skip to main | skip to sidebar
74 commenti

Olocausto tolto dalle scuole in Gran Bretagna? [UPD 2010/02/02]

Appello per non dimenticare l'Olocausto


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sta circolando da qualche settimana una terribile presentazione Powerpoint, di nome Olocausto.pps, che rievoca gli orrori dello sterminio nazista con immagini terribili: quella qui accanto, per quanto agghiacciante, è una delle meno atroci.

Ne cito soltanto il testo, perché contiene almeno un errore importante, quello che ho evidenziato in grassetto, che ne annacqua l'importanza:

Sembra impossibile

Il generale Dwight D. Eisenhower aveva ragione quando ordinò che fossero scattate foto e realizzati documenti filmati. Esattamente, come è stato previsto circa 60 anni fa…Esattamente, come è stato previsto circa 60 anni fa…

È una necessità storica ricordarsi che, quando il comandante supremo delle forze alleate, generale Dwight D. Eisenhower, vide le vittime dei campi di concentramento, ordinò che fosse scattato il maggior numero di fotografie e che fossero fatti venire gli abitanti tedeschi delle vicine città per vedere la realtà dei fatti e che fossero costretti a sotterrare i corpi dei morti.

Il motivo, lui spiegò: “Che si abbia il massimo della documentazione possibile – che si realizzino registrazioni filmate – testimonianze – perché arriverà un giorno in cui qualche idiota si alzerà e dirà che tutto questo non è mai successo”

“Tutto ciò che è necessario per il trionfo del male, è che gli uomini buoni non facciano niente” (Edmund Burke)

Recentemente, il Regno Unito, ha rimosso l’Olocausto dai suoi programmi scolastici perché “offensivo” nei confronti della popolazione mussulmana che afferma che l’Olocausto non è esistito…

Questo è un presagio spaventoso sulla paura che sta attanagliando il mondo, e quanto facilmente ciascuna nazione si stia adattando

Sono passati più di 60 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Questa mail sta facendo il giro del mondo come una “catena”, in memoria dei 6 milioni di Ebrei, 20 milioni di Russi, 10 milioni di Cristiani e 1900 preti cattolici che sono stati assassinati, massacrati, violentati, bruciati e umiliati, quando Gran Bretagna e Russia guardavano in altre direzioni.

Adesso come non mai, con l’Iran (tra gli altri) che sostiene che l’Olocausto è un mito, diventa imperativo fare in modo che il mondo non dimentichi.

L’intenzione è inviare questa mail e che sai letta dal maggior numero di persone in tutto il mondo.

Aiuta a inviare questa mail, diventa un anello di questa catena, traducila in altre lingue se necessario

Non cestinarla. Ci vorrà solo un minuto del tuo tempo per inoltrarla.


Una volta tanto, questa è una catena utile a ricordare uno dei momenti più oscuri dell'umanità; uno di quelli che molti vorrebbero non fosse mai esistito e che anche per questo, oltre che per motivi ancora più patetici, negano sia esistito.

Ma è importante correggerne gli errori, perché diffondere una verità frammista a bugie è inaccettabile e rischia di rendere meno credibile l'intero messaggio. Non è affatto vero che il Regno Unito "ha rimosso l’Olocausto dai suoi programmi scolastici perché “offensivo” nei confronti della popolazione mussulmana che afferma che l’Olocausto non è esistito".

Come racconta con dovizia di dettagli l'impagabile Snopes.com, la storia gira almeno da metà aprile 2007 in inglese, e ne esiste anche una versione che la attribuisce all'Università del Kentucky perché qualcuno ha confuso la sigla UK di United Kingdom con quella della University of Kentucky. L'università ha dovuto pubblicare una smentita.

Aggiornamento: una lettrice del Disinformatico, Catia, segnala nei commenti qui sotto che esistono tracce di questa notizia errata risalenti al 2005 qui.

La versione riguardante il Regno Unito è fasulla perché in realtà l'Olocausto fa parte eccome dei programmi scolastici britannici. L'equivoco è nato probabilmente perché qualcuno ha interpretato male la segnalazione sul Guardian che un singolo dipartimento di storia di una singola scuola aveva tolto l'Olocausto dal proprio programma. Ma l'insegnamento dell'Olocausto è e rimane obbligatorio nel Key Stage 3 (studenti da 11 a 14 anni) nell'Inghilterra propriamente detta; nei programmi scolastici scozzesi, gallesi e nord irlandesi, invece, è facoltativo.

Maggiori dettagli sulla vicenda sono pubblicati in due articoli della BBC: Schools 'avoid Holocaust lessons' (2 aprile 2007) e Holocaust 'ban' e-mail confusion (17 aprile 2007). Il secondo articolo si occupa specificamente dell'appello in circolazione.

Allarme dunque infondato, ma l'appello fa bene a ricordare che il rischio di voler cancellare le verità scomode o troppo dolorose è sempre alto.


2010/01/21


L'appello ora sta circolando sotto forma di documento Word, denominato Olocausto.doc, e con una variante: la rimozione dai piani di studio scolastici sarebbe avvenuta "questa settimana".


2010/01/27


Urbanlegends ha un articolo sulla versione inglese dell'appello e ne sottolinea altre falsità e distorsioni ingannevoli: i "20 milioni di Russi" e i "10 milioni di Cristiani" citati dall'appello non sono attribuibili direttamente all'Olocausto.

L'Olocausto propriamente detto, infatti, è lo sterminio di circa sei milioni di ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale. E' vero che lo stesso programma di sterminio organizzato dalla Germania nazista uccise anche milioni di polacchi, iugoslavi, Rom, civili e prigionieri di guerra russi, disabili, omosessuali, massoni, Testimoni di Geova e attivisti politici; ma non uccise "20 milioni di Russi". Le stime parlano di un bilancio comunque terribile (dai due ai tre milioni di russi), che non ha alcun bisogno di essere ingigantito falsamente.

Lo stesso vale per i "10 milioni di Cristiani": non è chiaro chi si intenda indicare con questo dato, né da dove siano stati presi questi numeri.

Che bisogno c'è di inventare cifre, quando bastano i numeri veri di questa atrocità?
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (74)
Ciao Paolo.

Questo appello contiene un secondo errore, a mio avviso ben più grave di quello che hai illustrato perchè testimonia che la memoria dell'olocausto è stata già in parte corrotta.

Quando si sente parlare di olocausato o si guarda uno dei tanti film a tema viene subito da pensare esclusivamente agli ebrei, dimenticandosi quasi sempre che gli ebrei non erano i soli ad essere perseguitati. Il progetto di pulizia etnica di Hitler ha portato allo sterminio di milioni di slavi, centinaia di migliaia di Rom, omosessuali e portatori di handicap.

Purtroppo dello sterminio degli slavi e dei Rom non si parla praticamente mai. Dimenticati dal sentire comune oramai rimangono solo presenti (per fortuna) nei documentari e nei libri di storia; vittime di serie B di una tragedia che a forza di "Per non dimenticare..." sembra sempre più diventare appannaggio di un unico popolo.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
La menzogna piu' grave e' fatta passare di nascosto.
Nel messaggio si afferma che i musulmani neghino l'olocausto, cosa ovviamente falsa.
Ricordiamo l'olocausto, ricordiamo gli altri genocidi di Hitler, ricordiamo gli altri genocidi anche in anni piu' recenti.
Ma cerchiamo anche di impedire futuri genocidi, riconoscendo e sbugiardando messaggi (anche impliciti) che creino odio tra popoli, religioni e chissa' cos'altro.
Mazzolator,

Non tutti i musulmani negano la realtà storica dell'Olocausto, ma se non erro ci sono alcune voci importanti che lo fanno. Ahmadinejad indice conferenze negazioniste, per esempio, e definisce "un mito" l'Olocausto.

