skip to main | skip to sidebar
2 commenti

Attacco a Viber, accusato di spiare gli utenti

Pochi giorni fa è stato attaccato e violato uno dei siti di Viber, popolare servizio di messaggistica istantanea e telefonia via Internet che conta circa 200 milioni di utenti in tutto il mondo. L’attacco è stato rivendicato a nome dell’Esercito Elettronico Siriano con una pagina che accusava Viber di tracciare e spiare gli utenti e raccomandava agli utenti di disinstallare l’applicazione. Ma come stanno esattamente le cose? Ho qualche dettaglio qui.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (2)
Comunque, io preferivo il vecchio modo di dare le news di ReteTre. Mi sembra più chiaro e più comodo. O almeno un riassunto breve nella notizia principale, e poi uno se vuole ha il link per approfondire.
Considerato cosa sia l'esercito elettronico siriano ovvero sostenitori del sanguinario assad che stermina a suon di bombe senza esitazione il suo stesso popolo senza riguardo per niente e per nessuno due cose mi sono chiare: tutto quello che dichiarano questi signori è il frutto di sangue versato per la voglia di libertà e che tutte le organizzazioni che aiutano l'esprimersi di queste sono minacce al regime e come tali vanno attaccate ed infangate.
Una app come viber o similare che permetta di comunicare liberamente è una minaccia ai regimi sanguinari e totalitaristi... Quasi quasi la installo per fargli un dispetto...