Cerca nel blog

2008/10/12

OpenOffice.org 3.0, anche nativo per Mac. Con qualche baco

Arriva OpenOffice.org 3.0


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

E' già scaricabile dai siti mirror la versione 3.0 di OpenOffice.org, il pacchetto gratuito e libero alternativo a Microsoft Office che usa il formato OpenDocument, che è uno standard ISO, a garanzia della libertà di fruizione dei documenti.

OpenOffice.org è disponibile per Windows, Linux, Mac e Solaris, ed è quindi un valido strumento per predisporsi alla migrazione da un sistema operativo all'altro o per non rendersi dipendenti da uno specifico sistema operativo.

La novità più ghiotta per gli utenti Apple è che OpenOffice.org 3.0, oltre ad avere una lunga serie di migliorie e di aggiornamenti, è finalmente disponibile in versione nativa (per Mac Intel): ossia si scarica e s'installa esattamente come una qualsiasi applicazione Mac, senza dover ricorrere ad accrocchi come l'uso di X11.

OOo 3.0 per Mac è decisamente veloce, ma ha ancora delle magagne serie con la gestione dei font, che invece NeoOffice (altra variante o porting di OOo specializzata per Mac), pur essendo più lento, non ha: la prima che ho notato, e che lo rende per me quasi inutilizzabile, è la gestione dei font. Non sembra avere problemi con i font standard del Mac, ma un documento scritto per esempio in Myriad Apple s'incasina completamente.

Questa è una pagina di un libro che ho scritto di recente (Zerobubbole pocket) in formato OpenDocument, come la visualizza (correttamente) NeoOffice:



E questa è la stessa pagina come la visualizza OpenOffice 3.0 Aqua per Mac:



Come potete notare, specialmente se ingrandite le immagini cliccandovi sopra, i font sono completamente sballati e spaginano completamente il testo (il logo Creative Commons è stato spinto avanti alla pagina successiva). La cosa assurda è che OOo 3.0 indica che le parole hanno effettivamente il font Myriad Apple, ma ne visualizza uno del tutto differente: se poi seleziono il testo e riapplico il font, me lo visualizza correttamente.

Di certo non ho intenzione di mettermi a riselezionare il testo a blocchettini e riapplicare i font. Questo è quel che in gergo si chiama uno showstopper: un difetto talmente grande che appena compare, lo spettacolo finisce e non può più andare avanti. Per cui non ha senso che io prosegua la recensione.

Aggiungo solo che il fatto che OOo 3.0 non abbia implementato il multitouch per lo zoom, a differenza di NeoOffice, è invece per me un bonus, perché ho il vizio di tenere la mano sinistra vicina al touchpad mentre scrivo. Così ogni tanto, mentre faccio scorrere il testo di un documento, NeoOffice mi cambia lo zoom a capocchia, perché interpreta l'appoggio di due dita (un dito della mano sinistra, uno della destra) che si allontanano o si avvicinano come una richiesta di zoom. La funzione, fra l'altro, non mi risulta essere disattivabile. In OOo 3.0, non c'è: si trascina un cursore nell'angolo inferiore destro della finestra dell'applicazione.

E' una buona cosa che OpenOffice continui a progredire, ma io per il momento rimango a NeoOffice sul Mac. L'importante è utilizzare il più possibile, in un modo o nell'altro, formati aperti come OpenDocument.

38 commenti:

VITRIOL ha detto...

Non sono affatto sicuro perché non uso Mac, quindi probabilmente dico una stupidaggine, ma forse potrebbe essere correlato a questa issue:

http://www.openoffice.org/issues/show_bug.cgi?id=93778

Se è così, il problema è dichiarato fixed con target alla versione 3.0.1

Saluti
VITRIOL

boliboop ha detto...

ma se usi gli stili, la riapplicazione dei font non dovrebbe essere pressoché istantanea? aggirando quindi questo fastidioso baco?

PTendas ha detto...

