Cerca nel blog

2010/01/18

Poster creazionisti per Lugano (UPD 20100122)

Creazionisti: "La materia è un'illusione". Vero: s'illudono che il creazionismo sia una materia


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "luca.bosc****" e "sweethingmarco".

Stamattina, al rientro dalla radio, mi è caduto l'occhio su questo poster vicino alla stazione di Lugano, e ho tirato fuori subito la mia fotocamera. Ero in auto, fermo al semaforo, per cui non ho avuto tempo di far di meglio. Gli amici mi segnalano che poster analoghi sono spuntati in altri luoghi molto frequentati della città.

Il poster dice "Darwin - una bestemmia alla scienza", mostra il classico disegno degli stadi dell'evoluzione umana, cancellato con una X e la scritta "FALSO", e sotto offre tre slogan: "L'inganno dell'evoluzione – Il Darwinismo non è una scienza – La materia è un [sic] illusione".

In basso c'è un indirizzo di un sito Web, www.lingannodellevoluzione.com.

Non ho ancora avuto tempo di riprendermi dalla crisi di risate e di scoprire chi c'è dietro e ha soldi da spendere in campagne pubblicitarie del genere, e di pensare come bisogna rispondere a una manifestazione di terrapiattismo di questo calibro. Sempre che ci sia bisogno di rispondere a chi sostiene che la materia sia un'illusione. Se nel frattempo scoprite qualcosa voi, segnalatelo nei commenti o via mail al solito topone chiocciola pobox.com. Garantisco l'anonimato a chi mi contatta privatamente.


2010/01/22


Visitando il sito citato dai poster, affissi in tutto il Canton Ticino ma non nel resto della Svizzera, risulta che pubblicizza gli scritti di Harun Yahya (foto qui accanto, tratta da Harunyahya.tv).

Wikipedia in inglese segnala che Harun Yahya è lo pseudonimo di Adnan Oktar, nato ad Ankara nel 1956, un sostenitore di spicco del creazionismo islamico. Migliaia di copie gratuite del suo libro, The Evolution Deceit (L'inganno dell'evoluzione), sono state distribuite in Turchia a partire dal 1998, accompagnate da frequenti pubblicità nei quotidiani turchi. Oktar ha anche acquistato un'inserzione nella rivista statunitense Time.

Un altro suo libro, The Atlas of Creation (L'atlante della creazione), un tomo di 800 pagine pesante più di cinque chili, è stato spedito gratuitamente in decine di migliaia di copie a scuole, ricercatori e istituti di ricerca in Europa e negli Stati Uniti. Il libro è ricco di errori e di affermazioni scientificamente sballate: in sostanza, confronta fossili con animali moderni e li dichiara identici. In realtà basta guardare le immagini per rendersi conto che sono differenti.

Adnan Oktar è qualcosa di più del solito eccentrico che autofinanzia la produzione delle proprie idee pseudoscientifiche. Negli anni scorsi, in Turchia è riuscito a far bloccare l'accesso a vari siti Web, compreso il popolare sito di blogging Wordpress.com e Google Gruppi, che Oktar ha accusato di diffamazione nei suoi confronti. Lo stesso è avvenuto per il sito di Richard Dawkins, notissimo teorico della biologia, e persino per il sito di uno dei giornali più importanti della Turchia, Vatan.

Come riferisce il Guardian britannico, Oktar è a capo di un'organizzazione altamente coordinata ma assai reticente nel rivelare le fonti della propria ampia disponibilità economica, e secondo Reuters nel 2008 è stato condannato a tre anni di carcere in Turchia per "aver creato un'organizzazione illegale per lucro personale".

Oktar dice di offrire un premio di dieci trilioni di lire turche, circa sette trilioni e mezzo di franchi (5 trilioni di euro) a chiunque gli mostri un singolo fossile che dimostri l'evoluzione. A suo dire, tutti i fossili finora scoperti mostrano che "piante, animali, umani e insetti non hanno mai subìto evoluzioni" e sono stati creati tali e quali. Eppure Oktar, per sua stessa ammissione, non ha alcuna esperienza o preparazione scientifica. Ha studiato architettura d'interni.

Chi invece di competenza ne ha, come Richard Dawkins, ha pubblicato varie critiche dell'Atlante della Creazione. Per esempio, questo articolo mostra i ripetuti, grossolani errori delle affermazioni di Oktar: non solo l'autore turco mostra animali vistosamente differenti e li dichiara identici, ma uno degli scivoloni più gustosi è quando Oktar presenta un insetto che sarebbe identico ai suoi antenati di milioni d'anni fa e mostra... un'esca da pesca, con tanto di amo visibile (foto qui accanto).

Chi volesse documentarsi sulle basi scientifiche solide e concrete dell'evoluzione e sul fatto che l'evoluzione non è in conflitto con la fede (come del resto dichiarato anche da Papa Giovanni Paolo II) ha a disposizione un buon numero di siti Internet, anche in italiano, come Pikaia.eu, L'orologiaio miope o questa del Cicap. In inglese segnalo in particolare la chiarissima FAQ dell'emittente pubblica statunitense PBS e Talkorigins.org.

La campagna pubblicitaria sul creazionismo può quindi essere un'ottima occasione per conoscere meglio i fatti che stanno dietro all'evoluzione e sfatare alcuni dei luoghi comuni che circondano una delle scoperte meglio documentate e più importanti della storia.

851 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 400 di 851   Nuovi›   Più recenti»
Turz ha detto...

Pertanto, giro pagina.

Turz ha detto...

E la parola "pertanto" non deve essere seguita dalla virgola.

E non si cominciano le frasi con "E".

Jacopo ha detto...

Ah figurati, e' un piacere trovare qualcuno che conosca il vero significato di "legge dei grandi numeri"!

Tieni questa tessera omaggio della LpUCdTM (Lega per un uso corretto dei termini matematici). Il nostro obiettivo e' fare in modo che "teorema" non sia piu' usato da giornalisti e politici come sinonimo di "affermazione non dimostrata" :D

Paolo Attivissimo ha detto...

Che ne dite di lavorare insieme a una FAQ sul creazionismo?

markogts ha detto...

40^10^6 secondi? Cioé circa 10^1.200.000, se non mi sono impaperato con i logaritmi. L'universo ha circa 10^17 secondi...

I matematici dovrebbero aggiornarsi sulle ultime scoperte riguardanti la durata dell'universo :-)

Quella dell'ispezione però non mi è molto chiara.

markogts ha detto...

Che ne dite di lavorare insieme a una FAQ sul creazionismo?

Ehm... posso fare qualcosina, ma resto pur sempre un arido meccanicista :-). È anche vero che ho contatti con biotecnologi et similia...

Come penseresti di procedere? Traduzione di qualche sito americano? Esempio

Paolo Attivissimo ha detto...

Come penseresti di procedere? Traduzione di qualche sito americano?/

Sicuramente. Mi serve appunto una mano a tradurre e pubblicare il materiale esistente. Servono delle risposte pronte anche per i biologi, che non conoscono i tranelli degli evoluzionisti e che magari, interpellati al volo dai giornalisti, non hanno tempo di trovare l'esempio giusto.

Ho appena registrato Lingannodelcreazionismo.com e attivato il blog correlato, lingannodelcreazionismo.blogspot.com.

Chi vuole tradurre del materiale, me lo mandi (citando la fonte e come vuole essere citato) via mail. Grazie!

Jacopo ha detto...

Posso fare qualche traduzione a tempo perso, il mio inglese scientifico e' buono. Pero' dato che sono molto ignorante in biologia avrei bisogno che qualcuno mi indichi del buon materiale da tradurre!

La FAQ linkata puo' essere un buon punto di partenza, pero' e' pur sempre un sito di una rete televisiva. I testi non riportano moltissime fonti e non mi sembra che ne sia indicato l'autore...

Rodri ha detto...

Lingannodelcreazionismo.com

AH AH AH!! MITICO!!! :-D

Juvix ha detto...

In realtà il discorso del marmo/statua è stato detto da un famoso neurologo (scienziato!) che purtroppo non ricordo il nome: spiegare scientificamente come ci possano essere nel cervello umano un milione di neuroni capaci di interagire così efficacemente è come affermare che una roccia si trasformi da sola in statua.
@Paolo
Il tuo esempio facile facile del cristallo di neve rientra nel discorso: quello che in natura è magnificamente complesso (come anche il cervello), risulta moooolto riduttivo spiegarlo con una teoria evoluzionistica così poco dimostrabile.
Considerato poi che ne sappiamo (e ne utilizziamo!) si e no il 20% della materia celebrale, non mi sbilancerei troppo con affermazioni assolute in certi discorsi.

Anonimo ha detto...

Bisogneregge dare un'occhiata al sito di Richard Dawkings anche se non ha delle faq evidenti.
Appena ho un attimo do uno sguardo al suo forum se c'è qualcosa a cui ispirarsi, tipo qui.

Paolo Attivissimo ha detto...

Juvix,

in realtà il discorso del marmo/statua è stato detto da un famoso neurologo (scienziato!) che purtroppo non ricordo il nome

A parte la grammatica claudicante, "l'ha detto uno che non mi ricordo chi è ma è uno importante" è un'argomentazione flaccida.


quello che in natura è magnificamente complesso (come anche il cervello), risulta moooolto riduttivo spiegarlo con una teoria evoluzionistica così poco dimostrabile.

L'evoluzione è un fatto documentato. Nei fossili, nel DNA, nella biologia. Se per te tutto questo è "mooolto riduttivo", se non vuoi affrontare i fatti, è un problema tuo.


Considerato poi che ne sappiamo (e ne utilizziamo!) si e no il 20% della materia celebrale

Davvero? Parli per te, o in generale? E da quale fonte hai tratto quest'affermazione assoluta, che così mirabilmente si sposa con la tua frase successiva "non mi sbilancerei troppo con affermazioni assolute in certi discorsi?

markogts ha detto...

quello che in natura è magnificamente complesso (...), risulta moooolto riduttivo spiegarlo con una teoria evoluzionistica

Sostituisci "magnificamente" con "dannatamente" e ci siamo. Se uno decide di progettare un "cervello" da zero, prende una architettura di Von Neumann, e via andare.

Viceversa, un cervello che:
-si ricorda le cose alla carlona
-ha l'interrupt di più alto livello settato su "sesso"
-e quello immediatamente inferiore su "cibo"
-ha un input che funziona da cani (esempio
-come output usa un mix di suoni, accenti e gesti

ecco, un cervello progettato così male, è proprio una prova dell'evoluzione. Perché è fondamentale mangiare e riprodursi. Perché era fondamentale identificare le prede nella foresta. Perché per milioni di anni ha comunicato a gesti e grugniti.

markogts ha detto...

Al volo sulla percentuale di utilizzo del cervello.

Jacopo ha detto...

Per cominciare no, non usiamo solo parte del cervello: http://www.snopes.com/science/stats/10percent.asp

Secondo wiki inoltre il numero di neuroni e' 10^11, cioe' quasi un milione al quadrato. Ancora piu' stupefacente!

E non ho capito la parte sul cristallo: dato che e' molto riduttivo spiegarne la forma mirabilmente complessa con considerazioni chimico-fisiche e' piu' ragionevole pensare che un omino barbuto si sia messo la' e li abbia assemblati uno ad uno? Boh, non e' che mi convinca molto...

Ah, per quanto riguarda le prove del _fatto_ evoluzionistico: http://en.wikipedia.org/wiki/E._coli_long-term_evolution_experiment

markogts ha detto...

BTW, ieri ero dal dentista. Qualcuno sa come spiega l'intelligent design i denti del giudizio?

Anonimo ha detto...

Scusate non riesco a eliminare il mio commento con il link sbagliati. Ecco quelli giusti
il sito
delle faq nel forum

Juvix ha detto...

Pensavo (con il mio 20% di cervello) che questa discussione fosse rispettosa: noto invece che non si può proporre alternative. Il senso del mio discorso è che per me la scienza cerca (e alle volte ci riesce) di spiegare ciò che Qualcuno ha progettato. Io spero che sia così... se poi così non dovesse essere, scusate il disturbo. Sai però le risate quando nell'aldilà si vedranno persone con la bocca spalancata dallo stupore?!

markogts ha detto...

per me la scienza cerca (e alle volte ci riesce) di spiegare ciò che Qualcuno ha progettato

Sì, ma non può fornire prove che ci sia quel Qualcuno. A meno che, oviamente, non si usi la frasetta magica "...perché quel Qualcuno ha voluto così", che può giustificare tutto, dai denti del giudizio ai dinosauri sellati.

PS Per me, la tua frase si può troncare a "spiegare".

Anonimo ha detto...

Per Juvix

Ecco, giusto da uno che invoca il rispetto per le sue idee, invocare per gli altri un memento mori associato al proverbio "ride bene chi ride ultimo" è davvero edificante.

Grezzo ha detto...

@ Juvix

ti lamenti che non viene preso in considerazione il tuo pensiero, ma come fai se ammetti cose false come il fatto che l'evoluzione sia "poco dimostrabile"? Fattene una ragione: l'evoluzione è un fatto, non un'opinione. Quando lo capirai torna a discutere.

Quella del 20% di cervello che l'uomo utilizzerebbe, è un luogo comune (inteso come lo intendi tu). Sono sicuro che un neurologo ti saprà rispondere in maniera esaustiva. Trovane uno e chiediglielo.

SirEdward ha detto...

Pensavo (con il mio 20% di cervello) che questa discussione fosse rispettosa:

Lo è. Questo blog è incredibilmente rispettoso. Ho visto discussioni su politica e religione andare avanti e concludersi senza degenerare in risse a suon di insulti, il che è abbastanza raro.


noto invece che non si può proporre alternative.


Sì che si possono proporre, ma qui si usa differenziare le opinioni dai fatti: è uno dei motivi per cui non ci si azzuffa.


Il senso del mio discorso è che per me la scienza cerca (e alle volte ci riesce) di spiegare ciò che Qualcuno ha progettato.


Io lo trovo riduttivo. Se dovessi optare per una presenza "progettistica" direi che la scienza è il migliore strumento che abbiamo per comprendere il linguaggio di progettazione dell'universo.

Il mondo in cui viviamo è complesso e meraviglioso: spesso supera persino la nostra capacità di immaginarlo. Pensare che esista un tizio che un giorno si è svegliato e ha creato dal nulla tutto, -singolo- -oggetto -per- -singolo- -oggetto-, in maniera così incredibilmente ripetitiva e poco creativa, questo sì che mi sembrerebbe estremamente riduttivo. In mancanza di prove di un ente creatore, almeno ipotizziamolo fatto come si deve, non come il parto di qualche mente umana limitata e poco immaginifica.

Comunque sia, se anche immaginiamo un creatore, immaginiamocelo a partire da quello che abbiamo intorno. Che gli organismi viventi si evolvano è un dato di fatto; se vogliamo parlare di un creatore, -dobbiamo- includere il meccanismo evolutivo nella teoria del creatore. Altrimenti stiamo solo inventando un'altra bella favoletta, come tante ne sono state inventate dagli uomini nel corso dei millenni.


Io spero che sia così... se poi così non dovesse essere, scusate il disturbo. Sai però le risate quando nell'aldilà si vedranno persone con la bocca spalancata dallo stupore?!


Beh, ma allora non è che "speri che sia così". Stai già anticipando l'aldilà (di cui non sai nulla) come luogo dove verranno raddrizzati quelli che già pensi essere dei torti, dove vedrai finalmente puniti quelli che già pensi averti deriso ingiustamente e dove dove vedrai riconosciuto il tuo merito per aver creduto sin da subito in quella che tu già pensi essere la verità.

Altro che speranza, sei già bello e convinto! Ok, è la tua opinione, però almeno non facciamo finta che tu sia una persona dubbiosa animata solo da una speranza, perché in realtà di dubbi non ne hai nemmeno uno.

Altrimenti sembra che noi siamo maleducati e tu un povero capro espiatorio umile e indifeso. Mentire, anche a sé stessi, non piace al tuo creatore.

Verzasoft ha detto...

Juvix,
scienza e religione son due cose che non puoi mischiare.
La scienza si basa su esperimenti, dimostrazioni, fatti.
La religione si basa su degli assunti a cui puoi credere o non credere, ma che non puoi provare. Se si potessero provare, non ci sarebbe bisogno di crederci per fede. Ci sarebbero le prove e tanti saluti.

Ora stiamo parlando di fatti. L'evoluzione lo è. Sperimentalmente, provata. Storicamente, quasi.

Quando dici "Spero che sia così, se non lo è scusate il disturbo"... ecco... questo vuol dire esattamente che credi in qualcosa, ma che non ne hai le prove.
La scienza, non spera. Esamina e cerca prove. E' la religione, quella di cui stai parlando tu. Non confonderle.

Poi, io, personalmente, posso credere che sia stato Dio a fare in modo che tutto accadesse, ma non posso mettermi a cercare scientificamente le prove. Non funziona. Non ce n'è. Ci credo per fede e stop.

puffolottiaccident ha detto...

@Paolo Attivissimo.
Penso che Juvix si riferisca a Richard Restak, le cui parole esatte a riguardo, tradotte da Libero Sosio, sono state:

Il paragrafo é questo.

"Com´é possibile che un organo come il cervello, che contiene da 10 a 100 miliardi di cellule, si sia sviluppato da una singola cellula, da un uovo? Alcuni rispondono con leggerezza che é tutto geneticamente programmato, dimenticando che un programma é un termine privo di significato, senza un programmatore. Ma l´approcio allo sviluppo del cervello fondato sulla tesi che "nei geni c´é tutto" contiene altre difficoltá."

Naturalmente é un paragrafo estrapolato, in cui Restak valuta tutte le teorie, poi mangia la faccia ai creazionisti...
L´attribuire ad onorati überscienziati simpatia per la propria miserabile setta si ottiene in generale prendendo un paragrafo del tipo:

"Degli irriferibili critini che andrebbero portati in un campo aperto e bruciati col napalm sostengono che [Enunciato 37], hihihi, che manica di miserabili mufloni. Vabbé, andiamo avanti"

Si toglie la parte che commenta l´enunciato atroce ed il critino dice: Anche l´überscienziato sostiene la nostra posizione, infatti ha detto: "[enunciato 37]"

Questo mi fa pensare ad un pensiero di certo attinente:
Le teorie rivelatesi sbagliate non vanno mai distrutte, contengono sempre roba buona, tipo ad esempio problemi che possono presentarsi in studi futuri.

Sarebbe impossibile studiare con profitto il lavoro di scienziati come Francesco Redi, Galileo Galilei, ecc. ecc. senza sapere cosa c´era prima.

Quindi quello per cui una teoria sbagliata é pericolosa per la scienza é ragionevole, che questa vada distrutta una volta soppiantata é un atteggiamento che ritengo del tutto anti-scientifico.

Ad esempio degli scienziati che hanno seguito una teoria sbagliata per mancanza di dati oggettivi é interessante osservare i processi logici per non ripeterli.

Il proponimento di certe organizzazioni religiose é quello di distruggere le prove del fatto che i loro scienziati hanno lavorato su dati precedenti, per dire che tali realizzazioni provengono dal loro dio, e contemporaneamente attribuire ai loro scienziati scoperte che in realtá sono successive.
E vedo che ci riescono alla grande facendo leva su sensi di colpa che la gente neanche sa di avere.

Grezzo ha detto...

@ Puffoloaccident

Perfettamente d'accordo con te. Solo che qui si confondono un pò le acque. Non stiamo parlando di distruggere il sistema tolemaico, che ancora oggi viene comunque ricordato come tappa verso la comprensione dell'Universo, nonostante fosse completamente sballata alla riprova dei fatti, ma di una teoria religiosa. Una teoria religiosa non è una teoria scientifica. La si deve distruggere necessariamente quando cerca di indirizzare la scienza verso la propria parte. Come ha detto qualcuno in precedenza, è la metafisica che deve adattarsi alle nuove scoperte, e non il contrario.

puffolottiaccident ha detto...

Grezzo, se attraversi maximilian strasse il sabato pomeriggio dal 26 all´1 (o viceversa) a piedi sono sicuro che capisci cosa intendo dire.
Distruggere certe teorie e la memoria della loro esistenza significa correre il rischio che in futuro vengano riscoperte per sbaglio.

Il punto non é che le teorie religiose vanno distrutte.

Quello che sto cercando di dire é che non si deve essere inibiti, nel parlare di scienza, dalle possibili rappresaglie dei religiosi.

Inoltre ripeto: Nessuna risposta che tenti di aggirare il problema dell´intimidazione é destinata a funzionare.

puffolottiaccident ha detto...

@grezzo

In due parole: noi no, infatti sto parlando di "Loro"

E per citare la frase di un tunisino, che mi trova sempre piú d´accordo: "tanto sai che alla lunga, dopo un po´di discussioni,(in cui la questione dell´intimidazione non viene minimamente sfiorata quando si parla del problema, aggiungo io) farete quello che dicono, quindi perché non saltare le discussioni e chiamarvi vinti direttamente?"

Unknown ha detto...

Scusate comunque, a parte la tristezza per la presenza sulla terra di questi esseri umani, quel disegno del poster non è di Darwin ma di Huxley.
Ovvio, non è evolutivamente corretto, ma c'è davvero bisogno di ricordare il periodo a cui risale e il fatto che mancassero le conoscenze genetiche?!

Gwilbor ha detto...

OT

Jacopo, l'hai fatta tu la foto al graffito? Che sei di Prato per caso?

martinobri ha detto...

Che ne dite di lavorare insieme a una FAQ sul creazionismo?

