Cerca nel blog

2009/08/31

11/9, “Segnali dal futuro” e George Clooney

Quando i complottisti sono i veri insabbiatori


Il blog del film Knowing - Segnali dal futuro mi ha invitato a rispondere ad alcune delle asserzioni di Giulietto Chiesa sull'11 settembre e ne è venuto fuori un articolo con parecchie novità, inedite anche per chi segue il debunking undicisettembrino da tempo, mostra come i complottisti si siano dimostrati i migliori amici di chi vuole nascondere la verità, e si conclude con dodici domande che credo troverete utili nelle discussioni per stroncare i vostri amici sedotti dall'indiscutibile fascino del Grande Complotto. La prima parte è stata pubblicata stamattina qui.

Ai cocciuti che ancora pensano che il Pentagono fu colpito da un missile Cruise regalo questo confronto in scala fra un Cruise e un Boeing 757. Cari ottusangoli, ditemi come sarebbe possibile, secondo voi, per 55 testimoni oculari vedere quella matitina in basso e scambiarla per il bestione con le ali che le sta sopra.



A tutti coloro che invece ne hanno piene le tasche di queste storie, segnalo il prossimo film con George Clooney. Si intitola The Men Who Stare at Goats e racconta la storia, purtroppo vera, di quando i militari USA finanziarono la ricerca nelle tecniche paranormali, credendo di poter creare una stirpe di guerrieri con superpoteri di precognizione, persuasione e uccisione a distanza. Credevano seriamente di poter uccidere le capre con la forza del pensiero (da cui il titolo), semplicemente fissandole.

Che c'entra con l'11 settembre? Semplice: come ho già accennato in altre occasioni, uno dei membri di questa stirpe, quello che nel trailer del film cerca di attraversare un muro usando i suoi poteri psichici, è Albert Stubblebine. Che è uno degli esperti citati da Giulietto Chiesa e da Massimo Mazzucco a supporto delle teorie di complotto sull'11 settembre. Già faceva ridere tragicomicamente sentire la scena descritta nel libro omonimo (in italiano s'intitola Capre di guerra), ma vederla rende ancora più forte l'impatto, se mi passate il gioco di parole. E questi sarebbero gli esperti di Giulietto?



Il complottismo undicisettembrino è finito per inettitudine dei suoi sostenitori, ma le indagini per capire meglio cosa accadde quel giorno proseguono per dissipare la cortina fumogena stesa dai cospirazionisti. Trovate gli approfondimenti su Undicisettembre.info.

66 commenti:

mattia ha detto...

qualche buona notizia sull "collina Fo?"

Paolo Attivissimo ha detto...

Spero di sì, soprattutto se i complottisti di tutti i generi smettono di sfornare storielle nuove :-)

gino.limbo ha detto...

Bravissimo come sempre, Paolo!
Ma... un piccolo appunto...

Allora si può scegliere un altro approccio: guardare chi fa queste asserzioni e vedere se è qualificato per farle o sa almeno portare fonti qualificate che le supportino. Perché se le teorie sono presentate da incompetenti e senza pezze d’appoggio, è abbastanza superfluo andare a verificarle una per una: se il mio salumiere afferma di aver scoperto un modo per produrre energia nucleare pulita e dice che Einstein e Newton hanno sbagliato tutto, quanto tempo devo dedicare ai dettagli delle sue teorie?

Ok, ma attenzione a non generalizzare! Alfred Wegener, formulatore della teoria della deriva dei continenti, venne snobbato e irriso dai contemporanei perché era un meteorogolo: per i geologi, un meteorogolo era probabilmente l'equivalente del salumiere del tuo esempio - eppure oggi sappiamo che Wegener aveva ragione (per non parlare poi dell'uomo che sconvolse la fisica: certo, un grande appassionato di fisica, ma era un impiegato dell'ufficio brevetti di Berna...)

gino.limbo ha detto...

@mattia: Collina?

Paolo Attivissimo ha detto...

Gino,

ottimo l'esempio di Wegener e Einstein. I loro casi dimostrano infatti che un'idea inizialmente ritenuta assurda o eccentrica dalla comunità scientifica verrà accettata, chiunque l'abbia proposta, se se ne portano prove concrete.

