skip to main | skip to sidebar
38 commenti

Addio, Mail.app, è stato bello conoscerti. Mavericks ti ha rovinato

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2014/06/01.

Da quando ho installato OS X Mavericks sui miei Mac, Mail.app è un totale, assoluto, inammissibile disastro. Mi ha servito lealmente per anni, con la sua ricerca fulminea full-text, ma ora è l'ombra di se stesso. Ho aspettato un po' che Apple lo sistemasse, ma ho esaurito la pazienza. Per cui da ieri ho smesso di usare Mail.app. Mi mancherà.

Il problema è come sostituirlo. Ho un archivio di posta immenso (circa vent'anni di mail, archiviati e sparsi su vari account Gmail), uso massicciamente filtri, sottocartelle e ricerche, e ricevo tantissima posta. Mi serve un client di posta, perché un'interfaccia webmail è assolutamente insufficiente per gestire un volume del genere sparso su account multipli, e ho bisogno di poter accedere all'archivio anche quando non sono connesso a Internet. E mi serve un client veloce. Non quella cosa comatosa che è ora Mail.app.

Mail.app ci mette interi minuti a visualizzare le mail nuove. Le mail cancellate ricompaiono come se non fossero state mai cancellate (e quelle lette ricompaiono come non lette). Quando tolgo un flag a una mail, il flag continua a essere visualizzato e devo cambiare riga per vedere il vero stato del messaggio. Spesso Mail.app fa girare la ventolina del mio Air come se il laptop dovesse decollare da una portaerei in stile Top Gun. L'ho lanciato quando ho iniziato a scrivere questo post e mi dice che sta scaricando 3813 mail nuove (impossibile) ed è fermo alla quarta.

Siccome a quanto pare non sono il solo che si lamenta di Mail.app, e in particolare dell'abbinamento di Mail.app e Gmail, pubblico qui i miei appunti sparsi di migrazione. Magari possono essere utili a qualcuno.


IMAP innanzi tutto


Un altro momento di delirio di Mail.app.
Per fortuna tutti i miei account di posta sono in IMAP e non in POP. In altre parole, tutta la mail resta sul server ma ne ho una copia locale sincronizzata. Questo mi consente di gestire la mail da qualunque computer o dispositivo, tenendo tutto sincronizzato, e ha il vantaggio che passare a un client di mail differente comporta semplicemente l'immissione dei dati degli account nel client nuovo e la sincronizzazione dell'archivio di mail.

Ovviamente, trattandosi di circa 200.000 mail con relativi allegati, la sincronizzazione completa richiederà un po' di tempo di download, ma perlomeno non dovrò pregare che il nuovo client sia capace di importare i messaggi dagli archivi generati da Mail.app e in ogni caso potrò usare sia Mail.app, sia qualunque client nuovo anche contemporaneamente e tutto resterà sincronizzato: se cancello un messaggio in un client, verrà cancellato anche nell'altro e nell'archivio online.


Postbox in prova (aggiornamento: prova fallita)


Ho chiesto consiglio a voi, anche via Twitter, e molti mi hanno consigliato Postbox (10 dollari, con 30 giorni di prova gratuita; recensione; altre opzioni). Subito dopo l'installazione mi ha letto automaticamente gli account di Mail.app, con le relative sottocartelle ed etichette, e ha iniziato a scaricare l'archivio di posta, iniziando con gli header dei messaggi della Inbox. Gli header (e poi i contenuti) dei messaggi di una sottocartella di posta vengono scaricati la prima volta che si apre la cartella stessa.

Il primo impatto è piacevole. Se seleziono una porzione di testo di una mail e poi scelgo Reply, Postbox inserisce quel testo come citazione, esattamente come fa Mail (Thunderbird non lo faceva, perlomeno l'ultima volta che l'ho provato). Se devo spostare un gruppo di mail da una cartella a un'altra (anche di un account differente, come faccio per archiviare i messaggi vecchi), Postbox si ricorda dell'ultima cartella verso la quale ho spostato messaggi: molto pratico. Ci sono moltissime scorciatoie a tastiera che velocizzano l'interazione. C'è anche una pratica opzione di risposta veloce direttamente sotto il testo della mail alla quale si vuole rispondere, che però non include una signature.

