che siamo ottusi e un pò scemi e che abbiamo bisogno di cavalieri bianchi o boy scout che ci salvano. Magari molti di noi quelle cose le sanno già.
>La dimostrazione che siete convinti che siamo ottusi e un pò scemi e che abbiamo bisogno di cavalieri bianchi o boy scout che ci salvano. Magari molti di noi quelle cose le sanno già.

Se così fosse, mi spieghi le facce stupite e indignate quando tengo una conferenza in cui spiego cos'è il DRM?

Prova a fare un sondaggio fra tutti quelli che conosci e che usano il computer (non solo gli smanettoni) e chiedi se sanno cos'è il DRM.

All'ultima convention di Star Trek (noto covo di smanettoni) ho indossato una T-shirt con su scritto "DRM IS KILLING MUSIC". Sai quanta gente mi si è avvicinata a dire "bella t-shirt, ma che c*** il dierremme?" :-)

Se la consapevolezza del DRM fosse ben diffusa, il DRM non esisterebbe.
Correggo il refuso:

Sai quanta gente mi si è avvicinata a dire "bella t-shirt, ma che c**** è il dierremme?" :-)
Non comprendo quel "ci": non sapevo, e credo neanche Paolo, che questo fosse il blog solo degli utenti di Mac e Linux.....Se è così mi scuso, non avrei postato, io non faccio predioche per convertire.

E chiedo scusa a Paolo, mi sono lasciato trascinare, e infatti sono andato a letto in parte pentito di quello che ho scritto. Il senso della mia frase era questo: chi entra nel blog di Palo Attivissimo sa di avere a che fare con una persona che non e' mai stata morbida con Windows (Paolo e' trasparente, basta leggere la sua autobiografia e i vecchi post del sito). E gran parte dei lettori condividono le sue affermazioni.
Non ci si puo' aspettare che Paolo esulti per la pubblicita' che si sta facendo adesso per Vista (vista e' la parola giusta: questa pubblicita' l'abbiamo Vista in maniera leggermente differente per Windows XP, Windows 2000, Windows ME, Windows 98, Windows 95...).

A seguire...
Credo che ci sia in questo momento uno scontro generazionale. Da una parte il felice possessore di un computer superpotente, dono di un recente Natale o di una recente promozione. Ha Windows XP, lo usa per dei giochi e per poche applicazioni, non ha esperienza di trojan e virus (ma non ci metterei le mani sul fuoco su quello che sta uscendo dal computer in questo momento, se e' vero che l'80% dello spam provenga da ignari pc Windows) e vede di buon occhio la migrazione a Vista. Come non negargliela?

Dall'altra perte chi, come me (un paio di anni in piu' di Paolo), ha visto nascere il DOS (MS-DOS della Microsoft, PC-DOS dell'IBM, DR-DOS della Digital Research...) da una vaga scopiazzatura di CP/M, a sua volta semplificazione di UNIX (se ricordo bene), ha poi visto nascere Windows 3.1 e Geoworks, soccombere quest'ultimo all'arrivo di Windows 95, che fagocito' al suo interno il DOS spezzando le gambe alla concorrenza negandone i sorgenti. Concorrenza che era diventata anche quella delle suite da ufficio (Word e Excel, non senza dispute legali elencate da qualche parte sul sito di Paolo Attivissimo). All'epoca si usavano WordPerfect e Lotus 1-2-3 (o QuattroPro) per la videoscrittura e il calcolo. Il sistema operativo di rete era Novell Netware.
Il successo della Microsoft non e' stato tecnologico, ma di marketing. Avendo il sistema operativo (a scatola ermeticamente chiusa agli occhi della concorrenza), avendo accordi con i piu' grandi produttori di hardware per venderlo insieme al computer, avendo gli applicativi da ufficio costruiti su misura per il sistema operativo, i rivenditori Microsoft potevano andare nelle aziende con megalistini scontatissimi a seconda delle quantita'... e fu cosi che...

Windows NT Server prese il posto di Netware, nonostante la prima versione ebbe grossissimi problemi.
Word prese il posto del diffusissimo WordPerfect (e' come se oggi tutti passassero contemporaneamente a OpenOffice).
Excel prese il posto di Lotus (ma per le applicazioni critiche, con centinaia di macro gia' realizzate in passato, si utilizzava ancora Lotus).

Questo e' parte di quello che ha visto la mia generazione. Senza elencare i patimenti nel dover rivedere le macro ad ogni nuova versione di Office, la burla dei 4MB di RAM per Windows 95 che porto' all'acquisto di nuova RAM (100.000 Lire a MB, se non erro), l'acquisto degli aggiornamenti dei programmi ad ogni aggiornamento del Sistema Operativo...
Devo infine ricordare che Windows 95 nacque dopo che la Microsoft cesso' la collaborazione con IBM di OS/2 (ricordo la scritta sulle confezioni della versione 2, all'incirca "il rivoluzionario Sistema Operativo della Mcrosoft"). Erano finestre anche quelle di OS/2, e hanno funzionato cosi bene (e in sicurezza) da essere utilizzate in banche e aereoporti fin quando l'IBM non cesso' il supporto.

Fine, forse sono stato impreciso in alcune asserzioni, ma un giretto su Wikipedia (anche la versione inglese) potrebbe chiarire ogni dubbio.

Quindi, se hai un computer recente e ti piace XP, continua pure.
Se vuoi comprare un computer, hai liberta' di scegliere tra Windows, Apple e Linux: il negoziante ti aiutera' disinteressatamente. I giornali pure.
Se invece (come la gran parte degli Italiani, ma soprattutto enti pubblici e scuole, che spendono i nostri soldi) hai un computer che e' ai limiti delle caratteristiche elencate per l'upgrade, prova a prendere in considerazione Linux (Linux, non Apple, a causa dell'architettura Intel).
Ma la cosa piu' importante, cerca di utilizzare programmi che producano documenti in un formato standardizzato che ti permetta di colloquiare con gli utenti che in assoluta liberta' hanno scelto OpenOffice e Firefox. E pretendi dal tuo fornitore questa garanzia.
Maurizio, non ho capito molto il tuo ultimo messaggio.

Parli di libertà di scelta, giustamente, e consigli anche Linux, ma non Mac, perché usa hardware Intel. Ma secondo te la gente che ha bisogno di un PC dove se lo installa Linux? Su una workstation con CPU Silicon Graphic? Su un vecchio Amiga o un vecchio mac con CPU Morolola 68040?
O intendevi dire che gli utenti dovrebbero puntare ad AMD,che dopo qualche ottima annata, sembra non stare al passo con Intel, né coi prezzi né con le prestazioni?

Io sono fra quelli che ha visto tutto lo sviluppo dell'hardware negli ultimi 20 anni, e che lo segue professionalmente da un paio di lustri a questa parte, e proprio il discorso sul marketing non lo capisco. Sai quanto Apple, quando dominava la scena, ha pagato per la realizzazione del logo con la mela? Sai quanto spese per le pubblicità in quel periodo? Insomma... criticare Microsoft perché sfrutta pesantemente il marketing non mi sembra corretto, per lo meno se non si cita anche Steve Jobs, che è stato il primo a capire l'importanza della pubblicità, virale o meno, e che ha reso l'iPod il lettore MP3 più venduto grazie a spot e a una comunicazione studiata a tavolino.

Poi, verissimo che Linux è gratis, ma vallo a spiegare all'utente medio: quanto ci vuole a capire come funziona Linux, se non si è un minimo esperti? Questo tempo è gratis? No, te lo assicuro.

Si parla tanto di introdurre l'Open Source negli uffici. Sarebbe una figata, se solo l'informatica fosse più diffusa in Italia, o glieli paghi tu i corsi di aggiornamento a ragionieri ormai 60enni che hanno faticosamente imparato a usare la macchina Windows presente in ufficio? Un OS costa al massimo qualche centinaio di euro: far seguire un corso di aggiornamento a un dipendente, fra ore lavorative perse e stipendio degli insegnanti, ne costa migliaia... il TCO non sempre è a favore dei sistemi free.

Poi, ribadisco, capisco le critiche per la questione delle DRM, ma non capisco perché Paolo spinga per il Mac, a meno che sia convinto che il Mac non dovrà appoggiarsi ad esse. iTunes si basa sulle DRM, ed è l'applicazione più diffusa per Mac. Qualsiasi lettore multimediale, per qualsiasi sistema operativo, deve per forza di cose appoggiarsi alle DRM, per gestire contenuti protetti (praticamente TUTTI, CD-Audio esclusi). Anche il lettore DVD di casa usa le DRM... dobbiamo buttarlo via? O usare solamente materiale pirata (almeno noi europei/americani,giapponesi, visto che Paolo vivendo in Svizzera può permettersi di aggirare legalmente le protezioni, al contrario di noi)

Pape
"...apprendiamo da Steve Ballmer che "i software che si scaricano gratuitamente da Internet non potranno mai avere produttivita', qualita' e livello di affidabilita' dei nostri pacchetti informatici" (ANSA)."
Divertentissimo, specie se consideriamo che le parti in realtà sono invertite... OpenOffice vi brucia, eh Billy? :)

Andrea Guida said...
"...volevo sapere se hai avuto modo di assistere allo scempio fatto dal TG5 riguardo il lancio di Vista."
Ma dai Andrea, non dirmi che ti aspettavi informazione seria ed obiettiva dal TG5? :D
Distinguibilissimo anonymous said...
"Non comprendo quel "ci": non sapevo, e credo neanche Paolo, che questo fosse il blog solo degli utenti di Mac e Linux..."
Hai una capacità di tirare fuori interpretazioni fuori dal mondo che mi stupisce... io avevo capito che con quel "ci" intendeva quelli che leggono il blog, poi non so...

"Paolo, continuo a non comprendere il bisogno fisiologico che avete di " convertire " chi usa Windows . Ma scusa, chi ve l'ha chiesto ?! C'è di sottofondo - e a volte anche nelle vostre parole - sempre l'idea che chi usa Windows è uno sottosviluppato, uno sprovveduto che ha bisogno di tutela, come un minore un pò disastrato..."
Questo ce l'hai visto altro che te.
A parte che chi usa Windows senza conoscerlo di tutela ne ha bisogno o finisce in pasto al primo Gaobot che passa... in questo blog si parla di tutti i difetti informatici, da qualsiasi parte stiano. Del chip DRM nei Mac si è parlato... e male. Ma la supponenza e la superiorità nei post ce l'hai letta solo tu. Ovvio che se uno prova un Win e poi un sistema per tanti versi migliore come MacOs o Linux, o se vede gli spettacolari capitomboli di windows ogni volta che salta fuori un nuovo virus dalla sua falla, non è tanto facile che resti con Microsoft, per i cui prodotti oltretutto paga... ma non siamo certo stati noi a spingercelo! Sarebbe come dire che abbiamo spinto tuo fratello a passare a Firefox perchè abbiamo parlato dei suoi tab e feed RSS: che colpa ne abbiamo se FF li aveva due anni prima di IE7?

"Arrivate voi con i vostri Mac dal prezzo improponibile e dalle poche applicazioni ( a meno che uno nn sia architetto o grafico professionista ), con Linux che proclamate affiancato dalla shell e ricco di driver, peccato che poi non è vero :_). "
Da questo si capisce che tu di questi sistemi ne sai ben poco. E detto da uno che poco ne sa anche lui! MacOs HA in effetti un sacco di programmi, ovvio che se cerchi i giochini troverai ben poco, il Mac è un sistema da lavoratori professionisti, ed il prezzo "improponibile" (ma voglio vedere quanto costa un sistema capace di far girare come si deve Vista e i nuovi videogiochi DX10...) lo riprendi ampiamente come affidabilità e durata. Un mio collega ha un G4 da 5-quasi 6 anni, e solo adesso comincia a parlare di passare ad un G5, lui che lavora su Photoshop su immaginette da qualche centinaio di MB... non male come invecchiamento eh? E linux sì ha una shell, che a quel che so è un altro pianeta rispetto a cmd.exe, e driver e programmi ne ha quanti ne vuoi... devi solo darti la pena di trovarli, ma d'altronde se i produttori HW se ne sbattono quasi le palle di farli ed escono dopo non vedo che colpa ne abbia Linux.

