skip to main | skip to sidebar
39 commenti

Su Marte è comparso un oggetto davanti al robot Opportunity

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “claudio.sa*” e “agrari*”.

Queste sono due foto autentiche scattate su Marte dal veicolo robotico Opportunity a distanza di 12 giorni marziani l'una dall'altra, alla fine di dicembre 2013 e ai primi di gennaio di quest'anno.

Credit: NASA/JPL-Caltech

Come potete notare, è comparso un oggetto al centro dell'inquadratura. La scoperta è stata annunciata dalla NASA giovedì scorso. Le immagini originali, molto più ampie, sono disponibili presso Marsrover.nasa.gov scegliendo la Panoramic Camera e i sol (giorni marziani) 3528 e 3540.

Non è il caso di farsi prendere dall'idea che si tratti di una bitorzoluta forma di vita marziana che è passata davanti alle telecamere del robot Opportunity: esistono spiegazioni ben più banali. Per esempio, può trattarsi di un frammento di roccia scagliato dalla caduta di un piccolo meteorite nelle vicinanze (fenomeno piuttosto frequente su Marte, a causa dell'atmosfera molto tenue che non blocca e disintegra le meteore). Un'altra possibilità è che si tratti di un sasso spostato dal trascinamento di una delle ruote di Opportunity, che ha lo sterzo bloccato e quindi tende a spostare bruscamente i sassolini circostanti.

Le dimensioni stimate della roccia sono paragonabili a quelle di un krapfen (o bombolone che dir si voglia), secondo le parole metrologicamente bislacche di Steve Squyres, capo del team scientifico che si occupa del veicolo.

Sia come sia, la roccia ora è capovolta rispetto alla sua giacitura normale, secondo Squyres, ed è quindi un colpo di fortuna, perché permette di studiare un lato che probabilmente non è stato a contatto dell'atmosfera marziana per un tempo lunghissimo.

Maggiori dettagli sono presso NASA, Ars Technica e Discovery.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (39)
Un bombolone marziano *_*
Ecco dove è finito quel sasso che ho scagliato fuori dalla finestra l'altra sera!
Bomboloni?!

Mi corre l'obbligo di citare questa foto http://www.ipernity.com/doc/lrosa/29426309
Il bombolone e' un'unita' di misura proprio come il miglio, il gallone, il piede, la pertica e il furlong per settimana quadrata. Ci vogliono tre bomboloni per fare un pretzel.
@Unknown

Ahaha!

La mia auto fa quaranta pertiche ogni quarto d'ora, ed è così che mi piace! (Cit.)
Tu sei buono e ti tirano le pietre. Sei cattivo e ti tirano le pietre. Sei su Marte e ti tirano le pietre. Qualunque cosa fai, dovunque te ne vai, sempre pietre in faccia prenderai...
Stupidocane,

Non erano venti?? xD
È chiaramente un cucciolo di mimimmo!!!!
questa è al prova scientifica che i Mimimmi esistono davvero....
Ragazzi: è del tutto chiaro che si tratta di un escremento di cane marziano.
A Milano di cosi così son pieni i marciapiedi.

Non escluderei che le fiancate di Opportunity ci siano alcuni altri ricordini liquidi che i cani marziani usano per segnare il territorio.
Ah, come noto a tutti quelli che sanno le cose davvero, i cani marziani sono in visibili (come le scie chimiche, i grigi, la termite e il santo graal).
Grando Opportunity, dovrebbero dargli il premio dell'esploratore del secolo. Quando riusciremo ad organizare una missione umana su marte non dovrà assolutamente mancare nel "portabagagli" la ruota di scorta per questo piccolo immenso robot.
Di là si parlava di algoritmi di computer vision, qualche telecamera con motion detection potevano anche metterla. Sui cellulari di fascia alta c'è la feature che registrano alcuni secondi *prima* che premi il tasto (tip: registrano continuamente in un buffer circolare, se premi ti "recuperano" i secondi precedenti), che addirittura sono in grado di fare l'autoscatto riconoscendo se il soggetto sta sorridendo, e fanno tutto questo a risoluzioni ridicole (il mio registra video a 4K, ovvero a 8 megapixel); capisco le difficoltà del caso (radiazioni, consumi) ma dubito vivamente che non siano in grado. Il problema è che sono i soliti nerd: una volta che trivellano e analizzano il terreno sono contenti, il video di un evento (per quanto improbabile possa essere) è roba poco seria, per quello c'è Hollywood =)
Stavo guardando in dettaglio le foto... due cose mi colpiscono:
1) nella foto che hai linkato tu (quella col sasso) i livelli del bianco sul sasso sono più elevati che in qualsiasi altra parte della foto. Di altri sassi (seppur di più piccole dimensioni) ce ne sono diversi ma da nessun altra parte "buca" così. Magari la causa è da ricercarsi nel fatto che è capovolto: potrebbe essere leggermente più chiaro dato che non è ricoperto dalla caratteristica polvere ossidata rossiccia
2) nelle altre foto presenti sulla pagina dedicata al sol 3540 il sasso "buca" ancor di più, arrivando nell'ultima foto a generare un effetto strano, sembra quasi che il bianco vada oltre al suo contorno come nel caso di un riflesso ma con una geometria estremamente netta e precisa. Su questo effetto non ho un'ipotesi (ammesso sia un fenomeno reale e non una mia svista).