Io ci sto

Juvix ha detto...

mi sono documentato... Oltre a Restak, c'è il prof. Franco Castelli che afferma: "...conosciamo appena il 10% delle funzioni del cervello... Il cervello è costituito da 200 miliardi di neuroni, connessi fra loro da un milione di miliardi di collegamenti: tutti al posto giusto... non si realizzano e non si organizzano per caso. La formazione casuale del sistema nervoso centrale dell'uomo non è improbabile: è impossibile".
E ancora il dott. Enzo Soresi, tra le altre cose neurobiologo, alla domanda "sappiamo tutto del cervello?", risponde: "Nooo! Sul piano anatomico e biologico sappiamo intorno al 70%. Ma sulla coscienza? Qui si apre il mondo!".
Scusate di nuovo e non voglio essere polemico: evidentemente mi avete frainteso perchè mi sono spiegato male. Non sto assolutamente negando l'esistenza dell'evoluzione! Ho i miei dubbi su come questa possa essere stata generata dal caso.
Per quanto riguarda "ride bene chi ride ultimo" non era mia intenzione sbeffeggiare nessuno: il concetto è che nell'eventualità che esista l'aldilà, sarà l'ateo a rimproverarsi per le sue idee, mentre se non dovesse esistere, il credente non avrà certo la possibilità di rimanere deluso del tempo trascorso a pregare: chi rischia, in pratica, è solo l'ateo!
In generale comunque, capisco che qui volete parlare di fatti spiegabili scientificatamente, però non si può negare nessuna possibilità, altrimenti oggi nessuno conoscerebbe Einstein.
Per me, ripeto, l'evoluzione è un mezzo voluto dal Creatore: che stia gettando il seme di una nuova teoria crezionistica-evolutiva?

markogts ha detto...

La formazione casuale del sistema nervoso centrale dell'uomo non è improbabile: è impossibile"

Ma chi ha mai parlato di formazione "casuale"? Torniamo all'esempio delle scimmie che scrivono la Divina Commedia. Ci vogliono 10^1.200.000 secondi. Bene. Ora poniamo il caso che nella sala delle scimmie ci sia un sistema o una persona che seleziona ogni gruppo di lettere che va bene e lo salva. Un "mezzo" di quà, un "cammin" di là, e tra un po' una "selva". Ammetterai che questo sistema permette di ottenere la Divina Commedia in tempi molto più rapidi.

Nell'evoluzione, questo "salvare" i tratti di codice che vanno bene viene compiuto in automatico dalla selezione naturale. Come vedi, è cosa ben diversa dalla "formazione casuale".

Ho i miei dubbi su come questa possa essere stata generata dal caso

Ettecredo! Infatti è il contrario: è l'evoluzione che genera il caso, SELEZIONANDO poi il meglio di quello che viene fuori. Forse sbagli a vederla come un fatto statico. L'evoluzione è un fatto dinamico, un work in progress.

Per me, ripeto, l'evoluzione è un mezzo voluto dal Creatore: che stia gettando il seme di una nuova teoria crezionistica-evolutiva

Basta che ci spieghi i metodi per verificarla e falsificarla. Sai, Popper & co...

puffolottiaccident ha detto...

@Paolo Attivissimo dixit:
Che ne dite di lavorare insieme a una FAQ sul creazionismo?

Non é il mio campo di operazioni... ma se posso essere d´aiuto mi associo volentieri.

Paolo Attivissimo ha detto...

nell'eventualità che esista l'aldilà, sarà l'ateo a rimproverarsi per le sue idee

Au contraire, Juvix, l'ateo dirà "Mi sono sbagliato? Beh, pazienza".

Se avrà torto il credente, gli andrà molto peggio.


il credente non avrà certo la possibilità di rimanere deluso del tempo trascorso a pregare

Metti che abbia pregato per tutta la vita il dio sbagliato...


però non si può negare nessuna possibilità, altrimenti oggi nessuno conoscerebbe Einstein

Si negano le possibilità che sono contraddette dai fatti. Le altre si lasciano nel limbo, in attesa che qualcuno le dimostri. Nel frattempo, si va avanti con quello che si sa per certo funzionare.


Per me, ripeto, l'evoluzione è un mezzo voluto dal Creatore

Può anche darsi. Gentilmente, andresti a spiegarlo ai creazionisti che hanno affisso i poster a Lugano?

Anonimo ha detto...

@Juvix
E' proprio per quello che dici che ti racocmando la lettura de "L'orologiaio cieco" che spiega meglio di me come non è assurdo che da sistemi molto semplici possano svilupparsi sistemi dalla strabiliante complicazione. Ripeto, la tua è una osservazione non banale ma tuttavia ha una risposta adeguata.
La prima osservazione che io ti farei è che non è nato un cervello sviluppato di colpo, zac !! E poi i miliardi di anni sono una quantità di tempo che noi difficilmente comprendiamo; e pensa che per la maggior parte di questo tempo il nostro pianeta è stato popolato solo da alghe azzurre, che sviluppavano, attraverso la selezione, le complesse strutture cellulari.
In ogni caso la tua è un'idea diffusa di "Dio Pigro". Di per se la visione cosmologica che accetta il darvinismo e la fisica moderna non è in contrapposizionecon l'esistenza di un Dio (e difatti moltissimi, se non la piuparte, degli scienziati si dichiarano credenti), solo che costui sarebbe un Dio estremamente pigro, che ha interagito pochissimo o per nulla con la storia. naturale. In ogni caso la complessità del cervello, anche maggiore del nostro, non esclude una sua genesi per evoluzione attraverso meccanismi selettivi.
A proposito di parti inutilizzate, anche il nostro patrimonio genetico è in buona parte inutilizzato o "dormiente".

Juvix ha detto...

Se avrà torto il credente, gli andrà molto peggio.

Metti che abbia pregato per tutta la vita il dio sbagliato...


se il credente avrà torto, vuol dire che quando si muore, diventiamo tutti polvere e basta: vuoi dire che c'è polvere di seria A e quella di serie B?

Si negano le possibilità che sono contraddette dai fatti. Le altre si lasciano nel limbo, in attesa che qualcuno le dimostri.

e allora perchè negare l'esistenza di un Creatore: sei a conoscienza di qualche fatto a noi sconosciuto?

@dani1967
originale l'idea di un Dio pigro: in realtà (sempre secondo me) è un Dio che lascia fare. Come per l'evoluzione, tutto è regolato dal libero arbitrio stabilito da Lui: ogni cosa, vivente o meno, deve conquistarsi con le sue capacità e forze l'agognata meta.

Unknown ha detto...

Sì, l'Atlante della creazione!
E' capitato anche a me. Era arrivato in regalo (non richiesto) a uno che conosco e abbiamo deciso di riciclare il regalo mandandolo a un nostro amico. Pensavamo che lo avrebbe dato alle fiamme, ma evidentemente non è stato così perché, di riciclo in riciclo, me lo sono trovato una mattina sulla scrivania. Già riciclato. E so che è stato riciclato ancora, ma a questo punto ne ho perso le tracce.

Paolo Attivissimo ha detto...

se il credente avrà torto, vuol dire che quando si muore, diventiamo tutti polvere e basta: vuoi dire che c'è polvere di seria A e quella di serie B?

Assolutamente no. Leggi meglio quello che ho scritto.

Il problema con l'aldilà ce l'hanno i credenti. Primo, posso aver sbagliato fede e scoprire che l'aldilà è in mano a un altro dio che li punirà orribilmente in quanto miscredenti.

Secondo, il credente che dovesse aver azzeccato la fede giusta dovrà sperare di non finire all'inferno per aver peccato o perché alla divinità così gira in quel momento.

Chi non crede nell'aldilà ha il grosso bonus di non doversi preoccupare di malintesi e consequenti punizioni.

Sei davvero sicuro di volere l'aldilà retto da un Dio che manda catastrofi sui suoi figli prediletti con totale indifferenza? Ad Haiti il terremoto ha stritolato bambini, adulti, giusti e peccatori senza distinzioni. Ti vuoi affidare a un così?

Grazie, preferisco di no. Preferisco accettare che devo darmi da fare in questa vita e che devo essere buono e onesto perché lo ritengo giusto, non perché voglio il premio alla fine, come il cane aspetta il biscottino alla fine del giochino.


e allora perchè negare l'esistenza di un Creatore: sei a conoscienza di qualche fatto a noi sconosciuto?

Uhm... l'ortografia italiana, intendi?

Guarda che io non nego la possibilità dell'esistenza di un creatore. Dovresti dare un'occhiata al famoso Thread Epico (link qui accanto), dove l'argomento è sviscerato a fondo e con gusto.

markogts ha detto...

se il credente avrà torto, vuol dire che quando si muore, diventiamo tutti polvere e basta: vuoi dire che c'è polvere di seria A e quella di serie B?

Immagino che Paolo si riferisse a quello che il credente si perde qui e ora: nello specifico, il capire l'evoluzione.

e allora perchè negare l'esistenza di un Creatore: sei a conoscienza di qualche fatto a noi sconosciuto

E chi la nega? Ma dove sono le prove? Che esperimenti o osservazioni suggerisci per verificare che ci sia un creatore dietro l'evoluzione?

ogni cosa, vivente o meno

Scusa, qual è la meta di un blocco di granito?

, deve conquistarsi con le sue capacità e forze l'agognata meta.

La meta (mi riferisco agli esseri viventi, dai batteri alle balene), specifichiamolo, è mangiare e "trombare". Ora, perché inventarsi un Dio per far fare una cosa che è assolutamente spontanea?

È come dire che serve un dio per far cadere gli oggetti.

Jacopo ha detto...

@ Gwilbor #229

No, non ho fatto io la foto e non sono di Prato : )

SirEdward ha detto...

Se avrà torto il credente, gli andrà molto peggio.

Metti che abbia pregato per tutta la vita il dio sbagliato...

se il credente avrà torto, vuol dire che quando si muore, diventiamo tutti polvere e basta: vuoi dire che c'è polvere di seria A e quella di serie B?


Scusa, Juvix, ma hai unito due risposte di Paolo in una.

Mi sembra che tu stia cercando di avere ragione per forza, anche a costo di adattare la realtà a tuo piacimento (in questo caso le risposte di Paolo). Penso che il tuo creatore non apprezzi queste cose.

Quanto al dio sbagliato. Ci sono infinite varietà di religione a questo mondo; ognuna dice che devi rigorosamente seguire -tutte- le sue leggi, ma ognuna con leggi diverse dalle altre. Diciamo che se anche un dio esiste, l'uomo ama attribuirgli pensieri che sono solamente terreni.


e allora perchè negare l'esistenza di un Creatore: sei a conoscienza di qualche fatto a noi sconosciuto?


Juvix, tra le persone che si oppongono al creazionismo (o "disegno intelligente"), ci sono un gran numero di persone credenti. Anche in questo blog. Sei tu che fai confusione assimilando il rifiuto di una teoria come il creazionismo, palesemente smentito dai fatti, con il rifiuto dell'esistenza di un dio creatore. Rifiutare il creazionismo non comporta rifiutare la possibilità dell'esistenza di un dio.

@dani1967
originale l'idea di un Dio pigro: in realtà (sempre secondo me) è un Dio che lascia fare. Come per l'evoluzione, tutto è regolato dal libero arbitrio stabilito da Lui: ogni cosa, vivente o meno, deve conquistarsi con le sue capacità e forze l'agognata meta.


Il libero arbitrio è una cosa, la capacità, o anche solo la possibilità, di raggiungere certe "mete", è un'altra. Sono due questioni per lo più distanti l'una dall'altra, così distanti che mescolarle non è una buona idea.

Grezzo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Grezzo ha detto...

@ Juvix

Il "disegno intelligente" (che è il nome della teoria che tu esponi) è una teoria puramente religiosa e non ha alcun senso esporla in ambito scintifico. Ci devi credere per fede e basta, dunque con la scienza non ha a che fare. Per dimostrarla infatti devi prima dimostrare che dio esiste, dopodichè devi dimostrare che ha fatto tutto questo con lo scopo di creare l'essere umano. Siccome dio non si è mai visto, che esista o meno, è una questione indimostrabile.

riguardo il cervello, tu precedentemente hai detto "usiamo al massimo il 20% del nostro cervello", che è completamente differente da quello che dici successivamente "intendevo dire che conosciamo poco il nostro cervello".

Grezzo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Paolo Attivissimo ha detto...

Scusate i refusi:

Primo, possono aver sbagliato fede e scoprire che l'aldilà è in mano a un altro dio che li punirà orribilmente in quanto miscredenti.

...

Chi non crede nell'aldilà ha il grosso bonus di non doversi preoccupare di malintesi e conseguenti punizioni.

Sei davvero sicuro di volere l'aldilà retto da un Dio che manda catastrofi sui suoi figli prediletti con totale indifferenza? Ad Haiti il terremoto ha stritolato bambini, adulti, giusti e peccatori senza distinzioni. Ti vuoi affidare a un dio che si comporta così?

Juvix ha detto...

@Paolo
qua ti voglio! Primo smettila di riprendere i miei presunti errori grammaticali o di ortografia: non sono questi il punto.
Poi il bonus c'è sia per l'ateo che per il credente, se l'aldilà non c'è, visto che nessuno dei due avrà più un pensiero dopo. Se poi esiste Dio, la mia considerazione è che l'ateo rimmarrà sorpreso nel scoprirlo: la fase successiva è un'altra cosa e a ognuno il suo giudizio.

La cosa fondamentale che dici è che attribuisci a Dio l'aver provocato il terremoto ad Haiti: è una tipica considerazione che fanno gli atei per aver qualcosa da ridire ai credenti.
Non capisco l'atteggiamento di darmi "addosso": ho solo esposto la mia idea senza volerla imporre. Se si crede a Dio, bisogna credergli e seguirlo senza dover per forza avere tutte le risposte. Se non si crede, si è liberi di farlo e di comportarsi seguendo la propria coscienza. Non è una questione di biscottini, perchè anche tu fai quello che fai per un tornaconto. In tutti i casi si segue la propria coscienza: io spero che ci sia qualcosa dopo la vita, perchè solo così avrebbe senso viverla!

Sei tu che fai confusione assimilando il rifiuto di una teoria come il creazionismo, palesemente smentito dai fatti, con il rifiuto dell'esistenza di un dio creatore. Rifiutare il creazionismo non comporta rifiutare la possibilità dell'esistenza di un dio

Ma cosa stai dicendo? Quali fatti? Di quale religione parli? Come si fa ad accettare Dio, negando il creazionismo? Come si fa a scindere il Creatore dal suo creato?!

In ogni caso non è questo il punto: qui state divagando! Si parlava del poster dei creazionisti che negano l'evoluzionismo, mentre io non lo nego: semplicemente gli attribuisco la paternità a Dio!
Ma vedi te se devo esser ripreso su un'idea che fondamentalmente rispecchia la vostra, con la sola aggiunta di un fattore, insignificante per voi, mentre per me è essenziale...
Caro Paolo, perchè non apri un post dal titolo "2012, cerchi nel grano... Dio: tutte bufale!"

Leonardo Salvaggio ha detto...

Come si fa ad accettare Dio, negando il creazionismo?

Eeehhhh????? No, Juvix, davvero. Lascia perdere.

Te lo dice uno cattolico praticante che si è letto (quasi) tutta la Bibbia e che non crede al creazionismo.

Già che ci sei, leggi anche cosa ha detto Giovanni Paolo II del creazionismo. Scoprirai cose interessanti e che ti apriranno la mente.

Gwilbor ha detto...

@Jacopo

Capito, è solo che quel graffito (spettacolare) lo vedo spessissimo, è vicino a dove abito!

Juvix ha detto...

scusa ma non capisco, allora: cosa si intende con creazionismo? Cosa è stato detto da Giovanni Paolo II? Puoi esporlo con poche parole?

NB: interessante il treahd EPICO: tra un mese quando finirò di leggerlo di dirò la mia, Paolo

Leonardo Salvaggio ha detto...

Scoprilo tu stesso.

http://tinyurl.com/yjqsfcp

Comunque, il racconto della Genesi è una rappresentazione che serve a fare conoscere a uomini di 4mila anni fa il rapporto tra uomo e Dio. Venisse scritta oggi, si direbbe che Dio ha disegnato l'uomo con un programma di CAD.

Non è un testo scientifico e non ne ha nessuna velleità.

Il Thread epico per me è invalidato dalla presenza di un fake a cui è stato dato credito. Ciò che ha detto quella persona è falso e tutte le risposte che le sono state date ne sono condizionate.

Io, tra l'altro, ho dei dubbi anche sulla versione ufficiale del fake. Ma andrei OT.

Anonimo ha detto...

Per Juvix

Primo smettila di riprendere i miei presunti errori grammaticali o di ortografia: non sono questi il punto.

Presunti? "Conoscienza" c'è sul dizionario ora?
Ma sì, scriviamo tutti senza regole, tanto il punto non è quello. Poi diciamo pure che due più di è uguale a cinque, tanto la differenza è poca. E poi andiamo a scrivere nei forum che la teoria dell'evoluzionismo non ci convince, e subito non la seguirà più nessuno: se lo dice Juvix, uno che dell'ortografia se ne fa un baffo, deve essere vero per forza!

Non capisco l'atteggiamento di darmi "addosso": ho solo esposto la mia idea senza volerla imporre.
Un tuo commento precedente era: «Sai però le risate quando nell'aldilà si vedranno persone con la bocca spalancata dallo stupore?»
Per simili frasi di sfida sarcastiche utenti precedenti sono stati fatti a pezzettini. Ti è andata bene che ti "diano addosso" con civiltà e senso dell'umorismo....

Anonimo ha detto...

Rettifica: due più due è uguale...

Paolo Attivissimo ha detto...

Juvix,

smettila di riprendere i miei presunti errori grammaticali o di ortografia: non sono questi il punto.

Lo sono eccome. Sloppy writing, sloppy thinking.


Poi il bonus c'è sia per l'ateo che per il credente, se l'aldilà non c'è, visto che nessuno dei due avrà più un pensiero dopo

Ok, allora concordi che la strategia atea è vincente :-)

Solo che l'ateo "vince" di più, perché invece di spendere tempo in preghiere inutili e chiedersi perché Dio odia i molluschi o gli animali con l'unghia fessa o il prosciutto di Parma, si è adoperato per rendere migliore la vita dei suoi simili ed ha accettato più facilmente le sofferenze della vita perché non gli sono state mandate da un creatore in vena di tormentarlo.


. Se poi esiste Dio, la mia considerazione è che l'ateo rimmarrà sorpreso nel scoprirlo: la fase successiva è un'altra cosa e a ognuno il suo giudizio.

Sento il profumo di una ritirata precipitosa.


La cosa fondamentale che dici è che attribuisci a Dio l'aver provocato il terremoto ad Haiti: è una tipica considerazione che fanno gli atei per aver qualcosa da ridire ai credenti.

Certamente. Se Dio è onnisciente ed ha creato l'universo, sa benissimo che ad Haiti ci sarà un terremoto. L'ha creata lui la faglia.


Se si crede a Dio, bisogna credergli e seguirlo senza dover per forza avere tutte le risposte.

Il problema è che le religioni pensano di averle, tutte queste risposte. E ciascuna religione pensa che le proprie risposte siano quelle giuste. Piuttosto arrogante, non ti pare?


Non è una questione di biscottini, perchè anche tu fai quello che fai per un tornaconto

Quale?

io spero che ci sia qualcosa dopo la vita, perchè solo così avrebbe senso viverla!

E' tuo diritto sperare, per carità, ma non è detto che la vita abbia senso solo se esiste un aldilà.

Ma vedi te se devo esser ripreso su un'idea che fondamentalmente rispecchia la vostra, con la sola aggiunta di un fattore, insignificante per voi, mentre per me è essenziale...

Uhm, no, la tua idea non rispecchia la mia. Perché i teisti pretendono di venire a dire agli altri cosa fare e cosa studiare.


Caro Paolo, perchè non apri un post dal titolo "2012, cerchi nel grano... Dio: tutte bufale!"

Perché sarebbe offensivo. Verso i cerchi nel grano.

Turz ha detto...

@Juvix:
scusa ma non capisco, allora: cosa si intende con creazionismo?

Allora forse il punto è questo: qui non stiamo dicendo che Dio non ha creato le leggi della fisica e il Big Bang dandogli quella "spintarella" che ha fatto sì che poi da esso si sia formata la Terra e siano nate e si siano evolute tutte le specie vegetali e animali.

Che sia stato Dio a creare tutto questo (eventualmente con un sudo make universe) o il caso, è una questione di fede.

Stiamo solo contestando un tizio che dice che l'evoluzione sia una fesseria, cioè che l'uomo sia stato creato già sotto forma di uomo.
Stiamo solo dicendo che il fatto che l'uomo si sia evoluto dagli ominidi, e poi da altri primati, e così via fino ai batteri nel brodo primordiale è supportato da un'enormità di dati scientifici.

Se poi tutto questo è stato innescato da Dio, da Allah, da Drehrt o dal Flying Spaghetti Monster, o se invece è accaduto per pura fortuna (o perché l'universo è talmente grande che da qualche parte doveva pur accadere), per ora non si può dimostrare.

Turz ha detto...

@Paolo Attivissimo:
Mi serve appunto una mano a tradurre e pubblicare il materiale esistente.

Eccomi. Quante FAQ ti devo tradurre in cambio dell'intervista del Thread Epico? (Così soddisfi anche i dubbi di Hammer)

Paolo Attivissimo ha detto...

Quante FAQ ti devo tradurre in cambio dell'intervista del Thread Epico? (Così soddisfi anche i dubbi di Hammer)

Infinite :-)

Leonardo Salvaggio ha detto...

Turz,

non voglio deviare la discussione, ma un'intervista telefonica non fugherebbe i miei dubbi. Ne servirebbe una audio-video in cui la ragazza mostri la carta d'identità.

Del resto... pensiamoci bene. Ma quale professore chiede ai suoi studenti di commettere delle vere e proprie frodi (punibili per legge) per realizzare la tesi?

E ancora, quale compagnia telefonica assegna un contratto senza chiedere i documenti? Solo a me li chiedono quando compro una SIM?

Vado avanti? Qualcuno ha scoperto qual'era lo scopo della tesi? Io no, ma comunque sia per quale motivo le informazioni che ha sparpagliato per la rete sono contraddittorie e mutuamente esclusive?

Morena è un fake, non ci sono dubbi. Ma secondo me, nemmeno Alessia esiste.

E con questo chiudo l'OT di cui mi scuso con tutti i lettori e con il padrone di casa.

Leonardo Salvaggio ha detto...

PS per Turz

I miei dubbi non sono solo quelli sopra esposti, ma non posso scrivere qui gli altri perchè nascono da conversazioni private.

Turz ha detto...