"A proposito, senza offesa, la grafica di Linux ( KDE e Gnome ) a me sembra infantile, e tante altre cose non mi piacciono."
A me sembrva infantile il verde-e-blu caramelloso di XP... :P

"Solo che non sento l'esigenza di convertire chi usa quei sistemi operativi, nè di dire tutte le cose negative che ne penso."
E allora cosa ci fai qui? Non hai fatto altro da quando sei arrivato! Critiche a Paolo di qui, bordate a Linux e Mac di là... :D :D :D

"Perchè voi volete continuare a farci attraversare la strada ??? e perchè pensate che di informatica ne sappiamo tutti meno di voi?"
Questa posso rigirarla benissimo come: e tu perchè vuoi farci tornare indietro da una strada che abbiamo già attraversato CONSAPEVOLMENTE di testa nostra? E perchè pensi che di informatica ne sai più te di noi?
Guarda che, così come tu interpreti la nostra denuncia dei difetti di Win come promozione per altri sistemi, noi potremmo prendere la tua difesa come screditamento verso quei sistemi ed invito a rimanere con Microsoft... a che titolo lo fai se accusi noi di farlo?
*alza un sopracciglio interrogativamente*
A proposito del simpatico accrocco che dovrebbe verificare la compatibilità con Vista, esso non funziona si Windows 2000. Cosi' M$ vende una "cosa" che permette l'upgrade da Windows 2000, ma non ti permette di verificare la compatibilità con lo stesso.
Mi viene in mente una simpatica parola per costoro: PERACOTTAI!

Lanf
"la grafica di Linux ( KDE e Gnome ) a me sembra infantile, e tante altre cose non mi piacciono."

Non esistono solo KDE e Gnome, ma abbiamo FVWM, Fluxbox (e cuginetti *Box), XFCE ed Enlightenment (per citare i più famosi). Inoltre vorrei specificare che mentre l'utente Linux *può* scegliere l'ambiente desktop più adatto alle sue esigenze, l'utente che utilizza Windows è costretto ad usare explorer, con tutti i suoi pregi e difetti (e non parlatemi delle eventuali shell grafiche alternative, che sono il massimo della non-usabilità...).

Utilizzo Linux da un anno ormai, e ora grazie alla "banalità" e "infantilità" di Gnome, riesco ad essere molto più produttivo di quando utilizzavo XP. Se poi qualcosa non mi piace, modifico i files di configurazione come meglio credo, e mi gusto i cambiamenti. Su Linux funziona così, sono io che decido.

In realtà, non credo che ci sia molto da criticare in termini di grafica. IMHO un sistema operativo è veramente tale se (assieme agli strumenti che offre - in questo caso citiamo per coerenza i desktop environments) garantisce una buona user experience, dimostrandosi usabile e affidabile, ma soprattutto in grado di garantire una certa produttività. Allora in questi termini, non è il caso di criticare Windows, così come non è il caso di contestare Linux: si può utilizzare il primo anche senza interfaccia Aero e Flip 3d delle finestre, e si lavora egregiamente nel secondo anche tramite una sessione IceWM.

Se poi l'utente finale è amante dell'estetica e delle finestre trasparenti, allora è un altro discorso (e non dimentichiamoci che su Linux abbiamo delle ottime combinazioni di effetti 3d-e-non come Compiz-Beryl o Metisse), ma in tal caso la critica non ha più senso, proprio perchè - secondo me - la qualità di un ambiente desktop deriva dall'efficienza dello stesso, e da nient'altro. Se poi quest'ultimo ad una buona usabilità affianca anche dei gradevoli accorgimenti estetici, tanto meglio! Senza contare che Linux NON è solo "grafica", così come un sistema operativo in generale non lo è. La migrazione è solo ed esclusivamente una questione di abitudine.

In fondo, non si dice sempre di non fermarsi alle apparenze ?

Saluti a tutti.
Io scrivo un commento generico da utente PC (lavoro) e MAC (casa-lavoro da casa): non c'è confronto,ma è un'opinione personale. Probabilmente adesso mi faranno accedere alla rete aziendale con il mio mac, così elimino definitivamente pc e win dalla mia vita. Tornando a Vista, ho fatto un test con la mia macchinetta (niente di che) e ho ricevuto i seguenti commenti: you can run Vista! (allora ho pensato...Paolo ha detto un sacco di fregnacce, ho una scheda video scadente, 512 mb di RAM) poi però ci sono i dettagli e praticamente:
- devo upgradare la ram
- cambiare la scheda video
- eliminare mcafee (difficilmente reinstallabile in questa versione)
- le periferiche tutte da riaggiornare come driver (ps: sarà un'altra migrazione sanguinosa come quella da 2000 a xp? Io su xp ho ancora alcune periferiche non funzionanti con i driver certificati e devo usarne di non certificati).
Allora perchè mi dice che il mio computer può utilizzare vista? A me sinceramente di convincere gli altri a usare apple non può fregare di meno. Ognuno è libero di farsi male come vuole (io per esempio faccio il tifo per una squadra di calcio che mi fa rodere il fegato ogni domenica,eppure mica la abbandono!)
Vorrei dire due parole anche io su dibattito linux vs windows (mac non lo cito perche' non lo mai provato). Per un fatto di sicurezza verso internet e' evidente che windows ha delle grosse lacune visto che come ha detto paolo bisogna installare i firewall, antivirus, etc e l'installazione di patches e' abbastanza noiosa (oltre che al fatto che per fare gli aggiornamenti BISOGNA usare IE), con linux io uso SMART e va come un orologio svizzero, in fatto di stabilita' dei software anche in questo caso linux (io uso OPENSUSE) e' un passo avanti rispetto a windows. In fatto di pesantezza del sistema operativo ecco la mia situazione:
Windows XP :-P con 1 GB RAM e 2 HDD da 200 GB e spesso ha problemi di performance anche tenendo sotto controllo i software etc

Linux (opensuse 10.2) -> 256 MB RAM e 1 HDD da 60 GB, con questo pc faccio anche editing video senza nessun problema di performance.
Vista la situazione se potessi (oltre al fatto che ci sono dei software che si ostinano a non andare su linux nemmeno con wine e ho una moglie windows dipendente) passerei tutti i miei PC a linux magari con distro diverse.

CIAO CIAO
>>1 - vero, ma le percentuali sono ben diverse;
>Dove le hai viste le %? Io non ne ho parlato!

Beh, ne parlo io; o devo chiederti il permesso? Probabilmente devo precisare meglio la frase.
Cioè: ci sono utenti e utonti in tutti e tre gli ambienti Win, Linux e Mac, ma non sono presenti in percentuali uguali. Ovviamente intendo che Win ha più utonti, ma non perché ritenga che solo i cretini usino Windows (ci mancherebbe) ma semplicemente perché la massa delle persone che si avvicinano al computer viene automaticamente indirizzata dal mercato verso Win. E nessuno di loro conosce Linux o Mac - lo dimostrano anche molti degli interventi in questo post...

>>2 - e comunque con un sistema (indovina quale) non fanno danni, ma con quell'altro sì;
>Linux? Io con Ubutnu ho fatto dei casini che con xp non mi sognavo di fare dopo il primo giorno di utilizzo

Non hai indovinato!
Ritenta...

>>3 - non sta scritto da nessuna parte che solo i mezzi-programmatori hanno il diritto di usare un computer;
>Infatti! i mezzi programmatori servono per usare Ubutnu

Ma non per usare il Mac.

>>4 - uno dei punti di forza del Mac è proprio quello di non richiedere nozioni di informatica né di saper operare su firewall e compagnia bella...
>emh....guarda che il firewall devi usarlo anche con il Mac! Sveglia!

DEVO? E perché mai? Sono anni che uso il Mac, e né a casa né al lavoro ho mai beccato virus, subìto dialer etc etc. E senza firewall...
Uhm, dopo essermi riletto, vorrei chiedere scusa se ogni tanto mi scappa qualche "scatto". La chiedo agli amici windowiani (alla fine siamo comunque tutti degli appassionati di computer, no?) e soprattutto a Paolo che mi ospita.
Probabilmente ha ragione Pape (con il quale è un piacere dialogare, pur nella divergenza di opinioni, quando c'è) quando dice che noi maccisti siamo un po' permalosi. Però mettetevi nei nostri panni, quando sentiamo affermare cose inesatte sui nostri beneamati computer e sistema da gente che dimostra di non conoscerli. Per non parlare dei luoghi comuni che ci tormentano da decenni...
Uhm, dopo essermi riletto, vorrei chiedere scusa se ogni tanto mi scappa qualche "scatto". La chiedo agli amici windowiani (alla fine siamo comunque tutti degli appassionati di computer, no?) e soprattutto a Paolo che mi ospita.
Probabilmente ha ragione Pape (con il quale è un piacere dialogare, pur nella divergenza di opinioni, quando c'è) quando dice che noi maccisti siamo un po' permalosi. Però mettetevi nei nostri panni, quando sentiamo affermare cose inesatte sui nostri beneamati computer e sistema da gente che dimostra di non conoscerli. Per non parlare dei luoghi comuni che ci tormentano da decenni...
"...apprendiamo da Steve Ballmer che "i software che si scaricano gratuitamente da Internet non potranno mai avere produttivita', qualita' e livello di affidabilita' dei nostri pacchetti informatici" (ANSA)."
Divertentissimo, specie se consideriamo che le parti in realtà sono invertite... OpenOffice vi brucia, eh Billy? :)

Ops, volevo aggiungere: mi ricorda le pubblicità a tutta pagina che dicevano: "abbiamo fatto fare test a una società indipendente che assolutamente NON paghiamo per questo, ed hanno stabilito che MsSQL e Windows Server sono più affidabili e costano meno come addestramento, cippa lippa ecc. di Apache e MySQL"...
Io pensavo all'affidabilissima fonte che ci dava la notizia (loghettino Microsoft Server in un angolo della pagina), alle percentuali di diffusione, al costo di licenze ed upgrades... e mi buttavo via dalle risate. :D

"Infatti! i mezzi programmatori servono per usare Ubuntu"
Di fronte ad un sistema operativo completamente sconosciuto, qualsiasi persona completamente digiuna di computer troverà le stesse dificoltà con interfaccia grafica, modalità operative e di uso, a meno che non sia una Debian solo con shell. Se i PC li conosce un pò sarà un pò più facile, ma non credo che esista un S.O. tanto più difficile di un altro, a meno quelli più specialistici per net-admin o che. Parlando da win-user che ha dato una tastatina a MAc e Mandrake, posso dire che se cerchi di applicare ad altri OS i concetti e abitudini che usi sul tuo solito, non andrai molto lontano.

PS: Paolo, la foto del tizio con il cartello non c'era più grande?
mezzi-programmatori per usare ubuntu?

Mah, io credo di essere nemmeno un decimo-programmatore, e ho utilizzo mepis (che è basato su ubuntu) da ormai vari mesi

Ci sono, lo so, i problemi di riconoscimento dell'hardware ma quelli non dipendono (solo) da linux, ma anche dai produttori di hardware i quali ritengono che supportare il pinguino sia uno spreco di tempo.

Qualcuno dice che per usare linux ci vuole l'assistenza di un tecnico preparato: è vero, ma non ci vuole anche per windows? l'anziano di 60 anni che è abituato con windows, ha bisogno del tecnico per tenere protetta la sua macchina, per gestire lo spam, per ripulirla in caso di virus. Lo stesso tecnico potrebbe aiutarlo ad installare ubuntu (o altro) risolvere le magagne di riconoscimento hardware che ci possono essere, spiegargli 4 acche di righe di comando, e poi ...basta il nostro 60enne può lavorare in pace senza preoccuparsi della sicurezza della sua macchina.

TUTTI gli utenti hanno bisogno di un minimo di preparazione (propria o di un tecnico o di un amico).
Se Microsoft ha deciso di legarsi al drm ed ai lucchetti digitali è un suo diritto.Io,come gistamente dice Paolo non ho nessuna intenzione di buttare via il mio vecchio Hardware ne tenere aggiornato un fogliettino dove segnarmi quele stampante o quale monitor non faccia a pugni con Vista.Mi terrò caro il mio vecchio Xp,quando potrò comprerò un Mac e se un anima pia mi segnalerà una versione di Linux per chi non ha idea ne voglia di impazzire per installarlo lo metterò su un altro vecchio pc ed inizierò ad usarlo.
Se un produttore come l'HP ha già dichiarato che i suoi prosimi pc con sopra Vista non avranno ram inferiore a due giga sanno a cosa stanno andando incontro.2 giga di ram per scelta aziendale vuol dire che è meglio partire avvantaggiati che fondere qualche call center o far impazzire centinaia di poveri commessi di informatica.
Credo che se il buon senso prevarrà Vista farà la fine di Windows 2000,buon sistemino ma non in grado di fare molte cose e compatibile solo con altri 2000 e forse qualche tostiera.Non sono nemico di Bill,ma Microsoft ormai crede che il consumatore sia un cretino.Concludo dicendo che la faraonica spesa per pubblicizzare Vista poteva essere spesa per abbassare i prezzi.
Non parliamo delle sei(6) versioni.
Quanti utenti poco informati vedranno una pubblicità e compreranno una versione di Vista che non corrisponderà a quella propinatagli da uno spot?
Maurizio, non ho capito molto il tuo ultimo messaggio.
Hai ragione, Pape, sono stato poco chiaro: prova a prendere in considerazione Linux (Linux, non Apple, a causa dell'architettura Intel). Mi riferivo alla gran parte degli Italiani, e di upgrade. Il contesto era l'aggiornamento di pc Intel/AMD o quel che preferisci... insomma, il vecchio pc con Windows.

