skip to main | skip to sidebar
521 commenti (ultimi)

La bufala dell’omeopatia: denuncia dei medici britannici, test di James Randi

Leggo sul Corriere (e vedo anche sul Telegraph) che la British Medical Association ha definito "stregoneria" l'omeopatia e l'ha denunciata come uno spreco di soldi: 4 milioni di sterline l'anno (4,6 milioni di euro, 6,5 milioni di franchi) per prodotti che sono, in sostanza, acqua fresca. L'omeopatia, infatti, si basa sul principio della diluizione estrema del principio attivo. Così estrema che nel "medicinale" omeopatico non c'è neppure una molecola di questo principio. Pseudofarmaci del genere dovrebbero costare praticamente zero, eppure l'industria del settore vale 40 milioni di sterline solo nel Regno Unito. Il Department of Health precisa, però, che la spesa per i medicinali in sé, a carico del contribuente, ammonta a 152.000 sterline l'anno: il resto va in spese di assistenza e per il personale nei quattro ospedali omeopatici di Londra, Glasgow, Bristol e Liverpool.

La mozione della BMA mira ad eliminare l'omeopatia dai trattamenti pagati dal servizio sanitario nazionale ed entrerà a far parte delle regole dell'associazione se verrà approvata dalla sua conferenza plenaria il mese prossimo. Speriamo in bene, così chi vuole curarsi con il nulla sarà libero di farlo, ma a spese proprie.   

Per una curiosa coincidenza, questa notizia mi è arrivata proprio mentre mi stavo godendo il video di James Randi (sottotitolato in italiano) che ingoia un'intera confezione di sonniferi omeopatici prima dell'inizio della sua relazione sulle pazzie dei sensitivi che frodano il prossimo al ritmo di 700 dollari per venti minuti al telefono. Ho sbagliato mestiere.

Per chi volesse saperne di più sull'omeopatia e sulle sue assurdità di fondo, consiglio questa serie di articoli su Medbunker: Introduzione all'omeopatia, Omeopatia: la conosciamo?, Omeopatia: l'incredibile caso del dottor Benveniste (più avvincente di un giallo, con tanto di complotto, ma non da parte dei soliti noti), e Omeopatia: funziona o no?.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (521)
Complimenti ai medici britannici. Adesso speriamo che la cosa si estenda.
Come beep hanno fatto gli inglesi ad avere quattro OSPEDALI omeopatici pagati dal SSN? O_o
non è del tutto vero che non ci sia neppure una molecola del principio attivo nei farmaci omeopatici, tant'è che diversi medici sono anche omeopati. Il problema è al solito che ci sono tanti cialtroni in giro, un po' come se per ogni agopunturista ce ne fossero cento "finti".
Grande James Randi!
In Florida un tizio e' morto di overdose perche' si era dimenticato di prendere la pillola omeopatica, AHAHAHAHAHHAHAHAHA!!! Bellissimo quel video.

@Seralf: vuoi vedere che se ti do' tre bicchieri d'acqua fresca al giorno tu in una settimana guarisci dai malanni stagionali come una normale influenza?
quoto seralf.
a una diluizione di 10^60 (standard omeopatico) almeno una fialetta da 10 ml ogni 10^39 contiene una molecola!

pregasi leggere il ciclo di post su Medbunker, inizia qui


@markogts
perchè in UK l'omeopatia ha una storia molto più radicata che da noi.
Qui invece ci dobbiamo accontentare della prossima apertura di un ospedale omeopatico in Toscana, ringraziando i nostri saggi e illuminati governanti (in senso lato, non inteso come "al Governo")
@seralf:
>> non è del tutto vero che non ci sia neppure una molecola del principio attivo nei farmaci omeopatici, tant'è che diversi medici sono anche omeopati.

Francamente non capisco il nesso...
Per il resto leggiti qualcosa a proposito di "numero di Avogadro".
In ossequio allo stesso principio, in Italia dovrebbero togliere i finanziamenti statali alle scuole private, e magari aumentarli alle disastrate scuole pubbliche. Ma chi ci prova "muore".
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
A quel livello di diluizione non si capisce perche' il principio attivo dovrebbe essere quello desiderato e non quello di *tutto il resto*? Cioe' perche' una pillola omeopatica contro il mal di testa non dovrebbe anche far dormire, eccitare, curare il mal di stomaco, l'unghia incarnita e l'influenza?

Grande James Randi, ma una sola cosa mi ha stupito: il "principio attivo" in omeopatia non e' un medicinale come dice, per esempio aspirina diluita (meglio dire... assente). E' un principio scelto sulla base del pirncipio di similitudine, cioe' una sostanza che fa venire ***gli stessi sintomi*** che si vogliono curare...
L'omeopatia non funziona, indipendentemente dal principio e dalle diluizioni.

Gli omeopati non possono negare che nel rimedio omeopatico non rimane nemmeno una molecola del "principio attivo".
Per difendersi dicono che il meccanismo di funzionamento è un altro, e che siccome la medicina non lo capisce, non ne ammette l'efficacia.

Questa è l'affermazione complottista degli omeopati, ed è FALSA!

La medicina non ha necessariamente bisogno di sapere COME un farmaco funzioni, ma DEVE sapere SE FUNZIONA.
Un esempio classico è l'aspirina che è stata usata con successo per quasi un secolo prima che si scoprisse come e perché funzioni.

L'omeopatia è stata sottoposta a test diverse volte e non ha mai mostrato alcun effetto. PUNTO.

P.S.
THE AMAZING RANDI!

Il numero del flacone di tranquillanti lo fa sempre, come quello degli occhiali e del microfono.
Un dettaglio,
Per fare il numero del microfono nasconde il microfono vero (a spilla) sotto la camicia.
Spesso, come in questo video, si scorda di ritirarlo fuori e per tutta la lettura si sente il rumore del microfono che struscia sotto la camicia. Un classico!
Dal numero di Aprile 2010 di Focus, riscritto pari pari il trafiletto:

"Overdose omeopatica di massa"
Il mese scorso 3000 volontari di varie città australiane e neozelandesi hanno contemporaneamente inghiottito un intero barattolo (circa 80 pillole) per ciascuno di un medicinale omeopatico. In pratica un overdose di farmaci. Le conseguenze? Nulla, solo una bella abbuffata di zucchero. Ogni pillola omeopatica è infatti composta da zucchero contenente una goccia diluita in dosi infinitesimali del rimedio omeopatico. E l'overdose di massa era stata organizzata per dimostrare che le pillole omeopatiche agiscono solo per suggestione e non hanno alcun vero effetto sull'organismo. Obiettivo raggiunto: le pillole omeopatiche non fanno niente. E questa può essere considerata una conclusione sia cattiva (sono inutili) sia buona (sono innocue).
non è del tutto vero che non ci sia neppure una molecola del principio attivo nei farmaci omeopatici,

Nella diluizione vera, quella hahnemanniana, sì.


pregasi leggere il ciclo di post su Medbunker, inizia qui

Grazie, ottimo link!


a una diluizione di 10^60 (standard omeopatico) almeno una fialetta da 10 ml ogni 10^39 contiene una molecola!

Adoro lo humor chimico.
...e dire che qui in Toscana l'omeopatia viene inserita e consigliata dal sistema sanitario oO
Invece per altre cose siamo avanti, tipo la fitoterapia...
comunque l'effetto placebo è scientificamente dimostrato, quindi l'omeopatia funziona in quanto placebo, cioè una sostanza assolutamente interte dal punto di vista del principio attivo (perchè a quelle diluizioni, c'è più concentrazione di molecole di Giulio Cesare nell'aria, che non di principio attivo nei medicinali omeopatici). Propongo di mettere a dizionario "omeopatia" sotto i sinonimi di "placebo"
È vero che alcuni prodotti omeopatici contengono effettivamente delle sostanze e quindi sono omeopatici solo di nome.

Per fare il numero dell'overdose omeopatica bisogna fare attenzione che il prodotto segua veramente la diluizione hahnemanniana e che la casa produttrice sia affidabile, come fa Randi.
Propongo di mettere a dizionario "omeopatia" sotto i sinonimi di "placebo"

Credo che sia più opportuno metterla sotto "truffa".
una truffa è qualcosa che non funziona. Invece secondo me l'effetto placebo fa sì che si ottengano dei benefici... Figurati a me da piccino curarono le verruche con l'omeopatia e funzionò... Ora siccome mi son passate, il principio attivo non può essere stato (per le ragioni di cui sopra). O è stato Giulio Cesare (vedi mio post precedente) o è stato l'effetto placebo... Truffa è una parola grossa, anche perchè se dicessero che vendono placebo, l'effetto placebo andrebbe a farsi benedire...
In medicina un farmaco che funziona come il placebo è un farmaco che non funziona. Se non è una truffa questa allora anche Wanna Marchi è innocente.
Questi scienziati stanno diventando un po' troppo simili ad una Inquisizione.
... Figurati a me da piccino curarono le verruche con l'omeopatia e funzionò...

Da questa frase si possono affermare tre fatti: che avevi le verruche, che dopo un po' ti sono passate e che nel frattempo avevi fatto un trattamento omeopatico.
Da qui a dire che ci sia una qualche relazione tra il trattamento e la guarigione ce ne corre... potresti essere guarito per mille altri motivi o senza nessun motivo specifico.
Non si può dire che qualcosa funziona basandosi su un caso solo: fammi vedere cento persone con le verruche che guariscono dopo trattamento omeopatico in condizioni controllatre e ne potremo parlare.
Mmmm... visto che questa non è una truffa, quasi quasi apro anch'io la mia clinica omeopatica, tanto male non fa!
Domani vado al supermercato a comprare un bancale di acqua e uno di zucchero e inizio l'attività.

A proposito, qualcuno di voi ha mal di schiena? Ho un rimedio infallibile: una fialetta personalmente inventata da me che sarò lieto di spedirvi per cinque euro più le spese di spedizione! Mandatemi una mail se siete interessati!
Personalmente sono favorevole al finanziamento pubblico dei medicinali omeopatici. Per come la vedo io lo stato investe soldi perché i cittadini migliorino il proprio stato di salute. I medicinali omeopatici agendo come placebo guariscono una certa percentuale di persone per cui raggiungono lo scopo voluto dallo stato.
Per John Wayne jr.

Mmmm... visto che questa non è una truffa, quasi quasi apro anch'io la mia clinica omeopatica, tanto male non fa!
Domani vado al supermercato a comprare un bancale di acqua e uno di zucchero e inizio l'attività.


E tu vai a comprare un bancale di acqua? Quella del rubinetto non va bene per le diluizioni? Vuoi proprio quella effervescente naturale? ;-)

Scherzi a parte, so che in contesti seri si è discusso, e si sta discutendo ancora, dell'argomento rimedi alternativi: per la scienza non sono nulla, ma non sono nemmeno nocivi (a differenza dei medicinali, che comportano quasi sempre effetti collaterali o intolleranze individuali). L'aspetto giuridico si risolve in cinque minuti con un'analisi del preparato: vendere una pallina di acqua e zucchero sotto altro nome a dieci volte il prezzo di mercato, proprio legale non è, anche se tecnicamente parlando è più vicino al reato di frode nell'esercizio del commercio.
L'aspetto umano, invece, che riguarda tutte le persone che ci credono e si sentono guarite, non può essere liquidato così facilmente. Il dibattito, insomma, è aperto.
E tu vai a comprare un bancale di acqua? Quella del rubinetto non va bene per le diluizioni? Vuoi proprio quella effervescente naturale? ;-)

E' la mia formula!! Tu che ne sai?? :)

L'aspetto giuridico si risolve in cinque minuti con un'analisi del preparato: vendere una pallina di acqua e zucchero sotto altro nome a dieci volte il prezzo di mercato, proprio legale non è, anche se tecnicamente parlando è più vicino al reato di frode nell'esercizio del commercio.
L'aspetto umano, invece, che riguarda tutte le persone che ci credono e si sentono guarite, non può essere liquidato così facilmente. Il dibattito, insomma, è aperto.


Vero, ma questi "medicinali" non devono essere pagati con i soldi pubblici, se poi alla ricerca (quella vera) finiscono solo le briciole.
E' più importante curare il cancro (i cancri) che guarire dal finto mal di testa la signora ipocondriaca.

Quei soldi sarebbero meglio spesi se venissero dati ad associazioni come Medici Senza Frontiere, o spesi in medicinali veri che curano malattie vere nel terzo mondo, malattie di cui si conosce la cura ma che per quei paesi costa troppo.

Invece tocca mandare l'sms all'associazione di turno, e i soldi pubblici (leggi "le mie tasse") vengono buttati per questi cialtroni.
Se ce lo potessimo permettere, d'accordo, ma mi sembra che così non sia.
L’omeopatia si definisce come la scienza di curare l’individuo con farmaci altamente diluiti, secondo il principio de “il simile cura il simile”

Ragionamento spannometrico:
il mio organismo è intossicato perché ho ingerito un bicchiere di liquido velenoso;
la situazione migliorerebbe se bevessi un bicchiere d'acqua contenente una dose infinitesimale dello stesso veleno?
O dovrei bere un veleno simile?

Per analogia:
se fossi investito da un camion, la mia situazione migliorerebbe se venissi urtato ulteriormente da un pattino a rotelle?
Se venissi estratto assiderato da sotto una valanga, verrei curato con un bagno di 'limoncello' gelato?
In taluni casi la medicina omeopatica potrebbe funzionare:
se il/la tuo/tua partner ti lascia assumi al più presto una dose di una sostanza simile
Per granmarfone1950

In taluni casi la medicina omeopatica potrebbe funzionare:
se il/la tuo/tua partner ti lascia assumi al più presto una dose di una sostanza simile


Cioè ascolto 1000 volte Se mi lasci non vale di Julio Iglesias?

(battuta scema, ma col tuo pseudonimo non ho saputo resistere...).
Solo se Julio Iglesias è pubblicato da la Voce del Padrone...
Anche le religioni hanno un effetto placebo. Tu sei convinto di vedere la Madonna e guarisci dalla depressione in cui eri caduto.
Della Madonna, naturalmente, neanche l'ombra di una prova, a parte video su youtube con pixel grandi come conigli.
Se sul dizionario "religione" la mettessero sotto "psicologia" dite che reggerebbe?
Ho trovato una certa superficialità nell'articolo e in alcuni dei commenti relativi. Sono state dette cose vere (i costi, ad esempio), ma anche un po' di fesserie (o spacconate dette tra compagnoni, eh?) espresse tra l'altro, mi spiace dirlo, con fare un po' saccente ed elitario.
Leggo abitualmente questo blog (e continuerò di certo a farlo, che sia chiaro fin da subito!) perché lo trovo informativo, serio e interessante, ma in questo caso devo ammettere di sentirmi un po' delusa.
Posso capire, e soprattutto (è mio dovere) rispettare, chi dichiara anche pubblicamente di non apprezzare l'omeopatia. E' il suo diritto d'opinione in atto, e grazie al cielo ancora può esercitarlo.
Ma qui davvero state mettendo assieme Wanna Marchi (a titolo di rappresentante di un gruppo numerosissimo di individui della stessa fatta) e una scuola di medicina "alternativa" con studi (e studiosi) seri e difficili alle spalle (per questo, credo, l'utente seralf ha detto che "diversi medici sono anche omeopati"), e che differisce dalla nostra medicina non solo per l'impostazione delle cure vere e proprie.
Sicuramente la categoria degli omeopati non è costituita esclusivamente da individui totalmente orientati al paziente, diciamo così...sicuramente alcuni rivolgono l'attenzione più al suo portafogli che ad altro. Ma credo che lo stesso si possa dire di molte (troppe) altre categorie, tra cui sicuramente rientra anche quella dei medici "tradizionali".
Detto questo, può essere, anche, che la decisione del governo britannico (condivisibile o meno) sia stata dettata dalla necessità di rimediare ad una situazione delle finanze pubbliche non proprio rosea? Ad ogni modo ha ragione chi ha sostenuto che in altri Paesi l'omeopatia è molto più radicata ed integrata nel concetto di "ciò che cura". In Gran Bretagna sicuramente.
E, tanto per la cronaca, chi scrive non è una "signora ipocondriaca", ma una persona che pur avendo piena fiducia nell'aspirina, ha visto l'omeopatia aiutare moltissimo persone malate di cancro...ATTENZIONE! NON a guarire dal cancro, ma ad avere una vita migliore dopo la chemio (un pochino anche durante).

@granmarfone1950: la tua analogia è davvero sciocca e rappresenta molto bene le scemenze che si dicono abitualmente sull'omeopatia.
@pgc: Citandoti: "(...)cioe' una sostanza che fa venire ***gli stessi sintomi*** che si vogliono curare...". Sì, più o meno come un vaccino.

Per concludere, sottoscrivo pienamente quanto detto da Accademia dei pedanti:
"L'aspetto umano, invece, che riguarda tutte le persone che ci credono e si sentono guarite, non può essere liquidato così facilmente. Il dibattito, insomma, è aperto."
Leggo abitualmente questo blog (e continuerò di certo a farlo, che sia chiaro fin da subito!) perché lo trovo informativo, serio e interessante, ma in questo caso devo ammettere di sentirmi un po' delusa.

Vera, se segui questo blog forse è perché ti piace farti un'opinione basata su fatti e non su dicerie. Ti consiglio allora di approfondire l'argomento omeopatia: non è mai stato dimostrato che un "farmaco" omeopatico abbia mai guarito chicchessia. E' invece dimostrato che tanti farmaci "tradizionali" hanno guarito milioni di persone. La prima non è medicina, la seconda sì.
Poi possiamo parlare di omeopatia quanto ti pare, ma fino a che non supera lo scoglio della dimostrazione d'efficacia è difficile etichettarla come altro che fuffa.
Sì, più o meno come un vaccino.

