skip to main | skip to sidebar
30 commenti

Antibufala: immagini-shock contro l’ubriachezza alla guida [UPD 2013/01/13]

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "daniele.d****" e "ri.en" ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

È facile dare per scontato che se il Servizio Antibufala si occupa di una storia che circola in Rete, si tratta di una bufala. Di solito in effetti è così, ma stavolta no, anche se vorrei tanto che lo fosse, e persino il termine frivolo “bufala” stride con quello che vi devo raccontare oggi.

Sta circolando vivacemente da una decina di giorni una catena di Sant'Antonio che mostra le immagini di una ragazza orribilmente sfigurata da un incidente d'auto causato da un giovane che guidava dopo aver bevuto. Non riproduco qui tutte le immagini perché alcune possono davvero impressionare. La serie completa è pubblicata per esempio qui.

Ecco il testo dell'appello:

Personalmente odio le "catene di S.Antonio". Questa è diversa. Provate almeno a guardarla, poi decidete se inoltrarla o no. Ammetto che alcuni potrebbero impressionarsi ma... consiglio di guardala ugualmente!

Mi raccomando!



This is her and her Father, 1998.
Questa è lei con suo padre 1998



This is her on Vacation in Venezuela.
Questa è lei in vacanza in venezuela



Birthday party as a child..
Festa di compleanno da bambina



At a party with friends.
Ad una festa con gli amici



The car in which Jacqueline traveled. She was hit by another car that was driven by a 17-year old male student on his way home after drinking a couple of hard packs with his friends. This was in December 1999.

L'auto in cui lavorava. Fu colpita da un'altra auto guidata da uno studente dicassettenne che tornava a casa dopo essersi ubriacato con gli amici. Era Dicembre 1999



After the accident Jacqueline has needed over 40 operations.
Dopo l'incidente a Jacqueline servirono 40 operazioni.

Immagine omessa: cliccate qui solo se non siete impressionabili


Jacqueline was caught in the burning car and her body was heavily burnt during around 45 seconds.
Jacqueline fu presa dall'auto infuocata e il suo corpo fu sottoposto gravemente alle fiamme per 45 secondi

Immagine omessa: cliccate qui solo se non siete impressionabili


With her Father, 2000.
Lei con il padre, 2000



Getting treatment.
Durante un trattamento



Three months after accident.
tre mesi dopo l'incidente

Immagine omessa: cliccate qui solo se non siete impressionabili


Without a left eyelid Jacquie needs eye drops to keep her vision.
é senza la palpebra sinistra ed ha bisogno di un collirio per permettere la vista

Immagine omessa: cliccate qui solo se non siete impressionabili


Now 20 year old, he cannot forgive himself for driving drunk on that night three years ago.
Ora ha 20 anni, non può dimenticare quella notte in cui guidò ubriaco tre anni fa

He's aware of devastating Jacqueline Saburidos life.
è consapevole della devastazione della vita di Jacqueline



Not everyone who gets hit with a car dies. This picture was taken 4 years after the accident and the doctors are still working on Jacqueline, whose body was covered with 60% severe burnings.

Non tutti quelli che fanno incidenti in auto muoiono, questa foto è stata scattata 4 anni dopo l'incidente e i dottori stanno ancora curando Jacqueline, il cui corpo era coperto per il 60% da ustioni gravi

Immagine omessa: cliccate qui solo se non siete impressionabili


I know most of these bulletins say 'pass it on,' but most of those are stupid. This is real, and if you dont re-post this, you're a jerk, seriously. Please send this to as many people as you can to make them aware of the consequences of drunk driving.

So di molte mail in cui viene detto di inoltrare, ma molte sono stupide. Questa è reale, e non inoltrarla è seriamente un boia.
Per piacere inviate qusta mail a più persone possibile per renderli consapevoli delle conseguenza della guida da ubriachi

IF YOU HAVE A HEART, PASS THIS ON TO EVERYONE YOU KNOW.. BECAUSE EVERYONE NEEDS TO SEE THIS.

SE HAI UN CUORE PASSALA A CHIUNQUE CONOSCI..PERCHè CHIUNQUE HA BISOGNO DI VEDERLA.