I complottisti, in otto anni, non hanno portato uno straccio di prova. Non un pezzo del presunto missile al Pentagono, non un testimone che dica "ho visto un missile", non uno dei dirottatori che secondo loro sarebbero ancora vivi.

Giovanni ha detto...

@gino.limbo

hai scritto per errore due volte meteorogolo.

Comunque, Einsten non era "un impiegato dell'ufficio brevetti", bensì, per un periodo è stato anche un impiegato dell'ufficio brevetti (e non è che facesse la segretaria, si occupava sempre di fisica, valutando gli apparecchi elettromagnetici). Lo è stato per 9 anni dei suoi 76, e questo solo perché non riusciva a trovare una cattedra subito dopo la laurea.
Durante quei 9 anni ha comunque continuato a fare ricerca e produrre papers.

Dunque, attenzione a non generalizzare!

mattia ha detto...

@gino.limbo

@mattia: Collina?

In "Zero" Fo diceva che il presunto aereo che si sarebbe schiantato sul pentagono avrebbe scavalcato una collina giustappunto davanti all'edificio (hop, saltello.... come per screditare la traiettoria dell'aereo).
Allora sono andato a Washington DC* e ho misurato col GPS l'altitudine della zona attorno al pentagono dove l'aereo è passato.


*cioè, non è che ci sono andato apposta, ero di passaggio per i fatti miei ;)

gino.limbo ha detto...

@mattia: grazie della spiegazione!

@Giovanni: Ho scritto meteorogolo? Un orrore di batytura!
Su Einstein: il mio era solo un esempio, certo non volevo sminuire Einstein! Prova a metterti nei panni di uno scienziato dell'epoca e immagina di sentir parlare di << articoli scritti da un giovane funzionario svizzero [...] senza alcuna affiliazione universitaria, [che] non aveva accesso a un laboratorio né poteva appoggiarsi a una biblioteca più fornita di quella interna all'ufficio nazionale brevetti di Berna, dove era impiegato come esaminatore tecnico di terzo livello (la sua richiesta di promozione a esaminatore tecnico di secondo livello era stata rifiutata) >> (naturalmente, Bryson, p.136). Certo, era un fisico: ma agli occhi di uno scienziato già affermato come sarebbe apparso, con queste "credenziali"? Superiore al livello "salumiere", ok, ma probabilmente inferiore al livello "direttore del supermercato" ;)

gino.limbo ha detto...

p.s. Però almeno la sua laurea in fisica era vera! Ogni riferimento a fantomatiche lauree in architettura è puramente casuale...

allison ha detto...

Ciao Paolo, perdonami e perdonatemi per l' OT, ma leggo del ritrovamento di informazioni cancellate e ritrovate dal Pc di Stasi, in merito al caso di Garlasco. Qui il link
Mi chiedo: è veramente possibile che il registro degli eventi di un pc possa essere "accidentalmente" cancellato aprendo files? E che lo stesso venga poi recuperato da una non meglio specificata "area di memoria non ancora analizzata"?

Paolo Attivissimo ha detto...

Gino,

giustamente tu sottolinei che Einstein aveva appunto una laurea in fisica e proponeva delle teorie di fisica basate su fatti e verificabili o falsificabili tramite esperimenti.

Questo lo mette su un piano un bel po' differente dal salumiere. E fra l'altro sono stato buono, perché avrei dovuto scrivere "salumiere che dice di essere il prossimo Messia", come leggerai nel seguito dell'articolo-intervista.

Paolo Attivissimo ha detto...

Allison,

sì, è perfettamente possibile, ma se è successo davvero quello che mi descrivi, chi è responsabile delle perizie e della raccolta delle prove è un imbecille totale.

Esistono delle procedure di computer forensics molto chiare, assodate e note anche agli specialisti italiani che evitano di invalidare le prove. Non è fantascienza.

Van Fanel ha detto...

sì, è perfettamente possibile, ma se è successo davvero quello che mi descrivi, chi è responsabile delle perizie e della raccolta delle prove è un imbecille totale.

Esistono delle procedure di computer forensics molto chiare, assodate e note anche agli specialisti italiani che evitano di invalidare le prove. Non è fantascienza.