No, no, il vaccino è un concetto scientifico, l'omeopatia no. Mi spiego meglio: è noto che se si immette nel corpo umano un agente patogeno l'organismo sviluppa degli anticorpi mirati. Se però l'agente patogeno è troppo "incazzoso" l'organismo soccombe perché non riesce a distruggere in numero sufficiente l'agente patogeno. L'idea del vaccino è che inserendo l'agente patogeno DISATTIVATO l'organismo produca lo stesso gli anticorpi senza però subire gli effetti nocivi dell'agente patogeno. In seguito, in caso di contatto con l'agente patogeno l'organismo già dotato di anticorpi è pronto a distruggerlo. Ciò ovviamente è stato dimostrato in vitro, in vivo e su pazienti umani...

In omeopatia invece l'assioma che una diluizione siderale di un principio attivo possa combattere i sintomi che in dosi normali esso provoca non è stato dimostrato in vitro, in vivo e su pazienti umani...

Inoltre nella medicina c'è il concetto di dose letale e, nonostante ci siano principi attivi così forti da provocare sintomi anche gravi a bassissime dosi, come la tossina botulinica, alle quantità espresse dall'omeopatia non hanno effetti farmacologici.
Cara Vera,

se ti piace avere piu' di un parere in merito, prova a leggere "La Cattiva Scienza", Zanicheeli, di Ben Goldacre. C'e' un capitolo sull'omeopatia in cui viene affrontato con completezza ma un linguaggio semplice, la enorme mole di evidenze relative all'efficacia dell'omeopatia. Non ti dico di "credere" alle conclusioni riportate nel libro, ma semplicemente di leggerlo e magari di andare a vedere alcune delle fonti riportate, incluse alcune delle "cochrane reviews" come questa http://www2.cochrane.org/reviews/en/ab000353.html che analizzano un gran numero di articoli su un argomento valutandoli secondo rigorosi criteri.

Poi fatti l'opinione che credi. Purtroppo se uno non ha tanto tempo e tante competenze specifiche e' difficile andare alla fonte delle informazioni e farsi un'opinione diretta, ma cosi' facendo ci si avvicina parecchio.

Detto questo, personalemnte mi sono fatto l'opinione che l'omeopatia non e' priva di risultati ma, come hanno detto in molti, e' placebo allo stato puro. Ricordo che il placebo e' un potentissimo meccanismo di cui sono ancora quasi del tutto sconosciuti i meccanismi, molto piu' complesso della semplice "pillola di zucchero" che spesso si crede, e ormai studiatissimo (e appassionante), al punto che esistono conference Annuali sull'argomento. Sono stati riportati alcuni casi di operazioni eseguite senza anestesia per errore o per altre situazioni (parlo di casi riportati su riviste scientifiche, beninteso) ed e' stato osservato anche negli animali.
una scuola di medicina "alternativa" con studi (e studiosi) seri e difficili alle spalle

1. Non esiste una medicina "alternativa". La medicina è medicina.

2. Mi daresti i link di questi "studi" seri? Perché quelli che ho trovato io non fanno altro che dimostrare che l'omeopatia è una cialtroneria (e la miglior dimostrazione credo sia quella del video di Randi: ha preso 32(!!) pastiglie tutte insieme!! Ripetutamente! E cosa gli è successo?).

Sì, più o meno come un vaccino.

Prova a farti iniettare una dose letale di vaccino.
@ Vera

Dopo aver sentito primari ospedalieri seguaci dell'omeopatia suggerire pillole omeopatiche al posto dei vaccini, posso tranquillamente affermare che gli omeopati sono dei gran cialtroni. E di medici in vita mia ne ho visti fin troppi.
Non credo nell'omeopatia.
Ma ho una mente aperta.

Prima di tutto: esistono le DILUIZIONI omeopatiche, per cui a basse diluizione (3,5CH) SONO PRESENTI MOLECOLE!!!! Sotto il numero di Avogrado (e quindi 0 molecole) si va con le diluizioni successive.

Secondo: recentemente sta prendendo molto piede la teoria SCIENTIFICA sul funzionamento dell'omeopatia in base alla FISICA QUANTISTICA: l'energia quantica contenuta nel solvente (conferita dal principio attivo dinamizzato) può avere un effetto terapeutico.

Infine: ASSOLUTAMENTE d'accordo a NON rimborsare gli omeopatici dal SSN. Chi li vuole, li compra!!
l'energia quantica contenuta nel solvente (conferita dal principio attivo dinamizzato) può avere un effetto terapeutico.

Regola del ciarlatano numero 37: per darsi autorevolezza, citare SEMPRE la Fisica Quantistica. Preferibilmente scrivendola con le iniziali maiuscole. Anche se non si sa che cacchio è. Tanto non lo sa neppure l'interlocutore.

Dimmi, se "a basse diluizione (3,5CH) SONO PRESENTI MOLECOLE!!!! ", come faccio a sapere che nella pastiglia omeopatica non ci siano anche due o tre molecole di arsenico o piombo o nicotina o di qualche isotopo radioattivo o altro cancerogeno?

O più semplicemente qualche molecola di letame rimasta nell'acqua usata per la preparazione?
In un mondo sempre piu' dominato dalla tecnologia, una conoscenza scientifica di base e' indispensabile per evitare di cadere in truffe (omeopatia & co.) e raggiri. Penso che sia un dovere dello stato quello di rimediare alla grave carenza di cultura scientifica nella popolazione, troppo spesso messa in secondo piano nelle scuole a favore della "Cultura" umanistica. Tanto piu' che il fatto che l'omeopatia sia finanziata con soldi pubblici (o le varie leggi/sentenze ridicole in tema di internet e tecnologia) non fanno che dimostrare quanto sia vitale per la democrazia il diffondersi della cultura fra i propri cittadini (e quindi politici).
@John Wayne jr.
1. Appunto, infatti "alternativa" era posta tra virgolette, ad indicare un aggettivo improprio ma frequentemente associato alla "medicina" omeopatica (e qui le virgolette indicano invece i nostri dubbi circa la natura medica della stessa, d'accordo?), in contrapposizione, spesso, alla "tradizionale", che è la "nostra"...ti prego, non farmi mettere altre virgolette: cerca di capire che le culture non sono sempre state globali e tanto vicine le une altre, che per forza di cose un qualsiasi evento o pensiero che veniva (viene?) da un fuori relativamente lontano in un dentro con una tradizione ben consolidata, risulterà alternativo alla norma. Ecco, niente New Age. Tranquillo.

2. Ho parlato di serietà per esperienza diretta. Ammetto di non conoscere pubblicazioni specifiche, ma non credo sia impossibile trovarne almeno qualcuna il cui intento sia formulare dei principi chiari e non gabbare gli sprovveduti. Non credo sia illegale o sinonimo di stupidità pensare e parlare di cose che tu non approvi.

Infine, forse tu nel mio commento hai voluto leggere omeopatia=vaccino, ma è un'identità, questa, che io non ho di certo affermato. A testimonianza della mia onestà (non ho preteso e non pretendo di usare termini scientifici, solo la dose di intelligenza che ho e un pizzico di diffidenza che non guasta mai) c'è quel "più o meno" che voleva avvicinare, non sovrappore i due principi d'azione (che poi theDRaKKaR ha scientificamente chiarito, nella loro differenza.)
Magari puoi farti tu una dose letale di "prendi un respiro profondo e rilassati, non sono il nemico, vengo in pace"?

@L'economa domestica: gente del genere dovrebbe stare in galera, lo dico senza mezzi termini. Non ci sono ma e se.
A) I prodotti omeopatici NON sono dei farmaci: per quale motivo dovrebbero essere finanziati dal SSN?

B) L'Omeopatia NON ha alcuna base scientifica

C) L'Omeopatia non ha MAI superato alcun test scientifico serio (doppio cieco), dando invece risultati confrontabili con il placebo

D) E' falso che l'Omeopatia sia comunque inoffensiva: qualcuno potrebbe (è già accaduto) abbandonare cure tradizionali per passare a quelle omeopatiche, con grave danno alla propria salute (o dei propri figli).

E) La Scienza NON è basata su opinioni più o meno legittime (la Scienza NON è democratica!)
1. Appunto, infatti "alternativa" era posta tra virgolette, ad indicare un aggettivo improprio ma frequentemente associato alla "medicina" omeopatica (e qui le virgolette indicano invece i nostri dubbi circa la natura medica della stessa, d'accordo?), in contrapposizione, spesso, alla "tradizionale", che è la "nostra"...ti prego, non farmi mettere altre virgolette: cerca di capire che le culture non sono sempre state globali e tanto vicine le une altre, che per forza di cose un qualsiasi evento o pensiero che veniva (viene?) da un fuori relativamente lontano in un dentro con una tradizione ben consolidata, risulterà alternativo alla norma. Ecco, niente New Age. Tranquillo.

Qualunque pensiero "alternativo alla norma" che sia dimostrabile, sarà ben accetto dalla comunità scientifica. Per questo non esiste una medicina "alternativa": se cura, è medicina, altrimenti è fuffa. C'è una zona grigia, è vero, ma è quella della sperimentazione.
L'omeopatia sta decisamente nella zona nera: è stato ampiamente dimostrato che non funziona. Se tu dici che funziona, dimostralo.

Ovviamente l'esperimento deve essere fatto con tutti i crismi: doppio cieco e tre gruppi: gruppo curato con l'omeopatia, gruppo curato con il placebo, gruppo non curato. Se il gruppo curato con l'omeopatia mostra una percentuale di guarigioni significativamente superiore al placebo, l'omeopatia funziona.

Ho parlato di serietà per esperienza diretta. Ammetto di non conoscere pubblicazioni specifiche, ma non credo sia impossibile trovarne almeno qualcuna il cui intento sia formulare dei principi chiari e non gabbare gli sprovveduti. Non credo sia illegale o sinonimo di stupidità pensare e parlare di cose che tu non approvi.

Io non approvo? E chi sono io per approvare o no questa o quella medicina? Non sono nè medico, nè ricercatore, quindi mi affido a chi il lavoro lo sa fare.
Il primo studio su vasta scala fu fatto dai nazisti (purtroppo l'articolo del Cicap che ne parla è visibile solo agli abbonati, ma puoi leggerne qualcuno gratuitamente nella colonna di destra di questa pagina ), prima di allora non esisteva nessuno studio, e anzi gli omeopati si basavano su campioni di un (!!) solo paziente. Dopo quello studio, tutti quelli successivi sono arrivati alle stesse conclusioni: l'omeopatia è aria fritta. Non sono certo io a dirlo, ma gli "studi seri".
@ Terno.

recentemente sta prendendo molto piede la teoria SCIENTIFICA sul funzionamento dell'omeopatia in base alla FISICA QUANTISTICA: l'energia quantica contenuta nel solvente (conferita dal principio attivo dinamizzato) può avere un effetto terapeutico.

La frase mi sembra un capolavoro di non-significanza, ma hai qualche fonte?
Grazie
A me dice "unable to retrieve subtitles".
Per Doduz

D) E' falso che l'Omeopatia sia comunque inoffensiva: qualcuno potrebbe (è già accaduto) abbandonare cure tradizionali per passare a quelle omeopatiche, con grave danno alla propria salute (o dei propri figli).

Infatti nella discussione in corso credo si affronti anche questo aspetto. Finché uno è maggiorenne e vaccinato e capace di intendere e di volere ha il diritto di decidere le cure, o di non curarsi affatto: questo è l'orientamento prevalente. Purché non sia il servizio sanitario nazionale a rimborsare le pillole all'acqua fresca.
Il problema è che da noi vendono "medicinali" a base fitoterapica/erboristica spacciandoli per omeopatici.
Basta leggere sulle confezioni di noti sciroppi per la tosse omeopatici i componenti:
Belladonna
Bryonia
Camomilla
Timo

Le prime due sono potenti veleni, e sulle confezioni NON C'E' ALCUNA INDICAZIONE della pericolosità, oltre ad essere praticamente impossibile capire quanta ce ne sia nella preparazione. Un semplice calcolo basta a dimostrare che in una confezione (150ml, meno di un bicchiere in tutto) c'è abbastanza veleno da spedire al creatore chiunque. Alla faccia della diluizione "infinitesimale"...
@ Vera
la tua analogia è davvero sciocca
consapevole della mia assoluta inadeguatezza a sostenere un dibattito dati gli inarrivabili livelli di scientificità dell'omeopatia, ho preferito farmi due risate.
Senza per questo deridere o denigrare chi segue o si cura con rimedi omeopatici o simili.
Io preferisco ridere; mi fa buon sangue, mi tiene allegro, mi fa vivere più sereno e meglio: non condividi la mia felicità?
@ Vera

Una sola cosa, abbastanza lapidaria e che normalmente dovrebbe bastare a chiudere qualunque discussione in proposito: l'omeopatia (al pari di tantissime altre "cure" alternative) si basa unicamente su princìpi che sono totalmente sballati e che non esistono. Chiarito questo punto, è ovvio al 100% che qualunque effetto curativo è identico a qualunque altro placebo in circolazione.
@Grezzo:
No, in realtà il percorso da fare è quello inverso: l'omeopatia PRIMA DI TUTTO non funziona (non più di un placebo, quindi farmacologicamente equivale a dire "non funziona"). Quindi, è del tutto inutile arrovellarsi a cercare meccanismi ignoti di un funzionamento che NON c'è.

Certo, il fatto che il preteso meccanismo proposto dagli omeopati non abbia alcun fondamento scientifico è un ottimo motivo per dubitarne e un buon argomento per sostenere la "fuffità" della cosa. Ma è un "plus": di base l'omeopatia è fuffa perché non funziona.

Se, per assurdo, in diversi test clinici venisse dimostrato che ha una percentuale di successo significativamente superiore al placebo (quindi "funziona"), domandarsi e arrovellarsi sul "perché" lo fa diverrebbe secondario. Funziona, quindi è un farmaco valido. Poi si indagherà con calma sul perché. Per il già citato esempio dell'Aspirina è andata esattamente così.

Ma non funziona. Questo è l'argomento BASE, in campo medico-farmacologico. La insostenibilità della teoria delle diluizioni è un corollario.
Considerato che io (medico) vorrei prescrivere a chi ne ha bisogno, un prodotto che funzioni e che (in qualsiasi modo) curi chi ha una malattia ho a disposizione due scelte:

1) Prodotti distinguibili uno dall'altro che in certe dosi e con certe posologie hanno un effetto sperimentato e misurabile e dimostrabile con un meccanismo d'azione conosciuto e sperimentato che io sfrutto per curare un problema di salute.

2) Prodotti indistinguibili uno dall'altro che in certe dosi e con certe posologie non hanno un effetto sperimentato e misurabile nè dimostrabile con un meccanismo d'azione mai provato che io sfrutto per curare un problema di salute.

Queste sono le possibilità che ho per curare i miei pazienti.
Aggiungo che alla diluizione 40C avremmo una molecola di principio attivo diluito in tutte le molecole dell'universo.

Tu, paziente, come vorresti essere curato?
Io, medico che curo le tue malattie con la seconda opzione sono uno scienziato, un credulone, un truffatore o sto solo pensando di portare la pagnotta a casa?

PS: Per chi dice che l'omeopatia "non viene prescritta per le malattie serie" sappia che si tratta dell'ennesima leggenda sull'omeopatia, esistono rimedi omeopatici anche per le malattie neuromuscolari e per il cancro e che in Africa sono sempre più le cliniche omeopatiche per curare l'AIDS.
@Terno
Secondo: recentemente sta prendendo molto piede la teoria SCIENTIFICA sul funzionamento dell'omeopatia in base alla FISICA QUANTISTICA: l'energia quantica contenuta nel solvente (conferita dal principio attivo dinamizzato) può avere un effetto terapeutico.

Mi sento sempre molto triste quanto sento la meccanica quantistica stuprata da coloro che vogliono far sembrare scientifiche le proprie teorie, come nella sociologia o nella psicologia, fino ad arrivare all'omeopatia o alla psicocinesi... Davvero, sono cose che fanno male. :(

Comunque ti posso garantire che nessuna teoria quantistica ha mai avuto a che fare con l'"effetto terapeutico" di una sostanza, e che l'"energia quantica conferita dalla dinamizzazione" è una frase che non ha nessun significato dal punto di vista scientifico. Se non ti fidi di me, puoi sempre chiedere al tuo fisico di fiducia...
Bisognerebbe citare gli articoli in modo corretto. Non si possono fare le pulci alle fonti solo quando dicono qualcosa che non ci piace.
Non è la BMA ad avere detto una cosa del genere, ma (per quello che ne riporta l'articolo del Telegraph)soltanto un comitato interno dei Junior doctors (qualunque cosa esso sia). Può fare o non fare differenza, ma è sempre meglio essere precisi. Per inciso nel sito della BMA c'è persino un link a fonti sul web che riguardano l'omeopatia, indicando che come minimo la questione fra gli stessi medici è controversa.
Gli Juniors Doctors sono i medici in specializzazione della BMA. Non è un club di dopolavoristi ma un'associazione di medici che fa capo alla BMA e quindi una presa di posizione ufficiale e riconosciuta.
Mi intrufolo nella discussione per segnalare che da un anno è aperto, presso l'Ospedale Civile di Merano (BZ), il reparto di "medicina complementare", in cui si pratica anche l'omeopatia. Voluto da alcuni medici, ma osteggiato da molti altri, è stato aperto senza chiedere alcun parere all'Ordine dei Medici e costerà 1 milione di Euro. Il reparto sarà in fase sperimentale per due anni, poi si deciderà sull'eventuale continuazione del servizio. L'apertura è stata "pubblicizzata" sostenendo (fonte) "Con il suo impiego [dell'omeopatia] miglioriamo la tollerabilità di chemio- e radioterapia, aumentando la qualità della vita durante e dopo la cura". Non aggiungo altro, se non che accanto all'omeopatia ci sono altre "tecniche di guarigione" che IMO sono (quasi tutte) solo fumo negli occhi, ma che noi tutti paghiamo... Aggiungo un link ad un articolo (*) che cita alcune cifre e pareri, tra cui il fatto che i pazienti pagano solo il 30% delle prestazioni.

Purtroppo non ho dati ufficiali aggiornati, credo però che a breve faranno un comunicato di riassunto del primo anno di apertura, in caso di interesse posso segnalarli. L'unica cosa certa che so è che dopo pochi mesi il reparto, prima riservato solo ai meranesi, è stato aperto a tutti i residenti in provincia.

