skip to main | skip to sidebar
43 commenti

Il link all’occhiometro de Le Scienze

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Nel numero corrente de Le Scienze c'è un mio articolo nel quale parlo del mio “occhiometro”, ossia della tesserina plastificata che ho sempre con me nel portafogli e che uso quando qualcuno inizia a dire che un certo fenomeno è “ovvio” perché “basta guardare, non servono gli strumenti”. La tesserina (immagine a bassa risoluzione qui accanto) contiene dei test che dimostrano invece quanto è facilmente ingannabile la percezione umana.

Purtroppo il link abbreviato citato nell'articolo (http://bit.ly/1atgvGY) è sbagliato: quello giusto, dal quale scaricare il PDF per stampare la vostra copia dell'occhiometro, è questo.

Per chi volesse saperne in breve il funzionamento:

– il cerchio centrale di entrambe le figure ha le stesse dimensioni, anche se l'occhio ci dice il contrario;
– bisogna dire ad alta voce il colore nel quale sono scritte le parole e ci metterete molto più tempo a leggere le due righe di destra;
– Angelina Jolie: raddrizzate la foto e capirete.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (43)
"Ok i cerchi, ok i nomi dei colori ma Angelina Jolie?"
Poi ho girato l'immagine e sono rimasto di sale...
Ho capito la foto, ho capito i cerchi ma non ho capito le scritte colorate.
Quelle di destra dovrebbe essere che bisogna dire il colore del testo. Ma perchè su due righe e mescolati?
E in quello di sinistra?
Saluti a tutti
Il problema però è risolvibile. Poiché l'errore è dovuto ad uno spazio all'interno della parola "media" che tradotto in URL la fa diventare "med%20ia", potresti chiedere (o far chiedere) ad un admin di Kataweb che all'interno della directory "lescienze" crei una nuova cartella chiamata proprio "med%20ia", e ci inserisca dentro una sottodirectory "pdf" con all'interno il tuo file.
Per chi gestisce il sito è un'operazione di pochi minuti... se non puoi farlo direttamente parlane con i tuoi referenti nella redazione de "Le Scienze".
Girando la foto ho capito anch'io: E ci sono rimasto di sasso.
Ma i cerchi? I cerchi centrali dei due gruppi hanno la stessa dimensione: dovrebbero sembrare di dimensioni diverse?
I colori non li ho capiti: si dovrebbe forse dirne il colore, anziché leggere la parola? Puoi, per favore, spiegarcelo?
La foto di Angelina Jolie ti dà veramente il colpo di grazia :-)
I cerchi. Si tratta di valutare le dimensioni dei cerchi al centro dei due... chiamiamoli fiori. Quello in alto dovrebbe sembrare più piccolo di quello in basso mentre in realtà sono gli stessi. I petali servono per confondere.
I colori. Se notate a sinistra il colore scritto corrisponde al colore della scritta mentre a destra no. Questo confonde alcuni lettori che pronunciano il colore che è scritto invece del colore della scritta. Ad esempio per quello in alto a sinistra dovrebbero dire Rosso e invece dicono Viola.
La foto. Nella foto è stata capovolta la testa ma non la bocca per cui capovolta vediamo un sorriso che nella foto raddrizzata non c'è più.
Oggi ho capito che, a volte, è meglio far girare nel portafoto digitale gli scatti della propria ragazza a testa in giù.
Mentre conoscevo il giochino dei cerchi e dei colori, non conoscevo il giochino del viso.
Davvero da rimanerci di sasso.
Bellissimo.. non la Jolie.. il giochino intendo..
Oddio.. anche la Jolie.. Però solo vista sottosopra.. :)
I daltonici superano indenni il test delle scritte. Sono abituati a ignorare quelle astrazioni prive di senso chiamate "colori".
L'unica è che quella dei cerchi la conoscono tutti ormai, con scritte e colori non ho mai avuto problemi, forse perchè abituata a leggere da slide multicolor, farò qualche test^^
In ogni caso portare con se un occhiometro è un idea geniale, dovrei pensare ad uno cui non influenzi il fatto sia dichiaratamente un test ottico, appena lo sai ci rifletti su, quello dei cerchi ad esempio non avrebbe lo stesso impatto.
Fantastico quello della luna, peccato la fruibilità limitata
Ho visto che hai seguito il mio consiglio di far creare una cartella denominata "med%20ia", mi sembra che così vada meglio, no?
No, non ho capito: Angelina Jolue a testa in giù con una espressione che manco in un fumetto manga, se la giri che vedi? La stessa espressione assurda diritta. Bho.
Nell'elenco dei colori di destra quello che frena è la discrasia fra il colore ed il nome attribuitogli. Se fossero semplici barre non ci sarebbe alcuna difficoltà. Angelina Jolie è davvero una sorpresa terribile. Me la rivendo subito!
@Roberto: se devi dire il colore con cui è scritta una parola, ci metti meno tempo se il colore coincide con la scritta (verde scritto in verde) o se la scritta non ha un significato "cromatico". Se invece il colore e il significato collidono (verde scritto in rosso), il tuo cervello ci mette di più a risolvere la dissonanza conoscitiva.
Questo trucco l'ho usava l'FBI ai tempi della guerra fredda per scoprire gli infiltrati: facevano questo test ai sospettati con le parole scritte in russo. Chi ci metteva di più a dire le parole "dissonanti" svelava di conoscere il russo.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Il mondo delle illusioni ottiche è tremendamente affascinane, soprattutto quando si leggono le spiegazioni (quelle che ci sono, non è tutto chiaro) ad alcune di esse. A me quelle che impressionano di più sono quelle di finto movimento, come questa.
Ah, per la cronaca, guardate che la Jolie ha anche gli occhi girati, non solo la bocca...
Mmh... ho inserito un commento un po' spoileroso sull'immagine della Jolie, quindi cestinato.

