skip to main | skip to sidebar
18 commenti

Fine dell’angoscia per il carattere indiano che crasha gli iCosi

Panico generale per gli utenti di iPhone, iPad, Apple Watch, Mac e Apple TV: temono di ricevere in un messaggio il temutissimo carattere della lingua telugu (mostrato qui accanto) che manda in tilt tutti questi dispositivi se viene visualizzato.

Apple ha distribuito oggi un aggiornamento di iOS (11.2.6), macOS (10.13.3), watchOS (4.2.3) e tvOS (11.2.6) che risolve il problema, ma chi ha un dispositivo Apple non aggiornabile rischia di restare indifeso a lungo. E nel frattempo imperversano da giorni i guastafeste che pensano che sia divertente pubblicare nei social network questo carattere in modo da far crashare in massa i dispositivi Apple e mettere nei guai i loro utenti.

Non è la prima volta che i dispositivi Apple o di altre marche vengono messi in crisi da una cosa apparentemente così banale come un semplice carattere tipografico, ma stavolta gli effetti sono molto seri: c’è chi lamenta di non riuscire più a riavviare il telefonino o il tablet, trasformatosi in un costoso fermacarte.

Se potete, installate gli aggiornamenti [nota personale: su un mio Mac Mini del 2014 l’installazione ha richiesto una trentina di minuti, per molti dei quali il Mac non ha dato il minimo segno di vita (schermo totalmente nero); su un MacBook Pro del 2015 ci sono voluti 12 minuti e non ci sono state inquietanti schermate nere]. Se non potete, vi conviene imparare a fare prima di tutto un po’ di prevenzione. Il passo più importante è disattivare le anteprime delle notifiche, perché la paralisi completa del dispositivo avviene quando questo famigerato carattere viene visualizzato in una notifica. Nei dispositivi Apple che usano iOS, andate quindi nelle Impostazioni, scegliete Notifiche e poi scegliete Mai nella sezione Mostra anteprime.

Fatto questo, se qualcuno vi manderà il carattere in questione e non avete (ancora) installato l’aggiornamento, perlomeno non andrà in tilt l’intero dispositivo ma si bloccherà soltanto la specifica app di messaggistica (che può essere Telegram, Snapchat, Twitter o altre ancora). Riavviarla è inutile, perché si bloccherà di nuovo. In questo caso potete provare ad accedere al vostro account di messaggistica usando un’altra versione della stessa app che sta su un computer Windows o Linux o su un dispositivo Android, e cancellare da lì la conversazione che contiene il carattere famigerato. Questi sistemi, infatti, sono immuni al problema che causa il collasso.

Nel caso dell’app Messaggi di iOS, invece, occorre andare nelle Impostazioni, scegliere Generali e poi Spazio libero: qui troverete un elenco di app che include appunto l’app Messaggi. Se la selezionate, potrete poi scegliere la conversazione da eliminare e tutto tornerà a funzionare.

Ma che succede se è troppo tardi e il vostro iPhone o iPad è completamente bloccato? Vi conviene andare da un tecnico e chiedere il suo intervento. Se siete smanettoni e coraggiosi, potete provare a mettere il dispositivo in modalità DFU e tentare un ripristino da zero di iOS. Alcuni coraggiosi hanno tentato di risolvere il problema installando la versione beta (cioè instabile) di iOS 11.3, che ha già eliminato il difetto del carattere telugu. Ma se lo fate senza fare prima un backup perderete tutti i vostri dati.

Come fa un singolo carattere a causare così tanti problemi? In realtà il simbolo è una combinazione di lettere e segni che contiene complesse istruzioni di posizionamento, per cui non è come un semplice carattere alfabetico latino: visualizzarlo richiede invece una serie di calcoli che i sistemi operativi di Apple sbagliavano, causando il tilt.


