Cerca nel blog

2008/09/17

Gli svizzeri risolvono il problema dei brevetti

Io no spik svizzerano?


Molti internauti conoscono l'Engrish, l'esilarante inglese tradotto dai cinesi o giapponesi che compare spesso nei videogiochi e nelle istruzioni degli apparecchi. Ma pochi conoscono lo svizzerano: la curiosa miscela di italiano e altre lingue che ogni tanto si affaccia nel Canton Ticino. Eccone un esempio fresco fresco che sembra suggerire un approccio radicale alla contestata questione dei brevetti sul software.

94 commenti:

Anonimo ha detto...

bastava un semplice foglio di carta quindi..

Il Broz dice ha detto...

Vogliamo parlare di Tip-Top, Natel, Combox e riservazione?

E delle "Azioni!"...

E della "vigneta" ?

Ah, io ho la Supercard...


E*

Stepan Mussorgsky ha detto...

Da dove deriva l'esilarante traduzione? :D

Oscaracciato ha detto...

...ma sarebbe "non inventariare" ?? O__o

dyk74 ha detto...

Secondo me (opinione personale) e' una traduzione dal tedesco:
NICHT ENTDECKEN...

CIAO CIAO

Nemo ha detto...

Hanno usato Google come traduttore automatico? :)

mattia ha detto...

Si noti l'autore della foto nello schermo: chi sarà mai?

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

un agente della cia?
come faccia ci siamo

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

forse è dal francese (che non conosco) giacché inventario è inventaire

Mais ce n'est pas possible!! :)

talpazzo ha detto...

Eri la solo a fare un giretto post media-markt o stai recuperando pezzi per qualche invenzione che creerà qualche buco nero?

Juleps ha detto...

Purtroppo non ho sottomano lo Svizzionario ( a proposito Paolo, lo hai letto?).

Ma hai chiesto al buralista che cosa vuol dire?
Che ti ha detto?

Giuseppe

PS: ricordatevi che se passate per le autostrade svizzere dovete prendere la vignetta, e non usate le bilux quando incrociate altri veicoli.

Se poi ascoltate alla radio la Rete3 e sentite parlare di giapponesi che fanno le foto, segnatevi il posto che si tratta della polizia con l'autovelox :-)

Un'ascoltatina alla meteo non ci sta poi male, giusto per sapere se si deve portare con se l'ombrello.

Magister ha detto...

Altre belle espressioni svizzerane:

Il Servisol

è necessario annunciarsi

talpazzo ha detto...

@EmiBro: e cosa ha "riservazione" che non va bene? Non è italiano?

@Magister: idem per "è necessario annunciarsi"

Si vede che sono proprio ticinese...

Loste ha detto...

Io ricordo la "mappetta" e il "classeur".
Oppure quando lasciavi un'ordine "non si preoccupi ora lo marco su!"

Marco (è il mio nome !!!)

Il Broz dice ha detto...

A proposito di Rete3... Io vorrei avere come Avvocato Andy Turner...

E*

geomad ha detto...

all'uopo, vi vorrei consigliare lo svizzionario...
http://www.savoia.ch/2007/index.php?option=com_content&task=view&id=21&Itemid=44&limit=1&limitstart=1

Giorgio Loi ha detto...

@talpazzo

Sì, sono parole italiane, ma in Italia non si usano, quindi denunciano immediatamente la provenienza di chi le adopera.
Un po' come "Il santo non vale la candela", considerato dallo Svizzionario come la perfetta cartina al tornasole per saggiare la purezza ticinese. ;)

Spezzo una lancia in favore di "servisol". Sarà anche bizzarro, ma è un tentativo formalmente corretto di tradurre "self-service", che in "italiano" appunto non è tradotto.

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@geomad

alcune cose sono verametne risibili: veramente uno svizzero può dire "mi hanno ritirato le patenti" per intendere che gli hanno tolto dei punti sulla patente? :)

mattia ha detto...

