Cerca nel blog

2010/03/24

Scanner aeroportuali: già denunciato il primo ficcanaso

Gli scanner negli aeroporti ti denudano? Tranquilla, nessuno mai ne approfitterà. Come no


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "assix" e "fraferu".

Avete presente i nuovi scanner full-body degli aeroporti? Quelli che costano uno sproposito di soldi e vedono sotto i vestiti, rivelando nitidamente anche i genitali? Quando mi sono permesso di chiedere, come tanti altri perplessi da questo teatrino della sicurezza, se non c'era il rischio che qualche operatore annoiato e sottopagato cedesse alla tentazione di fare una cattura della schermata dello scanner in occasione del passaggio di una persona famosa, mi sono preso una bella dose di critiche.

Suvvia, dicono anche le autorità, gli scanner saranno messi in mano soltanto a persone responsabili e integerrime. Verranno adottate tutte le misure del caso. In nome della lotta al terrorismo, quindi, il bravo cittadino si dovrà far denudare virtualmente ogni volta che prende l'aereo, ma sarà tranquillissimo, perché mai nessuno abuserà di quest'intrusione obbligata sotto i suoi vestiti.

Come no. Arriva dall'aeroporto di Heathrow, a un mese scarso dall'installazione degli scanner, la prima denuncia di abuso. Un dipendente della BAA (la società che gestisce l'aeroscalo), il venticinquenne John Laker, è accusato di aver scattato una foto a una sua collega, la ventinovenne Jo Margetson, mentre lei passava inavvertitamente attraverso lo scanner della Rapiscan (costo 90.000 euro) il 10 marzo scorso, al Terminal 5. Questi scanner realizzano immagini come quella qui accanto, che non è una simulazione: Reuters la presenta come immagine scattata da quello specifico tipo di scanner.

A differenza degli aeroporti americani, quelli britannici, stando al Guardian, non permettono la perquisizione manuale al posto dello scanner. Chi s'è rifiutato per motivi di salute o religiosi non è stato imbarcato.

La Margetson (qui due sue foto sul Sun, che fedele al suo giornalismo-trash non risparmia le citazioni di commenti salaci attribuiti a Laker) ha denunciato il fatto alla polizia. Gli accertamenti sono ancora in corso. Se confermato, questo sarebbe il primo caso in cui un guardone è stato scoperto ad abusare degli scanner aeroportuali. La parola chiave, naturalmente, è scoperto.

Fonti aggiuntive: AFP, Sky.com, Reuters.

29 commenti:

Guido Tancheroni ha detto...

Ma non viene visualizzata un'immagine stilizzata della persona che ci passa sotto?
Perlomeno un paio di giorni fa hanno fatto vedere quello appena inaugurato in Italia ed era cosi' :-\

souffle ha detto...

Ma se uno si mette una testa di Mickey Mouse con l'espressione sorridente nelle mutande, rischia qualcosa? Perché se non ci sono problemi avrei una lunga lista di simpatici gadgets con i quali intrattenere gli operatori!

L'economa domestica ha detto...

Lo sapevo che sarebbe andata a finire così. LO SAPEEEEVOOOOOOOOOOO!!!!

moise ha detto...

Vabbèh, dài... i body-scanner esistono da un sacco di tempo! Eccone un tecnologico archeo-esempio!
http://www.fabiotordi.it/blog/img/20090513-samegovj.jpgE non costavano neppure 90.000 euro!

Anonimo ha detto...

Magari non sono informato sulle ultimissime, ma avevo letto che l'Unione Europea ha bloccato la libera iniziativa di alcuni Stati membri per esaminare la cosa in sede comunitaria. Ignoro se in attesa della decisione i governi possano fare quel che gli garba.
Se alcuni membri UE lo adottassero e altri no, sarebbe l'ennesima assurdità di un'Unione che non riesce a unificare nemmeno le cose basilari.

Roberto ha detto...

Confermo che in Italia le immagini non mostrano il corpo ma una sagoma sulla quale viene evidenziato l'eventuale corpo sospetto, qui una serie di foto sul sito di Panorama

otello ha detto...

io ricordo delle prove, tempo fa, come quella che ha postato paolo invece
vedevi esattamente e con ottimo dettaglio

probabilmente poi dopo puoi filtrare il risultato

markogts ha detto...

Occhio che esistono due tipi di body scanner, quelli a infrarossi e quelli a onde millimetriche.

Quand'è il prossimo treno per New York?

