Cerca nel blog

2008/07/08

iPhone e iPod craccati, attenti al Trusted Computing che li stende

Pensate di prendervi un iPhone 3G e craccarlo? Pensateci due volte


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

L'aggiornamento 2.0, di prossima uscita, del firmware degli iPhone e degli iPod touch conterrebbe funzioni che permetterebbero ad Apple di bloccare gli esemplari craccati e di decidere quali programmi far girare su questi dispositivi e su quali reti cellulari permettere l'uso del cellulare Apple.

Se avevate pensato di acquistare un iPhone all'estero, craccarlo e usarlo sulla vostra rete nazionale, o se già avete un iPhone craccato e lo state usando, conviene quindi aspettare prima di aggiornarlo con questo nuovo firmware annunciato da Steve Jobs, che amplia le funzioni del cellulare e dell'iPod ma introduce, a quanto pare, una serie insormontabile di lucchetti digitali.

Anche il programma iTunes, nella sua prossima versione, sarebbe fonte di lucchetti per questi dispositivi. Meglio stare a vedere cosa succede agli altri utenti, visto che se le indiscrezioni sono esatte, il cellulare diventerebbe inservibile.

In sostanza, secondo queste indiscrezioni piuttosto dettagliate, questi dispositivi conterrebbero un chip del famoso (o famigerato) Trusted Computing, noto impropriamente anche come Palladium, di cui ho parlato ampiamente in passato. Ne parlano anche The Apple Lounge e Macitynet. In pratica, questo chip consegna le chiavi di gestione del vostro computer a qualcun altro, che può essere il titolare dei diritti su un film o un brano musicale o un documento oppure, in questo caso, Apple.

Le indiscrezioni sono molto esplicite:

Il Chip ARM 1176JZF, che equipaggia l’iPhone anche nella versione 2G, ha al suo interno una funzionalità chiamata “TrustZone”, interamente basata sulle specifiche del Trusted Computing, o Palladium. Mentre nelle versioni precedenti questa funzionalità non era MAI stata implementata, a partire dal Firmware 2.0 Beta 7 ogni singola parte di software dell’iPhone si basa su queste specifiche... ogni applicazione dovrà essere firmata digitalmente da Apple (via AppStore) per poter essere scaricata, installata ed eseguita sull’iPhone stesso.

In pratica, secondo quest'analisi, "l’iPhone 2.0 è quanto di più blindato si sia mai visto". Nessun problema per chi segue alla lettera i contratti d'acquisto, ma si prospettano tempi duri per chi spera di poter taroccare questi oggetti per farne usi differenti da quelli sanciti e benedetti dal produttore e dall'operatore telefonico. Meglio quindi stare a vedere che succede, anche perché sono in arrivo soluzioni open source del tutto aperte che non avranno sicuramente queste limitazioni, come Openmoko (che ho già avuto occasione di provare con meraviglia nelle sue versioni preliminari).

Questo è il cancro alla base del Trusted Computing: non siamo più padroni di usare i nostri computer o cellulari o lettori MP3 nel modo che vogliamo noi.

22 commenti:

Andrea Sacchini ha detto...

Era da un po', mi pare, che l'argomento "Trusted Computing" sembrava caduto nel dimenticatoio. Sotto sotto, nella mia ingenuità, covavo il recondito desiderio (e speranza) che le aziende produttrici di hardware avessero abbandonato i loro progetti "lucchettatori".

Evidentemente mi sbagliavo...

Unknown ha detto...

In 2 settimane, anche il Firmware 2.0 sarà bello che craccato.

Luigi Rosa ha detto...

I motivi per non comprare un iPhone iniziano ad essere un po' ridondanti. :)

Sara' l'influsso di "Halting State" di Stross, ma cosa succede se le chiavi di Apple che controllano le chiavi degli iPod vengono per sbaglio disabilitate?

"Come milioni di i iPod che urlassero terrorizzati e all'improvviso si fossero zittiti" solo perche' uno ha dato "OK" anziche' "Cancel"? :)

Galo ha detto...

La fonte corretta è www.darkapples.net

Giako ha detto...

Non è un po' caruccio l'Openmoko? 399 USD...

Sheldon Pax ha detto...

@Luigi. Fairplay è un lucchetto più intelligente di quello di MS, non dipende sempre e comunque da un server centrale che deve benedire ogni singolo pezzo di codice che vuoi usare, si limita ad autorizzare il singolo dispositivo legato al particolare account iTunes e poi i contenuti e il software comprati da quell'account suonano tranquillamente su vari dispositivi autorizzati.

