skip to main | skip to sidebar
11 commenti

La Psicosi del Furgone Bianco

È facile dare la colpa delle fake news alle testate giornalistiche o ai siti Web che non controllano le notizie prima di pubblicarle. Ma a volte la notizia falsa la fabbrichiamo o la alimentiamo noi utenti, perché non siamo abituati a questo nuovo ruolo di disseminatori di notizie e facciamo fatica a renderci conto che la voce digitale di qualunque utente di Facebook o WhatsApp, oggi, ha lo stesso potere di diffusione di quella di un’emittente radio o TV o di un giornale e può causare danni enormi.

Prendete per esempio l’allarme per un furgone bianco, guidato da un pedofilo pronto a rapire i bambini per esempio vicino alle scuole. Questo allarme viene segnalato in moltissime località, non solo in Italia, ma in tutto il mondo, e da molti anni, come rivela una rapida ricerca in Google News. In Italia si trovano casi a Zerbo (PV) (2016), Zeccone (PV) (2014), Lecco (2016), Ragusa (2017); all’estero spiccano Australia (2013 e 2011) e Regno Unito (2011). E questi sono solo i primi casi che ho trovato.

Questo vuol dire che o c’è un esercito internazionale di rapitori di bambini che hanno tutti scelto lo stesso metodo di operare e si ostinano a usarlo nonostante sia ormai conosciuto da anni, cosa piuttosto improbabile, oppure la notizia è falsa ed è una diceria che si perpetua e apparentemente si conferma perché in effetti i furgoni bianchi sono molto comuni e capita che qualcuno di essi passi nelle vicinanze delle scuole, ma per motivi assolutamente innocenti, e che qualche genitore ansioso interpreti male questo passaggio.

La variante più recente circola in questi giorni su WhatsApp: un messaggio include una foto di una donna e una voce femminile che dice che la donna nella foto si aggira nel quartiere insieme ad altre due persone e, nel momento in cui i bimbi escono da scuola o vi entrano, la donna ne prende uno e se lo porta via. La voce racconta che “è successo a questa mamma, mentre stava pagando alla cassa la bambina era già stata presa per mano e portata fuori dal bar. Meno male che la nonna se ne è accorta e gliel’hanno strappata dalle mani.”

Inquietante, certo, ma l’allarme è anonimo e non fornisce alcun dettaglio concreto: non indica né dove né quando sarebbe avvenuto questo tentato rapimento. Non specifica la scuola in questione e neppure la città. In altre parole, ha tutte le caratteristiche perfette per diventare un allarme che vale in eterno e in qualunque luogo, esattamente come la storia del furgone bianco, facendo leva sulle nostre paure.

WhatsApp è in grado di tracciare il passaparola di quest’allarme e risalire alla sua fonte per chiedere chiarimenti, ma per ora non risulta che l’abbia fatto. Inoltre il caso è già stato segnalato alla Polizia Postale dal collega debunker David Puente. Nel frattempo, se vogliamo dare una mano a contrastare le fake news, conviene evitare di far circolare questo genere di allarme privo di conferme e di riferimenti di luogo e di tempo e in particolare questo nuovo, perché c’è il rischio che qualcuno riconosca, o creda di riconoscere, la donna nella foto e la prenda di mira, come è successo a marzo del 2016 con il proprietario di un furgone bianco a Sant’Angelo di Piove, nel Veneto: era innocente, ma è stato additato e perseguitato come un orco da chi condivideva sui social senza riflettere.

La sua storia è stata raccontata anche da Una vita da social, la pagina Facebook ufficiale della Polizia di Stato italiana, che riporta le parole amare della vittima di una vera e propria psicosi, nata oltretutto da una stupida, irresponsabile bugia:

[...] nella mattinata di lunedi 22 febbraio [2016] sono venuto a conoscenza da mia moglie che su Whatsapp e in seguito su tutti gli altri social, stava girando un messaggio vocale con il quale una mamma di Sant'Angelo di Piove segnalava un potenziale adescamento a danno di minori e la descrizione del mezzo e del conducente erano quelli del mio veicolo.Così mi sono recato subito dalle forze dell'ordine di Piove di Sacco, dove mi hanno confermato la segnalazione fatta alla stessa stazione dai genitori dei bambini. In presenza sia degli agenti che dei genitori è stato chiarito il malinteso: tutto è nato da una bugia raccontata dai loro figli chissà per quale motivo, amplificata mediaticamente dal messaggio vocale diventato fortemente virale nei social network. L'errato allarmismo in Whatsapp, Facebook e perfino in qualche quotidiano on-line, era partito quindi prima della fine delle indagini delle forze dell'ordine. Inoltre nel weekend, a mia totale insaputa, il mio furgone (con targa ben in vista e con me e la mia famiglia all'interno), vista la sua particolarità, è stato più volte riconosciuto e fotografato ad incroci e semafori, e le foto sono state poi postate nei social network con commenti e appellativi nei miei confronti tutt’altro che piacevoli.