Blake ha detto...

L'immagine generata dagli scanner è talmente diversa da un nudo da non essere apprezzabile neanche come un disegno di nudo.
Perciò reputo che se anche rare volte succeda che qualche "ir"-responsabile "rubi" degli scatti...Chi se ne frega!

Paolo Attivissimo ha detto...

Chi se ne frega!

Benissimo. Allora non avrai nulla in contrario se su Internet girano le foto da scanner di tua figlia, di tua moglie o della tua ragazza.

O quelle tue, dove si può apprezzare la... consistenza dei tuoi argomenti coniugali.

BLU ha detto...

Rimangono ancora molti dubbi sugli effetti, che potrebbero avere questi scanner sulla salute delle persone.Soprattutto piloti e assistenti di volo che per ragioni professionali passano lo scanner diverse volte in un mese !!

Rado il Figo ha detto...

O quelle tue, dove si può apprezzare la... consistenza dei tuoi argomenti coniugali.

Qualche lettore di questo blog potrebbe risponderti: fortuna che circolano, e non solo su internet, altrimenti non mi pagherebbero più.

Rado il Figo ha detto...

Domanda a margine:
come mai il nome della prima immagine cita la Lego, quando si vede che gli ometti sono i Playmobil? Che si lega ad un'altra curiosità: che sia Lego e Playmobil, esistono quegli accessori in commercio?

Avion ha detto...

Ma poi è pure cessa, poteva almeno farsi denunciare per una bella patata? :D

.:TDA:. ha detto...

Io mi chiedo l'effettiva utilità di DENUDARE un corpo all'aereoporto(scusate la rima XD)
Voglio dire se si parla come in italia(o come dovrebbe essere in italia) che il macchinario si ti "denuda" ma il responso é una specie di cartone animato raffigurante il corpo umano e l'oggetto allora lì posso ancora essere daccordo.
Ma far vedere a tutti le proprie nudità tanto per sport mi sembra un'autentica cavolata.
Oltretutto reclamano tutti sulla privacy(vedi FB, e social ntwk in generale)...e qui pare che di privacy proprio....

Replicante Cattivo ha detto...

Ok, i discorsi sul rispetto della privacy e dell'effettiva sicurezza dei body scanner sono assolutamente condivisibili. Ma...

[Avvocato del diavolo mode ON]
...questo episodio nasce perchè è stata violata una regola fondamentale: ovvero il fatto che l'operatore del bodyscanner non conosca l'identità della persona che lo sta utilizzando.

Come faceva questo dipendente a sapere che era proprio la sua collega a passare sotto lo scanner?
[Avvocato del diavolo mode OFF]

Attenzione: non sto giustificando il dipendente che, sebbene possa essere giustamente tentato dal vedere nuda la sua -forse- avvenente collega, non ha alcun indirizzo di catturarne l'immagine a tradimento.

Replicante Cattivo ha detto...

@ Rado Il Figo
come mai il nome della prima immagine cita la Lego, quando si vede che gli ometti sono i Playmobil? Che si lega ad un'altra curiosità: che sia Lego e Playmobil, esistono quegli accessori in commercio?

L'omino al bodyscanner è della lego.
Questa immagine indica che in futuro Lego e Playmobil conviveranno in un unico regno.
Oppure può voler insinuare che i Lego saranno i controllori, mentre tra i Playmobil potrebbero nascondersi delle cellule terroristiche.
Ma visto che l'articolo è contro i bodyscanner, può anche essere un tentativo di screditare la Lego, che produce omini pervertiti, oltre che dal colorito giallino.
O

O più semplicemente chi ha realizzato quella foto non aveva a disposizione altri omini...

Andrea B. ha detto...

Chi controlla il controllore è sempre stata una questione molto dibattuta.

Tralasciamo pure i discorsi sull' aspetto della scansione e relativa utilizzabilità (foto vere e di persone famose sono roba diversa e molto più "appetibile", ma perversioni ce ne sono tante in effetti)

Ma in ogni caso, per concordando con certi dubbi sulla privacy, continuo a considerare mooooolto più spiacevole l' eventualità che l' aereo dove viaggia il sottoscritto e/o i miei cari si trasformi in una palla di fuoco ...

Gwilbor ha detto...

E ti pareva, il Sun ha pubblicato anche le foto incriminate...

Mousse ha detto...

@guido tancheroni: dev'essere un modello diverso di scanner.

Rado il Figo ha detto...