Un paio di domande per Paolo: Oo 3.0 è disponibile come aggiornamento per le versioni precedenti (quella che ho installata non mi dà ancora la segnalazione automatica come fa di solito), o dovrò disinstallare la versione vecchia perdendo così tutte le impostazioni personalizzate?

Paolo Attivissimo ha detto...

Vitriol,

in effetti sembra quella. Speriamo in bene per la 3.0.1.


Boliboop,

uso infatti gli stili, ma non c'è verso.

Sheldon Pax ha detto...

Ho la beta per PPC ed è un chiodo. Uqlcuno sa dirmi se esiste anche la versione finale, magari un filo più scattante? In ogni caso aspetterei la 3.0.1 e intanto continuo con Pages/NeoOffice

R3DKn16h7 ha detto...

su linux invece OOo 3 porta quelle migliorie ormai necessarie che gli permettono di rivaleggiare con Office 2007, infatti la vecchia 2.4 (ahiè) non può per molti versi competere con la controparte a pagamento.

Certo è la migliore alternativa a Office 2007, ed ultimamente ha fatto passi da gigante, per certi versi è anche migliore (il navigatore e lo stiler)... ma sicurmente c'è ancora molto da migliorare.

Aprezzo il supporto nativo agli XML di Office e il supporto delle note a margine. Su Mac non l'ho provato ma il supporto ad Aqua è un grosso miglioramento.

Anghelos ha detto...

Vorrei fare una domanda: ma OpenOffice è in grado di leggere i file word di Microsoft Vista?

Santana ha detto...

Su Linux funziona maledettamente bene, anche con i font True Type di Windows.

Ho provato ad aprire documenti DOC, XLS, PPT, etc, scritti con Word per Windows e li supporta a meraviglia!

Tukler ha detto...

Assolutamente OT, in attesa di installare OpenOffice se uscirà in italiano domani.

Paolo, hai sentito l'ultima notizia allarmistica idiota che hanno dato i telegiornali italiani oggi?
Un "virus" che può infettare il telefonino anche solo aprendo un SMS e permetterebbe sia di intercettare le telefonate del cellulare della vittima sia di utilizzare il cellulare come cimice e intercettare tutto quello che viene detto, anche a cellulare spento!

A quanto pare in realtà quello che mandano è un link a un programma da scaricare via internet... e figuriamoci poi a cellulare spento... ma intanto l'allarme rosso è lanciato!

toto ha detto...

Quasi un off topic. Secondo me si dovrebbe dire le font e non i font come anche discusso qui: http://tinyurl.com/ysvtzn

callmeishmael ha detto...

Leggendo la spiegazione del bug sembra che OO non "capisca" le caratteristiche del font (bold,italic etc) perchè il nome dello stesso è stato abbreviato fuori standard. A questo punto, magari dico una vaccata, ma in attesa del lancio della 3.0.1 che non sarà certo a breve, non potresti provare a (ehm, ora lo dico) CAMBIARE IL NOME DEL FONT, scrivendone le caratteristiche per esteso?
Non uso il MAC quindi non so se sia possibile farlo, però..

Dan ha detto...

Scusate l'OT, ma sono stufo di litigare con la pessima organizzazione del sito di Virgilio...
in breve: poco fa sono andato sulla homepage di Virgilio, e uno dei banner a rotazione mi ha fatto comparire un simpatico messaggio con Ok/Cancel e il messaggio "Your computer is infected with spyware, click to run a free scan ecc.". Il banner era di un certo rapidantivirus, che una googlata rapida mi ha confermato essere uno spyware esso stesso.
Ora, la domanda è: dove diavolo hanno nascosto l'indirizzo email dello staff/redazione, così che un volenteroso utente possa segnalargli che sul loro circuito banner gira una trappola spyware da rimuovere?
Grazie.

giangi2803 ha detto...

Complimenti per il tuo blog...perchè non mi inserisci tra i tuoi amici e mi linki?? Te ne sarò grata
grazie!!!

psionic ha detto...

Paolo, una chicca che ti piacera sicuramente, a proposito di stupide protezioni, DRM e quant'altro.

