Cerca nel blog

2009/01/16

Facebook, panini per chi elimina amici

Un amico vale un tesoro. Su Facebook, vale un panino


Ieri ha chiuso i battenti Whopper Sacrifice, un'applicazione per Facebook che proponeva un esperimento sociale molto interessante: sareste disposti a sacrificare un amico di Facebook in cambio di un panino da fast food e a dirglielo in faccia?

Questo era infatti il gioco proposto da Burger King a New York: per ogni dieci amici eliminati dalla propria pagina Facebook usando l'applicazione Whopper Sacrifice veniva dato un buono per un hamburger. L'applicazione inviava inoltre all'amico sacrificato il messaggio "You have been sacrificed for a free snack" ("sei stato sacrificato in cambio di uno spuntino gratis").

L'iniziativa ha avuto un successo insperato, tanto da portare alla rimozione dell'applicazione, dopo l'eliminazione di 233.906 amici e la conseguente presumibile distribuzione di ventitremila panini. Come diceva recentemente Bruno Giussani in una trasmissione della RSI alla quale abbiamo partecipato entrambi, la grande intuizione di Facebook e al tempo stesso la sua grande colpa è stata usare il termine "amico" per quello che normalmente sarebbe stato chiamato "contatto". Questo gli ha dato una connotazione emozionale, sociale, di sicuro impatto, ma ha anche annacquato ulteriormente un termine che già prima era sbandierato con troppa disinvoltura.

Fonti: The Inquirer

14 commenti:

Luigi Rosa ha detto...

Ogni mio contatto di Facebook vale molto di piu' di un lurido whopper di Burger King!

Avessero parlato di salumi (buoni!) interi o bottiglie di buon vino, avrei potuto considerare qualche limitato sacrificio! :) :) :)

nicola ha detto...

Sacrificare un contatto, o amico che sia, per un panino da BK non lo farei nemmeno sotto tortura, e non per rispetto del contatto/amico, ma per evitare BK. :->

E poi: non sarebbe stato possibile creare 10 amici immaginari da sacrificare? (non conosco FB)

ciao
nicola.

Replicante Cattivo ha detto...

1 - se i miei amici di FB sono anche amici REALI, non gliene può fregare di meno se sparisco dai loro contatti. Anzi, poteva nascere una simpatica gara del tipo "vediamo chi dei due vende per primo l'altro"
2 - posso sempre ri-aggiungerli
3 - a parte qualche "purista", che aggiunge solo le persone con cui ha contatti reali, le persone che hanno 200 amici su FB probabilmente non ne frequentano nemmeno la metà; dei rimanenti, dubito che rimangano in contatto con tutti, se non mandandogli stupidi inviti o gareggiandoci a Word Challenge.
Quindi è molto facile che ognuno di questi abbia almeno 10-20 che nemmeno si ricorda nemmeno quando li ha addati, pertanto perfettamente sacrificabili.

Unknown ha detto...

io li sacrificherei per una pizza.. ma per un panino non ne vale la pena.

aspetto offerte migliori. nel frattempo aggiungo un raggruppamento "amici sacrificabili" :)

Zage ha detto...

Non riesco a trovare l'articolo di Giussani a cui ti riferisci. Comunque il termine "amicizia" era già clamorosamente utilizzato in myspace (mi fa rabbrividire vedere ogni "grazie per l'amicizia!").
Facebook invece si proponeva davvero come ragnatela di amicizie, se poi gli utenti cominciano ad aggiungere cani e porci...

Paolo Attivissimo ha detto...

Zage,

Non riesco a trovare l'articolo di Giussani a cui ti riferisci

Non era un articolo, era un suo commento in una trasmissione radio della Rete Uno della TSI abbastanza recente. Non ho sotto mano i dati esatti, purtroppo, ma volevo dare a Giussani il merito della riflessione.

Anonimo ha detto...

l'aveva già segnalata geekissimo questa cavolata, per fortuna l'hanno tolta!

Slowly ha detto...

Luigi
"Avessero parlato di salumi (buoni!) interi o bottiglie di buon vino, avrei potuto considerare qualche limitato sacrificio! :) :) :)"

E t'avrei seguito a ruota!!! :P
Anche se ciò non toglie che un domani potrei offrirtene io di buon salume e buon vino rosso, tutti prodotti di famiglia! ;)

Slowly ha detto...

A proposito, se qualcuno mi vuole aggiungere, può sempre rivendermi per un BigMac! :D
La mia ex lo farebbe! O_o

feisbùk: Massimo Slo

MSN: slowlyATmd80.it

Federica ha detto...

Non mi stupisce tanto.
Prima di decidere di non aggiungere chi non conosco dal vivo, anch'io su facebook aggiungevo moltissima gente incontrata su un gruppo o con cui avevo interessi in comune, solo perché richiedevano autorizzazione.
Di sacrificare una di queste persone per motivi di scrocco non me ne sarebbe fregato poi molto; tanto, quando poi ho fatto pulizia, gli ho eliminati comunque dalla lista amici :p

Si unisce l'utile al dilettevole, insomma...

Moloch981 ha detto...

"Amicizia" in Facebook sembra in effetti essere un concetto moooolto ampio: mio fratello Andrea, che ha un profilo, mi ha detto che un tizio che aveva conosciuto l'altro mio fratello, Pietro, gli aveva "chiesto l'amicizia"... lui voleva rispondergli "ma che vuoi, scusa? chi ti ha mai visto?"

Luigi Rosa ha detto...

@Slowly: me lo segno! :) :) :)

Dan ha detto...

Figuriamoci, l'amicizia svilita al livello di un volatile contatto, un effimero bookmark ad un emerito sconosciuto segnato per capriccio, e che a malapena ricorderanno domani...
Ho trovato un'altra valida ragione per NON considerare Facebook (insieme alle sue Condizioni di Utilizzo degne di un Borg).
Capisco benissimo che può avere usi benefici, consentendo di mantenere i contatti con vecchi compagni di scuola, o amici... ma è la direzione che non mi va giù.
Senza contare che io ho un certo gruppo di persone che chiamo "amici", e dò a questa parola un significato ben più profondo di quello che gli danno quattro individui che investono nel social networking.
Ah, contiamo anche che sono amici che conosco di persona.

Federico ha detto...

questo è davvero molto interessante.

per me il sucesso dell'esperimento si può spiegare in due modi

1 la gente aggiunge amici a casaccio e quindi poi non ha problemi a eliminarli e a dirglielo in faccia

2 l'esperimento è diventato così famoso che nessuno se la prendeva per essere stato eliminato perché tanto tutti conoscevano il gioco e quindi si sapeva benissimo che poi si sarebbe stati aggiunti nuovamente.

per gli italiani che sparano commenti su facebok vorrei dire che non tutti aggiungono cani e porci tra gli amici.
per quanto mi riguarda, la totalità degli inviti a gruppi scemi o le richieste di amicizia da sconosciuti mi arrivano sempre e solo da italiani mentre tutti i miei amici stranieri usano facebook per quello che dovrebbe essere e cioè un social network di persone che si conoscono davvero.