Ah be', guardate che io a Praga ne vedo di molto peggio.
Tipo le parole inglese scritte come si leggono.
Tipo: "Fajn" invece per l'inglese "fine". E non è una cosa per ragazzini. E' proprio ufficiale.
C'è anche Fajn Radio :http://www.fajnradiopraha.cz.

talpazzo ha detto...

In realtà quando in svizzera ti tolgono "la patente" te ne tolgono più di una, inteso come quella della macchina, quella della moto, quella dello scooter e pure quella del trattore!!!
> Ho fatto la patente!
>> Si ma quale?
> la B
>> Io devo fare la A1, per ora ho la B, la D2, la E, la F e la G. Quante patenti eh?

talpazzo ha detto...

@Mattia: non è che magari è fatto apposta? Io ero direttore di un giornale chiamato TRACCIE... :-)

Carletko ha detto...

è normale nei paesi dell'est usare parole inglesi scritte come si pronunciano nelle lingue slave. Credo sia dovuto al fatto che fino a pochi anni fa l'inglese fosse sconosciuto. E' ancora più divertente nei paesi in cui si usa l'alfabeto cirillico, dove c'è pieno di Аириш Паб ad esempio! :)

dyk74 ha detto...

@talpazzo:
se non ricordo male era il giornale del liceo di Mendrisio... GIUSTO??

CIAO CIAO

talpazzo ha detto...

dyk74: eccerto!!! hehe
Anche te del LiMe o solo per sentito dire?

Hanmar ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Hanmar ha detto...

Hanmar ha detto...
Prima di sparare a zero contro i nostri poveri confinanti ticinesi, vorei ricordare che la creazione di neologismi scombinati non e' una prerogativa svizzera, ma di quasi tutti gli idiomi.

Cercate Gairaigo, in rete... :D

Saluti
Hanmar

Juleps ha detto...

"Il santo non vale la candela"

Ne stavo giusto parlando ieri con la nostra aupair Svedese, giusto per citare le differenze dell'italiano parlato in Italia e quello parlato in Svizzera.

Direi comunque che "Il santo non vale la candela" è molto più chiaro de "Il gioco non vale la candela".
Che c'azzecca (questo e dipietrese) una candela con il gioco?

Giuseppe

khrenek ha detto...

Altra chicca svizzerana era in una pubblicità di quegli aggeggi per dimagrire che vanno a battera.
I suddetti (che erano fatti a butterfly) potevano essere comodamente fissati alle bracce!

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@giuseppe

immagina di non avere luce elettrica e di poter usare solo candele, che non ti costan poco, per fare qualsiasi attività (infatti in questa accezione gioco viene da giocare inteso come il to play inglese).

Rodri ha detto...

Vogliamo parlare della bucalettere allora? :-D Quella che in Italia è la buca delle lettere...

E una marea di altre parole ed espressioni, su cui incespicavamo sempre con Paolo non appena ha messo piede in Ticino :-D

Il "non inventare" l'hai trovato già lì o era sulla porta di un ufficio di complottisti?

Non ha a che fare strettamente con l'argomento, ma ricordo il mitico cartello "vietato fumare" nella redazione di Blob (Rai3), a cui qualcuno aveva aggiunto una S (vietato sfumare). :-D

alexandro ha detto...

Bisogna dire che in Ticino anche tra i giovani il dialetto ha spesso la precedenza nella vita di tutti i giorni, quindi l'italiano un po' ne risente. Certe parole poi vengono tradotte da francese e tedesco, e sono in uso esclusivamente in Svizzera.

Per magister:
annunciarsi viene usato ufficialmente nel linguaggio militare, quando ci si rivolge ad un superiore. Nell'esercito ci sono altre curiose espressioni, come "parto!", quando ci si congeda da un superiore.

Geppo ha detto...

E se qualcuno ti chiede "Fammi un telefono quando arrivi" non significa che deve sostituire il cellulare e pretende che tu glielo costruisca...

BigRedCat ha detto...

..e i gremi?

:-)

Rodri ha detto...

Linguaggio militare?