Per contro, Postbox non preserva i flag di Mail.app e non migra le signature. Inoltre non ha flag evidenti e colorati come Mail.app: o meglio, ce li ha se si va in Preferences - Display, si clicca sulla matita e si sceglie il colore e poi Apply the topic color to the entire row in the message list pane. La ricerca ha qualche bizzarria: per esempio ignora le parentesi quadre e non distingue maiuscole e minuscole, per cui “[Complotti lunari] Nuovo” e “complotti lunari nuovo” per Postbox sono identici. Mail.app gestiva correttamente questa differenza, che per me è molto importante nella gestione dei commenti dei miei blog.

In Accounts - Composition ho configurato Postbox per inviare mail in testo semplice (non sopporto la mail in HTML, ma questa è una mia idiosincrasia), disattivando Compose messages in HTML format, e ho scelto di anteporre la citazione alla risposta, di includere la signature anche negli inoltri e di non includere le immagini dei contatti. In General ho attivato Allow Spotlight to search messages per consentire a Spotlight la ricerca nella mail.

Ho poi copiato le signature manualmente da Mail.app: va notato che Postbox non offre signature specifiche per un singolo account, a differenza di Mail.app, ma non è un grosso problema. Fra l'altro, Postbox ha la funzione Responses, molto comoda per rispondere con un testo standard, per esempio agli sciachimisti e ai vari cospiranoici che ogni tanto mi assaltano (in Mail.app usavo le signature per ottenere lo stesso risultato). Si trova in Preferences - Composition.

Una piccola magagna è che se si hanno account multipli sullo stesso provider, Postbox genera messaggi d'errore su alcuni account, parlando di problemi con STARTTLS (“An error occurred sending mail: Unable to establish a secure link with SMTP server smtp.live.com using STARTTLS since it doesn't advertise that feature. Switch off STARTTLS for that server or contact your service provider.”). Il problema si risolve andando in Preferences - Accounts - Outgoing server ed eliminando i server SMTP doppi.

Un'altra piccola scocciatura di Postbox è la visualizzazione di default dei messaggi in ordine cronologico dal più recente al meno recente: io preferisco l'opposto (il più recente in basso). Inoltre Postbox, di default, quando si cancella una mail non si posiziona sulla mail successiva ma su quella precedente (che però ho già visto): mi tocca invertire l'ordine di visualizzazione a mano per ciascuna cartella (bella menata) e/o andare in Preferences - Advanced - General e scegliere After deleting a message select the Previous Message.

Ho inoltre forzato il download di tutta la mail (non solo degli header) per avere una copia completa, locale e indicizzata del mio archivio di posta: in ciascun account ho scelto Preferences - Accounts - Local storage ho attivato Make the messages in my Inbox available when I am working offline.

Per ora tutto funziona bene: Postbox è veloce e funzionale, per cui mi vedrete rispondere un po' più assiduamente alle vostre mail. Mi resta ancora da attivare il supporto per la crittografia e l'autenticazione, ma ne parlerò negli aggiornamenti di questo post insieme all'integrazione con Twitter, Dropobox ed Evernote.

Aggiornamento (2014/06/01): Dopo qualche settimana di utilizzo, Postbox ha iniziato a rallentare e avere problemi massicci di sincronizzazione. Così sono passato a Thunderbird, che uso ora da un paio di mesi e, sia pure con qualche stallo momentaneo durante la composizione dei messaggi, sembra reggere.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (38)
Premetto che sono un fan della webmail (Gmail specialmente), per comodità però utilizzo Mail APP sul mio vecchio MacBook Pro 13" late 2011 con SSD e Mavericks (che con il vecchio "giradischi" era inutilizzabile): e nonostante abbia configurate 10 e-mail su server diversi (9 imap e uno pop3) funziona perfettamente.

