Cerca nel blog

2006/04/22

L’aereo del presidente USA preso di mira dai graffitari

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "dgrass" e "amministrazione".

Presso Stillfree.com trovate un videoclip assolutamente eccezionale: la ripresa di un atto vandalico contro l'aereo del presidente degli Stati Uniti, il ben noto Air Force One.

Le riprese, pur essendo notturne e un po' sgranate, non lasciano molti dubbi: non si tratta di un trucco ottenuto con effetti digitali. La scritta viene effettivamente dipinta con una bomboletta spray su uno dei motori del Boeing 747 recante la ben nota livrea presidenziale.

Come è possibile? Davvero l'aereo presidenziale è così mal sorvegliato? Non è il caso che questo incidente induca a un rafforzamento della sicurezza intorno a un bersaglio così delicato? O si tratta di un falso, e in tal caso, come è stato realizzato?

Scoprire i segreti di questo filmato è, a mio avviso, molto educativo per qualsiasi detective antibufala. Se vi va, cimentatevi anche voi e proponete le vostre ipotesi nei commenti. Martedì pubblicherò la soluzione esatta. Buon divertimento.

30 commenti:

Anonimo ha detto...

Veramente si dice proprio che sia un trucco ottenuto con effetti digitali...

Anonimo ha detto...

C'è qualcosa che non mi torna nelle proporzioni... nel senso che un motore di un 747 non è minimamente raggiungibile da una persona...
Sotto un motore ci si può posteggiare un Ducato...

Anonimo ha detto...

Paolo, scusa
Sta già su Corriere.it, la soluzione... però lascio che la racconti tu, che hai un'ottima penna.
E, sì, hai ragione: è un ottimo esempio da riportare sul tuo servizio antibufala.
Gabriele Santoro

Anonimo ha detto...

C'è qualcosa che non mi torna nelle proporzioni... nel senso che un motore di un 747 non è minimamente raggiungibile da una persona...
Sotto un motore ci si può posteggiare un Ducato...


Già quest'intervento di Roberto dice molto sul fatto che un'indagine antibufala che si rispetti debba avere delle prove inoppugnabili, ad esempio le affermazioni di Roberto dovrebbero essere messe alla prova sul campo. :-)
Ad esempio, bastava prendersi gli schemi di un 747 per capire che i motori sono raggiungibili benissimo da un ragazzo con la bomboletta: cliccate qui per verificarlo. :-) La lettera E si riferisce alla pancia del bestione, che raggiunge un'altezza minima da terra di 1,91 metri, si metta a confronto la pancia col motore in basso e si ottiene una misura molto sotto i 2 metri. Spero di non preso un abbaglio.

Anonimo ha detto...

Niente trucchi digitali pare... la soluzione è molto più semplice... certo che ce n'è in giro di gente che non sa come spedere il proprio tempo e il proprio denaro.... :)

Anonimo ha detto...

Non avevo letto la lettera P: l'altezza minima del motore più vicino alla carlinga è di 1,14 metri.
Il motore più esterno, lettera N dello schema, è alto da terra 1,83 metri.

Non svelo il trucco del video ovviamente ;-)

Anonimo ha detto...

Per chi avesse ancora dubbi, dopo lo schema, sull'altezza dei motori: guardate qui.

Anonimo ha detto...

Ho provato a sovrapporre un fotogramma del filmato con una foto dell'Air Force One, con quasi la stessa angolazione. Che dire...proprio bravi:
Foto sovrapposta.

Anonimo ha detto...

Direi che è poco credibile che quell'aereo sia veramente l'Airforce One. Però, più che la tesi degli effetti digitali, propenderei per un vero Boeing, magari una copia utilizzata in qualche film, chissà.

Anonimo ha detto...

Per amor di precisione diciamo anzitutto che:

1) l'Air Force One si chiama così solo e soltanto quando il presidente degli Stati Uniti si trova a bordo;

2) premesso che la designazione di applica a qualsiasi aereo che abbia a bordo il piccione, principalmente gli aerei presidenziali statunitensi sono DUE e non uno solo, e sono custoditi in località separate.

Quindi precisione vorrebbe che il graffittaro stesso precisi quale dei due apparecchi ha marchiato. Dire "Ho sprayato l'AF1" non è corretto.

Anonimo ha detto...

Geniale!!!

Anonimo ha detto...

