Cerca nel blog

2010/03/30

Attenti alle foto con coordinate GPS

Cellulari e fotocamere con GPS, occhio a non rivelare troppo


Se avete un telefonino o una fotocamera con GPS integrato, attenti a cosa fotografate e a come pubblicate le vostre foto: se non le ripulite prima di diffonderle, addio anonimato, con conseguenze piuttosto imbarazzanti.

Prendete per esempio la signorina qui accanto, che ha deciso di immortalare la parte migliore di sé usando un iPhone (l'inquadratura originale è più ampia ma probabilmente inadatta a un blog per famiglie, a meno che siano famiglie di proctologi). Si è coperta il viso in modo da non essere riconoscibile e quindi sfruttare l'anonimato per un'esibizione molto personale.

Ma nelle fotografie digitali vengono memorizzati vari dati, come la data e l'ora dello scatto e le regolazioni della fotocamera. Nelle fotocamere e nei telefonini dotati di GPS, come appunto gli iPhone recenti, insieme a questi dati ci sono le coordinate geografiche del luogo dove è stata scattata la foto. Addio anonimato.

Con questi dati è sufficiente un giretto su Google Maps e (se disponibile) su Street View per scoprire dove si trova la disinibita donzella.


Non posso garantire che i dati siano reali o che la foto sia autentica, visto che la fonte dell'esempio è 4chan, ma il concetto è certamente valido.

Una foto del genere, associata al proprio nome e cognome, potrebbe causare non pochi problemi per anni, per esempio durante una ricerca di lavoro. Al potenziale datore di lavoro basterebbe una Googlata per trovare un quadro molto chiaro e aperto della situazione.

Anche foto meno compromettenti possono essere fonte di guai se corredate di dati GPS. La vostra foto al bar o al ristorante o in ufficio diventa improvvisamente localizzabile. Una manna dal cielo per qualunque persona voglia pedinarvi o molestarvi o fare di peggio: basta sfogliare le vostre foto pubbliche per sapere che locali frequentate, dove lavorate, dove abitate e che orari fate. Lo stesso vale anche per le persone che conoscete: una foto etichettata "A casa di Piera" è innocua, ma la stessa foto con dati GPS permette a chiunque di sapere dove abita Piera.

Se volete davvero pubblicare o distribuire foto anonimizzate, ricordatevi di purgare i dati EXIF dalle immagini (il metodo più semplice e sicuro che mi viene in mente è visualizzare la foto sullo schermo e catturarla, poi pubblicare la cattura, ma ci sono vari programmi che rimuovono i dati EXIF per i vari sistemi operativi). L'iPhone permette di disattivare l'inclusione dei dati GPS nelle foto.

Maggiori dettagli sono in questo articolo di Kelsocartography (in inglese).

43 commenti:

GuidoBH ha detto...

Complimenti, Paolo. Nonostante questo sia un blog seguito da persone non certo superficiali (non parlo di competenze informatiche, ma di buon senso), molti avranno comunque trasecolato, leggendo... ci si dimentica spesso di certe implicazioni. Mi occupo di informatica in una grossa ditta e a noi viene imposto il tracciamento dell'accesso ai server che contengono "dati personali", dove per "dati personali" si intende... nome e cognome. Sì, il nome e cognome sono dati personali.... figuriamoci il resto!!!

L'economa domestica ha detto...

Secondo il Codice della Privacy nome e cognome sono dati personali (lo è qualsiasi dato che renda identificabile una persona).

Io però ho un'altra domanda: quali sono le ragioni profonde che spingono una persona a fotografarsi in quella posizione? E, soprattutto, a pubblicare le foto sulla rete?

mlova nova ha detto...

"Una foto del genere, associata al proprio nome e cognome, potrebbe causare non pochi problemi per anni, per esempio durante una ricerca di lavoro."

beh, nel caso preso in esempio potrebbe favorire una immediata assunzione.

theDRaKKaR ha detto...

grazie per aver divulgato quella bellissima foto... come? non era questo il tema del post? ops, è che non l'ho letto tutto, sono andato subito su 4chan...

a parte gli scherzi, segnalo che un buon semplice programmillo freeware per Windows per rimuovere i dati Exif è Exif Tag Remover di RL Vision

http://www.rlvision.com/downloads.asp

theDRaKKaR ha detto...

Io però ho un'altra domanda: quali sono le ragioni profonde che spingono una persona a fotografarsi in quella posizione? E, soprattutto, a pubblicare le foto sulla rete?

lo sai benissimo :) si chiama esibizionismo... un pochino tutte le donne (ma anche alcuni uomini) hanno questo tipo di desiderio, ma quando esso diventa patologico ecco qui i risultati..

ovviamente noi maschietti speriamo che NON si trovi una cura ^____^

Rodri ha detto...