Link corti alle pagine del Thread Creativo:
http://tinyurl.com/creazio
http://tinyurl.com/creazio2
http://tinyurl.com/creazio3

@Hammer:
Te lo dice uno cattolico praticante che si è letto (quasi) tutta la Bibbia e che non crede al creazionismo.

Perché dovrei dare credito a te che dici così e non a una che dice:
Lo dico da lesbica.
?

La mia risposta è: bisogna dare credito anche a cose dette dai fake, perché non si dà credito alla persona, ma ai fatti (e questo, lo so, è molto tedesco). Finché uno dice qualcosa di sensato, motivato e facilmente verificabile da altri, della sua identità nella vita reale mi importa fino a un certo punto.

Ad esempio, indipendentemente dal fatto che tu sia credente o mangiapreti, il link che hai postato rende verificabile come e in che misura un cattolico possa accettare l'evoluzione.

Verzasoft ha detto...

Juvix,
ma che cappero dici?

Io sono credente cristiano (non cattolico, cristiano per conto mio), eppur non mi sognerei mai di mettere in dubbio l'evoluzionismo!

Semplicemente la mia (personale, ricordiamolo) visione, è che è stato Dio a dare il via al Big Bang.

Niente sette giorni, niente costola di Adamo.

Turz ha detto...

Infinite :-)

Affare fatto, te le mando tutte quando gli sciachimisti avranno smesso di dire stronzate :-)

Turz ha detto...

@Verzasoft:
Semplicemente la mia (personale, ricordiamolo) visione, è che è stato Dio a dare il via al Big Bang.

E questo neppure i fedeli dell'Unicorno Petomane potranno contestartelo scientificamente.

Leonardo Salvaggio ha detto...

Turz,

Finché uno dice qualcosa di sensato, motivato e facilmente verificabile da altri, della sua identità nella vita reale mi importa fino a un certo punto.

Sono in totale disaccordo e sinceramente mi sembra che la tua osservazione sia anche contraria al comune buon senso.

Morena non si è limitata ad argomentare sui diritti dei gay. Ha finto emozioni, paure, pensieri e dolore che erano totalmente fasulli. I pensieri, le paure, le riflessioni di un gay le sa solo un gay. Se le scrive un fake le puoi buttare perchè non le prova davvero e non le conosce: le ha inventate.

Altrimenti tanto vale che invece che impegnare tempo e fatica a cercare i testimoni oculari dell'11/9 mi invento di sana pianta le testimonianze. Che differenza fa? E' la stessa cosa che ha fatto Morena.

Va bene tutto, ma accanirsi a voler salvare quello che ha detto Morena è davvero risibile.

Nessuno può prendere sul serio una posizione del genere.

Turz ha detto...

@Hammer:
Altrimenti tanto vale che invece che impegnare tempo e fatica a cercare i testimoni oculari dell'11/9 mi invento di sana pianta le testimonianze.

No, aspetta, non è la stessa cosa. L'11/9 è un fatto ben preciso e circostanziato, in cui alcune cose sono successe oppure non sono successe.
Puoi al massimo dire che è come se tu dicessi "io c'ero e ho visto l'aereo che si schiantava sulla torre" mentre invece è stato qualcun altro a dirti che c'era e che ha visto l'aereo che si schiantava sulla torre.

[Se questo piccolo OT rimane un OT tra me e te, ne parliamo in sede appropriata (per e-mail o sul Thread Epico stesso dove magari altri vorranno dire la loro).]

Juvix ha detto...

.. allora il problema sono i miei errori di battitura? Se lo fa Paolo o F7428476 tutto ok?

Chissà perchè Turz e altri hanno capito perfettamente il mio discorso, mentre Paolo no?
Un tornaconto potrebbe essere quello di accendere polemiche solo per accrescere a dismisura il proprio thread.

Tu Paolo mi etichetti come teista, sbattendomi sistematicamente la porta in faccia: fai quello che ti pare, ma ti facevo una mente più aperta.

Con Perché sarebbe offensivo. Verso i cerchi nel grano. hai detto tutto e dovrebbero capirlo anche gli altri tuoi lettori.

Juvix ha detto...

@Verzasoft
non mi sognerei mai di mettere in dubbio l'evoluzionismo!
Neanch'io! Sto dicendo proprio l'incontrario...

Turz ha detto...

@Juvix:
Chissà perchè Turz e altri hanno capito perfettamente il mio discorso, mentre Paolo no?

No, è solo che Turz ha tanta pazienza e "porge l'altra guancia", molti altri no. Non fargliene una colpa, prenditela col tuo Dio che li ha creati così insofferenti :-P

Anche perché hai iniziato tu a dimostrare di non aver capito, perché se è vero che accetti l'evoluzione non saresti dovuto partire per la tangente con certe contestazioni.

Poi c'è un'altra cosa: se scrivi correttamente, i lettori si possono concentrare più sul contenuto che sulla forma.

Paolo Attivissimo ha detto...

Juvix,

. allora il problema sono i miei errori di battitura? Se lo fa Paolo o F7428476 tutto ok?

Nota la differenza: noi correggiamo da soli i nostri errori, mentre a te li devono far notare; e i nostri sono errori di battitura, non grafie sbagliate scritte con la convinzione che siano giuste.


Un tornaconto potrebbe essere quello di accendere polemiche solo per accrescere a dismisura il proprio thread.

Cominciamo con le accuse, Juvix? Non so se te ne rendi conto, ma stai seguendo un copione ancora più cliché di quello di Avatar.

Secondo te io avrei da guadagnare dall'allungare "a dismisura" un thread? E come? Credi che si diventi ricchi con Adense? Credi che io abbia un godimento personale nel vedere i commenti che crescono?



Tu Paolo mi etichetti come teista, sbattendomi sistematicamente la porta in faccia: fai quello che ti pare, ma ti facevo una mente più aperta.

Complimenti: secondo e terzo atto del copione in un colpo solo. Atto I: L'Invenzione di Accuse Mai Fatte. Atto II: L'Accusa di Mente Chiusa all'Interlocutore.

Ma non è finita:

Con Perché sarebbe offensivo. Verso i cerchi nel grano. hai detto tutto e dovrebbero capirlo anche gli altri tuoi lettori.

Atto IV: La Totale Assenza di Senso dell'Umorismo.

In realtà, Juvix, sei offensivo verso la fede, quando la metti nello stesso paniere insieme ai cerchi nel grano.

martinobri ha detto...

non mi sognerei mai di mettere in dubbio l'evoluzionismo!
Neanch'io! Sto dicendo proprio l'incontrario...


No, invece. Creazionismo e evoluzionismo sono alternativi; o sostieni l'uno o sostieni l'altro.
Credere che Dio ha creato il mondo e poi esso è evoluto seguendo le sue leggi, senza miracoli, fino all'uomo, è possibile, perchè non si può dimostrare nè questo nè il contario. Ma questo non è il creazionismo. Il creazionismo presuppone, anche nella forma soft dell'ID, che Dio sia intervenuto ogni tanto direttamente (miracoli, ecc) per guidare l'evoluzione fino all'uomo. Capisci?
Scusa se sono franco, ma per me devi studiare un po' queste cose: si vede che ne sai poco.

Juvix ha detto...

@Paolo
ok, ti chiedo umilmente scusa.
Ho letto ciò che afferma Giovanni Paolo II dal link di Hammer ed evidentemente non so spiegarmi via internet: sto affermando che per me c'è un Creatore che ha dato via all'evoluzionismo. Se per te l'evoluzionismo è cosa a sè, ok.
Convieni con me, che sto solo dando una mia spiegazione a ciò che affermi tu, senza volertela imporre?
PS: he,he! (per la battuta)

Nodens ha detto...

puffolottiaccident ha commentato:

"Anyway, per quanto possa sembrarmi strano che piú si va indietro nel tempo piú i "miracoli" sono grandiosi, puó essere che questo Avicenna fosse fico quanto dice wikipedia...
E che io sia prevenuto a pensare che gli vengano attribuiti dei meriti che in realtá appartennero alla scuola alessandrina. (credo che abbia a che fare con un tizio che era soprannominato, per motivi che ignoro del tutto "il macedone")"

LOL
Ma perché senti il bisogno insopprimibile di sparare fesserie di questo calibro?
Solo perché era mussulmano in realtà non ha scoperto niente in vita sua dato che ha copiato tutto dai medici Greci (I quali non essendo mussulmani invece hanno fatto tutto quanto è stato loro attribuito ed anche di +)?
Che poi immagino Avicenna abbia anche ordinato la distruzione di tutte le prove che quello che lui aveva "Scoperto" in realtà erano banalità...
Molto spesso dici cose condivisibili ma poi senti il bisogno insopprimibile di rovinare tutto aggiungendoci queste ridicolaggini...

"Se anche cosí fosse... Gran sventura che siamo nel 2010 e stiamo parlando di Darwin, di Buzz Aldrin e compagnia bella, e di tizi che da questo Avicenna, reale o immaginario che sia, (Quando Don Rodrigo manda i bravados a dare un po´ di classe alla storia... non é piú ben chiaro cosa sia vero e cosa no) sembrano aver imparato ben poco."

Anche meglio. Forse non è neanche esistito! E se è esistito il suo contributo all'evoluzione della medicina è inesistente! Anche wiki, nominata prima, fa parte del complotto.
Beh, aggiungiamoci anche questi qui,
http://avicenna.ku.dk/ !


"La domanda é, Nodens: il fatto che Avicenna abbia pisciato il mio portoncino di casa, da a un Adnan Oktar il diritto di dire quale fosse la religione Albert Einstein?"

Ovviamente no. Solo secondo te ed Oktar le due cose sono collegate.

Nodens ha detto...

Parte II

"Il mio sospetto é che buona parte degli studiosi islamici fossero in realtá dei Dhimmi che poi le cronache hanno trasformato in pii e devoti musulmani. é un personale sospetto, costruito sulla logica: é possibile che la biografia di Avicenna sia stata contraffatta come quella di Abramo, Mosé, Gesú, Dante Alighieri, Leonardo Da Vinci, Cristoforo Colombo, Michey Mouse, l´Ape Maya, Albert Einstein..."

ROFTL
Per cui ora il complottone è totale. Se qualcuno da quel lato ha fatto qualcosa, perché tu be sai che l'elenco è piuttosto lungo, in realtà non era mussulmano. Le due cose si annullano a vicenda, non può succedere neanche per sbaglio che, nell'arco di un millennio, nasca da quelle parti una persona intelligente, l'islam la reprimerebbe subito!
Non c'è neanche bisogno di entrare nei particolari per sbufalare questa cosa. Solo una curiosità. Questo vale solo per l'islam o riguarda le religioni in generale? Niente dubbi su Galileo?

"O al contrario: se le biografie dei personaggi che ho nominato sono state contraffatte nel mondo islamico... c´é qualche motivo per assicurare che lo stesso processo non sia avvenuto per quella di Avicenna?"

Sarà che abbiamo i suoi scritti...
immagino che siano degli abili falsi che solo tu, tra tutti gli studiosi, sei riuscito a sgamare...

"Ripeto, puó essere che in qualche caso non sia andata cosí, ma la seconda cosa che mi fa pensare diversamente é il back end: se hanno i libri di Avicenna a disposizione, perché non li usano?? l´unica risposta che mi viene in mente é che non li hanno a disposizione."

ed è una fesseria.
Prima della standardizzazione di certe pratiche in epoca moderna non è che i manuali di medicina si trovassero agli angoli delle strade...

"Gratta gratta, l´unica invenzione prodotta da studiosi sicuramente islamici in ambito islamico, sono le sigarette, di cui sono un ghiotto consumatore."

Così hai creato una bella teoria complottistica auto generante. Qualunque studioso o cosa buona ti possano essere nominato potrai sempre rispondere che, segretamente, non erano islamici, e se di questo non vi è traccia nelle fonti è colpa dell'onnipresente censura islamica.
Sai qual'è il punto debole di questa tua teoria, che, anche se fosse tutto vero, e non lo è, sarebbe cmq ininfluente.
Quando si studia un po' di storia della cultura si inciampa in termini come "Illuminismo scozzese" od "Idealismo Tedesco". Per quanto come definizioni lasciano il tempo che trovano servono ad illuminare un fatto. Ci sono periodi in cui una società diventa terreno fertile per uno o + campi scientifici.
I motivi possono essere vari e poco importano per il discorso, quello che conta è che vi è un movimento collettivo. Ora se si vanno a spulciare le biografie dei vari studiosi si può scoprire che spesso e volentieri essi potevano avere anche lontane origini. Questo però era ed è irrilevante, essi sono cmq rappresentativi di quella società e di quel movimento.
Dante Gabriele Rossetti, capofila del movimento preraffaelita era Italiano, figlio di esuli, ma nessuno si sognerebbe mai di espiantarlo dal contesto britannico per trapiantarlo in un improbabile movimento Italiano composto solo da lui.

"E te ne do uno vero (almeno spero, che non sia una cazzata tipo Galileo maomettano, diciamo uno su cui non ci sono dubbi ragionevoli):
Rodrigo de Triana.. é il tizio che ha strillato "terra!" a ragion veduta nella spedizione del 1492 di Cristoforo Colombo"

LOL, è come fai a dire che non ci sono dubbi? Potrebbe essere l'ennesimo tentativo dei mussulmani di prendersi meriti non loro;P
Cmq, per piacere, smettila di scrivere queste fesserie, xche sai che si tratta di fesserie. Lo so che questo blog è frequentato in prevalenza da persone con preparazione scientifica xcui puoi spararne di grosse senza essere preso in castagna ma questa non è una scusa per farlo sistematicamente.

Turz ha detto...

Secondo te io avrei da guadagnare dall'allungare "a dismisura" un thread? E come? Credi che si diventi ricchi con Adense? Credi che io abbia un godimento personale nel vedere i commenti che crescono?

Anzi, secondo me Paolo guarda con obbrobrio il Thread Epico che cresce in modo incontrollabile con fake, poeti improvvisati e barzellette.
È da un paio di mesi che gli unici suoi interventi nel thread si hanno solo negli immediati istanti seguenti alla comparsa della keyword "focaccia".

Nodens ha detto...

Epsilon ha commentato:

"Va beh che quando posto io nessuno mi defeca ma vorrei ricordarvi il mio commento #85...
:P"

Defeca? O_o
Cmq tanto di cappello. Io leggo in ordine cronologico e commento mano, mano (Che se no mi confondo), per cui non avevo letto il tuo post quando ho postato il mio.

Paolo Attivissimo ha detto...

Convieni con me, che sto solo dando una mia spiegazione a ciò che affermi tu, senza volertela imporre?

Ora sì.

Nodens ha detto...

puffolottiaccident ha commentato:

"Il dio dei musulmani non é il dio dei cristiani o quello degli ebrei, dire questo equivale a dire che gli ebrei ed i cristiani devono sottostare al dominio islamico in quanto i loro libri hanno perso di validitá."

Noi si preferisce la versione "Siamo tutti figli dello stesso Dio quindi vogliamoci bene.
Inutile attaccare il concetto di base, abbiamo tutti lo stesso Dio, quando non viene presentata l'addenda malvagia. Così si esacerbano solo gli animi e non si arriva a niente.

Turz ha detto...

@Nodens:
Cmq, per piacere, smettila di scrivere queste fesserie, xche sai che si tratta di fesserie. Lo so che questo blog è frequentato in prevalenza da persone con preparazione scientifica xcui puoi spararne di grosse senza essere preso in castagna ma questa non è una scusa per farlo sistematicamente.

Ribadisco l'esigenza collettiva di un Servizio Sntibufala storico.

@puffolottiaccident:
Riprendo la citazione di motogio che a sua volta ti parafrasa:
"Che palle con 'sto Islam, [...]
Cioè, sembra quasi che abbia un qualsiasi tipo di influenza sulla tua vita."

Nodens ha detto...

"conosciamo appena il 10% delle funzioni del cervello... "

Io questa l'ho sentita in Ken il guerriero. ;P

Turz ha detto...

@Nodens:
Defeca? O_o

Devo tradurti l'eufemismo dall'Epsilese o ci arrivi da solo?

SirEdward ha detto...

@Juvix


qua ti voglio! Primo smettila di riprendere i miei presunti errori grammaticali o di ortografia


Presunti?!? Ohibò...

Faccio mie le considerazioni di Turz. Agli errori grammaticali si passa sopra, se l'interlocutore dimostra onestà e intelligenza. Se invece comincia a fare cose strane, come l'editing dei commenti altrui, allora certe cose urlano per essere notate. Molti, poi, semplicemente hanno meno pazienza.


La cosa fondamentale che dici è che attribuisci a Dio l'aver provocato il terremoto ad Haiti: è una tipica considerazione che fanno gli atei per aver qualcosa da ridire ai credenti.


La questione della presenza nel male del mondo è un tema centrale degli studi teologici, per lo meno quelli cristiani. E' un problema che esiste davvero, non è solo un vezzo dei non credenti.

Non accusare gli altri di colpe che non sono loro.


Se si crede a Dio, bisogna credergli e seguirlo senza dover per forza avere tutte le risposte.


Sarebbe però il caso di riconoscerlo, e di non voler per forza dare una risposta a tutto quanto, se la risposta non la si ha. A volte si potrebbe persino scoprire che le risposte sono diverse da quelle che ci si aspettava.


Sei tu che fai confusione assimilando il rifiuto di una teoria come il creazionismo, palesemente smentito dai fatti, con il rifiuto dell'esistenza di un dio creatore. Rifiutare il creazionismo non comporta rifiutare la possibilità dell'esistenza di un dio

Ma cosa stai dicendo? Quali fatti? Di quale religione parli? Come si fa ad accettare Dio, negando il creazionismo? Come si fa a scindere il Creatore dal suo creato?!


Per favore, non ti scaldare. Lo vedi che quando le risposte ti vengono date, sei tu a non volerle ascoltare?

Quelle parole che ho scritto erano riferite a questa tua frase:

e allora perchè negare l'esistenza di un Creatore: sei a conoscienza di qualche fatto a noi sconosciuto?

Ti ho detto che qui molta gente nega il creazionismo pur sostenendo la presenza di Dio e nessuno si è mai sognato di dire che Dio non esiste semplicemente perché il creazionismo è una baggianata. Tu questo non lo hai capito, quindi fai confusione. Te l'ho solo fatto notare.

Quanto al creazionismo, visto che scrivi:

cosa si intende con creazionismo?

si definisce "creazionismo" il movimento a sostegno dell'idea che l'intero universo, e in particolare gli esseri umani, non si sia mai evoluto, ma sia stato creato già pronto e confezionato dalla mano di Dio, così come narrato nella Bibbia. Il creazionismo è per sua natura in completa antitesi alle teorie evoluzionistiche.

natuarlmente, è possibilissimo negare il creazionismo senza negare Dio.


In ogni caso non è questo il punto: qui state divagando! Si parlava del poster dei creazionisti che negano l'evoluzionismo, mentre io non lo nego: semplicemente gli attribuisco la paternità a Dio!


Se è questa la tua posizione, allora ristudiati i termini, perché stai facendo confusione e attribuendo agli altri cose che non hanno mai detto.

Nodens ha detto...

"Il Thread epico per me è invalidato dalla presenza di un fake a cui è stato dato credito. Ciò che ha detto quella persona è falso e tutte le risposte che le sono state date ne sono condizionate.

Io, tra l'altro, ho dei dubbi anche sulla versione ufficiale del fake. Ma andrei OT."

Potresti parlarne sul Thread Epico stesso. :)

Turz ha detto...

@Nodens:
Potresti parlarne sul Thread Epico stesso. :)

L'ho già proposto nel commento #264, ma forse non ci sei ancora arrivato con la lettura.

Nodens ha detto...

Hammer ha commentato:

"Morena non si è limitata ad argomentare sui diritti dei gay. Ha finto emozioni, paure, pensieri e dolore che erano totalmente fasulli. I pensieri, le paure, le riflessioni di un gay le sa solo un gay. Se le scrive un fake le puoi buttare perchè non le prova davvero e non le conosce: le ha inventate."

Lasciando da parte per un'attimo il discorso sui fake, ma secondo te allora uno scrittore non può scrivere di nulla che non abbia già sperimentato? O se ne scrive l'output sarà cmq viziato in qualche modo?
Sean Penn, eterosessuale, ha vinto l'oscar per la sua interpretazione di Milk, il primo politico apertamente omosessuale. Tutti quelli che conoscevano Milk hanno definito la sua interpretazione camaleontica. Questo secondo te non è possibile?

Nodens ha detto...

Turz ha commentato:

"L'ho già proposto nel commento #264, ma forse non ci sei ancora arrivato con la lettura."

Ci hai preso in pieno.

Leonardo Salvaggio ha detto...

Nodens,

ma secondo te allora uno scrittore non può scrivere di nulla che non abbia già sperimentato? O se ne scrive l'output sarà cmq viziato in qualche modo?

Il paragone è assurdo. Quando leggi un romanzo sai che ciò che leggi è finto. O credi davvero che sia possibile congelare un cadavere con il condizionatore da ufficio come in Angeli e Demoni?

Ovvio che il risultato sarà viziato, per quanto bene possa documentarsi la produzione sarà comunque fantastica e slegata dalla realtà.

Hai mai notato che i film sportivi non hanno nessun realismo? Chiediti perchè.

Scusate, ma questo accanirsi a difendere Morena mi pare davvero eccessivo.

Turz ha detto...

@Hammer:
Il paragone è assurdo. Quando leggi un romanzo sai che ciò che leggi è finto.

Bene, allora rileggiti il Thread Epico sapendo che (parte di) ciò che leggi è finto (comprese le tue peggiori supposizioni sulla vera identità di Diego).

Converrai con noi che non è proprio tutto da buttare.

Leonardo Salvaggio ha detto...

Turz, Nodens,

sinceramente credo di aver già abusato della pazienza di Paolo con questo OT. Quindi lo chiudo qui.

Se volete proseguire la chiacchierata contattatemi pure all'indirizzo email che trovate sul mio profilo di blogger.

Elena ``of Valhalla'' ha detto...

@Juvix

Il senso del mio discorso è che per me la scienza cerca (e alle volte ci riesce) di spiegare ciò che Qualcuno ha progettato.