"Può disporre della sua persona". Uh! :-D

talpazzo ha detto...

@bingo: o anche "fammi un chiamo" o "fammi un fono" :-P

Andrea Sacchini ha detto...

A proposito di Svizzera e brevetti, non è che adesso volete portarci via anche Marconi? :-)

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@andrea

sembra una bufala pure questa..
paolo!?

marcov ha detto...

@thedrakkar
oggi c'era un servizio del tg3 emilia romagna sullo stesso argomento

mattia ha detto...

@andrea

A parte che Marconi era solo mezzo italiano; per un altro 50% era inglese.
Appena ha visto che la cosa funzionava, prese armi e bagagli (e un generatore di "onde hertziane") e si trasferì in Inghilterra, dove di fatto sfornò i Brevetti che gli aprirono le strade della carriera.
E poi era anche anglicano.
Chissà perché gli inglesi non si vantano di Marconi?

brain_use ha detto...

Un amico svizzero tempo fa mi faceva notare la diversa dizione usata per indicare un cambio treno: in svizzera si dice "corrispondenza", perché all'orario di un treno corrisponde quello dell'altro.
In Italia "coincidenza", perché... ;-)

alexandro ha detto...

brain... ROTFL

Marco Calvani ha detto...

Grande! L'avevamo notata con divertimento anche noi quella scritta mentre cercavamo gli ennesimi adattatori Schuco :)

Pietro ha detto...

@ brain_use
Bella!!! :))))

Anonimo ha detto...

@Mattia
Chissà perché gli inglesi non si vantano di Marconi?

Ah no?
Allora prova a spaccarti tutta la Cornovaglia ed arriva fino a Goonhilly... vedrai che cosa hanno fatto per Marconi. E una volta lì, prova a pensare cosa hanno fatto in Italia per Marconi. Poi capisci perché in ItaGlia le cose vanno male...

Hanmar ha detto...

La piu' grossa ditta di apparati radar e sonar sia civili che militari inglese si chiama Marconi Ferranti.

Da noi al limite c'e' Viale Marconi... :P

Saluti
Hanmar

alessandro ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Paolo Attivissimo ha detto...

Me lo citi via mail, per favore? Non lo trovo con un'indicazione così vaga, di sezioni dedicate a Zero ce ne sono tante. Grazie.

psionic ha detto...

Penso che un errore del genere lo facciano anche molti italiani.

Vi ricordare all'epoca dei primi scanner, quando molta gente scannava i suoi (poveri) documenti?

Francesco ha detto...

per "brain_use":

forse perchè in Italia quando un treno arriva puntuale è proprio una coincidenza e non un fatto normale :-)

Fran ha detto...

Esiste anche un dizionario... "lo Svizzionario": assolutamente imperdibile e contiene anche quelle voci come "andiamo con la Posta" che altrimenti non sarebbero mai comprensibili dagli ignoranti italiani... :-)

Unknown ha detto...

Beh, perché stupirsi? Fenomeni simili ci sono anche fra il francese di Francia ed il francese di Belgio e Svizzera: l'esempio più significativo sono i numeri dal 70 in su (soixante dix in Francia e septante in Svizzera); nel castigliano di Spagna e del Sud America (in Spagna lavorare è trabajar; in Uruguay è lavorar) e, last but not least, fra inglese di Gran Breatagna e inglese di USA, Australia, Sud Africa ecc.

Oscaracciato ha detto...

...in venezuela ho sempre sentito trabajar :-)
magari in uruguay si dice cosi' perche' e' pieno di italiani e figli di italiani ;-)

R3DKn16h7 ha detto...

Natel è il classico... Poi credo ci siano molte altre marche che hanno sostituito il vero nome dell'oggetto Tip-Ex, StabiloBoss, Roladen (più in dialetto).

In autostrada si mettono le FRECCE per svoltare alle ROTONDE e occhio ai RADAR (giapponesi).