Replicante cattivo:

ma sei sicuro che sia della Lego?

Patafrulli ha detto...

Scusate, sarò tonta, ma io avevo capito che per farsi "scannerizzare" occorreva restare fermi per un determinato tempo (tipo una decina di secondi) dentro la macchina incriminata, e con le braccia sollevate (come si vede dalla foto).
Cosa vuol dire che la collega è passata "inavvertitamente" nel body scanner? Detta così sembra una cosa tipo "foto autovelox"....
Mi spiegate, di grazia??

Saluti a tutti

Replicante Cattivo ha detto...

@Rado
ma sei sicuro che sia della Lego?

In effetti il corpo è quello di un playmobil, ma la testa gialla sembra quella di un Lego: è gialla ed è più spigolosa di quella dei playmobil

Sembrerebbe un fotomontaggio oppure un vero e proprio "ti stacco la testa e ne attacco un altra". Forse davvero chi ha fatto l'immagine non aveva a disposizione un playmobil che potesse essere identificato come "controllore".
Ma pensa te...pure a scovare le bufale in queste immagini :D

Anonimo ha detto...

Per .:TDA:.

Io mi chiedo l'effettiva utilità di DENUDARE un corpo all'aereoporto(scusate la rima XD)

Corpo e aeroporto non sono in rima. È un'assonanza.
E si scrive aeroporto.

Rado il Figo ha detto...

In effetti il corpo è quello di un playmobil, ma la testa gialla sembra quella di un Lego: è gialla ed è più spigolosa di quella dei playmobil

Oddio, a parte che se non ricordo male gli ometti Lego sono nettamente più piccoli degli ometti Playmobil, ma non mi pare che la testa del controllore sia gialla, sono solo i capelli.

granmarfone1950 ha detto...

Sperabile non siano Playmobil gli aerei.

Domanda fuori tema ma non troppo:
c'è qualcuno da qualche parte che si diverte a intercettare aerei in volo?
come questo
44.306115,9.195149
oppure questo
44.993288,8.451802

Replicante Cattivo ha detto...

@Rado
Oddio, a parte che se non ricordo male gli ometti Lego sono nettamente più piccoli degli ometti Playmobil, ma non mi pare che la testa del controllore sia gialla, sono solo i capelli

Hai ragione. Essendo la foto piccola (e io mezzo 'cecato) ho esteso il giallo della capigliatura a tutto il volto. Mistero (inesistente) risolto!
Ma allora perchè l'immagine li chiama Lego?????

@Patafrulli
Cosa vuol dire che la collega è passata "inavvertitamente" nel body scanner? Detta così sembra una cosa tipo "foto autovelox"....
Mi spiegate, di grazia??


In effetti, senza togliere eventuali colpe al dipendente un po' porcello, bisogna capire se alla base di questa azione non ci sia anche un'irresponsabilità della sua collega (che magari ha deciso, anche solo per scherzo, di farsi scannerizzare senza alcun motivo).
Voglio dire: se una mia collega decide di abbassarsi i pantaloni e mostrare il sedere a tutti, io non ho alcun diritto di fotografarlo senza il suo permesso...ma non si può certo dire che sia una violazione della privacy.

Thhh ha detto...

concordo anch'io con patafrulli, era quello che m'era avenuto in mente leggendo sia l'articolo di paolo che quelli linkati.

Dubito che la macchina non funzioni se non hai le mani in alto, ma se ci vogliono tra i 6 e i 30 secondi a seconda del modello, al massimo il signor Laker ha apprezzato un quadro astratto :)

Blake ha detto...

>Paolo Attivissimo ha commentato:
>Chi se ne frega!
>
>Benissimo. Allora non avrai nulla in contrario se
>su Internet girano le foto da scanner di tua figlia,
>di tua moglie o della tua ragazza.
>
>O quelle tue, dove si può apprezzare la... consistenza
>dei tuoi argomenti coniugali.
>Commento #10 – 25/3/10 09:17

Esattamente. Poichè non c'è proprio nulla da vedere in quelle immagini.
Se una persona è in grado di eccitarsi con immagini simili,
si ecciterà molto di più con quadri astratti o di Picasso. O con
semplici fotografie di matrimonio.

Riguardo gli argomenti coniugali: se ancora ci sono persone che
reputano che le dimensioni a riposo di tali "argomenti" siano
direttamente proporzionali a quelle "non a riposo", allora devono
istruirsi meglio. Non è un problema mio.