(*) L'articolo originale, pubblicato sul giornale locale Alto Adige e ripreso dal post, non è accessibile.
E non c'è solo l'omeopatia a riferirsi alla fisica quantistica.

Anche la cristalloterapia e la "disciplina Reiki" (pranoterapia?):
si rifanno alla «filosofia olistica» e, appunto, alla «fisica quantistica»!

- PS
per Attivissimo:
sull'argomento avevo inviato una mail, se poteva interessare. Ricevuta?
"In omeopatia invece l'assioma che una diluizione siderale di un principio attivo possa combattere i sintomi che in dosi normali esso provoca"

Non e' cosi' che funziona l'omeopatia. Il prodotto omeopatico AUMENTA (in maniera infinitesimale) lo stato di malessere del corpo rispetto alla malattia, in modo da scatenare le sue difese naturali. Ecco perche' se non hai una certa malattia puoi mangiarti una tonnellata di pasticche omeopatiche: la diluizione e' tale da NON PROVOCARTI NULLA. Se invece la malattia ce l'hai, la dose omeopatica fa "traboccare il vaso".

Al di la' del fatto che funzioni o meno, mi sembra che qui POCHI sappiano quali sono le basi teoriche dell'omeopatia. Ripeto, al di la' di qualsiasi considerazione sul suo funzionamento o meno. La prima cosa che uno SCIENZIATO fa, prima di capire se una teoria e' giusta o sbagliata, e' CAPIRLA. Poi, DOPO, si puo' passare a DISTRUGGERLA.

Io sono abbastanza convinto che sia spiegabile tutto con l'effetto placebo (anche se delle robe non me le spiego), ma questo accanimento mi ricorda troppo la reazione dei fisici dell'inizio del 900 quando sono arrivati i vari einstein e compagnia bella a dir robe assurde. Li han presi per il culo tranne poi scoprire, guarda caso, che quando hai a che fare con l'infinitamente piccolo le leggi che conosciamo non valgono piu'...
Mi permetto di contraddire ferocemente chi qualche post fa si è lasciato scappare che l'omeopatia non fa male. Mia moglie, molti anni fa (e quindi ben prima che avesse a che fare con un cinico miscredente cone il sottoscritto), per anni è stata "curata" da un medico ginecologo(uno "vero", con laurea, SSN e tutto il resto)per una banale infezione vaginale con l'omeopatia. A periodi di remissione facevano seguito le inevitabili recidive. Quando, in seguito alle mie insistenze, ha cambiato ginecologo, quello nuovo le ha prescritto 2 (DUE!) pillole di antibiotico e la sua infezione E' GUARITA PER SEMPRE! Purtroppo, grazie a oltre 8 anni di "cure alternative", l'infezione le ha rovinato l'apparato riproduttivo, rendendola sterile. Quindi, il primo che mi presenta davanti affermando che l'omeopatia fa bene... beh, provateci e vedrete! Parola di mecojones
@ Babele Dunnit:

Visto che tu "sai" come funziona l'omeopatia, mi chiariresti questi punti?

Dici che l'omeopatia aumenterebbe in maniera infinitesimale il "malessere del corpo" per scatenare le difese. Quale sarebbe quindi il limite sufficiente da travalicare per "scatenare" queste difese? E perchè prima non si scatenano?
Quali "difese" vengono scatenate?
Come?
Grazie.
@Babele Dunnit
[..] questo accanimento mi ricorda troppo la reazione dei fisici dell'inizio del 900 quando sono arrivati i vari einstein e compagnia bella a dir robe assurde. Li han presi per il culo tranne poi scoprire, guarda caso, che quando hai a che fare con l'infinitamente piccolo le leggi che conosciamo non valgono piu'...

Veramente non è andata proprio così... Einstein ha pubblicato i suoi articoli sugli Annalen der Physik, di certo non su Topolino. Segno che la comunità dei fisici inizialmente non lo ha affatto "preso per il culo", ma che anzi ha voluto mettere subito le sue scoperte al centro del dibattito scientifico!
@Meco
Mi spiace per tua moglie; gente del genere dovrebbe essere come minimo radiata dall'albo dei medici.... :(
@Andrea Sacchini #8
il paragone calzerebbe se in una scuola privata non ci fossero insegnanti (molecole). Purtroppo però per imparare qualcosa non basta l'effetto placebo.
@granmarfone1950
Certo che condivido!
E infatti mi sto gustando la discussione. Ti sembra poco? ;)
...e mi sono già segnata un po' di cose da leggere, tra quelle segnalate nei vari commenti.
@gagavai si, ha pubblicato nel 1905 (annus mirabilis, che bravi siamo a leggere da wikipedia), ma PRIMA? "At the time of his first paper in 1902, it was not yet completely accepted by physicists that atoms were real". Credi che lo abbiano accolto a braccia aperte? C'e' tutta la prima parte del Tao della Fisica di Fritjof Capra che spiega bene quali fossero i sentimenti dell'epoca...
@Guido (#14)

Non ho capito il senso del tuo intervento... In Toscana la fitoterapia è incoraggiata o ostacolata?
Babele, continui ad ignorare il semplicissimo fatto che le basi teoriche dell'omeopatia sono inesistenti. Tutto quello che dici e che dirai si scontra con questo semplice concetto. L'omeopatia non ha alcuna base scientifica, non si basa sull'osservazione di dati reali, ma su supposizioni arbitrarie che non hanno alcun riscontro con il mondo reale. L'esempio che fai dell'atomo non ha alcuna pertinenza, al pari di quelli che continuano a tirare in ballo la storia di Galileo perseguitato. Qui di perseguitato non c'è l'omeopatia, ma la scienza, che si basa su dati verificabili, perseguitata dall'omeopatia, che si basa su fantasie che non esistono. Più semplice di così si muore.
@Babele Dunnit
Probabilmente non mi sono spiegata. Quello che volevo dire era questo: all'inizio del 1900, c'era un forte dibattito, ma era interno alla comunità dei fisici. Sull'esistenza o meno degli atomi erano in corso diatribe molto accese, soprattutto a causa del fatto che non c'erano ancora esperimenti definitivi. Sì, gente che ne negava l'esistenza c'era, primo fra tutti Mach, e tutti sappiamo com'è andata a finire la storia con il povero Boltzmann... ma c'era anche gente che cercava di provare il contrario.

Einstein è stato un grandissimo fisico, e non sosterrò mai il contrario. Ma non era il Messia. Non c'era lui da solo contro una comunità compatta di fisici conservatori e ostili, che non volevano dargli ragione. Tutti i suoi articoli (non solo quelli del 1905 - annus mirabilis, senza dover consultare Wikipedia) sono stati pubblicati su riviste peer review, e su quello che allora era il più prestigioso giornale di fisica. Alcuni dei suoi risultati (come i fondamenti della relatività ristretta) erano "nell'aria", e infatti erano già stati anticipati da altri fisici. E in una decina di anni erano riusciti a convincere tutti gli scettici.

Invece l'omeopatia è stata tirata fuori 200 anni fa (quest'anno, se non sbaglio, dovrebbe ricorrere l'anniversario della pubblicazione dell'Organon di Hahnemann); e in 200 anni non è riuscita a diventare una teoria accettata da tutti. Direi che il tempo per farsi valere lo ha avuto, eppure non ce l'ha fatta... Non credi che voglia dire qualcosa?
@WeWee

> Visto che tu "sai" come funziona l'omeopatia, mi chiariresti questi punti?

Puoi togliere le virgolette. Perlomeno mi sono documentato. Da qui a dire che io creda che l'omeopatia funzioni c'e' un bel passo.

>Dici che l'omeopatia aumenterebbe in maniera infinitesimale il "malessere del corpo" per scatenare le difese. Quale sarebbe quindi il limite sufficiente da travalicare per "scatenare" queste difese? E perchè prima non si scatenano?

e' una domanda di tipo quantitativo. e' evidente che non posso risponderti. D'altra parte neanche tu mi sai dire ESATTAMENTE quanto paracetamolo devo prendere io per portare la mia temperatura da 39.2 gradi a 37, e in quanto tempo questo avverra', e quanto ci mettera' ad andare giu' anche se non prendo nulla. Si risolve prendendo una, due, tre pasticche di tachipirina, in maniera quantizzata e uguale per tutti. Come vedi questi limiti QUANTITATIVI non si conoscono con esattezza neanche per la medicina ufficiale.

OT: Stranamente, la tachipirina e' uno dei pochi farmaci che gli omeopati dichiarano non avere effetti indesiderati sull'organismo umano... l'esempio non e' a caso.

> Quali "difese" vengono scatenate?

quelle naturali del corpo: difese immunitarie, produzione di composti chimici etc. Sarai d'accordo che queste difede funzionano, si? Senno' saremmo tutti morti, credo.

> Come?

come succede normalmente. Se ti viene il mal di schiena, poi a un certo punto ti passa. Come mai? Ecco, gli stessi meccanismi.

> Grazie.

prego.

Certo, l'obiezione piu' grande, sulla quale sono pienamente d'accordo (e ciononostante mi riservo il beneficio del dubbio), e' che non puoi DIMOSTRARE che il mal di schiena ti e' passato PIU' VELOCEMENTE perche' hai preso l'arnica omeopatica, mentre e' molto piu' evidente che se dai la tachipirina a uno che ha la febbre, quella gli cala. Con cio' detto ci sono ciarlatani omeopati come quel pazzo con il quale ha avuto a che fare @meco (quando ci vuole l'antibiotico non ce n'e'... ), ma anche dottori "normali" completamente fuori di testa. Quindi generalizzare e' SEMPRE un errore.
Per Meco

Mi permetto di contraddire ferocemente chi qualche post fa si è lasciato scappare che l'omeopatia non fa male. Mia moglie, molti anni fa (e quindi ben prima che avesse a che fare con un cinico miscredente cone il sottoscritto), per anni è stata "curata" da un medico ginecologo(uno "vero", con laurea, SSN e tutto il resto)per una banale infezione vaginale con l'omeopatia. A periodi di remissione facevano seguito le inevitabili recidive. Quando, in seguito alle mie insistenze, ha cambiato ginecologo, quello nuovo le ha prescritto 2 (DUE!) pillole di antibiotico e la sua infezione E' GUARITA PER SEMPRE! Purtroppo, grazie a oltre 8 anni di "cure alternative", l'infezione le ha rovinato l'apparato riproduttivo, rendendola sterile.

Concordo con la radiazione dall'albo del ginecologo. Piccolo dubbio: non sono rari i casi di medici curanti che, si è scoperto dopo anni, non si erano mai laureati, tutti i diplomi erano finti. :-/
Preciso tuttavia che c'è una bella differenza fra "essere nocivo" e "non curare". Per fortuna di tua moglie l'infezione di cui soffriva era curabile con antibiotici. Ma ti ricordo che prima del 1928 gli antibiotici non esistevano. E da quel poco che so, mi corregga WeWee, esistono casi in cui non riescono a debellare l'infezione, almeno non immediatamente.
@tutti:

Passo e chiudo. Io personalmente preferisco non cercare di spiegarmi la Vita, l'Universo e Tutto Quanto con la Scienza NOTA, preferisco lasciarmi degli spiragli e ricordarmi sempre che il sapere scientifico e' incompleto. Ci sono troppi indizi (teoria della complessita' in tutte le sue varianti) che dimostrano che cio' che e' apparentemente lineare e logico si puo' incasinare molto in fretta fino a diventare assolutamente incomprensibile. Se in 200 anni l'omeopatia non si e' affermata come teoria scientifica il motivo ci sara', certo. Non son sicuro che la colpa sia dell'omeopatia, tutto li'.
Babele Dunnit
Quindi generalizzare e' SEMPRE un errore.

Ma LOL! :D :D :D
..Tratta dai consigli agli scrittori di Umberto Eco, vero?
sull'argomento avevo inviato una mail, se poteva interessare. Ricevuta?


Credo di sì, ma ho una coda di posta indicibile.
@Babele:
e' una domanda di tipo quantitativo. e' evidente che non posso risponderti. D'altra parte neanche tu mi sai dire ESATTAMENTE quanto paracetamolo devo prendere io per portare la mia temperatura da 39.2 gradi a 37

Il parallelo non ha senso.
Se tu mi dici che l'omeopatia funziona in quanto (cito) Il prodotto omeopatico AUMENTA (in maniera infinitesimale) lo stato di malessere del corpo rispetto alla malattia, in modo da scatenare le sue difese naturali significa che tu, omeopata, sai bene che lo "stato di malessere del corpo" è così vicino al punto in cui si "scatenano le difese naturali" da poter far scattare il meccanismo con l'applicazione (forse) anche di una sola molecola...

Capisci anche tu che la cosa non sta in piedi.

Siamo tra il ciarlatano e lo stregone.
@Grezzo:
Qui di perseguitato non c'è l'omeopatia, ma la scienza, che si basa su dati verificabili, perseguitata dall'omeopatia, che si basa su fantasie che non esistono.

Me la segno come risposta standard per il prossimo geniaccio che mi tira fuori Galileo!
Per Accademia:
Non penso che tu stia cercando di spiegarmi la differenza tra "non nocivo" e "inefficace", quindi di sicuro mi sfugge qualcosa del tuo commento, e ti chiedo scusa. Per chiarezza, quello che intendo è che certe pseudo terapie, pur se "non nocive", diventano decisamente nocive quando la loro inutilità viene misconosciuta, con conseguenze drammatiche anche peggiori.
E ad ogni modo, sia io che mia moglie siamo nati qualche annetto dopo il 1928 ;-)
Parola di mecojones
@gavagai

>> E' sempre un errore generalizzare
>Tratta dai consigli agli scrittori di Umberto Eco, vero?

???

No, lo ripeto sempre quando vedo e leggo gente che generalizza. E' incredibile quanto sia banale come concetto e come ciononostante il cervello umano ci caschi con tanta facilita'.

... Brava, sei riuscita a farmi ri-postare qualcosa nonostante il passo e chiudo. Stavolta passo e chiudo davvero. :)
Il prodotto omeopatico AUMENTA (in maniera infinitesimale) lo stato di malessere del corpo rispetto alla malattia

Questa, in termini tecnici, è una stronzata galattica.
@Paolo:
Il prodotto omeopatico AUMENTA (in maniera infinitesimale) lo stato di malessere del corpo rispetto alla malattia

Questa, in termini tecnici, è una stronzata galattica.


E' quello che volevo evidenziare anch'io.
Ammetto che la tua esposizione è più sintetica. ;)
Per Meco

Non penso che tu stia cercando di spiegarmi la differenza tra "non nocivo" e "inefficace", quindi di sicuro mi sfugge qualcosa del tuo commento, e ti chiedo scusa.

Più che cercare di spiegare, cercavo di sottolineare la differenza, che nell'indignazione del tuo primo commento era sparita. La causa della sterilità di tuo moglie è un'infezione batterica, non l'omeopatia. E la concausa, forse l'aspetto più grave, è l'insipienza del medico, che ha prescritto una terapia del tutto inefficace: ma lo stesso sarebbe accaduto se la sua insipienza l'avesse portato a una diagnosi sbagliata, con terapia sbagliata e corollario identico.
@Babele Dunnit
Non prendertela, è solo che c'è un'indubbia contraddizione tra dire che "è sempre un errore" e il fatto che non bisogna generalizzare...

Comunque è colpa mia, pensavo fosse una citazione di questo:
http://www.mestierediscrivere.com/index.php/articolo/eco2/
Ma la cosa è troppo OT rispetto al discorso, quindi lascio stare.

E per quanto riguarda l'omeopatia tu sei liberissimo di avere le tue opinioni, ma io continuo a pensare che il problema non stia nel fatto che la scienza è "chiusa di mente", ma piuttosto nel fatto che l'omeopatia non ha mai fornito prove della sua efficacia. Detto questo, passo e chiudo anch'io. :)
>>Il prodotto omeopatico AUMENTA (in maniera infinitesimale) lo stato di malessere del corpo rispetto alla malattia

>Questa, in termini tecnici, è una stronzata galattica.

:) :) mai definizione scientifica fu piu' azzeccata e sono pienamente d'accordo. Cionondimeno, QUESTO e' il principio su cui "funziona" l'omeopatia, che e' totalmente diverso da quello della medicina ufficiale, che invece va a contrastare la malattia. Mi premeva specificarlo, non lo avevo visto scritto da nessuna parte. L'omeopatia e' un po' come il Ju Jitsu, insomma.

Poi, io personalmente ritengo che il Ju Jitsu funzioni MOLTO MEGLIO dell'omeopatia, soprattutto quando c'e' da rompere delle braccia.
l'omeopatia non ha mai fornito prove della sua efficacia.

Ma come no!
Il web è pieno di gente che, curandosi solo con rimedi omeopatici, è guarita dal raffreddore in una settimana o poco più... :P
Che l'omeopatia sia inutile e inefficaci (o al piu' equiparabile ad un placebo) penso non ci siano dubbi.
Nessun dubbio nell'affidarci alla medicina e alla farmacologia che con il progresso e con sempre nuovi studi e scoperte ci hanno dato e ci daranno strumenti sempre piu' potenti nel combattere le malattie.
Pero' ogni tanto ricordare che non tutto e' rosa e fiori fa pure bene. Purtroppo anche nel mondo della medicina "ufficiale" ci sono tante storture che allontanano dalla teoria e spesso ci fanno guardare con sospetto quei medici che dovrebbero curarci e tutti cio' riesce a fare comunque danni rilevanti.
Ormai e' diventato molto forte il sospetto che il business dietro alla salute/sanita' faccia prescrivere con leggerezza farmaci inutili, esami e controlli medici con frequenze esagerate, nonche' il fatto che tutte le relazioni "deviate" tra industria farmaceutica e organismi ufficiali che si occupano di salute non abbiano come obiettivo primario la salute del paziente ma l'andamento di un titolo in borsa o il guadagno personale.

