Cerca nel blog

2008/01/17

Antibufala: allarme SMS, corretto il messaggio

Dada.net aiuta a bloccare il falso allarme via SMS


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "stegiordy" e "piada".

Ho un aggiornamento sull'allarme fasullo per una chat da 4 euro a settimana che sarebbe stata attivata di nascosto da TIM e che, sempre secondo l'appello-bufala che gira, andrebbe bloccato mandando un SMS con la parola STOP al numero 48405.

Mi ha contattato l'ufficio relazioni esterne di Dada.net, che ha spiegato che per motivi ancora da accertare, effettivamente anche gli utenti che non erano iscritti alla chat presa di mira dall'appello ricevevano il seguente messaggio gratuito quando mandavano STOP al 48405:

"Ti sei cancellato da Love.dada.net. Non rinunciare all' occasione di conoscere tantissimi amici! Ricordati che puoi tornare nella community inviando SI al 48405."

E' quindi comprensibile che molti abbiano interpretato la risposta come una conferma dell'autenticità dell'appello. Dada.net ha modificato il messaggio, che ora recita molto più chiaramente:

"Messaggio di errore gratuito: non risulti iscritto al servizio".

La cosa dovrebbe quindi ridimensionarsi: nel frattempo, Dada.net e TIM hanno i centralini e le caselle di posta sotto pressione per via delle numerosissime richieste di chiarimenti generate dal messaggio ingannevole e dall'appello-bufala. Anche Telecom Italia e altre aziende hanno dovuto diramare comunicati interni per frenare il dilagare di questa storia che sta costando soldi a tutti coloro che ci cascano. Invece di fare un favore agli amici, li stanno inducendo a buttar via del denaro.

Questi, ahinoi, sono i danni causati da chi non controlla prima di inoltrare a tutti.

8 commenti:

Daniele ha detto...

Del messaggio-bufala non so nulla. Che però i provider di chat-massaggini etc attvino da soli le chat è un dato di fatto, constatato su due miei cellulari. Che ci sia qualche proprietario di negozio, anche branded, che passa di nascosto i numeri a detti provider di messaggini è anche vero, ne ho avuto testimonianza diretta da persone che hanno lavorato in questi negozi. La bufala sarà una bufala, ma il malcostume c'è.

IlTremendo ha detto...

@daniele: ma un conto è un proprietario di negozio disonesto, un conto è la compagnia telefonica. l'appello riguarda la compagnia telefonica, se non c'entra niente è calunnia, ed inoltre i veri colpevoli restano impuniti.

Rado il Figo ha detto...

Scusa ma quando dici "ne ho avuto testimonianza diretta da persone che hanno lavorato in questi negozi" intendi dire che hai visto tali persone farlo o che dette persone ti hanno raccontato di averlo fatto? perché in questo secondo caso la tua testimonianza non è più diretta ma indiretta.

ilgipsy ha detto...

Tutto bene, il provider in questo modo sembra il paladino della giustizia…peccato che per servizi mai chiesti ci si trovi con il credito prosciugato e con l’impotenza di non poter far nulla per fermare il salasso: provate voi a disdire il servizio via sms come viene proposto…al costo di 16 centesimi vi viene risposto che la sintassi non è corretta..e quindi bisogna rimandare un altro messaggio che sortirà in ogni caso il medesimo effetto..
Inoltre la compagnia telefonica non è responsabile di questo disservizio…ma la percentuale del traffico se la prende…insomma ..qui a prenderla, ma in quel posto siamo sempre noi…

Scusate lo sfogo..ma accorgersi di esser stati ripuliti di 30 euro al mese da almeno 4 mesi..può far girare..e non si tratta dell’economia del paese..

nono ha detto...

ilgipsy...direi che sei un pò esagerato: ma come, tu ti accorgi dopo 4 mesi che ti hanno ripulito di 30 euro? O sono 4 mesi che tenti di disattivare il servizio?

Perchè se capitasse a me mi accorgo dopo 2 giorni che ho dei soldi in meno!

ilgipsy ha detto...

In realtà anch'io me ne sarei accorto abbastanza presto...ma persone un po distratte, come lo è stata la mia ragazza..o pensa a persone anziane o anche ai "nostri genitori" (io ho 26 anni) non vanno a guardare i dettagli del traffico..semplicemente perche o non sanno come si fa, o perche non ne hanno la possibilità, o non ci pensano...mia nonna, gran donna..ha fatto la guerra..ma su internet a vedere i dettagli non ci sa andare...
e visto che questi "disservizi" capitano su una gran massa di persone..ecco che il gioco è fatto...1 utente se ne accorge...10 no!


Ciao a presto

Davide ha detto...

OT: Paolo cosa ne pensi del portale Italia.it che sta per chiudere? ho letto qualcosa sul corriere on line e mi pare un argomento ghiotto per te!

Andrea Sacchini ha detto...

Su italia.it mi pare ci sia poco da dire, forse bisognerebbe piangere. Anzi no, meglio ridere... ;)