Cerca nel blog

2009/05/07

Ci vediamo stasera a Faido?

Internet e i nostri figli, pericoli e opportunità, ne parliamo stasera a Faido


Questa sera alle 20.15 sarò, insieme allo psicologo, psicoterapeuta e socioanalista Marco Noi, all'Aula Magna delle Scuole Medie di Faido per parlare ai genitori (ma anche ai figli) dei vantaggi e dei rischi dell'uso di Internet per i minori e per i giovani adulti, che rischiano di restare folgorati dall'eccesso d'informazione incontrollata.

L'ingresso è libero e l'incontro è organizzato dal Gruppo Genitori Media Leventina.

22 commenti:

Elena ha detto...

Bellissima la lampada a forma di gatto! Molto più elegante e utile della bottiglia con il Bonsai Kitten! Dove l'hai comprata? Costa molto? C'è anche il modello persiano? La voglio anch'io!!!

SirEdward ha detto...

Meraviglioso il gatto elettrico!

Luigi Rosa ha detto...

Gli androidi di Paolo Attivissimo sognano gatti elettrici?

Stepan Mussorgsky ha detto...

Ma il cavo di corrente dove va a finire? ehm... :D

Silente ha detto...

Semmai il pericolo è l'eccesso di informazione, no? Ma è un rischio che corriamo tutti i santi giorni, anche al di fuori di internet.
Eccesso di informazione incontrollata cosa significherebbe? Che abbiamo bisogno di un grande fratello buono che ci spiega tutto?
Mah.....

Pietro ha detto...

@ Paolo
Scusa l'OT, ma l'acqua calda fa ancora notizia:
http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_maggio_07/wikipedia_falsa_citazione_621f5f22-3b00-11de-b512-00144f02aabc.shtml

Franci ha detto...

Eccesso di informazione incontrollata cosa significherebbe?In effetti è un concetto border-line nel senso che spesso viene considerato pericoloso tutto ciò che viene scritto in libertà senza che il potente di turno ne ricavi direttamente o indirettamente qualcosa. I nostri politici ci hanno abituato ad azioni mirate a controllare il web quando si accorgono che grazie al web i cittadini hanno più possibilità di aggiornarsi sulle loro nefandezze.
(informazione da preservare)

D'altra parte può essere considerata informazione incontrollata anche quella fatta in blog come straker ed affini dove si trattano temi assurdi spacciandoli per verissimi.
(informazione da contrastare o quantomeno correggere)

Insomma... le interpretazioni di informazione incontrollata possono essere assolutamente opposte.

Anonimo ha detto...

Ma il cavo di corrente dove va a finire? ehm... :D-->in realtà è la parte terminale della coda.
Però è bellissima la foto del micio elettrico!

Pietro ha detto...

Ma piu' che altro, quanto e' grosso il gatto :D ?

Antonio M. ha detto...

Ahem, mi dissocio cordialmente sul "meraviglioso il gatto". Per me ha un che di macabro.

dani1967 ha detto...

Nel forum dei camperisti che frequento qualche tempo fa è comparso un post di un genitore che aveva messo le figlie davanti a una internet tv p2p a pagamento di cartoni. Questo poi si è sentito descrivere dalla figlie un Manga Porno che si era incastrato tra i cartoni normali....
Purtroppo visti i ziliardi di post su quel forum quel post è già stato archiviato e non è più raggiungibile ...

Claudio Casonato ha detto...

Io per evitare problemi, ho installato il Family Safety di Winzozz, abilitando solo una ridotta lista di indirizzi (Disney, Cartoon Network, Lego e simili).

Almeno mio figlio può vedere solo quello che dico io....

dani1967 ha detto...

In quel caso (che purtroppo non riesco a citare perchè scomparso dalla rete) il genitore agiva come te; ma trattandosi di una rete p2p qualcuno era riuscito a "sostituire" un pezzo di cartone pulito con uno sporco da un nodo secondario della rete. Almeno questa era la spiegazione che all'interno del forum ci eravamo dati.