Disastrosi invece sono i comportamenti di Calendar APP e Chrome (developer ed.) che, nonostante abbia tutti i plugins disattivati, crea dei processi che mangiano la CPU. Ma ognuno ha la sua storia.
Il primo impatto è piacevole. Se seleziono una porzione di testo di una mail e poi scelgo Reply, Postbox inserisce quel testo come citazione, esattamente come fa Mail (Thunderbird non lo faceva, perlomeno l'ultima volta che l'ho provato).

Per la cronaca, a memoria (e quindi con largo beneficio d'inventario) sotto Windows e Linux dalla v. 1.5 Thunderbird lo faceva, tant'e' vero che ogni tanto usavo per sbaglio quella funzione.

Di sicuro lo fa anche adesso con l'ultima versione (sia Linux sia Windows).

Sempre per la cronaca anche Thunderbird si ricorda l'ultima carte verso cui hai copiato/spostato un msg.

Sotto Linux e Win (non so Mac) la rottura di balle di Thunderbird e' quando si mette in testa di indicizzare i messaggi per il full text search e ti rallenta di brutto le operazioni. Puoi escludere l'indicizzazione a livello di folder, ma specificandolo un folder alla volta.

Purtroppo lo sviluppo dei mail client si e' un po' arrestato e di bei prodotti non ce ne sono molti.
ci pensavo ieri, situazione; mail lavorativa cui devo rispondere urgentemente, apro mail.app su mbair e... la mail non c'è!
Aggiorno, nulla. Come se la mail non fosse ancora arrivata, soltanto che la vedevo da mail.app da iphone...
scandaloso
Aaah ma allora non sono il solo!! Più cancello mail indesiderate e più ricompaiono, per non parlare dello spostamento delle mail nelle cartelle che è lentissimo e sopratutto il consumo pazzesco di ram! E dire che in azienda sono un fortunat(issim)o possessore di un iMac 27" con Intel Core i7 quad-core a 3,5GHz, Turbo Boost fino a 3,9GHz, ben 32gb di ram e Fusion Drive da 3TB!!! Per aprirsi, si apre come una scheggia (e ci mancherebbe pure!!) ma nella gestione dei messaggi fa pena per quanto è lento.
Dopo essere passato a Thunderbird non ho mai più sentito l'esigenza di passare a qualcos'altro.
In ufficio usiamo thunderbird x windows, molti lo usano con imap e hanno una decina d'anni di mail, e non hanno riscontrato particolari problemi. Chi usa outlook invece... lasciamo stare. Ecco, thunderbird IMHO è da provare.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Postbox e' la bella copia di Thunderbird, nulla di piu'.

Se ti sembra comatosa la gesione della posta con mail.app, vedrai che bell'impatto avra' la gestione della posta in formato mbox (files monolitici di testo) sul backup di Time Machine: hai 30GB di posta e cambi un byte? Time Machine ti fara' di nuovo il backup di tutti e 30 i GB di posta. Ogni. Singola. Volta.

E un backup della posta, specialmente usando IMAP, ti serve.
Un altro bel client di mail è claws mail
http://www.claws-mail.org
Purtroppo per te, Paolo, non mi sembra esista la versione per Mac, ma solo Linux e Windows.
NON supporta la creazione di mail in HTML, o Rich Text, ma ne supporta la visualizzazione, con apposito plugin, fornito "di serie".
Supporta crittografia ecc, e anche vari sistemi antispam.
Io sto usando da vari anni Thunderbird sia a casa, con imap, che al lavoro, con POP3. Pur con alcuni problemi lo trovo molto comodo. Gestisce più account, e più identità sullo stesso account. La sua funzione antispam è davvero molto buona. Ha anche dei suggerimenti antiscam, per gli utenti meno smaliziati, o semplicemente meno attenti.
L'unica altra alternativa valida che io abbia trovato finora è, come ho scritto in un altro commento, claws mail.
Tutto quello che tu chiedi, Paolo, come ben ricordi visto che lo hai utilizzato per tanti anni, Thunderbird lo fa, compresa la citazione del solo testo selezionato.
Per me dovresti dare un'altra chance a Thunderbird,
Sia ben inteso: Postbox è un OTTIMO client... anche perché gli autori sono ex -programmatori di Mozilla che hanno abbandonato Thunderbird per varie divergenze.
Tuttavia Thunderbird rimane affidabile come una roccia, lo utilizzo con piena soddisfazione su Windows (XP, 7) e Linux (Ubuntu e Mint).