Ricordatevene, prima di condividere allarmi che possono rovinare una vita.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (11)
E poi chi condivide spesso pensa "ma che vuoi che faccia se non è vero, e poi potrebbe esserlo"
Un altro caso Mascheroni? Ma perché i webeti non la piantano lì di mettere alla gogna il malcapitato di turno? Secondo me, comunque, la targa del furgone in questione viene di volta in volta messa in giro da qualcuno che ce l'ha col proprietario e ha trovato la maniera più rapida e crudele per fargliela pagare, agendo sull'analfabetismo funzionale che affligge i webeti.
In realta' il furgone bianco e' sempre il solito e se lo passano aggiro per il mondo...
Ritengo decisamente piu' pericolose quelle auto bianche, spesso senza lampeggiante, parcheggiate a bordo strada, spesso al termine di lunghi rettilinei, magari in discesa; auto, dalle quali, dicevo, sono visibili degli strani apparati puntati in direzione della strada.. u_u
@Dumdumderum Sarebbe l'equivalente di quello che succedeva nei tempi bui prima che esistesse internet, quando chi ce l'aveva con qualcuno (uomo o donna non è importante) scriveva il numero di telefono del malcapitato/a nei bagni pubblici corredato con la descrizione di varie pratiche indecenti promesse a nome della vittima dello "scherzo".
Adesso ci sono Facebook (la fogna del web) e Whatsapp, si può tentare di scatenare un linciaggio contro qualcuno. Diciamo che il web ha agito da amplificatore di pericolosità dei cretini, ma il problema è a monte.
Segnalo piccolo refuso.
Sant'Angelo è una frazione di Piove di Sacco. Il termine "Sant’Angelo di Piove" è un modo informale per denominare la frazione da parte degli abitanti locali, ma il nome corretto della località è "Sant'Angelo di Piove di Sacco".
@Claudio (l'altro)
Vero; ma con Internet, e soprattutto con le socialmerde, la faccenda ha raggiunto il parossismo. Stai sulle palle a qualcuno? Stai pur sicuro che ti distruggono la vita con una facilità irrisoria! Prima i linciaggi, almeno, andavano organizzati; ora basta pubblicare una foto che permetta l'identificazione di qualcuno, appiccicarci la scritta "pedofilo" e nel giro di un minuto il malcapitato di turno viene messo alla berlina.
E' successo personalmente a me due volte ("casualmente abito" in zona Pavia): una mia amica che conosce per lavoro qualcuno del Comune di Zeccone mi manda su Whatsapp il messaggio. Le faccio notare che è sicuramente una bufala. Mi risponde che la "fonte è affidabilissima".... eh eh eh.... Io avevo appena fatto una "ricerchina" con uno di quei tool che ti fornisce i dati di un mezzo partendo dalla targa... Ovviamente non era un furgone!!!! Glielo faccio notare... Mi risponde dopo un po' che ha fatto controllare e sulla targa era un'altra!!! AHIA... Ma la fonte non era affidabilissima??? Poi ho "calato l'asso": conosco un carabiniere della Centrale di Pavia... Chiedo a lui che mi dice serafico che ho ragione io e che è una stronzata.... A quel punto lo dico all'amica chiedendole: adesso quale delle due fonti è la più "affidabile"?? Risposta: "ma io l'ho fatta girare per sicurezza".... Ovviamente poco tempo dopo c'è ricaduta di nuovo... Stavolta non era un furgone ma un'auto bianca... Certa gente non impara MAI... ;-)
Una bella denuncia per calunnia e un risarcimento da far fischiare le orecchie per danni di immagine e alla vita di relazione potrebbe essere un ottimo sistema di insegnamento.
@Dumdumderum
hai ragione, infatti sottolineavo che il web ha agito da amplificatore di pericolosità dei cretini.
Se qualcuno vi dice "nel dubbio inoltro, che male può fare?" voi girategli questo articolo... in India già una decina di morti, linciati dalla folla perché sospettati di essere ladri di bambini.

https://www.bbc.com/news/world-asia-india-44435127