Non mi sembra invece di non avere consigliato Mac: Se vuoi comprare un computer, hai liberta' di scegliere tra Windows, Apple e Linux...

Mi/ci dici Poi, verissimo che Linux è gratis, ma vallo a spiegare all'utente medio: quanto ci vuole a capire come funziona Linux, se non si è un minimo esperti?
Ecco la spiegazione: accendi il computer, attendi quel che devi atendere e troverai finestre e icone. Di colore differente dalle solite, ma pur sempre finestre e icone. Una cartella documenti, i programmi... Fai clic col mouse e vedrai.
C'e' stata in passato anche una GUI simil-windows, ma immagino che ci siano dei prblemi di copyright a riproporla.

Si parla tanto di introdurre l'Open Source negli uffici. Sarebbe una figata, se solo l'informatica fosse più diffusa in Italia, o glieli paghi tu i corsi di aggiornamento a ragionieri ormai 60enni che hanno faticosamente imparato a usare la macchina Windows presente in ufficio?

Per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione, io di sicuro, con le tasse che vanno a confluire nella Finanziaria (se e' vera la notizia, perche' mi sa tanto di burla).
[quote]Se Microsoft ha deciso di legarsi al drm ed ai lucchetti digitali è un suo diritto.Io,come gistamente dice Paolo non ho nessuna intenzione di buttare via il mio vecchio Hardware ne tenere aggiornato un fogliettino dove segnarmi quele stampante o quale monitor non faccia a pugni con Vista.Mi terrò caro il mio vecchio Xp,quando potrò comprerò un Mac e se un anima pia mi segnalerà una versione di Linux per chi non ha idea ne voglia di impazzire per installarlo lo metterò su un altro vecchio pc ed inizierò ad usarlo.
[/quote]

Forse non hai ben capito: i "lucchetti" ci sono ovunque. Ci sono su XP, ci sono su MacOs e ci sono anche su Linux, quello presente nella PlayStation3. Ci sono anche nei videoregistratori e nei lettori DVD (mai sentito parlare di Macrovision, CSS e simili?) Non c'entra Vista, Gates, Jobs o Stallman: ci sono e punto. Se non li vuoi, non c'è problema: basta che rinunci a vedere film e ascoltare musica protetta. Questo, indipendentemente da Vista.

Pape
[quote]Concludo dicendo che la faraonica spesa per pubblicizzare Vista poteva essere spesa per abbassare i prezzi.
[/quote]

Lo stesso si può dire di qualsiasi prodotto pubblicizzato. Peccato che basta capirne un minimo di marketing per rendersi conto che una campagna pubblicitaria ben realizzata, rende molto più che un abbassamento di prezzo, dal punto di vista di chi produce. E MS non ha intenzione di fare beneficenza con Vista, bensì di incrementare ulteriormente i suoi fatturati. è un'azienda quotata in borsa, non un ente benefico ^_^

[quote]
Non parliamo delle sei(6) versioni.
Quanti utenti poco informati vedranno una pubblicità e compreranno una versione di Vista che non corrisponderà a quella propinatagli da uno spot?
[/quote]

Indovina perché ci sono 6 versioni di Vista? Per scelta di MS? NO! Per obbligo dei vari governi, che gli hanno imposto questa scelta per non rivolgergli contro altre accuse di concorrenza sleale ^_^

Pape
DEVO? E perché mai? Sono anni che uso il Mac, e né a casa né al lavoro ho mai beccato virus, subìto dialer etc etc. E senza firewall...


Beh, c'è il firewall di OS X (ipfw), che non sarà il migliore dei firewall (non è molto configurabile... a meno che non si conoscano i comandi da terminale), ma dà un ottimo livello di sicurezza!
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Matz:
Ci sono, lo so, i problemi di riconoscimento dell'hardware ma quelli non dipendono (solo) da linux, ma anche dai produttori di hardware i quali ritengono che supportare il pinguino sia uno spreco di tempo.

Non lo metto in dubbio, ma allora siamo coerenti.

Quando si affronta il discorso sulla vulnerabilità di Windows, si dice che poco importa se questa sia strutturale o dovuta al particolare impegno che ci mettono i cracker: da un punto di vista pragmatico, Linux e Mac danno meno problemi. Bene

Sempre pragmaticamente parlando, non m'importa se le difficoltà di riconoscimento hardware sono colpa di Linux o dei produttori: ci sono e basta, quindi se non voglio problemi a connettere l'ultimo cazzillo acquistato al supermercato devo concludere che su questo fronte Windoze è la scelta migliore.

Detto questo, i problemi di Linux sul fronte driver sono concreti o è un'altra leggenda metropolitana?
@giorgio loi

Certo bisogna ammetterlo, problemi pragmatici ci sono (a volte non sempre) e non consiglierei mai ad un novizio di installarsi di brutto linux radendo al suolo il windows che aveva sopra. Non per niente molte distro linux offrono la possibilità dei LiveCD in modo da provare prima di installare, inoltre si può installare senza cancellare l'os già presente.

Sulla storia che la vulnerabilità di windows dipenda solo dalla maggior propensione dei cracker ad attaccare win, sono scettico. Penso che l'organizzazione dei sistemi unix sia intrinsecamente più sicura, qualcuno ha postato un link che spiegava bene perché

Non voglio convertire nessuno a linux ma se qualcuno mi chiedesse consiglio gli direi di passare a linux perché
-potresti (potresti ma non è detto) penare all'inizio un po' per il riconoscimento dei driver, ma risolto questi sei a posto
-la soluzione ad eventuali problemi iniziali la puoi trovare nei forum online, nella quale trovi quasi certamente chi ha già sperimentato il problema e lo ha risolto
- esistono comunque negozi che vendono pc e notebook con linux già installato, quindi se si deve acquistare la macchina si può saltare a piè pari il problema
- in compenso non avrai rogne dovuti a Virus, Infezioni, Spyware, Trojan, Adware (perdonate il giochino di parole)
- hai già moltissime applicazioni installate (e di alta qualità)
- puoi installarne moltissime altre in modo decisamente facile (e gratuita)
- niente deframmentazioni

Mi pare che i motivi validi ci siano, però dopo se uno preferisce vista si accomodi, il mio è solo un parere
[quote]
Mi pare che i motivi validi ci siano, però dopo se uno preferisce vista si accomodi, il mio è solo un parere
[/quote]

Ma sicuro che ci sono validissimi motivi per avere Linux. Come ce ne sono di validi per avere altri OS. Ognuno sceglie in base a necessità ed esperienza. La mia impressione è che tanto astio contro Vista sia dovuto a un astio generale verso Microsoft. Nessun OS è perfetto, e ognuno ha pregi e difetti, che vanno valutati a seconda di come si usa il PC. Personalmente, non potrei fare a meno di XP e Vista sulla macchina principale, quella che uso per lavoro, ma se ora dovessi comprare un portatile, non esiterei un secondo ad acquistare un Mac ^_^

Pape
Hai ragione pape però io mi chiedo perché conosco tanta gente come me che ha mollato win per linux o per il mac mentre non ne conosco nemmeno uno che da mac o linux è passato a win...non credo che sia solo uan questione di ideologia.

Comunque, un pizzico di rabbia verso microsoft c'è perché se esistono problemi "pragmatici" nell'utilizzo di linux (ad esempio mi hanno regalato un navigatore sony, ovviamente solo compatibile con win) dipende anche dalle politiche di microsoft stessa.
[quote]Hai ragione pape però io mi chiedo perché conosco tanta gente come me che ha mollato win per linux o per il mac mentre non ne conosco nemmeno uno che da mac o linux è passato a win...non credo che sia solo uan questione di ideologia.
[/quote]

Lavoro in una casa editrice. Ovviamente, per anni i grafici hanno lavorato solo ed esclusivamente coi Mac. Da quando è uscito Indesign per PC, abbiamo risparmiato parecchio rinnovando i vecchi mac dei grafici con PC, e nonostate il terrore iniziale di alcuni, nessuno si è lamentato, né abbiamo incontrato alcun problema.
Per alcuni compiti ci sono anche alcuni Mac, ovviamente, ma buona parte del lavoro grafico è stato trasferito senza problemi su XP.
Così come la rete è gestita da Linux, e le macchine di chi scrive o lavora in amministrazione, sono Windows. In parole povere, all'interno della stessa azienda abbiamo TUTTI gli OS, e non potremmo fare a meno di nessuno, visto che nessuno di questi tre è abbastanza completo da sostituire gli altri.

[quote]
Comunque, un pizzico di rabbia verso microsoft c'è perché se esistono problemi "pragmatici" nell'utilizzo di linux (ad esempio mi hanno regalato un navigatore sony, ovviamente solo compatibile con win) dipende anche dalle politiche di microsoft stessa.
[/quote]

No, dipende da Sony, al massimo. Nvidia e ATI supportano Linux, come tanti produttori di schede di rete, stampanti e scanner. Altri, di contro, non vedono alcun guadagno a investire in altri OS oltre a Windows e Microsoft. Saranno miopi, sicuramente, ma non è certo colpa di Gates se chi fa navigatori satellitari ritiene (a ragione tra l'altro) che il 99% del suo pubblico Linux non sappia nemmeno cosa sia.

Pape
Non sono sicuro che solo l'1% di chi ha un navigatore abbia mac o linux...E il mio sospetto è che se è vero che il primo "responsabile" è sony, gates ha il suo interesse a far sì che chi produca apparecchi di qualsiasi tipo li faccia compatibili solo con ms. Non è l'unico caso.
[quote]
Non sono sicuro che solo l'1% di chi ha un navigatore abbia mac o linux...E il mio sospetto è che se è vero che il primo "responsabile" è sony, gates ha il suo interesse a far sì che chi produca apparecchi di qualsiasi tipo li faccia compatibili solo con ms. Non è l'unico caso.
[/quote]

Anche iTunes Store è compatibile solamente con gli iPod, ed è cucito intorno a loro. Bisogna criticare Apple per questo? Ti stupisci se le mappe dei GPS sviluppate per i Garmin non funzionano sui Tom Tom? Ti sembra strano che Sony spinga sul Blu-ray (che lei stessa promuove) per la PS3, mente MS lobbizzi per HD-DVD? Ti stupisci se i pezzi del motore di una Toyota non si installano nel cofano di una FIAT?
O se i giochi per Xbox non funzionano sulla PlayStation?
Suvvia: il mercato è fatto così. Lo si può criticare, ma Microsoft non è certo l'unica, e probabilmente nemmeno la peggiore. Dal punto di vista delle DRM, per esempio, lo standard HD-DVD che lei promuove è ben più aperto e meno invasivo risetto al Blu-Ray di Sony...

Pape
Che Apple faccia prodotti compatibili solo per apple lo capisco, così come capisco che la Toyota faccia prodotti compatibili solo con la toyota.

Capisco meno il motivo che spinge sony a fare gps compatibili solo con win. E' come se la toyota facesse macchine compatibili solo con le strade anas, o la dash facesse un detersivo che va solo su lavatrici di una certa macchina.

In un mercato che funziona prodotti del genere non avrebbero successo. Se il mercato invece non funziona (i.e. non funziona per gli utenti ma per altri funziona benissimo), è possibile.

Che motivo avrebbe la sony di abbracciare un protocollo che prende anche il 95% dei possibili utenti, quando può abbraciarne uno che prende il 100%? Nessuno a meno che non sia incentivato dall'esterno.
> Paolo Attivissimo ha detto...
>possibile che un utente esperto come te non sappia configurare ben benino un firewall e tenere aggiornato un antivirus??
Da che deriva tutta questa disperazione?

So come farlo, ovviamente, ma il problema è che queste sono soltanto _alcune_ delle cose che devi fare per ottenere un hardening decente di Windows. In attesa della prossima falla.


Forse non hai considerato le 11 falle di MacOS X, dall'inizio del 2007, OVVIAMENTE ancora prive di patch! Nello stesso periodo XP Pro ha "raccolto" una sola falla.
[quote]Che motivo avrebbe la sony di abbracciare un protocollo che prende anche il 95% dei possibili utenti, quando può abbraciarne uno che prende il 100%? Nessuno a meno che non sia incentivato dall'esterno.
[/quote]

Sai quanto costa sviluppare dei driver, fare i test e pagare qualcuno per offire assistenza anche per Linux? Te lo dico io: tanto. Le aziende si fanno due conti in tasca: mi porta più benefici supportare Linux e spendere tanto, o fregarmene perché in ogni caso, i pochi utenti Linux che lo comprerebbero non bastano a ripagare le spese?

