Cerca nel blog

2014/06/18

Red Bull ritira la contestazione: la Luna non è sua. Capitan Ovvio saluta e se ne va

Breve epilogo della vicenda dell'accusa di violazione di copyright inviatami da Red Bull per un video della Luna (raccontata qui): stamattina è arrivata via mail la notifica del ritiro della contestazione. Il video è tornato online.


Nessuna spiegazione.

Non so se ha funzionato la mia mail di contronotifica o se la controversia s'è risolta grazie al fatto che ne ho parlato pubblicamente o per merito degli interventi dietro le quinte di alcuni di voi: siete troppi per ringraziarvi singolarmente, quindi perdonatemi se offro solo un grazie collettivo.

In ogni caso, tutta la faccenda è un bel promemoria del fatto che è meglio non affidarsi troppo ai servizi commerciali gratuiti di Internet per la distribuzione dei contenuti. L'apparente libertà di comunicare che ci offrono è revocabile per semplice capriccio e senza che sia dovuta alcuna spiegazione. Conviene sempre avere un piano B.

20 commenti:

franto ha detto...

La butto li, ma quando qualcuno contesta un filmato non deve dichiarare perchè lo contesta? Magari le stesse domande che hanno fatto a te le hanno fatte anche a redbull

Andrea ha detto...

O forse i primi 2 livelli di controllo sono demandati ai computer e solo allora interviene un essere senziente...in ogni caso molto stupido da parte di youtube fare così, gli utenti portano soldi a palate se li cacciano in questa maniera senza spiegazione ne perderanno molti.
Posso capire che un primo livello debba essere affidato a un sistema automatico, ma le occorrenze positive se contestate poi devono essere gestite da umani, un sistema automatico non può discernere questi casi infatti si vedono i risultati.

Guastulfo (Giuseppe) ha detto...

Se Paolo Attivissimo pagasse molti soldini a Google per pubblicizzare, ad esempio, il suo blog o i suoi libri, ecco che, per incanto, avrebbe poteri simili a quelli di RedBull. Molti video sulle missioni Apollo, o relativi a complottismi vari, verrebbe censurato automaticamente per violazione del copyright dei suoi filmati visto che molti di essi, per ovvi motivi, hanno parti in comune.

Mi sbaglio?
:-)

Il si passivante ha detto...

Il problema non è Red Bull ma il sistema di segnalazione automatico.
Funziona vergognosamente male.

ac ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Vittorio ha detto...

Meno male che è finita bene.
E a proposito di Luna Paolo ti segnalo questo articolo di AstronautiNews (filiale di ForumAstronautico) su due prossimi turisti spaziali proprio verso la Luna.

ac ha detto...

La burocrazia informatica insulsa ci farà rimpiangere quella ministeriale

Elena ``of Valhalla'' ha detto...

Segnalo che c'è chi sta lavorando per aggirare definitivamente questo problema scrivendo una piattaforma (che punta a diventare) installabile da chiunque sulla quale si possono pubblicare video, immagini, musica ed altri media tenendoli sotto il proprio controllo: mediagoblin.

Non è ancora del tutto pronto: c'è appena stata una campagna di finanziamento tipo kickstarter e ci si aspetta che in quest'anno si arrivi alla release 1.0, ma già lo si può installare e provare, se si è appena appena un po' smanettoni.

A quel punto non si avrà più bisogno di dipendere totalmente da un servizio esterno come youtube: come per un blog si potrà scegliere se avvalersi di un servizio fornito da altri, oppure gestirsi da solo lo stesso software e alla bisogna migrare facilmente tutti i propri contenuti dall'una all'altra soluzione.

Scatola Grande ha detto...

Maaa..... non sarebbe possibile iniziare a scegliere a caso dei filmati di RedBull e denunciarli per violazione del copyright?

Rizz ha detto...

Paolo, ho come il sospetto che ti vedremo dotato di ali nel prossimo spot della Red Bull :P

Max Senesi ha detto...