Non ho voluto calcare la mano sulla citazione dei musulmani nell'appello perché è secondaria rispetto alla bufala principale, ma si può approfondire, se vuoi.
Paolo,
Dire che non tutti i musulmani neghino l'olocausto e' come dire che non tutti i cristiani siano pedofili.
Entrambi sono estremi understatement, giusto?
Sebbene ci siano degli esempi eclatanti (e rivoltanti), non e' corretto estendere il giudizio ad interi popoli o addirittura religioni ce ne corre.
O se vuoi stare sulle opinioni, non tutti i cristiani sono creazionisti, eppure ne trovi.
Non sono affatto convinto che l'attacco ai musulmani sia secondario in questa bufala, ma anzi e' lo scopo (o altrimenti, dobbiamo pensare che esistano in Italia organizzazioni che predicano l'odio per gli inglesi, o gente che sia terrorizzata dagli inglesi).
Prova un po' a cambiare prospettiva, ed immagina che in India in questi giorni giri un'email come questa (e' un esempio, la sto inventando, ma immagina):

***
Attenzione, nel Bangla Desh e' stato abolito l'insegnamento dell'evoluzione, per rispetto verso i cristiani che la negano
***

Considerato il momento storico, riterresti piu' probabile che il messaggio sia stato creato per creare odio verso il Bangla Desh, o verso i cristiani, che stanno subendo persecuzioni e violenze?
Prima e durante le persecuzioni, arrivano sempre le campagne d'odio, che possono essere piu' o meno sottili.
Scusa ma a me leggendo sorge un altro dubbio... le cifre. I sei milioni di ebrei vittime dell'Olocausto ok. Ma che senso ha parlare di dieci milioni di cristiani e venti milioni di russi morti mentre l'Inghilterra stava a guardare? Anzitutto quali dieci milioni di cristiani? Le vittime civili e militari della seconda guerra mondiale? Solo quelle tedesche erano nove milioni, quindi la cifra dovrebbe essere più alta in caso. Il punto è che il testo lascia intendere che siano morti nei campi di concentramento, o almeno io lo intendo così. I venti milioni di russi sono le vittime civili e militari dall'inizio dell'operazione Barbarossa. In quel momento però l'Inghilterra era in guerra con la Germania da due anni quindi non stava esattamente a guardare. Insomma ci sono messaggi velati in questa mail che mi fanno un pò pensare.
Saluti.
Non sono affatto convinto che l'attacco ai musulmani sia secondario in questa bufala, ma anzi e' lo scopo

E' possibile. Ma io non posso basarmi sulle ipotesi o le sensazioni. Se approfondirai la questione leggendo gli articoli linkati, noterai che citano situazioni in cui si è evitato di toccare l'argomento per non avere problemi con alcune comunità. Questo è un dato di fatto.

C'è anche il dato di fatto di Ahmadinejad, al quale non mi sembra tu abbia risposto.
Su Ahmadinejad ho risposto, mi sembra, chiamandolo esempio eclatante e rivoltante [di negazionismo].
Ma e' uno, ed anche se tutti gli Iraniani diventassero negazionisti (ed i pochi che conosco non lo sono) non sarebbero "i musulmani".
Le bufale non viaggiano da sole, ma hanno bisogno di un carburante (odio, sesso o soldi) e di un lubrificante (paura oppure sesso).
Ah, scusa, non avevo capito che quelle tue parole erano riferite ad Ahmadinejad.

Certamente non è corretto fare di tutt'erba un fascio e non intendo farlo come fa invece l'appello. Ma è abbastanza inevitabile farlo quando un personaggio di spicco, rappresentante di una nazione, fa il negazionista e il suo popolo non ha modo di dire "ehi, calma un attimo, noi ci dissociamo".
Certamente non è corretto fare di tutt'erba un fascio e non intendo farlo come fa invece l'appello. Ma è abbastanza inevitabile farlo quando un personaggio di spicco, rappresentante di una nazione, fa il negazionista e il suo popolo non ha modo di dire "ehi, calma un attimo, noi ci dissociamo".


Come con certe sparate del Papa...
mi sa che mazzolator ha ragione.
Scusami Paolo ma ti faccio presente che il signor Ahmadinejad è sciita mentre il 90% dei musulmani sono sunniti.
Sostenere che le sue opinioni rappresentino il mondo arabo è come dire che i cristiani rifiutano le trasfusioni di sangue perché le rifiutano i Testimoni di Geova.
il signor Ahmadinejad è sciita mentre il 90% dei musulmani sono sunniti.

Scusa la battuta da ateo: complimenti per il bizantinismo :-)

Adorano forse un Allah differente? Uno dei due è "più musulmano" dell'altro gruppo?

Certe cose guastano il buon nome delle religioni.


Comunque non ho detto che le sue opinioni rappresentano il mondo arabo. Sono comunque le parole di un esponente politico di spicco che rappresenta il suo paese.

Un Prodi o un Berlusconi che andassero in TV a negare l'Olocausto non infangherebbero la reputazione dell'Italia intera, non credi?
O un Ministro della Difesa che andasse glorificando i repubblichini offenderebbe la memoria dei Partigiani e di coloro che sono morti per liberare l'Italia dai nazisti.

Saluti
Hanmar
Un Prodi o un Berlusconi negazionisti infangherebbero l'Italia sicuramente.
Ma basterebbe questo a far dire che i cristiani sono negazionisti? Io penso di no.
Italia:Iran=cristiani:musulmani
E se bastasse adorare lo stesso Dio per avere la stessa religione, dovremmo dire che le religioni "del libro" (cioe' la Bibbia) sono tutte uguali: cristiani, musulmani ed ebrei di ogni sorta.
E purtroppo, non solo le religioni possono essere pretesto (bada bene, non dico motivo) di guerra, ma anche che quelli che tu chiami "bizantinismi".
Come ha fatto giustamente notare Mazzolator, per questi bizantinismi la gente si ammazza da millenni.

ps: sono Ateo anch'io :-)

Hanmar ha detto...

O un Ministro della Difesa che andasse glorificando i repubblichini offenderebbe la memoria dei Partigiani e di coloro che sono morti per liberare l'Italia dai nazisti.


