skip to main | skip to sidebar
7 commenti

Antibufala: musica di Julio Iglesias bandita in Russia per “neofascismo”

Sta spopolando in Rete una serie di immagini, come quella presentata qui accanto, che mostrerebbero un elenco di cantanti e gruppi musicali banditi o “sconsigliati” in questo momento dalle radio in Russia.

Fra i nomi elencati ce ne sono alcuni abbastanza ovvi, come Alice Cooper (per “violenza, vandalismo” o i Sex Pistols (“punk, violenza”). Ma che i Village People siano vietati per “violenza” pare un po' strano. La chicca assoluta, però, è Julio Iglesias, che è bandito addirittura per “neofascismo”.

L'attuale situazione censoria in Russia alimenta la circolazione di questa lista, ma un suo esame razionale rivela qualcosa di sospetto: i Pink Floyd sono banditi per “interferenza nella politica estera dell'Unione Sovietica”. Ma l'Unione Sovietica non esiste più da un pezzo.

Si tratta infatti di una trascrizione di un documento sovietico risalente al 1985 e diffuso dal Komsomol, organizzazione giovanile del partito comunista dell'URSS, come elenco di “gruppi musicali o artisti stranieri i cui repertori contengono composizioni ideologicamente dannose”, pubblicato per “intensificare il controllo sulle attività delle discoteche”.

Era una lista seria di musica ritenuta pericolosa (analoga a quelle circolanti anche in Occidente sulla pericolosità per i giovani della musica rock) oppure una forma sottile di ironia che permetteva sfruttare un organo di propaganda ufficiale per far sapere a tutti quali erano i gruppi da ascoltare grazie ai ribs o ryobra, le copie abusive dei dischi fatte riutilizzando le lastre radiografiche? Non è chiaro, ma una cosa è certa: l'elenco non si riferisce alla Russia odierna.

Fonti: Sean's Russia Blog, Uproxx, BoingBoing.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (7)
Anche perché sono sicuro che gli Scorpions (con la 's') hanno fatto molto di recente un concerto ufficiale a San Pietroburgo (ora sul sito ufficiale non compare più perché man mano tolgono le date dei tour nel passato)
Non sono certo un filosovietico, ma su Julio Iglesias fatico a dar loro torto.
Beh, che la Russia di oggi condanni l'oscurantismo religioso e l'anticomunismo sembra, in effetti, un pochino strano.
A me ciò che sconcerta è la presenza contemporanea di Iglesias in una lista in cui compaiono monumenti della musica del '900 :D
Interessante, ne avevo parlato sul mio blog qualche giorno fa, grazie per il reperimento della fonte originale, io non ero riuscito a trovarla ... il caso mi era balzato all'occhio dopo averlo sbirciato su Repubblica XL (a cui ho chiesto la fonte mediante commento su FB e che, "ovviamente", non si è degnata di rispondermi). Inutile dire che questa notizia è rimbalzata a destra e a manca nel frattempo. Purtroppo.
Tutto avrei detto dei Village People, tranne che incitassero alla violenza. :)
Gli Iron Maiden banditi? Ma se hanno pure scritto una canzone dal titolo "Mother Russia"...
:)