Per quanto riguarda il suo sviluppo, ecco la realtà delle cose.
Mozilla ha considerato che ormai la gente utilizzerà sempre di più il servizio di posta in webmail (stolti! Non sanno quanti utenti trovano molto più pratico un programma specifico per la posta!) e quindi ha deciso di proseguire il solo sviluppo sotto il profilo della sicurezza e dei grossi bug.
Non verranno implementate nuove funzioni, ma neppure questa cosa è vera perché nelle nuove versioni ogni tanto salta fuori qualcosa di nuovo.

Io consiglio l'utilizzo della versione ESR, che ha cicli di rilascio ottusamente rapidi ed è più affidabile.
Ripeto: non preoccupatevi per lo sviluppo di Thunderbird... tanto nel tempo i protocolli POP3, IMAP SMTP, SSL/TLS sono rimasti quelli e rimarranno quelli... meglio un programma come Thunderbird, credetemi, che un rilascio frenetico come quello che sta caratterizzando inutilmente Firefox!

I difetti di Thunderbird sono sempre quelli (indicizzazione innanzi tutto), ma grazie al cielo con le apposite estensioni come queste https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/collections/cts/bo/?sort=name è possibile fare di tutto, comprese le ultime esigenze che Paolo riporta nel suo articolo.
W Thunderbird!

11GB di posta, IMAP, molte cartelle, 3 account, 3 anni senza reinstallare il pc.... E sono molto contento.

E se ti manca qualche funzionalità guarda nei componenti aggiuntivi...!
Dopo aver abbandonato dopo decenni eudora per problemi di costi sono approdato a thunderbird.
Io sinceramente preferivo l'interfaccia di eudora.

uso Thunderbird su 4 pc con 2 os differenti (NT-LinuX) e 3 versioni diverse. Da quando lo uso ho cambiato una decina di versioni di OS (XP, 7, mandrqualcosa, ububtu....) e gestisco una 50tina di pc con varie config.

Posso dire che Thunderbird e' quello che mi da meno problemi se poi parliamo delle tre versioni di outcrock....

Non e' perfetto ma e' il miglior mailer imap e non rompe i protocolli.
Poi che sotto windoze quando un file supera i 2GB succedano cose strane (o quando i file in una dir sono piu di un paio di migliaia...) non dipende certo dal nostro mailer.
Avete mai aperto una dir con 20.000 foto?
Se la risposta e' "si, e allora?" non usate windoze.
:-)
Ma la cosa divertente e' che se condividete lla dir e la aprite con Gnome o digitate DIR dalla cmd di NT funziona. E' l'interfaccia di win che e' balenga.
Gli uomini veri usano Outlook su Windows .
Io mi associo a chi ti consiglia Thunderbird (e se ci pensi, sono anni che te lo dico... ;-) ). Mi porto dietro le mie mail da prima del 2000, ho quasi 10 GB di posta solo nell'account principale, posso gestire senza problemi contemporaneamente POP e IMAP, scarico anche solo le intestazioni dei messaggi per evitare troppo traffico quando sono in giro (oppure sempre quando lo uso per vedere cosa è arrivato nello spam), e importa senza problemi da Apple Mail. La selezione di parte di messaggio da usare come citazione quando fai un reply funziona senza problemi, così come la memorizzazione delle ultime cartelle in cui hai spostato qualcosa. E per la cifratura dei messaggi e l'uso della firma, basta installare Enigmail e sei a posto. Alla fine non so se conviene davvero spendere dei soldi per avere a pagamento qualcosa che funziona esattamente come un prodotto gratuito che è stabile e affidabile ormai da anni...
Sono nella stessa disastrosa barca.
In più faccio notare che anche la applicazione mail per iPad é peggiorata tantissimo con iOS7.
Il filtro é diventato quasi inutile, funziona male, non è possibile affinare la ricerca in alcun modo, é sparita la possibilità di stampare le mail.
Uso la mail su iPad anche per il lavoro quindi i con un account exchange server. É un DISASTRO.
Credo che la mania minimalista di johnatan ive si sia spinta oltre il limite di usabilità. Una ricerca di mail così minimalista diventa inutile. Se poi funziona anche male...
disinstalla e reinstalla Mail, probabilmente si è un pò rovinata l'installazione.