Stessa offesa a coloro che sono morti per la nostra libertà da parte del sindaco di Roma che fa bizantinismi su Mussolini e il fascismo
http://voglioscendere.ilcannocchiale.it/post/2012134.html

Magari l'avete già letto.
Bufala o verità?
@fabio:

la fonte non è quel che si dice una fonte imparziale eh :)

@tutti:
quel pps, che ricordo di aver spedito a paolo appena ricevuto, mi ha fatto un brutto effetto.
Mi è sembrato subito strumentale e quando lo strumento è una foto di cadaveri rinsecchiti ammucchiati l'indignazione diventa inevitabile.
Insomma è finito subito nel cestino, inutile e dannoso. Altre pagine, di ben altro valore, sono state scritte per ricordare degnamente le atrocità dell'uomo sull'uomo.
Giustissimo, ci sono molti altri modi più intelligenti per ricordare quello che è accaduto. Per inciso, eccone uno: proprio in questi giorni cade il triste settantesimo anniversario delle leggi razziali fasciste (Regio D.L. del 5 settembre 1938 - «Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista» - e Regio D.L. del 7 settembre - «Provvedimenti nei confronti degli ebrei stranieri»). Anche noi abbiamo fatto la nostra parte, ahimé.
Sicuramente non tutti i Musulmani negano la Shoa, ma tutti i gruppi di estremisti islamici si.
L'appello non credo volesse riferirsi a tutta la comunità Islamica mondiale, l'episodio è citato(male) come esempio della crescente superficialità della memoria, non vedo altri riferimenti che possano far passare la catena come un attacco xenofobo contro i Musulmani.
per Drakkar: ho postato il link per capire se qualcuno ne sa qualcosa, se è una bufala o meno.

La fonte non sarà imparziale ma Paolo insegna che non possiamo smentire una bufala dicendo "mah dai guarda chi l'ha scritta", bensì bisognerebbe indagare e provare che lo è.

Io chiedevo questo.

Ciao
Citare il massacro di "Preti Cattolici" , dandovi rilevanza nell' elenco, come se questi valessero piu dei rabbini o dei pastori protestanti o di una qualsiasi persona laica, dimosta che l'articolo è vaticano-centrico e un manipolativo anchesso, ed è cosa fuori luogo visto il silenzio imbarazzante della chiesa di Roma durante l'olocausto....
Avete notato che in nessuna parte di questa mail compaiono le parole Hitler, nazismo, fascismo, Germania, Auschwitz, Dachau. Non è una strana dimenticanza?

Sbaglierò, ma mi pare che lo scopo principale dell'autore non sia quello di preservare la memoria storica
@fabio:

sì sì era solo una battuta!
Nei blog leggo spesso, e questo è il caso presente, commenti sensati e ragionati, qualche volte con qualche inesattezza (il rapporto Sciiti-Sunniti si è capovolto negli ultimi decenni e non è più 10-90) ma desidero ricordare che i sindaci e i ministri "nostalgici" sono stati votati da una qualificata maggioranza di elettori e forse proprio in virtù delle promesse sulla sicurezza (che hanno presentato come pulizia etnica). A Roma, meno di 24 ore dopo l'elezione del nuovo sindaco, c'erano le carovane di Rom che lasciavano la città... Non meravigliamoci quindi se fanno dichiarazioni in grado di far rabbrividire mezzo mondo,gli Italiani - orbi - li hanno votati!
E che c'entra il presidente dell'Iran con il mondo Arabo?
Qualcuno forse pensa che iran e iraq sono paesi arabi?

Santa Pazienza, non pensavo di trovare tanta ignoranza qui sul blog di Paolo...
"Questa mail sta facendo il giro del mondo come una “catena”, in memoria dei 6 milioni di Ebrei, 20 milioni di Russi, 10 milioni di Cristiani e 1900 preti cattolici che sono stati assassinati, massacrati, violentati, bruciati e umiliati, quando Gran Bretagna e Russia guardavano in altre direzioni".

Non ho compreso come sia possibile che 20 milioni di russi siano morti mentre la Russia non guardava. Inoltre in matematica non mi sembra molto afferrato, o gl'ortodossi Russi non sono cristiani?

Nota a margine;
Anche i riferimenti a Dwight David "Ike" Eisenhower sono completamente errati.

Furono le truppe russe il 27.01.1945 a liberare Auschwitz e a filmare le atrocità.

Fu il generale Taylor ad ordinare agl'abitanti di Landsberg, il 30.04.1945 (o l'01.05.1945 non ho un riferimento più preciso) , di mettersi i loro migliori abiti e di seppellire le vittime del campo di concentramento di Buchloe.

Troppi errori per voler ricordare "la storia" ma abbastanza per aizzare l'odio contro i mussulmani (come se non c'è ne fosse a sufficienza).
Qualcuno forse pensa che iran e iraq sono paesi arabi?
L'iran no, lingua farsi e stirpe di origine indoeuropea, ma ho sempre considerato l'iraq un paese arabo.
Ho ricevuto questa mail da una persona che pur non vedendola da anni continua a mandarmi quotidianamente solo catene. Seleziona quelle che ritiene davvero interessanti ed utili (ha smesso per fortuna di inviare le stupidaggini più clamorose) ma per me rimangono catene di Sant'Antonio piene zeppe di inesattezze, anche se un po' più sofisticate; per questo non le rimando MAI.
Inesattezze che sono tanto più gravi tanto più importante è il soggetto scelto per diffondere la lettera.
In questo caso l'argomento shock Olocausto, da tutti profondamente sentito, è utilizzato per infondere, surrettiziamente, un sentimento tutt'altro che antirazzista ma, anzi, islamofobo! Diffondere la falsa notizia che "i Musulmani rinnegano l'Olocausto", quasi come se fosse un diktat della religione Islamica, è una castroneria da Bar Sport ed è, ahimè, uno dei tanti segnali della intolleranza e della xenofobia dilaganti (rimando al morto ammazzato di domenica mattina a Milano, preso a sprangate per un presunto pacco di biscotti rubato).
Per questo motivo giudico il messaggio in questione assolutamente negativo e fuorviante.

Francesca
guardate cosa ho trovato
i Giusti dell'Islam
http://it.youtube.com/watch?v=FthRZTtlLn8
A me oggi è arrivata una versione leggermente differente: non parla più di preti cattolici e al loro posto cita zingari e omosessuali.
Per il resto sembra uguale.
Scusate, avendo ricevuto stamattina la mail col doc pieno di foto e commenti sull'olocausto "cancellato" dai programmi scolastici inglesi, ho cercato sul web delle info e ho scovato questo sito http://www.lisistrata.com/2005deborahfait/012cancellarelolocausto.htm che risalirebbe al 2005. Mentre da questo commento di Paolo emerge che si tratterebbe del 2007. Sempre per essere precisi, ma si puo' scoprire qual e' l'anno giusto in cui e' partita questa bufala? Grazie
Grazie Catia, ho aggiunto la tua segnalazione all'articolo.
oltre ad ebrei rom e omosessuali sono stati uccisi centinaia di migliaia di oppositori di tutta Europa oltre che russi e slavi: partigiani resistenti, socialisti, comunisti e cattolici e di questi non se ne parla più, forse per rimozione, forse per una forma di revisionismo, forse anche per timore di passare per "comunisti", categoria in cui, guarda caso, vengono collocati oggi tutti gli oppositori, dell'attuale potere politico, come in un campo di concentramento ideologico, per il momento.
@ Paolo Attivissimo

prova a considerare anche il buon Lefebvre, riabilitato dal Vaticano...
siamo i primi negazionisti noi, con le radici giudaico cristiane, my friend.
C'è un Però. La notizia esiste.

http://archiviostorico.corriere.it/2007/aprile/27/Emotivo_controverso_Niente_Olocausto_scuola_co_9_070427134.shtml
La notizia esiste

Grazie della segnalazione. Coincide appunto con quanto ho scritto: è falso affermare che "il Regno Unito ha rimosso l’Olocausto dai suoi programmi scolastici".

Lo hanno fatto alcune scuole. Non l'intero Regno Unito.

