Cerca nel blog

2008/12/19

Megapezze anche per Apple, con qualche intoppo

Mac OS X aggiornato alla 10.5.6 con download gigante


Se il mondo Windows tribola con gli aggiornamenti di sicurezza, anche quello Apple ha il suo bel lavoro da svolgere. E' infatti uscita il 15 dicembre la versione 10.5.6 di Mac OS X Leopard. "Aumenta la stabilità, la compatibilità e la sicurezza del vostro Mac", come dice rassicurantemente la pagina di download di Apple.

L'importante è non dover prelevare l'aggiornamento tramite una connessione Internet lenta, perché nella migliore delle ipotesi siamo intorno ai 370 megabyte da scaricare.

Come sempre, ma più del solito, è consigliabile effettuare una copia di sicurezza completa del proprio Mac, perché numerosi utenti hanno segnalato magagne con quest'aggiornamento, secondo The Register e MacFixIt: computer bloccati, connessioni di rete a singhiozzo, problemi di audio e crisi di Mail.app.

Io ho aggiornato tutti i miei Mac senza problemi (a parte un riavvio forzato nel quale la ventola, come descritto da The Register, sembrava effettivamente in procinto di far decollare il MacBook Pro), ma un aneddoto non fa statistica e il backup è comunque consigliabile. E' altrettanto consigliabile il rito propiziatorio preventivo della Riparazione dei Permessi (in Utilità Disco). In caso di blocco del computer dopo l'aggiornamento, provate il Safe mode: tenete premuto il tasto Shift da quando sentite il "bong" di avvio al momento in cui compare l'animazione dell'ingranaggio che gira (può volerci un bel po' di tempo, abbiate fede), poi entrate come amministratore e riprovate ad installare l'aggiornamento.

23 commenti:

AD Blues ha detto...

Giusto per ingrassare le statistiche: nei miei Mac (Un iMac G5 ed un MacBook Intel) è andato tutto bene tranne il fatto che il plugin GPGmail per Mail.app deve essere aggiornato alla versione nuova pena il crash dell'applicazione tutte le volte che si prova ad aprire una mail.

---Alex

markogts ha detto...

...il rito propiziatorio...
...abbiate fede...

LOL

Willy ha detto...

Io ho riscontrato un problema che però non sono sicuro sia legato all'update (anche se si è presentato successivamente a questo):
quando sono su windows con Bootcamp (purtroppo per la tesi devo programmare su win :( ) dopo un po' il trackpad del mio mbp non funziona più granché.
Inizia a fare un po' di "fatica" nei movimenti, due dita + click non simula più il click destro e le due dita che scorrono non fanno più da PgUp e PgDw.

Gospel ha detto...

Veramente... Sia su Macbook che Macbook pro, l'aggiornamento è stato di circa 190mb.
;)

Ivan ha detto...

Anche da me l'aggiornamento è stato di 190 mb (MacBook Pro Santa Rosa).

Nessun problema riscontrato :-)

Francesco Sblendorio ha detto...

aumenta la compatibilità... con cosa?

fanboy-apple: ha detto...

Confermo 190 mb su macbook pro e zero problemi.

Mi chiedo quand'è che si fa statistica e 4 tizi su forum sparsi per il mondo si (perchè queste sono le fonti degli articoli postati).

Anonimo ha detto...

anche andare a svuotare a mano le caches è bene. i vari programmini lo fanno per finta.

stefano ha detto...

Riparare *preventivamente* i permessi non serve assolutamente nulla; semmai, lo si puo' fare DOPO, se c'e' qualcosa che non va.

Sia per il mio iMac che per il mio Macbook l'aggiornamento e' stato di circa 160 GB (se non ho letto male - comunque la prima cifra era "1", non "3").
Anche qui zero problemi... cominciamo a fare statistica? :-)

stefano ha detto...

Riguardo la riparazione dei permessi, invito tutti a leggere questo articolo piuttosto definitivo di John Gruber:

http://daringfireball.net/2006/04/repair_permissions

massimo ha detto...

ho aggiornato il mio macbook pro qualche giorno fa senza riscontrare nessun tipo di problema.

giusto per la statistica, anche i miei titolari che hanno 3 macbook, un macbook air e un imac hanno fatto l'aggiornamento in questione... nessun intoppo!

maxx

Claudio ha detto...

qui era stata un aggiornamento precedente (non ricordo se il .4 o il .5) a determinare un kernel panic ciclico al boot, che non c'è stato verso di risolvere (reinstallato sopra comunque dava problemi, e alla fine si è dovuto reinstallare da zero)

comunque il rito propriziatorio di Paolo è un splendido esempio di come l'utente mac possa dire da una parte, con la massima nonchalance, "it just works" e dall'altra far presente delle procedure ostrogote per limitare la possibilità di danni a causa di... un aggiornamento.