Ogni azienda fa i suoi conti, giusti i sbagliati che siano, e decide in base a questo. Poi, l'idea di Sony e MS che si faccinno i favori, quando nella realtà si stanno scannando sino alla morte con le loro console, mi fa sorridere ^_^

Pape
Sai quanto costa sviluppare dei driver, fare i test e pagare qualcuno per offire assistenza anche per Linux? Te lo dico io: tanto.
Tu poni un caso specifico (grafica) sul quale non saprei che dirti, ma considera che non tutte le aziende in Italia si occupano di grafica, e che la gran parte delle aziende italiane sono piccolissime realta' di una manciata di dipendenti che usano Word, Excel Internet Explorer e Outlook Express. Null'altro. Senza grosse esigenze per la stampante. Potrebbero gia' cominciare a utilizzare software alternativi, sempre su Windows - a proposito, il 25 scorso e' stata pubblicata la norma
UNI CEI ISO/IEC 26300:2007, e quindi lo standard di OpenOffice, OpenDocument, e' ufficiale anche in Italia. Ma non a Redmond ;)
Naturalmente la notizia non era degna neanche dell'ultima pagina della Gazzetta dello Sport.

Se poi si vuole passare a Linux, basta una live per verificare i driver, che se non esistono (nel mio caso - applicazioni ufficio standard - ho avuto piu' problemi con Win2000 che con Linux) e' per motivi meramente commerciali: pochi utenti, chi me lo fa fare? La quota di utenti Linux sta salendo, e con essi anche il supporto.

I tecnici ci sono: qui a un tiro di schioppo c'e' un tale Marcello Missiroli, docente e autore di Linux da Zero, che ne sforna da una quindicina di anni, insegnando a usare Linux. Per altre zone geografiche, prendetevela con le rispettive scuole!
[quote]Tu poni un caso specifico (grafica) sul quale non saprei che dirti.[quote]

Non, non andavo sullo specifico. In generale, aggiungere il supporto a un altro OS (o, in altri ambiti, disatribuire il prodotto, qualunque esso sia, in un altro paese) ha dei costi, e dei potenziali vantaggi. Aumenti i clienti potenziali, ma i costi salgono. Vale la candela? Dipende: ogni ditta fa le sue scelte, il mercato (cioé gli acquirenti) giudicano.

[quote]
La quota di utenti Linux sta salendo, e con essi anche il supporto.
[/quote]

Ottimo. QUando sarà salita abbastanza (per la mentalità di Sony), allora il tuo GPS avrà i suoi driver. Se non li avrà, ti comprerai un altro GPS. Ribadisco, non vedo il problema. Non capisco perché dovrebbero essere obbligati a spendere soldi per supportare qualcosa che non siano gli standard di sicurezza CEE, obbligatori per legge.

Pape
"Vale la candela? Dipende: ogni ditta fa le sue scelte, il mercato (cioé gli acquirenti) giudicano."
E difatti, visto quante sono ormai le persone che usano Linux, il mercato (cioé gli acquirenti) giudicano negativamente. E dire che basterebbe anche solo un pò di supporto da parte dei produttori, la comunità open source è ben capace di completare lo sviluppo di driver et similia da sola...
Cominciamo bene...Ho scaricato il "Windoes Vista Upgrade Advisor" per verificare se (per caso) il mio strafighissimo portatile nuovo di pacchera si poteva permettere cotanto software, e....il programmino non è nemmeno riuscito a riconoscere la connessione a Internet!!!!!
Se il buongiorno si vede dal mattino...
[quote]E difatti, visto quante sono ormai le persone che usano Linux, il mercato (cioé gli acquirenti) giudicano negativamente. E dire che basterebbe anche solo un pò di supporto da parte dei produttori, la comunità open source è ben capace di completare lo sviluppo di driver et similia da sola...
[/quote]

Quante persone usano Linux? IO personalmente non ne ho idea. O meglio, sicuramente buona parte dei server aziendali o Internet usano Linux o derivati da Unix. La gente normale? NOn è facile fare delle statistiche precise, ma non conosco UN SOLO UFFICIO dove si utilizzi Linux in ambito desktop. E non conosco nessuna azienda talmente "folle" da pensare di implementarlo sui desktop.

Ripeto, non so quanti lo usino a casa, ma basta guardare le statistiche di accesso dei siti più frequentati (anche dagli smanettoni, come /.), e ci si rende conto che ancora Windows, nelle sue varianti, sembra essere nettamente il leader, seguito da MacOs.

Per quanto riguarda il supporto da parte dei produttori, non è semplice come la poni tu. Verissimo che se venissero date info sui loro prodotti, chiunque potrebbe svilupparne i driver, ma devi considerare che le aziende ci tengono ai loro brevetti (ci fanno più soldi che vendendo prodotti, in molti casi), e non amano svelare i segreti delle loro architetture.

In ogni caso, non capisco la guerra santa. MI sembra ovvio che a seconda dell'utilizzo che si fa di un computer, e a seconda delle conoscenze dell'utente, l'uno o l'altro OS possano andare bene o male. A Linux non mancano i suoi spazi, e non a caso nelle aree dove eccelle è diffusissimo. Non solo nei server, ma anche nei dispositivi embedded e via dicendo. Se prorpio vogliamo, anche usando Google, scrivendo su questo blog e sulla maggior parte dei forum stiamo usando tutti Linux (o derivati di Unix)... perché ostinarsi a volerlo anche su tutti i desktop? Astio contro Gates? Perché dare degli idioti a coloro che usano Win? Sono tutti utonti? O hanno solo esigenze diverse?

Pape
@pape

mi pare che nessuno abbia mai detto di volere linux su tutti i desktop (escludo dal conto i vari troll di passaggio, ovviamente)
[quote]
mi pare che nessuno abbia mai detto di volere linux su tutti i desktop (escludo dal conto i vari troll di passaggio, ovviamente)
[/quote]

Più che volere Linux su ogni desktop, mi sembra che si voglia negare spazio a Windows, spesso per motivi più politici che altro. Ovviamente non voglio generalizzare, visto che qui dentro mi sembra che - fortunatamente - convivano più opinioni ^_^

Pape
Ci sono ovviamente coloro che sono un po' troppo fanatici, ma dire che "si voglia negare spazio a Windows, spesso per motivi più politici che altro" mi sembra quasi paradossale: si sono rovesciate le parti, è addiritura linux che con il suo strapotere limita il povero Windows...suvvia!

Quello che la maggior parte degli "anti-vista" (esclusi i fanatici ovviamente, ma ti invito a rileggere certi post di windowsiani altrettanto fanatici) è che la distanza tra utilizzatori di windows (facciamo 90% ? 80?) e gli utilizzatori di linux o mac non equivale alla distanza in termini di qualità. Anzi semmai è vista ad arrancare. Su questo io non posso dire nulla perché vista non l'ho ancora visto...ma il confronto tra xp e alcune distro linux o il mac mi sembra poco lusinghiero per redmond....eppure le percentuali sono quelle. Questo va contro le leggi di mercato, se il mercato funziona il prodotto migliore dovrebbe essere anche il più utilizzato.

Certo su quale che sia il prodotto migliore discuteremo all'infinito....ma ammetterai che quelle percentuali, se sono vere, non corrispondono alla vera qualità dei prodotti, e quindi il mercato non è sano...e il fatto che microsoft sia stato tacciato di monopolismo anche da organismi internazionali, vedi unione europea, spiega qualcosa
Pape, avevo deciso di lasciare cadere il discorso, perche' si stava andando troppo al di fuori del tema "Windows Vista, qualche consiglio d'acquisto" ma non mi devi confondere la politica con l'etica.
Cosa intendi per "politico"? Il fatto che l'ARCI ha deciso di supportare Linux? Il fatto che ne ha parlato bene anche Famiglia Cristiana (dicembre 2006)? Il fatto che sotto attuale l'governo e quello precedente si e' iniziato ad aprire (lentamente) le porte della Pubblica Amministrazione all'Open Source? La direttiva Stanca non e' nata per dare trasparenza negli appalti? Che trasparenza hai con un sistema chiuso?
TUTTI concordano con la necessita' di un'apertura all'Open Source.

O hai in mente la solita storia che "Linux e' antiamericano"? L'ultima volta che l'ho sentita le distro piu' diffuse erano RedHat, Debian e Novell SuSE: tutte e 3 americane (di Ubuntu si cominciava appena a parlarne).

E' una questione culturale, etica. Sicuramente posso sembrare troppo estremista, ma la mia posizione e' nata alcuni anni fa dalle stesse considerazioni di Matz: Linux e l'Open Source hanno dimostrato ampiamente che puo' esistere un modello di business differente (che era poi quello di 20 anni fa).

Paolo, scusami ma quanno ce vole ce vole. Se vogliamo tornare al tema, sottolineo: il mio consiglio per gli acquisti e' (nel caso di aggiornamenti): non accantonate del tutto la possibilita' di passare a Linux!
Maurizio, mi hai frainteso. Intendevo semplicemente dire che, come puoi vedere da molti post, alcuni parlano male di MS per partito preso, idem alcuni sostenitori di Mac o Linux. Non volevo fare riferimento alla politica di partiti e sindacati, ma a semplice ideologie personalissime, del tipo "mi sta sulle palle Gates", o "Gates è il più grande e gli altri non capiscono una cippa".


Pape
> Maurizio Grillini ha detto...
Pape, avevo deciso di lasciare cadere il discorso, perche' si stava andando troppo al di fuori del tema "Windows Vista, qualche consiglio d'acquisto" ma non mi devi confondere la politica con l'etica.
Cosa intendi per "politico"? Il fatto che l'ARCI ha deciso di supportare Linux? Il fatto che ne ha parlato bene anche Famiglia Cristiana (dicembre 2006)? Il fatto che sotto attuale l'governo e quello precedente si e' iniziato ad aprire (lentamente) le porte della Pubblica Amministrazione all'Open Source? La direttiva Stanca non e' nata per dare trasparenza negli appalti? Che trasparenza hai con un sistema chiuso?
TUTTI concordano con la necessita' di un'apertura all'Open Source.

L'ARCI ha deciso di supportare Linux? Famiglia Cristiana? L'attuale governo e quello precedente?

Tutti motivi validi per abbandonare ogni idea di provarlo!
Dopo tutto questo parlare di DRM, diritti d'autore e licenze, suggerisco l'ascolto di questa canzone di Weird Al Yankovic:
http://assets.artistdirect.com/Downloads/artd/listen/DDTS.mp3
dal titolo "Don't download this song" (è free, gentilmente offerta da http://www.artistdirect.com/freemp3s).
Chi era giovane negli anni 80 ricorderà Weird Al per le parodie di "Beat it" e "Like a Virgin"...
OK, Pape, chiarito l'equivoco. E scusami se mi sono scaldato. Sono anni che sento solo bufale su Linux...
Non mi sta sulle palle Mr. Gates. Mi stanno sulle palle i giornalisti TV (miei "dipendenti", come direbbe Beppe Grillo, in quanto pago il canone) che - quando venne in Italia (SMAU) - gli dedicarono una lunga intervista per fargli parlare solo delle opere benefiche della sua fondazione.
Mi stanno sulle palle i dirigenti delle Poste Italiane che dopo un blocco di 4 ore per il virus al SQL-server (in un piccolo paese 4 ore significa 24) la sera stessa si sono ritrovati a cena con i dirigenti di una multinazionale (a caso) e il giorno dopo hanno annunciato uno storico accordo (per inteso: era sufficiente una manciata di ore di corsi sulla sicurezza a chi non aveva applicato una patch). Io pero' quando vado in posta, mi ritrovo spesso ad aspettare fino ai tre quarti d'ora prima che i computer si accendano: la fila si allunga ma "abbiamo problemi con il computer". Riuscira' Vista a risolvere questi problemi?
Mi stanno sulle palle anche quelli che mandano listini con le macro di Excel (saro' ben str...?), che obbligano anche il corrispondente a utilizzare Excel.
Mi sta sulle palle aver speso fior di quattrini per una licenza Delphi 6 Enterprise e aver dovuto implorare un codice di sblocco alla Borland alla 10ma reinstallazione (ma sono l'unico che in 6 anni ha formattato piu' di 10 volte il disco o cambiato pc?).

Sul DRM non ho ancora detto nulla, ma e' ovvia la preoccupazione: quello che compro legalmente oggi lo potro' utilizzare o vedere domani? Posso fidarmi?
Sto per acquistare un portatile, ma senza vista. Anche se ci sono dei modellia prezzi non eccessivi con vista, avro' fatto bene? al limite faro l'aggiornamento (ma e' gratuito?) dal sito del produttore. Pensavo anche di metterci office 2007 , cosa ne pansate?
> Un anonimo ha detto...
Pensavo anche di metterci office 2007 , cosa ne pansate?

Prodotto fantastico!
E OpenOffice l'hai considerato? A quel che ho visto è un buon prodotto, ed è compatibile con tutti i formati Office... potrebbe fare al caso tuo.

"L'ARCI ha deciso di supportare Linux? Famiglia Cristiana? L'attuale governo e quello precedente?