Bisognerebbe ogni tanto evidenziare anche questi aspetti ed auspicare che lo spirito espresso nel famoso giuramento di Ippocrate torni ad essere una guida per tutto questo mondo e non un semplice atto formale recitato in un unica occasione.
Puoi togliere le virgolette. Perlomeno mi sono documentato. Da qui a dire che io creda che l'omeopatia funzioni c'e' un bel passo.

Non ho capito: sai che funziona ma non ci credi?

e' evidente che non posso risponderti.

Perchè? Cioè conosci il meccanismo di funzionamento di una sostanza ma non sai dire quale sia, una contraddizione.

D'altra parte neanche tu mi sai dire ESATTAMENTE quanto paracetamolo devo prendere io per portare la mia temperatura da 39.2 gradi a 37

Il termine "esattamente" in medicina NON ESISTE ma so che se assumi 500 mg di paracetamolo quel risultato lo otterrai in un'ora circa nella maggioranza dei casi. Con sufficiente sicurezza. Tu mi sapresti dire non per forza esattamente, se vuoi anche molto genericamente, quale limite devi travalicare, qual'è la sua unità di misura...insomma, qualcosa per identificarlo?

Si risolve prendendo una, due, tre pasticche di tachipirina, in maniera quantizzata e uguale per tutti.

Ti contraddici nuovamente: 1-2-3 pasticche non è una posologia "quantizzata" (ma cosa intendi per "quantizzare"?) nè uguale per tutti, lo sarebbe se si parlasse di 2 pastiglie per chiunque, invece il paracetamolo devi adeguare la dose e la posologia al peso dell'individuo, all'età, allo stato di salute ed altro, quasi come dicono di fare gli omeopati...

Stranamente, la tachipirina e' uno dei pochi farmaci che gli omeopati dichiarano non avere effetti indesiderati sull'organismo umano... l'esempio non e' a caso.

Se conosci un omeopata che ha davvero affermato una cosa del genere digli pure da parte mia che è un incompetente. Hai mai saputo di una persona morta per aver assunto paracetamolo? Io due le ho viste personalmente.

quelle naturali del corpo: difese immunitarie, produzione di composti chimici etc. Sarai d'accordo che queste difede funzionano, si?

Ma non c'è bisogno di farmaci per scatenare le difese immunitarie, quelle le scatenano gli antìgeni...al posto dei farmaci potresti prendere una zolletta di zucchero (ops!), si scatenerebbero lo stesso le difese, o saremo estinti da un pezzo...ti ho chiesto il "limite" che travalicherebbe l'azione "spontanea" dell'organismo e mi dici che non si può misurare, cosa pretendi, che ci si creda per fede? Beh, sì, chi crede all'omeopatia lo fa per fede, in fondo...

come succede normalmente. Se ti viene il mal di schiena, poi a un certo punto ti passa. Come mai? Ecco, gli stessi meccanismi.

Ecco. Se ti viene il mal di schiena, grazie alla reazione del nostro organismo, questo può passare. Che caspiterina c'entra il prodotto omeopatico non si sa, non lo sai nemmeno tu, non sai spiegarmi come funziona, non esistono prove che funzioni.
Mi sembra che l'omeopatia sia una bella presa in giro per i babbaloni (si può dire babbaloni?).

non puoi DIMOSTRARE che il mal di schiena ti e' passato PIU' VELOCEMENTE perche' hai preso l'arnica omeopatica

Come no, esistono tonnellate di letteratura scientifica con la dimostrazione che qualsiasi rimedio omeopatico non funziona più dell'acqua, più di questo cosa si cerca ancora? Il mal di schiena con l'omeopatia passa esattamente come passa con una pillola di zucchero. Lo sai questo, vero?
Posso capire chi ha interesse economico nell'omeopatia ma non credo ci voglia grande genio per capire la differenza tra l'acqua di rubinetto ed il granulo omeopatico...
:)

Ciao!
Bisognerebbe ogni tanto evidenziare anche questi aspetti

Non credo che qualcuno li nasconda ma se il businnes andasse regolamente contro la salute dell'uomo saremmo tutti storpi e malati a camminare per le strade con le flebo, invece siamo qui, in generale, sempre più sani, tanto che "è morto a 60 anni? Giovane..." non è un luogo comune nato a caso.
D'altra parte, il fatto che io conosca ingegneri incompetenti ed antipatici non mi fa cambiare di una virgola l'opinione che ho dell'ingegneria.
@Babele Dunnit

Io personalmente preferisco non cercare di spiegarmi la Vita, l'Universo e Tutto Quanto con la Scienza NOTA, preferisco lasciarmi degli spiragli e ricordarmi sempre che il sapere scientifico e' incompleto.

Che è quello che facciamo tutti. Non credere di essere l'unico ad avere una mente aperta.

Quello che tu vuoi fare non è lasciarti degli spiragli e ricordarti che il sapere scientifico è incompleto, quello che tu vuoi fare è rimanere convinto che le cose vadano nella maniera in cui tu hai deciso che debbano andare, tralasciando simpaticamente quelle quisquiglie chiamate "fatti" ogni volta che essi si rivelino contrari alle tue idee. La realtà come scomodo inciampo, inutile ostacolo di percorso. Se la realtà ti condraddice, è chiaramente colpa della realtà. Non ci credi? Aspetta la fine del commento e te lo dimostrerò.

Ci sono troppi indizi (teoria della complessita' in tutte le sue varianti) che dimostrano che cio' che e' apparentemente lineare e logico si puo' incasinare molto in fretta fino a diventare assolutamente incomprensibile.

Ci sono anche una serie infinita di indizi che puntano a spiegazioni molto semplici per molti fenomeni, anche quelli che sembrano complessi.

E comunque, come al solito, il "potrebbe essere" non rende valida una teoria. O la teoria spiega la realtà, oppure no. O predice dei risultati, oppure no. O funziona, oppure no.

L'omeopatia delle infinite diluizioni funziona? No. Fine della questione.


Se in 200 anni l'omeopatia non si e' affermata come teoria scientifica il motivo ci sara', certo. Non son sicuro che la colpa sia dell'omeopatia, tutto li'.


Come ti dicevo prima?

Se la realtà ti condraddice, è chiaramente colpa della realtà.

Se l'omeopatia non si è affermata, la colpa non è dell'omeopatia (ci mancherebbe, eh!), ma di qualche complotto (appena inventato da te), ordito da qualche potente/stupido/conservatore/cattivo/pomposo/chiuso-di-mente che impedisce all'omeopatia di ottenere il suo giusto riconoscimento.

Che l'omeopatia sia una frescaccia? No, per carità, è certamente colpa di qualcun altro.

Se le cose vanno come dici tu, hai ragione. Se le cose vanno diversamente, hai ragione lo stesso ma c'è qualcuno che ti rema contro.

Che sfiga, eh?
Adoro Siredward.
Certo che questo articolo è molto triste.

Mi dispiace dover informare voi entusiastiche folle del metodo scientifico, che applicato alla medicina fu proprio la omeopatia a farne largo uso per prima nell'800.

I0 non mi curo (sovente) con l'omeopatia, ma vedo gente che lo fa, che è contenta e che funziona. E non venite a raccontarmi frottole, che un flacone di arnica (per una botta) costa 8 franchi e dura almeno un lustro!!

In Svizzera da quando i luminari di medicina e economia hanno deciso che la concorrenza fra le casse malattia avrebbe fatto scendere i prezzi,il numero delle casse malattia ha raggiunto il centinaio i costi della salute sono decuplicati! Per colpa di voi positivisti ad oltranza oggigiorno la genta marca visita dal dottore e si rimpinza di antibiotici per un lieve raffreddore, invece di stare a letto 2 giorni bere molta acqua e magari qualche cucchiaio di miele......ah gia' ma è solo acqua e zucchero! E allora? Quanti milioni ci costa questa inutilità??


PS Lo sapevateee? I fiori di Bach (altra astrusità fra magia e paranormale) sono prodotti per tutto il mondo in Inghilterra. E allora caro ministro, quando la stregoneria ci porta un indotto in moneta sonante, va bene?

Se aprite gli occhi vedrete che di montagne di m... ce ne sono 2: di pecore ce n'e' di bianche e nere, ma sempre pecora è!
@gavagai :) :) ahahah! non ci posso credere... ci son cascato come un pollo. Di solito rileggo 30 volte quello che scrivo, stavolta sono andato via in fretta.. cosi' imparo. ok. E' SEMPRE sbagliato generalizzare, tranne che in una occasione :) Molto godeliana.

@sirEdward, @wewee.. ragazzi, quale acredine! Credo che il mio commento #80 a Paolo Attivissimo (che peraltro conosco telematicamente da un sacco di tempo e al quale va la mia totale stima e ammirazione per l'indefesso lavoro di sbufalamento) chiarisca un po' meglio.. mi sembrava doveroso, visto che stiamo facendo gli scienziati, ricordare quali fossero le "basi teoriche" sulle quali si poggia la faccenda dell'omeopatia, visto che non le avevo viste scritte chiaramente e anzi c'erano degli evidenti travisamenti e sbagliate interpretazioni delle stesse. Sul fatto che poi le stesse non abbiano alcun fondamento scientifico non ci piove (e infatti oggi e' uscito il sole).

Niente, smetto di scrivere "passo e chiudo" che tanto non ci riesco. :)
Mi dispiace dover informare voi entusiastiche folle del metodo scientifico, che applicato alla medicina fu proprio la omeopatia a farne largo uso per prima nell'800.

Appunto. Solo che l'omeopatia è rimasta ferma all'800 e intanto la ricerca medica è andata avanti di un paio di secoli, grazie al cielo.

Sapresti indicarmi un progresso dell'omeopatia rispetto a quando fu enunciata?

Comunque se non ti piace il metodo scientifico, non c'è problema. Basta che smetti di usarne i prodotti.

Tipo quella cosina sulla quale stai inviando messaggi... sai, Internet? Figlia del metodo scientifico.

Tutti a lodare l'alternativo, ma quando si tratta di chattare, correte subito da mamma scienza, eh?
funziona. E non venite a raccontarmi frottole, che un flacone di arnica (per una botta) costa 8 franchi e dura almeno un lustro!!

In altre parole, siamo tutti deficienti perché spendiamo milioni in medicine inutili quando c'è chi con otto franchi produce farmaci per cinque anni.

Non fa una grinza.

Dimmi, quando vai dal dentista prendi un anestetico omeopatico?
I LOVE James Randi!!!!
La gente guarisce quando esce da questi ospedali, no?
Scusate, ho capito bene?
Il sistema sanitario inglese paga trattamenti omeopatici???
E questo senza verificare la loro effettiva efficacia?
No comment...
@Babele Dunnit

ragazzi, quale acredine!

Acredine? Ma se mi sto divertendo un sacco. Mi spiace che ci sia questa incomprensione. Però, credo che Brain_use abbia capito perfettamente lo stile del mio commento, quindi non credo di essere io ad aver scritto male.


Credo che il mio commento #80 a Paolo Attivissimo (che peraltro conosco telematicamente da un sacco di tempo e al quale va la mia totale stima e ammirazione per l'indefesso lavoro di sbufalamento) chiarisca un po' meglio.. mi sembrava doveroso, visto che stiamo facendo gli scienziati, ricordare quali fossero le "basi teoriche" sulle quali si poggia la faccenda dell'omeopatia, visto che non le avevo viste scritte chiaramente e anzi c'erano degli evidenti travisamenti e sbagliate interpretazioni delle stesse. Sul fatto che poi le stesse non abbiano alcun fondamento scientifico non ci piove (e infatti oggi e' uscito il sole).


Perdonami, ma non è proprio così:

questa frase l'hai scritta tu:

Se in 200 anni l'omeopatia non si e' affermata come teoria scientifica il motivo ci sara', certo. Non son sicuro che la colpa sia dell'omeopatia, tutto li'.

Da quello che scrivi è evidente che credi all'omeopatia. Ma è proprio questo l'errore. Il concetto stesso secondo cui l'acqua conserverebbe memoria di qualcosa è una zozzeria tale da far accapponare la pelle. D'altro canto, se non ci sono molecole di principio attivo nell'acqua, allora non è un farmaco, è acqua. L'omeopatia ha senso solo come placebo, la sua rilevanza scientifica è nulla.

Te lo spiegavo prima: funziona (meglio di un placebo)? No. Che altro resta da dire?

Niente, smetto di scrivere "passo e chiudo" che tanto non ci riesco. :)

Questo esempio di realismo, invece, mi rende felice.
NON FUNZIONA.

Quale parte non si capisce di questa frase?

Il principio di funzionamento teorico NON CONTA.

Se la sperimentazione ha dimostrato che non funziona non c'è alcun principio da cercare. PUNTO.

La prima cosa è testare se ha un qualche effetto, se ne avesse uno, si potrebbe utilizzala pure ignorandone completamente il "principio teorico".

Ma non funziona.
Sapresti indicarmi un progresso dell'omeopatia rispetto a quando fu enunciata?

Certo.
Aver riconosciuto che in alcuni casi, quando l'omeopatia non funziona, è perché si sono usati dentifrici aromatizzati (mi pare che la menta sia deleteria nel contrastare i prodotti omeopatici).

Prevedo che un'altro progresso cosisterà nel riconoscere che anche cibi o prodotti anche non aromatizzati abbiano lo stesso deleterio effetto (non so... la lattuga, le patate, i rapanelli).
Spazio per la ricerca ce n'è, eccome!

mc
@sirEdward

>questa frase l'hai scritta tu:

>>Se in 200 anni l'omeopatia non si e' affermata come teoria scientifica il motivo ci sara', certo. Non son sicuro che la colpa sia dell'omeopatia, tutto li'.

si, riprendevo una frase di @gavagai

> Da quello che scrivi è evidente che credi all'omeopatia.

mah, mi sembra un po' tirata per i capelli. "credo" e' ben diverso da "concedo il beneficio del dubbio". Nel mio caso e' la seconda.

> Ma è proprio questo l'errore. Il concetto stesso secondo cui l'acqua conserverebbe memoria di qualcosa è una zozzeria tale da far accapponare la pelle.

C'e' una vecchia battuta a proposito. Non so se sei abbastanza vecchio per apprezzarla:

"forse l'acqua non ha memoria, ma i capelli di De Michelis se li ricorda eccome".

Tu invece hai scritto questo: "[snip] tralasciando simpaticamente quelle quisquiglie chiamate "fatti" ogni volta che essi si rivelino contrari alle tue idee".

ora, a parte che non mi conosci e quindi ti prego di evitare di tirare delle conclusioni affrettate sul mio abituale modus operandi, il FATTO - nel mio caso - e' che mi e' capitato di prendere della belladonna omeopatica contro la febbre, ridendo come un matto nei confronti di questa minchiata dell'omeopatia, per scoprire che dopo 4 ore la febbre era calata da 39 a 36.5. La cosa non ha ASSOLUTAMENTE nessun senso dal punto di vista scientifico, ne convengo, e mi ha lasciato quindi completamente spiazzato. D'altra parte sono pagato per essere confuso e quindi ho accettato il FATTO, rimandando qualsiasi interpretazione. Certo, non posso dire che la febbre mi sia passata grazie al rimedio omeopatico, ma neanche il contrario. A me di solito quel tipo di febbre rimane addosso per vari giorni. Boh.

Anche io, per dirla come Adams quando parlava dell'essere ateo, preferisco stupirmi per cose facilmente spiegabili piuttosto che per cose completamente inspiegabili; il fatto e' che l'episodio di cui sopra mi ha lasciato con un palmo di naso, e da questo scaturisce la mia posizione sostanzialmente agnostica. E da questa posizione deriva la "frase incriminata" che tu citi.

Se a fronte di questa spiegazione dici che "ci credo", ok. Vedi tu. Io so cosa e' successo A ME e il fatto che non sia spiegabile scientificamente non mi turba piu' di tanto.
ragazzi, quale acredine!

Se rispondere alle tue domande e fartene alcune la consideri acredine, ti consiglio due granuli di Arsenicum Album 30 CH. Non fa niente ma aiuta a ragionare su quanto si è ingenui.

applicato alla medicina fu proprio la omeopatia a farne largo uso per prima nell'800.

Quando non esistevano gli antibiotici e la gente moriva di miasmi e di spiriti maligni che provocavano le malattie.
Erano tempi bui.
Poi l'uomo ha fatto progressi, ma c'è ancora chi si ostina a credere che lo zucchero a pallini curi le malattie pagandolo 240 euro all'etto.
Figurati cosa c'entri la scienza in tutto questo...
Fozzillo ha commentato:
...
Il principio di funzionamento teorico NON CONTA.


L'affermazione non è completamente corretta.
Conoscendo il principio di funzionamento teorico si può fare in modo da far fruttare le proprietà nel modo più utile.
Scoperto che la pennicilina ammazza i batteri, non basta mangiare o iniettare la muffa per ottenere qualcosa.

Peccato che nell'omeopatia di principi teorici ce ne siano un po' pochi.
E quei pochi sono decisamente contrari.

mc
mm... purtroppo non ho le risposte, o meglio certezze.
Ma se con pochi soldi la gente sta meglio, trovo un controsenso levare quei 4 soldi statali solo per dare un segnale politico di volontà di abbattere i costi della saluti (Couchepin?)

La ricerca farmaceutica? altro enigma. Come dappertutto si investe laddove c'è un profitto. Come dappertutto per incrementare le vendite si pubblicizza il prodotto. Non solo, ma si pubblicizza anche un modello di uomo irraggiungibile, inducendo la gente a credersi bisognosa di"doping" E alla fine io che spendo poco meno del 10% del salario in assicurazione malattie sono sano.
E allora que viva l'omeopatia!
Io so cosa e' successo A ME e il fatto che non sia spiegabile scientificamente non mi turba piu' di tanto.

Ma _è_ scientificamente spiegabile. Si chiama "coincidenza".

Convincersi di una tesi perché è avvenuto un singolo episodio isolato, senza fare test di controllo, non è un approccio razionale.