Mi pare strano che degli dei superesperti (Superperizia, eh? Come i supertestimoni, i superpentiti, i maxiprocessi... Qui se tutto non è super non va bene!) non sappiano fare un'immagine... Però l'imbecille potrebbe anche essere il giornalista! (Inoltre - ma non so se questo sia il caso - ci sono dei frangenti in cui è necessario fare della computer forensics a computer acceso. A computer acceso, qualsiasi operazione potrebbe compromettere le prove, ma spegnere il computer per fare un'immagine potrebbe comprometterle ancora di più, quindi occorre rischiare.)

Bera ha detto...

@ per OT

Okkio che i risultati delle perizie sul computer di Stasi non sono ancora stati resi noti, perchè le perizie non sono ancora state completate.La difesa di Stasi ha dato la "notizia" al Corriere e, da li si è poi diffusa.
Purtroppo è un processo che invece che nella aule di tribunale si svolge mediaticamente.

@ Paolo Attivissimo
Se i 55 testimoni oculari sono come un mio amico pescatore è plausibilissimo che si siano tutti sbagliati!!:D

Caroline ha detto...

Non ho ben capito la citazione di Bryson riguardo alla mancata affiliazione universitaria di Enistein durante il suo periodo all'ufficio brevetti: a me risulta che Einstein formulò diverse sue teorie nel 1905, anno in cui sì lavorava all'ufficio brevetti, ma pure ottenne il suo titolo di dottore presso l'università di Zurigo. E un dottorato senza un'affiliazione universitaria mi sembra strana. Oltrettutto Einstein era stato raccomandato al politecnico di Zurigo antetempo ma bocciò l'esame di ammissione (causa carenze storico-linguistiche), ma anche dopo rimase sempre in contatto con professori universitari. Magari non aveva un legame formale con un'università dal 1900 al 1904, ma non era fuori dal mondo accademico completamente.

E nel 1910 iniziò la sua carriera di professore, quindi soli 5 anni dopo l'"anno mirabilis". Se quindi anche in quell'anno fosse stato considerato "uno qualunque, senza qualifica", cinque anni più tardi si era "riabilitato". Questo passo dai complottisti lo aspettiamo da ormai 8 anni. Anzi, che almeno uno di loro lo compia, nemmeno tutti! ;-)

Van Fanel ha detto...

<< esplorare un'area del computer mai visionata finora >>

... sarà vicina a quel fantomatico 90% (ma addirittura 98% in un romanzo) del cervello che "non usiamo" e in cui risiedono i poteri paranormali!
(e questo ci riporta a psicocinesi e capre...)

Gio ha detto...

Bellissimoooooooooooo il film devo vederlo assolutamente ahahaha

Mec ha detto...

A proposito delle capre e delle ricerche sui poteri paranormali per i soldati: segnalo anche il film Push che ho visto di recente

Domenico_T ha detto...

*segnaposto*

Gian Piero Biancoli ha detto...

Chiedo scusa per l'OT ma è il post più fantascientifico/cinematografico del momento per cui lo segnalo qui:
LifeLouge ha pubblicato una serie di foto inedite del dietro le quinte di StarWars... imperdibili per gli amanti del genere.
Certo che quella manina di Chubecca....

Willy ha detto...

@Domenico_T,

me la togli una curiosità?
A cosa servono questi *segnaposto* che lasci nei commenti?

Domenico_T ha detto...

Willy,
scrivo così quando non ho nulla da commentare in merito ma voglio ricevere lo stesso i commenti via mail per seguire il thread ;)

Potrei scrivere qualunque altra cosa.

Replicante Cattivo ha detto...

Riguardo al processo di Garlasco (che casualmente a due anni da quel giorno, torna a fare da servizio tappabuchi ) vorrei dire che oggi ho sentito di nuovo la storia per cui gli inquirenti avrebbero chiuso l'appartamento, dimenticando al suo interno un gatto, che quindi avrebbe inquinato la scena del crimine.

Tempo fa, Massimo Picozzi (uno dei maggiori criminologi italiani) ha confermato che sia questa, sia la storia del maresciallo scivolato sulla macchia di sangue sono leggende metropolitane. Ma chissà perchè ai giornalisti piace tanto raccontarcele...

Netracer ha detto...