Questo articolo è derivato dal testo preparato per il mio servizio La Rete in 3 minuti per Radio Inblu del 20 febbraio 2018.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (18)
...se invececlo visualizzano qui, niente.
Considerato che il carattere è stato mandato intenzionalmente pur sapendo i danni che avrebbe creato, mi chiedo se non sia possibile per chi ha avuto dispositivi danneggiati irreparabilmente chiedere i danni a sti imbecilli
Penso che questo sia di gran lunga il più incredibile bug nella storia dell'informatica: già solo il suggerimento di impedire qualunque tipo di notifica è straordinario. Stiamo parlando di una funzionalità che esiste da 20 anni e che su un iPhone, un dispositivo spacciato come l'avanguardia tecnologia, diventa una grave minaccia, capace di farti perdere tutti i dati.
Ma, poi, 30 minuti per un aggiornamento? Io mi lamentavo del fatto che per avanzare Ubuntu da una LTS all'altra ci volevano quasi 10 minuti! Qui stiamo parlando di dispositivi che costano migliaia di euro, SO fatti esclusivamente per quei dispositivi e un singolo mini aggiornamento per evitare un bug su un singolo misero carattere richiede 30 minuti? Follia...
Non scrivo niente. Fa già abbastanza ridere cosi.
Modalità stupidera "on":
..."visualizzarlo richiede invece una serie di calcoli che i sistemi operativi di Apple sbagliavano, causando il tilt." Posso prestare il pallottoliere ikea dei miei figli?! XD XD.
Ok, modalità stupidera "off".
Non ho resistito: ogni tanto una soddisfazione per chi non ha un iCoso ci deve pur essere...! 😁
@Berto
No, se lo visualizzano qui, niente: è un'immagine, non un font vettoriale.
Credo che non fosse un fix banale, ed abbia richiesto modifiche piuttosto pesanti sui sistemi operativi. E la durata dell'aggiornamento pare confermarlo. Sapete il peso del fix?
Con questo bug Apple ha dimostrato di non investire molto nella fase di test dei suoi software, ma anche che ci sono moduli del sistema operativo in comune per tutti i suoi dispositivi, dal pc allo smartphone.

Questo significa che un bug di sicurezza di un iPhone potrebbe esserlo anche per un macBook.

Se qualche criminale informatico non era a conoscenza di questi elementi comuni tra i vari dispositivi adesso lo sa.
Questo potrebbe "stimolare" la loro ricerca di bug negli iCosi.

Se ciò accadrà sapremo quale sia l'effettivo livello di sicurezza di macOS e iOS.

Fino ad ora la sicurezza è stata garantita più che altro dalla minore diffusione di questi dispositivi rispetto ad altri sistemi come Android e Windows.
@Mammiiiinaaa?! ogni tanto ? A me non pare sia la prima volta che succede una cosa di questo genere.
Berto,

Perché qui il potere delle lobby tecnocratiche plutarchiche e massoni non può entrare.
https://goo.gl/oZQCwe
Commento serio: ho un iPad 2 che funziona ancora benissimo, tranne che non può essere aggiornato. Che faccio?
Credo che l'ultimo update ricevuto sia stato il 9.qualcosa
Avete una vaga idea di cosa sarebbe successo se questo bug avesse riguardato Windows?
Torce e forconi, titoli sui giornali, pioggia di fuoco, invasione di locuste, cani e gatti che vivono insieme (cit.) gente in piazza... Apple: niente.
Pensa se inviassero un messaggio WhatsApp con il "famoso" video con quel particolare codec e con un testo scritto con questo carattere indiano allo scoccare del cambio ora solare/legale.... Penso che tutti gli iCosi scoppierebbero.... hihiihii
"Perché qui il potere delle lobby tecnocratiche plutarchiche e massoni non può entrare."

Paolo ha "svettorializzato" il blog.
:-D
Più che un calcolo pare, da ciò che ho letto in giro, sia un errore più banale: non viene controllato se un certo buffer (usato per mostrare quei caratteri) sia a null o meno. Risultato: null pointer exception. Quanti ne ho anche sui miei software :-)
So che essere divertiti per una cosa che ha creato problemi a molti incolpevoli non è bello né elegante, ma conosco più di un apple fanboy che si sarebbe meritato anche di peggio.
Vederli smarriti maneggiare il loro "gioiello" come se fosse una bomba pronta a scoppiare. priceless!
Un tizio col culo al vento seduto su uno specchio rimpicciolente, che crea così tanti casini? Incredibbbboli...