No, la scienza cerca (o dovrebbe cercare) di descrivere cio` che esiste e come funziona, indipendentemente dalle sue "cause e fini ultimi" sui quali non si possono fare osservazioni e che quindi sono campo della religione e della metafisica

Un esempio terra terra: a casa di mio padre tutti i giorni ad una certa ora appare un arcobaleno su una parete: perche'?

La risposta della scienza e` che a quell'ora l'inclinazione del sole e` tale per cui la luce entra dalla finestra e si riflette su un cd con angolazioni leggermente diverse a seconda della lungezza d'onda scomponendosi eccetera eccetera.

La risposta "metafisica" e` che mio padre ha messo un cd nel punto opportuno perche' gli piaceva vedere l'arcobaleno.

Sono entrambe affermazioni vere, ma sono risposte a domande ben diverse, e fare confusione tra le due porta ad affermazioni assurde.

@Turz

Che sia stato Dio a creare tutto questo (eventualmente con un sudo make universe) o il caso, è una questione di fede.

Attenzione a fare di queste affermazioni: alcune religioni potrebbero dire che si e` trattato di su -c make universe :)

@Paolo Attivissimo

Dovresti dare un'occhiata al famoso Thread Epico (link qui accanto)

Ti rendi conto di cosa stai chiedendo? io ci ho messo un paio di mesi (salutariamente) e perso alcune notti di sonno per leggerlo tutto :)

@blogger
E adesso ci si mette pure bX-am9tjv, cos'e` un complotto???

Anonimo ha detto...

@juvix
Ho paura che tu ti sia un po' infilato in un vicolo cieco ...
Ma torniamo a noi e al dio pigro. La cosmologia della bibbia (lasciamo per il momento fuori tutti gli altri episodi dei testamenti) fino a tre di secoli fa era considerata VERA. Solo dopo Darwin e William Smith (fondatore della moderna geologia) si è cominiciato a capire che davvero questo non poteva essere tukur sostenuto.
Allora si è reso necessario dare un significato simbolico alla cosmologia biblica e a spostare indietro l'intervento divino.
In base a differenti sensibilità l'intervento divino è stato spostato indietro, man mano che prima la geologia e biologia, poi la fisica spostavavno indietro la lancetta dello spiegabile.
Sia chiaro, non è che tutto possa essere spiegato, per cui si può sempre infilare l'intervento divino da qualche parte l'intervento divino per spiegare quello che al momento è un mistero (la formazione del primo rna ad esempio) rendendo Dio un po' meno pigro, facendolo lavorare un po'. Il rischio però è che poi salti fuori domani una qualche prova scinetifica che spieghi l'interrogativo e sposti la lancetta dell'intervento divino indietro. Anche datarla al big bang è pericoloso; chissà cosa potrebbe essere scoperto domani ?
Resta allora la possibilità di un dio pigro, o forse di un dio inteso alla Einstein come l'insieme delle regole e della magnificenza della natura, un dio totalmente metafisico, astratto. Che è la medesima bellezza che assapora anche un ateo osservando la natura e le sue leggi.

puffolottiaccident ha detto...

@Nodens
Se si esacerbano gli animi non si arriva a niente?

Falso 2 volte, si arriva a scuole in cui ai bambini viene insegnato il creazionismo...

Comunque la tua non é la scelta di non esacerbare gli animi, la tua é la scelta di esacerbare gli animi di chi ha autocontrollo e non esacerbare gli animi di chi potrebbe costituire una minaccia per questo motivo.
Esacerbiamo pure l´animo di chi vive ogni giorno col terrore di essere squartato senza una ragione apparente.
Tanto la loro voce non arriva fino a qua, neanche dovrebbero perdere tempo ad avvisarci, quelle caricature di vite umane.
E i loro aguzzini son tipi pericolosi, meglio non esacerbarli, vedi mai che poi si incazzino perché non seguiamo i loro precetti man mano che li indicano.

Bravo, un tipo coraggioso.

@Turz
Comunque avete ragione, a farlo notare. A me personalmente non cambia assolutamente niente, e non dovrei interessarmene ulteriormente.

Juvix ha detto...

@dani1967
Io invece ho paura di continuare a scrivere: ho già molte ossa rotte, senza aver capito bene il perchè...

Considerare Dio completamente metafisico non mi pare sia lontano dal pensiero cristiano: escludendo la "parentesi" di Gesù, non si può assimilare Dio a nessuna cosa concreta sulla terra. La scienza spiega la leggi della natura, Dio quelle dell'anima.
La scienza dice che un un ovulo fecondato farà nascere un uomo, e che a questo risultato si è arrivati dopo milioni di anni di perfezionamenti.
Dio ci ha dato la volontà di porci le domande, l'intelligenza per scoprire le riposte, un'anima da accudire amorevolmente all'interno di un corpo modellato dalla natura.
Se questa azione "astratta" Dio l'ha compiuta prima o dopo il BigBang, una volta per tutte o alla nascita di ogni uomo, poco importa e non mi pare che contraddica nessuna legge fisica, né può essere smentita da nessuno.
Ennesimo chiarimento: che con creazionismo io intendessi il fatto che esiste un Creatore e non che Eva fosse nata da una costola di Adamo, lo davo per scontato che si capisse.
Cerchiamo di andare oltre questo punto sfoggiando tutta la nostra evoluzione così faticosamente conquistata!

Domenico_T ha detto...

(premetto che devo leggere ancora i commenti susseguenti quindi magari se n'è già parlato)

Juvix,
La cosa fondamentale che dici è che attribuisci a Dio l'aver provocato il terremoto ad Haiti: è una tipica considerazione che fanno gli atei per aver qualcosa da ridire ai credenti.

No, sono i credenti stesso a dirlo. Lo speaker di Radio Maria (che non credo sia ateo) disse che eravamo sciocchi a credere che lo tsunami in Asia fosse naturale. Era chiaramente un segno divino.

Stessa cosa per il terremoto in Abruzzo. Anzi, il fatto di essere capitato nel periodo pasquale, era un modo in cui dio voleva farci partecipare alla sua Passione. Insomma dovremo essergli anche grati di tale onore.

Per la serie "affrettatevi che c'è ancora posto sotto le macerie".

Domenico_T ha detto...

In tutti i casi si segue la propria coscienza: io spero che ci sia qualcosa dopo la vita, perchè solo così avrebbe senso viverla!

Trovo questa frase tremendamente triste, perdonami.

Ci sono diversi motivi che rendono la vita degna di essere vissuta QUI e ORA.

Juvix ha detto...

@Domenico_T
Crak! Un altro osso che si rompe...
Cosa vuoi che ti dica? Stai parlando con me o con lo speaker di radio Maria? Se non ti va quello che ha detto, vai a domandare i danni a loro!
Io dico che Dio a scoccato la scintilla, poi le cose e persone seguono le leggi della natura. Una faglia si muove, una guerra si scatena, un bambino nasce, un uomo muore.
Se così non fosse la terra sarebbe perfetta e l'uomo immortale: sai che roba stare qua in eterno a riempire di commenti il thread di Paolo?!?!?

Juvix ha detto...

Ci sono diversi motivi che rendono la vita degna di essere vissuta QUI e ORA

Mai detto nulla di diverso: non modificare il senso delle mie parole, per favore.

Anonimo ha detto...

Io dico che Dio a scoccato la scintilla, poi le cose e persone seguono le leggi della natura. Una faglia si muove, una guerra si scatena, un bambino nasce, un uomo muore.

E due!!!
Certo che oltre alle ossa rotte, ti vuoi anche coprire di ridicolo con uno 0 in italiano
(o magari è presunto anche questo errore di ortografia...).

Jacopo ha detto...

In effetti il popolare predicatore televisivo americano Pat Robertson ha collegato il terremoto di Haiti ed un patto con il diavolo:

http://www.youtube.com/watch?v=gA7BKC3BtvI


Poi, travolto dalle critiche, sul suo sito ha ritrattato dicendo che parlava di questo patto con il diavolo solo incidentalmente, senza dire che fosse la causa del terremoto.

Turz ha detto...

F7428476 a commentato:
E due!!!
Certo che oltre alle ossa rotte, ti vuoi anche coprire di ridicolo con uno 0 in italiano
(o magari è presunto anche questo errore di ortografia...).


Ma no, poverino, non ne a colpa, a solo dimenticato di scrivere l'acca, ma lo sa benissimo che ha scuola si impara ha scriverla dove a senso e ha non scriverla dove non a senso.

Verzasoft ha detto...

Perchè il thread è finito fuori dall'home page?? Gombloddo!!!

Turz ha detto...

@Verzasoft:
Ecco perché ho fatto il link sostitutivo:
tinyurl.com/creazio2
tinyurl.com/creazio3

Turz ha detto...

Poi francamente la notizia della patch di Internet Exploder mi sembra abbastanza importante da far passare in secondo piano un thread dove si discute di metafisica.

Juvix ha detto...

Siete stufosi! Se ci fosse la funzione per correggere il testo, la userei, ma mi pare assurdo inserire nuovi commenti con le correzzioni o solo per il gusto di farmelo notare come fate voi.
Difficile che un lettore non capisca che è uno sbaglio di battitura: sicuramente si fa l'idea che chi lo fa notare, sia un saputello irritante.
PS: sbaglio di battitura può essere anche avere una tastiera vecchia con tasti malfunzionanti: ridicolo sarai tu!

papageno ha detto...

A proposito della FAQ sul creazionismo, posso offrire il mio aiuto in questioni di fisica.

NiNaRods ha detto...

Purtroppo ho visto anch'io questi poster in giro per Lugano e sulla "tirata" di Magadino ma non mi hanno fatto ridere affatto :-(

Gia molte persone che conosco guardano programmi "scientifici" come Voyager e Mistero credendo a ogni parola che viene detta, adesso con questi poster prevedo che molte saranno le persone che prenderanno come oro colato tutte le cose contenute nel sito.

Avevo sentito che il creazionismo ha un suo seguito (nemmeno troppo Underground) in america dove per loro natura sono estremamente creduloni ma non pensavo avrebbe sbarcato anche da noi, e pensavo che chi si prende il guadagno di affiggere i cartelloni pubblicitari dovesse rispettare delle regole di "buonsenso)....

Roberto

Domenico_T ha detto...

Juvix,
Cosa vuoi che ti dica? Stai parlando con me o con lo speaker di radio Maria? Se non ti va quello che ha detto, vai a domandare i danni a loro!

Parlo con te perché tu hai detto "La cosa fondamentale che dici è che attribuisci a Dio l'aver provocato il terremoto ad Haiti: è una tipica considerazione che fanno gli atei per aver qualcosa da ridire ai credenti."
Come ti ho dimostrato non è vero, sono i credenti stesso a dirlo e non mi pare sia QUALCOSA bensì un aspetto fondamentale. Perché se dio è questo allora tutto il discorso sul dio buono ed infinitamente misericordioso va a farsi benedire.

Riguardo il senso della vita.
Io: Ci sono diversi motivi che rendono la vita degna di essere vissuta QUI e ORA

Tu: Mai detto nulla di diverso: non modificare il senso delle mie parole, per favore.


Tu hai detto "io spero che ci sia qualcosa dopo la vita, perchè solo così avrebbe senso viverla! da cui si capisce che se c'è qualcosa dopo la morta, allora ha senso viverla, sennò non lo tiene. Dov'è che avrei modificato?

Vittorio ha detto...

@Juvix:
Siete stufosi! Se ci fosse la funzione per correggere il testo, la userei, ma mi pare assurdo inserire nuovi commenti con le correzzioni o solo per il gusto di farmelo notare come fate voi.

Una te la faccio notare anch'io, in quanto quella doppia "z" è pari a un pugno in un occhio. E ti dico anche che oltre alla rilettura (o ti fa fatica?) c'è il tasto "Anteprima" che permette la pre-visualizzazione di ciò che posti. Forse sarebbe il caso che lo usi...

Ah, P.S.: io credo in Dio, ma credo anche nell'evoluzionismo, perchè le due cose non sono in contrasto...

Turz ha detto...

Ma no, è chiaro che l'ha fatto (anzi l'a fatto) apposta a sbagliare proprio la parola "correzioni".

È un ossimoro ostensivo ironico, forse anche un po' anastrofico. O no?

Juvix ha detto...

@Domenico_T
La vita è bellissima! Io amo la vita, sono estasiato dalla natura, aiuto il prossimo, mi diverto, sono affascinato dalla scienza e dalla tecnologia: tutto questo lo faccio qui e ora a prescindere, ma spero che ci sia l'aldilà da poter apprezzare tutte queste cose all'ennesima potenza, senza pensare a biscottini vari.

@Vittorio
Continui a notare il dettaglio (ortografia) senza capire il senso dei miei discorsi: sarà la quarta volta che specifico che sono per l'evoluzionismo... tu invece mi sembri tanto un fossile capace solo di riprendere.

L'evoluzionismo è basato sulla selezione naturale, sul progresso (per quanto riguarda l'uomo moderno) delle sue conosciiienze. Nuove idee modellano quelle esistenti e le migliorano.
E spesso non sono geni quelli che hanno le migliori idee, ma persone umili che vanno oltre certi preconcetti e usano la testa più per pensare, che stare attenti all'ortogggrafia!

Sinceramente speravo che questa discussione avesse questo fine, potesse allargare gli orrizzonti al discorso. Parlate tanto di FAQ, ma a quale scopo? Per arrocarvi sempre di più nelle vostre posizioni stagnanti? State forzando la selezione naturale, eliminando arbitrariamente ciò che non vi comoda!

Un cordiale saluto a Paolo e a tutti quelli che hanno dedicato attenzione alle miei parole, sbagliattte o corrette che siano state.

Io mi evolvo, e voi?

Turz ha detto...

@Juvix:
ma spero che ci sia l'aldilà da poter apprezzare tutte queste cose all'ennesima potenza, senza pensare a biscottini vari.

Vedi, io invece preferisco apprezzare i biscottini vari nell'aldiquà. Ma rispetto il tuo punto di vista.

Sinceramente speravo che questa discussione avesse questo fine, potesse allargare gli orrizzonti al discorso.

Per molti ha questo fine, quindi non te ne andare facendo di tutta l'erba un fascio.

Anche perché con una serie di interventi educati e razionali (come gli ultimi, a parte alcuni insulti a Paolo, Vittorio e F74ecc. che potevi risparmiarti) potrai recuperare la brutta impressione che purtroppo hai "creato" con i tuoi primi 3 commenti, che purtroppo assomigliavano troppo ai tipici interventi di persone rimaste un po' indietro nella scala evolutiva.

martinobri ha detto...

che con creazionismo io intendessi il fatto che esiste un Creatore e non che Eva fosse nata da una costola di Adamo, lo davo per scontato che si capisse.

L'equivoco è nato da qui, perchè invece il termine "creazionismo" nella scienza ha un significato ben preciso e ben diverso.
Direi che ci siamo capiti e che possiamo chiudere la polemica.

martinobri ha detto...

Sul sito di Yahya ci sono cosegodibili, specie quando attacca il Papa perchè approva l'evoluzione.
In mezzo a cose tipo "LA FINE DELLA DITTATURA DARWINISTA: LA SECONDA VENUTA DI GESÙ (PBSL) SI APPROSSIMA" c'è anche una serrie di domande che i cristiani devoti dovrebbero porre al Papa, che consiglio: http://tinyurl.com/yf3w98q

Turz ha detto...

@martinobri:
Mi sa che questo tizio è un po' come l'esimio Filippo Bellissima.

Epsilon ha detto...

In merito ai fake del thread epico:
e se Morena fosse vera ed Alessia un suo fake?!?
:-)
E se Alessia fosse omosessuale?!?
:-)
En passant, penso che sia vero che ciò che Morena ha sostenuto, riguardo al mondo gay, perda (molto ma non forse totalmente) di significato; a mio parere però bisognerebbe stare attenti anche all'opposto ovvero non ritenere che "siccome l'ha detto un omosessuale" abbia una valenza particolare; le opinioni sono personali per definizione ed in quanto tali opinabili

Epsilon ha detto...

Varie ed eventuali

"epsilese"?!? Grazie, sono commosso visto che il precedente illustre era il puffolottese :-)

In merito agli errori di stOmpa...
1) ritengo che non inficino un ragionamento sottostante; quando ero a militare (alpino da ufficio) un mio superiore, tra l'altro veramente in gamba, era convinto che si scrivesse "MoNzambico"; la cosa però non mi ha fatto muovere di una piegolina di plissè la mia considerazione per lui
2) càpitano (è corretto l'accento grave? Vorrei mai...); a volte si posta in fretta e oltre agli errori a ciò dovuto non si ha neanche il tempo di rileggere; a me capita a volte di commentare al buio e lì hai voglia!
2b) se capitano troppo spesso magari è il caso di farli notare con leggerezza e simpatia almeno le prime volte; da una persona subito derisa non si possono aspettare gratitudine ed onori al correttore (che apparirebbe più "bozzoso" che "di bozze")

Comunque: possibile che io che non mi reputo certo una pietra (questo è puffolottese puro, però è facile arrivarci, chi ha indovinato?) ho capito benissimo fin dal principio ciò che Juvix intendesse dire anche se non cristallinamente espresso? A me sembra che talvolta vi sia un po' di fraintendimento voluto; un po' come quando si raccontava che gli inglesi facessero finta di non capire quando uno straniero si rivolgeva loro esprimendosi con un accento non esattamente da guado di bue (questa è ancora più semplice)

@ Paolo:
ricordandoti la mia agnosticità, devo però ammettere che nemmeno a me è piaciuta la tua uscita "Perché sarebbe offensivo. Verso i cerchi nel grano" nè tantomeno la tua (mezza) spiegazione riguardo "La Totale Assenza di Senso dell'Umorismo" per due motivi:
1) ne hai fatto una colpa all'interlocutore; avresti potuto scrivere "era in senso umoristico"
2) mi sembra che tutti qui, compreso tu, abbiano sempre indicato con varie "faccine" l'intenzione umoristica di una frase quando essa poteva essere eventualmente compresa in altri modi; esempio pratico: se Zret (perchè proprio lui? Sempre puffolottese ma questa volta mi sa che è iperdifficile) si rivolgesse sempre a me su questo sito scrivendo "Epsilon: sei un cretino" e tu in un ipotetico post replicando ad una mia affermazione terminassi con "d'altra parte... Epsilon: sei un cretino ;-)" sarebbe molto diverso da terminare dicendo ""d'altra parte... Epsilon: sei un cretino"

*in realtà scrivo talmente poco che Zret non sa nemmeno che io esista... però non è bello non essere considerati manco da Zret :-( :-)

SirEdward ha detto...

Per quanto riguarda gli errori, condivido quello che scrive Epsilon, con un distinguo:

Evitare di far notare gli errori di ortografia o grammatica (entro certi limiti) è qualcosa che si fa per educazione, motivata da tolleranza e rispetto verso l'interlocutore e interesse verso le sue parole.

Quando l'interlocutore agisce in modo da rendere inutile queste cortesie che gli vengono usate, risale a galla la segnalazione degli errori; a quel punto è solo una questione di magnanimità da parte di chi li nota e decide se farli notare.

Juvix, per sua sfortuna, non solo non è un gran scrittore (e va bene, nessuno è perfetto), non solo fa confusione con le parole (chi non lo fa?), non solo ha qualche problema irrisolto di relazione tramite testo scritto (chi non ha mai avuto questo problema è invitato a scagliare la prima, biblica, pietra), ma cade anche in comportamenti parecchio indisponenti, come le frasi modificate, i toni eccessivi, la negazione delle proprie parole, l'attribuzione totalmente arbitraria di colpe (sempre agli altri, anche le sue) e meriti (sempre suoi).

Poi oh, è vero che Paolo ha la pazienza corta e la lingua tagliente, ma, insomma, nessuno è perfetto.

Per fotuna ora sappiamo cosa Juvix intendesse dire con le sue frasi, però non si può tacere che se lo sappiamo il merito è poco di Juvix e molto degli altri.

martinobri ha detto...

Mi sa che questo tizio è un po' come l'esimio Filippo Bellissima.

Ghingoso.

Secondo me però Yahya non è affatto stupido.

Turz ha detto...

@Epsilon:
un mio superiore, tra l'altro veramente in gamba, era convinto che si scrivesse "MoNzambico";

Che l'è, il quartiere africano di Monza? Cribbio!

non mi reputo certo una pietra (questo è puffolottese puro, però è facile arrivarci, chi ha indovinato?)

Cioè ti evolvi?

un accento non esattamente da guado di bue (questa è ancora più semplice)

Questa è facile, direbbero i rivali del ponte a camme.

Turz ha detto...

Ghingoso.

Ovverossia? (E in che lingua?)

Epsilon ha detto...

@ Turz

"Cioè ti evolvi?"
Mancato... dai che è veramente facile

"ponte a camme"
LOL Preso (parlando però seriamente significa "Ponte sul Cam" che è il nome del fiume adiacente)

... e Zret?!? Questa sì che è veramente difficile!

Anonimo ha detto...

Per Epsilon

In merito agli errori di stOmpa...
1) ritengo che non inficino un ragionamento sottostante; quando ero a militare (alpino da ufficio) un mio superiore, tra l'altro veramente in gamba, era convinto che si scrivesse "MoNzambico"; la cosa però non mi ha fatto muovere di una piegolina di plissè la mia considerazione per lui

Il personale militare in generale e l'Arma dei Carabinieri in particolare non sono proprio rinomati per il loro grado di acculturazione. Da dove credi abbiano origine le barzellette? :-) Nessuno nega che si possa essere in gamba anche con studi da scuola dell'obbligo disastrosi, e d'altronde per fare il comandante degli alpini il requisito di una solida preparazione in italiano scritto non è richiesto.