Paolo che dici, organizziamo un confronto oggettivo tra le tre piattaforme (windows, mac os x e linux)?

panda88 ha detto...

l'aggiornamento combo pesa 370, quello normale 190.
Per quanto mi riguarda ho un nuovo macbook unibody, aggiornamento da 370 e tutto ok. 2 riavvii automatici in cui 1 per 10 secondi e' partita la ventola a una velocita' supersonica.
nessun problema di sorta nemmeno nonostante non abbia fatto riparazioni permessi di sorta.
per quanto riguarda il problema col trackpad in bootcamp, apple ha rilasciato un aggiornamento oggi che ha sistemato un po di problemini (testato).

enjoy with mac!

Willy ha detto...

@panda88, purtroppo l'update per il trackpad non funziona col mio mbp early 2008 :(
Probabilmente è un problema della mia configurazione.

Gospel ha detto...

Probabilmente non è destinato al tuo... :D

martini.carlomaria ha detto...

invece io ho un problema serio: Da quando ho aggiornato alla nuova versione, Mail non mi fa mai aprire le mail con allegato e va SEMPRE in crash con queste mail.
Mentre con quelle di solo testo o html viaggia tranquillo, solo con gli allegati crasha.
Qualcuno, anche in privato, mi potrebbe aiutare?
Proprio adesso che il mio mac stava per compiere il primo anno di vita...

Anonimo ha detto...

a me non va più una porta usb...
ma ovviamente non posso dare la colpa all'aggiornamento, però, se è una coincidenza, è una figata.

Fr4 ha detto...

Nessun problema riscontrato su MacBook Late 2008 ;D

Solargarden ha detto...

Anche se non credo dipenda dall'aggiornamento, su MBP Early 2008 non riesco a riprodurre i DVD originali come Gomorra. O_O

Solargarden ha detto...

@ Willy: noto anche io che ho qualche problema con il trackpad: non riesco ad usare allarga due dita per lo zoom del finder in modalità cover flow.

Darione ha detto...

Confermo i 190MB. Paolo, aggiorna il post: 370 non è la migliore delle ipotesi ma la peggiore.

@ Claudio


comunque il rito propriziatorio di Paolo è un splendido esempio di come l'utente mac possa dire da una parte, con la massima nonchalance, "it just works" e dall'altra far presente delle procedure ostrogote per limitare la possibilità di danni a causa di... un aggiornamento.


A mio avviso il "rito propiziatorio" (come Paolo lo definisce umoristicamente) è un ottimo esempio di come, pur avendo un sistema affidabile, sia sempre opportuno fare attenzione; soprattutto se il computer non viene usato solo per giocare, e quindi "sacrificabile" temporaneamente, ma se lo si usa per lavoro. E poi non credo che Microsoft a sua volta non consigli qualcosa del genere: sarebbe ben avventata, dati i danni prodotti dai suoi aggiornamenti negli ultimi tempi (e non).

Il fatto che poi definisci "ostrogoti" i consigli seguenti (da attuarsi solo in caso di blocco e da quanto risulta molto rari) non fa che confermarmi che non sai di cosa stai parlando. Possibile che non ti sia mai capitato di dover riavviare windows in "safe mode" o dover premere F4 o F8 al boot? O andare a pacioccare il BIOS? Beh, beato te...

AxlPG ha detto...

Ma, sinceramente, io nn ho riscontrato problemi, né prima né dopo l'aggiornamento.
Cmq c'è da dire ke su tutti gli aggiornamenti del Mac c'è scritto "Aumenta la stabilità, la compatibilità e la sicurezza del vostro Mac", nn è una novità.

Claudio ha detto...

Darione, possibile che chi difende la mela deve sempre arrivare a dire che l'altra parte, se ha tesi diverse dalla proprie, "non sa di cosa sta parlando"?

Ne so al punto che a differenza della quasi totalità di chi parla di windows, os x o linux non ho preferenze e, dato che li uso costantemente tutti e tre, conosco pregi e difetti (e aggiungerei un po' anche la storia) di questi os. E li uso molto. Ho cioè un punto di vista privilegiato che va al di là di partigianeria, preferenze o gusti personali.

Ciò che sottolineavo, ed è una costatazione oggettiva, è solamente che dall'articolo di Paolo venga fuori plateale quello che si sa già e non fa finta di non sapere, ovvero che il "it just works" sia solamente uno slogan commerciale. Windows avrà pure le sue magagne, ma il punto è che è il mondo Apple che promuove Os X come un sistema del mondo dei sogni che funziona a prescindere... e così invece non è. Non stiamo parlando cioè di Windows. Io ho detto: "ah, ecco com'è il *it just works*" e tu mi hai detto "si ma windows". Si ma windows un cavolo :) Se Os X ha magagne non è che queste si risolvono se ce l'ha anche windows / ne ha di più windows.

Sai qual è la differenza reale? E' che se il sistema diventa lento, sotto un pc "è colpa di windows", sotto os x l'utente dice: "oh, ma non può più essere colpa di windows" e va a cercare la causa (che 90 su 100 è una cosa banale come un'applicazione che mangia troppe risorse - qualcuno ha detto firefox?). Tutto qua. Per il resto di magagne negli ultimi 3 anni ne abbiamo avute di più con il mac (poi non generalizzo, per carità).