Va be'. Ormai non ho più bisogno di prove: Apple è il MALE.
Detto da uno che avrebbe ucciso per affermare la superiorità del Mac.
Ricordo che già 10 anni fa rinunciai a Mail (usavo allora Outlook) perchè non gestiva... gli ALIAS!! Io che avevo più di una casella raggiungibile da pù di un indirizzo non potevo configurare gli occount con gli alias relativi; una roba che Outlook faceva da sempre.
Semplicemente Apple ha dimenticato che alcuni suoi utenti sono professionisti (dato che i bimbiminkia di ogni età sono la maggioranza meglio mungere quelli: più redditizio e meno esigenze).
Casomai qualcuno avesse dubbi ricordo che Microsoft sospenderà il supporto a XP do QUATTORDICI anni dal rilascio. Apple non ti supporta più dopo 4.
Comprate Windows, sulla lunga è meglio.
"Mail.app ci mette interi minuti a visualizzare le mail nuove."
Thunderbird no, l'importante è compattare spesso le cartelle. E con l'estensione Xpunge (in questo caso, abilitando l'opzione MultiXpunge) si possono compattare TUTTE le cartelle (Indesiderata compresa) di TUTTI gli account.
https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/addon/xpunge/?src=collection&collection_id=4bd62758-3838-49db-ad40-7673b74494d9

" e in particolare dell'abbinamento di Mail.app e Gmail,"
Appena si inserisce l'account Gmail, Thunderbird automaticamente propone i parametri di Gmail, senza sbagliarli.
Nessun problema copn il servizio di Goiogle e Thunderbird, li utilizzo combinati da svariati anni!


" Per fortuna tutti i miei account di posta sono in IMAP e non in POP."
Con Thunderbird gestisco senza problemi entrambi i protocolli. Su Windows e Linux, con profili condivisi su un HD esterno.
Il vero problema lo causa Microsoft con il suo filesystem (NTFS) "chiuso"...


" Subito dopo l'installazione mi ha letto automaticamente gli account di Mail.app"
Storico difetto del programma, che importa posta e impostazioni solo da 3 client e-mail definiti e basta.
Comunque con l'estensione italiana ImportExportTools (che non è sperimentale) anche questo ostacolo creato da Mozilla e mai rimosso è superabile.
https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/addon/importexporttools/?src=collection&collection_id=4bd62758-3838-49db-ad40-7673b74494d9


" Se seleziono una porzione di testo di una mail e poi scelgo Reply, Postbox inserisce quel testo come citazione, esattamente come fa Mail"
Lo fa anche Thunderbird.


" Se devo spostare un gruppo di mail da una cartella a un'altra (anche di un account differente, come faccio per archiviare i messaggi vecchi), Postbox si ricorda dell'ultima cartella verso la quale ho spostato messaggi: molto pratico. "
Lo fa anche Thunderbird.

"Ci sono moltissime scorciatoie a tastiera che velocizzano l'interazione
."
Anche Thunderbird le ha.
E fino all'ultima ESR (17.0.11) garantisco che non ci sono errori nella traduzione degli access key. Non ho avuto tempo di verificare la versione 24.