2) càpitano (è corretto l'accento grave? Vorrei mai...); a volte si posta in fretta e oltre agli errori a ciò dovuto non si ha neanche il tempo di rileggere; a me capita a volte di commentare al buio e lì hai voglia!
E qui sta il nòcciolo della questione. Commentare in un forum è un passatempo, è un atto di cortesia, è un contributo all'informazione completa. Non è, e non deve essere, un obbligo. Se io ho 40° di febbre, o la notte prima ho dormito tre ore scarse e sono stanchissimo, o sono appena tornato a casa da un'operazione in anestesia totale, sul forum non vado a scrivere nemmeno per sogno: so in partenza che scriverò da cani ed esprimerò concetti da mentecatto.
Quindi, consiglio per tutti: se la luce nella vostra camera è spenta, fate altro sul web: scrivete commenti sul vostro profilo feisbuc oppure mandateli ai vostri amici; preparate la lista della spesa; buttate giù un abbozzo di una canzone per Sanremo. Nel momento preciso in cui un commento è pubblicato, automaticamente è esposto al giudizio del pubblico; e fra il pubblico, si sa, di maestrine dalla penna rossa ce ne sono, e nemmeno poche!

2b) se capitano troppo spesso magari è il caso di farli notare con leggerezza e simpatia almeno le prime volte; da una persona subito derisa non si possono aspettare gratitudine ed onori al correttore (che apparirebbe più "bozzoso" che "di bozze")
Mi è capitato altre volte di dover sostenere una discussione del genere (non qui, ma su Youtube). Come risposta lo "sloppy writing, sloppy thinking" di Paolo Attivissimo, in italiano "chi scrive male, pensa male", potrebbe già bastare.

Tuttavia voglio aggiungere una cosa: io spesso correggo gli strafalcioni altrui, di vario tipo. Alcuni mi rispondono "opps! Errore di battitura, un lapsus, m'è scappato", e la cosa finisce lì. Talvolta è difficile crederlo, e nel caso di "conoscienza" e "a scoccato", io non ci credo, ma non importa: la discussione procede.
In altri casi si viene tacciati di esser Professoroni o Dottoroni, di avanzare la pretesa di non fare mai errori... insomma, l'autore dello sfondone da accusato si fa accusatore; come Juvix. E qui entra in gioco la psicologia, l'ho riscontrato nella realtà più volte: se dici "zoppo!" a uno che cammina perfettamente, quello mica s'offende... Analogamente, chi salta su come una molla quando gli si fanno notare evidenti lacune di preparazione, è perché in fondo sa di averle e ne soffre, anche se non lo ammetterà mai.

Comunque: possibile che io che non mi reputo certo una pietra (questo è puffolottese puro, però è facile arrivarci, chi ha indovinato?) ho capito benissimo fin dal principio ciò che Juvix intendesse dire anche se non cristallinamente espresso?
La frase "garabalda fa farata, fa farata an ana gamba" la capiamo quasi tutti, Epsilon. È questa una buona ragione per scrivere frasi monovocaliche?
Che sbadigliare a bocca spalancata non sia pericoloso per chi ci sta davanti come si credeva un tempo è assodato: ma è il caso di abolire la regola di buona educazione di mettersi la mano davanti alla bocca?

martinobri ha detto...

Ghignoso
Ovverossia? (E in che lingua?)


Che fa ghignare (=ridere facendo ih ih ih).
Nella lingua della mia classe al liceo...

Anonimo ha detto...

Per SirEdward

Evitare di far notare gli errori di ortografia o grammatica (entro certi limiti) è qualcosa che si fa per educazione, motivata da tolleranza e rispetto verso l'interlocutore e interesse verso le sue parole.
Appunto, entro certi limiti. A me pare che Juvix li avesse ampiamente superati, ma qui entra in gioco una valutazione soggettiva...
Chi sottolinea gli errori altrui magari si rende antipatico. Ma chi scrive "conoscienza" e "a scoccato" è un asino, senza il magari. E tutti quelli che non lo scrivono nelle loro risposte, comunque lo pensano.

Turz ha detto...

@4148331638 in esadecimale:
La frase "garabalda fa farata, fa farata an ana gamba" la capiamo quasi tutti, Epsilon. È questa una buona ragione per scrivere frasi monovocaliche?

Camanqaa sa scrava "ad ana gamba", parmattama da carraggarta.

Beh, vedere e leggere sempre le stesse lettere lede né me né te, messere.
E perché deve essere sempre men che decente?

Epsilon ha detto...

@ F7428476

uiiiiiii... quanta carne al fuoco... procediamo:

"Nessuno nega che si possa essere in gamba anche con studi da scuola dell'obbligo disastrosi, e d'altronde per fare il comandante degli alpini il requisito di una solida preparazione in italiano scritto non è richiesto"

No, no... la persona di cui sto parlando era un maggiore (adesso sarà ormai colonnello) e non era affatto ignorante; aveva solo quella convinzione; io, ad esempio, non mi ricordo mai se si scriva "paliativo" o "palliativo" (credo la seconda ma faccio l'onesto e non vado a controllare prima di postare) oppure ho difficoltà a ricordarmi il risultato di 7x8 (ma non 8x7... mah); in merito ad eventuali inadempienze linguistiche del comandante degli alpini ti basti sapere che il generale comandante (io lavoravo al comando di Corpo d'armata) aveva un timbrino con gli occhiali e quando capitava che lo usasse alla fine aveva sempre ragione lui (e veramente, non perché fosse il generale comandante)

"Se io ho 40° di febbre, o la notte prima ho dormito tre ore scarse e sono stanchissimo, o sono appena tornato a casa da un'operazione in anestesia totale, sul forum non vado a scrivere nemmeno per sogno: so in partenza che scriverò da cani ed esprimerò concetti da mentecatto.
Quindi, consiglio per tutti: se la luce nella vostra camera è spenta, fate altro sul web"

Ma non hai appena detto che "Commentare in un forum è un passatempo"?!? Lo fai sembrare l'esame di "aeroelasticità" (chi, purtroppo, l'ha dovuto affrontare al Poli di Milano sa di che parlo); mi spiace ma io continuerò a postare anche con la luce spenta perchè potrei avere (io? Ma quando mai?!?) qualcosa di intelligente da dire; preferisci leggere "F7428476 scemo! scemo! sei un sicofante!!!" stilisticamente corretto e di Zrettiana memoria oppure "F7428476: sai chee e pposibile riccavare il valloree dippi grecio buuttando per tera un ago?"

"sloppy writing, sloppy thinking"

Per me, la corazzata Potëmkin, è una...
Non sono assolutamente d'accordo mi spiace (però potrei sempre cambiare idea per carità); Monteverdi ha scritto musica bellissima ma viene la nausea a leggere le sue lettere... lo so che è un po' da naftalina come esempio ma a me, per chi non l'avesse ancora capito, Monteverdi piace molto :-)

continua =>

Epsilon ha detto...

=> continua

"io spesso correggo gli strafalcioni altrui, di vario tipo". Alcuni mi rispondono "opps! Errore di battitura, un lapsus, m'è scappato", e la cosa finisce lì"

Per carità! Benissimo! Ma per tutte le cose dipende sempre da come le si fa; se rispondo ad una persona che ha scritto "A" al posto di "Ha" dicendo, ad esempio... boh... una cosa tipo "L'acca l'hai lasciata a fare la cacca? :-)" probabilmente l'altro mi rispondera "Bonjour finesse!!! :-) "ai" ragione ma "o" una briciola sotto il tasto dell'acca e non riesco a premerlo"; ma se gli rispondi una cosa tipo "visto che quello che scrivi sono tutte fesserie almeno impara la grammatica ignorante: "ha" si scrive con l'acca come in "ha"" che tipo di risposta ti aspetti?!?

"se dici "zoppo!" a uno che cammina perfettamente, quello mica s'offende"

A me Morena (o chi per essa non ricordo come stesse postando al momento) ha dato del fake così sui due piedi senza passare dal via dopo appena uno o due miei messaggi: la cosa mi ha molto infastidito, mi sono offesissimissimo e me la sono anche presa molto; eppure non ero un fake e non avevo la coda di paglia.
Aprendo e chiudendo una parente :-) in genere è il contrario: sono gli zoppi a non offendersi se li chiami zoppi invece di "diversamente deambulanti"... prova a chiamare un cieco "ipovedente"; come minimo ti risponde che tu sei un "ipotrombante" :-)

"La frase "garabalda fa farata, fa farata an ana gamba" la capiamo quasi tutti, Epsilon. È questa una buona ragione per scrivere frasi monovocaliche?"

Assolutamente no! Hai ragione! Ma non ti risponderei nemmeno che stai sostenendo che Nerone fu ferito al coccige; so benissimo cosa intendevi e semplicemente ti farei notare che se lo scrivessi in un altro modo sarebbe più chiaro; non ti farei riprovare con "gerebelde fe ferete, fe ferete en ene gembe" finchè non azzecchi la frase giusta per poi dirti "aaaahhh: era questo che intendevi!!! Se l'avessi detto subito avrei capito!"
... e poi è "fu ferito AD una gamba" perciò sei un crasso ignorante e di conseguenza dici fesserie! ;-)
e poi "Sloppy" suona quasi come una marca di biancheria intima :-)

"Che sbadigliare a bocca spalancata non sia pericoloso per chi ci sta davanti come si credeva un tempo è assodato"

Qua l'ignorante sono io! Davvero? Non sto scherzando; giuro che non ne sapevo niente, mi ragguagli? Grazie

NB "Scemo, scemo" era un esempio eh? E quella dell'"Ad una gamba" una battuta. Beninteso che non mi permetterei mai!

Epsilon ha detto...

Turz dixit:
Camanqaa sa scrava "ad ana gamba", parmattama da carraggarta

COME TI PERMETTI DI ANTICIPARMI MENTRE STO SCRIVENDO IL MIO POST?!?
SICOFANTE!!!!
E PURE IGNORANTE!!! (anche se non so perchè)
:-)

Turz ha detto...

Invece ci sarebbe un'altra soluzione per chi conosce la
Grammatica e vuole insultare qualcuno in modo spiritoso.
Non date esplicitamente dell'ignorante alle persone, altrimenti si
Offendono, però potreste usare dei trucchetti tipo quello del governatore
Repubblicano della California (probabilmente una bufala,
Attenzione) che in un veto avrebbe scritto le iniziali delle frasi che
Nitidamente formavano un acrostico che non si può ripetere in questo che
Tutti ormai sappiamo che è un blog per famiglie
Ecco che quindi probabilmente è chiaro a tutti il mio suggerimento.

Turz ha detto...

@Epsilon:
Sì, confesso, sono un sicofante (mostro evolutivo derivante dall'incrocio tra un sicomoro e un elefante).

Epsilon ha detto...

@ TURZ

.. e ignorante!!!
Hai dimenticato ignorante!!!
Infatti si dice "efelante" e non "elefante"
Ma non guardi mai "Winnie Pooh"?!?
:-)

Turz ha detto...

Infatti si dice "efelante" e non "elefante"
Ma non guardi mai "Winnie Pooh"?!?
:-)


Sì, ma se apro il frigo e vedo solo birre e cocacole, mi chiedo "E le fante?"

Turz ha detto...

L'ultimo commento è servito solo per sorpassare "Ufologia stamattina alla RSI".

Piuttosto, c'è pagina 39 di là che aspetta di essere voltata. Lascio questo onore a qualcun altro, io l'ho avuto già troppe volte.

don Spencer ha detto...

grazie Turz, dopo settimane a lurkare nell'Epico solo per poter cambiare pagina ce l'ho fatta anch'io
:D

Anonimo ha detto...

Per Epsilon

Quindi, consiglio per tutti: se la luce nella vostra camera è spenta, fate altro sul web"
Ma non hai appena detto che "Commentare in un forum è un passatempo"?!?

Appunto per quello: i passatempi si possono scegliere in base al proprio stato. Sono le mansioni retribuite che si devono fare anche quando non si ha voglia o si è molto stanchi. Voglio vedere come mi riesce un rompicapo da 2000 pezzi quando ho 40° di febbre. Nulla mi vieta di tentare, un rompicapo sbagliato non mi fa nulla. Invece, a postare commenti da mentecatto con errori di ortografia ogni riga, una figura di c***a non me la leva nessuno.... :-|

mi spiace ma io continuerò a postare anche con la luce spenta perchè potrei avere (io? Ma quando mai?!?) qualcosa di intelligente da dire;
E rimandalo a quando l'illuminazione sarà adeguata. Non perdi mica il treno sai? O forse tu nelle figure di c***a ci sguazzi.

Non sono assolutamente d'accordo mi spiace (però potrei sempre cambiare idea per carità); Monteverdi ha scritto musica bellissima ma viene la nausea a leggere le sue lettere...
E Claudia Cardinale è stata un'attrice che ha fatto la storia e una donna di non comune fascino, ma se ascoltiamo i dischi che ha inciso ci chiediamo: ma la sua voce dov'è? Si sente solo il coro:
http://tinyurl.com/yb8pk3q
Francamente mi sfugge il senso di quest'esempio: non credo Monteverdi volesse essere ricordato per la sua corrispondenza privata...

ma se gli rispondi una cosa tipo "visto che quello che scrivi sono tutte fesserie almeno impara la grammatica ignorante: "ha" si scrive con l'acca come in "ha"" che tipo di risposta ti aspetti?!?
No no, mai usato toni del genere. So bene che si passa dalla parte del torto.

"se dici "zoppo!" a uno che cammina perfettamente, quello mica s'offende"
A me Morena ... ha dato del fake così sui due piedi senza passare dal via dopo appena uno o due miei messaggi: la cosa mi ha molto infastidito, mi sono offesissimissimo e me la sono anche presa molto

Boh! Certo, se uno pur non essendo zoppo si finge tale per ottenere la pensione di invalidità, magari quella parola non gliela dicono, ma "buffone!" sì, e lo credo bene che s'offende.
Io non so se tu hai fatto con Morena uno delle tue illuminate uscite tipo "la corazzata Potëmkin..."; e non so se lei, per ipotesi, non ha gradito. Non ho letto la diatriba epica.

...in genere è il contrario: sono gli zoppi a non offendersi se li chiami zoppi invece di "diversamente deambulanti"...
Segui alla lettera il mio esempio: ho scritto "zoppo!" con l'esclamativo, cioè, come accusa diretta e deliberata. Poi per fortuna non tutti si offendono per questo. Ma sta' certo, se uno cammina perfettamente e l’ha sempre fatto, non sarà nemmeno sfiorato da una cattiveria infondata, che più infondata non si può.

...ti farei notare che se lo scrivessi in un altro modo sarebbe più chiaro; non ti farei riprovare con "gerebelde fe ferete, fe ferete en ene gembe" finchè non azzecchi la frase giusta per poi dirti "aaaahhh: era questo che intendevi!!! Se l'avessi detto subito avrei capito!"
E invece bisogna far riscrivere i compitini a quelli con la testa di legno millanta volte, finché non son giusti, altrimenti non imparano mai. Sarà sadico, sarà snervante, ma la pedagogia morbida non ha mai funzionato. :-(

"Che sbadigliare a bocca spalancata non sia pericoloso per chi ci sta davanti come si credeva un tempo è assodato"
Qua l'ignorante sono io! Davvero? Non sto scherzando; giuro che non ne sapevo niente, mi ragguagli? Grazie

Vado di fretta: un link trovato in due secondi:
http://www.buzzle.com/articles/what-causes-a-yawn.html (Ultimo capoverso)
Il senso completo era: ora sappiamo che una persona con una malattia infettiva può contagiare altri nelle vicinanze, ma ciò indipendentemente che sbadigli o meno.

markogts ha detto...

Sì, ma se apro il frigo

al che è d'uopo questa storiella.

Anonimo ha detto...

Per Turz

Poveri noi, prima le frasi monovocaliche, poi i contrepet, poi gli acrostici: fra poco ci delizierai con i leporeambi alfabetici trimetri trisoni endecasillabi e con i tecnopegni.

Per inciso, della filastrocca Garibaldi fu ferito esiste anche la versione "in una gamba":

http://tinyurl.com/ycmu4n2

sarà meno corretta, ma per i bambini della scuola materna, dove io l'ho imparata, è più immediata.

martinobri ha detto...

Beh, vedere e leggere sempre le stesse lettere lede né me né te, messere.
E perché deve essere sempre men che decente?


LOL!

bea ha detto...

Arrivo solo ora e ammetto di aver letto una piccola parte dei commenti (ma è sempre così qui? caspita...). Casualmente son finita sui commenti relativi a riscaldamento globale e cicap e vorrei comunicare che proprio sull'argomento stiam preparando un nuovo numero della rivista che speriamo serva a risolvere qualche dubbio. (Beatrice Mautino)

SirEdward ha detto...

@ F7428476

Appunto, entro certi limiti. A me pare che Juvix li avesse ampiamente superati, ma qui entra in gioco una valutazione soggettiva...

La stessa cosa che ho detto io :P

@ Turz e Markogts

"...Come faranno
Quattro elefanti a stare in una
Cinquecento?
Due davanti e due didietro
come farò..òòòò
a far l'amore in cinquecento?
con... (censored)
[...]
Cinquecento, coi tuoi problemi di avviamento..."

(Elio e le Storie Tese)

Ma soprattutto, fate attenzione! Perché "chi va con lo zoppo arriva dopo".

SirEdward ha detto...

A proposito...

dal punto di vista puramente tecnico, "Garibaldi fu ferito "ad" una gamba" è scorretto...

Anonimo ha detto...

Per SirEdward

Siamo ormai al fuori tema sul fuori tema: ma perché è tecnicamente scorretta "ad una gamba"? Giuseppe Garibaldi fu ferito ad entrambe? O in un'altra parte del corpo? Confesso che non ricordo il particolare storico... :-(

SirEdward ha detto...

@ F7428476

Per la verità si tratta più di facezie che di altro, ma la "d" eufonica andrebbe usata solo nei casi in cui la parola successiva inizia con la stessa vocale (ed ecco, ad arare).

In effetti questo accorgimento rende le frasi più piacevoli (almeno per il mio gusto). Anche se non riesco in nessun modo a rinunciare all'uso di "ad esempio".

Anonimo ha detto...

Sono stato molto in dubbio se intervenire o meno sulla vicenda "ortografia" in quanto se va bene qui io avrò inviato una decina di messaggi e quindi non sono nello zoccolo duro della comunità (anche se leggo quotidianamente), però io seguo sempre il punto 10 di questa versione della netiquette. Va detto che la versione di wikipedia dice il contrario, a onor del vero.
Sono MOLTO interessato alle FAQ sul creazionismo. Se posso collaborare ....

puffolottiaccident ha detto...

Ah, a Yoqneam ne ho sentita una carina, ma purtroppo mi é stata detta proprio dopo l´uscita del film "La guida galattica dell´autostoppista" quindi non so quanto é genuina. Chi me la ha detta é un´odontoiatra.

Ipotizzava che l´universo fosse stato creato 5mila e ciapilo anni fa cosí com´era 5mila e ciapilo anni fa, inclusi i segni che fanno ragionevolmente supporre che esistesse giá prima.

In questa ipotesi i fossili, il movimento delle galassie, il cartello del confine comunale di Gerico, tutte le tracce di vita preistorica, compresi i segni di erosione, i fenomeni carsici ecc. ecc. sarebbero stati creati pronti.

La mia risposta fu: "sicuro come la morte non col mio portatile"

Willy ha detto...

dani1967,

in effetti la netiquette di usenet che conosco io dice questo:
####
D: Non sonno propio capacie a schrivvere bene. Forse potrebbi dirmi! ceh cosa devo fare?

R: Non badare all'aspetto dei tuoi articoli. Ricorda che quel che conta e' il contenuto del messaggio, non il modo in cui lo presenti. Senza dubbio in un contesto affidato totalmente alla parola scritta gli errori d'ortografia hanno lo stesso significato delle eventuali macchie sul vestito indossato da un oratore, ma tu non devi preoccupartene.

####

Secondo me, con gli strumenti disponibili al giorno d'oggi (*) per evitare di scrivere orrori grammaticali, quella FAQ non ha più molto senso.
Inoltre un piccolo sforzo per esprimere al meglio i propri pensieri lo possono fare tutti.

(*)NB: Attualmente ho installato solo il dizionario inglese, quindi questo messaggio sarà pieno zeppo di errori :P

Paolo Attivissimo ha detto...

Ciao Bea!

Per chi non la conoscesse, Beatrice Mautino, laurea in biotecnologie industriali e dottore di ricerca in neuroscienze, è il punto di riferimento del Cicap in materia di debunking del creazionismo.

Ed è l'unica che sfoggia T-shirt con la scritta "Hasta la evolucion" per ragioni professionali.

ma è sempre così qui? caspita...

Oh sì, e a volte è anche peggio :-)

Ottima la notizia sul riscaldamento globale!

don Spencer ha detto...

Ipotizzava che l´universo fosse stato creato 5mila e ciapilo anni fa cosí com´era 5mila e ciapilo anni fa, inclusi i segni che fanno ragionevolmente supporre che esistesse giá prima. In questa ipotesi i fossili, il movimento delle galassie, il cartello del confine comunale di Gerico, tutte le tracce di vita preistorica, compresi i segni di erosione, i fenomeni carsici ecc. ecc. sarebbero stati creati pronti

se è per questo si potrebbe pure ipotizzare che l'universo sia stato creato 20 secondi fa con già tutto dentro, compresi i nostri ricordi del passato della nostra vita, i fossili come se si fossero formati milioni di anni fa e l'evoluzione come se si fosse davvero sviluppata.
l'Onnipotente non avrebbe certo di questi problemi :)
ma di questo passo non si arriva da nessuna parte. possiamo lavorare solo con i dati che abbiamo, facendo delle ipotesi ma provando anche a verificarle, e tenendo la mente aperta a tutte le possibilità senza però che il cervello caschi per terra (citaz. ricordata vagamente, non so di chi) :)
altrimenti davvero tutto potrebbe svolgersi all'interno di un sogno (Matrix insegna)

martinobri ha detto...

Comunque Garibaldi fu ferito a un piede.
Però nella metrica della canzone non ci stava.

SirEdward ha detto...

Comunque Garibaldi fu ferito a un piede.
Però nella metrica della canzone non ci stava.


Garibaldi non fu ferito a una gamba, ma a un piede? E nessuno ce lo aveva mai detto! Anzi, ci propinavano canzoncine stupide per condizionarci e farci credere quello che volevano loro!

Complotto!

