Cerca nel blog

2007/03/06

Apparizione mistica a Raidue 9:45

Parlo di bufale e di segni (falsi) degli zingari a Raidue


Mercoledì 7 marzo, alle 9:45, dovrei essere su Raidue per una breve intervista a proposito della bufala dei segni degli zingari nell'ambito del programma Un mondo a colori.

Aggiornamento: la trasmissione è stata rinviata a martedì 13 marzo venerdì 9 marzo, sempre alle 9:45. Scusate il disguido. Ho corretto anche il link al sito della trasmissione, che era inizialmente errato.

8 commenti:

galenz33 ha detto...

Interessarsi di Segni....proprio un'apparizione mistica!
enzo galletti

Fabio ha detto...

Il link corretto al programma è www.mondoacolori.rai.it. Quello presente nel post è sbagliato.

rodri ha detto...

Adesso non hanno nemmeno il dovuto rispetto per un agente CIA, che gli rinviano l'apparizione mistica? ;-D

Sab ha detto...

A proposito dei segni degli zingari: a mia sorella sono entrati i ladri in casa e poi ha trovato una x di scotch di carta sulla cancellata.

Marco ha detto...

[quote]
ha trovato una x di scotch di carta sulla cancellata
[/quote]

non sul vetro della finestra? ;-)

Sab ha detto...

no, no
Era scotch che non poteva essere servito a incollare qualcosa, era proprio un simbolo, una x, comparsa appena dopo il furto!

Secondo me è vero che utilizzano delle simbologie per non impicciarsi l'un l'altro e passare due volte in una casa ormai vuota.

Goccioline ha detto...

Hei ragazzi, Paolo dice che quella dei segni è una bufala. Non può essere che una Verità!
Dai crediamogli tutti. Crediamo alle sue teorie fondatissime e documentate.

cicci ha detto...

Sia a me che ai miei zii invece è successo di ritrovarci le porte segnate con qualcosa di traslucido, tipo saponetta, una N. Purtroppo viviamo in una zona di Roma in cui ce ne sono parecchi di zingari, e non siamo i soli a cui è successo, purtroppo è una cosa vera.
Vabbè l'antibufala, ma a meno che non ci siano i matti che vanno a segnare le porte della gente questa è una cosa vera.

Poi, se vogliamo parlare dell'attendibilità delle "traduzioni" dei codici che girano su internet, beh, quello è un altro discorso.