Se lo fosse, avrei già vinto il Nobel per aver enunciato il Principio di Attivissimo: "Un corpo immerso nell'acqua fa squillare il telefono".
@Gavagai (un po' OT):
Non bisogna MAI generalizzare. E soprattutto EVITA di usare troppe MAIUSCOLE e troppi punti esclamativi!!!!!!!
Anche in inglese.

@DyVe:
Se sul dizionario "religione" la mettessero sotto "psicologia" dite che reggerebbe?

Prova a metterla sotto "politica".

@geo:
E non venite a raccontarmi frottole, che un flacone di arnica (per una botta) costa 8 franchi e dura almeno un lustro!!

Se usi un alto tasso di diluizione, un equivalente flacone di acqua di rubinetto costa molto meno.
Se usi un basso tasso di diluizione, più che omeopatia stiamo parlando di fitoterapia, o sbaglio? Ma che alcuni estratti di piante possano essere usati come medicinali è accettato anche dalla medicina "convenzionale", se non sbaglio.

@Paolo Attivissimo:
Sapresti indicarmi un progresso dell'omeopatia rispetto a quando fu enunciata?

Questa però è un'argomentazione un po' "brutale". Supponendo per assurdo che l'omeopatia sia una scienza, non sarebbe comunque necessario che avesse fatto progressi per considerarla valida anche oggi.
Anche la tazza del gabinetto non ha fatto grandi progressi da quando fu inventata, eppure è tuttora una soluzione valida a determinati... bisogni.

@Fozzillo:
Se la sperimentazione ha dimostrato che non funziona non c'è alcun principio da cercare. PUNTO.

La prima cosa è testare se ha un qualche effetto, se ne avesse uno, si potrebbe utilizzala pure ignorandone completamente il "principio teorico".

Ma non funziona.


Esatto, hai centrato il punto.

Se funzionasse, la medicina ufficiale dovrebbe cercare di capire perché funziona.

Dato che non funziona, sta agli omeopati trovare il bug e tornare da noi pazienti (che aspettiamo pazienti) quando i problemi sono risolti e sono riusciti a farla funzionare.
Anche se sospetto che quando funzionerà non sarà più omeopatia :-)
@Wewee
"Non credo che qualcuno li nasconda ma..."

Non voglio innescare polemiche, ma se e' vero che nessuno li nasconde, e' anche vero che nessuno ne parla.
In questa diatriba tra medicina e omeopatia tutto viene dipinto come perfetto a favore della prima (giustamente).

Il problema e' che la scienza in se' (la medicina) e' indispensabile oltre che encomiabile, ma la sua applicazione pratica tantissime volte non lo e'.

Insomma il mio messaggio e' che fai bene a fidarti dell'ingegneria, ma fai attenzione a fidarti dell'ingegnere (e detto da un ingegnere e' un'autocritica di maggior valore)!!!
Se il medico (come l'ingegnere) da l'impressione di far prevalere l'aspetto del (suo) business rispetto a quello della salute del paziente fa un danno doppio, contribuendo a creare un discredito nei confronti della medicina agli occhi di chi ne subisce le conseguenze.
@Paolo Attivissimo:
Se lo fosse, avrei già vinto il Nobel per aver enunciato il Principio di Attivissimo: "Un corpo immerso nell'acqua fa squillare il telefono".

Ma no, questa è scienza esatta: è il celebre Teorema del Bagno (da alcuni tradotto come Teorema di Bath per depistare).
Babele Dunnit ha commentato:
Certo, non posso dire che la febbre mi sia passata grazie al rimedio omeopatico, ma neanche il contrario. A me di solito quel tipo di febbre rimane addosso per vari giorni.


Certo. Non puoi dire che la febbre ti sia passata perché la tua vicina è andata dalla pettinatrice, ma neanche il contrario.

Certo. Non puoi dire che la febbre ti sia passata perché il giorno prima hai bevuto succo d'arancia, ma neanche il contrario.

Certo. Non puoi dire che la febbre ti sia passata perché il mio cane ha fatto la pipì contro un albero , ma neanche il contrario.

Certo. Non puoi dire che la febbre ti sia passata perché il Genoa ha pareggiato fuori casa, ma neanche il contrario.

Certo. Non puoi dire che la febbre ti sia passata perché hai pensato a tua zia, ma neanche il contrario.

Certo. Non puoi dire che la febbre ti sia passata perché XYZ, ma neanche il contrario.

Allora non lo dire.

mc
ragazzi, quale acredine!

Tranquillo, è acredine molto diluita :-D
è il celebre Teorema del Bagno

Dannazione, ero convinto di averlo coniato io :-)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
a proposito di leggi, questa si adatta bene al discorso sull'efficacia dell'omeopatia:

Law of Logical Argument: Anything is possible if you don't know what you are talking about.
se e' vero che nessuno li nasconde, e' anche vero che nessuno ne parla.

Sarà che sono parte in causa ma a me sembra se ne parli anche troppo. E' sciocco chi pensa che un'azienda farmaceutica faccia beneficienza regalando farmaci a tutti ma lo è ancora di più chi pensa che vi sia un complotto delle lobby o chi crede che il businnes prevalga sugli interessi della popolazione mondiale. Se poi vogliamo andare a vedere quante volte i giornali attaccano la "sanità"...
Ti dice nulla la parola malasanità usata anche quando cade un calcinaccio dal tetto?

Il problema e' che la scienza in se' (la medicina) e' indispensabile oltre che encomiabile, ma la sua applicazione pratica tantissime volte non lo e'.

Credo che la maggiorparte di noi siamo l'esempio dell'"applicazione pratica della medicina".
Ognuno di noi ha sempre la possibilità di non prendere nessun farmaco o non operarsi quando serve (nessuno ci punterà la pistola o forse sì, chi ci vuole bene) se lo hai fatto anche una sola volta nella tua vita sei stato testimone di "applicazione pratica della medicina".
Se vuoi seguire la natura senza interferenze scientifiche (anche se oggi è difficilissimo perchè si sta bene anche grazie alla salute di chi ci circonda) basta evitare accuratamente ogni aiuto medico da oggi in poi.
O usare l'omeopatia, chiaramente.
Dunque..
io è un anno che mi curo esclusivamente con l'omepatia e su di me funziona..
sono appasionata di medicina.
Ho curato con l'omeoptatia diverse malattie e diversi disturbi!
Certo ogni tubo lo pago 5 euro circa.. ma l'aspirina costa molto di più alla nostra azienda Italia!!! è tutto un mangia mangia.. (vedi bufala influenza suina, e vaccino relativo).
Che sia l'omeopatia un placebo ho i miei dubbi... visto che mia nipote si è curata sempre con l'omepatia e non credo che un neonato possa capire cosa sia un placebo.. Aprite gli occhi... e vedrete..
Lo dice una che grazie alla medicina Allopatica si ritrova con diverse patologie!!
GRAZIE medicina e medici allopatici!!!!
>Ma _è_ scientificamente spiegabile. Si chiama "coincidenza".

>Convincersi di una tesi perché è avvenuto un singolo episodio isolato, senza fare test di controllo, non è un approccio razionale.

oh santo cielo, ma INFATTI io non sto cercando di convincere nessuno, compreso me stesso! Ho raccontato la mia esperienza, che e' stata strana (ma son d'accordo che di cose assai strane ne succedono assai spesso [*]) e sospeso il mio giudizio ponendomi in stato agnostico in attesa di ulteriori dati! Provero' a curarmi con la belladonna una ventina di volte e vediamo cosa succede! :)

sento delle vocine: "potresti fidarti di chi lo ha gia' fatto numerose volte! non succede nulla, l'omeopatia non ha nessun fondamento scientifico!"

vero, vero. potrei fidarmi. potrei. Ma magari scopro che l'effetto placebo con me funziona incredibilmente bene... e a quel punto inizio davvero a curarmi con l'acqua del rubinetto, sai che risparmio? :) (certo, una volta che lo sai il placebo non c'e' piu'... sempre piu' difficile.)

>Se lo fosse, avrei già vinto il Nobel per aver enunciato il Principio di Attivissimo: "Un corpo immerso nell'acqua fa squillare il telefono".

>Ma no, questa è scienza esatta: è il celebre Teorema del Bagno (da alcuni tradotto come Teorema di Bath per depistare).

Paolo, qui stanno tentando di toglierti il Nobel! Ehi, non scherziamo! Posso testimoniare che e' venuto prima Paolo :) (poi si fa a meta' con la pizza, eh)

[*] letta recentemente: la realta', al contrario di romanzi e telefilm, non ha una sua "necessita' interna" di mantenere una coerenza e una narrabilita'. Ecco perche' a volte la realta' supera la fantasia. Ergo, le coincidenze, per quanto incredibili, effettivamente accadono.
"In omeopatia invece l'assioma che una diluizione siderale di un principio attivo possa combattere i sintomi che in dosi normali esso provoca non è stato dimostrato in vitro, in vivo e su pazienti umani..."

Non e' cosi' che funziona l'omeopatia


"L'omeopatia è la terapia che consiste nel dare al malato, a piccole dosi, la sostanza che, sperimentata sull'uomo sano, riproduce i sintomi osservati". Questa definizione è stata esposta e sviluppata da Cristiano Federico Samuele Hahnemann nelle due sue opere divenute celebri: "L'Organon dell'Arte di Guarire" e "Il Trattato delle Malattie Croniche" comparsi nel 1810 e nel 1830.

e meno male che hai studiato l'omeopatia...
@mastrociliegia

> Allora non lo dire.

scherzi? e perdermi cosi' tutta la parte Zen di questa buffa vita?

Non A, ma neanche non non-A. aka "L'uscita zen", da Changes, Paul Watzlawick.

http://www.amazon.com/Change-Principles-Problem-Formation-Resolution/dp/0393011046
io è un anno che mi curo esclusivamente con l'omepatia e su di me funziona..

Davvero? Sono curioso di sapere che malattie hai avuto.


Aprite gli occhi... e vedrete..

Certamente. Nella tua sala parto. Cesareo.
Ma se con pochi soldi la gente sta meglio, trovo un controsenso levare quei 4 soldi statali solo per dare un segnale politico di volontà di abbattere i costi della saluti (Couchepin?)

Ideona: invece di dare quei quattro soldi statali ai venditori di fumo, perché non finanziare la ricerca sulle malattie rare, quelle che, essendo rare e quindi poco profittevoli, non interessano ai cattivoni delle case farmaceutiche?
Oppure spendere quei soldi, come scrivevo poco più su, per comprare le medicine vere che debellerebbero le malattie comuni e battibilissime che invece fanno migliaia di morti all'anno nel terzo mondo?

@Jenny
Dunque..
io è un anno che mi curo esclusivamente con l'omepatia e su di me funziona..
sono appasionata di medicina.


Io sono appassionato di Formula1. Ma questo non fa di me un ingegnere meccanico, nè posso discutere delle scelte aerodinamiche della McLaren.

Ho curato con l'omeoptatia diverse malattie e diversi disturbi!

Esempio?

Certo ogni tubo lo pago 5 euro circa.. ma l'aspirina costa molto di più alla nostra azienda Italia!!!

3,75 euro una confezione da 20.

è tutto un mangia mangia.. (vedi bufala influenza suina, e vaccino relativo).

Beh, mi sembra un po' un generalizzare.
L'efficacia dei vaccini è più che provata (qualche malattia, e anche mortale, è completamente scomparsa grazie ai vaccini), così come la campagna pubblicitaria esagerata ogni volta che salta fuori una nuova influenza.
Ma da qui a paragonare l'omeopatia ai vaccini ce ne passa! Quante malattie ha sconfitto (vuol dire che oggi non ce ne dobbiamo più preoccupare) l'omeopatia?

Che sia l'omeopatia un placebo ho i miei dubbi... visto che mia nipote si è curata sempre con l'omepatia e non credo che un neonato possa capire cosa sia un placebo..

Beh, complimenti per gli studi rigorosi e il campione rappresentativo. Che malattie aveva la tua nipotina? Ti ricordo che non c'è solo il placebo, ma anche la capacità del corpo di guarire. Per esempio, io settimana scorsa ho preso il raffreddore, e senza medicina nè porcate mi è passato in un paio di giorni.

Aprite gli occhi... e vedrete..

Beh, certo, gli occhi non possono essere ingannati...
Ma hai visto il video di Randi, all'inizio, quando con due semplici giochetti dimostra come si possa facilmente ingannare anche un pubblico preparato, perché tutti in fondo facciamo assunzioni?

Lo dice una che grazie alla medicina Allopatica si ritrova con diverse patologie!!

Beh, mi spiace. Ma sono sicuro che l'omeopatia saprà curartele.

GRAZIE medicina e medici allopatici!!!!

Qui lascio ripondere WeWee...
@Turz

ragazzi, quale acredine!

Tranquillo, è acredine molto diluita :-D


Concisa ed efficace. Splendida.

@Babele Dunnit

si, riprendevo una frase di @gavagai

Non importa che tu riprendessi una frase, l'impotante è il concetto espresso.


"credo" e' ben diverso da "concedo il beneficio del dubbio". Nel mio caso e' la seconda.


Perché mai? L'acqua è acqua, non si ricorda se dieci boccete prima c'era dentro una molecola di qualcosa.

Altrimenti l'acqua del rubinetto sarebbe una specie di bomba chimica. Per non parlare dei sistemi di filtraggio acqua dagli scarichi fognari...


ora, a parte che non mi conosci e quindi ti prego di evitare di tirare delle conclusioni affrettate sul mio abituale modus operandi, il FATTO - nel mio caso - e' che mi e' capitato di prendere della belladonna omeopatica contro la febbre, ridendo come un matto nei confronti di questa minchiata dell'omeopatia, per scoprire che dopo 4 ore la febbre era calata da 39 a 36.5.


E quindi ti sei convinto che la causa fosse la belladonna omeopatica? A parte il fatto che se era davvero omeopatica, di belladonna non ce n'era nemmeno una molecola, e tralasciando il fatto che le erbe contengono principi attivi riconosciutissimi dalla medicina, il concetto stesso secondo cui hai preso un prodotto e questo ti ha giovato è quasi superstizioso. Potrebbe essere semplicemente una coincidenza, come Paolo A. e Mastrocigliegia ti hanno spiegato. Poteva, ad esempio, essere semplicemente il normale decorso del problema che ti ha portato la febbre: ho visto personalmente una persona passare un'intera giornata a letto con 40 di febbre poco sensibile al paracetamolo e forte inappetenza, e il giorno dopo, in maniera onestamente incredibile, essere praticamente sfebbrato, in miglioramento costante e pronto a mangiarsi cre^pe con uova fritte, prosciutto e funghi.

A volte succedono cose strane.


Anche io, per dirla come Adams quando parlava dell'essere ateo, preferisco stupirmi per cose facilmente spiegabili piuttosto che per cose completamente inspiegabili; il fatto e' che l'episodio di cui sopra mi ha lasciato con un palmo di naso, e da questo scaturisce la mia posizione sostanzialmente agnostica.


Non ti preoccupare, non è stata l'omeopatia. Il punto è che non ci dici tutto: non ci dici cosa avevi (privacy a parte, è chiaro che non si può decidere se è un caso di omeopatia funzionante senza sapere che patologia era) né cosa era contenuto nella boccetta dalla quale hai attinto...


E da questa posizione deriva la "frase incriminata" che tu citi.


La frase rimane tale e quale: tu preferisci pensare che la colpa per il fatto che l'omeopatia sia ancora ferma a 200 anni fa non è dell'omeopatia stessa.

E di chi è? Chi è il "villain" della situazione, che opprime la povera omeopatia?


Se a fronte di questa spiegazione dici che "ci credo", ok. Vedi tu. Io so cosa e' successo A ME e il fatto che non sia spiegabile scientificamente non mi turba piu' di tanto.


Tutto è spiegabile scientificamente, anche i miracoli.
@thedrakkar

non ho "studiato" l'omeopatia, ho letto come "funziona". Anche tu, ma mi pare continui a sfuggirti qualcosa. tu hai scritto:

"In omeopatia invece l'assioma che una diluizione siderale di un principio attivo possa combattere i sintomi che in dosi normali esso provoca non è stato dimostrato in vitro, in vivo e su pazienti umani [snip]"

e poi citi la definizione ufficiale

"L'omeopatia è la terapia che consiste nel dare al malato, a piccole dosi, la sostanza che, sperimentata sull'uomo sano, riproduce i sintomi osservati"

le due cose sono MOLTO DIVERSE.

nella TUA frase c'e' il concetto di COMBATTERE I SINTOMI, nella definizione ufficiale NO.

La definizione ufficiale parla di RIPRODURRE, non di COMBATTERE. E' ESATTAMENTE il CONTRARIO di quello che hai scritto tu.

nell'omeopatia il principio attivo non COMBATTE ALCUNCHE'.

e visto il tono della tua precisazione SBAGLIATA, adesso questa te la becchi:

e meno male che hai studiato l'italiano.


PS: fermo restando tutto quello che ho gia' detto precedentemente sulla validita' o meno dell'omeopatia.
@SirEdward

'ho visto personalmente una persona passare un'intera giornata a letto con 40 di febbre poco sensibile al paracetamolo e forte inappetenza, e il giorno dopo, in maniera onestamente incredibile, essere praticamente sfebbrato, in miglioramento costante e pronto a mangiarsi cre^pe con uova fritte, prosciutto e funghi'

SirEdward (mi fa strano chiamarti così...), hai interpretato male la situazione: non è che è stato meglio e quindi si è potuto mangiare cre^pe con uova fritte, prosciutto e funghi, ma che, essendosi mangiato cre^pe con uova fritte, prosciutto e funghi, è stato meglio. Vorrei ricordarti che 'What butter and whiskey won't cure, there is no cure for'.
@sirEdward

>E quindi ti sei convinto che la causa fosse la belladonna omeopatica

no. vedi mio commento #112.

>Tutto è spiegabile scientificamente, anche i miracoli.

verissimo, vedi commento di cui sopra 2 la vendetta. Pensa che sei anni fa il mio cuore si e' fermato per varie ore, eppure oggi sono ancora vivo. Giuro.
Ciao Baron Beer! (sì, in effetti è strano...)