Epsilon ha detto...

@ F7428476

Ho letto la tua replica stanotte al buio ma prima di rischiare una tua richiesta per un mio ban dal blog... :-)

Preambolo:
"forse tu nelle figure di c***a ci sguazzi"
"uno delle tue illuminate uscite"

Forse interpreto male io ma percepisco dell'astio nei miei confronti in queste frasi; se così è vorrei saperne il perché visto che nei tuoi confronti non mi sono mai espresso in toni acerbi

Passo a rispondere nello specifico
"Invece, a postare commenti da mentecatto con errori di ortografia ogni riga, una figura di c***a non me la leva nessuno.."

Completamente d'accordo; io però nella risposta che ti avevo dato avevo specificato che mi stavo riferendo a messaggi contenenti un certo grado di valore e non a "commenti da mentecatto"

"Sono le mansioni retribuite che si devono fare anche quando non si ha voglia o si è molto stanchi"

Solo un inciso (non per darti contro ma per far notare una cosa); in realtà, ancor più che le mansioni retribuite, ci sono altri compiti che si devono fare ancor più quando non si ha voglia o si è molto stanchi: quelli di volontariato.
Quello del "dovere volontario" può sembrare un ossimoro ma è invece questione molto reale

Un passatempo di tipo sociale come può essere quello di seguire un blog deve ovviamente avere dei minimi di standard che si riassumono semplicemente nel rispetto delle persone con cui ci si interfaccia ma se saltuariamente si "esce un po' dal seminato" grammaticale non ritengo sia una gran tragedia

"E rimandalo a quando l'illuminazione sarà adeguata. Non perdi mica il treno sai? O forse tu nelle figure di c***a ci sguazzi"

Rimandandolo, rischio prima di tutto di scordare qualche concetto (che se per caso fosse stato particolarmente intelligente sarebbe stato utile a tutti).
Seconda cosa, il treno varie volte si perde perchè capita che nel frattempo vengano pubblicate altre decine di commenti contenenti magari deviazioni dal discorso del momento.
In merito al fatto della possibilità che io sguazzi tra i liquami (cit. colta: "non fate l'onda, non fate l'onda") ho già chiesto lumi sopra.

"Francamente mi sfugge il senso di quest'esempio: non credo Monteverdi volesse essere ricordato per la sua corrispondenza privata"

Stavo rispondendo al concetto di "sloppy writing, sloppy thinking" che non ritengo assolutamente valido; ciò che intendevo è che Monteverdi nelle sue lettere sfoggia un'ignoranza becera della lingua italiana (a parziale discapito v'è che la lingua italiana era ancora un po' claudicante all'epoca); ciò non ostante (mi piace scriverlo staccato) in esse esprime concetti musicali geniali ed innovativi (ad esempio la "seconda pratica") per cui lo porto a prova della non veridicità dell'assunto di cui sopra.

"No no, mai usato toni del genere. So bene che si passa dalla parte del torto."

No, no; sottolineo che non mi stavo riferendo a te; era un discorso generale.

Continua =>

Epsilon ha detto...

=> Continua

"Io non so se tu hai fatto con Morena uno delle tue illuminate uscite tipo "la corazzata Potëmkin..."; "

Quella della corazzata era solo una battuta; essendo una citazione famosissima non pensavo potesse essere malinterpretata e non ho aggiunto alcuna faccina; in merito al fatto che le mie "uscite" siano tutte di un grado P3 di clarity... vabeh; se pensi così ne prendo atto.
Comunque controlla pure sul thread epico o chiedi a chi lo frequenta.
Avessi comunque anche detto qualcosa di offensivo verso Morena questo non è certo un buon motivo per dare del "fake" a qualcuno; è come se per strada io ti dicessi che hai una brutta giacca e tu ti mettessi ad urlare "Al ladro! Al ladro!": è un non consequitur.

"Ma sta' certo, se uno cammina perfettamente e l’ha sempre fatto, non sarà nemmeno sfiorato da una cattiveria infondata, che più infondata non si può."

Non concordo assolutamente; c'è gente che è finita in galera ed è anche morta con l'infamia addosso (e.g. Enzo Tortora); è una cosa che a me impaurisce abbastanza.
"La calunnia è un venticello" ed insinua in altri dubbi che magari covano quiescenti per poi ridestarsi dopo tempo.
Nel caso specifico non c'è nulla di più infamante su un blog di sentirsi dare del "fake"; ancor più senza prova alcuna ma così... a sensazione; anche perché non hai molto modo di difenderti efficacemente... un po' come quando si puntava il dito e si urlava "strega!!!"

"E invece bisogna far riscrivere i compitini a quelli con la testa di legno millanta volte, finché non son giusti, altrimenti non imparano mai. Sarà sadico, sarà snervante, ma la pedagogia morbida non ha mai funzionato"

Questa non è pedagogia, è strategia della punizione; non si insegna niente con l'umiliazione; per insegnare si indica una strada, si danno i mezzi necessari ad un avvio, si controlla e si corregge a seconda del caso; con le persone si discute: è ai topolini nel labirinto che dai la scossa come segnale di errore perché con loro invece non puoi farlo.

"Il senso completo era: ora sappiamo che una persona con una malattia infettiva può contagiare altri nelle vicinanze, ma ciò indipendentemente che sbadigli o meno"

Ho letto il link che mi hai mandato ma l'ultimo capoverso sostiene esattamente l'opposto:
"Thus, yawning is not only associated with tiredness, sleepiness and some physiological conditions, but is also a form of non-verbal communication that can be interpreted to mean several different things. Apart from these, it has given rise to some really interesting beliefs or superstitions. To the ancient Greeks and Mayans, yawning was a sign which indicated that the soul of the person yawning was trying to run away from the body. Another common belief is that one should always cover the mouth while yawning, otherwise the soul may escape from the body. These beliefs may have originated to discourage public yawning, and also to maintain public health, as yawning might facilitate the spread of diseases"
So che andavi di fretta e non è probabilmente l'articolo che intendevi indicare; con tutta calma quando, e se, puoi mi indichi quello giusto? E' una questione che mi tocca personalmente per cui mi faresti un grande favore.

PS1 “in sul finir del post” mia moglie è entrata in camera ed ha abbassato le tapparelle per far dormire la bimba n.2 per cui ho terminato il post al buio…. Non me ne volere :-)

PS2 ma possibile… POSSIBILE… che in un blog come questo nessuno si sia incuriosito rispetto alla possibilità di calcolare il valore di PI greco gettando un ago a terra?!? E solo perché l’ho scritto male?!? Io trovo la cosa affascinante :-)

PS3… preferisco i giochi su PC

markogts ha detto...

alla possibilità di calcolare il valore di PI greco gettando un ago a terra?!?

Pensavo scherzassi

puffolottiaccident ha detto...

Piacere Beatrice, io non Beatrice.

Biotecnologie industKriali? bello biotecnologie industKriali! mi piace biotecnologie industKriali!

come si gioca a biotecnologie industKriali?

ü. Puoi teneKre la maglietta o toglieKre, peKr me é uguale.

____

Don, non son né profeta né figlio di Nume, ma una cosa la so:

Chi dice "cosí non si arriva da nessuna parte" molto spesso intende: cosí non arriviamo da nessuna parte.

Io dico: cosí siamo arrivati sulla luna, e cosí andremo su marte o sulle stelle, possiamo permetterci di scherzarci su, e (as agnostici) vantiamo una presenza carceraria del tutto irrilevante...

E sulla barca c´é ancora molto posto.

Il problema é dei religiosi "come salirci senza negare il fatto che a parte qualche vetrina rotta e qualche auto incendiata naviga meglio de "la luna rossa" "

Ma questo é un problema degli uomini di fede, quando funziona é a posto, di rimanere al molo pur di non ammettere che i tecnici potrebbero aver ragione, non é dovuto ai tecnici che non li fanno salire.

D´altro canto la natura... aborrisce i vuoti, e ci vuole qualcosa che tenga lontani quanti piú minus habens possibile dallo sciachimicismo, e visto che debellare la poliomelite or better é un´azione piú nobile che passare la giornata ad imbastire stronzate direi che le religioni cristiane, taoiste, buddiste ed ebraiche sono le piú indicate a questo scopo.

puffolottiaccident ha detto...

Whups, italianizzo.

"Ma questo é un problema degli uomini di fede: per gli altri, quando [la barca]funziona é a posto.

Il fatto di rimanere attorno al molo pur di non ammettere che i tecnici potrebbero aver ragione, non é dovuto ai tecnici che non li fanno salire."

Aggiungo:

Ti chiedi per caso "Come puó funzionare se non sono i preti a dirigerla?"

Questo andrebbe chiesto ai pompieri turchi, lí si esprimono con sintesi impeccabile.

Epsilon ha detto...

Markogts dixit:
"Pensavo scherzassi"

Ah, no no!
L'ago di Buffon! L'ho scoperto grazie alla bellissimerrima rivista "Rudi mathematici" di cui consiglio la lettura a tutti (è aggratiseeee!) e che è scaricabile dall'omonimo sito www.rudimathematici.com; nulla di più efficace per farti sentire un totale imbecille fatto e completo :-)
Resto sempre affascinato davanti a quelle pubblicazioni di cui comprendo solo il titolo ed il numero sequenziale di uscita :-)
Scherzi a parte i problemi posti sono quasi sempre oltre la mia portata ma i redazionali sono semplicemente deliziosi.
Purtroppo non rammento in quale numero della rivista si facesse cenno all'ago di Buffon per cui per questioni meramente pratiche hic et nunc rifacciamoci a schifipedia (non storcete il naso, per cortesia): http://it.wikipedia.org/wiki/Ago_di_Buffon

Scusate se all'alba delle 17.34 sto postando ancora al buio rendendo quindi questo commento privo di qualsiasi valenza :-)
Sto iperscherzando, dai :-)

Anonimo ha detto...

Per Epsilon

Preambolo:
"forse tu nelle figure di c***a ci sguazzi"
"uno delle tue illuminate uscite"

Forse interpreto male io ma percepisco dell'astio nei miei confronti in queste frasi; se così è vorrei saperne il perché visto che nei tuoi confronti non mi sono mai espresso in toni acerbi.

Nessun astio. Se le rileggi nel loro contesto, la figura di c***a era riferita a me, se io lasciassi commenti pubblici in stato confusionale, e a chiunque altro lo facesse.
E "l'illuminata uscita" era riferita solo alla battuta della "corazzata Potëmkin..." che, in quel contesto, c'entrava come i cavoli a merenda, e non è nemmeno fine. Io ci passo sopra, figurati; le varie Morene forse no. Va bene fare gli spiritosi ed essere autoironici, ma bisogna sapere scegliere il momento giusto, e lì non lo era.

....ma se saltuariamente si "esce un po' dal seminato" grammaticale non ritengo sia una gran tragedia
Macché tragedia. Errori di battitura capitano a tutti, e così anche i residui di correzioni compiute in fretta tipo "di di" o "la lo". Ma quando uno inforca uno svarione dopo l'altro, io dico che non farglielo notare è ancora peggio.
Su questi spazi non si parla delle creazioni primavera-estate o della fine che farà Marina Giordano di Un posto al sole. Si trattano quasi sempre argomenti tecnici, scientifici e informatici. Che peso si può dare ai messaggi di uno che partecipa alla discussione, e non da semplice comparsa, bada bene, ma da protagonista, e nemmeno sa che "conoscienza" è un errore?

Stavo rispondendo al concetto di "sloppy writing, sloppy thinking" che non ritengo assolutamente valido; ciò che intendevo è che Monteverdi nelle sue lettere sfoggia un'ignoranza becera della lingua italiana (...); ciò non ostante (mi piace scriverlo staccato) in esse esprime concetti musicali geniali ed innovativi (ad esempio la "seconda pratica") per cui lo porto a prova della non veridicità dell'assunto di cui sopra.
Non posso dare un giudizio non avendole lette. Ma attenzione: una lettera, anche ai tempi di Monteverdi, era un documento privato fra persone che si conoscevano. Nessuno ti riprenderà per gli errori fatti in un messaggio privato. Ben diverso sarebbe se Monteverdi avesse dato alle stampe trattati scritti come le sue lettere.

Avessi comunque anche detto qualcosa di offensivo verso Morena questo non è certo un buon motivo per dare del "fake" a qualcuno...
Approfondiamo gli errori di ortografia qui, e lasciamo perdere Morena e la diatriba epica. Son cose troppo diverse.

"Ma sta' certo, se uno cammina perfettamente e l’ha sempre fatto, non sarà nemmeno sfiorato da una cattiveria infondata, che più infondata non si può."
Non concordo assolutamente; c'è gente che è finita in galera ed è anche morta con l'infamia addosso (e.g. Enzo Tortora); è una cosa che a me impaurisce abbastanza.

Adesso essere zoppo è un'accusa penale?!? Non a caso io l'ho definita "cattiveria".
Difendersi da un'accusa di affiliazione alla nuova camorra organizzata è una cosa un pochino più pesante di difendersi da chi ti dice "zoppo!". Chi sa di aver sempre camminato bene secondo me nemmeno risponde. E comunque non s'offende.

Ho letto il link che mi hai mandato...
"....These beliefs may have originated to discourage public yawning, and also to maintain public health, as yawning might facilitate the spread of diseases"

Ti ho lasciato solo la parte rilevante. "Might" in inglese è un espressione di eventualità, non di certezza, soprattutto qui che è riferita a credenze passate.

So che andavi di fretta e non è probabilmente l'articolo che intendevi indicare; con tutta calma quando, e se, puoi mi indichi quello giusto?
Va bene, quando ho tempo.

SirEdward ha detto...

Devo confessare che sono così ignorante che quando ho letto dell'ago di Buffon ho sentito risuonare le parole "Il cielo è azzurro sopra Berlino"...

ehm ehm... arrossisco...

la matematica non è un'opinione, ma un gran casino sì.

Epsilon ha detto...

Uuuuuuhhh, sempre dover dividere... Hanmar (se sei tu, non ricordo) ma non si può aumentare un po' il limite di lunghezza?

@ F7428476
"che, in quel contesto, c'entrava come i cavoli a merenda, e non è nemmeno fine"

Innanzitutto è bello trovare qualcuno che scriva "c'entrava" e non "centrava" :-)

Beh, che non sia fine certo che non lo è ma voleva esser solo una citazione simpatica per sottolineare il disaccordo; quanto non c'entrasse ed il grado di finezza della frase sono due opinioni di cui prendo rispettosamente atto e su cui rifletterò; l'importante era stabilire che non ci fosse una forma di astio o di polemica.

"Ma quando uno inforca uno svarione dopo l'altro, io dico che non farglielo notare è ancora peggio"

D'accordo e mi sembra che ci fossimo trovati anche d'accordo sul modo di far notare la cosa; direi che restiamo solo in disaccordo sui "metodi educativi" ma anche su quello abbiamo chiarito le rispettive posizioni

"e nemmeno sa che "conoscienza" è un errore?"

Continuo a perorare la causa della distinzione tra il contenitore ed il contenuto; non vorrei dare adito però all'idea che io non faccia caso a grammatica e sintassi di chi scrive; trovare errori dà fastidio anche a me (per non parlare della filosofia di scrittura dei "bimbominkia"); se la persona continua a scrivere "conoscienza" ne posso però dedurre o, semplicemente e lapalissianamente, che non sappia come si scrive conoscenza (il che non inficia il fatto che magari sappia quadrare il cerchio) o che è un problema suo personale con quella e/o altre parole (io, ad esempio, perchè devo sempre controllare come si scrive palliativo? Ora me lo ricordo ma tra una settimana già l'avrò scordato) ma fosse anche un problema di ignoranza della lingua italiana cosa mi consente di ribaltare tale fatto sulla valenza del significato di quanto scrive? E se lo scrivente avesse avuto a scuola un maestro che conosceva più il dialetto che l'italiano e l'avesse farcito di idee errate su grammatica e sintassi? Chi riesce in età adulta a rimettere in riga il poveretto?
In conclusione: giusto far notare gli errori (nei giusti modi); sbagliato valutare cosa uno scrive con il metro di come lo scrive.
Non so se sia così ma ammettiamo che Hitler scrivesse benissimo (GODWINIZZATO!!!!): ciò che sosteneva ha più valore di quanto pervenutoci di quel tale che si definiva "omo sanza lettere" che non sapeva sostenere una discussione in latino? Ricordiamoci che il latino era la lingua "ufficiale" per disquisire di questioni dotte

Continua =>

Epsilon ha detto...

=> Continua

"una lettera, anche ai tempi di Monteverdi, era un documento privato fra persone che si conoscevano"

No, allora le lettere non erano solo private ma si potevano rivolgere anche a gruppi di persone così come, effettivamente, avveniva proprio per temi divulgativi e di discussione (passamelo va: erano i blog dell'epoca)

"Approfondiamo gli errori di ortografia qui, e lasciamo perdere Morena e la diatriba epica. Son cose troppo diverse"

Era solo esperienza personale di come dire "zoppo!" ad una persona che non lo è non sia così indifferente

"Adesso essere zoppo è un'accusa penale?!? Non a caso io l'ho definita "cattiveria"."

Guarda che le cattiverie possono anche essere peggiori delle accuse penali; i primi due esempi che mi vengono alla mente sono Mia Martini e Luigi Tenco.

"Might" in inglese è un espressione di eventualità, non di certezza, soprattutto qui che è riferita a credenze passate.

No; l'esatta traduzione della frase è: "queste credenze potrebbero aver avuto origine al fine di scoraggiare sbadigli in pubblico ed anche per mantenere la salute pubblica poichè sbadigliare potrebbe 'anche' facilitare il diffondersi di malattie"
Per cui il legame non è di riferimento ma di causa/effetto ovvero: lo sbadigliare potrebbe diffondere malattie => si definisce un comportamento sociale
Non compare alcuna volontà dubitativa; certo che c'è solo una bassa potenzialità: non tutte le malattie si diffondono per via aerea.
Che poi "may" e "might" abbiano diversi valori probabilsitici è perfettamente vero: proprio per questo ho scritto "potrebbe 'anche'" per tentare di evocare una valenza diversa rispetto al primo "potrebbe"; avrei potuto mettere "potrebbe al limite" o tirando-tirando "parrebbe poter" ma non ritengo che si possa invece tradurre, come mi sembra essere la tua posizione, con un "vi è un dubbio che possa".
FOCACCIA!!!
FOCACCIA!!!
(serve per evocarlo)
Paolo: un tuo parere linguistico in quanto angloelvitaliano?
Comunque ribadisco il mio interesse alla questione ed apprezzo molto la tua disponibilità in merito a fornirmi la fonte a cui ti riferivi (anche in tempi lunghi per carità)

Epsilon ha detto...

@ F7428476

"Se le rileggi nel loro contesto, la figura di c***a era riferita a me"

Scusa, solo per precisione prima che pensi che abbia voluto torcerti contro qualcosa; quella frase specifica guarda che era rivolta a me.
La frase completa era: "E rimandalo a quando l'illuminazione sarà adeguata. Non perdi mica il treno sai? O forse tu nelle figure di c***a ci sguazzi."
Ma, come ti dicevo, avendo tu già chiarito che non vi erano intenzioni offensive la cosa è pienamente archiviata.
Piuttosto...

[mode maleducato on]
POSSIBILE CHE NESSUNO ABBIA VOGLIA DI PRENDERE POSIZIONE IN MERITO A QUANTO IO E F7428476
STIAMO DISCUTENDO?!? (CITAZIONE NON FINE) VI PUZZA L'ANIMA?!?
[mode maleducato off]
F7428476... mi sa che son tutti fuori a divertirsi... :-)

Piuttosto: non puoi cambiare nick che ogni volta devo fare copia&incolla?!? :-)

Vittorio ha detto...

[mode maleducato on]
POSSIBILE CHE NESSUNO ABBIA VOGLIA DI PRENDERE POSIZIONE IN MERITO A QUANTO IO E F7428476
STIAMO DISCUTENDO?!? (CITAZIONE NON FINE) VI PUZZA L'ANIMA?!?
[mode maleducato off]
F7428476... mi sa che son tutti fuori a divertirsi... :-)


No, io son qua a leggervi e mi sto divertendo molto di più! Per quello non intervengo.

don Spencer ha detto...

@ puffolotti
non so cosa risponderti perchè non ho capito quello che mi hai scritto :(
nel mio commento ho detto qualcosa che non andava? avevo solo fatto riferimento all'affermazione dell'odontoiatra per dire una cosa non riferita a nessuno in particolare. non stavo rispondendo a te. se vuoi mi stavo marzullescamente facendo una domanda (universo creato 20 secondi fa?) e dando una risposta (le ipotesi deve essere possibile verificarle) :)
e una volta tanto non ho fatto nessun riferimento nè a fede nè a religione :)

PS sono fermamente evoluzionista.

don Spencer ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Paolo Attivissimo ha detto...

FOCACCIA!!!
FOCACCIA!!!
(serve per evocarlo)


Chiama-tooooo? (cit.)


Paolo: un tuo parere linguistico in quanto angloelvitaliano?

Sì, "may" è più possibilista di "might". E' abbastanza vicino a "può/potrebbe".

Paolo Attivissimo ha detto...

POSSIBILE CHE NESSUNO ABBIA VOGLIA DI PRENDERE POSIZIONE IN MERITO A QUANTO IO E F7428476
STIAMO DISCUTENDO?!? (CITAZIONE NON FINE) VI PUZZA L'ANIMA?!?


No, preferiamo assistere al battibecco :-)

Paolo Attivissimo ha detto...

@ puffolotti
non so cosa risponderti perchè non ho capito quello che mi hai scritto :(


Non ti preoccupare. Non sei il solo. Il puffolottese è steganografia.

Verzasoft ha detto...

Ca**o, 365 commenti! E fermatevi, che non vi sto dietro a leggerli!!!

Turz ha detto...

@F7428476:
Per gli endecasillabi vai sul Thread Epico.
Anche se devo confessare che Puffolotti è più bravo (e si capisce persino cosa vuole dire).

Anonimo ha detto...