Dal video, scaricabile da http://www.stillfree.com/download.php?v=1&f=w, si vede un cartello stradale all'inizio, si può intuire quindi in quale aeroporto era custodito (o lo si voleva far credere) l'aereo in questione. Non so se attraverso questa informazione si può desumere quale dei due 747 sia.

Anonimo ha detto...

video (ho sbagliato il link diretto) :P

Anonimo ha detto...

Tanto per giocare all'antibufala, a quell'aereo manca qualcosina. :-)

Ps. Un modo per distinguere i 2 aerei presidenziali c'è, basta vedere il numero sulla coda: 28000 o 29000.

Pierpaolo Putignano ha detto...

cos'è un 747 nano? le ruote di quel carrello sembrano quasi quelle della mia macchinina...
e così basso poi... al massimo sarà qualche modello usato per il cinema, se non ci sono trucchi di fotomontaggio o simili

Anonimo ha detto...

cos'è un 747 nano? le ruote di quel carrello sembrano quasi quelle della mia macchinina...
e così basso poi... al massimo sarà qualche modello usato per il cinema, se non ci sono trucchi di fotomontaggio o simili


Altro commento superficiale, Pierpaolo hai visto gli schemi e le foto di un vero 747 prima di postare? :-)

bartokk ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

Ciao a tutti,
mi sono divertito un pò a scovare le "differenze" tra il vero Air Force 1 e l'Air Fake 1 :)

Ho pubblicato una foto (
link) con le differenze più visibili.

1) è vero che mancano molte antenne di comunicazione (l'AF1 è pensato come centro di comando sostitutivo al 100%, quindi quelle antenne non sono li per evitare turnolenze lungo la fusoliera :)

2) Il font utilizzato per la scritta "United States of America" sembrerebbe lo un Times New Roman (stesso sull'AF1) ma con dimensione e larghezza tra i singoli caratteri diverse dall'Air Fake 1.

3)Anche se le riprese sono state girate di notte alla luce artificiale, i colori sono molto diversi. Il blu della metà superiore dei due AF1 potrebbe essere molto uguale, ma l'azzurro nella metà inferiore è molto molto diverso, troppo anche per essere una ripresa in notturna ed in ombra. (l'azzurro sull pancia dell'aereo dovrebbe rendere l'AF1 meno individuabile durante il volo visto da terra...per mimitizzarlo col il colore del cielo - stessa tecnica di alcuni aerei militari)

4)Tra il simbolo presidenziale e l'ala c'è una zona di colore diverso.
Questa zone, sull'Air Force 1 è riflettente come uno specchio (chissa perchè? forse per controllare cosa succede alle proprie spalle mentre si sale la scaletta??? ). La stessa area è solo grigia e non riflettente sull'Air Fake 1.

5) I motori dell'Air Force 1 sono colorati d'azzurro, come la pancia dell'aereo. I motori dell'Air Fake 1 sono semplicemente bianchi (forse la differenza più ecclatante tra tutte!!)

6)Sull'Air Fake 1 manca la sagoma del portello di ingresso tra il logo presidenziale e l'area riflettente. Nello screenshot non si vede e potrebbe essere opinabile, ma guardando bene il filmato, ci sono alcuni frames ravvicinati proprio della pancia dell'Air Fake 1 e non si intravede nessun dettaglio di quel portello.

Un piccolo dettaglio:
quando i fakers scavalcano la rete, mi sono chiesto se l'AF1 di solito non stia dietro una chicken-wire ben elettrificata...
Quello è stato il primo "sintomo" che mi ha fatto sospettare del filmato ;)

Anonimo ha detto...

Bastava cercare e uscivano fuori tantissime pagine che lo segnalavano, tra cui questo.

Oltre alle differenze dall'originale già riportate.

Anonimo ha detto...

Certo che noleggiare e riverniciare un 747 per fare uno scherzo (?) del genere... Veramente niente da fare nella vita.

Anonimo ha detto...

Certo che noleggiare e riverniciare un 747 per fare uno scherzo (?) del genere... Veramente niente da fare nella vita.

Trattasi di marketing virale, vedrai che il signore in questione ammortizzerà i costi molto presto, con la scusa dello scherzo in molti "polli" acquisteranno i suoi "marchi" d'abbigliamento, d'altronde la sua azienda ha un target gggiovane...che tristezza.

Si vede che ho letto NO LOGO? :PPPP

Anonimo ha detto...

il signore o i due signori?