Sono quasi certo che non sia come dici tu. Ricordo bene che Prosciutto, uova e funghi sono venuti quando la febbre era già scesa fino a livelli normali. Ho accompagnato io stesso la persona in questione alla cre^perie dove si è svolto l'esperimento. Ho anche un testimone!

Però è sicuramente un'obiezione interessante! :D
Te pensa quello che vuoi, io resto convinto dell'efficacia dei grassi e dell'alcool come metodi terapeutici (possibilmente MOOOOOOOLTO poco diluiti). Guarda, se c'è necessità mi presto volentieri come cavia, ovviamente per motivi puramente scientifici.
La definizione ufficiale parla di RIPRODURRE, non di COMBATTERE.

ehm riprodurre per combattere...

cito ancora

«Similia similibus curantur»
«I simili si curano con i simili.»
Samuel Hahnemann (1755-1842)


ricapitoliamo: il concetto base dell'omeopatia è che la stessa sostanza che provoca dei sintomi presa in dosi omeopatiche cura la malattia stessa, in altre parole una diluizione siderale di un principio attivo può combattere i sintomi che in dosi normali esso provoca

ora ti è chiara l'omeopatia? :)
Tutti i commenti fin qui postati sono falsati dall'assunzione che l'omeopatia funzioni solo per estrema "diluizione". Ma la succussione che banalmente viene semplificata con shekeramento?!?! di quella non ne parliamo? non si può solo agitare, bisogna farlo 10 volte sull'asse x, 10 sull'asse y e 10 sull'asse z sennò non funziona!!!! Il buon Randy in questa presentazione non accenna alla succussione perchè la discussione è abbastanza generale ma lo fa in'altre più specifiche.
Tutti i commenti fin qui postati sono falsati dall'assunzione che l'omeopatia funzioni solo per estrema "diluizione"

No: tutti i commenti fin qui postati (tranne 2) partono dall'assunzione che l'omeopatia non funzioni.
@Baron Beer

Guarda, se c'è necessità mi presto volentieri come cavia, ovviamente per motivi puramente scientifici.

Ovviamente. non potrei pensare nemmeno per un istante a un tuo secondo fine. :P
@thedrakkar

>ricapitoliamo: il concetto base dell'omeopatia è che la stessa sostanza che provoca dei sintomi presa in dosi omeopatiche cura la malattia stessa, in altre parole una diluizione siderale di un principio attivo può combattere i sintomi che in dosi normali esso provoca

perdonami, ma in cosa questa tua fondamentale precisazione differisce dal mio primo post?

>ora ti è chiara l'omeopatia? :)

si, ti ringrazio. non si finisce mai di imparare. A proposito: funziona?
Bhe Cari....
inanzitutto grazie a chi ha detto che aprirò gli occhi nella salaparto.. visto che grazie alla medicina non potrò avere figli.. ma va bhe.. vedo che di maturità ce ne è oca e basta sentenziare qui e la.. ma sono problemi vostri..
io ho apportato la mia esperienza senza giudicare nessuno Ho generalizzato su Aprite gli occhi.. e ne sono convinta.. vi devo indicare tutte le problematiche che la medicina allopatica mi ha regalato??? meglio di no..
vi devo elencare tutti i danni causati da vaccini?? meglio di no..
io sono appassionata di medicina ma non la guardo in televisione quelle due orette come lo si può fare per la Forumal uno.. Leggo e studio quotidianamente....
Perchè?? semplicemnte a casua di una malttia cronica e varie patologie.
Alcune delle quali curate dall'omepotia..
Tra cui anche un tumore benigno.
Arrivata all'ospedale per l'asportazione i medici stupefatti mi han rimandata a casa. sparito...
Altra cosa???
Dolori insopportabili neanche il buscopan endovena mi faceva stare bene.. neanche lo xanax che i dottori mi davano credendo che i dolori fossero psicosomatici.. L'omeopatia me li ha ridotti subito..
poi che dire della sinusite .. sparita.. linfonodi ingrossati alla gola.. in due gg di omeopatia spariti..
ho la mia mente è talmente potente da farmi comparire e scomparire certe cose o devo dire grazie all'omeopatia.. fate voi..
Oh nel primo caso.. bhe minimo una comporsa al maurizio costanzo show.. lo fanno ancora????

Ah in riferimento al video.. io non c'ero io non ho controllato cosa quel tipo ha preso.. per me potevano pure essere pasticche di viagra o semplici zuccherini senza nessun componente interno..
fate vobis.
@ Jenny

Scusami, ma non stai dicendo nulla di nuovo. Le testimonianze a parole in scienza valgono meno di niente, con rispetto parlando. I riscontri dreali dicono viceversa che l'omeopatia è NULLA spacciato per medicinale.
inanzitutto grazie a chi ha detto che aprirò gli occhi nella salaparto.. visto che grazie alla medicina non potrò avere figli

Mi dispiace, ma non cambia il concetto: quando vai dal dentista, prendi un anestetico omeopatico?


vi devo elencare tutti i danni causati da vaccini?? meglio di no..

Sì, dai, raccontali. Chi ha perso i suoi cari per l'influenza, il vaiolo, la poliomileite e tante altre malattie prima letali te ne sarà sicuramente grato.

Dimmi, se ti prendi la difterite, che medicina omeopatica prendi? Per il tetano, cosa prendi?


Alcune delle quali curate dall'omepotia..
Tra cui anche un tumore benigno.
Arrivata all'ospedale per l'asportazione i medici stupefatti mi han rimandata a casa. sparito...


Guarda che qui in lista c'è un medico. Se tu davvero sei guarita da un tumore per omeopatia, c'è un Nobel da vincere. Portagli le tue cartelle cliniche.
ho la mia mente è talmente potente da farmi comparire e scomparire certe cose o devo dire grazie all'omeopatia.. fate voi..
Oh nel primo caso.. bhe minimo una comporsa al maurizio costanzo show.. lo fanno ancora????


Ti sbagli Jenny, tu non andresti al Costanzo Show se fosse stata "la tua mente" a guarirti (succede, più di quanto si pensi) ma se fosse dovuto all'omeopatia.

Saresti il primo caso al mondo.
Sono contento per te.
@ Babele Dunnit

si, ti ringrazio. non si finisce mai di imparare. A proposito: funziona?

No. Non funziona.

Oramai è stato detto parecchie volte

@ Jenny

o la mia mente è talmente potente da farmi comparire e scomparire certe cose o devo dire grazie all'omeopatia.. fate voi..

Guarda, non so te, ma la mia esperienza è che la mente può fare cose davvero notevoli a proposito di malattie e guarigioni.

L'acqua distillata no.
Del denaro che invece le "religioni" riescono a portar via a fedeli (chiesa cattolica compresa) spacciando la madre di tutte le bufale, ovvero, quella "dell'omone trasparente che ha creato l'universo", non se ne occupa mai nessuno :(
uh certo non valgono niente..
come non valgono niente purtroppo tutte le morti causate dai medicinali.. e come hadicap causati dai vaccini.... sempre la solita storia.. visto che la medicina è statistica.. sarà statistica anche l'omeopatia.. ma siccome non conviene... alla big Pharma.. e chi per loro.. esperimenti e studi non se ne fanno... :-)
Per non parlare poi di fitoterapia... naturopatia etc etc.... e tutto ciò che i grandi ci nascondono...
ognuno è libero di curarsi come vuole.. ma criticare a priori una scienza medica mi sembra veramente obrobrioso.. e di bassi livelli...
mo faccio un report pure io va sulla medicina allopatica ed i vari danni che ha causato..
così divento famosa pure io??
Come mai il tizio non ha preso un tubo di xanax o EN O aspirina invece di quello che lui dice essere omeopatico? Mah.. misteri dell'umanità
Attivissimo... bhe che dire.....

Primo io quando vado dal dentista faccio l'anestesia solo se devo togleire un dente.. antibiotico e antidolorifico non li prendo orami da molto. E solo perchè non ho trovato nella mia zona un dentista olistico :-)



Wow ... la mia mente mi guarisce.. allora sicuramente risucirò a guarire anche dalla malattia che ho.. fantastico .. Oh.. siredward dimmi come si fa... che mi metto in moto.. così eviterò l'ennesima operazione....
@Jenny

Di studi (seri) sull'omeopatia ne sono stati fatti, chiedo a WeWee un aiuto per indicarti quali, e giungono tutti alla conclusione che gli effetti dell'omeopatia non sono distinguibili da un qualsiasi placebo. Ma quello che anche tu, come altri sostenitori dell'omeopatia, non volete ancora prendere in considerazione, e che è un concetto alla base di tutti, appassionati di medicina e di formula 1, è che i princìpi sui quali si basa l'omeopatia non esistono. Punto. Mi spiace ripeterlo fino alla nausea, ma si può discutere se sia bello o brutto che 2+2 fa quattro, ciò di cui invece non si può discutere è che il risultato è comunque 4. Qualunque assioma che parte da presupposti sbagliati, darà inevitabilmente risultati sbagliati. Anche se belli.
Babele Dunnit ha commentato:
...
nell'omeopatia il principio attivo non COMBATTE ALCUNCHE'.


Sbaglio, o è quello che hanno sempre detto gli scettici?

mc
big Pharma.. e chi per loro..

... tutto ciò che i grandi ci nascondono...


Sì, sì, va bene, è tutto un complotto e i farmacisti ce l'hanno con te.


criticare a priori una scienza medica mi sembra veramente obrobrioso

l'omepatia non è una scienza medica. E anche se lo fosse, non sarebbe immune alla critica.


Come mai il tizio non ha preso un tubo di xanax o EN O aspirina invece di quello che lui dice essere omeopatico?

Evidentemente non hai capito il senso dell'esperimento. Io non ho tempo di spiegartelo. Riguarda il video.
Primo io quando vado dal dentista faccio l'anestesia solo se devo togleire un dente

Ma come? Non usi un anestetico omeopatico? Ma che strano.


E solo perchè non ho trovato nella mia zona un dentista olistico

Bella scusa.
@Jenny
Non ha preso un tubo di XANAX perchè sarebbe morto. Perchè le medicine, a differenze delle cure omeopatiche, hanno un principio attivo che ha conseguenze misurabili sull'organismo. Notare che ho scritto conseguenze e non "benefici".
Un farmaco omeopatico con diluizione oltre il CH12 è acqua distillata. Pertanto, non può fare male o bene. Non toglie nemmeno la sete, essendo priva di sali minerali.
Chiaro il concetto?
@ Jenny

Wow ... la mia mente mi guarisce.. allora sicuramente risucirò a guarire anche dalla malattia che ho.. fantastico .. Oh.. siredward dimmi come si fa... che mi metto in moto.. così eviterò l'ennesima operazione....

Ho capito che sei ingastrita con tutti, qui dentro, ma io non ho detto che la mente guarisce tutte le malattie, ho detto che la mente fa cose notevoli sia per farti guarire che per farti ammalare. Parlo per esperienza personale. Poi se preferisci sfottermi perché ti dico che l'acqua distillata non guarisce le malattie... che ti devo dire? Fai pure. Contrastarti troppo è anche controproducente, perché se l'effetto placebo dell'omeopatia a te funziona, non sarò certo io a cercare di privartene.
Le conclusioni delle 6 meta-analisi (tecnica clinico-statistica che permette di assemblare, in un unico risultato cumulativo, i risultati di più studi clinici su di un medesimo trattamento) effettuate negli ultimi 15 anni sono tutte positive e mettono in evidenza l’efficacia dei medicinali omeopatici.

Fonti:
Kleijnen J, Knipschild P, ter Riet G. Clinical trials of homoeopathy. BMJ 1991; 302: 316–23

Boissel JP, Cucherat M, Haugh M, Gauthier E. Critical literature review on the effectiveness of homoeopathy: overview of data from homoeopathic medicine trials. Brussels, Belgium: Homoeopathic Medicine Research Group. Report to the European Commission. 1996: 195–210

Linde K, Melchart D. Randomized controlled trials of individualized homeopathy: a state-of-the-art review. J Alter Complement Med 1998;4: 371–88

Cucherat M, Haugh MC, Gooch M, Boissel JP. Evidence of clinical efficacy of homeopathy: a meta-analysis of clinical trials. Eur J Clin Pharmacol 2000; 56: 27–33

Shang A, Huwiler-Müntener K, Nartey L, et al. Are the clinical effects ofhomoeopathy placebo effects? Comparative study of placebo-controlledtrials of homoeopathy and allopathy. Lancet 2005; 366: 726–32

Linde K, Clausius N, Ramirez G, et al. Are the clinical effects of homoeopathy placebo effects? A meta-analysis of placebo-controlled trials. Lancet 1997; 350: 834–43

se sapete l'inglese leggete...
Poi vi psoto anche tutti i danni della medicina allopatica.
Ripeto ognuno decide della propria vita e salute...
@ Jenny

ma siccome non conviene... alla big Pharma.. e chi per loro.. esperimenti e studi non se ne fanno... :-)

La Boiron ha quasi 3000 dipendenti, nel 2004 ha fatturato oltre 300 milioni di euro e lavora in 59 diverse Nazioni. Non tiriamo fuori questa cavolata di big pharma per favore, si guadagna benissimo anche con l'omeopatia
@jenny
La mia esperienza è che il tumore benigno al cervello (adenoma ipofisario) che mi avrebbe causato a breve cecità, è stato operato perfettamente per via chirurgica. Ma sicuramente mi hanno curato con omeopatia ed hanno montato tutta la storia dell'operazione per gonfiare i costi!
Jenny
Poi vi psoto anche tutti i danni della medicina allopatica.

No ti prego, siamo già saturi di gente che pensa di aver capito tutto che linka articoli e siti deliranti complottisti.

Riguardo gli studi che hai elencato, sarà mica (come sospetto) che sono i famosi studi "positivi" commissionati da ditte che producono prodotti omeopatici? No, così, tanto per capirci.
Per Jenny

uh certo non valgono niente..

Ci mancherebbe altro che qualcuno viene sul forum a dire che a lui l'estratto di rucola ha curato l'appendicite, e si fonda una disciplina medica su questo. Prove ci vogliono, prove. Solo quelle.

come non valgono niente purtroppo tutte le morti causate dai medicinali.. e come hadicap causati dai vaccini....

Valgono, valgono. Ma forse ti deluderà sapere che ci sono statistiche in proposito già da prima che tu nascessi.

sempre la solita storia.. visto che la medicina è statistica.. sarà statistica anche l'omeopatia.. ma siccome non conviene... alla big Pharma..

Ah, ecco, la logica inoppugnabile: ci sono le statistiche che convengono alla Big Pharma, e le statistiche che non convengono.
Be', noi non siamo la Big Pharma: mostraci le statistiche sull'omeopatia, o spiegaci come fare a reperirle.

e chi per loro.. esperimenti e studi non se ne fanno... :-)

Che cattivoni questi medici e questi scienziati: fanno esperimenti solo sulle medicine che fanno male. Su quelle che fanno bene, vige la censura mondiale.

Per non parlare poi di fitoterapia... naturopatia etc etc.... e tutto ciò che i grandi ci nascondono...

Il mondo è pieno di cattivoni. Tutti sono cattivi tranne Jenny.

ognuno è libero di curarsi come vuole.. ma criticare a priori una scienza medica mi sembra veramente obrobrioso..

Caso mai obbrobrioso, con due b.
Il problema è che non la si critica a priori, ma dopo aver letto i risultati; che non ci sono. È molto diverso.

e di bassi livelli...
mo faccio un report pure io va sulla medicina allopatica ed i vari danni che ha causato..
così divento famosa pure io??


Dato il tuo fervore, mi stupisco che ancora tu non l'abbia fatto. Che aspetti? Nessun cattivone ancora sa nulla, per ora puoi pubblicare.
si guadagna benissimo anche con l'omeopatia

Anche meglio direi: R&S = zero e il costo di produzione lo paghi direttamente al consorzio municipale dell'acquedotto!
Pensa che sei anni fa il mio cuore si e' fermato per varie ore, eppure oggi sono ancora vivo.

"Mio cuggino mi ha detto... che una volta è morto!" (Elio e le Storie Tese)

Scusate, non ho resistito
Non è una scusa.. non ho trovato veramente un dentista olistico.. tu ti fai curare un dente senza anestesia??? io si...

per un mal di testa prendi subito un analgesico?? Bravo.. io no prendo le pasticchine di acqua distillata cristallizzata...

SirEdward.. io non ce lho con te.. ma sono interessata a capire per tua esperienza personale. cosa a te è successo...

L'omeoptia.. cura la persona.. in toto...

Io purtroppo non credo più nella medicina allopatica che ci posso fare??? ne ho visti troppe di cose.. e vissute troppe.. non posso farci nulla

Ho fatto una cura piuttosto pensante l'anno scorso.. informandomi purtroppo tardi.. sono venuta a sapere di 300 casi di morte grazie a quel medicinale.. e tante patologie causate da quel medicinale..
per poi venire a sapere.. dal chirugo.. "bhe signora... forse abbiamo sbagliato..."..
ok allora se non faranno nulla le pasticchine omeopatiche almeno non fanno male.. mettia mola così per chi non vede al di la del proprio naso...
il fatto è che sono aperta a tutto e mi informo su tutto senza puntare il dito se non per cose avvenute a me ...
Non metto limiti ne critico a priori.. cosa che credo alcuni fanno...
@Jenny: Hai sbroccato.
Il "tizio" non ha assunto Xanax perché lo Xanax fa esattamente quello che dice (effetti collaterali ed indicazioni sul sovra-dosaggio comprese). I farmaci pericolosi non sono "truffe": la Nimesulide, ad esempio, fa malissimo e nelle controindicazioni (almeno in quelle del "generico") c'è davvero scritto che può provocare il cancro!
A Randy non interessano quelle cose o persone che fanno quello che promettono ma l'esatto opposto.

Poi tu sei libera di curarti come meglio credi; non sarà Randy ad impedirti di curarti con l'omeopatia, la cromoterapia o le pastiglie valda. Quello che è inammissibile, però, è che qualcosa che NON PUO' (almeno in questo universo) essere un farmaco venga spacciato come tale.
@Wewee

Mi sa che non mi sono spiegato bene, il concetto che volevo esprimere era diverso.