La più curiosa di tutte secondo me è il CORNETTO usato nel senso degli italiani FAGIOLINI ma anche appunto come CROISSANT (si scrive cosi???)

R3DKn16h7 ha detto...

Ah... comunque il NON INVENTARE non viene usato nemmeno qui, è semplicemente dovuto a un errore.

Io ho sempre detto la Meteo eppure sento spesso anche il Meteo (inteso come bollettino meteorologico) non è che trattasi anche questa di una "svizzerizzazione"...

MApprezzo molto il: "Ma tu parli lo svizzero? o il Tedesco?"

stefano ha detto...

A proposito di "uso creativo dell'italiano"... noi romagnoli abbiamo il brutto vizio (uno dei tanti) di dire "ho rimasto" (p. e. "ho rimasto solo 10 euro"). Il bello e' che tantissimi sono del tutto inconsapevoli dello strafalcione... io per esempio me ne sono reso conto solo all'universita', quando a un esame il professore mi interruppe con "scommetto che lei e' romagnolo" :-))

Oscaracciato ha detto...

Vero, stefano...
A me prendevano anche in giro perchè, chiedendo indicazioni stradali, diciamo "scusi, dove rimane piazza delle erbe?"

TNT ha detto...

C'e' un articolo sull'argomento su Nonciclopedia: http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Svizzero

TNT ha detto...

"A me prendevano anche in giro"...

Ehm... al massimo "mi prendevano anche in giro"...

Darione ha detto...

"A me mi..." no, eh?
Però lo dicono tutti (pure io, non mi esimo).

talpazzo ha detto...

@darione: bhe se uno sa cos'è un pleonasmo può anche permettersi di usarlo...

Ora lo so che andrai tipo su De Mauro o simili a guardare... poi dopo lo userai liberamente perché consapevole :-) Ti ho liberato insomma :-P

Oscaracciato ha detto...

Mi sembrava fosse una forma corretta.. :) D'altronde qua e là infilo delle forme "prese a prestito" dal dialetto.. Altrimenti come potrebbero prendermi in giro gli abitanti delle altre regioni! ;P

Anonimo ha detto...

IMHO
il dialetto è una cosa che ci arricchisce tantissimo, purtroppo è anche qualcosa che sta andando perduto, vuoi per il dilagante uso dell'ita(G)liano in TV, vuoi per l'insegnamento della lingua italiana a scuola
ed è un peccato, bisognerebbe insegnarlo a scuola, non solo il dialetto, ma tutte le tradizioni regionali, la storia della zona di provenienza etc...
se non sappiamo nemmeno qual'è il nostro passato come speriamo di avere un futuro?

Unknown ha detto...

@ Oscaracciato

E' vero, il castigliano-uruguagio ha molte influenze italiane, dovute proprio all'immigrazione.

***

Per quando riguarda l'italiano ticinese, bisogna dire che da piemontese non noto troppe stranezze: se qualcuno mi dà del balosso gli rispondo a tono (balosso significa "balordo, prepotente" sia in piemontese che in ticinese). Mi devo ingegnare per risolvere una gabola (problema, guaio, idem). E starò attento, se invito amici a casa, che non mi rovinino il parchetto (parquet, pavimento a listelli di legno, idem) nuovo.

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@guido

il dialetto è cultura, non ci sono dubbio, ma in italia abbiamo il problema chi parla in dialetto non riesce a parlare un italiano corretto, neanche se lo desidera e viceversa chi parla italiano non è più in grado di parlare in dialetto
questo perché, come hai detto tu, non ti fanno studiare il dialetto e quindi quando studi italiano chiudono un occhio se lo parli male

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

ehm, volevo dire non ci sono dubbi :-)

Giorgio Loi ha detto...

se qualcuno mi dà del balosso gli rispondo a tono (balosso significa "balordo, prepotente" sia in piemontese che in ticinese).

Nonché in Sardegna. ;) Residuo del regno sardo-piemontese, immagino. D'altronde, in Sardegna si fanno i savoiardi e si gioca ai Tarocchi. :)

E starò attento, se invito amici a casa, che non mi rovinino il parchetto.