Ecco cosa mi sta succedendo (infatti il problema non e' ancora risolto):

...
Che bello! E' uscito Sacred 2, il seguito di un RPG che ha riscosso un discreto successo! Lo acquisto subito. In Italia e' uscito il 3 Ottobre.
Beh, io vivo in Inghilterra, potrei comprarlo direttamente in inglese... ma, cosa vedo? In Inghilterra uscira' il 7 novembre! Bah, stranezze del marketing!
Poco male, lo compro in italiano appena torno a casa! :-)

E quindi cosi' ho fatto, lo compro, me lo porto qui a casa (in Inghilterra) con tanto codice di attivazione e di protezione Securom; anche se mi ero ripromesso di boicottare i giochi che usavano questa "protezione".

Lo installo, vado per l'attivazione e che mi dice? "Errore sconosciuto del server". Abbastanza esplicativo (poi sono venuto a sapere che "semplicemente" i server sono sovraccarichi per le troppe attivazioni. Che novita'! Che bellezza! Che spreco di soldi per acquirenti, publishers, sviluppatori, venditori).

Allora provo l'attivazione manuale: Semplicemente si va in un sito, si inserisce il codice di attivazione, assieme a un "codice di richiesta di sblocco", e si dovrebbe ottenere un codice di sblocco per attivare il gioco.
Facile. Come no. Peccato che quando lo faccio, il sito millanta un certo errore "Wrong Region".
Capisco subito di cosa si tratta (anche se non avrei voluto capirlo), e allora perdo QUALCHE ora, cinque o sei ad oggi, a mandare email ai 4 o 5 riferimenti per l'assistenza (tra sviluppatori, produttori, implementatori della protezione, non si sa mai a chi rivolgersi), navigare tra forum ufficiali o meno in cerca di assistenza, e provare ad "aggirare" il problema tramite proxy.

Niente da fare, fin'ora nessuno risponde, e tutto quello che ho provato non ha funzionato.
D'altronde colpa mia. Non sono un hacker professionista, e non sono un pirata.

Chi e' causa del suo mal, pianga se stesso.

Robert ha detto...

a me da problemi il dizionario italiano.
quando imposto la lingua italiana, ignora gli errori.
mi son scaricato il dizionario da qui: http://linguistico.sourceforge.net/pages/start.html

danjou ha detto...

Caro Paolo,
io sono felicissimo di openoffice
per il mio win95b ho installato una 1.0.3 ed è leggerissima con le potenzialità di office.
Se c'è qualche baco nella nuova versione di sicuro quei bravi ragazzi degli sviluppatori lo sistemeranno.
Abbi fede Paolo.
Ciao

newmediologo ha detto...

Ma se NeoOffice Aqua funziona alla perfezione, che bisogno ho di una nuova versione visto anche si tratta di stupidi documenti di testo..?

Apsettiamo che sia stabile e poi vedremo.. Per il momento NeoOffice va alla grande ed il mio non è neppure aggiornato..

VITRIOL ha detto...

Robert,

In OOo 3.0 i dizionari vanno installati come una normale estensione in Strumenti > Gestione estensioni...
Il dizionario ufficiale e completo per l'italiano lo puoi scaricare da qui:

http://extensions.services.openoffice.org/project/Dict_it_IT

Comunque se scarichi la versione italiana, è già compreso.
Visto che da ieri il sito www.openoffice.org è praticamente al collasso e ancora difficilmente raggiungibile, potete tranquillamente scaricare le versioni in italiano dal sito del PLIO:

http://www.plio.it/download300

Saluti
VITRIOL

fede ha detto...

@ toto
Be', visto che nel link che hai postato si spiega che il termine font deriva dal verbo francese "fondre", cioè fondere, noi potremmo usare il corrispondente participio italiano: chiamiamole "le fusa". :-)

Robert ha detto...

Grazie per la risposta, vitriol.
Quello che hai scritto è esattamente quello che ho fatto.

ho scaricato la versione inglese + il dizionario italiano da plio.

il dizionario risulta installato ma non mi segnala gli errori.

per quanto riguarda OOo, preferisco installarlo in inglese.