Comunque la Angelina Jolue di Nazareno farebbe il paio con Angelina Joule. Una vera forza della natura...
@ Riccardo:
bellissima illusione ottica, pensavo fosse il solito "serpentone", invece no
Questa non l'avevo mai vista.

p.s.
Non so se sono ancora influenzato dalla puntata dei Simpson sull'effetto Coriolis, però mi sono venute in mente un paio di domande strane:
:D

1) Dato che l'immagine è perfettamente simmetrica, COME MAI io la vedo "girare" sempre in senso orario (da sx a dx) e non, chennesò, in senso antiorario ?

2) Anche voi vedete l'immagine che "gira" in senso orario come me, oppure no ?

3) Se, ipoteticamente, la maggior parte di noi la vedesse scorrere in senso orario, potrebbe essere per una questione "culturale" ?

Mi spiego meglio:
noi leggiamo da sinistra a destra, i giapponesi (i manga insegnano :D), leggono da destra a sinistra.
Ho notato che se si legge prima la seconda riga ( quella con le scritte di colore diverso dal significato ), non si ha nessuna difficoltà. Se invece si legge prima la riga con scritta e colore coincidenti, poi quella con scritta e colore scambiati, si fà un pò più fatica.
2) Anche voi vedete l'immagine che "gira" in senso orario come me, oppure no ?

Volevo chiedere la stessa cosa. E anche le altre due questioni sono interessanti.
Visto che sono pedante, preciso che intendiamo "in senso orario" come se la guardassimo da sopra. Ovvero, la parte destra viene verso di noi e la sinistra si allontana.
Giusto, no, Shorty?
@Martinobri

Giusto.
Dicevo 'senso orario' perchè mi immaginavo l'orologio in orizzontale, incastonato in mezzo alla TRON-colonna.
:D
2) Anche voi vedete l'immagine che "gira" in senso orario come me, oppure no ?

Ad occhio direi che è per via dei colori, non è simmetrica, il contorno bianco e nero dei pallini ha la parte nera verso la direzione del moto
"Questo trucco l'ho usava l'FBI..."
Guardo e riguardo ma non è un'illusione ottica!
"Questo trucco l'ho usava l'FBI..."
Guardo e riguardo ma non è un'illusione ottica!
@ Shorty
Che io sappia, questa illusione non è ancora stata spiegata. E sì, anch'io la vedo girare in senso orario. Ma non è simmetrica: il colore sui bordi degli ovali è ciò che fa la differenza. Però non credo che c'entri il fatto culturale, perché se guardi questa, i cerchi girano in tue e e due le direzioni.
@Shorty: non è affatto simmetrica... gli ovali di destra hanno il nero che va a destra (all'esterno), quelli di sinistra hanno il nero che va sempre a destra (all'interno). Se fosse simmetrica la parte nera dovrebbe andare in direzioni opposte. Infatti se la ruoti di 180 gradi "gira" dall'altra parte.
L'immagine rotante è simmetrica nella geometria ma non nei colori. Se la rovesciate cambia anche il senso di rotazione per cui ipotizzo che la direzione sia guidata dalle parti bianche e nere che sono le uniche a non essere simmetriche.
Non so se c'entri qualcosa con il senso, ma l'immagine non è perfettamente simmetrica. I cerchi esterni ai pallini arancioni, ad esempio, hanno il lato bianco sempre dalla stessa parte.
Bella la scena della Jolie. Appena ho visto l'immagine ingrandita mi sono accorto che la bocca aveva un che di... strano.