LOLLONE :-D

theDRaKKaR ha detto...

famiglie di proctologi

LOL

Gian Piero Biancoli ha detto...

"Una foto del genere, associata al proprio nome e cognome, potrebbe causare non pochi problemi per anni, per esempio durante una ricerca di lavoro. Al potenziale datore di lavoro basterebbe una Googlata per trovare un quadro molto chiaro e aperto della situazione"

In Italia, con una foto del genere, non ci sarebbero problemi a trovare lavoro, anzi... probabilmente si aprirebbero le porte per diventare deputato o ministro. :-)

L'economa domestica ha detto...

@ theDRaKKaR

lo sai benissimo :) si chiama esibizionismo... un pochino tutte le donne (ma anche alcuni uomini) hanno questo tipo di desiderio, ma quando esso diventa patologico ecco qui i risultati..

ovviamente noi maschietti speriamo che NON si trovi una cura ^____^


o_O..... Va bene che anche l'occhio vuole la sua parte, ma a parte la gratificazione visiva, non è che per un maschietto queste foto siano proprio, come posso dire, di concreta utilità.

davser ha detto...

Ma non è sufficiente tenere il modulo GPS spento? Io lo accendo solo quando mi serve il navigatore, anche perchè consuma molta batteria.
Il problema sollevato nell'articolo è importante e sicuramente da far notare. Però credo che basti questo semplice accorgimento che credo sia già rispettato solo per il fatto di salvaguardare l'autonomia della batteria.

theDRaKKaR ha detto...

Va bene che anche l'occhio vuole la sua parte, ma a parte la gratificazione visiva, non è che per un maschietto queste foto siano proprio, come posso dire, di concreta utilità.

fossi in te non ne sarei tanto sicura...

Mousse ha detto...

Sempre meglio "pulire" i dati EXIF: alcuni telefoni utilizzano anche la rete cellulare per tracciare la posizione. Disattivare il modulo GPS non impedisce automaticamente di memorizzare le coordinate nei dati EXIF.

Quando le foto vengono caricate Facebook però, stando almeno a Photoshop, i dati EXIF verrebbero "automaticamente" azzerati.
Lo stesso non accade a Flickr o Picasa, che anzi incoraggiano il geotagging delle immagini.

L'economa domestica ha detto...

@ theDRaKKaR

Ohmamma, devo temere?

Domenico_T ha detto...

Al potenziale datore di lavoro basterebbe una Googlata per trovare un quadro molto chiaro e aperto della situazione.

Paolo, amo il tuo umorismo *rotfl*

Enrico Francese ha detto...

@economia domestica:
non fermiamoci all'aspetto più superficiale e al singolo episodio ;-)
A parte l'esibizionismo della ragazza, che è una cosa ormai sempre più comune specie fra gli adolescenti (queste foto sono comunissime negli scambi fra social network, ecc.) c'è un problema gravissimo di fondo. Ossia che non esiste alcun tipo di consapevolezza della tecnologia che si sta usando e delle implicazioni che comporta.
Probabilmente il 90% degli utilizzatori di iPhone non sanno che cosa sia o come funzioni la geolocalizzazione. Probabilmente il 90% dei ragazzi che si scambiano foto osé online non sanno, ingenuamente, che quella foto può circolare, essere riprodotta, essere ritoccata, ecc. Probabilmente il 90% di chi si scambia queste foto poi si stupisce a scoprire che circola online. Con dei metadati sensibili, o comunque significativi.

.:TDA:. ha detto...

Forse sarebbe anche utile, come citato nell'articolo, spiegare COME si fa a disattivare quella funzione sull'iPhone ^^

Mousse ha detto...

Non ho l'iPhone, se volete vi posso spiegare come disattivare la localizzazione (per tutte le applicazioni) sull'HTC Tattoo e presumo su tutti gli altri HTC con SenseUI:
Toccare Menù, poi Impostazioni, Posizione e togliere tutte e tre le spunte.

Il geogatting si pò disabilitare solo per le foto mantenendo il GPS attivo: aprire l'applicazione Fotocamera, premere il tasto Menù, toccare Impostazioni, togliere la spunta da Etichettatura Geografica.

L'economa domestica ha detto...

@ Enrico Francese

Ora susciterò degli "OOOHHH" di sorpresa negli altri commentatori con un'affermazione che non vi aspettereste dalla sottoscritta.

Bene, io tra l'altro mi occupo professionalmente di elementi di privacy ed informatica (livello basebasebase, eh, mica roba da smanettoni).