Thomas Morton ha detto...

OT:

forse è caso di chiarire per bene che non bastano 20.000 mail inviate al Presidente della Repubblica per bloccare una legge (alludo alla riforma Gelmini e agli sms che circolano in questi giorni). Fossero anche 100.000 o un milione, il Presidente può rinviare una legge alle Camere solo per motivi costituzionali (che non vengono indicati nei testi degli appelli)

Dan ha detto...

Con buona pace di chi dice che Paolo è di parte e parla male solo della microsoft... che dire, questo è un progetto open source veloce e intelligente, dovrebbero rimediare rapidamente alla magagna...
Da parte mia, son curioso di vedere se questa versione 3 curerà qualche problemino di esportazione degli spreadsheet da opendocument a XLS che avevo rilevato, sarebbe davvero apprezzato (da me).

Luca ha detto...

Solo una osservazione marginale, che nel gergo computeristico "showstopper" ha il significato opposto che nel gergo dello spettacolo. Nel mondo dello spettacolo lo showstopper è una canzone talmente bella da venir applaudita con tale intensità che non si riesce più ad andare avanti...

R3DKn16h7 ha detto...

"Ma se NeoOffice Aqua funziona alla perfezione, che bisogno ho di una nuova versione visto anche si tratta di stupidi documenti di testo..?

Apsettiamo che sia stabile e poi vedremo.. Per il momento NeoOffice va alla grande ed il mio non è neppure aggiornato.."

Potrebbero essere stupidi documenti di testo ma mole cose al mondo (per quanto riguarda i PC) viene fatta tramite documenti di testo.

Il solo fatto che per far funzionare OpenOffice bisogna usare l'X11 su Mac è (era) una cosa molto negativa anche perchè gli utenti office sono "perfezionisti".

R3DKn16h7 ha detto...

asd sei anche finito su punto informatico per questa notizia... anche se solo per un accenno.

PS: il tizio che postava cavolate se n'è andato? azz... odio la moderazione dei post.

VITRIOL ha detto...

Robert,

Hai impostato come lingua standard l'italiano? Che lingua ti compare in basso nella statusbar? (domanda stupida...) hai attivato il "Controllo automatico" per vedere le sottolineature degli errori? In inglese invece funziona?
Insomma, potrebbero esserci svariati motivi e svariate cose da controllare...

Saluti
VITRIOL

Pippolillo ha detto...

Non so quali effetti fantasmagorici abbia la versione 3.0 ma io mi tengo la 2.4 visto che ad ogni versione di Open Office diventa più pesante e lenta da caricare sul mio pc non molto recente.
Ha già talmente tante funzioni che della maggior parte non so che farmene.

Anonimo ha detto...

Ho installato ora la 3 e vediamo un po' come va, in caso di problemi posso scalare alle 2.4 o alla 2.3 o alla 2.2 o alla 2.0 :P

spero vivamente che abbiano corretto un problemetto che si presentava dalla 2.0 in poi
quando lo vai a disinstallare lascia una miriade di associazioni e di chiavi nel registro per cui poi tocca far pulito per installare qualsiasi altra cosa che non sia OO...

Opus55 ha detto...

Per tutta la giornata non sono stato capace ad entrare nel sito di OO, ma mi è sembrato di leggere che funziona solo su Mac Intel... per cui dovrò "accontentarmi" del mio NeoOffice sul mio G4 del 2001 (che non mi ha mai lasciato a piedi...) Comunque, OpenOffice nativo per Mac senza X11 è una buona notizia, che invoglia ancora di più ad offrire una donazione a chi ha speso tempo e denaro per sviluppare un software così libero e performante (e, in buona sostanza, da liberarci di Office).

theDRaKKaR ha detto...

@psionic

vai su pirate bay e scarica la versione crackata
chi più in diritto di te???

ps ma se vivi in inghilterra e sei meteorologo, magari lavori a reading :D

Robert ha detto...

