skip to main | skip to sidebar
16 commenti

Ci vediamo a Torino, sabato 9 giugno, al Tesla Club Italy Revolution 2018?

Sabato prossimo (9 giugno) sarò a Torino, al Museo Nazionale dell’Automobile, come ospite e relatore del Tesla Club Italy Revolution 2018, la conferenza italiana dedicata agli appassionati Tesla (ma dedicata alla mobilità elettrica sostenibile di qualunque marca) e organizzata dagli stessi appassionati, specificamente da quelli del Tesla Club Italy.

Il programma della conferenza, che raduna numerosi relatori di spicco, include argomenti di assoluto interesse, come le pensiline di ricarica fotovoltaiche, il riscaldamento domestico a costo zero, la gestione a fine vita delle batterie al litio, la sicurezza informatica delle auto connesse, SpaceX e anche un po’ di storia delle automobili elettriche.

Io presenterò una breve biografia critica di Elon Musk, il personaggio simbolo della rivoluzione elettrica; racconterò le origini, le strategie, i successi e gli insuccessi di un imprenditore anomalo, scremati da tifoserie e ostilità giornalistiche, per conoscere meglio i fatti, lasciare da parte i miti e capire cosa ci possiamo attendere realmente dal prossimo futuro in questo campo.

Le iscrizioni a Tesla Club Italy Revolution 2018 sono qui.




Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (16)
Io mi sono sempre chiesto perchè le auto elettriche non hanno pannelli solari su tetto e cofano. Io sono pendolare e faccio 16-20km al giorno per andare al lavoro e lascio per almeno 8 ore l'auto parcheggiata al sole... Ho fatto il calcolo che tetto più cofano possono essere qualche m2 di pannello, diciamo almeno 3, che al 20% di rendimento danno 600Wh-720Wh di picco. Per 8h e tenendo conto che il sole non è sempre allo zenith, saranno 2-3KWh almeno, che a massimo 200Wh/km sono almeno 40-60Km. Se facessero un'auto elettrica con pannelli solari, un pendolare che facesse 40-60km al giorno potrebbe non dover mai caricare l'auto. Di più se al ritorno a casa la lasci fuori al sole... E nel mio caso ci rientro alla grande... Potrei anche permettermi qualche deviazione per fare la spesa di tanto in tanto...
Scusa, ho sbagliato il calcolo dei km dai Kwh, sono 1/4 di quanto stimato... Ma il concetto non cambia... Anche perchè credo di aver sottostimato la superfice dei pannelli...
Senza voler causare discussioni o polemiche, com'è messa la situazione colonnina di ricarica nel caso dovessi fare il viaggio con la tua iOn? Riusciresti a farlo o sarebbe impossibile?
:-) Bell'evento... nel video in home page di teslarevolution dell'anno scorso, gli ultimi 20 secondi sono notevoli!!! fiu fiufiu fiu (sto fischiettando)...
Marco,

mi sono sempre chiesto perchè le auto elettriche non hanno pannelli solari su tetto e cofano

1. Costano
2. Hanno un rendimento troppo modesto
3. Se parcheggi al coperto, sei fregato :-)

Ci hanno già provato vari costruttori. Non bastano.
Patrick,

non sapevo degli ultimi secondi. Beh, è comunque mobilità sostenibile: sicuramente le signorine sono molto mobili, e il palo le sostiene egregiamente :-)
Daniel,

com'è messa la situazione colonnina di ricarica nel caso dovessi fare il viaggio con la tua iOn?

Beh, Lugano-Torino sono 194 km, potrei caricare 20 min a Lainate, ma poi dovrei fare la carica lenta, perché dopo Lainate non vedo punti di ricarica rapida CHAdeMO. Non ci penso nemmeno :-) Del resto, ho preso la iOn per i tragitti locali, non per le grandi trasferte.
Ma a proposito di pannelli solari, le pensiline dei parcheggi? Non basta mettere una presa per ogni stallo? Troppa poca corrente?
Altroché raduno tesla, Ecco cosa vai a fare a Torino quel weekend!

https://www.huffingtonpost.it/2018/06/05/bilderberg-sbarca-a-torino-tra-i-128-invitati-al-club-esclusivo-anche-8-italiani_a_23451106/
uelá, commento completamente OT e realmente una segnalazione, pensavo che ti sarebbe piaciuto questo: https://www.diyphotography.net/this-is-what-the-setting-moon-looks-like-through-telescopic-lens/
Sarà disponibile il video della conferenza su youtube o altro sito, per chi come me non potrà venire?
@Marco
il concetto cambia eccome se la stima è sovrastimata del 300%.
Se mi propongono un lavoro a 3.000 euro/mese potrei accettare volentieri, se invece sono 750 euro...
Ho partecipato con mio figlio ventenne al raduno dello scorso anno e l'entusiasmo che ha scaturito in lui il mondo dell'elettrico in genere (energia pulita, fotovoltaico etc oltre alle favolose Tesla naturalmente), mi ha spinto alla partecipazione anche per quest'anno a Torino. Gli interventi della scorsa edizione sono stati molto interessanti ed asaustivi ed anche il programma di quest'anno è parecchio interessante (Dulcis in fundo, la tua partecipazione ;-)). Quindi ci vediamo sabato a Torino!
Roberto & Son
Marco,

In realtà a Tesla ci hanno pensato ma lo hanno considerato poco pratico e inefficiente. Le loro stime erano di circa 3 km di autonomia in più in condizioni medie realistiche. Da notare che questa soluzione andrebbe confrontata con un incremento della capacità della batteria di qualche percento.

Hanno considerato anche la possibilità di un pannello solare estraibile ed orientabile ma, di nuovo, il gioco non valeva la... "candela" (=1/683 W/srad :) ) e l'aspetto era abbastanza surreale.

https://electrek.co/2017/07/16/tesla-model-3-elon-musk-solar-roof-option/
Per me gli elettrico-convinti possono pure continuare con le loro fissazioni ma un certo Tavares la pensa in modo più maturo" Non è realistico pensare di passare da meno dell'1% delle vendite attuali" di auto 'pulite' "al 30% nel giro di meno di 12 anni", ha detto Tavares, sottolineando che "gli obiettivi di taglio delle emissioni dovrebbero considerare ciò che le persone possono realmente permettersi". Guardando al mercato, Acea stima infatti che l'85% di tutte le auto elettriche nell'Ue siano vendute in 6 Paesi con un pil pro-capite superiore ai 35.000 euro (Norvegia, Danimarca, Finlandia, Lussemburgo, Belgio e Austria), mentre nei Paesi con un pil pro-capite inferiore a 18.000 euro, come in Europa centrale e orientale, la quota di mercato è prossima allo zero...."
http://www.ansa.it/canale_motori/notizie/industria/2018/06/06/acea-lobiettivo-dellue-sulle-auto-elettriche-non-e-realistico_2016e208-6345-4bb3-b869-937b2efbaa44.html
Un pannello solare potrebbe al massimo alimentare un sistema di ricambio d'aria forzato nel caso di parcheggio al sole d'estate. Ci avevo pensato come aftermarket fai-da-te più di 25 anni fa!