Cerca nel blog

2005/08/03

Non c’è più religione, Apple presenta il mouse a due tasti

Apple è sempre stata criticata per la sua scelta "a prova di cretino" di usare come standard il mouse a un tasto solo. Dovreste vedere un utente alle prime armi col computer, che non si ricorda mai quando c'è da cliccare col tasto destro e quando col sinistro.

Va detto per tutti i Mac-scettici che qualsiasi Mac funziona anche con un mouse a due tasti "normale" (come quello che uso io, un comunissimo mouse wireless per PC Windows) e che nel Mac il pulsante destro "mancante" è sostituito dalla cliccata lunga o da un clic mentre si preme il tasto Ctrl [non Comando come avevo scritto distrattamente in origine] sulla tastiera.

Comunque sia, Apple ha posto rimedio a questa presunta "falla" presentando il Mighty Mouse, il "Supertopo": un mouse dal guscio monoblocco ma con due aree sensibili alla pressione nella zona dove normalmente si trovano i tasti.

Il Mighty Mouse integra anche una pallina, al posto della rotella tradizionale, che permette lo scorrimento in tutte le direzioni invece che soltanto in verticale e in orizzontale, ed è anche "strizzabile": lo si può programmare in modo che stringendo le sue fiancate si accede a una funzione a scelta, per esempio la visualizzazione simultanea in piccolo di tutte le finestre aperte (Exposé).

E' compatibile anche con Windows, e per ora esiste soltanto in versione cablata USB al prezzo USA di 49 dollari.

Ars Technica ne ha una prova su strada e una dissezione, in inglese.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

bè, in realtà il mouse può essere configurato benissimo per funzionare come monotasto.
Il tasto fisico è sempre uno, per l'utente alle prime armi e per quello affezionato al monotasto, l'unica novità è la pallina rotante.
Per me, un altro piccolo miracolo di Apple (del resto lo stavano progettando da un annetto)

Anonimo ha detto...

A occhio non si tratta di nulla di nuovo, tranne un mouse come se ne possono trovare in giro che è molto carino (stile apple), molto ben supportato da Tiger (cosa per cui Microsoft è molto criticata, supportare meglio il proprio hardware nel proprio sistema operativo!), e molto, molto ben pubblicizzato. Leggete la presentazione sul sito della Apple, pare che manchi solo il pelo e lo squittio...

Anonimo ha detto...

Trovo il nuovo Mouse Apple decisamente interessante. A parte l'oggetto in sè, comunque molto bello per l'assenza quasi totale di tasti, sostituiti dai sensori, è la comunicazione che stupisce nella casa di Cupertino.
La comunicazione e l'astuzia nel proporre finalmente quello che moltissimi utenti Mac chiedevano, senza però andare contro a ciò che hanno sempre sostenuto. Il monotasto è più semplice per l'utente occasionale e il principiante, ma due tasti sono meglio per chi il computer lo usa tutti i giorni? Una semplice idea accontenta tutti. Forse non sarà rivoluzionario, di sicuro le piccole innovazioni che porta saranno gradite.

Anonimo ha detto...

ehm, in verità il tasto destro sul Mac è sostituito dal tasto ctrl (control).... :-)))

Paolo Attivissimo ha detto...

Correggo subito, grazie!

Anonimo ha detto...

È comparso anche sul sito di Apple Italia:

http://www.apple.com/it/mightymouse/

Poi qualcuno mi spiega come mai $49 diventano €55... ;-)

Paolo Attivissimo ha detto...

Per via dell'IVA, che non c'è in USA. In USA c'è la Sales Tax, che e' variabile da stato a stato e quindi non viene mai indicata nei prezzi.

Ciao da Paolo.

Anonimo ha detto...

Al cambio attuale, $49 sono circa €40 (fluttuazioni permettendo); aggiungento il 20% di iva arriviamo a €48. Ne mancano ancora 7 di euro... Dubito che Apple produca i mouse negli USA, ma è probabile che li importi comunque in Europa dagli USA. Misteri della globalizzazione, ;-)

Anonimo ha detto...

bello, è bello, ma la pallina....daiiii è superatissima!! Perchè non l'hanno fatto ottico?

Paolo Attivissimo ha detto...

Forse non hai visto l'oggetto: la pallina sta _sopra_ e si manipola col dito, sotto c'e' un sensore ottico.