Ma gli occhi mi hanno fregato!

Per la figura che ruota postata da Riccardo D.O.C. penso che la direzione del movimento sia data dalla poszione dei semicerchi bianchi e neri. Infatti non tutta l'immagine si muove in senso "orario", con la precisazione di Martinobri, la parte anteriore io la vedo muoversi in senso contrario (è un'area più piccola, sia a livello assoluto che nell'immaigne che la composizione ricostruisce). Dove il cerchio bianco è a sinistra rispetto all'immagine, la scena gira in senso "orario". Dove il cerchio bianco è a destra, la scena gira in senso "antiorario", o sta ferma.
Credo che l'immagine postata da Riccardo D.O.C. abbia molto a che fare con la percezione del movimento attraverso la visione periferica.

I chiaroscuri dell'immagine infatti sono posizionati a spirale, in modo che la visione periferica, più sensibile al movimento rispetto al fuoco dell'occhio, ne venga ingannata.
Spostando gli occhi sull'immagine infatti la visione periferica è sempre "spronata" a "seguire" i chiaroscuri posizionati a spirale, in netto contrasto con il posizionamento simmetrico dei pallini arancioni centrali.

Se avessi il tempo proverei a togliere i chiaroscuri con il fotoritocco. Sono quasi sicuro che l'immagine diventerebbe "statica".
Se avessi il tempo proverei a togliere i chiaroscuri con il fotoritocco. Sono quasi sicuro che l'immagine diventerebbe "statica".
Certamente Stu, ma prima di farlo, guarda che ci sono già legioni di psicologi, di neurologi e di fisiologi che si stanno occupando del fenomeno. Trovi parecchio materiale anche su internet, googlando qualcosa tipo "moving optical illusion". Inoltre, non è neanche corretto dire che il senso di movimento è dato dalla posizione relativa di chiaro e scuro, perché altrimenti questa non oscillerebbe, e invece lo fa. Il fenomeno è certamente tremendamente complesso, e coinvolge sia i movimenti involontari degli occhi (le saccadi), sia la struttura dei neuroni e della corteccia cerebrale.
@granmarfone
Sarà che i miei occhi sono difettosi, ma io la vedo girare lo stesso, anche se in maniera meno evidente. Però hai tolto la parte nera, ma hai lasciato quella bianca... Invece ho notato un'altra cosa: se mentre guardo l'immagine che ho postato muovo la testa, anche lentamente, avanti o indietro, il movimento sembra fermarsi. Questo è interessante, perché invece esistono immagini che sembrano muoversi solo se si avvicina o si allontana lo sguardo...
Tolto il bianco

Considera che, ancorchè corretta velocissimamente, è una immagine in bassa che non permette ritocchi di fino.

Appaiando le tre versioni vedo differenze nel movimento apparente.
@granmarfone

Anche io noto un leggero movimento illusorio pure nell'immagine che hai "corretto". Prova a vedere che succede se fai diventare bianche le aree di colore nero. Oppure cosa succede se fai il contrario, cioè fai diventare tutte nere le aree che dovrebbero avere un colore bianco. E che succede se invertissimo i colori di aree bianche e nere?

Per quello che riguarda la foto invertita non notavo nulla nell'immagine a bassa risoluzione, ma appena ho aperto quella più definita ho visto subito che la bocca era invertita rispetto al resto del viso (gli occhi, invece, non li avevo notati). Mi sa che, oltre al resto, ho pure qualche problema oculistico...
Riccardo, concordo sul fatto che ci sia gente più "saputa" di me sull'argomento. Mi rifacevo solo ad una puntata di Brain Games (Cosa ti dice il cervello) vista su National Geographic Channel in cui facevano degli esperimenti proprio sulla visione periferica e sulle particolari influenze che essa ha nel "giocare strani scherzi".

