skip to main | skip to sidebar
5 commenti

Microsoft dichiara guerra alle app di “ottimizzazione” allarmiste e coercitive

Un “ottimizzatore”. Credit: Ars Technica.
Uno dei problemi più frequenti che incontro nelle segnalazioni dei lettori e degli ascoltatori riguarda il fatto che il loro computer è diventato lento e che hanno installato un’app di ottimizzazione per tentare di risolvere il rallentamento. Di solito l’app è stata installata seguendo un invito comparso sullo schermo durante la navigazione in Rete.

Questi inviti sono quasi sempre delle trappole pubblicitarie e gli “ottimizzatori” o “pulitori di Registro” che reclamizzano sono inefficaci nel migliore dei casi e spesso sono dannosi e infettanti. Come regola generale, non bisognerebbe mai installare nulla seguendo un invito pubblicitario.

A partire da marzo Microsoft interverrà attivamente per rimuovere dai computer degli utenti queste false app di ottimizzazione. Lo farà tramite Windows Defender, l’anti-malware integrato in Windows. In generale, Defender agirà rimuovendo qualunque app che segnali errori in maniera esagerata senza fornire dettagli e richieda un pagamento, la partecipazione a un sondaggio, lo scaricamento di un file o simili. In sostanza, qualunque software che abbia un tono coercitivo verrà considerato software indesiderato secondo questi nuovi criteri.

Era ora.


Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (5)
Magari qualcuno mandi dei sicari nella sede di MacKeeper. Hanno decisamente scartavetrato abbastanza gli zebedei.
Ennesimo software ingannevole per troppi utenti. Aspetto con ansia che riescano a bloccare con la stessa celerità anche MacKeeper e compagnia, lato "mela".
a me pare abbastanza complesso riuscire a mantenere tutte quelle promesse se il software non collabora...vedremo.
Veramente sarebbe ora che Microsoft implementasse un sistema di pulizia suo visto che conosce l'ambiente meglio di tutti. O almeno dovrebbe.


@Scatola grande
In realtà windows ha già tutto il necessario per tenere pulito il sistema senza comprometterlo.
L'utilità di questo tipo di applicazioni, quando lecite e serie, è quella di fare tutto in un paio di click.