Cerca nel blog

2008/12/19

Occhio alle truffe nigeriane all’inglese

Avete vinto una causa in Inghilterra e manco lo sapete? Variante british della truffa alla nigeriana


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Vignetta di Moise, pubblicata inizialmente su AFNews e ripubblicata qui per gentile concessione dell'autore.

Grazie a una lettrice, Marlyse, segnalo questa variante originale della classica truffa alla nigeriana: vi arriva una mail in inglese da una persona che dichiara di essere un manager di una banca del Regno Unito e allega al messaggio una sentenza, sempre in inglese, secondo la quale avete vinto una causa e vi spettano un bel po' di sterline. Eccone un'immagine, debitamente pecettata:



Il documento ha un'aria decisamente ufficiale, anche perché un rapido controllo via Internet conferma che il tribunale della Contea di Basildon esiste realmente. Ma la plausibilità viene infranta non solo dal fatto, bello grosso, che pare strano ricevere una sentenza favorevole per una causa mai intentata: leggendo i dettagli si nota che l' ordine del tribunale, datato 1/12, intima di pagare entro il giorno successivo. Tempi un pochino stretti per qualunque sistema giudiziario.

La truffa, da questo punto in poi, segue il copione classico della tecnica nigeriana (419 scam), che prende questo nome dal paese che ne è il principale esportatore: se rispondete, vi arriva la richiesta di "sbloccare" il risarcimento versando una cifra per presunte tasse o spese di incasso o simili. Il "funzionario", nel caso descritto dalla lettrice, aveva chiesto prima 2500 dollari e poi altri 600 dollari per "spese di trasferimento". Sarebbe stato un bell'incasso, ma per il truffatore, se la lettrice non fosse stata insospettita anche dal fatto che il "funzionario" aveva un indirizzo di e-mail di Yahoo anziché della propria banca.

Scampato pericolo, stavolta: ma là fuori ci sono tante altre vittime potenziali. Facciamo il possibile per metterle in guardia.

8 commenti:

Rodri ha detto...

Su gmail mi è arrivato uno scam in versione economy. In circa 30 parole in totale diceva "Hai vinto alla lotteria, per incassare il tuo premio manca nome, cognome e tutti i tuoi dati a quest'indirizzo e-mail".

Mai vista una versione così corta :-)

Luca3771 ha detto...

L'ho pensata ancora più corta:
"Se mi dai Nome cognome data nascita via e città di dico di cosa si tratta"

Secondo me abboccherebbero in parecchi

Saluti e auguri a tutti

Vittorio ha detto...

4 anni fa lavoravo in un locale in centro a Milano con una novantina di computer collegati ad internet e utilizzabili dai clienti. un cliente si vede comparire sul monitor un pop-up con scritto "complimenti hai vinto 55.000 $"
li voleva dal locale subito e in contanti. nulla poteva convincerlo che era una truffa. ha chiamato pure i carabinieri.

badola ha detto...

dalle mie parti impazza la finta vincita di un bonus da parte di Poste Online ( che... ovviamente... non sono loro..)

solito sistema ...clicca qui bla bla bla ..

ci cadono pure, a quanto mi consti.

mah ...

VC - Kuda ha detto...

su diversi blog stanno spammando questo messaggio: "Cari Signori! Per una ragazza di 8 anni servono urgentemente fondi per una operazione ad un rene malato. Chi vuole dare il suo CONTRIBUTO PREGO versare (anche spiccioli) a Paypal: bell11@gawab.com Grazie mille in anticipo e Dio vi benedirà. Forza ragazzi aiutiamola!!! E Dio sarà con voi!" Qualcuno ne sa qualcosa? grazie

Maximilian Hunt ha detto...

@vittorio: coooosa? ma aveva mai usato un pc il signore?

Replicante Cattivo ha detto...

@ Vittorio
Certo quel signore ha compiuto un atto estremo...ma come è andata a finire? Alla fine tutti noi, quando riceviamo i volantini che ci parlano di vincite milionarie, li stracciamo. Ma se non ci sono micro-scritte o clausole invisibili, teoricamente potrebbero essere denunciati per pubblicità ingannevole.
Come quella puntata in cui Bart Simpsons partecipò a un gioco radiofonico che permetteva di scegliere come premio un elefante...e lui pretese (e vinse) l'elefante :)


Quanto alle mail truffa del post...perdonatemi, ma io penso sempre che quando ci sono truffatori del genere, dall'altra parte c'è sempre un truffato che si crede più furbo di tutti. Un po' come l'avaro delle commedie dell'arte: pretende troppo e alla fine perde tutto.
Pensate a quelli che si fanno infinocchiare agli autogrill, comprando cellulari, pc, radio, e poi invece si trovano le scatole col mattone: non credete che quelle truffe siano la punizione per la loro superbia? In fondo chi si lascia avvicinare da uno sconosciuto che gli propone un pc 300 euro, sta pensando "che affarone!" e crede di aver aggirato chissà quale sistema commerciale e si ritiene più intelligente di chi va a comprarlo nei negozi.
Con questo non voglio dire che questi truffatori hanno il diritto di truffare la gente, ma solo che c'è qualcuno che alimenta questo sistema di truffe spinto dalla convinzione di poter avere qualcosa a meno del loro prezzo tradizionale senza preoccuparsi di come questo sia possibile (o fingendo di ignorarlo, come quando vi vendono un cellulare "usato")

Sihaya B16 ha detto...

A me è ne arrivata una simpaticissima, in inglese, che diceva pressappoco: "sei stato vittima di una truffa? contattaci!" e poi proseguiva con il classico schemma della nigeriana!!
Mi domando in quanti poveracci ci sono cascati.

Un po' OT: credo che da quando hanno dato il via al poker on line le tasche degli italiani si stanno svuotando sempre di più, nella consapevolezza che per il gioco d'azzardo (e il porno) i soldi ci sono sempre anche nei periodi di crisi più grave!!