In un esperimento, di cui non trovo l'immagine, ci sono due stelle sui lati dello schermo con dei pallini bianchi che ruotano attorno in senso antiorario, e dentro i pallini un motivo a chiaroscuro (più veloce) che ruota in senso orario. Ebbene, fissando l'occhio su una delle due stelle (ad es. a DX), i pallini della stella fissata ruotano in senso antiorario (come infatti fanno), mentre quelli attorno all'altra stella vengono percepiti ruotanti in senso orario. Spostando la visuale sulla stella di SX, il moto apparente dei pallini si inverte. I palini della stella di SX ora a fuoco ruotano giustamente in senso antiorario, mentre quelli della stella di DX vengono percepiti ruotanti in senso orario.

L'effetto è dovuto proprio ai chiaroscuri che girano più celermente della rotazione dei pallini. Le immagini nel fuoco dell'occhio vengono percepite come sono in realtà, ovvero stella, pallini bianchi rotanti in senso antiorario con striature all'interno ruotanti in senso orario, mentre le immagini catturate con la visione periferica sono gestite dal nostro cervello solo in base alla velocità invece per generare di un'immagine ben precisa. Una specie di "sensore di movimento", se vogliamo.

Ecco che allora il nostro cervello viene tratto in inganno dalla maggior velocità dei chiaroscuri rispetto a quella dei pallini, facendo sì che si "ricostruisca" un'immagine d'insieme controrotante, quando in realtà i due cerchi di pallini bianchi ruotano tutti nello stesso senso.

Secondo i ricercatori, questo "effetto" è dovuto proprio alla nostra evoluzione, dove in tempi antichi eravamo prede che potevano salvarsi anche grazie al fatto che la nostra visione periferica si fosse tanto sviluppata nel captare i veloci movimenti di un predatore che ci stava assalendo di lato.

Uff... che fatica spiegare un effetto ottico a parole... :)

Ad ogni modo, credo che la seconda immagine postata da granmarfone spieghi meglio il concetto. Tolti i bianchi l'immagine non "gira" più. C'è da dire che però rimane un altro effetto. E' un'immagine studiata apposta per generare un continuo "zoom" degli occhi, che ne cattura i micromovimenti facendoli convergere tendenzialmente al centro.

Se uniamo questo effetto ai chiaroscuri a spirale, ecco spiegata l'illusione... forse... :D
Riccardo, concordo sul fatto che ci sia gente più "saputa" di me sull'argomento.
Stu, non volevo dire questo, ma solo che c'è già molto materiale da cui si può partire senza ricominciare tutto da capo (uno dei vantaggi della ricerca seria, che i ricercatori indipezzenti non hanno).
Comunque, se ti interessa l'argomento, prova a scrivere o a cercare i lavori di Paola Bressan dell'Università di Padova. Lei ne sa un sacco, su queste cose.
Per una versione aggiornata dell' Occhiometro, suggerisco la celebre
illusione ottica della scaccchiera ombreggiata, che ogni volta mi manda letteralmente fuori di testa. E dovrebbe risultare perfettamente godibile anche per i daltonici.

Per chi non l'avesse mai vista, sappia solo che i due quadrati indicati dalle lettere, sono dello stesso identico colore.
@Nimael, brobbus, riccardo, luca ecc.

Vero, non è simmetrica.
Non avevo fatto caso al colore bianco e nero.
Il mio "occhiometro" ha perso.
:D

Vero anche che se "ruoti" l'immagine di 180°, ruota in senso antiorario.
Per eventuali scettici una conferma ancora più "scientifica" con la lettura densitometrica: i due punti di analisi, a sinistra delle lettere, danno esattamente la stessa densità, 72%.
Davvero sconcertante alla visione.
QUI
@Replicante Cattivo "Per una versione aggiornata dell' Occhiometro, suggerisco la celebre illusione ottica della scacchiera ombreggiata, "

Sarà che ho un difetto di percezione (post trauma cranico e conseguente ematoma), ma non vedo l'illusione ottica...me la puoi spiegare, per favore? :(
@ Laura

Te l'ha spiegato al commento #38, con tanto di "provaprovata". Il giochino sta nel fatto che i quadrati A e B sono dello stesso identico colore e della medesima tonalità. Se li vedi di colore uno più scuro ed uno più chiaro, è solo un effetto ottico causato dall'ombra del cilindro.
@mastrocigliegia io direi che i daltonici il test non lo passerebbero proprio, si tratta di nominare i colori, e dubito che riuscirebbero a distinguerli. In cambio, sono convinto che un analfabeta lo passerebbe senza il minimo problema :-)