Per cui l'eventualità dello spegnimento totale dei server e meno dannosa.

Quello che però Apple ha introdotto nell'ultima generazione di iPod è davvero una carognata e sospettavo che c'entrasse il TPM. Gli accessori per iPod devono essere "compatibili", devono cioè essere riconosciuti dal dispositivo tramite i chippettino. Non funzionano neanche gli adattatori per la ricarica da rete elettrica che non abbiano la mela impressa, molti accessori che andavano bene con i 5G coi Classic restano muti, il Touch è un iPod monco in parecchi punti (no mass-storage mode, 16 giga inutilizzabili da chi ha una collezione di MP3 non vastissima).

Io per il momento sto al gioco e seguo la corrente, scaricherò il 2.0 (pagandolo) e spero che qualcosa migliori, altrimenti il Touch sarà archiviato tra le "occasioni mancate" e lo userò per sentire musica e podcast vari.

Unknown ha detto...

Paolo, facci una bella recensione completa del Neo FreeRunner / OpenMoko.

Elena ``of Valhalla'' ha detto...

L'openmoko costa tanto per due motivi: non puo` sperare nel mercato di un iphone, quindi e` prodotto in quantita` a confronto minime, e non e` venduto dai fornitori di telefonia scontato assieme a contratti capestro.

Dan ha detto...

"Non è un po' caruccio l'Openmoko? 399 USD..."
Giako, prova a fare una conversione in Euro. Adesso che l'euro è forte rispetto al dollaro siamo avvantaggiati, e infatti Google mi dice che sono circa 250 Euro, prezzo direi allineato ai modelli con caratteristiche simili di altre marche.
Certo non sarà la cosa più semplice del mondo, ma il bonus aggiuntivo di poter modificare come voglio io un oggettino del genere, specialmente nel software, è per me molto allettante.

Anch'io come andrea speravo che il TPM facesse la fine dell'ID per i Pentium, ovvero rimosso a furor di popolo. Sembra che purtroppo la Apple abbia invece deciso di seguire la via dell'interesse protetto dalle blindature più pesanti disponibili... sono sicuro che in questo modo deluderà più di un utente. Beh, come sappiamo nessuno è perfetto, neppure la Apple... vedremo se saprà riscattarsi da questo brutto scivolone verso il Grande Fratello.
Ma non avevano cominciato ad ammorbidirsi e a vendere MP3 senza protezioni..?

Unknown ha detto...

Son contento di aver comprato un lettore 'cinese' e di non aver finanziato un tale obbrobrio! (oltre ad avere risparmiato) Mi dispiace per Apple ma se progetta di fare certe cose non avrà i miei soldi. Dove sarebbe l'informatica adesso (e anche Apple) se ogni programmatore avesse dovuto far 'benedire' i propri programmi dal gigante di turno (IBM, Microsoft ...)?

IlTremendo ha detto...

un altro motivo per cui apple va paragonata a microsoft.
l'unica certezza è l'open source e chi lo sfrutta.

Mich ha detto...

scusate l'ignoranza... qualcuno mi spiega il grande vantaggio di openmoko? Che differanza c'è con un telefono ad esempio con sistema operativo Symbian dove si possono installare programmi scritti dali utenti?

Lorenzo ha detto...

Non capisco tutta questa polemica, Apple fa così perché vendendo gli iPhone a meno di quello che paga lei (tra i 300 e i 405$) si deve rivalere sui vari operatori. Poi comunque i nuovi iPhone 3G saranno SIM-free (tutti, anche quelli venduti con abbonamento, anche se sarebbe un suicidio fare l' abbonamento e poi non usarlo :-D). Certo l' idea di un chippettino apposito che deve autenticare ogni singola riga di codice che gira sul telefono è molto discutibile ma visto come sono andate le tecniche passate (vedi iPhone 2G sbloccato la settimana dopo che è uscito) preferiscono pararsi il sedere :). Interessante il Neo Free Runner, ma non ha il 3G (e neanche l' EDGE).

Giuseppez ha detto...

Ma guardate un po' che strano. Apple progetta un telefonino con dentro un chip TPM e non lo utilizza da subito. Il telefono, di conseguenza, viene craccato facilmente. Apple rilascia un aggiornamento che avrebbe dovuto impedire manomissioni al software ma che non utilizza ancora il TPM. Anche questo aggiornamento viene craccato. Ora c'è la nuova release che utilizza il TPM e dovrebbe essere inattaccabile.
A me tutto ciò "puzza" di marketing. Apple, per favorirne la diffusione, lascia craccare l'iPhone, aggirando in tal modo anche i contratti di esclusiva con una (o due, non ricordo bene) compagnie americane. Quando il suo prodotto si è affermato a sufficienza grazie anche alla pubblicità derivata dai "crackers" lo blinda utilizzando il TPM.
Complimenti al management di Apple per l'astuzia, anche se ai limiti della legalità.

