Cerca nel blog

2018/04/14

Pronti dieci capitoli di debunking dei complotti lunari: intervisto l’astronauta Terry Virts

Ultimo aggiornamento: 2018/04/15 11:05. 

Sono pronte le versioni aggiornate del nono e decimo capitolo di Luna? Sì, ci siamo andati, il mio libro gratuito di risposte alle tesi di complotto intorno agli sbarchi sulla Luna.

Nel nono capitolo c’è anche una mia brevissima intervista di chiarimento all’astronauta statunitense Terry Virts, coinvolto suo malgrado in una di queste tesi. Nel decimo, invece, mi occupo dei metacomplotti, ossia delle tesi di complotto che giustificano i presunti errori della presunta messinscena e tentano di rispondere alla domanda “ma se ci sono così tanti errori, chi ha fatto la cospirazione era un cretino?”

Il libro è stato già sfogliato da circa 182.000 visitatori da dicembre scorso; il dubbio più letto continua a essere quello sul presunto mistero delle ombre non parallele. Ma mi fa piacere che al secondo posto ci sia una sezione non complottista e puramente descrittiva: quella dedicata alla tecnologia fotografica Apollo.

Il testo, estesamente aggiornato, è stato reimpaginato per renderlo più leggibile anche sugli schermi piccoli dei telefonini. Buona lettura.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

12 commenti:

Arcturus ha detto...

Relativamente alle trasmissioni tv alle quali è stato ospite Armstrong, secondo me andrebbe citata anche la sua partecipazione, nel 1984, alla trasmissione italiana "30 anni della nostra storia" condotta da Paolo Frajese. Mi ricordo benissimo della sera in cui fu trasmessa.
http://www.raistoria.rai.it/articoli/30-anni-della-nostra-storia-neil-armstrong/23963/default.aspx

Paolo Attivissimo ha detto...

Arcturus,

grazie del suggerimento: l’ho incluso subito.

merlin86 ha detto...

Libro fantastico. La prima versione su formato Kindle l'ho letteralmente divorata insieme a "il mondo infestato dai demoni" di Sagan.
Appena avrò tempo vedrò di leggere anche questa nuova versione.
Ottimo libro davvero.

EddyKL ha detto...

A essere pignoli, anche la Luna si trova nell'orbita terrestre. Marte no.

Giuliano47 ha detto...

Due sole foto con tua moglie e le ombre? Geloso, eh?
Fanne anche con diverse lunghezze focali. E' bene ricordare che l'Hasselblad lunare usava generalmente un grandangolo: un obiettivo da 60 mm per pellicole larghe 70 mm.
Mettere le corrispondenze per macchine analogiche con pellicola per fotogrammi 24x35

Gianluca Atti ha detto...

Esatto Arcturus. Ricordo bene quella puntata e credo di averla anche registrata su audiocassetta! Il mitico Neil era in collegamento diretto dall'America. Il problema è ritrovarla quella audiocassetta! Ho provato a cercarla su Youtube ma niente da fare! :-(

Paolo Attivissimo ha detto...

Giuliano47,

Due sole foto con tua moglie e le ombre? Geloso, eh?

Geloso no, riservato sì.

Fanne anche con diverse lunghezze focali. E' bene ricordare che l'Hasselblad lunare usava generalmente un grandangolo: un obiettivo da 60 mm per pellicole larghe 70 mm.
Mettere le corrispondenze per macchine analogiche con pellicola per fotogrammi 24x35


Volentieri, ma me ne manca il tempo.

Paolo Attivissimo ha detto...

EddyKL,


A essere pignoli, anche la Luna si trova nell'orbita terrestre. Marte no.

Hai ragione. Terry intendeva orbita terrestre bassa.

Riccardo Deserti ha detto...

A proposito di LUNA? sì ci siamo andati! (gran bel libro, l'ho fatto leggere a mio figlio mentre siamo andati a vedere la mostra NASA A Human Adventure.

Mio babbo, leggendo le domande Mazzucchiane mi ha portato una considerazione tanto semplice quanto efficace. Volevo provare a chiedere a voi cosa ne pensate (per la cronaca, secondo me ha ragione),

Mio babbo mi faceva notare che la Luna piena, di notte sulla terra, produce 1 lux (ovvero 1 lumen per metro quadro). Con la sola luce della Luna piena, la notte si riescono a leggere i grossi titoli di giornali. Ora noi siamo a 384.000km e c'è pure un pochino di atmosfera nel mezzo. Secondo lui, se qua la luce riflessa dalla Luna ti fa vedere la notte i titoli dei giornali, è ovvio che sulla sua superficie la luce riflessa ti faccia vedere gli oggetti in ombra come l'astronauta e come il LEM.

Claudio (l'altro) ha detto...

@Riccardo
Tuo padre ha perfettamente ragione.
Mi pare che comunque anche Paolo abbia trattato l’argomento “luce riflessa”.
Il problema è che mentre tu e tuo padre avete delle basi per ragionare, le tesi bislacche su luci ed ombre vengono proposte, sui libri ma peggio ancora in TV in pseudo-documentari (Voyager, Mystero, Focus Channel, Discovery Channel) con artifici retorici e senza una spiegazione razionale, come se fossero opinioni di veri “esperti”. E non tutti sono razionali o istruiti come la vostra famiglia.
Comunque complimenti per la gita e le considerazioni scaturite!

Mattia Bulgarelli (K. Duval) ha detto...

Mi associo al commento di Giuliano47. Non quello sulla gelosia, ma l'idea di aggiungere un commento sulle lunghezze focali mi pare importante. Le diverse lunghezze focali possono rendere più o meno forte l'effetto di convergenza prospettica delle linee che nella realtà sono parallele, come mostra questa .gif animata: https://en.wikipedia.org/wiki/Focal_length#/media/File:Camera_focal_length_distance_house_animation.gif

La cosa è valida tanto nel cinema quanto in fotografia quanto nel disegno. E i buoni artisti in tutte queste arti sanno come sfruttare questo effetto per creare questo o quell'effetto nello spettatore. :)

Giuliano47 ha detto...

Mi associo al commento di Mattia :-) Appunto, le ombre prodotte dal sole SONO parallele su di un terreno pianeggiante, ma si VEDONO convergenti a causa della distorsione prospettica introdotta o aumentata da un'ottica grandangolare, eccetera. E' un concetto che non tutti afferrano.