skip to main | skip to sidebar
9 commenti

Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando

Ogni ladro è convinto di essere un genio del crimine e di farla franca, ma ci sono persone alle quali la carriera di malvivente proprio non si adatta.

Prendete per esempio Nicholas Steven Wig, un uomo di 27 anni di South St. Paul, nel Minnesota. È stato arrestato con l'accusa di essersi introdotto abusivamente in una casa e averne rubato denaro, carte di credito, un orologio, un libretto degli assegni, le chiavi dell'auto della vittima, degli indumenti e un iPod shuffle.

Certo, non è un bottino di quelli che solitamente fanno notizia. Ma è speciale la ragione che ha permesso di identificare il superlestofante: quando la vittima è tornata a casa, si è accorta che il ladro aveva usato il computer dell'abitazione per entrare in Facebook. Cosa più importante, il ladro non era uscito dal proprio account.

Non è stato quindi molto difficile identificarlo e successivamente arrestarlo. Al momento dell'arresto Nicholas Wig indossava l'orologio rubato e ha dichiarato che avrebbe restituito la refurtiva, secondo il rapporto della polizia. Capisco il desiderio di essere social e restare sempre in contatto con gli amici, ma forse farlo durante un furto è un po' troppo.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (9)
Facebook, lo strumento di distruzione di massa cerebrale.
E il "selfie" nella casa non l'ha pubblicato?
Genio!
Ma io ricordo una notizia simile, forse di uno o due anni fa. Non mi pare fosse corredata di scansione del rapporto di polizia, tuttavia sono abbastanza sicuro che questo non sia il primo caso...
Abbiamo un candidato ai Darwin Awards!
Non ci credo. E' una bufala...
@FarStar
Ma io ricordo una notizia simile, forse di uno o due anni fa. Non mi pare fosse corredata di scansione del rapporto di polizia, tuttavia sono abbastanza sicuro che questo non sia il primo caso...

E' vero. Si trattava di un rapinatore che, poco prima della rapina, si collegò a FB da un internet cafè nei pressi del luogo del misfatto.

Ai poliziotti bastò guardare l'account FB lasciato aperto nell'internet cafè per sapere chi fosse e andare a prenderlo.
So che è accaduto negli USA ma non ricordo altro.

FBI: Facebook Bureau of Investigation :-)
mi viene da domandarlo: ma e' una bufala??????
Anni fa lessi di un rapinatore che aveva scritto il classico "Questa è una rapina...." su un foglietto di carta, poi dimenticato sul bancone e rilevatosi essere la fattura del telefono: quando è rientrato in casa c'era già la polizia che aspettava. ;-))