Tutti motivi validi per abbandonare ogni idea di provarlo!"

Scusa ma... allora tu da che parte stai? Praticamente hai escluso ogni "parte" disponibile! :P
Anarchico? Apolitico? :D
> Un anonimo ha detto...
Pensavo anche di metterci office 2007 , cosa ne pansate?

Prodotto fantastico!


Sarà pure fantastico, ma la microsoft di certo non lo regala!
Anch'io opterei per openoffice, visto che è gratuito provare vale la pena. Se poi si presentano problemi di compatibilità con documenti office insormontabili, solo allora penserei all'acquisto di office 2007
Posso sapere perchè quando si "discute" occorre sempre "accapigliarsi"? (questo è il motivo per cui non sopporto i blog in rete). Sto leggendo le varie opinioni per cercare di farmi un'idea su Vista, dato che tra qualche mese prevedo di dovermi comperare un laptop per lavoro, e devo perdere del tempo a leggere gente che si aggredisce, nemmeno fossero su una tribuna politica. Io sono un'utente (a volte utOntA) che usa il PC solo per lavoro, non ho sposato nè Windows nè Linux nè Mac e cerco solo di fare le scelte migliori per il mio lavoro. Ognuno è libero di dire la sua opinione su ciascuno dei tre SO e su altro, meglio se suffragata dall'esperienza personale, ma per piacere lasciamo perdere le questioni personali e le prese di posizione assolute. Io uso Windows in parte perchè costretta e in parte perchè al momento non ho nè il tempo nè il modo di passare ad altro, ma mi fa piacere sentire le critiche a Windows e le esperienze su altri SO, perchè mi aiutano a capire. Non mi sogno di difendere a spada tratta un SO: quindi possiamo ridurre i toni? Grazie
Anna, in teoria avresti ragione. Ma quando leggi, una manciata di righe sopra il tuo post, che "Sto per acquistare un portatile, ma senza vista... Pensavo anche di metterci office 2007", non puoi negare che l'acquirente di un computer oggi e' alla merce' del venditore: si da per scontato che un computer senza vista puo' far girare office 2007 (ergo: computer senza vista = xp).

Come sai, molti si mettono a scrivere nei blog senza leggere neppure il titolo (in questo caso: Windows Vista, qualche consiglio d'acquisto).
Paolo da un consiglio: ...coglierei l'occasione per dire basta ai soprusi, alle imposizioni, alla corsa all'hardware e ai lucchetti inutili e cambiare una volta per tutte.

Io lo condivido in pieno. Altri come me. Altri no. Ammetti anche tu di essere in parte costretta ad usare Windows. Questo e' per me il nocciolo della questione. Scuole ed enti che spendono male i miei e i tuoi soldi perche' si sentono costretti a usare Windows, con motivazioni che vanno dalla pura ignoranza ("mai sentito nominare Linux, tantomeno OpenOffice" - e questo a qualche anno dall'accordo Sun/StarOffice) alla vera schiavitu' ("abbiamo pagato le licenze... ").

Come hai potuto leggere dai post precedenti, c'e' chi sparla di Linux senza aver mai visto una schermata (e dire che di link ne ho visti...). E' ovvio a questo punto che se uno non sente, l'altro e' costretto ad alzare la voce.
> ataru1976 ha detto...
> Un anonimo ha detto...
Pensavo anche di metterci office 2007 , cosa ne pansate?

Prodotto fantastico!

Sarà pure fantastico, ma la microsoft di certo non lo regala!


Visto che chi lo regala (OpenOffice) non riesce a fare un prodotto decente, l'unica cosa che resta da fare è proprio acquistare Office2007
> Come hai potuto leggere dai post precedenti, c'e' chi sparla di Linux senza aver mai visto una schermata (e dire che di link ne ho visti...). E' ovvio a questo punto che se uno non sente, l'altro e' costretto ad alzare la voce.

E di che ti sorprendi? L'autore di questo blog fa esattamente la stessa cosa "s"parlando di Vista senza mai averlo usato.
>E di che ti sorprendi? L'autore di questo blog fa esattamente la stessa cosa "s"parlando di Vista senza mai averlo usato.

E gli storici parlano di storia pur essendo sprovvisti di macchine del tempo, i planetologi parlano di pianeti senza essere mai andati nello spazio, e i paleontologi parlano di dinosauri senza averne mai visto uno vivo. E' scandaloso.

Ho forse bisogno di piantarmi un chiodo in un dito per dedurre che farebbe male? Non mi posso forse basare sull'esperienza altrui ed evitare di ripetere gli sbagli già commessi da altri?
C'e' chi "s"parla di Vista senza averlo mai usato e chi "s"parla di Linux senza averlo mai usato. Pero' ci sono:
- le schermate di esempio da cui dedurre che Windows e Linux non sono poi cosi differenti...
- informazioni sui programmi (esistono TUTTI i programmi per entrambi - dipende se si vuole pagare e quanto)
- i test sulla sicurezza, che ci fanno capire che Linux e' nettamente superiore (e qui si scatenera' il distinguo su come si fanno questi test - ma io parlo di desktop, non di un server ben configurato!!!)
- eccetera eccetera

Esistono cioe' elementi di valutazione sufficienti per capire se vale la pena o no spendere i soldini per Vista.

P.S. - naturalmente il discorso si puo' allargare a Apple (di cui non conosco nulla e quindi preferisco tacere).
> Paolo Attivissimo ha detto...

"Ho forse bisogno di piantarmi un chiodo in un dito per dedurre che farebbe male? Non mi posso forse basare sull'esperienza altrui ed evitare di ripetere gli sbagli già commessi da altri?"

Secondo me non puoi, o meglio non dovresti. I motivi del mio "non dovresti" sono molteplici: questo non è un blog di un ragazzino (hai una responsabilità), ti definisci giornalista (un giornalista dovrebbe essere super partes), visto che ricevi donazioni dovresti "almeno" garantire un servizio di qualità e non fazioso, ci sono varie info e fonti su vista; alcune riportano che ci vogliano ore ad installarlo mentre altre dicono mezz'ora. Alcune affermano che i requisiti minimi necessari sono da "super-computer" mentre altre confermano che sia sufficente un computer normale. Alcune fonti dicono che c'è una grossa limitazione multimediale, mentre altre affermano che i contenuti multimediali sono garantiti (qualcuno ha copiato tranquillamente dvd e tracce audio con gli strumenti intregati in vista)...ecc....ecc

Riassumendo drovesti quantomeno "mediare" le info delle varie fonti e non prendere solo quelle che fanno più comodo a te.

Questo, "ovviamente" è il mio pensiero.
> Maurizio Grillini ha detto...
C'e' chi "s"parla di Vista senza averlo mai usato e chi "s"parla di Linux senza averlo mai usato. Pero' ci sono:
- le schermate di esempio da cui dedurre che Windows e Linux non sono poi cosi differenti...


guarda che sono i troll di linux che affermano che linux è decisamente migliore. Neanche fosse il sistema operativo da 6 milioni di dollari: più forte, più veloce..."

- i test sulla sicurezza, che ci fanno capire che Linux e' nettamente superiore (e qui si scatenera' il distinguo su come si fanno questi test - ma io parlo di desktop, non di un server ben configurato!!!)

Un desktop Win ben configurato è al pari di un desktop Linux.

- eccetera eccetera

appunto: ecc ecc
>Riassumendo drovesti quantomeno "mediare" le info delle varie fonti e non prendere solo quelle che fanno più comodo a te.

Infatti è così che è strutturato l'articolo: inizia con un forte invito a leggere i dati tecnici presentati da Punto Informatico, poi prosegue con le mie opinioni personali, che sono chiaramente etichettate come tali e sono supportate da ampia documentazione.

Ciao da Paolo.
> Paolo Attivissimo ha detto...

poi prosegue con le mie opinioni personali

come fai a diffondere opinioni personali visto che non hai provato Vista?

che sono chiaramente etichettate come tali e sono supportate da ampia documentazione.

Cosa? Ampia documentazione? ha ha ha. Ma dove?
Dopo 15 anni di utilizzo di quelli che un tempo si chiamavano "IBM compatibili" (da Dos 3.3 a Windows XP) un anno fa ho deciso di passare a MAC. Non tornerei mai più indietro! Per deformazione acquisita ho buttato via soldi per acquistare antivirus e firewall, del tutto inutili (che ho disinstallato).
La qualità e l'efficienza del MAC è eccezionale. In ufficio continuo ad usare il PC (perché è quello che passa il convento) ma non vedo poi l'ora di tornare a casa per sedermi davanti al mio MAC! E' come passare da un'utilitaria a una gran turismo.
Non sono un tecnico e non sono in grado di valutare le funzionalità più avanzate di XP o di Vista. So solo che un computer deve essere semplice e sicuro da usare per le persone inesperte, perché deve servire a chi lo usa per lavorare e per divertirsi non alle teste d'uovo di informatica.
Ovviamente usare Windows non è necessariamente una cosa sbagliata ma teniamo presente che la concorrenza tra più sistemi operativi è una garanzia di libertà.
Blasius, sul MAC: E' come passare da un'utilitaria a una gran turismo.

Non lo metto in discussione. Lo stesso vale per me con Linux: dopo anni di dual boot, uso Windows solo quando ne ho veramente l'esigenza (solo per Delphi).
Usare una macchina con Windows e poi riavviarla con Linux ti fa capire veramente quanto vale Linux (per chi ha bisogno di ragionare in dollari, molto piu' di 6 milioni!), e con Windows ti sembra come avere il motore di una Panda su una Ferrari.

Il mercato va cosi... schiafferanno Vista su tutti i nuovi pc, e quindi non varra' la pena di discuterne, la scelta la faranno altri per noi. Poi stara' all'utente "ben configurare" il desktop (e notoriamente, tutti saranno in grado di farlo), altrimenti saranno virus amari...

Ma sui vecchi computer, l'utente puo' ancora scegliere.
"Visto che chi lo regala (OpenOffice) non riesce a fare un prodotto decente, l'unica cosa che resta da fare è proprio acquistare Office2007"
Decente..? Qual'è la tua definizione di "decente"? Se intendi un programma che fa tutto quello che fa il concorrente, che può usare tutti i formati del concorrente e qualcosa di più, che può salvare in PDF da ben prima del concorrente... allora sì, quello è un programma decente. Però stai parlando di OpenOffice.

"guarda che sono i troll di linux che affermano che linux è decisamente migliore. Neanche fosse il sistema operativo da 6 milioni di dollari: più forte, più veloce..."
No guarda, i troll di linux sono quelli che dicono "windows non vale un cazzo, e chi lo usa è un ritardato ancora all'età della pietra". QUELLO è un troll. E lo stesso discorso vale per i troll di windows, che criticano linux senza averlo mai visto, ma siccome va contro alla "sua" microsoft va smerdato senza pietà.
Però io ho sentito discorsi sulla superiorità di Linux anche da non-fanatici, quindi non mi sembra solo roba da guerra santa, ma da discussione che ha ragione d'essere.
Io personalmente considero certi fatti: quale windows può essere configurato e installato per far girare tranquillamente come firewall o altro un 486 (e non sto parlando dei requisiti minimi di win95, non barate...)? O ancora, perchè come diceva qualcun'altro su questo blog, gli elettromedicali usano Unix, ovvero dove l'affidabilità del servizio è vitale? E perchè la maggior parte degli smanettoni di livello più elevato usano Linux in qualche salsa? Mi sembrerebbe strano che Schuacher scegliesse "solo" una Lancia Delta per correre a Monza, quindi "qualcosa" ci dev'essere...
Io non vorrei sembrare arrogante anzi mi scuso in anticipo per il mio esuberante intrvento tuttavia ho la netta impressione che molti personaggi intervenuti in questo blog non abbiano la minima idea di che cosa significhi Affidabilità e Produttività.Possibile che vi sembra normale affidarsi ad un antivirus??Possibile che vi sembrano geek persone che usano sistemi operativi dfferenti da Windows?Questi sono i problemi alla base delle monoculture signori miei perchè tutto ciò che non è Windows è difficile......
Difficile??Per me difficile è stare attento ogni volta che navigo a non cliccare su si ad ogni popup sospetto per me difficile è far convivere antivirus antispyware è sperare che la baracca regga per me sempre piu difficile è sperare che installando la nuova apllicazione non vada ad intaccarsi un fragile equilibrio nel registro di sistema e formattare ogni sei mesi?(mettiamo un anno?)perchè pure se apro e incollo un testo su notepad il sistema stenta ....e non dite fuffa altro che Ubuntu(e tutte le altre distro) È difficile neanche vi ci mettete ad imparare perchè siete sbronzi di quella monocultura(e arroganza) che non vi fà vedere al di la della vostra finestra......GNU/Linux è semplicemente diverso come lo è OSX la differenza è che in questi OS è il sistema che gira intorno all'utente,e non l'utente che deve rincorrerlo per tappare questa o quella falla. Che poi se c'è qualcuno soddisfatto del proprio sistema desktop Windows per carità.....ma se doveste avere a che fare con sistemi di produzione?(dove produrre di più significano dindi)quanto tempo perdereste per fare la manutenzione del sistema?quanti tra riavvi formattazioni defrag e attenzioni particolari porteranno via ore al vostro lavoro?Quanto carico della CPU sarà portato via da questo o quel processo che gestisce Antivirus antispyware e tutti i tools di santissima sicurezza???E quanto ne rimarrà per le vostre apllicazioni di produttività??Non è una questione filosofica ne una WindowsFobica sono fatti e non opinioni...inesorabili peculiarità che sono sotto gli occhi di tutti(tranne che non li chiudiate per "fede").E questo in generale per il discorso Windows e altri OS.In particolare per Vista non posso dire nulla(visto che non lo possiedo ed ho avuto modo di provarlo pochissimo)ma se il buon giorno si vede dal mattino...(Antivirus Microsoft???)ad ogni modo mi riservo considerazioni future.E non tornatevene con le debolezze di GNU/Linux che si contano sulle dita di una mano e vanno cmq ESEGUITE con i diritti di root.....(chi esegue una applicazione sconosciuta??)e non sono "TRASPARENTI"all'utente.....il discorso è diverso per gli attacchi DOS ma è UN problema tra l'altro risolvibile mettendo mano a iptables(tra l'altro si sta studiando proprio una pacht a livello di kernel)....E poi c'è la storia dei driver....certo adesso è colpa di GNU/Linux perchè NON SUPPOPRTA i driver,e non delle case produtricci che NON LO SUPPORTANO con il loro driver...ma perfavore.....
Saluti signori miei e provatele le cose prima di giudicarle senza avere la presunzione di trovarvi davanti al "vostro sistema" e con l'umiltà di voler "imparare" qualcosa di nuovo.Se poi non avete voglia di imparare nulla evitate di parlare di cose di cui non avete la più pallida idea.
> Un anonimo ha detto...