Basta che non sia il paLchetto, come spesso sento dire da queste parti! ;)

R3DKn16h7 ha detto...

sinceramente non ho mai sentito nominare il parchetto... sempre chiamato solo parquet (il "parkè" XD)

Stepan Mussorgsky ha detto...

"C'e' un articolo sull'argomento su Nonciclopedia: http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Svizzero"

Favolosa la pubblicità! Ora conosco nuovi articoli dai nomi curiosi:

il troncatriso :D

il doccetto

lo squadro

la scala metallo (che è un metro, non una scala)

le gripzange mini

il rotondo-ingozza :D

il secondo di adesivi (3 pezzi)

il microfaser (non c'entra Star Trek)

i Brattoli

gli ausilii per la cottirazione

e la Rete per Impalare O_O

R3DKn16h7 ha detto...

ihih il microfaser...

alexandro ha detto...

Ancora nessuno ha denunciato la traduzione ticinese del cornetto in Chifer o Kifer dal tedesco Gipfeli. Forse Paolo non si aspettava un thread così lungo che prendesse in giro i suoi vicini di casa, i quali, oltre ad avere pellegrinaggi di complottisti urlanti davanti casa, ora si trovano presi in giro anche da chi il Ticino manco sapeva che esistesse. :-)

TNT ha detto...

Ci sono anche il folio da giardino, la smerigliatrice anglore, i livelli profi e il secondo di adesivi.

E non dimentichiamo che il doccetto ha 5 funcioni con tubo.

Francesco ha detto...

Adesso non mi sembra il caso di prendere quella pubblicità come se fosse l'italiano usato in Ticino. Purtroppo da queste parti c'è un sacco di pubblicità prodotta nella svizzera tedesca e poi fatta tradurre a qualche italiano di terza generazione e che purtroppo ha imparato meglio lo schwitzerdütsch della sua lingua madre e questo è i risultato. Provate a chiamare una qualsiasi società/banca/compagnia d'assicurazione a Zurigo e chiedete di parlare con qualcuno che parli italiano. Vi passeranno qualche italo-svizzero che in casa sente il dialetto italiano del paesello dei genitori e sul lavoro lo svizzero-tedesco (lo schwitzerdütsch). Purtroppo per lui e per il Ticino, il risultato sarà tra il ridicolo e lo snervante.

TNT ha detto...

"Adesso non mi sembra il caso di prendere quella pubblicità come se fosse l'italiano usato in Ticino"

Non credo che ci sia qualcuno che lo stia facendo... non credo che ridere di quella pubblicita' o di un italiano stentato (per via del fatto che non viene parlato regolarmente) debba per forza essere offensivo...

Francesco ha detto...

ops...allora ho capito male.

Stepan Mussorgsky ha detto...

Per fortuna Paolo non scrive in ticinese!

Immaginatevi se scrivesse "Ho dimostrato che il bucco al pentacolo era largo 35 scale metallo, non 5"

:D

(Francesco, si scherza...)

mogio ha detto...

Grazie signor Paolo, non bastavano Aldo Giovanni e Giacomo con i loro alter ego Gervasoni, Rezzonico e il poliziotto Huber ora ci si mette anche lei. :)

Rodri ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Rodri ha detto...

[i]@R3DKn16h7

sinceramente non ho mai sentito nominare il parchetto... sempre chiamato solo parquet (il "parkè" XD)[/i]

Presumo che il termine arrivi da Parkett, la versione sfizzera tetteska del termine Parquet.

Pupottina ha detto...

ciao
manca qualcosa?
posso proporti lo scambio di link?

buon weekend

Lucio ha detto...

Ciao attivissimo sei sempre scemo come un coglione e brutto come una scimmia sotto la media.

ps le torri le hanno fatte cadere loro, sveglia. quanto ti paga la cia dicci la verità

Paolo Attivissimo ha detto...