Paolo cheddici?
E delle ... "basole" sotto al masso ne vogliamo parlare?
Non è che sul lato nascosto del sasso c'è inciso in rosso CCCP? ;-)
Altra domanda: se quel sasso è arrivato lì si sarà fermato (indipendentemente dalla fonte da chi l'ha smosso, che sia un meteorite o lo stesso curiosity) dopo aver rotolato per un percorso più o meno lungo, dovrebbe quindi aver lasciato tracce (ovvero spostato qualche sassolino del circondario, smosso un po' di polvere). Come è difficile dirlo perché considerata la bassa gravità di Marte diventa complicato fare paralleli con quanto accade sulla Terra, ma che si sia fermato lì di colpo è impossibile.
Fx,

Paolo cheddici?

So troppo poco delle condizioni di ripresa (ora, angolazione del sole, luce ambiente, regolazione delle fotocamere, eventuale post-elaborazione) per fare qualunque congettura o confronto, per cui non posso dire nulla.
@Unknown
Dimentichi il pezzolone, antica - ma fondamentale - unità di misura usata nel bolognese: "esisteva il braccio, la pertica e il pezzolone" (cit.)
Evito di commentare l'unita di misura del PUZZOLONE...
Secondo me, in quella foto, c'è il sacchettino dell'ultimo Mac Marzian Menu mangiato dal robottino... se guardate bene, sulla sinistra c'è anche l'apertura. :)
Ma quale meteora, quale cingolo bloccato, sono i marziani che tirano i sassi! Gridando: "terricoli andate via!" "padroni a casa nostra!"
Ma sono l'unico che è seriamente interessato alla cosa e vorrebbe saperne di più? E' probabilmente la cosa più stupefacente capitata nelle varie missioni su Marte (e non)... di cose straordinarie ne abbiamo viste tante, ma tutte più o meno previste; questa è per l'appunto stupefacente.

Paolo: è passato qualche giorno, c'è qualche novità, tu che hai contatti in alto? =)

Domanda: la teoria che sia stato smosso da una ruota come si sposta con il fatto che è fermo da 1 mese per maltempo?
Credo che sia assolutamente fuori discussione che i 7 miliardi di marziani muovendosi facciano quanto meno rotolare i sassi.
fx credo siamo tutti interessati, ma evidentemente non ci sono novità, e, nell'attesa, si scambiano 2 battute
Scusate, vedo male io o di sassi in più ce ne è un altro?
Nella foto di APOD di oggi ho aggiunto delle frecce per far vedere il sassetto in più.

Vero che le due foto non sono tagliate nè orientate allo stesso modo, ma contando i sassettini a partire dalla roccia più grande non c'è dubbio.
E poi: io l'ho notato nella foto di APOD, ma si vede bene anche nelle due foto 3528 e 3540 linkate da Paolo nell'articolo. Date un'occhiata anche voi e ditemi.

Un veloce montaggio delle due foto 3528 e 3540 linkate nell'articolo di Paolo.

La seconda è più ingrandita, ma luce e orientamento sembrano gli stessi.
Il nostro astronomo di riferimento che ne dice?
...pgc...?
Tarlo, eh? :D Ma dormi la notte o pensi ai sassi? :D
>a dormi la notte o pensi ai sassi?

