Cerca nel blog

2009/10/09

Bil Gates ti paga? No, ma a qualcuno costa

Che male fa inoltrare le catene di Sant'Antonio?


Ho già parlato in varie occasioni dell'appello ormai classico secondo il quale "Bill Gates sta condividendo la sua fortuna" e finanzia un test pagando 245 euro a ogni persona che inoltra l'appello, ma mi tocca ritornare sull'argomento perché l'appello-bufala è riesploso e sta causando danni.

L'appello originale risale al 1997, ed è una delle poche catene di Sant'Antonio di cui si sa l'esatta origine: si tratta di una burla inventata nel 1997 da Bryan Mack, che all'epoca era studente nell'Iowa. Un suo collega aveva appena ricevuto uno dei soliti e-mail che promettono metodi improbabili per fare soldi in fretta, e Mack pensò che si potesse fare di meglio.

Ancora oggi quest'appello continua a circolare perché c'è sempre qualcuno che ci crede oppure si ferma alla classica idea che nel dubbio inoltrare non costa nulla. Torno a parlare di questa storia perché proprio in questi giorni c'è una chiara dimostrazione del fatto che invece disseminare questo genere di appelli costa eccome.

La versione più recente, infatti, include le coordinate di una persona che sembra autenticare l'appello: si tratterebbe di un agente finanziario di una banca molto nota (che non cito qui perché non ho ancora il suo permesso formale) e che quindi a molti può dare l'impressione di garantire autorevolmente l'appello.

Ho contattato i numeri telefonici di rete fissa indicati, che hanno un prefisso 089 corrispondente alla zona di Salerno, e mi ha risposto in malo modo una signora dicendo che quei numeri sono sbagliati e non si riferiscono a nessun agente finanziario.

L'indirizzo di e-mail del garante apparente è invece valido e ne ho ricevuto questa risposta: "questa e.mail non è stata mai generata, ne diffusa, mai scritta ne da me ne dalla banca, ma qualcuno ha inserito i miei dati facedndola circolare violando la privacy nel web."

L'agente finanziario, insomma, non è affatto un garante dell'appello. Anzi, dice la risposta, è stata fatta denuncia alla Polizia Postale per esonerare da ogni responsabilità sia la persona coinvolta, sia la banca che rappresenta. Cosa peggiore, "Questa mail sta facendo impazzire il mio cell. e la mia posta", mi scrive la vittima.

E' questo il prezzo dell'inoltro indiscriminato: chiunque può includere le coordinate di una persona alla quale vuole fare un brutto tiro e tormentarla inducendo centinaia di persone a telefonarle o a mandarle mail. In questo caso specifico, oltretutto, c'è il rischio serio di un danno d'immagine professionale, perché probabilmente la prima reazione di chi legge l'appello e sa che è una bufala è pensare che se l'agente finanziario c'è cascato, probabilmente non è un agente finanziario molto sveglio.

Quindi prima di inoltrare questi appelli, controllateli: usate i servizi antibufala della Rete e comunque di solito basta digitare in Google le parole chiave. Se non avete tempo di controllare, cestinateli. Tanto la statistica è dalla vostra parte, perché gli appelli che girano in Rete sono quasi tutti fasulli.

35 commenti:

Van Fanel ha detto...

E' questo il prezzo dell'inoltro indiscriminato: chiunque può includere le coordinate di una persona alla quale vuole fare un brutto tiro e tormentarla inducendo centinaia di persone a telefonarle o a mandarle mail. In questo caso specifico, oltretutto, c'è il rischio serio di un danno d'immagine professionale, perché probabilmente la prima reazione di chi legge l'appello e sa che è una bufala è pensare che se l'agente finanziario c'è cascato, probabilmente non è un agente finanziario molto sveglio


"A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca", disse quello là. Indovinate infatti qual'è la prima cosa a cui ho pensato quando ho letto 'sta cosa? ;))))

Exodus68 ha detto...

Avrai pensato che l'agente finanziario ha inoltrato la mail a tutti gli amici della sua rubrica con sempliciottoneria.

Magari e' pure vero e la ha inoltrata con tale superficialita' che neppure se lo ricorda.

Come puo' pur esser vero che qualcuno ha rimandato la mail in giro scrivendovi i dati di un "concorrente", in modo da metterlo in difficolta'.

A questa casistica non avevo mai pensato... ma e' possibile che ci siano mail-bufale rigirate per la 12345esima volta appositamente con questi motivi.

Diabolica la mente umana a volte.


Ivo - Modena

Andreas.B.Grogan ha detto...

Exodus68 ha detto...

...Come puo' pur esser vero che qualcuno ha rimandato la mail in giro scrivendovi i dati di un "concorrente", in modo da metterlo in difficolta'.