Forse non hai considerato le 11 falle di MacOS X, dall'inizio del 2007, OVVIAMENTE ancora prive di patch! Nello stesso periodo XP Pro ha "raccolto" una sola falla.

Mi auto-quoto e siccome, caro paolo, non mi hai ancora corretto, vuol dire che Apple non è poi così veloce nel riparare le proprie falle come vai raccontando.
vorrei proprio sapere quanti di voi opinionisti sanno davvero come funziona un SO, e quanti hanno provato davvero Vista.
Io ho partecipato attivamente alla fase di test, utilizzandolo senza problemi su un laptop (intel centrino 1,7GHz- 1,5GB ddram, 128MB video) e vi posso assicurare che è davvero fastidioso sentire i commenti di chi non ha ancora idea di cosa sia questo prodotto.
Informatevi bene prima di buttare fango sul lavoro degli altri, e ricordatevi soprattutto che il motivo principale per cui Windows è più diffuso di altri SO, è la maggiore compatibilità hardware ed il maggiore supporto sul prodotto.
Non pensate sempre al complotto quando una periferica non è compatibile con linux, perchè si tratta di politiche aziendali: se io produco hardware e guadagno x euro vendendolo alla stragrande maggioranza degli utenti sono liberissimo di disinteressarmi di una nicchia di utenza che ha degli standard diversi.
"Informatevi bene prima di buttare fango sul lavoro degli altri, e ricordatevi soprattutto che il motivo principale per cui Windows è più diffuso di altri SO, è la maggiore compatibilità hardware ed il maggiore supporto sul prodotto."
A parte che buttare fango dipende da come è stato FATTO quel lavoro... e si sa che microsoft non ha dei precedenti lusinghieri... ma i produttori fanno driver e software perchè è il SO più diffuso, non il contrario, è una specie di circolo vizioso che parte dalla diffusione di windows. Invece il motivo per cui win è così diffuso è principalmente perchè microsoft fa marketing prima che software... perchè per qualche anno win è stato "prodotto acquistabile solo unitamente all'acquisto di un PC", per tutte quelle politiche che stranamente hanno fatto muovere gli antitrust americani ed europei...
Non certo per meriti suoi. Bill Gates è sempre stato un venditore votato al profitto prima che uno sviluppatore, guardatevi "Pirates of the Silicon Valley", è un film interessante...
Tant'è che, nei settori dove contano altre cose sopra a marketing e costi, (tipo server, elettromedicali, gestione macchinari...) non ci sono sistemi microsoft, ci sono gli Unix/Linux.
Devo dire che l'idea di passare a Linuz mi ha tentato, e non poco, perchè, a quanto ho potuto vedere, è un buon sistema operativo. La cosa che ancora mi trattiene è una limitazione che non può essere sottovalutata: i driver delle periferiche. Infatti è risaputo che non proprio tutti i modelli di stampanti, scanner e altri hanno anche il driver per Linux, nè può sorridere tanto l'idea di buttare via quelli che si hanno per acquistarne altri, magari con prestazioni inferiori. Per quel che mi riguarda è bastato il passaggio dal pentium 3 al pentium 4 a costringermi ad accantonare l'ottimo scanner SCSI ad elevate prestazioni, che funzionerebbe ancora da dio in ambiente MAC, e non mi sorride l'idea di cambiare ancora attrezzo. Ai tempi di Windows 95 e 98 ricordo che c'erano periferiche che offrivano anche driver per Linuz, mentre ora non è la stessa cosa. Cosa si potrebbe fare per indurre le case produttrici di scanner, stampanti ecc. a creare i driver anche per linux?
LKML una nuova organizazzione guidata Greg Kroah-Hartman ha lanciato una iniziativa sul produrre gratuitamente driver per GNU/Linux.L'unica cosa che le case produtrrici di hardware dovrebbero fare e rendere loro le specifiche tecniche (specifiche che per tranquillizzare i produttori saranno protette dagli accordi di non divulgazione )
Sarebbe una ganzata. Speriamo che si diano una mossa!
non capisco perchè quasi tutti i sostenitori sfegatati di WVista siano anonimi e abbiano la tendenza ad insultare...
sembra che per loro non decantare le lodi a MS sia un atto di lesa maestà! manco l'avessero progettato loro...
una singola osservazione su aspetti che tutti gli utenti MS (come me) tristemente ben conoscono, e subito parte una guerra santa..
ue' ma che c...o avete in testa!
è un sistema operativo, deve servirvi, non voi servire lui!

Io come ANNA sono qua per farmi un'idea, recuperare informazioni.
poi andrò a leggermi qualche altro forum e recensione, e mi farò un'idea per conto mio.
non mi è parso che qualcuno qua voglia per forza far passare i lettori a MAC o Linux
mentre la difesa a spada tratta dei wintroll mi rafforza l'idea di stare ben lontano da Vista...
chi cerca di propinarmi la sua verità con arroganza e presunzione, e per di più mi fa perdere tempo a leggere attacchi insulsi ed infantili, mi ha sempre fatto detestare la parte per cui parteggia...

bye
Fabrizio
Per Giulio Gambino: Non pensate sempre al complotto quando una periferica non è compatibile con linux, perchè si tratta di politiche aziendali: se io produco hardware e guadagno x euro vendendolo alla stragrande maggioranza degli utenti sono liberissimo di disinteressarmi di una nicchia di utenza che ha degli standard diversi.

Questo non significa che i produttori di hardware abbiano ragione. Io ho liberamente scelto Linux e sono soddisfatto, e se con Linux non posso leggere i contenuti del mio registratore vocale Sony (ICD-P320) e' per due motivi: manca il driver (non va bene un semplice collegamento USB al computer) e i dati sono registrati in uno standard proprietario (DVF) che mi costringe ad andare a prestito su un computer Windows, usare il programma Sony, trasferire i file su un formato "universale", copiarli sulla chiavetta USB e poi portarli su Linux.

Naturalmente ho detto la mia al produttore, ma dopo 7 mesi sul sito la parola Linux non appare ancora.
La cosa non mi fa problema, non uso il registratore tutti i giorni, ma dubito che questa "non scelta" da parte del produttore potra' premiare alle distanza. Non certo da parte mia. Sia per i driver, sia per il formato di file.

E Sony non e' una dittarella da poter definire succube della Microsoft.
"LKML una nuova organizazzione guidata Greg Kroah-Hartman ha lanciato una iniziativa sul produrre gratuitamente driver per GNU/Linux.L'unica cosa che le case produtrrici di hardware dovrebbero fare e rendere loro le specifiche tecniche (specifiche che per tranquillizzare i produttori saranno protette dagli accordi di non divulgazione )"
L'avevo detto io! :)
...e mentre noi stiamo qui a gingillarci con l'Anonimo che compra il computer senza Vista ma vuole metterci Office, in Francia si progetta di distribuire chiavette USB con OpenOffice, e altro software Open Source agli studenti e ai docenti...
Cosa fare?
Mettere un sistema libero naturalmente!
www.freepenguin.135.it
Ho dei pc con XP perfettamente funzionanti, senza problemi da 4 anni ormai, ho 4 mac, un hd slave con Kubuntu edgy 6.10.. mi rivolgo a coloro che decantano il mac os X..Estasiati da tanta bellezza? Commossi dal sapere che su Mac non ci sono virus da anni (e gli unici a dare problemi erano le macro di Office, che offrivano un passaggio ad un cavallo di Troia)? Siete stati folgorati sulla via di Cupertino (dove ha sede la Apple), oppure volete convinvere chi legge questo blog a fare il grande passo? Allora è bene dare un'occhiata dentro agli scatoloni curati della Apple e indicarne le magagne.

Obsolescenza
Questo parolone indica che le macchine invecchiano rapidamente. Vero è che anche sul lato PC le cose non vanno meglio. Ma se speravate che la Apple fosse radicalmente diversa dagli altri, vi sbagliate di grosso. Pensate di aggiornare, tra un paio di anni, il disco rigido del vostro Mac? Se si tratta di un PowerBook o di un iMac schermo piatto, scordatevelo. Già aggiungere un banco di ram richiede una cura un po' al di sopra della media, quindi prima dell'acquisto pensate bene alle vostre necessità. Dopo, metterci le mani non sarà semplicissimo. Adesso capite a cosa serve la tecnologia: a indurre le persone a liberarsi di cose che funzionano ancora benissimo ... solo perché non si può svitare una vite.

Aggiornamento software
Ovviamente, gli ingegneri di Cupertino lavorano notte e dì per rendere il sistema operativo (e le applicazioni collegate), sempre più stabili, belle, veloci, ecc. ecc. Dite che sarebbe bene lavorassero di meno e meglio, rilasciando aggiornamenti solo quando servono, e non per provocare l'invecchiamento precoce delle macchine? Giusto. Così come a volte un aggiornamento risolve certe falle, per aprirne poi altre. Dimenticavo: la Apple non permette a nessuna rivista di pubblicare su CD Rom i vari aggiornamenti, quindi se avete un modem 56k, siete messi maluccio.

Processore
E' stato il cavallo di battaglia di intere schiere di utenti Wintel: l'arretratezza dei processori Apple rispetto a quelli sfornati dalla Intel. Per essi poi, era un dettaglio che per collegare al proprio scatolone Wintel una semplice videocamera e così scaricare i filmini delle vacanze, si dovesse spendere mezzo stipendio in hardware di terze parti... Ora, con l'arrivo del G5 le cose sono cambiate. Direte: e allora perché ne parli se ora tra Apple e Intel non c'è più alcun divario? Perché la società di Cupertino mai prima d'ora ha avuto le carte giuste per conquistare schiere di nuovi utenti. Sortunatamente, la sua sede è negli U.S.A., dove si ha una certa difficoltà a credere che esistano altri Paesi e Continenti, oltre al proprio. La politica commerciale della Apple è simile ad un singhiozzo: quando c'è, è a intermittenza, spesso poi, scompare.

Servizio clienti
Tra gli utenti Mac gira una battuta su quelli Microsoft: tutti comprano Windows perché, è vero che si schianta ogni giorno, ma girato l'angolo trovi qualcuno che te lo ripara. Se si suicida il vostro Mac in garanzia, verrà spedito in Olanda. Anche se il vostro rivenditore ha un laboratorio per riparare le macchine, dovete rassegnarvi. Vorreste sapere il perché? Già, perché? La Apple offre la possibilità, a chi acquista un suo computer, di sottoscrivere un piano di protezione contro eventuali guai che possono capitare alla macchina. Diverse opzioni, ciascuna su misura del modello comprato.

Ram
Alla Apple devono aver avuto antenati o scozzesi, o genovesi. Le macchine vengono fornite con la quantità minima di Ram, così l'utente appena ha sborsato i sudati Euro per il suo computer, si rende conto di dover già mettere mano al portafogli, e aggiungere altra ram.

