skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Android ha una “falla globale”? Panico da ridimensionare, ecco il test

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 12/07/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Alcuni giornali hanno parlato di una falla globale” nel sistema operativo Android che renderebbe seriamente vulnerabili circa 900 milioni di dispositivi (principalmente smartphone e tablet) che usano questo software: sarebbe possibile “rubare dati personali, spiare comunicazioni o inviare spam”.

Niente panico: la vulnerabilità (descritta in dettaglio su Threatpost) è grave dal punto di vista tecnico, perché consente di alterare le app senza invalidarne la firma digitale che dovrebbe garantirne l’integrità, ma si risolve con un po’ di semplice prudenza. Basta infatti evitare di scaricare e installare app provenienti da fonti diverse da Google Play.

In altre parole, c'è una ragione in più per tenersi alla larga dalle app piratate che si trovano in giro su Internet al di fuori di Google Play. Google, fra l’altro, ha già risolto la falla e ora spetta ai fabbricanti di dispositivi distribuirla agli utenti.

Nel frattempo, se volete sapere se il vostro dispositivo è vulnerabile, c’è un’app apposita: Bluebox Security Scanner. Non vi preoccupate: è su Google Play, quindi non c'è rischio.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).