Scusate, ma io in tutto questo non ho capito una cosa: Red Bull era cosciente di aver richiesto questo copyright? O questo è dovuto a qualche misterioso fenomeno informatico di YouTube che glielo ha attribuito? Magari tutto è accaduto in modo automatico e solo il rilascio è avvenuto a seguito dell'intervento di un bipede antropomorfo battitasti stipendiato dal Tubo. Può essere che la Red Bull non ne sappia proprio nulla, rilascio del copyright incluso?

Insider ha detto...

La segnalazione automatica potrebbe essere partita per alcuni filmati caricati sul canale YouTube di Red Bull nel cui titolo è presente la parolina "moon"?

https://www.youtube.com/user/redbull/search?query=moon

https://www.youtube.com/watch?v=-nErnfN4UjQ

altre info: http://www.redbull.com/us/en/motorsports/offroad/stories/1331606084304/red-bull-athlete-lands-on-moon

Se così fosse, questi controlli automatici rasentano la follia.

FridayChild ha detto...

Così veloce? Perbacco.
Finalmente un Italiano che batte la Red Bull (se aspettiamo la Ferrari...)

pgc ha detto...

Se ho capito bene, le segnalazioni automatiche da parte di un utente qualsiasi possono attivare (o attivano automaticamente?) l'allerta e, a causa di casi precedenti e di una legislazione sempre più protettiva, youtube per evitare potenziali problemi, nega la visione del filmato, per attivare una revisione quando eventualmente il proprietario insista.

E' così?

Si potrebbe anche fare una prova, per esempio mettendo un filmato innocuo online su youtube, e quindi cominciando le segnalazioni di violazioni di copyright da parte di alcuni di noi, per vedere quando/se il filmato viene oscurato. Quindi reagendo esattamente come ha fatto Paolo ma senza articoli etc.

In ogni caso vorrei segnalare il fatto che sebbene Youtube sia certamente responsabile di idiozia, alla radice ci sono problemi legali sempre più difficili. Un po' come la scritta "non adatto ai bambini al di sotto dei 3 anni" che ormai viene aggiunta anche a giochi supersicuri: i genitori, in assenza di alternative, li daranno in mano a bambini di 1 o 2 anni, ma l'azienda che li produce si è comunque protetta il c***. Effetto - in parte - dell'ipertrofia legislativa tipica del presente. In tal caso sono sicuro che a parità di volumi di filmati, Vimeo sarà costretta prima o poi a fare lo stesso.

Unknown ha detto...

a quanto sembra la segnalazione automatica funziona male.
dev'essere un problema statistico: tante segnalazioni magari corrette e falsi positivi.
detto questo, la società e il servizio sarebbero da cambiare, peccato avere poche alternative.


Luigi Rosa ha detto...

"è meglio non affidarsi troppo ai servizi commerciali gratuiti di Internet per la distribuzione dei contenuti. "

Eh...
Premettendo che hai ragione da vendere, non e' cosi' facile come possa sembrare.

La cronaca purtroppo insegna che se non e' YouTube e' il tuo fornitore di hosting, il tuo provider, il tuo carrier... Con l'aggravante che quelli li paghi.

L'unica arma e' tenere sempre alta la guardia come hai fatto tu e sputt^H^H^H^H^Hdiffondere i tentativi di prevaricazione.

nova77 ha detto...

Il problema è stato sia di google - con il primo sistema di "controllo" automatico - che di redbull, che doveva "manualmente" verificare che la violazione fosse reale. Tutto lì.

ChristiaanHuygens ha detto...

io ormai da tempo privilegio dailymotion rispetto a youtube. Funziona benissimo - forse anche meglio - e ti tende molte meno gabole

Marco ha detto...

Segnalo questo articolo (ok, è sul corriere.it, però la questione è ben nota da tempo): http://tinyurl.com/k8oodcd perché si ricollega neanche tanto "lateralmente" con quello che ti è capitato...

Ciao!
Marco

Maria Rosa ha detto...

Beh ora che è finita bene posso anche mettere questo commento: se c'è qualcuno che può accampare diritti sulla Luna, è Gru di "Cattivissimo me".
[img]http://mr.comingsoon.it/imgdb/locandine/big/47712.jpg [/img]