skip to main | skip to sidebar
4 commenti

Disinformatico radiofonico del 2013/11/08

Nella puntata di venerdì scorso (8 novembre) del Disinformatico che ho realizzato per la Radiotelevisione Svizzera (podcast) ho parlato della straordinaria storia dell'icona d'aereo su Google Maps che non è un'icona (immagine qui accanto), del dossier Apple sulle richieste di informazioni sugli utenti da parte dei governi, dell'arrivo di Internet Explorer 11 anche per Windows 7 (con strano cartone animato al seguito) e del cambio dell'icona "Mi piace" di Facebook.

Per la rubrica antibufala, inoltre, ho fatto un po' di chiarezza sulla notizia della “scoperta” di una nuova parte anatomica nel ginocchio umano.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (4)
Il cartone di IE è stato realizzato per Microsoft Singapore, seguendo la tradizione tutta nipponica delle "OS-Tan", le mascotte in stile manga più o meno ufficiali dei vari sistemi operativi. Microsoft in realtà ha già altre tre OS-Tan "ufficiali", una per Silverlight, ben due per Windows 8 e ora la nuova arrivata Inori Aizawa.
"Apple elenca le richieste di dati di cui è legalmente in grado di parlare" e non sappiamo neanche quante sono quelle di cui non può parlare.
Giusto, anche se io son convinto che l'NSA o chi per loro chieda il permesso per "lavorare meno" ma che se vuole possa farne benissimo a meno, ha i mezzi per "sbirciare".
Ci è cascato anche il New York Times (link).