skip to main | skip to sidebar
4 commenti

Ci ha lasciato l’astronauta lunare Alan Bean

Le voci non confermate che circolavano da alcuni giorni si sono purtroppo rivelate corrette: è morto Alan Bean, uno dei dodici uomini che hanno camminato sulla Luna. Aveva 86 anni.

Dopo l’avventura lunare di Apollo 12, vissuta insieme a Pete Conrad nel 1969, pochi mesi dopo il primo storico allunaggio, Bean partecipò anche a una missione a bordo della stazione spaziale Skylab nel 1973, stabilendo un nuovo record di durata di una singola missione.

Pittore da sempre, dopo la sua carriera astronautica aveva messo al servizio dell’arte la sua esperienza eccezionale di aver visto con i propri occhi le luci e i colori di un mondo alieno. I suoi quadri sono esposti in numerosi centri spaziali e sono raccolti presso Alanbean.com.

Chi lo ha conosciuto e ha seguito le sue missioni lo ricorda come una persona sempre modesta, positiva e solare, che combinava una grande competenza con un senso dell’umorismo che rendeva leggere anche le situazioni più difficili. Io ho avuto l’onore di incontrarlo una volta, a una cena di gala in Florida: me lo sono trovato davanti, in fila come tutti gli altri al buffet, mentre chiacchierava e regalava sorrisi a tutti. Lo ricorderò per sempre così, con la sua voce inconfondibile, immortalata nelle registrazioni delle sue missioni, e con la sua arte spaziale altrettanto colma di gioia ed entusiasmo.

Dei dodici moonwalker ne restano oggi in vita solo quattro: Charlie Duke, Dave Scott, Harrison Schmitt e Buzz Aldrin. E non c’è nessuna indicazione seria che potranno passare il testimone a una nuova generazione di esploratori lunari.

La NASA ricorda Alan Bean in un annuncio ufficiale qui. Goodbye, Beano.

Is Anyone Out There? (2006)

Fast Times on the Ocean of Storms (1989).


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (4)
stimolato da un post letto qui (su un altro argomento) ero andato a leggermi qualcosa su Alan Bean PROPRIO IERI...

Paolo: forse dovresti scrivere che i due dipinti sono suoi. A mio parere non è ovvio leggendo l'articolo...
Per aspera
ad astra
Già dire che era "solare" mi ha strappato un sorriso e ben si applica all'"umorismo che rendeva leggere anche le situazioni più difficili".


pgc: nell'articolo c'è scritto "pittore da sempre", a me sembra palese il contrario
Perdonate il gioco di parole...

Sit tibi Luna levis

Ci lascia un'altra persona eccezionale, protagonista di una delle più grandi imprese della storia dell'umanità.
Spero tanto che tra mille anni i nomi che i nostri pronipoti leggeranno nei libri di storia siano i loro, invece di quelli di vari governanti e simili.