Ciò non toglie che a mio parere abbiano fatto malissimo, ma qui devo attenermi ai fatti.
Bravo!
…anche i numeri non tornano.
Nulla toglie al fatto storico: 6 milioni di ebrei in una strage multiraziale che comprende i gruppi etnici Rom e Sinti (i cosiddetti zingari), comunisti, omosessuali, malati di mente, Pentecostali (classificati come malati di mente), Testimoni di Geova, Sovietici, Polacchi ed altre popolazioni slave (detti nel complesso Untermenschen).
Aggiungendo anche questi gruppi, il dato che gli storici riportano è una stima tra i dieci e i quattordici milioni.
Non i 36 milioni di cui si parla in quel documento!
Non risultano i cristiani! Men che meno i 10 milioni riportati.
Certamente ci saranno stati, tra prigionieri di guerra e tra le altre categorie, ma l’entità è ben diversa.
I sacerdoti? Non ne so niente se non che ce n’è stati. Non credo così tanti, ma non ho dati da riportare.
Camuffare i dati con false informazioni, di cristiani e cattolici, esprime “fanatismo” da parte di chi li ha scritti e istigazione ad altrettanto odio.
Non dimentichiamo che le stragi etniche nascono dal fanatismo.
Non dobbiamo temere ciò che è già stato fatto, ma chi potenzialmente potrebbe farlo di nuovo.
Il passato non va dimenticato, ma fortunatamente è finito. Il presente ed il futuro sono comunque più importanti!
Mi disturba, invece, che dimentichiamo una strage ancor peggiore. Quella di Pol Pot in Cambogia.
In tre anni e mezzo e in tempi ben più recenti (1975/1978) ha sterminato il 50% della popolazione, con modi ancor più violenti (se possibile) di quelli adottati dai tedeschi. Quasi tutti per rottura del cranio col piccone. Oltre a torture indicibili, ecc. Pol Pot non voleva che venissero spesi soldi.
Per dare l’idea della strage, è come se in Italia venissero sterminati in meno di 4 anni, a picconate, 30 milioni di persone.
Solo pochi adulti sono rimasti vivi, di tutta la popolazione. Il resto ragazzini.
Pol Pot e i suoi Khmer rossi furono sconfitti, non dall'Occidente, ma dal Vietnam che, approfittando dei massacri che avevano spopolato la zona Est della Cambogia, invasero il paese e deposero i khmer.
La vergognosa cecità dell'Occidente, allora, fu di schierarsi a favore dei khmer rossi perché, secondo esso, chi li stava sconfiggendo, era un nemico ancora più pericoloso: il Vietnam (solo perché rappresenta, per l’occidente, il ricordo di una sconfitta, senza approfondire l’ottusità e l’inutilità di chi ha fatto quella guerra)
Nei secoli ci sono state tantissime stragi e restano solo nella memoria storica. C’è del giusto nel dimenticarne, non la storia, ma il dolore e la responsabilità. Nel caso della Cambogia non siamo nella storia. Sono i tempi che abbiamo vissuto. Li abbiamo già rimossi, se non addirittura ignorati.
Paolo, c'è un errore di battitura. Nell'aggiornamento di oggi hai scritto "alcuni bisogno".

Ciao
Grazie Hammer, ho corretto.
Le "catene" con allegati pieni di notizie senza fondamento e senza riscontri attendibili, che spacciano le più incredibili baggianate come se fossero verità acclarate sono una dei mezzi più pervasivi per diffondere credenze sbagliate e leggende metropolitane.
Arrivano nella cassetta postale della mail dell' ufficio e senza poter fare alcun controllo su internet ( due minuti a leggere la mail si possono spendere, ma non di più ) l' ignaro impiegato "se la beve" e dissemina la mail a tutti gli amici e conoscenti.
Ricordo mail del genere circa l'auto ad aria compressa o sulle scie chimiche, che avevano fatto venire "dubbi cospirativi" a persone altrimenti ragionevoli.

Detto questo, nel caso in questione, pur con tutte le imprecisioni storiche e pur non essendo coinvolta tutta la Gran Bretagna, a quanto pare E' COMUNQUE SUCCESSO CHE L' OLOCAUSTO VENISSE CANCELLATO DALLE LEZIONI DI UNA SCUOLA PER PIAGGERIA VERSO STUDENTI MUSULMANI ...o forse ho capito male ?

Ma vi rendete conto conto che sarebbe una cosa comunque gravissima, anche se fosse successa solo una volta ?
Talmente grave che forse è meglio una catena che dice una mezza verità che il silenzio.

La Gran Bretagna non è nuova a questi cedimenti ... dai foulard per le donne poliziotto ( di qualunque religione) da mettersi in testa quando entrano in un quartiere ad alta densità d'islamici ad altri casi ancora ...
Una mia amica che lavora in una università scozzese mi ha raccontato che ad uno studente è stato negato l' accesso ad un corso di prefezionamento perchè si erano già iscritte alcune ragazze musulmane che avevano espresso il "desiderio" di non avere studenti uomini come compagni di corso.
Spiace, ma questo è l' andazzo in Gran Bretagna
Talmente grave che forse è meglio una catena che dice una mezza verità che il silenzio.

No. Usare le mezze verità significa usare gli stessi squallidi mezzi dei negazionisti che si vuole contrastare.

La notizia va riportata per quella che è: ci sono alcune scuole che hanno scelto di non insegnare l'Olocausto perché temono di urtare le sensibilità di alcuni membri della comunità. Già questo è vergognoso a sufficienza.
Infatti non a caso Paolo ho detto "forse è meglio una mezza verità..."

Ma pensandoci bene il mio sdegno non nasceva tanto dal fatto che un gruppo di pressione "X" voleva negare l' Olocausto, quanto era rivolto contro l'ennesima dimostrazione di accondiscenza verso i musulmani.

Ma questa, effettivamente, è un' altra (spinosa) storia.
Ciao, è la prima volta che vi leggo e volevo ringraziarvi perchè è un blog molto interessante, non ne posso più di tutte ste cazzate che ottundono la mente di persone brave ma credulone....vorrei però precisare che il genocidio khmer ha riguardato, nelle stime peggiori, un terzo della popolazione, non metà, e per la maggior parte a causa di imbecillità pura, morti per fame e malattie in uno dei paesi più ricchi di cibo al mondo (prima dei khmer rossi).
Delle vittime, solo una modesta parte è stata provocata intenzionalmente, in modi effettivamente simili ai nazisti, anche senza raggiungere la loro "scientificità".
Almeno, è quanto mi risulta, poichè ho montato recentemente un documentario su Duch, capo del campo di sterminio s21, e mi ero documentata per l'occasione leggendo diversi libri.
@Andrea B:
Spiace, ma questo è l' andazzo in Gran Bretagna

Penso che Paolo sappia meglio di me e di te quale sia l'andazzo in Gran Bretagna.
già... per non parlare delle virgole (nella frase in grassetto). Cmq ultimamente c'è la moda di "virgolettare" così anche tra i giornalisti!

***

non ho capito una cosa:
"Le stime parlano di un bilancio comunque terribile (dai due ai tre milioni di russi), che non ha alcun bisogno di essere ingigantito falsamente."

quello che so è che nella seconda guerra mondiale sono morti http://en.wikipedia.org/wiki/World_War_II_casualties un bel po' di russi... più di 3 000 000 sicuramente.