A questa casistica non avevo mai pensato... ma e' possibile che ci siano mail-bufale rigirate per la 12345esima volta appositamente con questi motivi....


Possibilita' tutt'altra che remota.

Prima dell'avvento di Internet, due famosissime bufale che fecero scalpore dove abitavo, ossia:

-la bambina rapita dagli zingari trovata rasata nel bagno di un centro commerciale

e

-il giovane trovato nel fosso senza un rene dopo ua serata in un locale

Erano state descritte -guarda caso- come accadute rispettivamente nel PRIMO centro commerciale aperto nella zona (che ovviamente entrava in conflitto con i supermarket locali) e in una NUOVA discoteca di successo (stesso discorso per i proprietari di altri locali dei dintorni).

Coincidenze? Noi di boyager crediamo di no!

Poi, un esempio eclatante e' stata una certa colletta per un telemetro...ma questa e' storia recente.

L'economa domestica ha detto...

In questo caso specifico, oltretutto, c'è il rischio serio di un danno d'immagine professionale, perché probabilmente la prima reazione di chi legge l'appello e sa che è una bufala è pensare che se l'agente finanziario c'è cascato, probabilmente non è un agente finanziario molto sveglio.

Se gestisce le password di posta come gestisce i dati finanziari dei clienti stiamo a posto!!!

L'economa domestica ha detto...

@ Exodus68

... completa il trio quella della ragazza che nei camerini del negozio allora più alla moda di Roma era stata narcotizzata, depilata (!) e "imballata" per essere spedita ad un magnate arabo.

Van Fanel ha detto...

Ah, è certamente possibile che gli abbiano fatto uno scherzo (come è possibile che certe leggende metropolitane possano venire alterate ad arte per danneggiare qualcuno)... ma anche no! ;)
Già il buon Paolo aveva presentato questa ipotesi nel caso della Dott.ssa R.G. ...

Kikka ha detto...

credo che sia buon uso cestinare automaticamente qualsiasi catena di sant'antonio arrivi, sia quelle che sono solo una rottura da compilare e da rimandare, sia quelle che parlano della pericolosità dell'acqua, della velenosità del cloro, o dell'esposizione a raggi ultraalieni. sono quasi sempre e quasi tutte boiate, e si potrebbe anche togliere il quasi.

astrid ha detto...

io l'ho ricevuta da una mia amica con indicati i recapiti di lavoro del suo compagno, messaggio inoltrato a decine di contatti, spero che non faccia anche lui la fine dell'agente finanziario.

L'economa domestica ha detto...

@ Astrid
Ma speriamo di sì!

annucci ha detto...

A proposito di bufale sul corriere.it parlano di asini dipinti da zebre in uno zoo di Gaza, a me sembra una bufala bella e buona...

Replicante Cattivo ha detto...

Tempo fa mi è nuovamente arrivata questa mail, che era almeno al settimo o ottavo inoltro. C'erano TUTTI gli indirizzi visibili, comrpesi qualche numero di telefono e indirizzo inseriti in calce alle mail. E gli indirizzi totali erano CENTINAIA (anzi, in alcuni inoltri, questi venivano ridotti automaticamente da parte del programma di posta, altrimenti credo che sarebbero stati più di mille).
Ora pensate cosa succede se un imbecille decide di fare "rispondi a tutti" oppure se uno solo di questi possiede un virus/spammer che inizi a scrivere a tutti quegli indirizzi.

La cosa che mi ha fatto incazare a morte è che la mail mi è arrivata da parte di un'organizzazione, che possedeva il mio indirizzo perchè io gliel'ho fornito per avere info sulle loro serate. E loro li usano così? E infatti gli ho scritto imbufalito chiedendo di rimuovermi immediatamente dalla mailing list.

E loro mi hanno ancora ringraziato, sostenendo che la mail era stata inviata a loro insaputa e quindi avrebbero controllato...

@ Annunci

A proposito di bufale sul corriere.it parlano di asini dipinti da zebre in uno zoo di Gaza, a me sembra una bufala bella e buona...

Ne hanno anche mostrato un filmato a Studio Aperto. Quindi forse non è proprio una bufala, ma più una mossa pubblicitaria (come la storia dell'avvistamento della sirena)

Elragno ha detto...

Certo che però è stimolante vedere i due estremi: da una parte gente che mette in circolazione queste bufale con fare molto arguto (per fare ste cose contro una persona ci vuole un pò di arguzia e intelligenza, oltre che cattiveria a parer mio...) e dall'altra gente così ingenua da cascarci...MHA!

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

Se gestisce le password di posta come gestisce i dati finanziari dei clienti stiamo a posto!!!

in che senso, eco'?

^___^

puffolottiaccident ha detto...

Il consulente finanziario é quel tipo che gioca al videopoker per te?
Che succede se perde tutto?