Come prima cosa io non credo all'omeopatia ma mi affido alla medicina.
Quando parlo di applicazioni pratiche che si allontanano dalla teoria, parlo di storture che si possono verificare (e si verificano), dovute per lo piu' a motivi di business.
Sono convito che le aziende farmaceutiche non debbano essere enti no-profit e quindi e' giusto che ci guadagnino, il problema nasce quando si effettuano forzature inutili (quando non a danno della salute di una magari piccola percentuale di pazienti) per guadagnare sempre di piu'.
Faccio un esempio.

Il mio medico mi prescrive un farmaco per le mie difficolta' digestive, io lo prendo e guarisco in breve tempo. L'anno successivo per lo stesso problema mi prescrive un altro farmaco di "nuova generazione" piu' efficace, io chiedo se non sia comunque il caso di usare lo stesso dell'anno precedente visto che ancora ne conservo una discreta quantita ma lui me lo sconsiglia con insistenza spingendomi all'acquisto del farmaco nuovo.
Io sono portato a non seguire questo consiglio e infatti guarisco col vecchio farmaco, ma ne esco con l'idea che il medico non abbia seguito molto il metodo scientifico ma si sia lasciato un po' convincere da un bravo informatore (e maliziosamente penso magari anche da un qualche bonus ad obiettivo).

Altri esempi potrebbero essere le pressioni che le case farmaceutiche possono esercitare sugli organismi/enti che deliberano in materia di salute.

Insomma questi aspetti non vanno secondo me soltanto "non nascosti" ma meglio ogni tanto ricordarli.
Non per questo io mi rivolgero' all'omeopatia o ai santoni guaritori, ma l'idea che comunque il business possa avere una importanza primaria e prevalente all'interesse generale ogni tanto viene fuori quando si ha a che fare con certe situazioni.
@ accademia dei pedanti.. bravo/a complimenti.. primo difendevo solo il mio punto di vista.. e ripeto a causa delle probelmatiche che ho riscontrato con la medicina allopatica...
secondo vero le doppie non mi vengono spontanee anche perchè sono straniera.. e visto il mio italiano.. forse niente niente meglio del tedesco o dell'ingelse di certi italiani.. (davero di basso livello il modo di aggredire o puntare il dito, cosa che io non sto facendo)..
io non mi ritengo buona.. apporto solo la mia esperienza... ma visto l'accanimento.. pace.. come scritto prima fate vobis... :-)
@mastrociliegia

>>Babele Dunnit ha commentato:
>>nell'omeopatia il principio attivo non COMBATTE ALCUNCHE'.

>Sbaglio, o è quello che hanno sempre detto gli scettici?

ossignur, mastrociliegia, ma li hai letti i miei post? guarda che non sto dicendo che funziona!
@martinobri

ero qui ad aspettare, ero sicuro che qualcuno avrebbe abboccato (in senso buono, non voglio offendere nessuno :) ) :)

>>Pensa che sei anni fa il mio cuore si e' fermato per varie ore, eppure oggi sono ancora vivo.

>"Mio cuggino mi ha detto... che una volta è morto!" (Elio e le Storie Tese)
>Scusate, non ho resistito

contavo proprio sull'Effetto Elio in effetti...

il post completo partiva dall'affermazione di @sirEdward: "Tutto è spiegabile scientificamente, anche i miracoli", che condivido in pieno.

ed infatti... sono stato operato al cuore. circolazione extracorporea. il cuore si ferma.

:) va beh, dai, off topic.
ossignur, mastrociliegia, ma li hai letti i miei post? guarda che non sto dicendo che funziona!

Però concedi il beneficio del dubbio pur in assenza di evidenze oggettive (anzi: in presenza di osservazioni contrarie).

Comunque la citazione voleva essere solo una battutaccia.

Il fatto è che quando leggo di certi argomenti (non solo qui), oscillo tra il divertito, per l'assurdità di certe affermazioni, e il triste, per chi scappa dalla realtà per rifuguiarsi in un mondo incantato.



Bravo.. io no prendo le pasticchine di acqua distillata cristallizzata...

Questa non la sapevo.
Cosa sarebbero? Cubettini di ghiaccio?
E sono da sciogliere sotto la lingua?


mc
Non è una scusa.. non ho trovato veramente un dentista olistico.. tu ti fai curare un dente senza anestesia??? io si...

Ricordo che per alcune carie piccole il mio dentista "tradizionale" non mi faceva anestesia. Eppure sono abbastanza sensibile al dolore.


per un mal di testa prendi subito un analgesico?? Bravo.. io no prendo le pasticchine di acqua distillata cristallizzata...


Io soffro di emicrania, di tanto in tanto. Non ho mai preso nulla (per motivi vari). Qualche tempo fa, però, ho cominciato. Medicina tradizionale. Il farmaco funziona a meraviglia anche a dosi inferiori a quelle indicate per gli adulti, e non lo devo nemmeno prendere tutte le volte. Ti assicuro che la differenza in termini di qualità della vita è elevata.


SirEdward.. io non ce lho con te.. ma sono interessata a capire per tua esperienza personale. cosa a te è successo...


Secondo me hai cambiato idea repentinamente dopo essere stata sottoposta allo stesso schiaffo che hai dato a Paolo. Prima mi prendevi per il sedere in maniera decisamente esplicita. Per quanto riguarda le mie questioni private, preferisco rimangano private. Però, anche se mi sembra tu abbia un bel po' di casino dal punto di vista clinico, anche molte altre persone hanno o hanno avuto dei problemi. Capisco anche che usarli come argomenti possa dare un significativo (anche se apparente) vantaggio morale all'interno della discussione, ma preferisco rimanere legato ai fatti concreti.

Il mondo è pieno di possibilità e la medicina è ben lungi dall'aver spiegato tutto (giusto ieri chiacchieravo con un amico medico che mi diceva questa stessa cosa), ma rimanere legati ai fatti concreti è necessario. Le preparazioni troppo diluite sono solo acqua distillata, come quella che metti nel ferro da stiro e che costa 0,25 euro ogni 5 litri al supermercato. L'acqua distillata non cura nulla. Quello che ti cura, al massimo, è la tua convinzione nel preparato, è la tua mente. Se qualcuno fosse in grado di ottenere l'effetto placebo a comando, come se fosse un interruttore, vincerebbe il nobel e compirebbe il più grande passo avanti per la medicina dai tempi in cui si è capito che bere acqua pulita riduce le infezioni.

L'omeoptia.. cura la persona.. in toto...

Io purtroppo non credo più nella medicina allopatica che ci posso fare??? ne ho visti troppe di cose.. e vissute troppe.. non posso farci nulla


La medicina allopatica può anche fare male. I farmaci generano "un effetto" (come ha detto qualcuno poco fa), non "un miglioramento". Ma il fatto che possa anche fare male è una dimostrazione pratica del fatto che questo effetto esiste.


Ho fatto una cura piuttosto pensante l'anno scorso.. informandomi purtroppo tardi.. sono venuta a sapere di 300 casi di morte grazie a quel medicinale.. e tante patologie causate da quel medicinale..


E quante guarigioni? Poi... la sfortuna capita, purtroppo, ma non si può dire che un trattamento sia da evitare solo perché è rischioso. Dipende sempre da quali alternative si hanno.


per poi venire a sapere.. dal chirugo.. "bhe signora... forse abbiamo sbagliato..."..
ok allora se non faranno nulla le pasticchine omeopatiche almeno non fanno male..


Non è affatto detto. Certe volte, a non trattare delle patologie, queste peggiorano e una cosa che poteva essere curata banalmente può diventare invalidante o peggio. Anche perdere tempo può essere grave. Il caso delle carie dentarie è esemplare in questo senso.


mettia mola così per chi non vede al di la del proprio naso...
il fatto è che sono aperta a tutto e mi informo su tutto senza puntare il dito se non per cose avvenute a me ...


Informarsi sull'omeopatia significa imbattersi negli studi che la smontano e studiare come funziona nel dettaglio. Essere aperti va bene, ma essere aperti non significa sempre essere "contro", o essere "alternativi", o essere "minoritari". Essere aperti significa "essere in accordo con la realtà che ci circonda", non "dover essere in opposizione alla maggioranza degli altri uomini".

(questi due commenti sono @ Jenny)
Per Jenny

bravo/a complimenti.. primo difendevo solo il mio punto di vista.. e ripeto a causa delle probelmatiche che ho riscontrato con la medicina allopatica...

Jenny, so distinguere benissimo uno che vuole solo parlare della propria esperienza con l'omeopatia e un esaltato che ormai vede come unico scopo nella vita difendere la medicina omeopatica e attaccare quella "ufficiale". Non sei l'unica persona sulla faccia della Terra ad aver avuto problemi con la chirurgia e con i medici, e non sei l'unica persona sulla Terra ad avere una malattia ancora incurabile. Fra gli altri, alcuni cambiano medico, alcuni smettono di affidarsi ai medici, altri, come te, fanno assurgere a religione la medicina omeopatica. Padronissima di farlo, sia chiaro. Ma non camuffarti da persona che viene qui solo a portare la propria testimonianza personale: non ti crede nessuno.
ed infatti... sono stato operato al cuore. circolazione extracorporea. il cuore si ferma.

Bello. Lo userò come esempio per mostrare che affermazioni vere tolte dal loro contesto diventano false (o impossibili)
@Jenny
inanzitutto grazie a chi ha detto che aprirò gli occhi nella salaparto.. visto che grazie alla medicina non potrò avere figli..

Curioso, guarda cosa scriveva Meco pochi post prima di te... :

Purtroppo, grazie a oltre 8 anni di "cure alternative", l'infezione le ha rovinato l'apparato riproduttivo, rendendola sterile

1 caso non fa la legge, in medicina soprattutto. Prova a leggere il blog di WeWee (è lui il medico), sono riportati numerosi casi in cui la medicina ha "toppato", purtroppo della gente ci ha lasciato la pelle.
Il sito del Cicap vende libri che trattano dell'argomento.

Come vedi il problema che poni tu, e cioè che la medicina (e soprattutto i medici) a volte sbagli, e di grosso, è reale, concreto, ed è la stessa scienza medica a non farne un segreto, anzi.

Ma la medicina funziona. Uno degli ultimi articoli nel blog che ti ho citato poco fa mostra i progressi fatti nel campo della lotta al cancro in termini di vite umane: per esempio la sopravvivenza a 5 anni dalla leucemia linfoblastica acuta pediatrica è passata dal 10% del 1966 all'85% del 2010. Certo, pessimisticamente ancora il 15% dei bambini muore, e se uno di quei bambini fosse mio figlio capisco che potrei (irrazionalmente, ma l'uomo è un animale -spesso- irrazionale) avercela con la medicina per non aver salvato il mio bambino.

Stesso discorso per i vaccini: a fronte di milioni di persone salvate, alcune sono rimaste vittima degli effetti collaterali, che ci sono e sono documentati.

La medicina non cura tutto e tutti, anche se quello sarebbe un bell'obbiettivo anche se temo irraggiungibile (io di vivere per sempre non è proprio voglia), ma se oggi anche in seguito a gravi malattie e infortuni possiamo avere una speranza di una vita, e una vita migliore (penso ad esempio alle protesi di ultima generazione, o ai trapianti di organi e arti), è solo grazie alla medicina.

Se fosse per l'omeopatia, staremmo freschi (o meglio gelidi, rigidi, e in una cella dell'obitorio).
comincio a pensare che l'unico modo per convincere una persona come Jenny sia qualcosa simile a quello che ha fatto Randi

per es: io mi bevo due litri di sedativo omeopatico e lei due litri di xanax

prima comincio io... voglio essere clemente, può tirarsi indietro fino all'ultimo :D
PS due litri di xanax portano a morte certa
Concedere il beneficio del dubbio ad un qualcosa che in decenni di verifiche non ha MAI dato il benchè minimo indizio di funzionamento (oltre il placebo), che ha basi teoriche se vogliamo essere gentili 'stravaganti', è quantomeno esilarante...

Il buon Albert ci ha messo un paio di anni a dimostrare SENZA OMBRA DI DUBBIO che la relatività era una teoria che SPIEGAVA fatti reali in maniera coerente e precisa.

Ci ha messo un po di più Alfred a far accettare quella della deriva dei continenti, ma la cosa è un pelino più difficile da verificare.

Per l'omeopatia, siamo ancora al 'mio cuggino ha guarito'...
PPS poi col nome xanax facciamo pubblicità: si chiama alprazolam
Ci ha messo un po di più Alfred a far accettare quella della deriva dei continenti, ma la cosa è un pelino più difficile da verificare.

e Sigmund ancora trova difficoltà a far accettare che abbiamo inconsapevolmente desideri molti negativi che possono determinare i nostri comportamenti...
PS: se parliamo di efficacia della medicina 'allopatica'.... sia io che mia moglie saremmo molto morti entrambi (io almeno 3 volte) senza la medicina 'tradizionale'....
Giusto Claudio ricordiamolo,
anch'io una volta sono stato ripreso per i capelli dalla medicina tradizionale, in 24 ore sono passato da "prossimo alla morte" a dimesso grazie agli antistaminici.
Fino a qualche anno fa, pensavo tutto il male possibile dell'omeopatia. Poi mia madre, 74 anni, ipocondriaca persa da sempre, ma anche sofferente di diverse patologie reali, ha cambiato medico di base ed è finita da una dottoressa che si definsce "olistica". Ho pensato "andiamo bene, è l'inizio della fine". Invece, la dottoressa è una grande: le dà i farmaci omeopatici per i mali immaginari e i farmaci veri ("tradizionali") per le malattie vere. Risultato: mia madre sta molto molto meglio. Perché? perché ha smesso di ingurgitare dosi assurde di farmaci da banco, farmaci prescritti ad altre persone della famiglia, farmaci passateli da quelle deficienti delle sue amiche.
L'omeopatia cura una sola malattia: l'ipocondria. Ma per quella è efficacissima, soprattutto nei casi in cui il paziente è troppo anziano e troppo poco mentalmente elastico per trarre beneficio da una psicoterapia.
James Randi è proprio un grande! :D
L'omeopatia cura una sola malattia: l'ipocondria. Ma per quella è efficacissima, soprattutto nei casi in cui il paziente è troppo anziano e troppo poco mentalmente elastico per trarre beneficio da una psicoterapia.

non l'omeopatia, cara Elena, ma la traslazione psicologica che si è formata tra tua madre e la dottoressa

in altre parole è una forma di psicoterapia quella che la tua dottoressa sta attuando: tua madre ha solo bisogno di essere rassicurata, di vedere calare il suo livello di ansia

auguri!
Attivissimo scrive: "Se lo fosse, avrei già vinto il Nobel per aver enunciato il Principio di Attivissimo: "Un corpo immerso nell'acqua fa squillare il telefono"."

@Attivissimo: se vuoi registro dei video che dimostrano che a casa mia il cordless squilla quando mi siedo sul wc. :)
Non c'è bisogno di complici, è un fatto che si ripete frequentemente durante la settimana.. :D
Io non sonno cofusa proprio per nulla..
dipende da come si leggono i vari interventi non credi?
Allora pure io potrei dire oh ce l'avete con me perchè mi curo con l'omeopatia...

Ho fatto riferimento alla mia esperienza perchè postare tutti gli articoli che ho trovato e studiato da un anno a questa parte non credo che faccia piacere... (vedi post precedente dove elencavo gli studi effetuati sull'omeopatia).

Io personalmente ho preso lo xanax e altro per diversi anni e so che effetto fa semmai due litri bevetili te magari con dietro pure uno schnapps...

Senza fare l'elenco io curo con l'omeopatia pure il mio cane... (ma certo lui sa cosaa io gli metto nella pappa quotidiana.. quindi mentalmente saa che guarirà...)

Premetto io non punto il dito sulla medicina allopatica, ma di cure alternative ne esistonno molte, e non sopporto (scusate l'ideologia) quando non si metno sul piatto della bilancia tutti i pro ed i contro delle diverse metodologie!

Esistono metodi alternativi, cure alternative.
Dire che l'omeopatia ha effetto uguali o pari a nulla è come dire che il paracetamolo non ha effetto deleterio sulla circolazione...

Ci sono studi pro e contro per entrambi i casi... solo che quella ufficiale ha il vantagio che vengono ufficializzati anche gli studi, spendono soldi per fare studi.. molti danni da medicinali vengono taciuti.. oppure peggio aspettano la reazione in un tot di popolazione e pooi al limite tolgono il medicinale dal commercio...

Io dico he occorre solo senno, e non rpendere tutto per oro colato, e questo per tutte le cure...

Tutto qui....
IO non sono certo una che va professando in giro " andate dall'omeoptata abbandonate la medicina ufficiale" sono una che si fa i fatti propri.. ma se posso dire la mia la dico punto.

Se un amico mi chiede ti sta aiutando l'omeopatia.. io dico si ... ognuo è dotato del libero arbitrio e si spera di un intelligenza.

Essere aperti a tutto per me è appunto questo...
non metto in dubbio che la medicina abbia fatto progressi enormi... ma non metto in dubbio neanche che tante disfunzioni possono essere curate con l'omeoptia o cure naturali...

Questo non è esssere confusi..
e se ho preso in giro.. chi palrava del potere che la mente ha sia a farci venire malattie che a togliercele.. bhe a volte credo che sia necessario leggere fra le righe e come ho detto sopra dipende come si leggonno i post....

così come io interpreto i post in modo molto aggressivo nei confronnti dell'omeopatia..
io invece ho riportato il mio pensiero e la mia esperienza senza ne puntare il dito ne dire che la medicina allopatica fa solo danni.. fa dani come fa danni l'omeopatia.. sonno entrambe nella stessa barca...

Ognuno poi sceglie ciò che vuole...
Le conclusioni delle 6 meta-analisi (tecnica clinico-statistica che permette di assemblare, in un unico risultato cumulativo, i risultati di più studi clinici su di un medesimo trattamento) effettuate negli ultimi 15 anni sono tutte positive e mettono in evidenza l’efficacia dei medicinali omeopatici.