" C'è anche una pratica opzione di risposta veloce direttamente sotto il testo della mail alla quale si vuole rispondere, che però non include una signature. "
Non ho compreso bene questa opzione, per cui non mi pronuncio.
Comunque Thunderbird include la firma nelle risposte, firma diversa a seconda degli account.
Postbox no.

"Per contro, Postbox non preserva i flag di Mail.app e non migra le signature. Inoltre non ha flag evidenti e colorati come Mail.app
"
Non utilizzando Mail.app non so dire come si comporta Thunderbird.

" In Accounts - Composition ho configurato Postbox per inviare mail in testo semplice (non sopporto la mail in HTML, ma questa è una mia id iosincrasia), disattivando Compose messages in HTML format, e ho scelto di anteporre la citazione alla risposta, di includere la signature anche negli inoltri e di non includere le immagini dei contatti."
Lo fa anche Thunderbird.

"va notato che Postbox non offre signature specifiche per un singolo account, a differenza di Mail.app, ma non è un grosso problema."
Thunderbird lo fa.E con l'estensione Signature Switch fa molto di più!
https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/addon/signature-switch/



"Postbox ha la funzione Responses, molto comoda per rispondere con un testo standard "
Lo fa anche Thunderbird, con l'estensione Clippings.
Potente, semplice, affidabile. Anche per Firefox, una comodità unica!
https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/addon/clippings/?src=collection&collection_id=4bd62758-3838-49db-ad40-7673b74494d9


"Mi resta ancora da attivare il supporto per la crittografia e l'autenticazione, "
Thunderbird ce li ha.
"all'integrazione con Twitter, Dropobox ed Evernote. "
Non utilizzo quei servizi in Thunderbird, ma credo che grazie alle estensioni non sia impossibile.
Esempio? Dropbox:
https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/addon/dropbox-for-filelink/?src=collection&collection_id=4bd62758-3838-49db-ad40-7673b74494d9


"la rottura di balle di Thunderbird e' quando si mette in testa di indicizzare i messaggi per il full text search e ti rallenta di brutto le operazioni."
So che siste questa noiosa "caratteristica", ma io non l'ho mai riscontrata...


"Dopo essere passato a Thunderbird non ho mai più sentito l'esigenza di passare a qualcos'altro. "
Eccomi. Eudora, Outlook Express, Incredimail, Outlook, Foxmail, SeaMonkey, Evolution, Postbox...
Approdato a Thunderbird, ho trovato la mia pace.


"Chi usa outlook invece... lasciamo stare. Ecco, thunderbird IMHO è da provare."
Mi risulta che Attivissimo lo abbia già provato per lunghissimo tempo, poi lo ha abbandonato per Mail.app.
Per me Thunderbird è una roccia!
Tante volte ho subito un black-out ed ero senza gruppo di continuità, eppure non ho mai perso nulla!

"Postbox e' la bella copia di Thunderbird, nulla di piu'. "
No, no, no. Ha delle belle cose pure Postbox, per carità.
Ma dire che sia nettamente superiore a Thunderbird (o a SeaMonkey, per dirla tutta) ce ne corre...

"Time Machine ti fara' di nuovo il backup di tutti e 30 i GB di posta. Ogni. Singola. Volta. "
Questo credo sia un limite di Apple/Time Machine, non di Postbox.

"E un backup della posta, specialmente usando IMAP, ti serve. "
Thunderbird il backup lo fa, in locale.

"Non verranno implementate nuove funzioni, ma neppure questa cosa è vera perché nelle nuove versioni ogni tanto salta fuori qualcosa di nuovo. "
Mozilla ha implementato la chat (però dal funzionamento discutibile) e altre funzioni minori, comunque, in questi anni di non-sviluppo delle funzioni aggiuntive...