Ma forse tu intendevi stermini "interni alla germania", cioè i nazisti avrebbero sterminato dei russi allo stesso modo degli ebrei? oppure hanno ucciso prigionieri di guerra? non ho capito questa frase!

grazie!
@ fabrizio

"In tre anni e mezzo e in tempi ben più recenti (1975/1978) ha sterminato il 50%[sic] della popolazione, con modi ancor più violenti (se possibile) di quelli adottati dai tedeschi. "

ehm... forse è meglio anche per te documentarsi un po' sui numeri...
@ Turz
"Penso che Paolo sappia meglio di me e di te quale sia l'andazzo in Gran Bretagna."

E allora ?

Possiamo avere, sia tu che il sottoscritto, una opinione sulla materia, oppure no ?

Personalmente credo che in UK i rapporti con la comunità musulmana siano gestiti dalle autorità nella peggiore maniera possibile, e cioè in una ottica di accodiscendenza totale, per la quale la "cultura" locale deve cambiare e quindi, in certo senso, sottomettersi, mentre gli islamici possono conservare i loro usi e costumi intatti a casa d'altri.
Ci sono esempi, come quelli che citavo nel mio intervento precedente ed altri casi ancora, come l' istituzione di tribunali speciali dove si applica la sharia e non la common law inglese, o certi di tipi sussidi pubblici anche per le seconde mogli.
Ma in ogni caso qui si parla dell' Olocausto e dei tentativi di affossarne il ricordo, non della situazione degli islamici nella società occidentali...
Il corriere.it ha ancora un articolo che indica l'inghilterra colpevole di avert tolto da alcune scuole l'insegnamento dell'olocausto.

Ho mandato mail per informarli, ma non riesco a fare il copia e incolla del link.
Lo faccio a mano, spero di non sbagliare:

Olocausto dal Corriere.it
Egregio Amico Paolo,

la cosa che mi manda in bestia è sempre il fatto che la violenza debba per forza essere di un unico colore. La violenza e la crudeltà non hanno mai un colore sono violenza e crudeltà e basta.-
Il fatto dei milioni di Russi è vero, ma soprattutto per le PURGHE staliniane e in questi milioni di russi ce ne sono pare 10 milioni morti di fame e di stenti.- Lo stesso parliamo pure per i crimini di Mao Tse Tung, di O chi Min,m della Tien hammen, di Saddam Hussein e parenti accoliti, e mettiamoci pure anche Bin Laden, l'ex Ayatollah Komeini che ne ha ammazzati a migliaia, per futili motivi, e il figlio che ne segue le orme, maledetto anche lui, Kamenei.-

La violenza non è solo di un colore. E per puro caso questa bufala è uscita fuori adesso che siamo forse prossimi alle Elezioni ed è uscita proprio il giorno della Memoria. Non le pare strano?

Mauro, Genova anni 62
Ciao Mauro,

no, non mi pare strano: è normale che queste storie riemergano in occasione delle ricorrenze. Succede per l'11 settembre, succede per lo sbarco sulla Luna.

Sono storie che non vanno mai via, restano sopite in attesa di risvegliarsi al primo scossone.
Scusate ...c'è un qualcosa che nel ragionamento degli ultimi due post che non mi quadra.

Avere propalato la notizia che, IN TUTTA la Gran Bretagna, l' insegnamento nelle scuole dell' Olocausto è stato ufficialmente cancellato è certamente scorretto, perchè, a quanto pare, questa vergognosa situazione è accaduta solo in alcune scuole e per iniziativa personale di alcuni professori.
Se le cose stanno così, questa bufala può essere definita anti-islamica ed al massimo anche anti Sua Maestà britannica.

Ma certamente non la si può criticare di essere "negazionista" dell' Olocausto !
Al limite, affermando cose non vere (solo in parte, perchè qualche caso c'è stato), si potrebbe dire che rende un cattivo servizio al ricordo di quegli eventi, ma francamente non vedo, in questo powerpoint, una volontà anti semita ... semmai tutt' altro !
@raffaella - commento 45
- "... solo una modesta parte è stata provocata intenzionalmente, in modi effettivamente simili ai nazisti, anche senza raggiungere la loro "scientificità"."


La ringrazio per avere espresso il concetto di "scientificità".

E' questa infatti la base che costituisce l'unicità della Shoah:
la pianificazione scientificamente e tecnologicamente programmata per raggiungere l'obiettivo della "soluzione finale".

Ancorché non utilizzata esclusivamente nei confronti degli ebrei.

Mi sono permesso di esprimere alcuni pareri e considerazioni personali nell'altra discussione, parallela e sullo stesso argomento.

Mi sono reso conto che è diffusissima la convinzione che sia legittimo e produttivo ragionare in termini numerici e, quasi, concorrenziali:
- io ho avuto due milioni di morti e merito
- no, merito di più io che ho avuto tre milioni di morti
- anche loro hanno avuto tre milioni di morti,
quando invece l'unico scopo del ricordare, dell'avere Memoria, è quello di impedire che l'Uomo possa ricadere nello stesso abominio.

Si dice
- "chi salva un Uomo, salva il Mondo"
parafrasando si potrebbe dire che
- "chi programma scientificamente l'eliminazione di anche solo venti Uomini, uccide il Genere umano".

Credo davvero che se non si riesce a comprendere e metabolizzare questo concetto, sarà sempre aperta la possibilità per l'Uomo di ricascarci.
@Andrea B.

Al limite, affermando cose non vere (solo in parte, perchè qualche caso c'è stato), si potrebbe dire che rende un cattivo servizio al ricordo di quegli eventi, ma francamente non vedo, in questo powerpoint, una volontà anti semita ... semmai tutt' altro !

Infatti non è antisemita ma islamofobica.

cit: Recentemente, il Regno Unito, ha rimosso l’Olocausto dai suoi programmi scolastici perché “offensivo” nei confronti della popolazione mussulmana che afferma che l’Olocausto non è esistito…

Si sfrutta una tragedia per giustificare un isterismo.
Granmarfone, piú che altro immagino si parli del concetto che "quelli che uccido io erano dei farabutti assassini/affamatori della mia gente, quelli che uccidi tu fra una sgozzata e un´altra erano padri di famiglia",
ed é quello che andrebbe accantonato.

Se si neutralizza l´aggressore, si ferma la violenza da entrambi i lati*, se si cattura e consegna la vittima si raddoppia il sopruso.

*Circa, poche cose sono piú disgustose di un mite che si rende conto che il bullo é fatto di carne e sangue e non acciaio e boro... e fissa un tasso di interesse a 5 cifre quando finalmente lo piglia a calci da qua a pechino.
Andrea B. ha commentato:


"Personalmente credo che in UK i rapporti con la comunità musulmana siano gestiti dalle autorità nella peggiore maniera possibile, e cioè in una ottica di accodiscendenza totale, per la quale la "cultura" locale deve cambiare e quindi, in certo senso, sottomettersi, mentre gli islamici possono conservare i loro usi e costumi intatti a casa d'altri.
Ci sono esempi, come quelli che citavo nel mio intervento precedente ed altri casi ancora, come l' istituzione di tribunali speciali dove si applica la sharia e non la common law inglese, o certi di tipi sussidi pubblici anche per le seconde mogli.
Ma in ogni caso qui si parla dell' Olocausto e dei tentativi di affossarne il ricordo, non della situazione degli islamici nella società occidentali..."