In questa veste ho visto cose...

Praticamente c'è un'enorme fascia di popolazione lavorativa, abbastanza trasversale come età, che utilizza il computer ed internet, ma non si rende assolutamente conto di quanto alcuni comportamenti (gestione password, e mail di spam a cui abboccare...) possano essere pericolosi.

All'università poi mi sono resa conto come i ggiovani utilizzino i social network, ma non sappiano fare ricerche in internet, o, addirittura, formattare testi (lasciamo perdere che non sapevano nemmeno a quale corrente letteraria appartenesse Verga...).

Questi comportamenti sono un po'il corrispettivo dell'analfabetismo funzionale, e possono essere alquanto pericolosi.

theDRaKKaR ha detto...

Ohmamma, devo temere?

solo se credi che l'onanismo provochi cecità :)

Enrico Francese ha detto...

Esatto, è proprio quello che volevo dire.
L'esibizionismo ingenuo è niente in confronto alla pericolosità dell'ignoranza sulla tecnologia che si sta usando.

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

Questa nuova tastiera Braille è fantastica! :D

L'economa domestica ha detto...

@ Usa-free e theDRaKKaR

Siete perfidi!!!
PS per Usa-Free: barra Braille, non tastiera Braille!!!

Turz ha detto...

@Paolo Attivissimo:
Si è coperta il viso in modo da non essere riconoscibile

Si è coperta il 20% del viso, vorrai dire. Questo è coprirsi il viso :-)

Luigi Rosa ha detto...

I metadati EXIF e i metadati in generale sono abbastanza pericolosi, sia per casi come questo, sia perche' possono rivelare il programma utilizzato per il fotoritocco di un'immagine o per creare un PDF. E se poi dovesse risultare che non avete licenze Adobe.........

Per Firefox esiste un comodissimo 'EXIF viewer' che aggiunge al menu contestuale la possibilita' di visualizzare i dati EXIF/IPTC di un'immagine.

Epsilon ha detto...

Stimolato a fare qualche esperimento con i dati EXIF sono finito in Panoramio che ho attivato con l'account Google.
Ora non mi serve più e volevo quindi disattivarne l'accesso; ho provato a farlo ma non sembra esistere un percorso né in Panoramio né nella gestione dell'account Google atto a tale scopo... aiutiiiiino?!?

Latente ha detto...

mi ricorda questo altro caso di foto geotaggata con l'iphone:

http://encyclopediadramatica.com/File:Aunt_fucker_letter.jpg

Not Safe for Work
contiene nudità molto sgranate.

Sheldon Pax ha detto...

Accidenti, hanno rimosso la foto. :-)

Posso spezzare una lancia a favore degli EXIF? purgateli dai dati personali se proprio vi dà fastidio (o non vi convenga) condividerli ma se postate le foto su Flickr o similare, lasciate i dati di scatto, soprattutto se la foto merita (nel caso della signorina, la foto merita ma i dati di scatto sono ininfluenti). A volte mi ci perdo nello studio degli scatti altrui.

Altra cosa che noto parlando con altri fotografi dell'ultima ora è che i dati EXIF non sanno nemmeno che sono, a volte. quando gli mostro la pagina relativa su flickr certi mi credono quasi un hacker, di quelli che conoscono i siti giusti per farsi i fatti altrui e fatico non poco a spiegargli che quella roba è registrata in una qualunque foto digitale.

Vale sempre la regola d'oro: conosci cosa stai usando e usalo col cervello acceso e funzionante.

John Titor ha detto...

"Anche foto meno compromettenti possono essere fonte di guai se corredate di dati GPS. La vostra foto al bar o al ristorante o in ufficio diventa improvvisamente localizzabile. Una manna dal cielo per qualunque persona voglia pedinarvi o molestarvi o fare di peggio: basta sfogliare le vostre foto pubbliche per sapere che locali frequentate, dove lavorate, dove abitate e che orari fate"

Ma... queste cose le ha scritte Paolo Attivissimo o Rosario Marcianò?

Paolo ha detto...

Suggerire platealmente di cancellare ogni dato exif per questo motivo è un po' come chiedere di chiudere internet solo perché c'è brutta gggente. Concordo con Sheldon Pax: se siete minimamente appassionati di fotografia non è strano voler sapere come una foto è stata scattata, magari proprio quelle foto che dopo prove e prove ancora non vengono come dovrebbero. Gli exif data sono una miniera istruttiva di informazioni: esposizione, diaframma, uso del flash, lunghezza focale, settaggio dell'iso (e altro ancora). Quando mi trovo davanti qualche capolavoro fu flickr ogni tanto li controllo. Ovviamente non è il caso della foto in questione ma una demonizzazione generalizzata di questi dati mi sembra un po' troppo :-)

Milo ha detto...

solo una domanda: il mio iPhone non riesce a ricevere il segnale dal satellite se solo sono sotto un balcone basso e sporgente; come ha fatto l'iPhone della signorinella in oggetto a dare le coordinate se la foto è stata scattata dentro casa (quindi sotto ALMENO una soletta in cemento armato ed un tetto in travi e coppi)?