Cancellare "senza volerlo" il registro degli eventi mi sembra una cosa talmente stupida che voglio sperare veramente che sia stato cancellato "senza volerlo".

yari.davoglio ha detto...

Replicante Cattivo, quoto.

John Wayne jr. ha detto...

Ma la nuova esilarante teoria non diceva che al Pentagono in realtà l'aereo c'era e il missile era nascosto dentro di esso (plausibile, viste le dimensioni) e poi è stato sparato pochi millisecondi prima dell'impatto?

Certo che questa nuova teoria vista con le lenti della logica apre nuove domande (per esempio, "perché?"), però mi sembra che coerentemente con il loro delirio i complottisti abbiano, una volta raggiunto rapidamente il proverbiale fondo, continuato a scavare!

Domenico ha detto...

Paolo attivissimo, hai avuto una eccellente idea facendo questo articolo, è più utile di quello che pensi per darlo in faccia ai complottisti dell'11/9.

MA sarebbe ancora più utile, e di maggiore efficacia, fare un articolo del genere sulle scie chimiche. Sarebbe una ottima arma per dimostrare che sono loro, con le loro balle, a nascondere come stanno davvero le cose, visto che in ogni accasione affermano che sono persone come attivissimo a farlo.

Gwilbor ha detto...

Secondo me questo film darà vita ad un'altra leggenda metropolitana, quella che Kevin Spacey è il clone di Ugo Tognazzi!

usa-free ha detto...

"Blogger Netracer ha detto...

Cancellare "senza volerlo" il registro degli eventi mi sembra una cosa talmente stupida che voglio sperare veramente che sia stato cancellato "senza volerlo"."

Anche perchè, se lo cancelli dall'Event Viewer, il sistema ti chiede esplicitamente se vuoi salvarne un copia di backup.

Netracer ha detto...

@ usa-free

Anche perchè, se lo cancelli dall'Event Viewer, il sistema ti chiede esplicitamente se vuoi salvarne un copia di backup.

Non so perché ma mi sta tornando in mente la storia delle prove truccate nella faccenda unabomber.

usa-free ha detto...

Premesso che non so una cippa di analisi informatica forense, immagino (e spero) che facciano un'immagine bit per bit dell'hard disk e poi lavorino su quella, magari montandola in una macchina virtuale.

Non vedo quindi come possa verificarsi una perdita di dati, almeno che l'hard disk non si guasti proprio mentre stanno facendo l'immagine, ma si dovrebbe guastare in modo davvero grave, con perdita irreversibile dei dati.

ivm ha detto...

Un piccolo OT.
Che é sta roba?

http://www.paleoseti.it/

Qualcuno ne sa qualcosa?

ivm ha detto...

Ho postato la home, scusate.
L'indirizzo completo é questo:

http://www.paleoseti.it/ufologia/alieni/baby-alieno-messico/

Paolo Attivissimo ha detto...

ivm,

un altro alieno stecchito e imbalsamato?

Dobbiamo davvero perdere tempo dietro a queste storielle?

Se vogliono essere presi sul serio, che portino la creaturina a far esaminare da un laboratorio di medicina legale serio, pubblichino i referti medici e i test del DNA, poi ne riparliamo.

Domenico ha detto...

Paolo e gli altri, sulla povera scimmietta martoriata per farla sembrare un alieno potete leggere quessto:
http://forgetomori.com/2009/skepticism/demnio-capturado-no-mxico/

yari.davoglio ha detto...

ivm, cito dal link: "Intanto, Lopez è morto in un misterioso incendio della sua auto.". Secondo me abusava di alcool almeno dal 2007... ^^

ivm ha detto...

Caro Paolo, non era mia intenzione proporre l'ennesimo alieno, solo che stavolta non mi sembrava un coniglio ma ora, grazie a Domenico, so cos'é.
Tutto qua.
Grazie.

yari.davoglio ha detto...

Domenico, difatti assomiglia ad un cercopiteco a prima vista...

Busissimo ha detto...

"Cari ottusangoli, ditemi come sarebbe possibile, secondo voi, per 55 testimoni oculari vedere quella matitina in basso e scambiarla per il bestione con le ali che le sta sopra." Dimmi tu come sia possibile che un Boeing di quelle dimensioni 1) si sia disintegrato 2) abbia fatto un foro nel muro del Pentagono 3) lo abbia centrato in pieno nonostante i piloti kamikaze non erano dei geni del volo.

capodoglio ha detto...