Giusto per informazione ma, no, non è vero. Qui la legge occidentale vince ancora contro la sharia, la mia ragazza può girare ancora a capo scoperto ed io non ho una seconda moglie (sai che fatica avere due suocere).
Nodens dixit:
"Qui la legge occidentale vince ancora contro la sharia"

Esatto, capo: "ancora"

Granmarfone, la frase esatta é: "chi uccide un uomo INNOCENTE é come se avesse ucciso tutto il mondo".

Poi quando si dice che tutti dovrebbero interiorizzare il concetto, sorge la domanda: chi é innocente e chi no?

Tornando alla sua domanda sull´affiliato dell´UCOII che ha parlato del giorno della memoria,

La persona in questione aveva detto che la giornata della memoria avrebbe dovuto ricordare oltre agli ebrei tutte le categorie di cittadini tedeschi che il nazismo ha mandato nei campi di concentramento, includendo i musulmani nell´elenco.

Hitler era alleato "dei musulmani", cosa che viene un po´ tralasciata nei libri di storia.
Se avesse intenzione di occuparsene in seguito non ci é dato saperlo perché il suo piano é stato interrotto, ma l´errore stava* nel fatto che se ci fossero stati dei musulmani in un campo di concentramento nazista o appartenevano ad una delle altre categorie (omosessuali, handicappati...) oppure erano parte del personale di guardia insieme ai tedeschi (o definiti tali dai confini dei territori conquistati).

Per il resto, aveva dichiarato che oltre allo sterminio nazista andavano ricordati anche i massacri colonialisti ai danni degli africani, dei nativi americani, ci ha infilato una colorita denuncia al turismo sessuale di stampo pedofilo, ma anche qui un dettaglio é stato tralasciato (ed anche nei libri di storia viene tralasciato): i musulmani catturavano e disponevano di schiavi come gli europei, non é vero che nei paesi islamici tale pratica é sempre stata sconosciuta.

La nozione sul fatto che i musulmani si procurassero schiavi nei paesi africani (ed eventualmente li rivendessero agli europei) non viene insegnata dettagliatamente in quanto é poco cogente con la storia europea, (come ad esempio l´epoca Sengoku in Giappone.)

Ora, anche il paragrafo che segue contiene un errore:

"E' questa infatti la base che costituisce l'unicità della Shoah:
la pianificazione scientificamente e tecnologicamente programmata per raggiungere l'obiettivo della "soluzione finale". "

Non direi che é unica. Ringraziando chi sta attento é l´unica che é andata secondo i piani prestabiliti per un certo tempo.
Quello che Angela Merkel deve aver detto a tale riguardo ad Ahmadinejad a suo tempo... temo che se fosse reso pubblico non passerebbe la censura neanche al porto di Genova. Il problema del "povero" mahmoud é che non ha i propri bersagli per le mani.

Poi, in che altro modo definire gli operai di certe ditte presenti anche sul suolo italiano se non "schiavi" proprio non lo so, ma questo é un altro discorso.

La mia riflessione generale verteva sul fatto che i non [qualcosa] sono eccellenti allievi in quello che é la parte deteriore del [qualcosa].

*Dico "stava" in quanto la frase in questione é stata riformulata.
La "carotonefobia" non nasce quando i giovanotti incontrano il carotone venuto dallo spazio, ma quando 40 minuti dopo nel film constatano che anche dopo che il carotone ha devastato la cittá, lo sceriffo continua a ingozzarsi di ciambelle.

In pratica, nello specifico é falso che il regno unito abbia abolito l´insegnamento dell´olocausto nelle scuole, ma l´ostilitá generale verso gli islamici...
bé, é il risultato (o un momento) di una partita di tiro alla fune fra colonizzatori ed indigeni.
strillare all´islamofobia é puerile. é brutto vedere brave persone che spostano il crick dell´automobile dal bagagliaio a sotto il sedile, e non si sa come puó finire... ma bene o male, motogio, é un giro di briscola finito male, nulla di piú.

E il punto é che quando la gente che ha visto dal vero il carotone venuto dallo spazio si sente dire dall´intellettuale, dal giornalista, dal fotografo, che il carotone non esiste o che non fa quello che gli hanno visto fare coi propri occhi...

é lí che si animano ad affrontare il carotone... magari sopravvalutandone l´integritá strutturale (e si arriva al mite che prende a calci il bullo)

Per questo serve equilibrio, in realtá quando si parla di "islamofobia" si implica ed ammette che i non islamici non sono delle rocce che incassano umiliazioni, vessazioni ed intimidazioni all´infinito.

Anche l´indigeno puó essere esasperato dal sentir ridicolizzare le proprie paure, che siano o no legittime. e non necessariamente reagirá con la compostezza di Gandhi... specialmente se gli viene proibito esplicitamente di fare come Gandhi (sciopero contro gli inglesacci)

Per questo serve il massimo del coraggio e dell´equilibrio, ed una percezione precisa del problema.

Perché C´È un problema.
@Puffolotti

Perché C´È un problema.

Il problema C´È ma non è ghettizzando ed incolpando 900,000,000 di mussulmani che risolviamo il problema.

E nemmeno adattare la Storia a nostro uso e consumo:

Hitler era alleato "dei musulmani", cosa che viene un po´ tralasciata nei libri di storia.

Visto che ti piace completare le frasi degl'altri mi permetto di completare la tua:

Hitler era alleato anche con "dei musulmani", cosa che viene un po´ tralasciata nei libri di storia.

Io non so' quali sono i libri di storia che leggi tu ma in quelli che leggo io questo fatto non viene tralasciato ma nemmeno enfatizzato utilizzando la parola mussulmano indiscriminatamente come fai tu.

I mussulmani che combatterono nelle truppe coloniali francesi e del commonwealth erano anch'essi alleati di hitler? e il mondo arabo, che riuscì a liberarsi dal dominio ottomano grazie all'aiuto non tanto disinteressato degl'inglesi, da che parte stava?

Ma quelli, sicuramente, non erano veri mussulmani, giusto?
Anch'io ho contribuito a far girare questa catena, pur con due grosse perplessità: la prima sui 20 milioni di Russi, la seconda sulla definizione di "popolazione musulmana" che ovviamente non ha senso. Mi sembrava però importante testimoniare che se c'è chi nega, se c'è chi consiglia di non leggere in modo integrale il Diario di Anna Frank, se c'è chi fa scritte vergognose sui muri del Museo di Via Tasso, c'è anche chi vuole ricordare, a costo di passare sopra a qualche errore.
Avevo scritto alcune personali considerazioni (peraltro, in parte, già espresse qui o nell'altra discussione) relative a punti esposti in vari commenti, poi ho cancellato tutto perché ho avuto la sensazione (ripeto: sensazione) di leggere in tutti gli interventi, salvo poche eccezioni, un leggero rimprovero all'ebraismo per avere l'esclusiva del Giorno della Memoria e del Ricordo stesso. Lo dico in forma dubitativa e sarei lieto di essere smentito.

Voglio solo riproporre poche frasi estratte dal sito UCEI ove si commenta la legge istitutiva del Giorno della Memoria:

Nella visione di Furio Colombo, il promotore della legge, l’istituzione di un giorno dedicato alla memoria avrebbe dovuto costituire il punto di partenza per far sì che non si dimenticasse il periodo più tragico del “secolo breve”: una proposta rivolta in particolare alle scuole e mirata alla formazione dei giovani.