Aqua
E' il nome dell'interfaccia di Mac OSX, e da quando è nata ha diviso gli utenti della mela mordicchiata. E' molto bella, questo è certo, ma la bellezza non è ciò che un utente cerca, bensì vuole leggerezza e intuività. Aqua è pesante (in termini di richieste di risorse di sistema, ovviamente), con alcuni "effetti speciali"e incongruenze di cui si potrebbe benissimo fare a meno, e proprio per questo non se ne capisce la presenza. Imparerete anche ad avere a che fare con il Dock: praticamente il ponte di comando da cui lanciare le applicazioni. Disgraziatamente, non è abbastanza flessibile, e se avete la necessità di usare per lavoro parecchi programmi, ben presto andrete alla ricerca di qualche soluzione shareware che vi consenta maggiore libertà. Per molti utenti Mac, l'interfaccia di Mac OS9 doveva essere solo riveduta e corretta (un po' come ha fatto Microsoft con XP, scegliendo la strada della continuità), e non sostituita da Aqua. Ma ormai ...

Open Source
La Apple si vanta (giustamente), di aver ridato lustro a Unix, con la sua scelta di impiegarlo come base di Mac OSX. Spesso e volentieri, ingloba nei suoi programmi (vedi ad esempio "Safari", il navigatore della società di Cupertino), componenti Open Source, o rilasciati secondo la licenza GNU. Tuttavia, la Apple è una società che bada al sodo, cioé al profitto. Se siete programmatori, e pensate di avere mano libera, siete in errore. La Apple vuole avere ben saldo in mano lo sviluppo del suo software, ora e sempre. Non è, né vuole essere paladina dell'Open Source. In questo senso, probabilmente, Linux ha qualche vantaggio in più, e continuerà ad attirare schiere di giovani programmatori che adorano mettere mano al codice del programma (o del sistema operativo), migliorarlo e poi condividerne i vantaggi con il resto della comunità.

Concludo dicendo che la scelta migliore e' quella basata sulla FINALITA' PERSONALE che si vuol ottenere dal pc, con un occhio ad eventuali versioni FREE e compatibili con gli altri OS
inutile fare una guerra informatica, tanto tutti si rendono conto delle cose come stanno solo dinanzi all'inevitabile, inevitabile sempre piu' vicino.
vero, il mac attualmente non e’ un desktop ma un portatile usato come un desktop
al pari di qualsiasi portatile, non puoi cambiare nulla che non sia ram e/o HD, se queste cose sono comprensibili per un portatile, lo appaiono di meno quando si compra un desktop, dove ti aspetti che se vuoi migliorarlo (esempio nuova scheda video, monitor lcd di maggiori dimensioni come hai detto tu), con un mac non puoi farlo, a meno che non compri un sistema veramente al top di gamma che costa tanto, uno sproposito per un utente comune, specie se si paragona ad un pc windows.

Un mio amico ha mandato in garanzia il suo imac, ancora lo attende da oltre 3 settimane, e pensare che l'applecare che ha sottoscritto non e' poi neanche tanto a buon mercato! quasi 400 euro per un piano di garanzia, cioe ci comperi un portatile usato su ebay!

Kubuntu l'ho usato per poco tempo ma gli applicativi sono solo per smanettoni, quasi nessun gioco, perche' dovrei usare kubuntu se con Xp posso ancora fare tutto?

Il futuro computer a mio avviso sara’ quello che avra’ un design stile mac, un os stile macos ma con le potensialita’ di upgrade di un pc, dal costo di un pc, e soprattutto con tutte le numerose applicazioni native per pc che attualmente si trovano sul mercato, se poi saremo in grado di debellare il DRM, tanto di guadagnato.

Uso il pc non a caso, e' mio parere che il PC esce ancora vincitore da questo match, sotto quasi tutti i punti di… vista!, anche se uso e usero ancora XP!
Ma perchè non usate Linux???
Anche un cretino integrale sarebbe in grado di installare e usare le ultime versioni delle distro più usabili (Ubuntu, Kubuntu, Fedora, Suse, Mandriva, Mepis, ecc. ecc.).
E' gratis, non ha praticamente virus, la Free Software Foundation è contro il Trusted Computing, ma che c***o volete di più???
Mi sembra una discussione fuori luogo. Parlo da utente medio fino a poco tempo fa. E' ovvio che per me è comodo andare a comprare un computer e averlo pronto all'uso, molti rivenditori trovano comodo installare win(alcuni paghi la licenza ma non hai i cd di istallazione, caso strano, mah) e mi è capitato di chiedere linux, mi hanno rimandato al loro tecnico che non sapeva nemmeno come si installa linux...vabbè se questa è la competenza delle persone che ci preparano il pc, capisco perchè molti utenti utilizzano windows!

Io sono sempre convinta che se prendo un utente medio e lo metto davanti a due desktop aperti uno con win e uno con ad esempio ubuntu(per questioni di semplicità) non arriva a notare differenze sostanziali, al massimo un nome leggermente diverso per un programma, ma niente di non superabile con qualche minuto per fare mente locale. Le interfacce grafiche di linux sono al pari se non migliori di quelle presenti per windows e altrettanto semplici. Per ogni programma si hanno how-to esaustivi e in italiano, che richiedono 5 minuti di lettura a fronte di tutto il tempo perso a mantenere windows un po sicuro. Se l'utente medio non sceglie linux per la complessità o perchè non vuole perdere tempo ad imparare ad usare il pc con qualche comando, perchè deve perdere tempo ad imparare cosa è e a mantenere aggiornato e attivo un firewall, uno spysystem o altro?? anche queste mi sembrano competenze non richieste ad un utente medio, però accettate su win. Il fatto che su linux sono presenti programmi che richiedono compilazione manuale(opportunamente documentata)più potente della standard presente su windows viene però visto come una cosa dell'altro mondo. ma non scherziamo su.

Qui nessuno vuole convertire nessuno, qui si fa informazione, si ricorda che le alternative ci sono, che sono altrettanto valide, si cerca di ricordare che non devo guardare alla potenza del processore, ma anche al tempo che devo perdere per mantenere attivo il computer e tutto il resto. Si ricorda anche che nel caso di linux le risorse sono free, quindi utile in uffici per ridurre e non di poco i costi relativi a licenze.

Ho usato windows, per questioni di studio ho imparato ad usare e ad amare linux, però in ufficio sono costretta ad usare windows e ovvio che mi scocciano i messaggini di win e i riavvii indesiderati alla disinstallazione di un programma. Potendo scegliere, linux, linux e solo linux(non avendo provato mac non posso dire mac :-P)

Su windows vista dico solo che 1 gb di ram sembrano eccessivi, io ho il mio portatile che ha 3 anni e con 512 mb di ram si difende, se mi venisse in mente di mettere windows non potrei più usare il pc...ciò ne consegue che ne devo comprare un altro. Il punto è che non tutti hanno le risorse finanziare per cambiare pc o pezzi del pc ogni 2 mesi, quindi chi fa sw dovrebbe sempre guardare anche a queste situazioni.

A chi diceva anche che se non uso programmi come photoshop o altro vista ha buone prestazioni...mi sembrano grossi come limiti, mi vuoi dire che appena scarico le foto sul pc il sistema va in crash? e devo essere contenta di questo? Non scherziamo.
Ma la vogliamo finire con queste diatribe Mac Vs Win Vs Linux?? Allora: innanzitutto Non è vero che un Mac sia più caro di un PC...forse quelli che ti rifilano ai Me**a w**ld, i vari Aceroni e Delloni "all inclusive"...Costruirsi da sè un ottimo Pc, magari affidandosi alle sapienti mani di pochi assemblatori degni di tal nome come Essedì, Infomaniak e pochissimi altri costa...sia in termini di denaro, che in termini di risorse cognitive. A partire dall'estetica : pochissimi Macofili sapranno ad esempio che esistono "case" per Pc che costano quasi come un Pc stesso venduto nei "supermercati"...Case dalle linee, dall'areazione eccelsi...personalizzabili con ventole oppure impianti a liquido...ah, già...scusate....mi sa che per chi usa Mac questo sia Arabo...forse Talebano :-))Ho letto che (forse ho letto male) persino per l'audio Mac è superiore..Beh, su un Pc (così come su Mac ;-)) si può installare una X-FI elite Pro oppure un bel "DAC" della Apogee che da solo costa 3000 euro....poi naturalmente chi ha un po' di conoscenza sa che a suddetto DAC (o a suddetta scheda) a valle ci si può anche installare un impianto ad alta fedeltà da 20.000 euro...se ha il vil danaro ovvio...et Voilà!...anche un Pc può essere uno "stereo" forse in taluni casi superiore a molti impiantini "sony" o "kenwood" consumer e prosumer. Punto secondo: altro mito da sfatare, la SICUREZZA. Da un anno ho definitivamente abbandonato IE a favore di Firefox, questo in concomitanza con il mio passaggio a Fastweb (fibra ottica, tramite hag\WIFI)....beh, non sono più tornato indietro....a me non entra più neanche in semplice Adware con i Plugin integrati di FF e mi basta come Firewall quello gratuito della Sygate e come Antivirus l'ottimo AVS (della AOL Kaspersky)ma potrei anche farne a meno...visto che il loro lavoro è più limitato di quello di "julio Cesar" nella porta dell'Inter :-))Punto terzo: l'OS. A ciascuno il suo, come diceva qualcuno...io sono nato (informaticamente) con Windows...anche se ho conosciuto prima Mac...beh, non mi è mai piaciuto e per lavoro (ho fatto per anni il pubblicitario) me lo sono dovuto sciroppare...solo che se affidavo il "lavoro" ai grafici o ai tecnici audio su Mac...io intanto imparavo a smanettare su Win, fin dalla 2.1, con un 286...Da lì non sono uscito, come molti che comprano Wolkswagen (o BMW, o Fiat) da lì non escono...perché le conoscono, perché è come infilarsi un paio di ciabatte quando torni a casa, la tua vestaglia...il calore, ecco: immagino sia così anche per gli utenti Mac o Linux...bene, mi fa piacere, ad ognuno il suo. Io Amo Win...ecco ,si, l'ho detto...anche se ogni 3 mesi faccio un format e sottolineo PER COLPA MIA, non certo dell'Os...quello che molti Anti\Bill, anti\Microzozz non considerano è che Windows è l'Os più stuprato, più strizzato de mondo......il 90 per cento di programmi, programmini che si trovano in ret sono per Win....dalle Utility più stupide (e spesso mal scritte) ai "famosi" riparatori di registro, tweakers, boosters ...per non parlare di CODEC, codechini e cotechini:-) di ogni tipo e sorta che installiamo, alle decine di player, di rippers, di burners, di creensavers, temi che alterano i file di sistema, e potrei andare avanti un bel po'. Secondo voi perché zio Steve invece dà delle cosette carine come ILIFE, ITUNES,IROTTOIMARONI ?? Proprio per evitare che gli utenti inizino a installare come pazzi programmi spesso inutili se non dannosi. Mac è un ottimo Os, come XP...su Vista ho molte perplessità, la differenza la fa la testa (di cazzo o meno) che sta tra la tastiera e il monitor...W Win, W Mac, W Linux e BBastaaa con ste menate....
Concordo però sulla polemica di Vista....e per la cronaca ai numerosi dubbi aggiungo anche quello che la "terra promessa" che Bill aveva tanto decantato, e cioè WINFS nun ce stà....quella sarebbe stata la rivoluzione...e se tutti dicono che MS copia da apple comunque lo fa male...vedere REGISTRY ancora presente e le solite Minchiate di Win che però ormai ho imparato a conoscere come e ad aggredire senza esserne ferito mortalmente....
Ciao a tutti
La discussione è lunga, complicata e, molte volte OT... percui non ci farà caso nessuno se posterò un semi-ot pure io :P
Di lavoro programmo per il web... occasionalmente assemblo pc, faccio manutenzione, mi occupo di lan e sicurezza...

Uso windows per lavorare... ma solo eprchè ho a che fare anche con asp.net... windows è il sistema operativo con cui sono cresciuto (lo uso dai tempi del mitico dos che usavo per programmare in qbasic... secoli fa). A casa ho un bellissimo p3 900 che fa girare apache, mysql, php, roundcube, squid 24/24, 7/7 grazie ad ubuntu 6.06 LAMP server...
Per il mio serverino casalingo ho testato nell'ordine windows 2000 (pesanteeeee), slackware, gentoo, openbsd, windows 2003 server e, finalmente, ubuntu server... credo di aver un buon bagaglio per valutare i vari sistemi... ok, concordo che il campo di appartenenza è comune ad un ristretto gruppo di utEnti (e non utOnti)... ma in questo caso linux batte windows di parecchi punti... anche se devo dire che potendo spendere una palata di soldi per un sistema all'altezza, windows 2003 server è ottimo... ma nel mio caso, con un p3 900 non c'è storia... quello che faccio con ubuntu non potrei farlo con gli stessi risultati su os microsoft...