Domain Name: MARCECKOENTERPRISES.COM

Administrative Contact:
Casalan, Sarah sarahc@ecko.com
Ecko Unlimited
40 w 23rd st
5th floor
nyc, NY 10010
US
9172621178 fax: (732) 432-5410

Technical Contact:
Moss, David davem@ECKO.COM
ECKO COMPLEX
1 Martin Ave
South River, NJ 08882
US
9172632127 fax: (732)432-5410

Cercando Ecko e i loro nomi vien fuori una eckospam della rete fra blog pubblicità e quant'altro.

Comunque sono convinto che sia un complotto indetto da Bush e quello che vedete scavalcare la rete è Carabina Cheney con il fucile a spruzzo di vernice.
Indubbiamente la linea di abbigliamento è un depistaggio....

.
..
...
..
.

hahahahahahahhahahahahahahahhahahahahahahahahahhaahahhahahahaha

Anonimo ha detto...

PS:
E di questi cosa ne pensate:
http://www.flurl.com/featured/Subway_Art_1196.html
http://www.muchosucko.com/video-thenightwriter.html
http://www.metacafe.com/watch/25835/type_writer_creations/

Bye bye

Anonimo ha detto...

>> Trattasi di marketing virale, vedrai che il signore in questione ammortizzerà i costi molto presto, con la scusa dello scherzo in molti "polli" acquisteranno i suoi "marchi" d'abbigliamento, d'altronde la sua azienda ha un target gggiovane...che tristezza.

Perchè che tristezza ? Se faceva vedere l'ennesima famiglia finta in cui lui guidando il SUV trova una mezza penna rigata lasciata nella giacca era meglio ?

Anonimo ha detto...

Googlate, googlate... e troverete la risposta. ;-)

Anonimo ha detto...

Precisazioni pedanti e inutili ma le faccio lo stesso:

1. Air Force One, come scritto sopra, non è UN aereo ma l'aereo dell'Air Force sul quale viaggia il Presidente. Ciononostante, con Air Force One ci si riferisce comunemente anche ai due Boeing VC-25A, versione modificata dei 747-200B, dedicati appunto al trasporto del Presidente.

Questi aerei possono utilizzare il "callsign" Air Force One nelle comunicazioni radio solo se il Presidente è a bordo. Per analogia, un elicottero/aereo della Marina con il Presidente a bordo avrà il "callsign" Marine One, uno dell'esercito Army One, eccetera.

2. Lo schema di 747 linkato sopra è un più recente 747-400. Si distingue per la "gobba" più lunga che finisce ben sopra le ali, mentre la serie 200 (ed il VC-25A) hanno una gobba più corta. L'altezza non cambia di tanto, ma giusto per essere precisi.

Anonimo ha detto...

io ci provo: seguendo i links pubblicati sul sito in cui appare il video si apre una pagina con una lunga descrizione del film "air force one" e del relativo aereo usato per le riprese.
credo si tratti di quello.
Sono arrivata troppo tardi?
Deborah

Carlo Santagostino ha detto...

per Lethux...
ottima analisi anche se in realtà hai fatto due errori,
se guardi
qui
dove si vede meglio uno snapshot del filmato vedrai che la sagoma del portellone c'e' (in effetti si tratta sempre di un 747) e anche il colore azzurro, fatte le debite considerazioni della ripresa notturna, è molto simile e sembrerebbe essere azzurro anche il motore.
Ottima osservazione sul kerning del font btw!

Bravissimi tutti!

Anonimo ha detto...

Beh, "bravissimi tutti" un picchio. Poche ore dopo l'apparizione della bufala, in rete si trovava la descrizione del trucco fornita direttamente dal reo confesso, con tanto di indicazione sulla mancanza di antenne e sul fatto che era stato noleggiato un 747 a cui era stata applicata la veste presidenziale.
Bastava saper usare Google (che è quello che hanno fatto tutti)...

Anonimo ha detto...

Perchè che tristezza ? Se faceva vedere l'ennesima famiglia finta in cui lui guidando il SUV trova una mezza penna rigata lasciata nella giacca era meglio ?

Tristezza perché questo tipo di marketing mira a sfruttare l'underground, i graffitari e tutto il resto solo per scopi commerciali; in pratica uno acquista la loro merce perché crede in maniera illusoria di essere "alternativo" al sistema, di essere "contro", quando invece c'è dentro con tutte le scarpe :-) E' solo un altro modo per vendere un marchio, tutto qui.