L'appello, almeno nella sua sostanza e lasciando da parte la traduzione italiana decisamente approssimativa, è tragicamente vero: come raccontano il sito dedicato a Jacqueline Saburido, Helpjacqui.com*, il celeberrimo sito Snopes.com e una campagna di sensibilizzazione del Dipartimento dei Trasporti del Texas, la mattina del 18 settembre 1999 Jacqueline, ventenne, stava tornando in auto da una festa di compleanno insieme a quattro amici. Alla periferia della città di Austin, nel Texas, l'auto sulla quale viaggiava Jacqueline fu colpita dal SUV sbandato del diciottenne Reggie Stephey, che tornava a casa dopo aver bevuto birra con gli amici.

*Aggiornamento (2013/01/13): il link che avevo messo nella versione iniziale di questo articolo (http://www.helpjacqui.com/home.htm) non è più valido e ora porta a un sito di parcheggio che secondo un commento qui sotto sarebbe infettante.

Due dei passeggeri morirono all'istante; due si salvarono. L'auto prese fuoco, e Jacqueline rimase intrappolata, riportando ustioni sul 60% del corpo. Ha subito l'amputazione delle dita, ha perso i capelli, le orecchie, il naso, la palpebra sinistra e gran parte della vista. Ha già affrontato oltre 50 interventi chirurgici e non ha ancora finito. Le spese mediche sono altissime e Jacqueline non aveva un'assicurazione medica: il suo sito accetta donazioni.

Nel giugno del 2001, Stephey fu condannato per omicidio colposo per la morte dei due amici di Jacqueline: sette anni e 20.000 dollari di ammenda.

Jacqueline e il padre vivono ora a Louisville, nel Kentucky, dove continua l'opera pietosa di ricostruzione. Grazie a un trapianto di cornea, ora la ragazza vede dall'occhio sinistro. Ha completato gli studi d'inglese e ora si offre per partecipare a incontri pubblici e campagne contro la guida in stato d'ebbrezza.

Non credo ci sia altro da aggiungere, se non il silenzioso rispetto per una persona che ha un coraggio immenso.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (30)
Jacqueline ha un blog.. sembrerà banale, ma le sue parole sono capaci di dare forza.
Ecco...quando uno si chiede che male faccia inoltrare una mail senza verificarla, dovrebbe leggere questa pagina.
Infatti grazie a quella storiella della ragazza che, in punto di morte, racconta la sua storia ad una giornalista, io per primo sarei stato portato a pensare che questa fosse una storia simile: un messaggio "giusto" (non guidate ubriachi) che fa presa sui buoni sentimenti della gente utilizzando storie strappalacrime.

Ovviamente c'è da considerare che, al solito, questi messaggi fanno presa solo sulle persone responsabili; gli imbecilli continueranno a credersi invincibili e continueranno a guidare ubriachi.
...avanti chi parla di moratorie.... ipocriti!
La solita storia del ragazzo che gridava "al lupo, al lupo"... si leggono talmente tante storie inventate in queste catene che dubitiamo anche di quelle vere. "Per fortuna" ci sono un sacco di persone che ci stanno meno a pensare e inviano qualsiasi catena, quindi anche questa si propagherà facilmente; dobbiamo solo sperare che siano in tanti anche a donare!

E' tutta da ammirare la forza di volontà di questa ragazza, che benchè letteralmente devastata continua a combattere per riavere una qualche normalità, e fare arrivare a più persone possibili l'avvertimento contenuto nella sua storia.
Dan, sai qual è la cosa che mi dà ancora più fastidio?

Che le persone che citi tu, quelle che cliccano "inoltra" ad ogni cretinata che gli arriva via mail, scoprendo di aver azzeccato una volta, gonfieranno il petto, diranno "io almeno ci ho provato e stavolta ho fatto del bene" (fermo restando che chi inoltra semplicemente questa mail, senza anche solo fermarsi nemmeno a riflettere sulla forza di questa ragazza, non ha fatto un bel nulla).
Beh certo, dopo 100 volte che gridi "al lupo al lupo" può anche capitare che una volta il lupo ci sia davvero. Il fatto è che in questo caso -come nei casi delle bufale- cih l'ha inoltrato ovviamente non sapeva che stavolta era una storia vera, ma ha solo avuto "fortuna".
Se posso leggere una cosa positiva in questa storia direi che il ragazzo é stato condannato a 7 anni e 20.000 dollari di ammenda.
Non voglio neanche fare paragoni con quanto succede in Italia.