Buona giornata anche a te, Lucio, e grazie per la dimostrazione del livello di preparazione tecnica, cultura e intelligenza dei complottisti undicisettembrini.

Lucio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lucio ha detto...

caro attivissimo-passivo-aggressivo, ci sarebbero tonnellate di prove per il complotto inequivocabili, soprattutto per il loro numero, hai mai fatto 100 volte consecutive tredici alla schedina?, che quelli filo governativi come te non riuscirebbero a smontare, tipo 12 terroristi attualmente ancora vivi e in giro per il mondo, o passaporto di atta unica cosa ancora intatta trovata in quella massa di detriti, o mancanza di alcuna foto dell'aereo del pentagono, compresi i resti, o preghiere di atta palesemente non-islamiche, o valigia di atta (uno che va a morire si porta la valigia appresso guarda tu) che si dimentica sulle sedie dell'aeroporto, sempre sto atta, o ebrei telefonati il giorno prima, o o o, ma non servirebbe a niente, sei pagato, prezzolato, una puttana. Continua a startene in svizzera a non pagare le tasse e mangiarti i dollari americani. Per gli altri, quelli furbi: trovate, ci riuscirete difficilmente perchè quelli che controllano la rete, i medesimi, li fanno sparire subito, il documentario wind change o il film zeitgeist se volete capire in che razza di mondo funestato dalla presenza degli attivissimi viviamo.

Paolo Attivissimo ha detto...

Lucio,

guarda che abbiamo capito. Non occorre che insisti. Grazie.

Lucio ha detto...

ah ho sbagiato il documentario è loose change, guardatelo e respirate un po' di verità anzichè le ciambelle svizzere glassate con i dollari cia di attivissimo che pure in un paese di spie e segreti bancari vive similia cum similibus

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie, Lucio, non occorre che prosegui.

Ah, vorrei farti notare che sei un tantinello fuori tema. Hai letto il tema dell'articolo che stai commentando?

L'11 settembre e i deliri dei video complottisti si discutono altrove. Grazie.

Lucio ha detto...

sì ma perchè li tacci subito come deliri? è una posizione un po' prevenuta la tua da non da "ricercatore serio" quali spacci a questi di essere che metti barriere alla discussione passivissimo? sei una truffa come l'11/9, similia cum similibus, il primo, e unico, antibafula lo dovresti fare a te stesso, è un consiglio da amico

Francesco ha detto...

Adesso mi incazzo io. Se Paolo non mi dice subito come fa a vivere a qui e non pagare le tasse, racconto a tutti della targhetta della CIA che ha esposto fuori di casa.

Paolo Attivissimo ha detto...

Lucio,

sono sei anni che studio il complottismo sull'11 settembre. Dopo 110 teorie sbufalate, ti posso dire che sono deliri.

Ripeto: sei fuori tema. Se vuoi discutere di 11 settembre, prima di tutto piantala di insultare, e poi vai su Undicisettembre.info e leggi. Grazie.

Lucio ha detto...

sono appunto sei anni di prevenzioni sei partito prevenendo e il tuo attivismo di ricercatore fasullo si è solo ingrossato attivissimo anche i maiali sono una vita che sono maiali ma non per questo hanno ragione

alexandro ha detto...

Lucio
L'unico complotto di cui dovresti lagnarti è quello avvenuto alla tua nascita. Probabilmente hanno nascosto ai tuoi genitori che per una decina di minuti non hai respirato, da qui i tuoi deficit. Non sarà gentile da dire, ma tu lo sei ancora meno. Sarebbe triste, se anche qui Paolo dovesse attivare l'approvazione dei messaggi.

Giò ha detto...

Nu bel thread rovinato da un maleducato.
Lucio: ma la mamma non ti ha insegnato l'educazione?

Giovanni

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

ma chiamare attivissimo passivissimo secondo lui è fine sarcasmo?
triplo mah carpiato

Francesco ha detto...

Per chi non sa ancora il significato di Natel e la sua "storia", Wikipedia è vostro amico http://it.wikipedia.org/wiki/Natel