"Io consiglio l'utilizzo della versione ESR, che ha cicli di rilascio ottusamente rapidi ed è più affidabile. "
Anche io consiglio la Extended Support Release, che NON ha cicli di rilascio ottusamente rapidi.
Anzi, ti dirò di più: dopo le versioni ESR 17.0.11, tutto il ramo di svilupppo di Thunderbird sarà ESR, infatti scomparirà tale dizione.
Finalmente!
Senza le stupidate che stanno facendo affossare Firefox, ormai mio ex browser...

"I difetti di Thunderbird sono sempre quelli (indicizzazione innanzi tutto), ma grazie al cielo con le apposite estensioni come queste https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/collections/cts/bo/?sort=name è possibile fare di tutto, "
Bella raccolta, non la conoscevo, complimenti se ne sei tu l'autore!

"Poi che sotto windoze quando un file supera i 2GB succedano cose strane (o quando i file in una dir sono piu di un paio di migliaia...) non dipende certo dal nostro mailer."
Infatti. Il limite comunque è di 4 GB per cartella, non 2. E la colpa è solo ed esclusivamente del file system di Windows, non del programma (che ha i suoi limiti, come tutti).


"Gli uomini veri usano Outlook su Windows . "
Outlook è a pagamento, su Windows. Outlook Express non esiste più, ora c'è quell'obbrobrio di Windows Live Mail.
Perdonami, non so come si cita qui:

> Se devo spostare un gruppo di mail da una cartella a un'altra (anche di un account differente, come faccio per archiviare i messaggi vecchi), Postbox si ricorda dell'ultima cartella verso la quale ho spostato messaggi: molto pratico.

In realtà lo fa anche Mail. Cmd-Opt-T, in italiano è nel menu "Messaggio -> Sposta di nuovo in ... ".

Come hai già detto, Mail è peggiorato moltissimo con Mavericks, ma conoscendo Apple si risolverà tutto in futuro. Io per il momento me lo tengo, poi si vedrà.
Prova Airmail. Costa pochi euro e da quando Apple ha distrutto Mail è l'applicazione che più gli si avvicina.
Grazie per questo articolo perché finalmente mi ha dato la voglia di mettere ordine tra i miei account.
Per parecchi anni usai Eudora, poi passai a Thunderbird, ma da quando le caselle di posta hanno uno spazio quasi illimitato, Yahoo! dà 1 TB, uso la webmail per comodità.
Invece oggi mi sono messo lì e seguendo le istruzioni su help di Thunderbird ho creato account IMAP da quelli esistente e finalmente è tutto sincronizzato.
Comodo poter mantenere delle cartelle solo in locale e decidere invece cosa sincronizzare sul server.
Ciao Paolo, ti consiglio di provare Opera Mail, ha tutte le caratteristiche che cerchi ed è leggerissimo.
Però al momento c'è solo per Windows e MacOS, non si sa ancora se e quando arriverà quella per Linux.
http://www.opera.com/it/computer/mail
Non ne parli esplicitamente nel post, ma una limitazione (bloccante per me) che ho sempre riscontrato in Thunderbird (e che Postbox, se non erro, eredita palesemente) è la mancanza di sincronizzazione dei contatti della rubrica. IMAP è perfetto per accedere alla tua posta da diversi client, ma se non hai la tua rubrica aggiornata, è inutile. Provate le 2-3 estensioni disponibili per sincronizzare con google contacts, ma sono lente (sto parlando di 3-4000 contatti) e/o generano duplicati a cascata.
Paolo: Thunderbird fa quella cosa che dici tu dell'indicare il testo come citazione quando fai Reply. Il bello è che se non l'avessi scritto tu non avrei mai provato a farlo. Ad ogni modo, se stai provando quello e ti ci trovi, io uso l'ultimo Thunderbird e te lo consiglio. Purtroppo su mac non funzionano Claws e altre cose migrate da unix che sono discretamente potenti ma che hanno le ali tarpate da una GUI particolarmente brutta.
Scusate, non so citare su questo blog, forse è così:
" Provate le 2-3 estensioni disponibili per sincronizzare con google contacts, ma sono lente (sto parlando di 3-4000 contatti) e/o generano duplicati a cascata. "