L’opportunità pedagogica che il parlare di leggi razziali, di Shoah e di intolleranza, poteva rappresentare. Da allora in molti continuano a far proprie le parole di Elie Wiesel, quando afferma “Credo profondamente nell’importanza dell'educazione, nel ruolo delle scuole, nella forza dell'apprendimento, nel ricorso ai libri. Non c'è alternativa allo studio. La formazione delle nuove generazioni è il momento in cui bisogna intervenire per creare gli anticorpi necessari, le difese dal contagio dell'intolleranza.
E’ nelle aule che i giovani possono e devono apprendere a non odiare il prossimo”.


E giova ricordare anche che il Giorno della memoria non appartiene agli ebrei: è un giorno che coloro che ebrei non sono dedicano al ricordo e allo studio di ciò che è stato.
E se il giorno della Memoria potrà avere un senso anche in futuro, sarà quello di operare affinché un lutto così immenso nella portata e nelle proporzioni, una tragedia così immane possa – almeno – servire da monito per il resto dell’umanità. Che possa servire, in particolare attraverso l’educazione delle giovani generazioni, a favorire una cultura della tolleranza e del rispetto, a rendere in una parola l’umanità più umana. Solo in questo caso potremo dire che qualcosa avremo imparato da quella terribile lezione.


Aggiungo solo che nella citazione non vi è solo il richiamo alla Shoah; si parla di leggi razziali, non necessariamente ed esclusivamente contro gli ebrei; si parla di intolleranza, e qui il campo di intervento è veramente vasto.
Altro sarebbe una sterile polemica.
Motogio, la Germania nazista era alleata anche con l´Italia (Lo stato in cui gran parte delle persone parla la lingua in cui si scrive su questo stesso blog) e con il Giappone.
Si tende un pochino anche a minimizzare i massacri che il governo giapponese ha commesso nel continente asiatico... e anche li siamo piú sulle 8 cifre che sulle 7...

poi non c´é bisogno di ghettizzare qualcuno che é cosí bravo a ghettizzarsi da solo, ma quello é un altro discorso...

La shoah si compone di 3 parti da ricordare, e qui si parla di una delle tre.

Hitler ha fatto sparire della gente, bel trucco, e questa é una delle tre componenti, le altre due sono:
3) Come é stato fermato? da chi?
1) Come ci si é arrivati?

La risposta alla tre é "da [i nipoti di] quegli ******* che sono andati a tirare la cravatta a saddam hussein..."

La risposta alla 1 é:

Grazie a gente che diceva:
"sono esternazioni di pochi pazzi"
"pochi incidenti isolati non autorizzano a giudicare una ideologia"
"in realtá hanno ragione a sentirsi bistrattati"

E se qualcuno ha detto che il piú grande inganno del diavolo é far credere di non esistere, io aggiungerei: il piú grande inganno di un virus/batterio patogeno é far ricascare la colpa della malattia sul sistema immunitario.

Penso che quando si parla di ricordare l´orrore nazista, si debba ricordare anche come si é entrati e come si é usciti, perché solo cosí ci si puó rendere conto che, come capita con una carie...

Il problema andrebbe affrontato quando é piccino, senza aspettare di dover far piovere sangue come se non ci fosse un domani.

E andrebbe affrontato in modo reciso e risolutivo.

@Nodens.

Vedi, a guardare una ferita, piú o meno capisci quanto é estesa, ma per valutarne la gravitá serve un´altra informazione: il decorso.

Se la ferita si estende quando l´effrazione é terminata, oppure si infetta, la condizione peggiora, e c´é da aspettarsi che senza le cure adeguate diventi critica e poi mortale, viceversa se si rimargina normalmente, allora c´é da aspettarsi che possa richiudersi senza problemi.

Da quello che hai detto, soprattutto alla luce del fatto che sei stato tu a dirmi la frase: "non bisogna giudicarli per quello che fanno ma per quello che faranno" la situazione non é stabile, e dai toni che hai usato mi pare di capire che la situazione fosse meno discutibile in passato, e da quello che mi insegna la logica, é destinata a mantenere questa direzione.

In pratica stai parlando di qualcosa che si muove in un certo verso, vedi qualcosa che lo impedisca?

Avresti il coraggio di muoverti normalmente indossando una stella di david al collo, a Londra? avresti il coraggio di presentarti in un kebab bar come un israeliano arancione? (immaginando che non ti becchino in un nano-secondo a causa dell´accento) mi pare che la situazione sia gíá tesa, se uno deve nascondere il fatto di essere ebreo per attraversare in sicurezza certe zone di una cittá.
@Granmarfone
Esempio a caso:

Vietare di tagliare la gola ad una capra nel terrazzo di casa... non la vedo come una legge razziale.

Oddio, in effetti a quanto ne so é effettivamente vietato, ma quando uno ha una mannera insanguinata in mano e ti chiede sorridendo*: "volevi dirmi qualcosa, adorato vicino? se qualcuno viene a chiedermi conto di questo tu sei il prossimo"

Possiamo tranquillamente dire che sgozzare una capra nel terrazzo di casa non é vietato a sufficienza. Non c´é neanche la certezza della denuncia.

Ora, non servono assolutamente leggi razziali, e la legge che vieta di sgozzare una capra nel terrazzo di casa, la legge che vieta di asportare il clitoride alle bambine, la legge che vieta di tenere la radio a 200 watt alle 3 di notte, la legge che vieta ai cani dolcissimi ma funestati da un aspetto inquietante di atterrare i bambini e riempirli di coccole, la legge che vieta di orinare sulle serrande, la legge che vieta di attaccare le vecchiette al muro per comprarsi l´eroina...

Non sono leggi razziali volte a tazzare le togne ad una ipotetica religione che impone ai fedeli di orinare sulle serrande.

Sono le leggi italiane, molte sono precedenti al crollo delle torri gemelle.
Non é che sono arrivati i "vucumprá" negli anni ´80, hanno usato 200 lire per telefonare a casa (rinunciando al vitto di 2 giorni) che erano diventati ricchi come bill gates in una settimana ecc. ecc.

e un bel mattino il fantasma di adolf hitler si é impossessato della legislazione italiana mettendoci l´assurdo divieto di sgozzar capre nel terrazzo di casa...

Non é che le leggi servono a discriminare i musulmani, poverini, le leggi che contestano, c´erano giá.

Non dico di fare nuove leggi che penalizzino specificatamente questo o quello, io dico di non fare nuove leggi.

Ed eventualmente di smantellare tutte le consulte... quante sono poi?

uuuuuunaaaaaa????

uh, da come mi viene mangiata la faccia pensavo che ogni confessione religiosa ne avesse una... ma fare una consulta il cui compito é dire ai fedeli di non orinare sulle serrande... non é di per sé discriminazione? nel momento in cui fai la consulta... hai accusato i rappresentati di orinare le serrande, cosa che io non voglio, e quindi auspico lo scioglimento della consulta invocato dai membri stessi.

Una legge che dice: se sei un appartenente alla setta degli sgozzacapresulterrazzodicasa allora puoi sgozzare capre sul terrazzo di casa.

Quella sarebbe una legge razziale, in quanto nomina una tribú, un popolo o una religione e manca dell´astrattezza volta ad implicare che tutti sono uguali di fronte la legge.

