skip to main | skip to sidebar
14 commenti

Antibufala: scrivi BFF in Facebook per sapere se sei protetto!

Ultimo aggiornamento: 2018/04/05 14:35. 

Come si fa a confezionare una fake news di successo? Ci vuole un ingrediente che gli studiosi del settore chiamano spreadability, che si può tradurre come diffondibilità, propagabilità (grazie a chi ha suggerito questa traduzione nei commenti) o, più liberamente, come viralità. La notizia falsa, in altre parole, deve avere qualcosa che induca gli utenti a diffonderla, condividendola via mail o nei social network.

Quel “qualcosa” può anche essere un fatto reale, alterato e riconfezionato in modo da diventare ingannevole. Un esempio perfetto di questo ingrediente arriva proprio in questi giorni da una notizia diffusa da moltissimi utenti di Facebook: quella secondo la quale Mark Zuckerberg avrebbe inventato la sigla “BFF” come codice per consentire agli utenti di assicurarsi che il loro account sia al sicuro su Facebook.

L'appello invita a condividere e commentare includendo la sigla “BFF”, dicendo che “se esce verde è perché il vostro account è protetto, ma se non spunta verde, fate una modifica immediatamente. Contrassegna il tuo account perché sarà una galleria di disco.”

La frase è completamente senza senso: non si capisce in che modo sia protetto l’account e contro cosa lo sia, ed è ancora più incomprensibile cosa sia una “galleria di disco”. Ma tutto questo per molti a quanto pare non ha alcuna importanza e l’appello, che è falso, circola intensamente, perché ha un ingrediente che apparentemente lo autentica: infatti se scrivete BFF in Facebook, su quasi tutti gli smartphone, tablet e computer la sigla si colora davvero di verde e parte un’animazione.

Ma in realtà questa è una funzione decorativa di Facebook, che non c’entra nulla con la protezione, e la sigla BFF non l’ha affatto inventata Zuckerberg adesso, ma è in uso da più di vent’anni, visto che secondo il New Oxford American Dictionary risale al 1996 e sta per “best friend forever”, ossia “miglior amico (o amica) per sempre”.

Animazioni come quella associata alla sigla BFF esistono in Facebook da ottobre del 2017 anche per altre parole, come “baci”, “auguri”, “congratulazioni” o “complimenti”, o abbreviazioni come “LMAO” (che significa “sto ridendo a crepapelle”). Su Medium.com c’è un elenco parziale di queste parole o frasi in varie lingue. Anche in questi casi le animazioni non hanno alcun effetto di sicurezza, anche se è vero che se a voi non compaiono vuol dire probabilmente che avete una versione molto vecchia dell’app di Facebook o che il vostro dispositivo ha bisogno di un aggiornamento, ma la loro assenza non indica affatto che il vostro account è stato violato.

Fra l'altro, le animazioni sono disattivabili per un singolo post toccando i tre puntini accanto al post e scegliendo Rimuovi gli effetti del testo.

Questa bufala esiste anche in altre lingue: se ne trovano in circolazione, per esempio, versioni in francese, tedesco, spagnolo e inglese. La versione tedesca circola almeno dalla metà di febbraio scorso. Come molte false notizie e dicerie dello stesso genere, non si sa chi l’abbia creata e non è chiaro se si tratti di una fandonia inventata consapevolmente, magari per vedere quanta gente ci casca, o di un malinteso di un utente che è poi stato condiviso senza fermarsi a pensare.

Comunque sia, vale sempre la regola consueta: il modo migliore per fermare una catena di Sant’Antonio come questa, se non avete tempo di fermarvi a verificarla, è semplicemente non condividerla.


Questo articolo è basato sul testo preparato per il mio servizio La Rete in 3 minuti per Radio Inblu del 5 aprile 2018. Fonti aggiuntive: Butac.it, Hoax-Slayer.net, Snopes.com, Davidpuente.it.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (14)
Strano che anche gli anglofoni ci siano cascati, essendo una sigla facilmente riconoscibile per loro
scrivi BJ e forse qualche tuo contatto ti regalera' un'esperienza piacevole.
Se invece scrivi BJJ non garantisco...
BFF = Bufala Finemente Forgiata :D
Quando ero poco più che ragazzino ed iniziavano a diffondersi i primi telefoni cellulari, girava voce che con una certa combinazione di tasti si poteva scoprire se il telefono era controllato dalla DIGOS.

Naturalmente in pochi si ponevano la domanda "perché la DIGOS dovrebbe controllare il mio telefono e perché dovrebbe farlo lasciando una traccia così evidente?". L'eccitazione di scoprire qualcosa di nuovo e di sentirsi importanti perché "controllati dalla DIGOS" era sufficiente ad abbassare le difese.

Passano gli anni, cambiano gli strumenti ma la testa della gente è sempre la stessa :-)

[Ovviamente in realtà era la combinazione di tasti che faceva comparire sul display un qualche codice, forse l'IMEI, non ricordo esattamente]
Propagabilità in italiano

O, a forza di ripetere pappagallescamente e per pigrizia mentale le parole straniere senza reale necessità, finiremo coll'ammazzare il pensiero che è fatto di parole radicate nella madrelingua, sogno bagnato dei governi avere analfabeti con capacità men che superficiali di comprensione e produzione linguistica, perché se non sai bene la tua lingua innanzitutto, non potrai mai conoscere le altre se non altrettanto superficialmente

Ah, mica è un rimprovero a Paolo Attivissimo, è una constatazione del penoso andazzo odierno sui bufalifici 24 ore su 24 (giornali e tv)
Quel "contrassegna" lascia pensare a una traduzione automatica dallo spagnolo.
("Contraseña"->"Password")
Alla fine anche PGO ha perso contro le fake news
http://odifreddi.blogautore.repubblica.it/2018/04/03/addio-a-repubblica/

Dopo varie prove confermo che non succede nulla nemmeno con la versione lite ufficiale aggiornata dell'applicazione di Facebook e nemmeno con la versione che si può integrare in Chrome per Android, entrambe semplificate e molto più leggere (qualche mega soltanto) rispetto alla mastodontica app standard di FB.
la tristezza di dover sbufalare pure delle minchiate del genere! :(
nunpetrus,

grazie per il "propagabilità", è una bella traduzione, confesso che non ci ero arrivato.
Caro Paolo Attivissimo, tu ci saresti arrivato comunque (è inevitabile) perché potevi modificare l'articolo facilmente e velocemente, il dramma è che sui suddetti bufalifici (giornali, TV, radio ecc...) sarebbe rimasta la parola inglese non compresa nel suo significato proprio e ripetuta per l'appunto a pappagallo, io ci sono arrivato prima solo perché attualmente disoccupato purtroppo e quindi con meno impegni cui badare :-(
Il fatto che una frase così incomprensibile venga condivisa dimostra che nessuno legge cosa condivide.
Alla fine anche PGO ha perso contro le fake news
http://odifreddi.blogautore.repubblica.it/2018/04/03/addio-a-repubblica/


Essere d'accordo con Odifreddi... certo che ne capitano di cose strane nella vita.
@Andrea #6

A me invece ha fatto pensare a una traduzione dall'inglese - "check your account".

Ora sto provando a capire questa "galleria di disco", perché mi incuriosisce troppo.