Cerca nel blog

2008/02/08

Le Iene e cellulari, NON riproviamo stasera

Niente cellulari in volo stasera



Questa sera dovrebbe andare in onda il servizio de Le Iene dedicato alla pericolosità dei cellulari in aereo. Visto il rinvio, è stato girato del materiale aggiuntivo che dovrebbe essere molto interessante. A stasera!

Aggiornamento


Come non detto: la redazione mi ha appena avvisato che il pezzo non andrà in onda stasera. Sigh.

17 commenti:

Riccardo Russo ha detto...

Bene, penso proprio che ci darò un'occhiatina, grazie di avermelo ricordato, Paolo.

Mr. Francis ha detto...

madò e quando lo manderanno?

Mattia ha detto...

Paolo, spero che ti paghino anche se non lo mandano in onda... perché secondo me dopo due buche è dura che lo mandino.

mobileforce ha detto...

Quand'è che finirà questa ridicola bufala.. Come mai gli Airbus delle compagnie che permettono l'uso del cellulare non hanno problemi..??

Daniele ha detto...

mah... quando, 3 anni fa, andai in Libia in vacanza c'era un sacco di gente che telefonava in volo...
piuttosto: tutte queste micronde non ci faranno male?

Paolo Attivissimo ha detto...

Daniele, puoi essere più preciso sul tipo di aereo, la compagnia aerea, la quota e le condizioni di volo (decollo, atterraggio, crociera)?

blu-flame ha detto...

se continua cosi', questa diverra una bufala
=:-)

hic!

OrboVeggente ha detto...

Dalle 21 alle 23:45, in attesa di vedere questo servizio che poi non s'è visto...
Maledizione!

Rodri ha detto...

Le priorità divulgative delle Iene sono davvero strabilianti :-D

Daniele ha detto...

Il Volo era un volo interno da Tripoli a Bengasi. Quota raggiunta non so. Non a bassa quota.
Il tipo di aereo non lo so. Era un aereo di medie dimensioni tipo MD80. Però non ti so dire cosa era. Non certo un MD o Airbus. E’ passato troppo tempo. E la compagnia aerea non ricordo il nome..
Era certamente una compagnia libica… suppongo, ma non sono sicuro, che ci sia una sola compagnia in Libia.

Di quel volo interno ricordo molto bene alcuni "particolari"…

Io e mia moglie unici non libici
7 (sette) controlli di polizia. L’ultimo era il riconoscimento dei bagagli ai piedi dell’aereo prima di caricarlo sulla stiva.

L’aereo era chiaramente “assemblato”, almeno dal punto di vista estetico, con pezzi di diversi aerei (i sedili erano di diverso tipo per colore e forma).
Ai bordi dell’aereoporto c’erano alcuni aerei smontati.

Quando ho visto gente telefonare mi sono un attimo inquietato perché credevo potesse creare problemi.

Poi quando ho visto la hostes serena…..

E’ stato uno dei voli più tranquilli che ho fatto in vita mia.

Anonimo ha detto...

Argh! Mi sono visto tutto il programma dall'inizio alla fine e solo ora leggo che il servizio è stato rimandato (o cancellato per sempre?).
Ho perso due preziosissime ore di sonno... :-p

Ciao

OrboVeggente ha detto...

eh ma conoscendo bene Paolo (infatti non lo conosco proprio) c'è da aspettarsi un ottima e documentata controparte web del servizio!

Mattia ha detto...

@daniele

La tua esperienza dice tutto.
Sei salito su un aereo che era assemblato come il meccano e pensavi che si preoccupassero dei cellulari?
Mi sembra ovvio: se non si preoccupano della sicurezza dell'aereo incollato con la vinavil, vuoi che stiano lì a fare sottigliezze sui cellulari? Suvvia, sono quisquiglie quelle.
Sul fatto che non sia successo niente c'è da ribadirlo ancora una volta.
Basta studiare un zic di compatibilità elettromagnetica per capire che spesso i fenomeni di interferenza dipendono da molti fattori, non controllabili. Se il cellulare lo tieni orizzonale o verticale cambia tutto. Non è che il cellulare fa danni di per sè: fa danni il determinate condizioni di sfiga estrema. Magari capitano una volte su un milione, ma se quella volta il tuo culo è seduto su quell'aereo, credimi cambieresti idea.

OrboVeggente ha detto...

A propo di "assemblaggi" di aerei, ricordo un disastro sventato per un soffio, una decina d'anni fa, a causa di un componente elettrico "compatibile" installato come sostituzione su un boeing767 canadese.
Essendo tarato in litri anzichè in galloni, ha causato la repentina fine del carburante in quota di crociera, con conseguente atterraggio di fortuna in mezzo a un camping pieno di gente (che era un ex campo di volo).
Fonte airdisaster.com

markogts ha detto...

Non solo, ma l'aereo libico probabilmente aveva componentistica meno avanzata (o più, a seconda dell'accezione del termine :-) meno sensibile alle EMI. Un DC3 dubito che lo butti giù con un SMS, un 787 dreamliner magari anche si...

Dan ha detto...

(Piccola precisazione: quelle dei cellulari non sono microonde. Grazie a Dio, altrimenti ci ritroveremmo davvero con il cervello fritto.)

Hayabusa ha detto...

Aneddoto: Ieri sera, volo Roma-Torino.

Una simpatica e affascinante signorina, all'apposito annuncio dell'assistente ("da ora potete usare computer non collegati a stampanti o lettori di CD...") tira fuoi il suo bianco macbook, lo accende, lo collega ad un modem HDSPA e rimane visibilmente contrariata nel notare che il macbook non vuole connettersi (per mancanza di campo, direi...)