@Busissimus:

Se sei capitato qui, allora puoi fare un salto anche su http://undicisettembre.blogspot.com/, c'è spiegato tutto tutto tutto! Solo che bisogna leggerlo!
Scusa Paolo se rispondo per te, ma se io facessi (da quasi otto anni) quello che fai e mi vedessi anche costretto a dire tutte le volte le stesse identiche cose, dopo un po' mi stancherei...

yari.davoglio ha detto...

Busissimo, spero tu sia qui per capirci qualcosa e non per trolleggiare. Se è così ti consiglio di leggere questi "riassuntini" dettagliati: undicisettembre.

yari.davoglio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
yari.davoglio ha detto...

OT:

Scusate, ma volevo irrorarvi una certa magnificenza celeste.

Paolo Attivissimo ha detto...

Dimmi tu come sia possibile

No, Busissimo, non funziona così. Non si risponde a una domanda con un'altra domanda per cambiare discorso.


1) si sia disintegrato
2) abbia fatto un foro nel muro del Pentagono


Hai ragione. Un aereo di alluminio, quando si scontra contro un edificio in cemento armato, dovrebbe rimbalzare e restare intero.


3) lo abbia centrato in pieno nonostante i piloti kamikaze non erano dei geni del volo.

Sai, quando hai a disposizione un bersaglio largo oltre 400 metri, colpirlo non è propriamente volo di precisione.

nuxvostor9 ha detto...

Era un aereo IKEA in scatola di montaggio.

Van Fanel ha detto...

@Netracer e usa-free

"Blogger Netracer ha detto...

Cancellare "senza volerlo" il registro degli eventi mi sembra una cosa talmente stupida che voglio sperare veramente che sia stato cancellato "senza volerlo"."

Anche perchè, se lo cancelli dall'Event Viewer, il sistema ti chiede esplicitamente se vuoi salvarne un copia di backup.


In realtà l'articolo parla genericamente di "tracce dei salvataggi", non fa nessun riferimento al registro degli eventi, solo allison ha nominato il registro degli eventi (non so se Word traccia i suoi salvataggi, e se lo fa non so dove lo faccia, tuttavia di certo non lo fa nel registro degli eventi, anzi a dire il vero non ho mai visto Word scrivere alcunché sul registro degli eventi)

allison ha detto...

Ho nominato il "registro degli eventi" in quanto nell' articolo linkato leggevo che erano riusciti a stabilire l' orario di accensione del pc. Non so dove altro possa venire memorizzato tale dato.Poi del fatto che Word lasci a zonzo per l' hard disk frammenti della sua attività,non ho notizie certe,solo qualche risposta,vaga per altro,da un newsgroup sulla sicurezza.Che abbiano impiegato 2 anni a scoprire queste informazioni però mi pare troppo.

SirEdward ha detto...

@ Busissimo

1) Non si è disintegrato. I pezzi c'erano ancora.

2) Che doveva fare? Rimbalzare all'esterno?

3) Come dice Paolo, un bersaglio largo 400 metri non è proprio un bersaglio piccolo.

Comunque, ai complotisti non sarebbe andato bene comunque, perché

1) se fosse rimasto intero, i complottisti avrebbero gridato al complotto (ma come? a New York si sfracellano e al Pentagono no?)

2) se non fosse penetrato, i complottisti avrebbero gridato al complotto (ma come, un aeroplano di oltre 100 tonnellate lanciato a 800 km/h non riesce a sfondare il muro in mattoni di un edificio?

3) se non avesse centrato il bersaglio, i complottisti avrebbero gridato al complotto (ma come? con un bersaglio così grande, non è riuscito a colpirlo?)

E come potresti dar loro torto, in questi casi?

Come vedi, Busissimo, per i complottisti la realtà non conta. Per loroc c'è stato un complotto, e qualunque cosa, anche quelle più naturali, sono viste come "strane".

I complottisti sono dei fanatici, che non ragionano con la propria testa ma con i propri pregiudizi. E' questo il problema.

Netracer ha detto...