Per Turz

Per cortesia, mi indicheresti da che commento in poi li trovo? :-|
Ma hai detto proprio endecasillabi? Di quelli non so che farmene: li so comporre da me. Io da te mi aspettavo leporeambi (che per la maggior parte sono sì endecasillabi, ma di una specie difficilissima), gliommeri, tecnopegni, al limite incarrighiane che però siano argute. Che noia gli endecasillabi...

Anonimo ha detto...

Per Epsilon

Uuuuuuhhh, sempre dover dividere... Hanmar (se sei tu, non ricordo) ma non si può aumentare un po' il limite di lunghezza?
Se poi apprendessi quella che gli stilisti chiamano "concisione"...

Innanzitutto è bello trovare qualcuno che scriva "c'entrava" e non "centrava" :-)
Mi hai preso per uno che predica bene e razzola male? :-)

Beh, che non sia fine certo che non lo è ma voleva esser solo una citazione simpatica per sottolineare il disaccordo; quanto non c'entrasse ed il grado di finezza della frase sono due opinioni di cui prendo rispettosamente atto e su cui rifletterò;
Ribadisco il mio giudizio, c'è modo e modo per esprimere il proprio disaccordo verso una massima inglese. Ma se vogliono, altri possono prendere posizione su quella battuta: si trova al commento n° 324.

se la persona continua a scrivere "conoscienza" ne posso però dedurre o, semplicemente e lapalissianamente, che non sappia come si scrive conoscenza (il che non inficia il fatto che magari sappia quadrare il cerchio)
Ma che esempio ben trovato Epsilon! La persona, oltre che un asino, sarebbe uno svitato. Devo mandarti alle opere di Ferdinand von Lindemann per mostrarti che con il solo uso di riga non graduata e compasso non si può quadrare un cerchio, o mi credi sulla parola?

E se lo scrivente avesse avuto a scuola un maestro che conosceva più il dialetto che l'italiano e l'avesse farcito di idee errate su grammatica e sintassi? Chi riesce in età adulta a rimettere in riga il poveretto?
Alberto Manzi, l'indimenticato maestro di "Non è mai troppo tardi", mi dicono ci fosse riuscito. Io ero appena nato quando il suo programma è andato in onda le ultime volte, non posso esprimermi. So che lo rimpiangono in molti.
Il discorso è più generale: ad un ospite del forum che fa un intervento estemporaneo, dà una testimonianza, far notare eventuali errori è una pedanteria gratuita.
Ma il partecipante di cui stiamo parlando è entrato a gamba tesa, voleva l'attenzione tutta per sé, appena confutavi un suo pensiero lui lo cambiava, un attimo era beffardo, un attimo dopo faceva la vittima. In questi casi è un dovere dire: "Ma guardati allo specchio: non sei il Magnifico Rettore dell'Università dell'Ombelico: sei il bidello".
Io non correggo la forma perché penso che infici il contenuto: lo faccio perché è un indizio di quale cura e quale serietà usa e manifesta chi fa certe affermazioni; ed anche della solidità e qualità dei suoi studi. È diverso.

"una lettera, anche ai tempi di Monteverdi, era un documento privato fra persone che si conoscevano"
No, allora le lettere non erano solo private ma si potevano rivolgere anche a gruppi di persone così come, effettivamente, avveniva proprio per temi divulgativi e di discussione (passamelo va: erano i blog dell'epoca)

Si scrive va': è ormai un'interiezione, ma è tuttora l'imperativo arcaico del verbo "vardare" (guardare).
Ripeto, dovrei controllare quanto fosse zoppicante l'italiano di Monteverdi, e quanto fossero brillanti le sue idee sulla musica. Magari tu le vedi così perché di Monteverdi sei innamorato: ne hai mai parlato con un musicologo?

Su Luigi Tenco e Mia Martini non mi addentro: andrei davvero troppo fuori tema.

Ripeto quel che ho constatato di persona e che è pure senso comune:
― se dici zoppo a uno che cammina normalmente, quello non si offende;
― se dici "quattro occhi e due stanghette" a un giovane che ha dieci decimi e al massimo porta occhiali da sole all'ultima moda, idem;
― se dici “crapa pelata” al cantante Caparezza, idem;
― se dici a Berlusconi "straccione", una volta tanto non ti querela.
E così via.

Si ha la coda di paglia solo per cose vere, o percepite come tali dai conoscenti e dalla gente a cui teniamo.

puffolottiaccident ha detto...

@F7428476

Off topic.

Cosa caratterizza ognuno di essi? Scusa ma sono estremamente ignorante in materia, ed i sonetti cominciavano in effetti a non soddisfarmi.

---

Sui finanziamenti al turco:
Le ipotesi verosimili sono davvero parecchie, é possibile che non sappia neanche lui da dove vengano i soldi.

l´operazione stessa potrebbe essere un diversivo di qualche tipo, nel caso di pochi grossi finanziatori.

Anonimo ha detto...

Dimenticavo:

Scusa, solo per precisione prima che pensi che abbia voluto torcerti contro qualcosa; quella frase specifica guarda che era rivolta a me.
La frase completa era: "E rimandalo a quando l'illuminazione sarà adeguata. Non perdi mica il treno sai? O forse tu nelle figure di c***a ci sguazzi."
Ma, come ti dicevo, avendo tu già chiarito che non vi erano intenzioni offensive la cosa è pienamente archiviata.


Esatto: quella frase era rivolta a te, ma era strettamente collegata alla frase immediatamente precedente, in cui parlavo di me: «Invece, a postare commenti da mentecatto con errori di ortografia ogni riga, una figura di c***a non me la leva nessuno.... :-|»

A questo punto parafraso quel passaggio: “Io so bene che in condizioni mentali non ottimali scriverei fesserie e le infarcirei con orrori di ortografia, orrori di grammatica e orrori di sintassi. E la figuraccia sarebbe assicurata. Quindi non lo faccio, ho altri passatempi. Ma se tu ti ostini a svolgere questo passatempo anche in condizioni avverse, pur di non perdere il turno, accomodati: forse a te il rischio figuraccia non fa paura”.
Spero ora sia chiaro.

Epsilon ha detto...

@ F7428476

"Se poi apprendessi quella che gli stilisti chiamano "concisione"..."

Non che i tuoi interventi siano poi tanto più brevi ma se così preferisci aderisco volentieri all'invito; tagliamo perifrasi, eufemismi e pinzillacchere

"Devo mandarti alle opere di Ferdinand von Lindemann per mostrarti che con il solo uso di riga non graduata e compasso non si può quadrare un cerchio, o mi credi sulla parola?"

Non è necessario poiché so benissimo che è impossibile.
Ho usato quell'esempio proprio come iperbole; mi credi sulla parola?

"Io non correggo la forma perché penso che infici il contenuto: lo faccio perché è un indizio di quale cura e quale serietà usa e manifesta chi fa certe affermazioni".

D'accordo; ma ciò che faccio notare io, non a te ma in generale, è invece l'inconsistenza di dimostrare l'inadeguatezza di un ragionamento non indicandone la fallacia ma semplicemente rendendolo risibile per la forma in cui esso è espresso.
Il rischio è quello di sentirsi controbattere che non si è argomentato perché colti in fallo nel merito.

"Si scrive va'"

Ti ringrazierei per la dritta se non fosse che hai appena affermato che il fine delle tue correzioni è dare un indizio sulla cura messa nello scrivere.
Parlando seriamente, mi hai però fatto tornare alla mente un articolo letto qualche anno fa sul sito dell'Accademia della crusca dove si sosteneva che in realtà, laddove non vi siano problemi di interpretazioni, vi può essere omissione di accenti ed apostrofi di troncatura (si dice così?); ho provato a ricercarlo al volo ma non è così semplice recuperarlo: sai illuminarmi in merito?

"Magari tu le vedi così perché di Monteverdi sei innamorato"

No, tra noi è solo una storia di sesso

"quanto fossero brillanti le sue idee sulla musica"

Giusto per darti l'idea è considerato l'inventore del melodramma (per quello che possono valere queste patenti tout-court) ed ideatore della "seconda pratica"

"Si ha la coda di paglia solo per cose vere, o percepite come tali dai conoscenti e dalla gente a cui teniamo"

La coda di paglia sì; il timore della calunnia no.
Lo sai che il CICAP ha detto che i cerchi nel grano sono dovuti ai ricci in amore? Non mi rispondere che non è vero perché lo so; questa è una calunnia vera e propria che ha fatto, fa e (spero di no) farà molti danni all'immagine del CICAP presso il pubblico; "guardali (o vardali) lì i 'so tutto io' che pur di cercare giustificazioni a tutti i costi si inventano cose come i ricci in fregola che causano i cerchi nel grano"

Già finito?!? Ah, già son conciso

PS un dovuto tributo a Manzi; pensare che un mezzo di grande possibilità di acculturamento popolare si sia trasformato nel ricettacolo di grandi fratelli aut similia rattrista molto

Epsilon ha detto...

@ F7428476

"Spero ora sia chiaro"

Certo; era solo che "forse tu nelle figure di c***a ci sguazzi." e "forse a te il rischio figuraccia non fa paura" non sono intercambiabili nel senso.
Caso comunque già da prima archiviato senza remore.

Epsilon ha detto...

Paolo dixit
No, preferiamo assistere al battibecco :-)

E che? Non lo sapevo?!? :-)
Sai tutte le volte che ho lurkato Turz e Nodens? :-)

Però un battibecco spesso è fine a se stesso (a proposito: l'Accademia della crusca ammette il "se" accentato o meno davanti a "stesso") mentre tra me e F etc.etc. si sono definite questioni su cui abbiamo accordo, altre su cui siamo in disaccordo ma su cui abbiamo chiarito le relative posizioni e soprattutto c'è qualche spunto interessante da cogliere qua e là (ben più suoi che miei; non fatico ad ammetterlo).

Andando un po' OT su questioni che ho rammentato, sai che mi ha veramente infastidito l'insinuazione di Morena che fossi un fake di Ciriachi? Mica per l'accostamento (poichè le idee di Ciriachi è vero che non le condivido in gran parte ma rispetto la sua buona fede) ma proprio per quella gratuità dell'accusa e la noncuranza con la quale l'ha lanciata.
Tanto per tagliare la testa al toro, visto che tu (o Hanmar o chi per esso) potete facilmente risalire alle date di registrazione e dell'invio di commenti precedenti, potresti (se non è di disturbo), confermare che sono magari scemo ma comunque scemo originale? :-)

Epsilon ha detto...

"ah, già son conciso"
=>
"ah, già: son conciso"

Scusate ma vista l'ora stavo (e sto) postando al buio

Epsilon ha detto...

Nota a margine:
Monteverdi da un certo punto di vista è un po' come Shakespeare; nel senso che non tutto ciò che è attribuito a lui è sicuramente suo.

Paolo Attivissimo ha detto...

Tanto per tagliare la testa al toro, visto che tu (o Hanmar o chi per esso) potete facilmente risalire alle date di registrazione e dell'invio di commenti precedenti, potresti (se non è di disturbo), confermare che sono magari scemo ma comunque scemo originale? :-)

Perché guastare il divertimento? :-)

La vita online è basata sul dubbio sulle identità.

Anonimo ha detto...

Per Epsilon

La discussione sta prendendeo una piega noiosa e fine a sé stessa, e, a costo di sembrare scostante, toccherò solo tre punti.

"Devo mandarti alle opere di Ferdinand von Lindemann per mostrarti che con il solo uso di riga non graduata e compasso non si può quadrare un cerchio, o mi credi sulla parola?"
Non è necessario poiché so benissimo che è impossibile.
Ho usato quell'esempio proprio come iperbole; mi credi sulla parola?

Un certo Korey Rowe, fra i responsabili del film documentario Loose change, ha dichiarato che i (numerosi) errori presenti sono voluti, lasciati lì apposta per far riflettere gli americani.
Commento di Paolo Attivissimo: «La prossima volta che fate un errore in un articolo, insomma, seguite l'esempio di Loose Change: dite che l'avete fatto apposta per vedere se i lettori erano attenti.
Giustificare i propri errori grossolani [...] dicendo "li ho fatti apposta" è veramente un colpo da maestro. Di arrampicate sugli specchi.»
http://undicisettembre.blogspot.com/2006/08/loose-change-contiene-errori-lo.html
Ti sei scelto dei bei compagni di strada, Epsilon. O, se non proprio "compagni di strada", "compagni di dialettica". Lo sai, spero, che Loose change è uno dei più citati documentari complottisti sull'11 settembre?

"Io non correggo la forma perché penso che infici il contenuto: lo faccio perché è un indizio di quale cura e quale serietà usa e manifesta chi fa certe affermazioni".
D'accordo; ma ciò che faccio notare io, non a te ma in generale, è invece l'inconsistenza di dimostrare l'inadeguatezza di un ragionamento non indicandone la fallacia ma semplicemente rendendolo risibile per la forma in cui esso è espresso.
Il rischio è quello di sentirsi controbattere che non si è argomentato perché colti in fallo nel merito.

Si può fare uno e l'altro; anzi, si deve. Il padrone di casa di questo spazio, in quanto moderatore, parte sempre dal merito della questione e solo dopo, se è il caso, attacca la forma. Io, che mi posso permettere il lusso di intervenire solo sugli argomenti che mi interessano e nella fase di discussione più propizia, spesso faccio solo una delle due cose; ma so fare anche l'altra. ;-)

Parlando seriamente, mi hai però fatto tornare alla mente un articolo letto qualche anno fa sul sito dell'Accademia della crusca dove si sosteneva che in realtà, laddove non vi siano problemi di interpretazioni, vi può essere omissione di accenti ed apostrofi di troncatura (si dice così?); ho provato a ricercarlo al volo ma non è così semplice recuperarlo: sai illuminarmi in merito?
Prima ipotesi: avevi non solo la luce spenta, ma anche il monitor spento, il mouse spento, il computer spento, gli occhi chiusi: stavi sognando.
Seconda ipotesi: hai sbagliato a digitare l'URL, e l'hai letto non sul sito dell'Accademia della Crusca, ma dell'Accademia della Frusta: una nota associazione sado-maso. Per loro far violenza alla lingua italiana è istinto irrefrenabile e voluttà inenarrabile.

Ma che eresie mi tocca leggere, gli apostrofi facoltativi!!!

"Si ha la coda di paglia solo per cose vere, o percepite come tali dai conoscenti e dalla gente a cui teniamo"

La coda di paglia sì; il timore della calunnia no.[...]

A parte il fatto che l'esempio che porti di seguito sul CICAP non è calunnia, ma, se proprio si riuscisse a ravvisarvi un reato, sarebbe diffamazione. Ma mi spieghi che senso ha questo paragone?
Io ho portato esempi di insulti alla persona che sono concetti primitivi e che nemmeno sono accuse: sono cattiverie, meschinità. Concetti che sono veri o falsi: tertium non datur. Tu citi una frase distorta ad arte per ridicolizzare il CICAP, che in quanto associazione nemmeno si può offendere, non potrebbe mai sentirsi punta sul vivo come una persona. Mi spieghi che c'entra?

Anonimo ha detto...

Errata corrige: "toccherò solo quattro punti"

crespo ha detto...

Vorrei intervenire sul tema degli errori grammaticali nei post.

Spesso, per evitare che il proprio commento appaia a decine di interventi di distanza, e che perda quindi il suo "valore", si è costretti alla tecnica "Digitalizzazione alla velocità della luce di Hokuto", che, seppur efficace, causa la disseminazione involontaria di un sacco di errori.
Inoltre bisogna tener conto che le discussioni nei blog hanno quasi sempre carattere informale, il che mi induce a soprassedere su errori miei e di altri.

In definitiva, anche io trovo privo di fondamento l'enunciato Sloppy writing, sloppy thinking.

ciao ciao

Anonimo ha detto...

Per crespo

Spesso, per evitare che il proprio commento appaia a decine di interventi di distanza, e che perda quindi il suo "valore", si è costretti alla tecnica "Digitalizzazione alla velocità della luce di Hokuto",
In certi casi e in certi forum intervenire in tempo è importante. Ma qui, francamente, questa necessità non la vedo. Ogni articolo ha un unico argomento, non sono ammesse risposte al sottoargomento, non si commenta mai un evento in diretta tv (unica eccezione, se non ricordo male, una puntata di Voyager). Perché questa foga?

che, seppur efficace, causa la disseminazione involontaria di un sacco di errori.
Inoltre bisogna tener conto che le discussioni nei blog hanno quasi sempre carattere informale, il che mi induce a soprassedere su errori miei e di altri.

Ho scritto in un commento precedente che gli errori di battitura capitano a tutti. Forse sarà l'esperienza di dieci anni di correzione di bozze, forse sarà presunzione mia, io so distinguere una svista quale Guiseppe al posto di Giuseppe o farro al posto di fatto, da uno strafalcione quale "conoscienza", o "accellerare" (non attestato qui). Quell'I e quell'Elle in più sono finite proprio lì per disattenzione? Non ci credo. :-|

In definitiva, anche io trovo privo di fondamento l'enunciato Sloppy writing, sloppy thinking.
E allora ripieghiamo sulla saggezza popolare nostrana: "la gatta precipitosa fa i gattini ciechi" (io lo so in dialetto milanese, ma qui non è il caso...). Che bisogno c'è di redigere commenti in un secondo e mezzo su questioni come quelle affrontate qui? Capirei se si parlasse dell'ultima puntata della soap opera su Raitre, o delle nostre impressioni su Pitti Uomo.

Epsilon ha detto...

@ F7428476

"La discussione sta prendendeo una piega noiosa e fine a sé stessa"

E' vero; certe risposte risultano proprio noiose

"Ti sei scelto dei bei compagni di strada, Epsilon"

Purtroppo noto nel tuo ragionamento qualche salto logico; mi spiace: si vede che avrai commentato in fretta.
Parimenti, mi spiace che tu ignorassi l'uso dell'espressione "risolvere la quadratura del cerchio" nella normale dialettica ma sono contento per averti fatto scoprire una cosa nuova.
Se poi tu rimani convinto che sia stato un mio errore, pazienza; conoscendo la media dei frequentatori del sito, confido che altri sappiano discernere.

"Si può fare uno e l'altro; anzi, si deve"

Meno male che concordi.

"Ma che eresie mi tocca leggere, gli apostrofi facoltativi!!!"

Solo quelli che troncano parole, tipo po', e non di unione, tipo l'orso; non essendo io un linguista non so come indicarli: con che termine li si contraddistingue?

"Prima ipotesi: avevi non solo la luce spenta, ma anche il monitor spento, il mouse spento, il computer spento, gli occhi chiusi: stavi sognando
Seconda ipotesi: hai sbagliato a digitare l'URL, e l'hai letto non sul sito dell'Accademia della Crusca, ma dell'Accademia della Frusta: una nota associazione sado-maso. Per loro far violenza alla lingua italiana è istinto irrefrenabile e voluttà inenarrabile."

Che prolissità... non potevi semplicemente scrivere: "stai sbagliando?"; la concisione, suvvia...
Precisiamo:
- sì, era proprio il sito dell'Accademia della Crusca
- sono assolutamente sicuro di quanto detto rispetto agli accenti
- in merito agli apostrofi (del tipo che ti ho specificato) sono ABBASTANZA sicuro (mi sto riferendo a qualche anno fa)
- proverò a rintracciare il documento in questione ma non è così semplice (almeno per me).
Varda che non ho mica tirato fuori la questione per disputare con te: ti ho chiesto invece, esplicitamente, un'illuminazione in merito; tu che sei quasi sicuramente di casa sul loro sito di sicuro hai più dimestichezza con il loro motore di ricerca.

"A parte il fatto che l'esempio che porti di seguito sul CICAP non è calunnia, ma, se proprio si riuscisse a ravvisarvi un reato, sarebbe diffamazione"

Sei sicuro?
"Calunnia: Menzogna denigratoria; falsa accusa, anche come reato perseguito dalla legge"
Dal dizionario online de Il corriere della sera
A proposito: da quando non funziona più il De Mauro online non so mai cosa consultare: suggerimenti?

"Ma mi spieghi che senso ha questo paragone?"

Ti avevo portato l'esempio di Mia Martini e di Luigi Tenco; scusa se il terzo non era così pregnante.
Al momento non mi vengono in mente episodi pubblici ma due visti di persona; stavo scrivendoli ma poi li ho cancellati perché non posso provarne la veridicità.
Feltri/Boffo? Io non ho seguito molto la questione ma mi pare che Feltri non abbia accusato Boffo di alcun reato ma abbia invece riportato una voce di sua omosessualità poi rivelatasi falsa; qualcuno conferma?

mogio ha detto...

@Epsilon

Forse era questo l'articolo che cercavi:

[...]L’imperativo richiederebbe da’ (‘dai’), ma questa forma e gli analoghi imperativi fa’ (‘fai’), sta’ (‘stai’) e va’ (‘vai’) non sono universalmente accolti sia dall’uso reale sia dai grammatici, pertanto si può scrivere semplicemente da, fa, sta, va (forme tradizionali affiancate da quelle apostrofate nel fiorentino ottocentesco)[...]

Tratto da:
www.accademiadellacrusca.it - Guida all'uso di accenti e apostrofi nell'italiano

Anonimo ha detto...

Per Paolo Attivissimo
A un certo punto fari come il Big Ben e dirai stop! la conversazione è noiosa, ma investe argomenti che mi interessano.

"Ti sei scelto dei bei compagni di strada, Epsilon"

Purtroppo noto nel tuo ragionamento qualche salto logico; mi spiace: si vede che avrai commentato in fretta.
Parimenti, mi spiace che tu ignorassi l'uso dell'espressione "risolvere la quadratura del cerchio" nella normale dialettica ma sono contento per averti fatto scoprire una cosa nuova.
Se poi tu rimani convinto che sia stato un mio errore, pazienza; conoscendo la media dei frequentatori del sito, confido che altri sappiano discernere.

Ecco sì, Epsilon, confida, confida nel discernimento altrui. Dopo però non stupirti se le Morene, o chi per loro, ti prendono per ciò che non sei. Se gli esempi da te scelti sono tutti brillanti come questo:
"...se la persona continua a scrivere "conoscienza" ne posso però dedurre o, semplicemente e lapalissianamente, che non sappia come si scrive conoscenza (il che non inficia il fatto che magari sappia quadrare il cerchio) o che..."
i fraintendimenti sono automatici. Anche se non condivido i toni di chi sui due piedi dà del fake senza possibilità d'appello.

