skip to main | skip to sidebar
9 commenti

Yo. Un milione di dollari per un’app che manda solo “Yo”. Perché?

Pochi giorni fa un gruppo di investitori ha dato un milione di dollari ai creatori di un'app che non fa altro che permettere ai suoi utenti di mandare la parola “Yo” agli altri. Se pensavate che il limite di 140 caratteri di Twitter fosse un incentivo alla frivolezza e alla stupidità, Yo di certo non risolleverà le vostre speranze nell'intelligenza della comunicazione online.

Yo (per Android e iOS) è nato per scherzo il primo d'aprile, ha richiesto solo otto ore di lavoro e ora ha 50.000 utenti. Un milione di dollari per una giornata di lavoro: roba da mandare in depressione gli sviluppatori di app che si spremono le meningi per mesi creando app che poi non usa nessuno.

Un singolo investitore, Moshe Hogeg, ha già versato a Yo ben 200.000 dollari. E uno si chiede: ma perché? Lui risponde che è l'app del momento, l'ha lodata un guru di Internet come Marc Andreesen (creatore del primo browser, Mosaic, e cofondatore di Netscape) e non si sa mai che diventi un successone; del resto all'inizio nessuno pensava che Google avrebbe mai fatto un centesimo.

Yo è l'equivalente online degli “squillini”, le chiamate fatte a vuoto riagganciando subito per comunicare gratuitamente. Come si fa uno squillino per avvisare che si è arrivati all'appuntamento o per dire al partner che lo stiamo pensando, si può fare uno Yo. L'interfaccia è assolutamente elementare: un elenco di nomi di amici, a caratteri cubitali, da toccare per mandare loro uno “Yo”. Che vuol dire tutto e niente: è una chiamata d'attenzione, è un saluto, è un “come stai”. Tutto in due caratteri. Farà soldi? Per i suoi creatori li ha già fatti, ed è questo che conta.

Aggiornamento (13:30): L'app Yo è già stata bucata, permettendo di rubare identità, numeri di telefono e altro ancora. Otto ore di lavoro erano forse pochine per fare un'app fatta bene.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (9)
YO me (ALBERTOM) :)
Alcune considerazioni serie:
Privacy (almeno per la versione Android) garantita, l'app non legge la rubrica, non spedisce al server i tuoi dati, non legge nemmeno il tuo ID di google (ho due dispositivi con YO installato ed hanno uno user YO differente). Non è richiesto alcun accesso speciale in fase di installazione. Uno user YO non è collegabile a niente e nessuno.
Sicurezza, beh, essendo solo uno YO, un man in the middle se ne farebbe ben poco.
gli squillini sono caduti in disuso da quando i programmi IM sono sbarcati sui device mobili
Yo
Se penso che sto lavorando su un app da almeno 8 mesi e rotti. *SIGH*
Chi vuole 200 mila euro? yo
Chi vuole 1 milione di euro? yo yo yo yo yo...

Si l'app. funziona.
(comunque per me dietro ste cose c'è tanta evasione fiscale)
Vorrei far notare che ce n'è una che fa
HODOR HODOR HODOR HODOR HODOR HODOR HODOR HODOR HODOR
e non penso che abbia raccolto un milione $, anche se ne valeva 10 volte tanti
mica tutti i ricchi sono intelligenti... coYOni!
A volte mi viene il dubbio di essere p...
A volte capisco che sì, lo sono.