@ Van Fanel

In realtà l'articolo parla genericamente di "tracce dei salvataggi", non fa nessun riferimento al registro degli eventi, solo allison ha nominato il registro degli eventi (non so se Word traccia i suoi salvataggi, e se lo fa non so dove lo faccia, tuttavia di certo non lo fa nel registro degli eventi, anzi a dire il vero non ho mai visto Word scrivere alcunché sul registro degli eventi)

In effetti sul momento non ci ho fatto caso, ma a questo punto è ancora più grave la faccenda perché word salva su document&settings\dati applicazioni\microsoft\word

Cancellare per sbaglio il registro degli eventi è già difficile di per se (orario di attivazione pc). Cancellare anche i salvataggi di word vuol dire aver fatto un pasticcio enorme...

usa-free ha detto...

@Busissimo

Facciamo un esperimento. Ti lancio in fronte una scatoletta di metallo di liquerizia a 800 Km/h.

Se non ti si apre la testa hai ragione tu. :D

Piero Mancino ha detto...

Chiedo scusa per l'OT (Paolo, puoi cancellare benissimo il mio commento se non lo ritieni pubblicabile), ma a proposito di "computer forensics", visto che si e' tirato fuori l'argomento: cosa bisogna fare per poter essere nominati da un tribunale per queste analisi: voglio dire, ci sono dei corsi, ci sono dei manuali, conseguire un certo titolo (la laurea ce l'ho!) ecc ecc. Qualcuno puo' illuminarmi? Grazie.

Domenico_T ha detto...

Usa-free,
ma secondo me anche solo la liquirizia senza scatoletta è sufficiente.

theDRaKKaR ha detto...

@busissimo

ti perdono solo per le tettone che hai messo nel tuo blog ^__^

(sì, sono tornato...)

Hanmar ha detto...

Usa-free, basta pure un palloncino pieno di acqua, se per questo.

Non so cosa resti della testa, dopo...

Saluti
Michele

MaRaNtZ ha detto...

Fatto sta che, alla fine, nessun pezzo ben identificabile del 767 è stato mai trovato al pentagono, e che nessuna immagine ripresa dalle innumerevoli telecamere dislocate ha mai mostrato alcunchè... perchè mai dovremmo credere a ciò che hanno visto 70 testimoni oculari, senza nemmeno averli mai visti ne tantomento contati ?

Domenico_T ha detto...

Marantz,

perchè mai dovremmo credere a ciò che hanno visto 70 testimoni oculari, senza nemmeno averli mai visti ne tantomento contati ?

E perché dovremmo credere a quelle 0 persone che hanno visto il missile?

Domenico_T ha detto...

Inoltre le testimonianze delle persone sono messe a verbale con nomi e cognomi. Di alcune trovi anche immagini video.

Inoltre tra i rottami trovati al Pentagono ci sono motori e carrelli, oltre a pezzi con tanto di numero di serie.

Dici che un missile ha un carrello?

usa-free ha detto...

"Fatto sta che, alla fine, nessun pezzo ben identificabile del 767 è stato mai trovato al pentagono"

Mi sembra che ci sia la foto di un rottame con una targhetta col logo della AA. Cerca qui o su Undicisettembre.

"e che nessuna immagine ripresa dalle innumerevoli telecamere dislocate ha mai mostrato alcunchè..."

Beh se una palla di fuoco alta quaranta metri ti sembra "alcunchè". Scherzi a parte, sì, le telecamere non sono riuscite a fissare un frame dove si vede chiaramente che quel "coso" è un Boeing 757 della AA.

Nè avrebbero potuto farlo, date le loro caratteristiche.

A dire il vero, non ho notizia di telecamere per videosorveglianza che siano in grado di fissare oggetti a 800 Km/h.

Ma la domanda che dovresti farti subito secondo me, è "se non è stato il Boeing, dove è finito il Boeing?".

Capisci, non è una Hot Wheels che la fai sparire infilandotela in tasca! :D

Paolo Attivissimo ha detto...

Marantz,

nessun pezzo ben identificabile del 767 è stato mai trovato al pentagono

A parte che non è un 767, ma un 757, ti dico solo una cosa: balle.

Segui il link, cerca la FAQ 2.27, leggila e poi torna pure a chiedere scusa. Con una birra in mano, preferibilmente!


perchè mai dovremmo credere a ciò che hanno visto 70 testimoni oculari, senza nemmeno averli mai visti ne tantomento contati ?