In Petrografia avevo preso un voto bassino.
Sto cercando di rimediare.
Martino,

ti ringrazio per la stima ma questo non è un problema di astronomia, ma di meccanica. Immagino che accada spesso che un sasso sia fatto schizzare via dalle ruote del rover. Succede continuamente sia in auto che in bici su strada, figuriamoci off-road e in un posto dove la gravità è ridotta. In alternativa potrebbe trattarsi di un sasso lanciato da alieni NO-TAV, noto gruppo di facinorosi contrari ai Terrestrial Automated Vehicles.
Comunque al momento la NASA rimane ancora dell'idea che sia una roccia "calciata" dal rover:

Opportunity is up on "Solander Point" at the rim of Endeavour Crater. The rover is continuing to investigate this curious surface rock, called "Pinnacle Island" that apparently was kicked up by the rover during a recent traverse.

http://marsmobile.jpl.nasa.gov/news/whatsnew/index.cfm?FuseAction=ShowNews&NewsID=1592

Ed ancora:

Steve Squyres, lead scientist for the NASA Mars Exploration Rover mission, said at the time, “It just plain appeared at that spot and we haven’t driven over that spot.” During their initial analysis of the rock, the “jelly” part has a high concentration of magnesium, sulfur and manganese than other Martian rocks. For now, the team has yet to reach a definitive conclusion as to how the rock got there, they believe it may have been knocked over by Opportunity’s wheel as it was making a turn, but do they determine it is a rock and not a sign of Martian life.

Fonte: http://www.ibtimes.com/alien-life-lawsuit-rhawn-joseph-claims-nasa-involved-cover-over-mars-jelly-doughnut-rock-1550692

Per sentirlo dalla sua voce, ecco Squyres il 16 gennaio:

"It's like nothing we ever seen before. It's very high in sulfur, very high in magnesium, it has twice as much manganese than anything we've seen on Mars," Squyres said with excitement in last week's Jan. 16 event. "I don't know what any of this means. We're completely confused, we're having a wonderful time."

Video, dal minuto 30 circa. http://www.youtube.com/watch?v=yaJ_xZ1kjiA


Non voglio fare quello che spacca il capello in quattro, ma quello che mi interessava capire non è tanto l'origine (visto che tutti si stanno orientando nella direzione appena descritta) ma se i sassi "apparsi" sono veramente due. Ovviamente si tratterebbe di un altro sassetto schizzato via dalle ruote, con origine non misteriosa. Per cui la questione sarebbe più una curiosità, sulla possibilità che una foto con condizioni di illuminazione, orientamento, ecc, come quella possa dare, che so, un gioco d'ombra in quel punto.
Martino,

a me sembra per esempio che anche la zona vicino al bordo inferiore delle due foto, a sinistra, sia profondamente cambiata, come se qualcosa avesse spostato un certo numero di granelli e di polvere. In quel caso potrebbe essere il vento, che nonostante la bassa densità è noto cambiare l'immagine. Ma ricordiamoci che il sasso grande è uno spostamento macroscopico, segnalato dagli stessi ricercatori per la sua peculiarità.

Ma noi non abbiamo modo di dire se piccoli spostamenti siano comuni o no. Infatti è la prima volta penso per tutti noi che confrontiamo due foto con grande attenzione. Potrebbe essere che tutto il resto sia normale.
Interessanti considerazioni.
Grazie, pgc.
questa storia è un esempio da manuale di Rasoio di Occam.
p.s. giuro che prima di scrivere il mio commento non avevo letto l'articolo su SciAm linkato da martino...
Salve a tutti! A proposito di strane forme nelle foto marziane. Dopo aver cercato tra i vari post/articoli di questo blog che seguo ormai da tempo e dal quale mi libero dalla disinformazione e dalle catene del nostro caro sant'antonio senza trovare nulla, chiedo qui pubblicamente anticipando le mie scuse se la prassi sia quella di scrivere all'indirizzo email posta nei contatti se qualcuno sa qualcosa di questa immagine: http://mars.nasa.gov/mer/gallery/all/2/n/1763/2N282881994EFFAZ25P1918R0M1.HTML cliccate sull'immagine e ditemi cosa potrebbe essere l'oggetto in obliquo che sembra una falena.
E' ovviamente un sasso, essendo in mezzo ai sassi.

Comunque vicino, più in basso, c'è un piccione accovacciato. O un gatto nero.