skip to main | skip to sidebar
13 commenti

Corriere inciampa nella bufala sull’intelligenza di Bush

Corriere: "George Bush, presidente con il Q.I. più basso", garantisce il Lovenstein Institute. Che non esiste


La stampa blasonata colta a non controllare le fonti e a beccarsi una bella bufala: il Corriere della Sera e il quotidiano spagnolo El Pais hanno pubblicato la notizia che George W. Bush è "l'inquilino della Casa Bianca con il quoziente d'intelligenza meno elevato: 91". La metà di quello di Clinton.

La fonte dello scoop intellettivo sarebbe, secondo il Corriere, El Pais, che a sua volta cita il Lovenstein Institute. Istituto che però non esiste se non nella fantasia di un burlone, come i giornalisti avrebbero potuto facilmente verificare semplicemente digitando in Google il nome dell'istituto. Macché: la notizia era troppo ghiotta, si conformava a un diffuso (e condivisibile) pregiudizio, per cui nessuno s'è preso la briga di controllarla.

Sono in buona compagnia: il Museum of Hoaxes fa risalire la burla al 2001 e cita fra le vittime Guardian di Londra e il celebre vignettista Garry Trudeau. E sì che il burlone aveva lasciato indizi chiari, dicendo per esempio che il dottor Lovenstein viveva "in una casa mobile a Scranton, in Pennsylvania".

Il Guardian e Trudeau pubblicarono la smentita; lo stesso ha fatto anche El Pais, chiedendo pubblicamente scusa ("pide disculpas a sus lectores") per la falsa notizia inizialmente pubblicata qui.

Il Corriere, invece, ha semplicemente fatto sparire la notizia, pubblicata inizialmente qui (secondo la segnalazione del lettore Stefano Pilia, citato col suo permesso), dimenticandosi però di questa copia. Complimenti vivissimi al Corriere per l'accuratezza dell'informazione fornita e la correttezza dimostrata verso i lettori paganti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE: l'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che per poterla visualizzare senza problemi dovete assicurarvi che il vostro browser (tramite l'azione di qualche estensione, tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o altri programmi di protezione (antimalware, tipo Kaspersky) non la blocchino per qualche motivo e inoltre che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (13)
Questa volta difendo i giornalisti fannulloni.
Pur di dare dell'asino a Bush, avrei pubblicato la notizia anche sapendo della bufala:-)

Bravo Paolo!
Inciampi per inciampi, leggetevi questa "perla" del mitico Turani che ho estratto da questo suo articolo:

[...] Se voi cercate "rivoluzione" o "rossi poeta", Google non va a fare, per voi, una ricerca in Rete, va a consultare i suoi indici. Quindi voi sarete indirizzati non a quello che c’è realmente sulla Rete, ma solo a quello che "esiste" sugli indici di Google. Insomma, il paragone con gli indici dei libri proibiti della Chiesa è forse azzardato, ma non troppo. Alla fine, sempre di indici si tratta. E quelli di Google sono indici redatti dal "centro" e secondo i criteri scelti da Google.
Non solo. Si tratta anche di indici istituzionalmente artefatti (almeno per le cose commerciali). Se voi cercate "albergo ai caraibi" le prime risposte che Google vi manda sono quelle degli alberghi che hanno pagato di più a Google proprio per essere inseriti ai primi posti in quella lista, e così via.
[...]
Fra quelli che ci sono cascati c'è stata (1 o 2 anni fa) anche Radio Capital.

Ricordo perfettamente dove mi trovavo quando sentii questa notizia.
E continueremo ad interrogarci sul valore del Q.I. di Bush...
be' ma si capiva, eh. la cosa più inverosimile, prima ancora dei 91 punti di bush jr (che tutto sommato, uhm, penso si avvicinino abbastanza alla realtà), sono i 180 e passa di bill clinton: esageratissimi (secondo me, così a occhio e croce, sta sui 120 130: forse forse rischierebbe pure di non entrare al mensa :-P)
Penso che Turani abbia ragione, tanto che in qualche sito ne ho letto in proposito. Mi ricorda la fantomatica (o forse no?) "Sandbox di Google"..
Bravo Paolo! Dì una cosa poco carina sul Presidente degli Stati Uniti, così penseremo che non lavori davvero per la CIA! Un depistaggio niente male!

Eh, ci stavo quasi per cascare, ma dovrai fare di meglio, agente Attivissimo!! :-D
Bravi polli del corriere. :D
Comunque continuo a ritenere che giorgino non sia proprio una cima... :P

Saluti
Hanmar
Il link all'originale di El Pais non funziona, però. =(
Per me 91 è una cifra sbagliata, ma per eccesso, non per difetto. :)
"La meta' di quello di Clinton" fra l'altro e' oltremodo ridicolo, in quanto implicherebbe che Clinton ha un QI di 178, assolutamente improponibile (lo metterebbe tra quelli piu' alti stimati nella storia, insieme a Newton e sopra Einstein).
Mi correggo, ovviamente era 182 (e cioe' ancora peggio).
Ma allora questo report del Lovenstein Institute, è falso?
http://www.lovenstein.org/report/

"The Lovenstein Institute of Scranton Pennsylvania is a think tank employing high caliber historians, psychiatrists, sociologists, scientists in human behavior, and psychologists. Among their ranks are Dr. Werner R. Lovenstein, world-renowned sociologist, and Professor Patricia F. Dilliams, a world-respected psychiatrist.

Since 1973, the Lovenstein Institute has published its research to the education community on various topics including the famous Presidential IQ Report among others. Reports are distributed to subscribing member universities and organizations within the education community."