Se vuoi ti faccio parlare con uno dei 55 testimoni, Mike Walter, giornalista di USA Today. Così glielo chiedi direttamente.

Se tu non li hai contati, Marantz, pazienza, tanto c'è chi lo ha fatto al posto tuo. Sono appunto 55.

Mousse ha detto...

Busissimo:

1. quando le cose esplodono di solito si rompono in pezzi piuttosto piccoli.

2. è piuttosto facile bucare un muro senza che crolli subito se ci sbatti contro con un oggetto solido abbastanza forte e con una velocità sufficiente. Infatti le "palle" per abbattere gli edifici ci lasciano i buchi, nei muri prima di tirarli giù.

3. il Pentagono è talmente grande che mi stupirebbe l'avessero mancato. E' come andare con la macchina contro il Colosseo.

Dai, almeno potevi fare delle domande diverse dalle solite.. un po' di impegno la prossima volta.

Stefano ha detto...

OT: ho visto il film, è una delle più clamorose stupidaggini cinematografiche degli ultimi anni! Banale, lento, scontato, retorico, noioso, si basa su clichè triti e ritriti... la mia fame di film di fantascienza rimane totalmente insoddisfatta. Consiglio caldamente di evitarlo...

Poorman ha detto...

OT sul delitto di Garlasco.
Ieri sul giornale c'era la lettera di un tale che dava degli idioti agli investigatori, in quanto davano per scontato che le date dei file sul computer fossero reali. Con questo ragionamento, diceva l'autore, chiunque potrebbe crearsi un alibi modificando la data e l'ora del PC direttamente da BIOS. Sosteneva infatti che la modifica della data/ora da dentro un sistema operativo potrebbe anche lasciare tracce, ma sicuramente non le lascia una modifica fatta nel BIOS.
Ha ragione il tizio?
Ai veri esperti l'ardua sentenza: cambiare l'ora all'interno del sistema operativo lascia tracce? (in Windows, se ci sono tracce, certo non sono nell'Event Viewer, ho messo la data 2012 *grin* e nell'Event Viewer non ho visto nessun evento di cambio data). E cambiarla da BIOS, lascia tracce?

papageno ha detto...

gino.limbo:
Alfred Wegener, formulatore della teoria della deriva dei continenti, venne snobbato e irriso dai contemporanei perché era un meteorologo...

O forse perche' i meccanismi che lui propose per la deriva dei continenti non funzionavano.

In fondo, una volta che il meccanismo della tettonica delle placche fu scoperto, la deriva dei continenti e' stata accettata.

Netracer ha detto...

@ Poorman

Se ha modificato l'ora sul BIOS, l'unico modo (che mi viene in mente) di verificare quale fosse l'ora effettiva è quella di andare a controllare sul server internet l'orario in cui si è collegato.
Il problema è che potrebbe avere una connessione sempre attiva con un rooter wireless.

In quel caso bisognerebbe andare a controllare l'orario in cui ha avuto accesso a determinati siti.

Poorman ha detto...

Netracer, ma allora questo significherebbe davvero che fare dell'informatica forense basandosi su date di salvataggio di file (ad es. Word) è completamente inutile, se la data può essere rimaneggiata da BIOS come ti pare senza lasciare tracce. A meno che qualche traccia non resti davvero, ma di firmware non so proprio niente...

Netracer ha detto...

@ Poorman

Credo che si possa solo sovrascrivere sul BIOS e che quindi non rimane traccia delle modifiche precedenti.

Se chi usa il computer non si collega ad altri computer o a dei server durante l'uso, è praticamente impossibile stabilire il vero orario in cui è stato utilizzato.

Anche se "stare al computer" non è un alibi (non c'è nessuno che può provarlo) è sempre l'accusa che deve smentire le dichiarazioni dell'indagato.
Nel caso di Garlasco, mentre prima era evidente che Alberto non avesse un alibi e che anzi i controlli effettuati sul computer dimostravano che lui non stava lavorando e che quindi aveva mentito, ora invece nessuno può affermare con certezza che Alberto ha mentito e quindi la sua affermazione che lui stava lavorando alla tesi resta ancora in piedi.