Dunque ringrazio vitriol per i suggerimenti che mi sta dando ma il problema persiste.
per rispondere ai suoi quesiti:
in basso c'è scritto:
"Italian (Italy)"

lo "spell checking" è attivo.

infatti nonappena cambio linguaggio e imposto "English (USA)", mi segnala tutti i termini non inglesi.
qui uso windows2000sp4. a casa uso ubuntu ma non ho ancora avuto il tempo di provare.

il dizionario l'ho disinstallato e reinstallato da "tools->extension manager".

Tengo ancora qualche giorno la versione inglese e poi se non si risolve il problema mi installo quella italiana e vedo se si può impostare la user interface in inglese.

psionic ha detto...

@the drakkar:

Fortunatamente il problema e' stato risolto. Anche in maniera piuttosto celere, alla fine, beh, oddio, tra email e varie ed eventuali, due giorni!

Certo, potevo scaricare un crack. Ma al di la' del rischio virus e quant'altro, la cosa diventa prima che triste, umiliante.

VITRIOL ha detto...

Robert,

Se installi la versione in italiano poi puoi installare il langpack in inglese, che contiene anche la traduzione di tutta l'interfaccia. Così facendo puoi passare da una lingua all'altra in qualsiasi momento.
I langpack li puoi scaricare da qui:

http://ftp5.gwdg.de/pub/openoffice/extended/3.0.0rc4/

Ovviamente puoi anche fare il contrario, e installare il langpack in italiano sulla versione in inglese. Questo contiene anche i dizionari, e magari si sistema tutto. L'interfaccia la puoi tenere impostata in inglese anche se hai installato il langpack italiano.
Se hai problemi puoi postare un messaggio sul newsgroup it-alt.comp.software.openoffice, così ne possiamo discutere in un luogo più idoneo senza scocciare su questo blog :-)

Saluti
VITRIOL

Dan ha detto...

"Certo, potevo scaricare un crack. Ma al di la' del rischio virus e quant'altro, la cosa diventa prima che triste, umiliante."
Intendevi 'umiliante' per loro e i loro sistemi di protezione deficienti, immagino...

PTendas ha detto...

Scusate, ma non ho ancora avuto risposta alla mia domanda... è possibile installare OpenOffice 3.0 "sopra" una versione precedentemente installata (2.4 ultimo aggiornamento), e così conservare tutte le impostazioni e i dizionari personalizzati, o è necessario disinstallare la versione vecchia e perdere tutto? Se è così, è possibile salvare almeno i dizionari personalizzati, ad esempio facendo un copia-e-incolla dei File?

Paolo Attivissimo ha detto...

Ptendas,

scusami, speravo ti rispondesse qualcuno che aveva già fatto la prova. Io (su Mac) ho installato la 3.0 direttamente; avevo una 2.4 beta vecchia e la 3.0 non ne ha ereditato le impostazioni.

ANDRE ha detto...

Salve, sono da poco passato alla mela e, non avendo un programma di scrittura già installato, ho messo Open Office.
Quindi ho aperto il documento sul quale stavo scrivendo la tesi e ho proseguito il lavoro tranquillamente.
Solo che nasce un problema:

Ogni volta che faccio un elenco puntato e numerato, poi salvo e chiudo, alla riapertura mi sfasa tutte le tabulazioni, i rientri e le icone dell'elenco. mi mette un orribile chak che non posso cambiare e mi tocca aggiustare tutto e perdere un fottio di tempo.

qualcuno sa se questa cosa è sistemabile?
Altrimenti mi suggerite un altro programma gratuito per proseguire il lavoro? ho provato ad aprie la tesi con Iwork, ma anche lui mi sfasa tutto quanto e mi ci vuole un giorno per sistemarlo, anche perchè non so usare il programma...

Aiuto please...

Paolo Attivissimo ha detto...

Andre,

prova Neooffice, porting di OpenOffice.org per Mac. Al momento è per certi versi più stabile rispetto a OpenOffice.org.

Io per ora continuo a usare Neooffice e mi trovo meglio che con Openoffice.org. Unico neo, è più lento.