Problema già affrontato (però con meno contatti dei tuoi) e risolto con una sola estensione, gContactSync.
https://addons.mozilla.org/it/thunderbird/addon/gcontactsync/
Controlla tra le sue opzioni di sincronizzazione, ce la dovresti fare tranquillamente (oppure, come me, sincronizza un po' di contatti alla volta).
Altro problema di Mail per OSX 10.9: l'icona della graffetta, che definisce la presenza di allegati, a volte compare e a volte no.
E poi la ricerca è diventata inaffidabile. Cerco certe parole che so per certo che ci sono, e non me le trova. Mi metto con pazienza ad aprire i messaggi e trovo le parole che cercavo.

Inoltre anche Safari funziona male, per poter scrivere questo commento ho dovuto usare Firefox. Se lo faccio con Safari dopo aver cliccato su "Pubblica" il messaggio scompare e non si legge nessuna conferma dell'invio.
Per evitare le mail cancellate che ricompaiono con gmail si deve impostare in mail - preferenze - account - mailbox behavior la cancellazione delle mail quando si quitta mail, altrimenti le mail cancellate scompaiono dopo un mese. Almeno, a me ricomparivano per questo motivo.
Sparrow secondo me è un ottimo client, specie per caselle gmail, l'unico suo problema è che da quando se l'è comprato google lo sviluppo è stato fermato, un altro interessante pare essere Airmail, che sto testando in questi giorni
A breve dovrebbe uscire l'update OSX 10.9.2 ( http://goo.gl/M2GyvU ), nel frattempo Apple suggerisce come aggirare il bug della posta non scaricata da Mail: http://support.apple.com/kb/TS5367?viewlocale=en_US&locale=en_US
Io ho vissuto un'esperienza simile, iniziata a a dire il vero già da OSX 10.8; sto usando da un po' di tempo MailMate (http://freron.com/), e devo dire che è tutta un'altra esperienza.

Non è sicuramente un client di posta adatto a tutti, anzi, direi che è orientato esplicitamente all'utente avanzato: pochi fronzoli, interfaccia essenziale, molte funzionalità e, soprattutto, uno supporto ESTREMAMENTE efficiente da parte dello sviluppatore.

Certo, costa un po', ma a me ha veramente cambiato la vita.
Mail Archiver: selezioni la posta da archiviare e ti salva i messaggi in pdf diversi ordinati per data (e relativa cartella di allegati, se presenti). Il pdf è "cercabile" da spotlight, quindi non perdi niente. Io faccio così e lascio in mail solo la posta dell'anno in corso. Una volta salvata la posta dell'anno precedente la cancello e lancio uno script di pulizia di mail... che torna come nuovo e olè.
Paolo, io uso Thunderbird e mi sembra carino. Lo trovi così brutto????
Ho parecchi account configurati, anche sullo stesso provider (gmail) e funziona bene. Solo la ricerca a volte è un po'... strana!
Ma sempre meglio di outlook (che sono COSTRETTO ad usare per lavoro).
Caro Paolo,
confermi che la transizione a Postbox e' avvenua in modo indolore?
Ho necessita' di un clinet desktop, e pensavo di adotare proprio questo software.

Gio
One Species,

no, purtroppo dopo un po' (dopo i 30 giorni gratuiti, grr) ha iniziato a fare storie. Ho aggiornato l'articolo in proposito. Non me la sento di consigliarti Postbox, ma magari è colpa del mio traffico di mail immenso.
Ciao Paolo, Sparrow attualmente è il client Mac maggiormente accreditato per la lettura di GMail (imap).
A dimostrazione di ciò è stato da poco acquisito da Google, ho incontrato il Ceo a San Francisco e ho avuto modo di provarlo, te lo consiglio vivamente

http://sparrowmailapp.com
Il vero disastro è Mail 6.0 (El Capitan) : non riconosce bene molti provider e non legge le caselle di posta di Mail 5 ...alla fine l'ho domato ma ho conservato la vecchia casella Mail nel caso ci fossero miglioramenti futuri