Io direi che bisogna appendere nelle aule, vicino al crocefisso:

"Nessuno al mondo ha mai fatto calcolare un prezzo d´uso del capitale o un premio di assicurazione a un cretino, neanche per sbaglio."

Replicante Cattivo ha detto...

Volevo avvisarvi che oggi mi è arritata una mail intestata "Team di windows messenger"

Oggettto
Installa l'aggiornamento della protezione di Messenger più recente!

Gentile utente di Messenger,
È appena stata rilasciata una nuova versione di Messenger che include importanti aggiornamenti della protezione per la sicurezza di tutti gli utenti che partecipano alle conversazioni in linea. Tutti gli utenti di Messenger dovranno disporre dell'ultima versione per continuare a utilizzare il servizio.



La cosa mi puzza molto (messenger scarica gli aggiornamenti in automatico o mi avvisa quando sono disponibili).

Il link per scaricare questo presunto aggiornamento si rifanno ad un url che inizia con
microsoft/windowslive.com/...

Ma cercando con google non mi trova nessun sito che inizi con quell'url.

puffolottiaccident ha detto...

Replicante cattivo, Quella degli asini dipinti da zebre é vera.

http://www.youtube.com/watch?v=lK3nglq0NxQ

I bimbi sono in questo modo contenti di poter prendere a cazzotti sulle chiappe un animale tanto esotico.

Allo zoo di Gaza c´é anche il serraglio dei gatti domestici, visto che colá sono piú rari delle zebre in libertá.

(Da qualche tempo "pionieri del domani" cerca di insegnare ai bambini palestinesi a rispettare i gatti, visto che questo inspiegabile odio per i gatti guasta i travestimenti dei terroristi)

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@Repli

tutto vero

grosse vulnerabilità, corrette con la nuova versione, hanno spinto MS a bloccare l'accesso entro poco alle versioni vecchie

e per questo stanno avvertendo gli utenti in tutti i modi possibili

approfondimento

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

scusa repli non ho capito che URL hai trovato tu

l'URL a cui puntanto i link è nel dominio windowslive.com

Replicante Cattivo ha detto...

@Puffolotti

No ma che esistessero REALMENTE degli asini colorati di bianco e nero in uno zoo lo sapevo perchè comunque avevo visto il servizio.
C'è da capire solo se è vera la storia che in questo zoo abbiano messo degli asini spacciati realmente per zebre o se sia solo un viral marketing.

C'era qualcuno che diceva: "prendi un asino e mettilo in tv tutti i giorni...e preso la gente lo considererà un vip" (e questo prima ancora che iniziasse il Grande Fratello)

Bene ora a Gaza, ci sarà qualcuno che dirà "andiamo a vedere le finte zebre". Poco importa se questi asini siano stati dipinti 6 mesi fa per attirare i turisti o due giorni fa per realizzare un servizio giornalistico.
Sono questioni molto importanti... -.-'

puffolottiaccident ha detto...

@Replicante cattivo.

Non so dove finisce quello che il palestinese di Gaza si beve perché non ha accesso a fonti d´informazione per lui affidabili* e dove comincia quello che si beve perché altrimenti gli si impiglia la cravatta in un gancio da roulotte.

La mia impressione personale é che a Gaza tutti sopra i 7 anni sappiano che quelli in realtá sono asini, e fra i bambini nell´ etá di transizione fra chi sa e chi ancora non sa si svolgono feroci diatribe.

Questo mi suggerisce un dubbio sull´invenzione di Babbo Natale & colleghi.

Forse queste diatribe sono positive nell´ambito di un sano sviluppo delle facoltá cognitive del bambino, una sorta di allenamento che potrebbe condurlo a sviluppare un senso critico che offre una prima difesa alle bufale che gli venderanno quando sará adulto.

Il ché forse* é lo scopo principe dell´istituzione scolastica in sé per sé.

*Mi son diplomato perito edile venendo interrogato in "italiano" & "diritto", ció potrebbe aver viziato la percezione che ho della scuola.

Se avessi portato agli esami "strutture" e "impianti" o toglierei il "forse" oppure non avrei mai formulato il pensiero in questione.

Replicante Cattivo ha detto...

@ the Drakkar

Il link che hai postato tu risale a fine agosto, e infatti mi ricordo che non molto tempo fa il programma mi ha notificato un aggiornamento.

Mi pare che una delle policy di Microsoft sia proprio quella di non inviare aggiornamenti (o notifiche di aggiornamento) proprio per evitare che qualcuno si spacci per loro: gli aggiornamenti avvengono in automatico oppure l'utente può verificarli manualmente quando vuole, ma non mi è MAI capitato di ricevere notifiche via mail.
Inoltre ho provato a googlare e ho letto che altra gente, in passato, ha ricevuto
una mail simile

Ho cestinato la mail quindi non posso riportarlo esattamente, ma il link a cui portava la mail era qualcosa del tipo

www.microsoft/windowslive.com/(caratteri alfanumerici casuali)

e provando a googlare non mi dava nessun risultato, quindi ho pensato che fosse un indirizzo fasullo.