No Jenny, faresti bene a leggere tu (se conosci l'inglese) le conclusioni di questi studi.
Per aiutarti traduco cosa concludono gli studi uno per uno (puoi fare come ho fatto io, cercare gli studi per capirli), così ti fai un'idea migliore degli "studi positivi sull'omeopatia":

1) I trials clinici sono positivi ma non sufficienti a trarre conclusioni definitive per via della debolezza del metodo e della non chiara possibilità di errore.

2) Non trovato nessun documento.

3) Sembra suggerito un effetto superiore al placebo ma le conclusioni non sono convincenti per le incoerenze e gli errori di metodo. (è una rivista di medicina alternativa!)

4) Esiste qualche evidenza che i rimedi omeopatici funzionino più del placebo, tuttavia questa evidenza è bassa per la scarsa qualità del metodo utilizzato nello studio.

5) Possiamo concludere che gli effetti dell'omeopatia sono placebo.

6) Le conclusioni non sembrano compatibili con l'ipotesi che gli effetti dell'omeopatia siano completamente dovuti all'effetto placebo. In ogni caso non c'è sufficiente evidenza che l'omeopatia sia efficace per le singole condizioni cliniche. Sono quindi necessari ulteriori studi.

Se questi sono gli studi che mettono in evidenza l'efficacia dell'omeopatia immagino su quali altri basi poggi la tua convinzione su queste pastiglie curative!

Hai qualcosa di meglio da presentare?

Immagino comunque che tu non sei in malafede, ci credi proprio ed è questo il lato più drammatico della vicenda.
Mi rendo conto che convincere Keith Richard che le droghe bruciano l'organismo sia un'impresa impossibile, ma Keith non può nemmeno convincere me di avere una pelle liscia e da bimbo in fasce...si fumi pure l'impossibile ma io non consiglierò mai a nessuno di farlo.

Sui "danni dei medicinali allopatici" non vedo cosa possano avere a che fare con un'eventuale efficacia dell'omeopatia...
Ma tutto fa brodo eh?
;)
@claudio casonato @matrociliegia

>Però concedi il beneficio del dubbio pur in assenza di evidenze oggettive (anzi: in presenza di osservazioni contrarie).

>Concedere il beneficio del dubbio ad un qualcosa che in decenni di verifiche non ha MAI dato il benchè minimo indizio di funzionamento (oltre il placebo), che ha basi teoriche se vogliamo essere gentili 'stravaganti', è quantomeno esilarante...

la risposta stupida e': giusto! sono d'accordo anche io: aboliamo tutte le religioni del mondo!

un po' piu' seriamente, boh, non lo so. Non sono del tutto d'accordo. Non lo sono proprio perche' SINGOLARMENTE ogni tanto "funziona" (nota il virgolettato) e come ben sappiamo vale molto di piu' la nostra esperienza soggettiva di un milione di ragionamenti e grafici e numeri, soprattutto per chi poi con grafici e numeri non ha gran dimestichezza. Certamente sto andando OT, ma parlando di cose indimostrabili non mi sento di definire "esilarante" il fatto che milioni di persone credano in "qualcosa" - ce ne sara' qualcuno anche qui, e sicuramente ci sara' qualcuno che crede (nota: CREDE, non CONCEDE IL BENEFICIO DEL DUBBIO) in Dio ma non nell'omeopatia - anche quando quel qualcosa non ha senso o e' evidentemente in contrasto con le teorie scientifiche (la sindone secondo la datazione al carbonio, ad esempio). Semplicemente scattano altri meccanismi, ed e' difficile distinguere tra fisica e metafisica. Perche' uno dovrebbe credere in Dio ma non nell'omeopatia? Risposta: perche' in Dio si crede perche' si ha la fede. Ok, e allora perche' uno non dovrebbe avere fede anche nell'omeopatia? risposta: perche' non puo' essere la stessa fede. E perche mai? e via cosi', possiamo continuare a porci dei "perche'" fino a domani mattina.

Oppure citando: Sweet dream are made of this / who am I to disagree?
E' inutile che mi aggrediate così ragazzi ;)
Per fortuna che ho detto che non credo all'omepatia.

La fisica quantistica è impestata (ormai non sono che ricordi all'università), ma il fatto che uno non la conosca (e ci voglio anni di studi e basi di altre materie scientifiche) non implica necessariamente che "visto che non la conosce nessuno, è sempre tirata in ballo dal cospirazionista".

Comunque, il concetto che volevo far passare (spero di non scrivere una cavolata, ripeto sono digiuno dagli studi universitari, i chimici/fisici mi smentiscano pure) era che gli elettroni del solvente (es. acqua) vengono quantizzati, caricati di energia che rimane anche quando le molecole nn ci sono +. Questa energia può avere effetto terapeutico. Il come, nn lo ricordo. Leggo tante riviste scientifiche per aggiornamento professionale, ma nn saprei dire quale e quando ho letto articoli sulla cosa.

Ricordate: non credo nell'omeopatia. ;) Magari in futuro, qndo saremo tt fisici matematici...
L'omeopatia cura una sola malattia: l'ipocondria. Ma per quella è efficacissima, soprattutto nei casi in cui il paziente è troppo anziano e troppo poco mentalmente elastico per trarre beneficio da una psicoterapia.

non l'omeopatia ma la traslazione psicologica che si è formata tra tua madre e la dottoressa


Ottima sintesi
Io personalmente ho preso lo xanax e altro per diversi anni e so che effetto fa

bene è un passo avanti, allora mi prendo solo io i due litri di sedativo omeopatico

dove e quando?
Io vorrei capire solo una cosa. Una volta per tutte. Mi dicano i signori detrattori per quale motivo uno non possa scegliersi la morte che vuole. Vi comportate come i vecchi dottori dell'800 che aprivano a forza la bocca dei bambini per far ingurgitare loro l'olio di ricino... (Pensa un po' te, olio di ricino altro che corticosteroidi... antibiotici... asteroidi e roba da laboratorio nucleare). Qui il punto è solo uno: Vogliamo avere il diritto di sceglierci la cura ed il dottore che vogliamo e che non debba essere necessariamente quello che dite voi.
Sono stufa di leggere le solite chiacchiere, i soliti discorsi a vuoto. Non porto nessuna testimonianza ma ESIGO il rispetto per le mie idee e voglio avere la LIBERTA di scelta del medico.. Del resto in Italia c'è questa libertà. O volete imbavagliare anche questa? Ormai qui tutti vogliono tappare la bocca a tutti... BASTA!
@Cristallo

1) l'omeopatia non deve ricevere contributi dal SSN
2) il paziente omeopatico deve pagare le cure mediche "tradizionali", anche di rianimazione, nel caso la malattia "curata" dall'omeopatia si aggravi

posto ciò sei libera di ammazzarti come vuoi

PS ho come l'impressione che le donne cadano più facilmente nel tranello dell'omeopatia: perché?
Certo che ci vuole una grande fiducia verso chi prepara il rimedio omeopatico.

Se il laboratorio si limitasse a vendere acqua distillata e palline di zucchero evitando tutti i passaggi della preparazione non ci sarebbe modo di accorgersene.

E chiunque sostenga di saper riconoscere l'acqua pura da quella "omeopatica" si accomodi da Randi a incassare UN MILIONE di dollari!

A questo punto va da sé che se nessuno È MAI RIUSCITO a fare la distinzione, l'omeopatia è acqua fresca.

Per non parlare che i principi attivi che verrebbero usati alla base sono spesso sostanze velenosissime che in caso di contaminazione potrebbero facilmente ammazzare i clienti.

Se fossi un produttore mi guarderei bene dall'usare veramente tali sostanze con il rischio che per errore ammazzo qualcuno, tanto chi se ne accorge?
E chi ti dice che qualcuno mi paga le visite e i prodotti omeopatici? Inoltre ti rammento che io PAGO le tasse e con le mie tasse pago un medico che non mi CURA... Mentre col mio stipendio pago il dottore e le cure che io ho SCELTO...
E...una cosa che forse non sai: L'omeopatia non sconfessa l'allopatia..ma ambedue potrebbero lavorare in sinergia se solo ci fosse gente meno miope e meno presuntuosa.
Beati coloro che possiedono certezze... ma mi fanno pena. Perché l'arroccamento delle convinzioni non porta da nessuna parte e non fa progredire la conoscenza. L'uomo è formato da cellule che la medicina vuole riprodurre in laboratorio. Abbiamo visto tutti il risultato sulla povera pecora clonata... Perché di una cosa l'uomo del Terzo Millennio non ha ancora percezione: La vita non è un prodotto che si possa confezionare in laboratorio.
//Il fatto che siano le donne dovrebbe forse portarti a riflettere proprio su questo. Non dimenticare che noi conosciamo l'arcano magico della fecondazione e della 'creazione' di una cellula che diviene essere pensante... Magica alchimia misconosciuta all'universo maschile. Noi conosciamo le vibrazioni che intercorrono tra la vita e chi cresce la vita...
E su questo siamo di ceerto privilegiate rispetto a voi.
se vuoi registro dei video che dimostrano che a casa mia il cordless squilla quando mi siedo sul wc. :)

Grazie, non è il mio genere. Ti credo sulla parola.
Mi dicano i signori detrattori per quale motivo uno non possa scegliersi la morte che vuole

Liberissimo di farlo. Non a spese mie.

Non a spese di un minorenne o di un incapace.
ah..dimenticavo..Proprio stamane tra me e il mio consorte abbiamo speso ben 82 euro per esami specialistici...
E così è per ogni cosa. Se vuoi un buon dottore, specializzato devi pagartelo ed a peso d'oro. Chirurgo, dermatologo, oncologo, ginecologo ...ti ricevono nei loro lussuosi studi privati e poi ti presentano conti davvero 'lussuosi' che tu paghi, che alla tua salute ci tieni, perché se aspetti il sistema nazionale puoi anche morire dissanguato prima di essere visitato o che ti venga fatto un qualunque esame...
Questo è da accettare?
ambedue potrebbero lavorare in sinergia se solo ci fosse gente meno miope e meno presuntuosa.

Verissimo. Se solo quei presuntuosi degli omeopati la piantassero di pretendere che la gente creda alle loro scemenze.
Non dimenticare che noi conosciamo l'arcano magico della fecondazione e della 'creazione' di una cellula che diviene essere pensante

Wow, fate tutto da sole?


Vado a prendere birra e costine e mi metto comodo.
Non dimenticare che noi conosciamo l'arcano magico della fecondazione e della 'creazione' di una cellula che diviene essere pensante... Magica alchimia misconosciuta all'universo maschile. Noi conosciamo le vibrazioni che intercorrono tra la vita e chi cresce la vita...

Sono aperte le scommesse su quando Cristallo di quarzo se ne uscirà con profezie in stile 2012, ma più probabilmente 2069, oppure fine del petrolio, inizio di qualche nuova era o avvento di qualche nuova forma di Pensiero superiore sulla terra. Il mondo del Latte e Miele.
Le teorie bislacche non viaggiano mai da sole in un cervello.
Quindi fra quanto? Due commenti? Quattro?
@Martinobri e The Drakkar
Sicuramente il rapporto che si è creato con la dottoressa è molto utile e terapeutico, ma credo che l'aver sostituito medicine inutili con medicine innocue perché fatte di acqua e zucchero abbia avuto ogettivamente un effetto positivo sulla salute di ia madre, semplicemente perché ha smesso di assumere una quantità di sostanze dannose. Parte dei suoi mali, infatti, erano gli effetti collaterali dei farmaci presi a casaccio.
Inoltre ti rammento che io PAGO le tasse e con le mie tasse pago un medico che non mi CURA...

guarda, a me starebbe pure bene che te e la gente come te pagasse un "servizio sanitario nazionale omeopatico" con le proprie tasse

è che io non voglio dare una lira a niente che sia omeopatia, comprendi?

quindi, per me tu dovresti NON pagare il SSN e rivolgerti agli omeopati, agli stregoni, a chi ti pare pagandoli di tasca tua o collettivamente pagando una tassa d'"assicurazione sanitaria omeopatica"

io sono profondamente liberale, per me se vuoi credere all'omeopatia non ci sono problemi, ma devi stare per i fatti tuoi e non fare pagare a me l'omeopatia (con le tasse del SSN che purtroppo finanzia in Italia anche l'omeopatia)


per quanto riguarda il resto, tanti auguri
@Elena

emplicemente perché ha smesso di assumere una quantità di sostanze dannose. Parte dei suoi mali, infatti, erano gli effetti collaterali dei farmaci presi a casaccio.

se ti riferivi a questo, perdonami, non l'avevo capito: è chiaro che l'abuso di farmaci è dannoso (come diceva wewee tipico è l'abuso di paracetamolo che porta gravi conseguenze tra cui la morte per soppressione delle funzioni epatiche)

quindi sì sicuramente ci sono due aspetti positivi: la figura del terapeuta mette in grado tua madre di "tirare fuori" le sue paure ipocondriache combattendo quindi il meccanismo ossessivo e compulsivo e i preparati omeopatici sostituiscono l'uso superfluo di medicine reali

però se ci pensi in questo ultimo aspetto c'è un problema: i preparati omeopatici costano molto più di acqua e zucchero....
con le mie tasse pago un medico che non mi CURA...

Non è che non ti cura, è che la sua terapia è fortemente diluita.
quindi, per me tu dovresti NON pagare il SSN e rivolgerti agli omeopati, agli stregoni, a chi ti pare pagandoli di tasca tua o collettivamente pagando una tassa d'"assicurazione sanitaria omeopatica"

D'accordo. Però aggiungo: in tal caso, il giorno in cui (Dio non voglia) questi dovessero avere un incidente, un malore, o quant'altro, che siano il "pronto soccorso omeopatico" e il "118 omeopatico" a prendersene cura.
theDRaKKaR e io perché con le mie tasse devo ANCHE pagare i tuoi farmaci? Io credo che ci sia molta cattiva informazione a beneficio delle case Farmaceutiche (vedi l'ultima bufala dell'influenza suina... quanti soldi del sistema sanitario buttati alle ortiche mentre i 'baroni della sanità' si sono arricchiti grazie all'ipocondria della gente che si cura con l'allopatia) e chi mi dice che dietro ciascuno di voi non si celi prprio uno di loro?
non avevo letto la parte sulla procreazione LOL

Angela, nella fecondazione l'ovocito della donna viene invaso dallo spermatozoo. Perché? Perché lo spermatozoo porta metà del DNA del futuro embrione, metà senza la quale la fecondazione non avverrebbe.

Infatti la clonazione che tu citi è il tentativo di ovviare allo spermatozoo: nell'ovocita viene inserito il DNA completo di una cellula esistente. Ma sorgono problemi.

In pratica il tentativo di ovviare all'uomo (produttore di spermatozoi) non funziona bene.

Quindi questo privilegio femminile non lo vedo... Si tratta di una riproduzione anfigonica, quindi servono due gameti che sono entrambi necessari e importanti.
io perché con le mie tasse devo ANCHE pagare i tuoi farmaci?

rileggi cosa ho scritto

quindi, per me tu dovresti NON pagare il SSN e rivolgerti agli omeopati, agli stregoni, a chi ti pare pagandoli di tasca tua o collettivamente pagando una tassa d'"assicurazione sanitaria omeopatica"

quindi tranquilla, pagati i tuoi sistemi "sanitari", ma, come dice grAz, non ti permettere a venire a bussare al pronto soccorso "allopatico" o al reparto di rianimazione "allopatica"
quindi, per me tu dovresti NON pagare il SSN e rivolgerti agli omeopati, agli stregoni, a chi ti pare pagandoli di tasca tua o collettivamente pagando una tassa d'"assicurazione sanitaria omeopatica"

D'accordo. Però aggiungo: in tal caso, il giorno in cui (Dio non voglia) questi dovessero avere un incidente, un malore, o quant'altro, che siano il "pronto soccorso omeopatico" e il "118 omeopatico" a prendersene cura.

Questa mi sembra davvero persecuzione. C'è chi ce l'ha con gli immigrati, chi con i meridionali..chi con l'omeopatia... Alla faccia della tolelranza.
Da una parte dite: curati come vuoi e dall'altra... crepa...
Bella filosofia di vita. Mentre non avete letto le cose fondamentali che io ho scritto. Guardate il dito e non vedete la luna...
@TheDrakkar
Se non costassero, non funzionerebbero come placebo. Un dottore mica può dire "prenda una fialetta d'acqua". Il paziente si sentirebbe preso in giro. paradossalmente, l'omeopatia è una vera presa in giro, ma funziona proprio per questo.
Per Cristallo di quarzo

Questa mi sembra davvero persecuzione. C'è chi ce l'ha con gli immigrati, chi con i meridionali..chi con l'omeopatia... Alla faccia della tolelranza.

Un po' di sindrome da accerchiamento fa sempre comodo. Ci fa sentire qualcosa.

Da una parte dite: curati come vuoi e dall'altra... crepa...

Proprio così. Se credi in un certo tipo di medicina, ci devi credere fino in fondo.

Io poi "crepa!" lo direi a prescindere da malattie e cure relative, a tutti quelli che scrivono con quello spreco di puntini di sospensione. Megabyte usati per esprimere il nulla.
@Elena

Un dottore mica può dire "prenda una fialetta d'acqua". Il paziente si sentirebbe preso in giro

giusto, ma non è necessario che tua madre sappia che sta prendendo acqua... come hai detto tu, è troppo in là con gli anni per una psicoterapia, non credi che quindi sia necessario trattarla in un certo senso come una bambina (con tutto il rispetto ovviamente)?
Io poi "crepa!" lo direi a prescindere da malattie e cure relative, a tutti quelli che scrivono con quello spreco di puntini di sospensione. Megabyte usati per esprimere il nulla.

non solo, anche tutte quelle baggianate sul progredire della conoscenza, sulla suina e qualcuno che qui scrive a nome delle industrie farmaceutiche, sul privilegio alchemico (?) di essere donna

ma vaff...

Paolo ti prego censurami...