skip to main | skip to sidebar
6 commenti

Fabbriche di fake news: ora anche in Ghana

Uno dei dubbi più frequenti a proposito del fenomeno fake news è che le notizie false sono sempre esistite: ma allora come mai se ne fa un gran parlare proprio adesso? Convenienza politica? No, c’è una ragione molto concreta: le fake news di oggi sono industrializzate.

In passato le notizie false venivano disseminate principalmente per propaganda ideologica, politica o governativa e, secondariamente, per promuovere un prodotto denigrando quelli concorrenti. Ma oggi si è aggiunto un motivo in più: i soldi. Soldi che chi fa fake news intasca direttamente grazie a Internet e ai suoi meccanismi pubblicitari automatici, come AdSense di Google.

Questi meccanismi inseriscono pubblicità nei siti Web e nelle pagine Facebook, i cui proprietari ricevono un compenso per ogni visualizzazione. Non importa se le notizie ospitate sono vere o false: importa solo che vengano lette tante volte. Di conseguenza, si è sviluppato un arcipelago di piccoli imprenditori delle fake news che non sono mossi da ideologie ma soltanto dall’intento di guadagnare, senza alcuno scrupolo morale.

Ne avevo parlato a dicembre 2016 per un caso italiano, e a febbraio 2017 aveva fatto scalpore la rivelazione che Veles, una cittadina di circa 50.000 abitanti nella Repubblica di Macedonia, era una fucina di questi piccoli imprenditori: gente che pubblicava qualunque storia falsa purché fosse capace di attirare clic e quindi generare incassi pubblicitari.

C’erano diciottenni che, gestendo siti di fake news favorevoli a Donald Trump durante la sua campagna presidenziale, incassavano migliaia di euro al mese in un paese nel quale lo stipendio medio si aggira intorno ai quattrocento euro. Pubblicavano queste fake news e poi usavano decine di profili falsi per segnalarle nei gruppi Facebook politicamente schierati, i cui membri facevano il resto del lavoro, condividendo queste notizie a loro gradite e generando un numero elevato di visitatori e quindi di incassi pubblicitari.

I ragazzi di Veles non lo facevano perché credevano nel programma del candidato alla presidenza, ma semplicemente perché volevano un’auto nuova e uno smartphone più bello e perché Internet glielo rendeva facile. Facile, s’intende, a patto di essere disposti a infischiarsene delle conseguenze.

Google ha poi scoperto la manipolazione e ha revocato le inserzioni pubblicitarie di queste catene di montaggio delle fandonie, ma ne sono subito emerse altre in altri paesi.

Uno dei casi più recenti riguarda il Ghana, dove è stata smascherata una rete di siti i cui nomi erano molto simili a quelli delle testate giornalistiche internazionali, come tv-cnn.com, france24-tv.com o huffingtonpost-fm.com. Questi siti pubblicavano notizie false, specializzandosi in annunci di morte di persone celebri o arresti clamorosi per droga. Se avete sentito la storia del ristorante che servirebbe carne umana, ambientata in vari paesi del mondo, è parte del repertorio di questa fabbrica ghanese. Forse le fake news prenderanno il posto delle truffe “alla nigeriana”.

Anche qui il motore era il denaro pubblicitario di Google, ContentAd e altre agenzie, e anche qui, alla fine di una lunga e complessa indagine tecnica, realizzata da Leadstories.com, che ha rivelato i legami fra questi siti, le agenzie hanno revocato i propri pagamenti.

Ma non appena viene chiusa con fatica una rete di fake news, se ne apre un’altra con facilità. Per debellarle c’è una sola tecnica efficace, che spetta a noi utenti mettere in atto: fare attenzione alla fonte prima di condividere online qualunque notizia.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
"Per debellarle c’è una sola tecnica efficace, che spetta a noi utenti mettere in atto: fare attenzione alla fonte prima di condividere online qualunque notizia."
Concordo.
Il problema, a mio avviso sostanzialmente insormontabile, è quello di riuscire a convincere le orde di "scemi del villaggio digitale" (cit.) che ci sono in giro.
Una domanda magari stupida, ma i pagamenti della pubblicità non potrebbero essere effettuati a 3-6 mesi di distanza bloccando, nel caso di segnalazioni e quindi verifica da parte di personale umano, gli accrediti della pubblicità e quindi bloccare chi lo fa per soldi?
Creare una de monetizzazione al contrario di quella fatta da YouTube, io li monetizzo ma se dopo 3 mesi ho ricevuto delle segnalazioni e ho verificato che erano Fake News non ti pago (che tra l'altro non capisco perchè non si faccia anche così su YouTube).
Segnalo un refuso nel penultimo paragrafo:
"i cui nomi erano molti simili"
Fanfurlio,

sistemato, grazie!
Forse le fake news prenderanno il posto delle truffe “alla nigeriana”.

Scusa Paolo, ma questa non l'ho capita... non è che forse volevi dire "le fake news alla ganaense"?
andy,

Scusa Paolo, ma questa non l'ho capita... non è che forse volevi dire "le fake news alla ganaense"?

No. Intendevo nel senso che i truffatori che risiedono nei paesi africani, invece di dedicarsi alle truffe alla nigeriana, di dedicheranno alle fake news.