Replicante Cattivo ha detto...

@ Puffolotti

Fermo restando che degli asini spacciati per zebre non me ne può fregare di meno (e nemmeno a te, credo :D) anche io so che molto probabilmente nessuno si può bere una cosa del genere (anche perchè gli asini, da quel che ne so io, ragliano lo stesso anche se li dipingi con la maglia della Juventus).
Però il mio dubbio è: è vero che a Gaza i bambini vanno a vedere degli asini dipinti spacciati per zebre? Oppure in realtà li hanno dipinti per realizzare un servizio giornalistico e far credere alla gente che allo zoo di Gaza siano messi così male e si siano ingegnati (e intanto avere pubblicità gratuita)?
Ecco, perchè Giacobbo non si occupa di queste cose, decisamente più al suo livello?

puffolottiaccident ha detto...

replicante cattivo, credo che le robe sulle zebre di gaza andrebbero chieste piú al "taigher" di Gaza che a me.

Lo riconosci dalla sciarpa a scacchi storti.

(Ma dove le trovo?)

puffolottiaccident ha detto...

Comunque roberto giacobbo é un dilettante rispetto al ministero della pubblica istruzione di Ramallah.

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@repli

il link che ho postato io risale al primo agosto, ma quel che mi interessava farti leggere è la road map con le date ottobrine

tuttavia se l'URL è veramente come dici tu, esso suggerirebbe una contraffazione o tentativo di contraffazione


io l'email l'ho ricevuta e tutti i link avevano gli URL "giusti"

quindi non so che dirti

se vuoi spedirmi la mail da te ricevuta sarò felice di analizzarla e confrontarla con la mia

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@repli

guardando attentamente agli URL che citi essi sono molto simili ai miei tranne per quello slash tra microsoft e windowslive

sei sicuro di quello slash?

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

PS i caratteri alfanumerici non sono casuali ma sono un codice identificativo

annucci ha detto...

Riguardo agli asini dipinti da zebre...
Il dubbio che si trattasse di bufala mi è venuto perchè a guardare bene gli animali non sembrano affatto dipinti, e non tanto meno sembrano asini.
Sembrano di più un incrocio tra due specie, magari proprio un incorocio tra asini e zebre.

Maria Flavia ha detto...

a me è arrivata con i recapiti di un avvocato di Napoli, che ho controllato sulle Pagine Bianche e che corrisponde. Non ho avuto il coraggio di chiamare per sapere come mai il loro indirizzo e relativo telefono sia capitato lì. Ho preferito controllare su questo sito che non finirò mai di benedire. Grazie. Io odio queste catene!

Dan ha detto...

Beh, per dirne una poco tempo fa mi è arrivato da un collega un grande classico: "danza lenta"! Stavolta non come semplice testo ma in versione Powerpoint, con contorno di foto idilliache di fiori... Gli ho risposto facendogli gentilmente notare che era un falso, e che magari non era il caso che usasse per questi scopi frivoli la sessantina di indirizzi di colleghi che ovviamente erano nel CC ben visibili. Se non sbaglio ci era già cascato un anno fa, mi sa che non ha imparato la lezione...

Sara ha detto...

fossi nei panni dell'agente finanziario metterei nel piano tariffario del cellulare l'opzione "più ricevi e più ti ricarichi" almeno ci guadagna qualcosa con tutte le telefonate che afferma di ricevere...

puffolottiaccident ha detto...

So come si incrocia pomodori & ceci*... ma cosa si possa incrociare con le zebre non posso proprio immaginarlo... cioé, se le incroci con una pallottola da 12,7 or better ottieni un tappeto, ma per il resto non son interfeconde con niente che non sia una zebra...

*"Pomodori del deserto"

Elragno ha detto...

L'incrocio zebra/asino è possibile (ci sono stati casi di zebrasini in zoo del Giappone da mamma asino e padre zebra) ma molto difficile.
Come morfologia è quella di un asino, ma il colore è simile a quello della zebra (il bianco di fondo è tendente al grigio e le strisce sono molto più sottili). Inoltre ha una tipica striscia scura sul collo e le orecchie bordate di nero della madre.

puffolottiaccident ha detto...

ü, elragno hai dei riferimenti di quanto affermi? la zebra é un animale molto diverso dagli altri equini.

annucci ha detto...

ieri sera ho visto un programma sugli ibridi su History Channel ed hanno fatto vedere un incrocio, guarda caso, tra un asino ed una zebra!