Dan ha detto...

"scusate l'ignoranza... qualcuno mi spiega il grande vantaggio di openmoko? Che differanza c'è con un telefono ad esempio con sistema operativo Symbian dove si possono installare programmi scritti dali utenti?"
Che non sei soggetto solo alla casa produttrice per ricevere aggiornamenti e nuovo software, e probabilmente ci sarà molta più gente che svilupperà programmi per il tuo telefono.
Un cellulare normale più o meno me lo tengo così com'è, a parte forse aggiornare il firmware. Con questo se hai bisogno di una funzione particolare cerchi il programma che lo faccia, o addirittura, se ne hai la capacità, te lo sviluppi da solo (o modifichi uno preesistente). In breve, puoi liberamente modificare qualsiasi cosa di quel cellulare, senza che il produttore abbia niente da ridire.
(un dubbio: come funziona la garanzia degli Openmoko?)

psionic ha detto...

Fiero pure io del mio nuovo Cowon D2. Marca coreana semi sconosciuta, anzi, credo che in Italia non venda proprio, infatti io l'ho comprato in Inghilterra. In ogni caso credo fara' strada. Il firmware e' personizzabilissimo, esistono firmware alterantivi (come rockbox, ma questa c'e' anche per l'ipod, comunque. Devo dire che non so lo stato di avanzamento a riguardo per l'iphone) e sostanzialmente punta per la vendita sulla QUALITA' e non per la posizione guadagnata nel mercato.

Certo, l'iphone e' eccezionale, ma, guarda un po', adesso che apple possiede una fetta di mercato consistente, comincia a fare un po' il bello e cattivo tempo.

Esattamente com'e' successo con Microsoft, ai tempi del monopolio i prodotti cominciavano a diventare "scadenti", adesso che la concorrenza si fa sentire sensibilimente, la qualita' del software Microsoft sta aumentando sensibilmente (almeno a mio parere)

Unknown ha detto...

Scusate ma devo fortemente dissentire, in questo caso, tra chi paragona Apple a MS in questo campo. Diamo a Cesare quel che che è di Cesare.
I sistemi MS sono molte volte più aperti di quelli Apple. Se compri un normalissimo HTC con Windows6 Mobile non hai neppure bisogno di craccarlo. Ci installi quello che vuoi, compresi codec alternativi, e lo usi dappertutto. Con apple per usare software di terze parti lo devi craccare. Ovviamente un sistema Open Source è ancora più aperto, ma ha il limite (che non sempre lo è) che è basato sulle comunità libere.

Ora possiamo odiare Windows o MS quanto vogliamo, ma non si può negare che in una scala gerarchica di libertà i sistemi MS siano sopra quelli Apple!

Santino83 ha detto...

Vista la mania delle persone di craccare le cose, era inevitabile che si arrivasse a sto punto..

e cmq, gli unici che piangeranno saranno i cracker (anzi, suderanno, perchè dovranno lavorare un pò di piu per craccarlo)... all'utente medio gli interessa poco la cosa.

Unknown ha detto...

Non ci hanno messo poi molto:

http://www.spaziocellulare.com/ispazio/2008/07/10/il-dev-team-ha-sbloccato-il-firmware-20/

oppure

http://www.darkapples.net/?p=13

Stemby ha detto...

A me il FreeRunner dovrebbe arrivare ad inizio agosto.

Comprato in Francia con megagruppone d'acquisto a 297 € compresi _tutti_ i gadget e 2 anni di garanzia.

I vantaggi? Hai a disposizione migliaia (decine di migliaia) di programmi già pronti.

In pratica hai un vero e proprio PC compreso di tutto (monitor, tastiera, mouse, casse, USB, wifi, bluetooth, antenna GPS, ecc.) e che sta in tasca.

Ci fai quello che ti pare. Anche telefonare, se vuoi ;-)

OrboVeggente ha detto...

paolo, una domanda semplice:
perché a corredo di questo post hai messo una mia foto mentre sto proponendo un finanziamento ai clienti?

Dan ha detto...

Ok stemby, quindi quando ti arriva o ci fai una revisione, o lo porti a casa di Paolo e la fa lui. Vogliamo sapere!