Ma siamo in europa, e sgozzare capre sul terrazzo di casa é quanto meno da cafoni, e non da buoni vicini.

*circa
Se l´assessorato di Regensburg parlasse di fare una "consulta italiana" per discutere del problema della cocaina...

Quello equivarrebbe sul serio a darmi del cocainomane in quanto italiano, molto di piú di un vicino che mi donasse una scatola di tondini di feltro da applicare alle gambe del letto*.

*attimo di gradasseria, i piedi del mio letto sono il fulcro dell´universo, non si muovono di un nanometro. MAI!
@Puffolotti

Motogio, la Germania nazista era alleata anche con l´Italia (Lo stato in cui gran parte delle persone parla la lingua in cui si scrive su questo stesso blog) e con il Giappone.
Si tende un pochino anche a minimizzare i massacri che il governo giapponese ha commesso nel continente asiatico... e anche li siamo piú sulle 8 cifre che sulle 7...


Se è per quello si tende anche a minimizzare quanto Graziani ha fatto in Eritrea o ad ignorare che esisteva un campo di sterminio anche in Italia.
La memoria fa brutti scherzi.

Penso che quando si parla di ricordare l´orrore nazista, si debba ricordare anche come si é entrati e come si é usciti, perché solo cosí ci si può rendere conto che, come capita con una carie...

Per una volta ti quoto ma per capire occorre leggerla tutta la "Storia" e non solo quello che ci fa comodo.

Ti ricordo che quello che è successo durante la WWII sì è ripetuto poco meno di vent'anni fa nella ex-Yugoslavia e tutto perché qualcuno ha cominciato a raccontare che "i serbi e i montenegrini sono il popolo eletto perché hanno il femore più lungo"; e da li ha mettere altra gente nei gulag, solo per una questione etnica, il passo fu breve.

Il problema andrebbe affrontato quando é piccino, senza aspettare di dover far piovere sangue come se non ci fosse un domani.

Il problema viene affrontato, forse con metodi che tu giudichi inefficaci ma siamo in Europa e certe cose non si possono e non si devono fare.

Se vogliamo veramente portare rispetto a tutte le vittime della Shoah, e a quelle di tutti gli altri genocidi di Hitler, dobbiamo lottare per evitare di crearne altre, e per farlo dobbiamo identificare i veri colpevoli e non sparare a caso nel gruppo.
"e per farlo dobbiamo identificare i veri colpevoli e non sparare a caso nel gruppo."

Il ché, portato alla germania pre-nazisza significa: "Per sconfiggere i serpenti a sonagli dobbiamo andare a caccia di coniglietti, ché i serpenti a sonagli beccano"

O in termini piú umani:

"Tutto, meno che far storcere il naso a quei giovanottoni che girano con la fiasca di olio di ricino, da far bere ai loro ostggiatori, ché quelli menano, e noi non siamo tipi che menano, lasciamoli perdere e cerchiamo il vero colpevole"

Questo concetto che la violenza va evitata assecondando chi ne fa uso per garantirsi dei privilegi é la strada corta per arrivare ad una dittatura.
é pia illusione che si possa fermare un tentativo di instaurare un totalitarismo senza spiacere al totalitarista....
Questo concetto che la violenza va evitata assecondando chi ne fa uso per garantirsi dei privilegi é la strada corta per arrivare ad una dittatura.
é pia illusione che si possa fermare un tentativo di instaurare un totalitarismo senza spiacere al totalitarista....


Strano, pensavo che rinchiudere degl'esseri umani solo perché sono diversi da noi per il loro credo fosse già di per se un totalitarismo.

Poi scusa quando ho detto che la violenza va evitata sempre? non sono io quello che gira con un pacchetto di sigarette in tasca per evitare problemi.
a Puffolottiaccident

credo vi sia un travisamento nel comprendere il significato di Legge razziale.
O forse ho travisato io e non ho compreso il significato o mi sono espresso in modo non univoco.

Leggi razziali sono state quelle emanate nella Germania nazista, nell'Italia fascista; Leggi razziali erano le legislazioni segregazioniste in vigore, ad esempio, negli USA e in Sudafrica.

Hanno inciso profondamente su una parte della cittadinanza e questo credo sia incontrovertibile.

Un esempio solo:
in Italia le Leggi razziali del novembre 1938 non specificavano che era proibito l'accesso alle scuole di ogni ordine e grado agli ebrei che si si fossero presentati all'ingresso con un pollo sgozzato: proibivano l'accesso tout court a qualsiasi cittadino italiano ebreo - studente, professore o bidello che fosse - in quanto ebreo.

QUESTA E' una Legge razziale!
In quanto rivolta a una sola parte della popolazione, definita razzialmente secondo i criteri ascientifici propugnati dal potere.

Regolamentare per legge o normativa l'igiene e la salute pubblica è auspicabile ed encomiabile: stabilire le modalità di macellazione è una normativa che si rivolge a chiunque.

E sarebbe inaccettabile e non Costituzionale una legge che facesse riferimento, come obbligo di rispetto, a una sola frazione dei cittadini.

Nello specifico, per esemplificare e per quanto sia a mia conoscenza, la macellazione rituale ebraica (scechità - per rispettare la kashèruth) è autorizzata secondo la normativa sanitaria vigente che deve essere rispettata: utilizzo di strutture idonee, autorizzate e controllate dalle autorità sanitarie, operatori in possesso dei requisiti sanitari richiesti ecc. (e tale regolamentazione viene rispettata).

E deve essere rispettata da tutti. Ciò è chiaro e non credo vi possa essere alcun motivo per metterla in discussione.
"Strano, pensavo che rinchiudere degl'esseri umani solo perché sono diversi da noi per il loro credo fosse già di per se un totalitarismo."

Ho forse detto questo? Io neanche dico che "sono diversi"
Proprio perché sono supposti uguali a noi, va imposto loro a viva forza di tralasciare quelle esigenze che dovessero portarli ad infrangere leggi europee giá consolidate.

@Granmarfone

Appunto. È quello che ho detto: una legge che nomina una confessione o un´etnia come eccezioni é una legge razziale.
Se le maomettane sono autorizzate a girare con il volto coperto allora io voglio il diritto di girare con la maschera del robot Mazinger.
Le questioni religiose non é che non debbano prevalere, non devono neanche essere prese in considerazione. La libertá di culto non deve essere interferire con la legislazione.

Se uno dei diritti viene accordato (niqab) e l´altro no (maschera di Mazinger) allora siamo in una situazione di razzismo.
Per la cronaca, siamo riusciti a pubblicare l'articoletto sulla mistificazione del comunismo: link :)
Sta girando una nuova versione, che ha in testa un brano tratto da La Stampa riguardante Paolo Grimoldi, il deputato leghista che chiede di non fare leggere il Diario di Anna Frank a scuola.

Inutile dire che Massimo Gramellini, autore del testo, non ha verosimilmente nulla a che fare con la catena.

Può essere semmai interessante notare che anche quel testo fa un po' disinformazione, dato che i genitori hanno firmato tutti una lettera di solidarietà con l'insegnante, o gli insegnanti.

Comunque, il testo si può trovare qui:
paolaluna.splinder.com/22059652/Il+diario+di+Anna+Frank

Pietro (toobaz@email.it)
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
"Paolo",

ho respinto il tuo commento perché non intendo regalare alcuna visibilità ai negazionisti. Vergogna.