Dan ha detto...

E bravo, affidati ad uno "stupido" computer per badare ai tuoi figli.. e questo è il risultato (meritato). Se un figlio lo fai, poi devi anche prenderti il disturbo di starci dietro, senza deleghe.

Elena ha detto...

Con i cartoni animati è facile che succedano pasticci di questo tipo, perché in Italia, malgrado vent'anni di Simpson, i manga ecc. sono ancora considerati tutti e a priori per bambini, come i fumetti.
MTV, prima di trasmettere, la sera tardi, il bellissimo anime horror Death Note mette un cartello che spiega:
1) Che non è per bambini o gente impressionabile
2) Che non parla di fatti reali
Il punto 2)è particolarmente surreale: nell'anime si parla di mostri che provocano la morte con il solo pensiero.
Ma tant'è. Spero solo che la cultura in materia cresca un po'.

Anonimo ha detto...

Quoto Elena in pieno.
Sono anni che mi batto contro la censura negli anime giapponesi, per far capire alla gente che gli anime giapponesi sono destinati ad un pubblico adulto o adolescenziale, che anche alle persone over 13 può piacere l'animazione, e di nn lasciare i propri figli da soli davanti alla TV o al computer, ma evidentemente io sono Don Chisciotte e la gente stupidi mulini a vento.

Dan ha detto...

Già, è un pensiero che mi sorge spontaneamente tutte le volte che leggo quel disclaimer, il classico "tutti gli eventi e persone descritti non sono reali". Già, perchè infatti temevo che qualcuno che mi odia andasse a scrivere il mio nome sul Death Note per uccidermi... Capirei fosse qualcosa che possa ispirare emuli, come un film su Columbine, ma con un cartone animato, per quanto brillante thriller, la vedo difficile.

"..per far capire alla gente che gli anime giapponesi sono destinati ad un pubblico adulto o adolescenziale, che anche alle persone over 13 può piacere l'animazione.."E' molto semplice: l'animazione giapponese ha dei _target_, delle fasce d'età per la fruibilità da parte del pubblico, come qualsiasi altra opera audiovisiva. Nessuna casa giapponese ti dirà di mostrare "Ken il Guerriero" ai bambini delle elementari, come è evidente che Hamtaro non è fatto per adolescenti. Ma visto che in Italia concepiscono un pubblico solo per i cartoni animati, ovvero bambinetti scemi, tutto dev'essere adattato al loro livello. Anche quando acquistano i diritti per roba che non ha quel target... e poi si trovano in difficoltà quando compaiono scene "problematiche" (anche se per i loro fini pedagoghi in questa definizione rientrano anche uno schiaffo, o -orrore!- sangue da ginocchio sbucciato).
Da questo punto di vista la MTV Anime Night è stata un'oasi nel desolato panorama televisivo italiano.

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@lady-lillina

come hai ragione.. ma è una battaglia persa in partenza

anche i film vengono censurati, figurati qualcosa che è considerato per bambini per definizione..

una volta stavo guardando Shining su RaiUno all'una di notte e mi sono accorto con raccapriccio che avevano tagliato le scene con le accettate...

ma cazzo, è l'una di notte, mi sto vedendo un film dell'orrore, cosa tagli a fare? maledetti bigotti

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

mi sono accorto con raccapriccio che avevano tagliato le scene con le accettatemi sono accorto solo ora dell'involontario umorismo di questa frase, pardon :)

Explobot ha detto...

Interessante conferenza. E' possibile leggere da qualche parte il resconto e scaricare gli atti? Scusate, ma l'argomento mi interessa molto.

Grazie, Carlo

Paolo Attivissimo ha detto...

Explobot,

no, mi spiace, non ci sono né atti né altro.

Explobot ha detto...

Grazie Paolo, peccato perchè l'argomento è proprio interessante, vorrà dire che la prossima volta dovrò vincere la pigrizia serale e fare qualche km ...