Pax ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Pax ha detto...

@Milo

Perche e' molto probabilmente e' prevalentemente fatta in legno con i muri perimetrali con uno strato di mattoni. E forse poco altro. Cosa molto comune in America come qui in Australia

Pax ha detto...

Questo l'indirizzo delle coordinate GPS indicate in foto.

1844 Berkeley Way
Santa Maria, CA 93454

Allora chi va a casa sua a controllare se ha messo in ordine la sua cameretta?

garak ha detto...

Il fatto stesso che i dati EXIF siano cancellabili e modificabili implica la loro poca attendibilità.
Posso tranquillamente scattare una foto scabrosa, inserire nei dati EXIF le coordinate di casa di Paolo Attivissimo e pubblicare la foto sul web.

Mousse ha detto...

Anche questo (immettere dati fittizi) è vero, però ad una analisi piu' attenta la cosa è verificabile.

Basta sapere che le cose ci sono per decidere se usarle o meno.. quindi se non voglio che la foto sia collocabile geograficamente, cancello i metadati relativi, lasciando magari il resto com'è.

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

"Posso tranquillamente scattare una foto scabrosa, inserire nei dati EXIF le coordinate di casa di Paolo Attivissimo e pubblicare la foto sul web."

Tipo una foto con Paolo a un convegno di creazionisti? :O

el_carlos ha detto...

Ispirato da questo articolo ho realizzato un video sulla navigazione delle foto dal mappamondo di flickr... è questo http://www.youtube.com/watch?v=lueU-ZMABHA la cosa divertente è quando si entra nel pornografico, certe foto che ne vengono bloccati i dettagli sono comunque visibili sul mappamondo e è facile risalire alla casa... sarebbe bello poter far notare la problematica al creatore della foto stessa... perchè non credo sia molto contento se gli mostriamo foto di casa sua quando casomai si è sbattuto a mascherare i volti....

Sheldon Pax ha detto...

Rispondo alla domanda sul GPS di IPhone entro le mura domestiche. POtrebbe anche darsi che l'indirizzo inserito negli exif non sia quello giusto perchè iPhone con segnale molto basso inserisce le ultime coordinate rilevate. il sistema usato è l'EGPS cioè segnale GSM e GPS insieme per calcolare la posizione anche dove il segnale del satellite non arriva bene, quando, come nel mio caso attuale, il entrambi i segnali sono bassi (o con poche celle GSM raggiungibili), potrebbe sballare la posizione anche di diverse centinaia di metri se non Km.

Caso emblematico: le foto scattatealla scorsa Deepcon (Fiuggi) all'interno della sala principale riportano le coordinate di Frosinone.

Puce72 ha detto...

@Sheldon Pax
Non posso che quotare... entro le mura di casa mia, il GPS dell'iPhone 3G non prende, e la localizzazione attraverso le celle telefoniche mi localizza a circa 6 km dalla mia reale posizione.
Tutto questo senza nulla togliere alla validità dell'articolo (ottimo come sempre) e ai discorsi sulla "consapevolezza" di ciò che si usa.

Niulai ha detto...

Ho notato che su windows (s)vista, nel pannello di proprietà>dettagli dei file JPEG c'è un'applicazione per rimuovere i dati EXIF dall'immagine stessa. Vorrei avere la vostra opinione a riguardo, visto che sicuramente i lettori di questo blog sono più competenti di me. Funziona, non funziona, è affidabile?

Cavaliere ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Paolo Attivissimo ha detto...

Cavaliere,

ho rimosso il link, decisamente educhescional ma non opportuno in un blog per famiglie :-)

Andy Kitsch ha detto...

Buongiorno, ho letto i vari commenti ed istruzioni molto interessanti, ma ho una domanda da fare a chi mi sa rispondere. Ho osservato in instagram che alcune foto hanno la geolocalizzazione sempre in un uno stesso posto, anche se fatte in giro per la città, vorrei sapere se questo vuol dire che viene fatto l'upload in instagram da un posto preciso e prende come geolocalizzazione quel posto? Il posto può essere pubblico o privato?
Grazie