Per quanto riguarda il lavoro... beh, uso windows xp (lungi da me Vista, i test fatti sul mio asus m6neuh centrino da 1.6 GHz sono nefasti) per il fatto che programmo anche in asp.net+access (i clienti hanno ragione anche quando sono dei perfetti idioti) e oramai sono abituato a photoshop, passare a the gimp sarebbe ottimo ma... oramai le costosissime licenze Adobe/Macromedia sono state pagate...

Valutando invece i clienti con cui ho a che fare a dosi massicce ogni giorno... beh... li distinguo in 3 macrocategorie:

1) gli smanettoni... sono coloro che hanno nozioni informatiche medio, medio/alte... i loro problemi sono dovuti a virus particolarmente bastardi, crash immotivati (senza ironia ma in questi casi si tratta al 99% di sistemi windows e uno sparuto 1% di kernel panic assortiti) e altre amenità del genere. Questi utenti usano al 60% windows, al 39,5% linux e 0,5% mac os x (ne vedo pochi non perchè sono pochi gli utenti ma perchè, effettivamente, per il livello di conoscenza di questo gruppo, l'ausilio di uno studio professionale di informatica è pressochè inutile). Ah, dimenticavo... a questo livello difficilmente si trova un windows originale...

2) gli utenti base... hanno conoscenze informatiche medie. Sono afflitti da virus di ogni genere e usano il pc per lavoro più che per svago... sanno che esiste il firewall di windows ma nessuno ce l'ha attivo... e tutti chiedono come si fa a non reboottare dopo un aggiornamento importante di windows... questi utenti usano Windows all'80%, Linux (ubuntu o fedora principalmente) al 15% e Mac os x al 5%...

3) gli utenti cataclismici... sono coloro che non hanno conoscenze di informatica (ma spesso pretendono di averle e con loro le risate si sprecano). Usano windows al 99% e mac os x all'1% ("che carino, tutto bianco e con quelle iconcine che saltellano"). Sono irrequieti, prendono 200 virus al giorno anche con l'antivirus installato e configurato... beccano spyware a tonnellate girando su siti porno e danno la colpa ai loro mali a cugini, vecchie zie, nipotini neonati o vicini di casa smanettoni... Non sanno cos'è il firewall e vogliono tutti windows Vista perchè hanno letto sulla gazzetta dello sport che è bellissimo.

Detto ciò, e mi scuso per lo spreco di tempo a chi legge, mi accingo a trarre le dovute conclusioni:


Windows Xp non era un sistema operativo malvagio ma si portava dietro innumerevoli bachi dalla sua discendenza... mancava di strumenti abbastanza validi (tra cui il firewall) per mettere al sicuro gli utenti cataclismici e troppo incentrato sul business più che alla qualità.

Windows Vista è una rivoluzione solo per i giornali. Tante cose sono migliorate (vedi gestione utenti) ma è troppo pesante, bisognoso di hardware potente per fare ciò che la concorrenza fa da anni e con metà della ram e processore... e soprattutto non vale la pena spendere tutti quei soldi per quello che offre più di xp... senza contare che adesso come adesso molti programmi per xp (tra cui vari autocad e software tecnici) non sono compatibili con Vista...

Linux è un ottimo sistema opertivo (kernel) ma è poco considerato dalle amministrazioni pubbliche, dalle scuole e università e dagli uffici di non-informatica (chi usa word e outlook da anni e anni non si convertirà facilmente a firefox e thunderbird, figuriamoci da windows a gnome/kde o osX)... Le potenzialità per essere fare molto meglio di microsoft le ha ma la consuetudine, l'abitudine ed i produttori di hardware lo penalizzano...

Mac Os X non l'ho mai usato tanto... è un ottimo sistema operativo... è piùà stabile, più performante e più affidabile di molte distro linux e dei sistemi microsoft (ovvio, IMHO) ma è sempre di nicchia perchè attira più i fashion victim che gli usufruitori consapevoli (eccezion fatta per chi lavora nella grafica... ma in percentuale sulla massa son pochi). Gli smanettoni hanno un buon sistema sotto mano ma preferiscono linux perchè più customizzabile (nel senso che ci puoi fare tutto ciò che ti pare senza vincoli e criptature varie)...

Personalmente mi manca solo una workstation Mac per completare il trio e non disprezzo nessuno dei tre sistemi in esame... ma tutto sta nell'uso che se ne fa...


Windows è ottimo come sistema di lavoro globale, ci fai un pò di tutto... ma meglio non girare su internet senza le dovute precauzioni.

Linux è ottimo per lavori pesanti e tipici da geek. Ottimo per farci un server... ma non ottimale per un lavoro da utente inesperto.

Mac Os X è perfetto per la grafica e lo svago. Perfetto per lavorarci in ufficio ma non ottimale per applicativi specifici (cad e derivati)


Concludo salutando tutti e Paolo in particolare perchè lo ammiro molto per il suo lavoro e per la serietà con cui affronta gli argomenti che tratta...
Can you help in English

Hi Sir
I have Just bought a New lap top with vista as a operating system
My NDO98 ( NewDeal Office - Geoworks ) will not run in it WHY ?
Microsoft said it's the computer manufacture BULL SHIT then it's the program put thay say it will run all old programs it will not
I put in a program 1991 and it worked but not any of NEW DEAL or Goeworks Program

If any person can find out why it will not work contact me
and what changes do I have to make

Bob S

Missing.gap@gmail.com


Bob Sproston
17 Christina Ryan Way
Arundel 4214
Queensland
Australia

Out side of Aus Ph: + 61 7 55633623
Out side of Aus Mob: + 61 407793739
Ph 07 55633623
Mob: 0407793739

sproston@tadaust.org.au
Che dire! Interessante la discussione. Molto Interessante.
Io da anni uso Linux, Mac OS X e Windows.
Sul lavoro gestisco normalmente server di tutte e tre le tecnologie, questo penso mi renda molto oggettivo nella valutazione.
Diciamo che Windows lo uso solo perchè in azienda si usa windows, non esiste nessun altro motivo vero.
Parliamo di Mac Os X. Il mac con l'avvento della fase Unix è diventato il sistema operativo più evoluto e più usabile che uomo abbia mai concepito. Mai una volta mi è capitato di dire "oppss, mi manca quel programma", "Oppsss mi manca quella utility", mai una volta ho avuto un conflitto hardware. Non ho mai avuto la benchè minima necessità di installare un antivirus, e a dire il vero anche il firewall integrato l'ho disattivato dopo pochi mesi perchè avevo capito la solidità e la sicurezza dell'OS che avevo sotto. Quasi fiducia cieca, ma in ben tre anni di utilizzo ho avuto la conferma che effettivamente non era necessario. Su Linux nessun problema per la sicurezza e l'ultima versione della Ubuntu,la 7.04 con compiz integrato è semplicemente fenomenale! Non ancora ai livelli del mac ma oramai manca davvero poco, penso che l'unico limite sia rimasto nei codec di alcuni video, tra l'altro il problema sta scomparendo perchè oramai tutti i filmati in streming o meno sono fruibili via flash.
Quindi
1) nessun firewall
2) nessun antivirus
3) nessuno spyblaster o spy-bot 4) nessuna utility di deframmentazione del registry
4) nessuna utility per deframmentare il disco che in windows impiega ore ed ore e in mac os x e in linux non è NECESSARIA proprio
5) con mac os x oltre al sistema operativo posso fare tutto con codice open source, non ho comprato un programma, non ne ho cracckato uno, semplicemente ho già tutto
6) con linux idem come sopra
7) Entrambi i sistemi Mac e Linx mi fanno da client e all'occorrenza da server, non ho bisogno di apprendere nulla di nuovo, altro che win2003 r1, r2 etc.
8) Un mare di documentazione su COME SI FANNO le cose e non un mare di documentazione su come si hackera o come si fa per mettere a posto una chiave del registry, la struttura dati più assurda che mente abbia mai concepito, pare una discarica abusiva!

E potrei continuare a lungo. Da notare che sui server linux nemmeno mi passa per l'anticamera della testa di rubare cicli cpu con un antivirus.

Mac Os X e Linux mi fanno lavorare a quello che voglio io, non ho step di preparazione per hardenizzare la macchina, non devo lottare con licenze strambe o continue fix.

Certo che continuo ad usare anche windows, ma è diverso. Alla fine si può far tutto con qualsiasi sistema, ma perchè scegliere la strada più ricca di distrazioni come windows? Faccio il system administrator ed è da quando ho cominciato ad usare linux 10 anni fa che ho cominciato a capire davvero qualcosa di sistemi operativi. Su Mac e Linux le cose le capisci, e le puoi sistemare, su windows diventa difficile capire perchè tutto è nascosto, tutto è fragile, prova a disabilitare il servizio WMI e riavvia e vedi. Eppure il sistema te lo fa fare, tanto poi male che va reinstalli, ecco, queste cose con gli altri sistemi le recuperi. Banalità che fanno la differenza. Oltre a non capire le cose su windows poi tanto per metterle a posto o reinstalli oppure compri una carriolata di utility fatte ad hoc per sistemare.
La differenza c'è e alla grande!

Parlo poi del Mac, dell'hardware. Si è vero che costa ancora di più, ma è anche vero che la qualità è elevatissima, altro che vaio, e se anche compri un pc più potente, quella potenza in più la perdi subito in antivirus, antispyware etc etc etc.

La differenza c'è eccome!
io ho un nuovissimo pc sony vaio...con windows vista...vorrei sapere una cosa, ma è possibile passare a windows xp????oppure per quanto riguarda le periferche avrò qualche problema con i driver????
poi che vuol dire una licenza open o select?
Io sono un utente GNU/Linux (ubuntu) dal 2004. Prima usavo principalmente XP, dal quale sono fuggito in primo luogo perchè è un sistema fatto coi piedi, secondariamente perchè volevo approcciarmi a qualcosa di più "etico" e moralmente sostenibile.

Detto questo vorrei che si facesse una distinzione di casi. Se non si guarda al problema dei DRM (magari siete come me e non possedete nemmeno una traccia audio o video coperta da DRM), avete un computer potente (magari avete acquistato un computer nuovo con Vista preistallato) e per qualche strano motivo non volete passare a Linux, Vista è sicuramente un sistema operativo adottabile.

Io l'ho provato per curiosità e per vedere "veramente" quanto era brutto e quanto funzionava male. Con grande sorpresa, una volta liberatisi di alcuni comportamenti castranti (UAC in primo luogo) e alcuni servizi inutili avviati all'avvio (Vista permette di disabilitarli direttamente dal pannello di controllo) Vista diventa un sistema usabile, e sostanzialmente "migliore" di XP. Per migliore intendo che pur continuando ad essere windows, Vista fa alcune delle cose che XP promette ma che poi non fa. Ad esempio scarica davvero i driver delle periferiche da internet riuscendoci nella maggior parte dei casi (quando mai windows update ha trovato un driver mancante in xp?), e ha davvero qualche piccola innovazione interessante, come ad esempio la facoltà di accorgersi automagicamente di uno schermo esterno o di un proiettore, consentendovi di risparmiarvi tanto tempo nel cercare di configurarlo a dovere.
Vista esegue poi la deframmentazione del disco in background, evitando che il vostro computer rallenti nel tempo fino a diventare inutilizzabile come avveniva con XP. (Certo, Microsoft avrebbe potuto fare di più implementando un filesystem non frammentabile, tipo quello che da tempo popola gli hard disk dei mac o dei sistemi GNU/Linux) ma
complessivamente trovo Vista un sistema più solido e meglio concepito rispetto ad XP anche se sono d'accordo nell'affermare che è esageratamente pesante, maledettamente antietico (come il macintosh del resto) concepito per sottomettere gli utilizzatori di materiale coperto da DRM (ottima ragione per comprare i dischi fisicamente e ripparli in mp3 evitando il WMA come la morte) e fare così gli interesse dei suoi "veri" clienti... ovvero le milionarie major del cinema e della canzone.

Quindi cosa volevo dire? Ah si, se non ve ne frega niente dell'etica informatica, se avete sempre usato xp (che fondamentalemnte voleva la stessa cosa di Vista, solo che non ci riusciva) e se vi rifiutate categoricamente di passare a Linux o al Mac, sappiate che se il vostro computer è in grado di tirarlo e non vi preoccupa spendere fior fior di quattrini per un sistema operativo, Vista è sicuramente migliore di XP. Fa le cose meglio, è più sicuro e più comodo da usare.

Ci tenevo a dire queste cose perchè su Vista si è detto di tutto e di più e benchè ci siano un sacco di motivi etici per non usarlo, è sbagliato affermare che semplicemente "vista fa schifo". Vista non fa schifo, è sicuramente il sistema windows che funziona complessivamente meglio (non ho detto veloce, ho detto meglio), ed è sicuramente il sistema windows graficamente più accattivante.

Detto questo fatemi rebootare nella mia ubuntu... già mi manca!