Detto questo, non c'é certo bisogno di una mail come questa per dimostrare un bel niente.
Sarò cinico, ma basterebbe leggere i giornali un giorno sì e uno no (e tutti i week-end) per incappare in storie di gente che uccide altra gente per aver guidato ubriachi.
Io stesso ogni volta che faccio un turno in ambulanza ho notato che le vittime degli incidenti sono praticamente sempre ubriachi (ovviamente sto parlando di almeno una delle auto coinvolte). Coincidenze?

In rete circola molto di più quella bella frase "I vostri etilometri non fermeranno la nostra sete".

Secondo voi chiunque possa partorire cotanta scienza smetterà di bere e guidare per una mail, per quanto raccapricciante? Tanto a loro non succede. Finché non succede.
"I vostri etilometri non fermeranno la nostra sete"

Wow. Certa gente ha davvero cibo per cani al posto del cervello.
Un'immagine vale più di mille parole. C'è una bellissima inchiesta di Report di qualche anno fa dal titolo "Incidenti: chi paga?" di Giovanna Corsetti e Sandro Tomà in cui trasmisero uno spot sulla prevenzione degli incidenti in cui appare Jacqueline. Trovate l'inchiesta a questo indirizzo: http://tinyurl.com/2bzntg
da cui potete vedere tutto il video della puntata; l'inchiesta inizia verso il 21° minuto e dura circa una mezz'ora mentre lo spot con Jacqueline è circa al 37° minuto. E' una trasmissione che cosiglio vivamente di guardare un cui si descrive la triste situazione dell'Italia e perchè gli etiloassetati scorazzano impuniti.
ma dico io!!! dovrebbero fare le auto con un sensore etilometro che non si avviano quando sentono puzza di alcool!!!!!!!!!!!!!!1
Certo Replicante, perchè la gente è stupida. E' come se io aspettassi dietro un angolo e tirassi bastonate in testa a chiunque passa. E se una volta becco un fetente, son tutto contento come se avessi fatto bene, senza considerare tutti gli innocenti che si sono presi una bastonata.

John_wayne, se sai dov'è quella scritta, mi fai un favore e ci scrivi sotto "bravo stronzo"? Tanto un imbecille di questa portata non merita altro, e la scritta si trasformerebbe in pubblicità progresso.
Una cosa che ho notato e che mi sembra esca da qualsiasi schema statistico (vedi anche Jacqueline), è che sembrerà assurdo, ma la maggior parte delle volte in un incidente l'ubriaco o impasticcato si ferisce lievemente, l'innocente/i coinvolto/i muoiono. Mentre sarebbe assai più giusto se succedesse il contrario, se esistesse qualcosa come la giustizia divina o il karma o come lo volete chiamare.
Questo e' uno degli idioti.

http://www.nntp.it/newsgroups-sport-calcio/776068-nonno-fai-sto-cazzo-di-concorso.html

http://groups.google.com/group/it.discussioni.animali.gatti/browse_thread/thread/37dc6ac6b9da7ef5

Si firma Richi l'italiano.



Questo un'altro:
http://gorreto.mastertopforum.com/viewtopic.php?p=1383&sid=a276246786357fa082e8b8f706c47f49

Carlsberg, un nick un idiota.

http://www.ilpistone.com/smf/index.php?PHPSESSID=4402c7053089de70e3d1d76866c40946&topic=33259.from0;topicseen
Questo futuro cadavere invece si fa chiamare Pippoturbo

Sempre detto che la madre degli idioti e' sempre incinta...


Saluti
Hanmar
Pur avendo dubbi sull'effettivo risultato dissuasivo, notai che allo stand della Sicurezza durante le Giornate dell'Esercito a Lugano c'era la proiezione della sequenza di queste immagini, con il testo tradotto.

