skip to main | skip to sidebar
17 commenti

Sulla Stazione Spaziale c'è un videoproiettore HD. E stasera ci guardano “Gravity”, ambientato sulla Stazione

Poco fa l'astronauta Scott Kelly ha pubblicato su Twitter questa foto:



A meno che si tratti di una battuta (Kelly ha un senso dell'umorismo molto particolare), sulla Stazione hanno da poco un videoproiettore HD, che usano per le videoconferenze e per il software tecnico ma anche, stasera, per vedersi un film. E che film guardano, gli spiritosi? Gravity, ambientato in parte anche sulla Stazione stessa.

L'immagine di Gravity scelta da Kelly non è casuale: è Sandra Bullock (no, non è Samantha Cristoforetti, anche se la somiglianza è notevole) che fluttua nella Stazione, e il corridoio che ha intorno è una replica di quello dove gli astronauti stanno proiettando il film.

Stasera, insomma, a 400 chilometri di quota e a 28.000 chilometri l'ora, c'è chi si guarda un film ambientato sulla Stazione Spaziale... sulla Stazione Spaziale. Un po' come guardare Titanic su un transatlantico, Lo squalo mentre si è a mollo in mare, Doctor Who dentro un TARDIS, Il Gladiatore dentro il Colosseo o L'aereo più pazzo del mondo durante un volo in aeroplano. Decisamente meta.

Qualcuno, lassù, si sta divertendo.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
> Un po' come guardare Titanic su un transatlantico, Lo squalo mentre si è a mollo in mare, Doctor Who dentro un TARDIS, Il Gladiatore dentro il Colosseo o L'aereo più pazzo del mondo durante un volo in aeroplano.

Non è proprio la stessa cosa ma, quando facevo le scuole superiori, durante una gita scolastica, abbiamo guardato Speed dentro l'autobus.
"Qualcuno, lassù, si sta divertendo."
Si', quelli lassu' sono decisamente pazzi, nel senso buono del termine...
Mitici!
Un po' di svago, cavolo :-)
P.S. Troll urlanti di chi affermerà che paghiamo tutto noi in 3...2...1....
> è Sandra Bullock (no, non è Samantha Cristoforetti, anche se la somiglianza è notevole)

?
La scelta è ricaduta su Gravity sulla base di un unico criterio: "film ambientato qui". Se avessero posto qualsiasi altro paletto ("un bel film" "scientificamente credibile" "godibile") probabilmente avrebbero scelto altro.

Per curiosità sono andato a fare un colpo di Google su "gravity review". Sono altissime! Mentre Humandroid (perché hanno dovuto cambiare il titolo originale e perché ne hanno dovuto trovare uno così pessimo?) viene bastonato pesantemente, nonostante abbia tutt'altra profondità. Evidentemente non capisco niente di cinema.
Buh, ho pensato subito a

http://goo.gl/Hs1Vmk


(il meme, chiaramente)
Avrei pensato dovesse essere l'ultimo film da vedere dentro la Stazione Spaziale, perché rischia facilmente di aumentare lo stress psicologico. E sinceramente ancora non ci credo che da Terra abbiano potuto dare l'ok per la visione del film.
Mi ricorda proprio "l'aereo più pazzo del mondo" in cui c'era una scena in cui, per far tranquillizzare i viaggiatori, proiettavano un documentario sui disastri aerei. Appariva chiaro che dovesse essere l'ultima cosa da proiettare in quel caso e per questo faceva ridere.
Donato,

"somiglianza" nel senso di "donna con capelli corti che s'aggira fluttuando per i corridoi della ISS, in una foto sfuocata fatta a bordo della ISS". In un contesto del genere mi aspetto Sam, non la Bullock. Se intendi dire che hai dubbi sulla somiglianza estetica, non sono qualificato a rispondere: ho sempre trovato esteticamente irresistibili l'intelligenza e la geekitudine sopra ogni altro criterio. Il giorno che la Bullock saprà pilotare davvero una Soyuz e discutere di Star Trek, ne riparliamo.
Chissà se è economicamente più vantaggioso trasportare i pochi grammi di un blueray fino alla ISS o occupare la banda per 3 ore con uno streaming di dati...
Voglio guardare Doctor Who dentro un TARDIS, dov'è che ci si iscrive? ;-)
Non credo abbiano il BR o gli venga stremmato da terra. Penso che lo mandino in formato digitale insieme agli altri dati, in fondo hanno un sacco di banda in Uplink, mica un'ADSL 20Mega :-)
Tra due giorni inizia la Starcon a Bellaria. Se Federica mi fa stare un paio di minuti nel suo Tardis e mi porto dietro lo iPad Mini con su gli episodi, posso davvero guardare almeno un frammento di Doctor Who dentro il Tardis! Come? Non è quello vero? Ditelo a Federica! :-)
Sarà un torrent?
io invece ho sempre tovato esteticamente irresistibili le tette :)
Maestro Carlo,

intercederò presso Federica affinché la sua richiesta sia esaudita :-)
robinet,

cavernicolismi a parte, una cosa non esclude l'altra.