Solo quelli che troncano parole, tipo po', e non di unione, tipo l'orso; non essendo io un linguista non so come indicarli: con che termine li si contraddistingue?
Apocope. Alcune grammatiche parlano solo di troncamento.

Varda che non ho mica tirato fuori la questione per disputare con te: ti ho chiesto invece, esplicitamente, un'illuminazione in merito; tu che sei quasi sicuramente di casa sul loro sito di sicuro hai più dimestichezza con il loro motore di ricerca.
Motogio ti ha dato una mano, per questa volta.

"A parte il fatto che l'esempio che porti di seguito sul CICAP non è calunnia, ma, se proprio si riuscisse a ravvisarvi un reato, sarebbe diffamazione"

Sei sicuro?
"Calunnia: Menzogna denigratoria; falsa accusa, anche come reato perseguito dalla legge"
Dal dizionario online de Il corriere della sera.


Forse ti aprirò orizzonti nuovi citandoti un libro che si chiama Codice penale, e che sulla qualifica e sul nome esatto dei reati ha un filino più di autorità.

Art. 595: Diffamazione.

Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1.032.
Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2.065.
Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a euro 516.
[...]

Art. 368: Calunnia.
Chiunque, con denunzia, querela , richiesta o istanza, anche se anonima o sotto falso nome, diretta all'autorità giudiziaria o ad un'altra autorità che a quella abbia obbligo di riferirne, incolpa di un reato taluno che egli sa innocente, ovvero simula a carico di lui le tracce di un reato, è punito con la reclusione da due a sei anni.
La pena è aumentata se s'incolpa taluno di un reato pel quale la legge stabilisce la pena della reclusione superiore nel massimo a dieci anni, o un'altra pena più grave.
La reclusione è da quattro a dodici anni, se dal fatto deriva una condanna alla reclusione superiore a cinque anni; è da sei a venti anni, se dal fatto deriva una condanna all'ergastolo; [...]

Se chi ha attribuito al CICAP quelle frasi fosse andato in questura e lo avesse formalmente accusato di qualche reato (non vedo quale, ma non ha importanza qui), sarebbe calunnia. Chiaro ora?

Turz ha detto...

@Epsilon:
Tanto per tagliare la testa al toro, visto che tu (o Hanmar o chi per esso) potete facilmente risalire alle date di registrazione e dell'invio di commenti precedenti, potresti (se non è di disturbo), confermare che sono magari scemo ma comunque scemo originale? :-)

Intanto sarebbe axlman, non Hanmar.
Comunque, per quanto mi riguarda, Epsilon ha superato il Turz Genuine Advantage(TM).

Poi, come l'Epico ci insegna, dimostrare di essere fake è facile, dimostrare di non esserlo è virtualmente impossibile.

Turz ha detto...

@F7428476:
A malincuore ti cedo la piazza d'onore nella classifica dei commentatori più pignoli di questo blog.
Hai buone speranze di insidiare il primo posto all'autore di "2 + 2 non fa 4!"

Epsilon ha detto...

@ Motogio

Innanzi tutto un grosso grazie; l'articolo da te indicato è già di per esso molto interessante.
Solo per amor di precisione, puntualizzo che non era quello che avevo letto io poichè in questo si afferma:
"Si consideri ora l’uso dell’accento (e dell’apostrofo eventualmente) con i monosillabi che si scrivono con una sola vocale. L’accento si indica solo nei casi in cui occorra disambiguare il monosillabo per l’esistenza di un omografo"
Quello a cui mi riferivo io si spingeva un po' più in là sostenendo che l'omissione poteva avvenire anche quando il senso stesso della frase permetteva la non ambiguità del senso.
A rischio di attirare strali, devo dire che non riesco a muovermi molto bene col motore di ricerca dell'Accademia della Crusca per un'evidente mia carenza di conoscenza dei termini "tecnici" di ricerca; cercando infatti solo con termini semplici come accento, apostrofo, etc. i risultati ottenuti variavano da centinaia (quando presi singolarmente) a zero (quando cercati contemporaneamente)

Epsilon ha detto...

@ F7428476

Direi che la discussione sta trovando un suo naturale epilogo semplicemente perché stiamo chiudendo tutti gli argomenti che avevamo messo in tavola; il fatto che alcuni di essi si concludano con un "siamo d'accordo sul fatto che non siamo d'accordo" è comunque una soluzione indice di civiltà.

"Ecco sì, Epsilon, confida, confida nel discernimento altrui"

Come scritto sopra, se tu sostieni una cosa ed io il contrario (e nessuno dei due può provare di aver ragione) dobbiamo per forza confidare nel discernimento altrui; c'è chi penserà che io abbia commesso un errore e per superbia non sia pronto ad ammetterlo e chi penserà che abbia usato quell'espressione come iperbole (sempre che io non stia sbagliando figura retorica).
Io resto dell'idea che se dico che una persona è capace di cavare sangue da una rapa non per questo sto sostenendo che esistano brassicacee dotate di sistema circolatorio sanguigno.
La morale comunque è: io dico di aver usato un'iperbole; tu dici che sto cercando scuse e che ignoro il fatto che la quadratura del cerchio con riga non graduata e compasso è impossibile => ciascuno, rispetto all'idea che si è fatta di noi ora ed in passato, deciderà a chi credere.

"Apocope"
Grazie mille.

"Motogio ti ha dato una mano, per questa volta"
L'ho ringraziato ma giusto per curiosità, visto che non è l'articolo a cui mi riferivo io, tu saresti in grado di recuperare quello a cui mi riferivo e che sosteneva (come puoi leggere nei miei ringraziamenti a Motogio) una cosa leggermente diversa? Io non ci riesco per evidenti mie carenze nella terminologia da utilizzare come chiave di ricerca.

"A parte il fatto che l'esempio che porti di seguito sul CICAP non è calunnia, ma, se proprio si riuscisse a ravvisarvi un reato, sarebbe diffamazione"

"Se chi ha attribuito al CICAP quelle frasi fosse andato in questura e lo avesse formalmente accusato di qualche reato (non vedo quale, ma non ha importanza qui), sarebbe calunnia."

Hai sbagliato a scrivere calunnia nella seconda frase o diffamazione nella prima? O forse, senza scherzi, non ho capito io cosa tu intendessi?
Da ciò che mi posti sul codice penale sembra trattarsi di calunnia e non di diffamazione. Comunque sì: ignoravo le due definizioni legali.
Probabilmente sono stato poco chiaro ma intendevo sempre riferirmi alla vita di tutti i giorni senza entrare nell'ambito della legge che ignoro.

Ripeto la richiesta perché veramente non so dove sbattere la testa: un buon sostituto del De Mauro online?

Epsilon ha detto...

@ Turz, Hanmar e Axlman

"Intanto sarebbe axlman, non Hanmar"

ECCO! LO SAPEVO!!! :-)
Io per 'ste cose ho una memoria del piffero; non riesco mai a ricordare chi fa cosa o chi ha detto cosa...
Ecco perché avevo messo le mani avanti scrivendo "o chi per esso".

Per cui:
scuuuuusa ad Axlman
scuuuuusa ad Hanmar (a cui aggiungevo altri compiti oltre a quelli che ha già di suo)
graaaazie (per l'ennesima volta) a Turz; anche per avermi fatto sentire un po' più reale :-)
Iniziavo davvero a pensare di essere Ciriachi; Ciriachi a cui comunque mando un simpatico saluto: molto spesso non concordo con te ma che diamine!!! Sempre pronto ad accettare una birra offerta da te ;-)

Epsilon ha detto...

A propoooooositoo...
Paolooooo?!?
Ti diverti a fare il gatto sornione eh?!?
Lurki, gigioneggi sull'ambiguità del mio esistere o meno...
Ti sei forse scordato che io (a dirla tutta, mia moglie) sono il detentore dell'unica, vera ricetta della focaccia dell'amicizia?!?
Sai cosa stai rischiando?!?
:-)

ebonsi ha detto...

Il ragionamento che Juvix ha cercato di introdurre si chiama la "scommessa di Pascal", e costituisce una delle prime formulazioni coerenti della teoria dei giochi. Visto che avete tutti sentito parlare di google, non è necessario che faccia un copia/incolla o che cerchi di spiegarlo con parole mie.

Anonimo ha detto...

Per Turz

A malincuore ti cedo la piazza d'onore nella classifica dei commentatori più pignoli di questo blog.
Davvero io lo sono più di te? Lo ero una volta, da giovane, ma oramai... Un amico che non vedevo da anni si è messo a ricordarmi gli anni dell'adolescenza, "Ah sì, tu sei quello tutto pignolo...", e io subito "Ma va', figurati, non più!". E lui, curioso: "Ohibò: da quando?". E io: da 3 anni, 6 mesi, 18 giorni, 10 ore...

Hai buone speranze di insidiare il primo posto all'autore di "2 + 2 non fa 4!"
Mhmm, credo che il riferimenti sia a loro:
http://tinyurl.com/ybjwpho
Ma non ne so nulla qui sul Disinformatico: in che discussione ha commentato esattamente? Leggo tutte le notizie e molte discussioni allegate, ma non sempre fino in fondo; dipende se mi appassionano o meno.

Tu piuttosto, devo spiegare con esempi in che cosa consistono i leporeambi, gli gliommeri (o gliuommeri), i tecnopegni e le incarrighiane, solo quelle salaci, che tu comporrai come già hai composto commenti monovocalici? Puffolottiaccident mi ha chiesto di definirli. Ma forse lo sai da te, e in tal caso sarebbe superfluo, e rovinerebbe la sorpresa.

puffolottiaccident ha detto...

Attenzione: intervento non pikappa-zippato.

@Don, facevo una piccola prova.

"[Cosí] non si arriva da nessuna parte."

é nel repertorio dei venditori di aspirapolveri, come formula per provocare un regresso nell´interlocutore, ed assumere cosí qualcosa di simile dell´autorevolezza che un educatore si suppone dovrebbe avere per un bambino.

I dati a disposizione che esulano dai misteri della fede sono (prendo un attimo il pallottoliere a 100 colonne) 0

Altrimenti non si chiamerebbe fede.

Ma la sua risposta ha fermato un pensiero che sfarfallava nel mio cervello da un po´.


I punti (cogenti)che mi ha (credo inconsapevolmente) evidenziato sono questi:

Se gli individui di una razza gregaria si evolvono, anche il comportamento del gregge si evolverá in qualche modo.

Predatori e prede in relazione
mangiatore-> mangiato*
possono avere stili di locomozione diversa, ad esempio alcune prede dei gatti VOLANO.

Pensandoci su vedo che spesso le prede corrono in modo diverso dai loro inseguitori.

Ma comunque si evolvono parallelamente.

Ora, pensando ai trucchi dei ciarlatani, (pensati come: "comportamenti di un gregge") penso che in un futuro prossimo dovranno subire un´ evoluzione.

Le tecniche di demistificazione dovranno evolversi altrettanto.

Ma, i dati raccolti e il thread sul libro del turco, e finalmente la sua ultima risposta mi hanno dato un´idea, che forse vale niente o forse no.

Forse é possibile intercettare la prossima tappa evolutiva della ciarlataneria (magari persino forzarla) e accoglierli col guantone da baseball adatto.

Ora, ci sono delle enormi difficoltá a riguardo.
prendiamo ad esempio la foto della mosca da pesca.

Una contro obbiezione creazionista-islamista potrebbe essere:

"Tutti i pescatori sanno (ed é scritto in qualsiasi libro che tratti l´argomento) che i pesci d´acqua dolce fredda non mangiano cose sconosciute, ed é scritto in questi libri che la realizzazione di una mosca é considerata una sfida intellettuale contro il pesce per questo motivo, quindi l´insetto nella foto pur essendo di plastica deve rappresentare un vero insetto. Bravo é stato il turco a non far infilzare un povero insetto innocente, poiché l´islam aborrisce la violenza ("fine a sé stessa" verrebbe coperto col pollice)"**

Una risposta, che non é evoluzionista ma anti-creazionista potrebbe essere una foto di cosa si intende realmente per "mosca da pesca"

Una favolosa astrazione cubista di insetto che qualcuno incornicia ed appende al muro.

E ci si rende conto che non é possibile indovinare 1 cazzata su 10´000´000 che possono inventarsi i creazionisti, sciachimicisti, complottisti di ogni religione (compreso chi ipotizza che l´universo sia un programma informatico.)

Tuttavia, penso che sia possibile indovinare un processo generale che suggerisca senza grosso dispendio di Watt in ché direzione intendono andare.

Ad esempio frasi ripetute spesso, diversi tentativi di imporre il principio di autorevolezza.

Piú o meno percepisco il problema come per un bambino di 7 anni il disegnare un triangolo sapendo quanto lunghi devono essere i lati:Non so quale sia ma sono sicuro che c´é una soluzione, qualcosa che al momento potrebbe assomigliare ai consigli di Paolo Attivissimo su come prevenire turlupinature in generale, tenendo conto di come probabilmente potrebbero evolversi.

Ho riassunto in quello che mi sembra il modo piú conciso possibile il modo in cui la risposta di Don mi ha suggerito di mettere in ordine i miei appunti.

(continua)

puffolottiaccident ha detto...

(Continua)
E porta ad una risposta ovvia, risaputa anche dai sassi, e ripetuta 1000 volte da 999 persone ogni giorno in 1000 campi, io stesso lo dico almeno 3 volte al giorno in pizzeria: "Una difesa fissa non puó reggere indefinitivamente contro un attacco che si evolve."

é possibile, Don, che siano da rivedere e aggiornare costantemente TUTTI i prontuari compatti di sicurezza "spirituale".

E la restituzione é:

@Paolo Attivissimo
È possibile che i fattori di vacche cotogne (bufale) imparino a tener conto dei correnti consigli che vengono diffusi per proteggersi dai meccanismi dell´ingegneria sociale e della persuasione, nel caso ci sia successo nel rendere inefficace il loro operato tramite la diffusione dei correnti e questo lo sai giá.

Ritengo sia possibile trovare il modo di anticiparli senza ricorrere all´infiltrazione, utilizzando le nozioni correntemente note, ció in quanto le loro forme di ragionamento sono assimilabili ed emulabili senza rischi da piú o meno ogni persona.

*Puó anche andare in entrambi i sensi contemporaneamente, ad esempio i serpenti non disdegnano le uova di uccelli, i folpi e gli astici piú o meno ogni volta che si incontrano é zuffa, ed uno dei due diventa la cena dell´altro.

**Qualcuno é pronto a scommettere dei soldi che questo specifico argomento non salterá fuori detto da qualche sostenitore del turco?

Fine commento non pikappazippato

puffolottiaccident ha detto...

A proposito del turco e della sua offerta di un $acco di $oldi per chi gli porta un fossile che dimostri l´evoluzionismo:

Credo che possa suggerire la sua stessa malafede sul creazionismo stesso.

La sua richiesta penso sia impossibile da soddisfare in quanto anche nel corano si parla di Noé e della sua barca.

Allora, intanto nega implicitamente i sistemi di datazione

Quindi, dimostrare che sono esistiti animali che oggi non esistono piú non risolve il problema, e anche per gli evoluzionisti non dimostra da solo l´evoluzionismo.

Dunque non esiste un fossile che dimostri la validitá dell´evoluzionismo, la sua sfida é tipo sfidare a tagliare 5 centimetri d´acciaio in un minuto sfregandoci sopra un uovo senza romperne il guscio, e potremmo chiederci quanto la domanda abbia senso se uno "con una faccia simile" non ha svolto un ragionamento simile a questo.

Anonimo ha detto...

Per Epsilon

"Ecco sì, Epsilon, confida, confida nel discernimento altrui"

Come scritto sopra, se tu sostieni una cosa ed io il contrario (e nessuno dei due può provare di aver ragione) dobbiamo per forza confidare nel discernimento altrui; c'è chi penserà che io abbia commesso un errore e per superbia non sia pronto ad ammetterlo e chi penserà che abbia usato quell'espressione come iperbole (sempre che io non stia sbagliando figura retorica).

Non proprio: c'è anche chi conosce la lingua italiana: e quindi l'unica cosa da pensare è che se tu scrivi, come hai scritto, che in astratto una persona magari sa quadrare il cerchio, tu scrivi che tale persona magari è uno spostato. Né più, né meno. Non certo che sa spiegare concetti fuori dal comune, come forse era nella tua testa.
Se a un avvocato chiedo: «quanto tempo prevede per arrivare al terzo grado della causa per l'eredità?» e lui mi risponde: «Sarebbe più facile spiegare come fare la quadratura del cerchio!»: questo sì, è un adynaton con sfumatura iperbolica.

Io resto dell'idea che se dico che una persona è capace di cavare sangue da una rapa non per questo sto sostenendo che esistano brassicacee dotate di sistema circolatorio sanguigno.
Ah, lo vedi che alcuni modi di dire li sai usare correttamente? Non tutti, ahimè; ma se ti applichi...

...tu saresti in grado di recuperare quello a cui mi riferivo e che sosteneva (come puoi leggere nei miei ringraziamenti a Motogio) una cosa leggermente diversa? Io non ci riesco per evidenti mie carenze nella terminologia da utilizzare come chiave di ricerca.
Se ho ben capito, non c'è più: copio dal loro sito:
«Il forum di "Consulenza linguistica", attivo dal 30 settembre 2002 al 24 dicembre 2005, ha costituito uno spazio di discussione sulla lingua italiana messo a disposizione degli utenti del sito. In tale spazio, l’Accademia non ha mai inserito risposte od opinioni ufficiali, limitandosi a seguire lo svolgimento delle discussioni senza intervenire. La chiusura temporanea del forum, avvenuta per motivi economici, si trasforma adesso in una chiusura definitiva: l’esperienza, che ha riscosso molto successo, è considerata al momento conclusa...»
Anche se non lo dicono esplicitamente, l'archivio di quel periodo è perduto.

"A parte il fatto che l'esempio che porti di seguito sul CICAP non è calunnia, ma, se proprio si riuscisse a ravvisarvi un reato, sarebbe diffamazione"

Hai sbagliato a scrivere calunnia nella seconda frase o diffamazione nella prima? O forse, senza scherzi, non ho capito io cosa tu intendessi?

Io sbagliato?!? Ma hai letto il testo dei due articoli del codice penale?
Parafraso, e per l'ultima volta:
Nella lingua giuridica, la diffamazione consiste nel diffondere notizie in una cerchia di persone, sulla stampa, sul web, che ledono la reputazione di qualcuno. Spesso, ma non necessariamente, accuse di aver commesso fatti illeciti.
La calunnia avviene quando qualcuno, per qualsiasi motivo, davanti ad un ufficiale di polizia o alla procura accusa formalmente una o più persone di un determinato reato, appone la propria firma in calce all'atto di denuncia, e si viene a scoprire poi che tali accuse erano prive di fondamento. C'è anche il caso di calunnie commesse con lettere anonime, ma raramente hanno un seguito.
Ora mi chiederai: e se uno in pubblico ti insulta con: "Asino!". Quella è diffamazione o calunnia? Nessuna delle due: in lingua giuridica si chiama ingiuria, art. 594 del codice penale.

Probabilmente sono stato poco chiaro ma intendevo sempre riferirmi alla vita di tutti i giorni senza entrare nell'ambito della legge che ignoro.
E fai male: rischi, scrivendo, di creare molti qui pro quo.

Ripeto la richiesta perché veramente non so dove sbattere la testa: un buon sostituto del De Mauro online?
E spendere qualche euro per un dizionario cartaceo o, in alternativa, in CD-ROM o DVD-ROM? No eh?

puffolottiaccident ha detto...

Intermezzo umoristico.
Turz dixit:
"Poi, come l'Epico ci insegna, dimostrare di essere fake è facile, dimostrare di non esserlo è virtualmente impossibile."

Io rispondo: (anzi, diró di piú: "io risponde")

Nel libro "Io e gli altri", di una collana Disney per bambini c´é un paragrafo che cito piú o meno a memoria:
"quando un ospite in visita porta una scatola di cioccolatini (or such), non si aspetta certo che vi mettiate ad ingozzarvi, La buona educazione impone al padrone di casa di offrire al visitatore di prendere per primo un cioccolatino (or such) dalla scatola"
Ricordandomelo, qualche settimana fá ho pensato: "ah ecco, tanto per far qualcosa di nuovo li ho inorriditi con la mia leggendaria cafonaggine... bé, d´altra parte devo anche mantenere il "personaggio"."

Non so quanto sia dura far finta di essere me, Turz, ma trovo piuttosto agevole dimostrare di esserlo attraverso crittografie.

mogio ha detto...

"[Cosí] non si arriva da nessuna parte."

In pratica affermi che Harun Yahya ha preso il posto di Süleyman è che ha delle buone probabilità di uscirne vincitore grazie alla tattica della "mosca finta"?

Questa volta, forse, un fondo di verità c'è nei tuoi scritti, ma come tattica mi sembra alquanto "speranzosa".

Forse era meglio usare la tecnica "Chewbacca".

puffolottiaccident ha detto...

Motogio dixit.
"Questa volta, forse, un fondo di verità c'è nei tuoi scritti, ma come tattica mi sembra alquanto "speranzosa". "

No, direi che non mi sembra particolarmente "speranzosa" o azzardata.

Intanto é una buona base per una selezione di bersagli persino fra chi gli scrive per ridergli dietro.
Poche parole possono individuare una persona che ha risposto a dei "triggers" di un test.

puffolottiaccident ha detto...

O forse era: poche parole bastano ad individuare chi ha recepito a dei triggers di un test.

In pratica, si puó stabilire il grado ed il tipo di suggestionabilitá di una persona anche da una risposta ostile, e tenendone conto influenzarla in modo indiretto.

La "suggestionabilitá" é un meccanismo indispensabile alla sopravvivenza dell´individuo, sia in natura che nella societá umana.
Molti reietti e disadattati sono in realtá persone troppo poco suggestionabili per inserirsi nella societá.

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 400 di 851   Nuovi› Più recenti»