Cerca nel blog

2007/03/06

Radio: TV via Web con Joost, Democracy, Zattoo

Disinformatico radio: prove su strada della TV via Web, crack-bufala di Windows, biplani a New York


Che cosa ci fa un biplano in cima a un grattacielo di New York, trovato in Google Earth? Atterraggio spettacolare, trovata pubblicitaria, illusione ottica?

E' la chicca della puntata del Disinformatico radiofonico, che per il resto è dedicata alla televisione via Web, con le prove pratiche di Zattoo, Joost e Democracy Player.

Ci sono novità, però, anche per Youtube, e si parla dell'annuncio di un sistema per violare l'anticopia di Windows. Quest'ultima notizia è una bufala, ma il fatto che sia stata presa sul serio la dice lunga sull'opinione generale riguardo i sistemi anticopia.

La trasmissione è in diretta sulla Rete Tre della Radio Svizzera di lingua italiana, ricevibile anche in streaming e in differita tramite podcast.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Parlo da "profano"
C'è da dire una cosa, che un biplano, ha una maggiore spinta a parità di velocità (avendo un paio d'ali in più :) ), di conseguenza può permettersi di atterrare (e decollare) a velocità più basse e quindi in spazi più ristretti :) cmq nessuno può negare che sia un bell'atterraggio lo stesso...
P.S. Wow sono il primo acommentare :D

bytOSX ha detto...

Sarà... ma 30-40 metri per un decollo/atterraggio, mi sembrano un po' pochini... Secondo me è una delle solite americanate...

Luca ha detto...

Quello che è sicuro è che non è un'illusione ottica. Cercandolo l'ho trovato in un palazzo in Water street, vicino ad Hanover Square. Con live search si può vedere in modalita birdseye (cercandolo a fatica, perché le foto non sono adiacenti, ma un po' sfalsate): i palazzi intorno non permettono manovre di atterraggio o decollo, pertanto è stato messo lì in bella mostra apposta.

Fulvio ha detto...

Ma cos'è quel palazzo? Ha a che fare con gli aerei? Non è che l'aereo è semplicemente un modello, una sorta di "monumento" a scopo pubblicitario? Del resto con l'avvento di GoogleEarth sto aspettando che le grosse aziende mettano il proprio logo sul tetto, anzi mi meraviglio che nessuno lo abbia ancora fatto!

Anonimo ha detto...

Non so quanto sia largo un grattacielo, ma i biplani hanno molta più portanza a parità di velocità, quindi possono atterrare pianissimo senza andare in stallo. Un atterraggio a bassa velocità ti consente di fermarti in spazi molto brevi. :)
Anche perchè non credo (anzi non SPERO) che si siano messi a smontare un biplano e rimontarlo pezzo per pezzo in cima ad un grattacielo (anche se dagli americani c'è da aspettarsi di tutto...)

_Stefano_ ha detto...

sì ma... chi è quel pazzo che farebbe una pista di atterraggio per biplani sul tetto di un grattacielo? e se arrrivano "lunghi"? :D

Stefano

Vittorio Paolo ha detto...

Se guardate sui varii blog di google earth vedrete che di "stranezze" simili ce ne sono parecchie, come il parcheggio dipinto sul fianco di un edificio con tatno di vettura parcheggiata o edifici con un'autobus in bilico sullo spigolo di un centro commerciale.

Volf

Anonimo ha detto...

Cmq io valutavo l'effettiva fattibilità della cosa, cioè un biplano è in grado di atterrare su spazi molto ristretti. Poi se c'è qualche pazzo che l'abbia fatto davvero non lo so. Spero vivamente di no :) Anche perchè oggi come oggi i biplani non sono molto usati come mezzo di trasporto... :)))

Giulio ha detto...

Ciao a tutti...
ecco una foto del biplano scattata da un palazzo adiacente:
http://flickr.com/photo_zoom.gne?id=31351067&context=dateposted&size=l
Il biplano non è altro che una famosa scultura:
http://www.nyc-architecture.com/LM/LM028-77WATERSTREET.htm

Svelato il mistero ne approfitto per fare i complimenti a Paolo Attivissimo per i suoi articoli sempre stimolanti.
ciao,
Giulio Grasso
http://www.giuliograsso.it

ataru1976 ha detto...

Qualche settimana fa, ho letto un articolo in cui si diceva proprio che l'architettura moderna sta cambiando per tener conto delle innovazioni, come appunto Google Earth.
Lo stesso Renzo Piano ha progettato un giardino pensile visibile solo dal satellite...

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
ms ha detto...

L'ho trovato su Google-maps: si trova tra la Water- e la Front-Street alla punta Sud di Manhattan.

E come gia' detto da altri, si tratta di una scultura in scala 1:1 per divertire gli spettatori dei grattacieli circostanti.

Altra foto (vista di lato):
http://www.dieter-welzel.de/db_Fensterblick_links_gezoomt_von_DB_60_Wall_Street_10_06_20031.jpg

amiciamici ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.