skip to main | skip to sidebar
2 commenti

Violazioni di massa di account Twitter in corso: prendete precauzioni

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete farne una anche voi per incoraggiarmi a scrivere ancora.

Da qualche ora è in corso una serie di violazioni di account Twitter in tutto il mondo. Sembrano violazioni fatte a caso e in maniera automatica, al ritmo di qualche decina al minuto. Sono coinvolti anche account molto popolari e verificati, da Italotreno a Eni a Forbes a Boris Becker a Justin Bieber.

Le prime indicazioni suggeriscono un possibile nesso con l’uso dell’applicazione TwitterCounter.

Per farvi un’idea della portata delle violazioni, potete seguirle in tempo reale qui su Twitter. 

Cose da fare: 

1. Guardate se avete Twittercounter fra le vostre applicazioni: https://twitter.com/settings. Se sì, revocate il suo accesso.

2. Attivate la verifica in due passaggi: https://twitter.com/settings/account. Abilitate sia Verifica le richieste d'accesso, sia Richiedi informazioni personali per reimpostare la password.



3. State calmi :-)


2017/03/15 16:10. Intorno alle 10 di stamattina Twittercounter ha confermato di essere la fonte involontaria del problema.




Fonti aggiuntive: CNBC.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (2)
Ma con la verifica in 2 passaggi si risolve qualcosa, nel momento in cui ad esser vulnerabile è un sito terzo che ha accesso il proprio account?
Non si può dare accesso all'account, ma negare la possibilità di twittare?
Accid...! Non è stata la CIA? Quei ragazzi devono smetterla di hackerare i phone delle mogli e iniziare a guardare quel che altri furbacchioni (ben più svegli di loro) fanno...