Nel contesto dello stand approvo a pieno tale proiezione, far piombare le foto nel PC di tutti i contatti in forma di catena di sant'Antonio NO.
anch'io credo di aver visto quella trasmissione, anche se non sono sicuro che si trattasse proprio della stessa ragazza.

due considerazioni.
1)comunque no alle catene di sant' antonio.
2)bene la lotta alla guida in stato di ebrezza. meno bene è mettere dei limiti così bassi (con due bicchieri di vino sei sopra il limite: assurdo). in questo modo si ottiene l'effetto contrario perchè la polizia stessa sa che è irragionevole e lascia andare. limiti ragionevoli e certezza della pena. di certo però la colpa non è solo di chi si beve un paio di birre. se le discoteche fossero in centro e non nei paesi o nelle remote periferie, se funzionassero i servizi pubblici anche di notte... etc le percentuali crollerebbero. poi gli incidenti capitano lo stesso. e non è solo per l'alcol. basta guardare come vengono fatti certi esami per la vista per esempio. poi magari ricordiamoci di altre sostanze che alterano i sensi ben più di una birra.
per fortuna tra qualche anno le auto si guideranno da sole.
"I vostri etilometri non fermeranno la nostra sete!"
Diciamo che possiamo sempre sperare in un qualche muro che fermi la vostra corsa, o che l'alcol fermi i vostri neuroni... e che questo succeda prima che ammazziate qualche innocente. O che finalmente, dopo aver vissuto una ventina d'anni, anche il vostro cervello dia segni di vita e pensiate a cosa fate...
Arrivata da una collega, questa mail (di cui ho verificato qui l'effettiva veridicità) mi ha sconvolto ancora una volta. Per chi vuole "sensibilizzare" o "sensibilizzarsi" ulteriormente consiglio anche questo (forte) video a tema: http://video.libero.it/app/play/index.html?id=1136fc9a17f3525760c6b38a84b97c57

Dal canto mio, dato che guido un'auto di natura sportiva (seppur non troppo potente ma in grado di toccare i 200 km/h), ho fatto preparare un adesivo "Io corro solo a Monza" correlato dal logo tipico dello SpeeDay: il messaggio implicito? Questo: "smettetela di attaccarvi al mio paraurti o di guardarmi con sfida al semaforo!". E purtroppo spesso, dopo la discoteca, mi viene a prendere un costosissimo TAXI (20€ per 5 km) per sopperire alla mancanza di adeguati servizi per chi, una sera, si vuole divertire (anche bevendo tanto, perché no).
Ciao. A proposito delle immagini dell'articolo sull'ubriachezza alla guida, volevo dirti che un paio di anni fa (o poco più) per caso ho trovato proprio un video di quella ragazza. E' impressionante sul serio. Lei parla alla telecamera, e si nasconde dietro una cornice con dentro una sua foto. Poi alla fine sposta la cornice e si vede com'è. Adesso lo sto cercando sui siti che visitai all'epoca, ma non lo trovo. Dovrei averlo visto su stupidexe.com, inserito purtroppo in mezzo ad una marea di video demenziali, ma potrei sbagliarmi. Spero questa informazione possa esserti utile.
Ad ogni modo, volevo dirti che trovo fenomenale il lavoro che fai qui! Nel mio piccolo cerco anch'io di lottare contro queste bufale, soprattutto contro le catene che mi hanno invaso tutte le caselle di posta ed hanno fatto finire i miei indirizzi e-mail (anche quelli "importanti") nelle mani dei signori del pishing e di altro. Per questo da alcuni mesi lotto con i creduloni cercando di convincerli ad usare almeno il Ccn: se proprio vogliono inoltrare queste baggianate, ma è inutile, non ci fanno caso alle mail "serie". Ti dico solo che una persona che conosco ha inoltrato una mail-catena sulla quale risultava anche il mio numero di cellulare al posto del nome utente (quello che mette msn prima dell'indirizzo)!!! Per adesso nessun danno, ma temo per il futuro :o( Se solo ascoltassero una buona volta...

Buon lavoro!


