skip to main | skip to sidebar
10 commenti

Il complotti dei cavi tranciati, seconda parte

I cavi tranciati rivelano i corti circuiti della mente


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "massimo po****" e "diegocardi****".

Non sarà a prova di attacco nucleare, ma se la cava benino, questa Internet. I cavi intercontinentali di telecomunicazione misteriosamente tranciati di recente hanno rallentato ma non fermato le comunicazioni. A questo proposito, si è scatenata una ridda di ipotesi di complotto, alimentate dall'apparente coincidenza di questi tranciamenti e da alcuni articoli che davano per certo il sabotaggio sulla base di una dichiarazione di un funzionario dell'ITU (International Telecommunication Union), Sami al-Murshed, che ha semplicemente detto che al momento non è escluso il sabotaggio.

La faccenda si sta trasformando in realtà in una bella dimostrazione di come la mente umana (e la dinamica dei media) sia strutturata per creare associazioni e notare coincidenze anche dove non ce ne sono. Infatti soltanto i primi due tranciamenti hanno causato disturbi significativi, e secondo le indagini di Wired si tratta di eventi assai più frequenti di quel che si pensa: ne capita mediamente uno ogni tre giorni, tanto che ci sono in giro ben venticinque navi che non fanno altro che riparare questi cavi, ma non ce ne accorgiamo neanche perché il traffico viene dirottato in modo trasparente.

Ma sono bastati i primi due eventi per rendere degni di segnalazione anche tutti i più piccoli eventi che prima sarebbero passati inosservati: per esempio, il cavo fra Das e Haloul non era stato affatto tranciato, ma aveva subito un problema di alimentazione, e la causa del danno al cavo Falcon è stata identificata: un'ancora abbandonata, del peso di circa sei tonnellate.

Certo, restano ancora da diagnosticare le cause degli altri guasti, ma prima di gridare alla cospirazione è meglio attendere i dati concreti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
Be', qui c'è un'agenzia stampa AFP secondo cui l'agenzia dell'Onu preposta sospetta sabotaggio.
http://afp.google.com/article/ALeqM5gvkY5d2b5hB6Mmgpe9JMiWoRKaRg
ci stanno mentendo!!!!
A parte scherzi, più pericolosi dei creduloni sono quelli che VOGLIONO credere, escludendo ogni sinapsi logica ockamiana che li conduca verso la soluzionepiù semplice...
Paolo, ti è scappato un "aventi" per "eventi"
Sistemato, grazie!
"quelli che VOGLIONO credere, escludendo ogni sinapsi logica ockamiana che li conduca verso la soluzionepiù semplice"
Be', non vorrei passare per complottista - ma pedante sì - ma una spiegazione sola è di sicuro più occamiana di cinque spiegazioni diverse.
Nel 1929 una corrente di torbida (una frana sottomarina) trancio' al largo di Terranova ben tredici (13) cavi sottomarini per telecomunicazioni (all'epoca telegrafici e telefonici).
In base alla sequenza di rottura dei cavi si riusci' perfino a calcolare velocita' e posizione precisa della frana.

Link

Pensate se succedesso oggi, a parte i casini colossali nelle telecomunicazioni, avremmo mesi di fandonie complottiste.

Gia' me lo vedo Mazzucco scatenato!!! :D

Saluti
Hanmar
una spiegazione sola è di sicuro più occamiana di cinque spiegazioni diverse.

Attenzione, questa è una delle trappole logiche sulle quali si fonda il successo del cospirazionismo.

La spiegazione "è stata la CIA" _sembra_ in effetti più semplice fino a che non cominci a chiederti esattamente come e perché. Allora ti devi chiedere con che sofisticatissimi mezzi avrebbero organizzato questa cosa, e soprattutto devi chiederti perché sarebbero stati così cretini da farlo in una maniera così assurdamente sospetta, in modo che se ne accorgessero tutti.

Allora devi inventarti una giustificazione anche per queste anomalie (l'hanno fatto in modo evidente per far sapere che sono capaci senza però ammetterlo esplicitamente), e così via, e a quel punto la spiegazione "semplice" non lo è più (farlo sapere a chi? ha senso rivelare una capacità tecnica segreta giusto per vantarsene? non è meglio tenerla segreta così il nemico non sa che lo stai intercettando con le supercimici piazzate sui cavi?).

Per questo trovo affascinanti le cospirazioni (specialmente quelle inventate). Sono illuminanti sul modo in cui ragioniamo.
una spiegazione sola è di sicuro più occamiana di cinque spiegazioni diverse.
Se ci sono 5 o più possibili cause ugualmente probabili, è molto più logico e "ockamiano" che queste si presentino in una distribuzione statistica uniforme (cinque cause diverse) che in una particolarissima (cinque cause identiche).
Mi associo agli utenti Boing: "my money's on monsters"
modo ironico on
Ma volete mettere quanto è più affascinante una cospirazione rispetto ad una frana sottomarina? O meglio ancora, ad una frana sottomarina causata da un complotto ordito da pochi folli per riuscire a mettere sotto controllo tutte le comunicazioni del mondo? Se poi volete le prove, basta chiedere. Ci sono miliardi di documenti, in giro per il web, che spiegano dettagliatamente chi, quando, dove, come e perché ha architettato tutto questo...
modo ironico off

Le soluzioni semplici sono banali.