Cerca nel blog

2017/07/21

Attacco informatico al casinò tramite.... l’acquario?

Il Comandante Adama di Battlestar Galactica aveva capito tutto: le interconnessioni fra computer sono un tallone d’Achille.

La CNN racconta uno dei casi più bizzarri di attacco informatico degli ultimi tempi, messo a segno sfruttando un’interconnessione decisamente inconsueta: un acquario.

Un casinò situato in America settentrionale, di cui non è stato reso noto il nome, è stato oggetto di un’incursione informatica mirata a rubare dati. Per aggirare la sicurezza informatica del casinò, gli aggressori hanno attaccato il suo acquario smart, che era connesso a Internet per nutrire automaticamente i pesci e mantenere le condizioni ambientali adatte per i suoi ospiti.

Purtroppo l’acquario non era ben protetto informaticamente, per cui gli aggressori ne hanno preso il controllo e poi hanno usato i suoi sistemi e le sue connessioni per accedere alla rete informatica interna del casinò, trovare altri sistemi vulnerabili e penetrare più a fondo nella rete. Hanno poi utilizzato l’acquario anche per trasmettere verso la Finlandia i dati rubati, perlomeno finché non sono stati scoperti e bloccati.

Morale della storia: mai collegare a Internet dispositivi che non siano strettamente indispensabili. E se proprio sono indispensabili, collegarli usando una rete separata.

6 commenti:

Guastulfo (Giuseppe) ha detto...

Chi sarà a rimetterci in questa situazione? I pesci naturalmente!

Toglieranno l'acquario

Patrick Costa ha detto...

Wow...

Unknown ha detto...

Non siamo ai livelli dello SmartDildo, ma anche l'acquario non e' male come genialata.

PESCI ha detto...

mai collegare a Internet dispositivi che non siano strettamente indispensabili.

BLUB BLUB BLUB??!?

(Trad: Perchè, gli acquari non sono forse indispensabili??!?)

Urgentissimo! ha detto...

Ci vorrebbe qualcuno che compili un'antologia di danni e figuracce dovuti ai dispositivi smart.

Chis i offre volontario?

Scatola Grande ha detto...

https://www.reddit.com/r/talesfromtechsupport/comments/6ovy0h/how_the_coffeemachine_took_down_a_factories/
Senza parole.Sempre che la storia raccontata sia vera