P.s.
Siccome non riuscivo a scrivere il commento, te ne ho mandata una copia tramite mail. Perdonami per il disturbo
marò povra waglion
7 anni e 20.000 dollari... non ho parole...
Attenzione! il link helpjacqui.com deve essere scaduto, cliccandoci sopra entra in una pagina pubblicitaria e fa scattare Windows Defender che rileva il virus trojan JS/Seedabutor.B. !
Admin,

grazie della segnalazione. Ho aggiornato l'articolo.
@Bruno, l'adesivo con messaggio (implicito) annesso e' fantastico. Anche a me piace guidare veloce, ma so DOVE posso farlo e DOVE e' meglio fare i bravi.
"mi viene a prendere un costosissimo TAXI (20€ per 5 km) per sopperire alla mancanza di adeguati servizi per chi, una sera, si vuole divertire (anche bevendo tanto, perché no)."
Bevi quanto vuoi, ci mancherebbe, ma se hai l'intelligenza (e c'e l'hai) di farti venire a prendere da un taxi (cosa buona e giusta) dovresti anche capire (secondo me) che i 20 € sono ben poca cosa rispetto ai danni che potresti fare a farti in caso contrario.
Ah, dalle miei parti, dopo mezzanotte un taxi non lo trovi piu', e prima per 20 € FORSE ti vengono a prendere (dopo 1/2 ora), POI cominci a pagare la corsa, che parte dalla base dei taxi e dal momento della chiamata, ovviamente, per cui ritieniti fortunato.
Poi, sulla mancanza di servizi, possiamo parlarne. Mi troveresti solo d'accordo.
Comunque,
secondo l'automobile club, in italia il 50% degli incidenti è causato da ubriachi.
questo vuol dire che l'altro 50% è causato da guidatori sobri.
dunque?
@ Marco Basileo

Comunque,
secondo l'automobile club, in italia il 50% degli incidenti è causato da ubriachi.
questo vuol dire che l'altro 50% è causato da guidatori sobri.
dunque?


Dunque?!?

Davvero vuoi una spiegazione per questa affermazione?

Vediamo...

Forse significa che se non ci fossero ubriachi alla guida, avremmo il 50% di incidenti in meno?

Mah... Tu che dici?

Mah! Una campagna contro l'alcolismo fatta come una catena di S.Antonio è perlomeno bizzarra.

Da ex alcolista, sono dell'idea che sicuramente non se ne parli mai abbastanza di questo problema, anzi non se ne parla affatto, anzi anche peggio, viene mediato di continuo il messaggio che chi beve è cool, figo, ricco, un amicone di tutti, non fa danno e via delirando, quindi ben vengano storie come queste, magari esposte meglio.

Rimane il fatto che l'alcolismo non è una piaga sociale solo per questioni automobilistiche, c'è molto di più e invece così si pone la questione sempre in termini un po' banalotti, siamo sempre nel campo degli slogan e dell'effetto voluto, secondo me non riesce a far presa nemmeno sulle anime più semplici, figuriamoci su un alcolista.

Rispetto la scelta, ma non la condivido.
@ La Haine

Rispondevo alla domanda di Basileo. Niente da eccepire su quanto sostieni, comunque.

E complimenti per la tua battaglia. :)
Jacqueline nel 2011 da Oprah.

[img]http://static.oprah.com/images/tows/201105/20110511-tows-favorite-guest-1-300x205.jpg [/img]

@Stupidocane
dunque il tema è più complesso e si presta al sarcasmo.
dacché fa più notizia "ubriaco investe pedone" che "sobrio investe pedone", c'è solo un modo per reprimere l'ubriachezza al volante. qualche giorno di carcere.
come in inghilterra. sono passati da 12mila morti all'anno a tremila. non che gli inglesi abbiamo smesso di bere.
ma hanno inventato la figura del guidatore sobrio. capace, comunque, di commettere incidenti.
@Stupidocane
dunque il tema è più complesso e si presta al sarcasmo.
dacché fa più notizia "ubriaco investe pedone" che "sobrio investe pedone", c'è solo un modo per reprimere l'ubriachezza al volante. qualche giorno di carcere.
come in inghilterra. sono passati da 12mila morti all'anno a tremila. non che gli inglesi abbiamo smesso di bere.
ma hanno inventato la figura del guidatore sobrio. capace, comunque, di commettere incidenti.
Spero di non fare un commento fuori luogo nel dire che bisogna punire con severità assoluta chi guida in stato di ebbrezza, ma anche chi usa l'automobile non come mezzo per spostarsi da un luogo all'altro ma come oggetto di esibizione di cavalli e di presunte abilità di guida. Anche la seconda categoria di idioti causa queste tragedie, e noi le possiamo prevenire lasciandoli a piedi e adottando rigorosamente le norme già esistenti.