Cerca nel blog

2009/05/01

Paura dell’influenza? Fate il test via Internet

Info serie e facete sull'influenza suina


Il panico mediatico da influenza suina non conosce limiti e Internet ha un ruolo pesante nell'alimentare paure in gran parte infondate, ma anche nell'ironizzarvi sopra. Per carità, l'influenza è una cosa seria e sulle vittime non si scherza, ma su una certa angoscia esagerata, non supportata dai fatti, è decisamente il caso di scherzare.

Prosperano per esempi i siti che fra il serio e il faceto offrono di effettuare test personalizzati di valutazione del rischio di contagio, come il pessimista Doihaveswineflu.org e il più tranquillizzante Doihavepigflu.com.

Ho già parlato della mappa in tempo quasi reale della diffusione della malattia offerta tramite Google Maps e dei serissimi aggiornamenti istantanei del Center for Disease Control and Prevention statunitense via Twitter, ma se volete nutrire ulteriormente il vostro panico interiore potrete presto addirittura scaricare un'applicazione gratuita per l'iPhone, Swine Flu Tracker, della IntuApps, che fornirà mappe aggiornate dei casi confermati e sospettati, il livello corrente di pericolo, l'elenco dei sintomi e una sezione di notizie dell'ultim'ora sull'influenza suina.


Esagerazioni a parte, invece di farvi prendere dal panico e fidarvi delle voci incontrollate dei profeti di sventura che mirano a vendervi ogni sorta di talismano o patacca per speculare sull'ansia da influenza (c'è addirittura chi fantastica che si tratti di una malattia inventata dalle multinazionali del farmaco per ottenere lauti profitti), date un'occhiata alle semplici e pratiche istruzioni su come ridurre il rischio di contagio e sui comportamenti realmente a rischio fornite dagli esperti presso per esempio l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il CDC citato sopra (qui), presso l'Ufficio federale della Sanità Pubblica svizzero (che ha aperto un sito apposito, chiamato allegramente Pandemia.ch) e dal Ministero della Salute italiano.

10 commenti:

Unknown ha detto...

Il virus dell'influenza suina potrebbe essere una vecchia conoscenza per il sistema immunitario di molti italiani. A spiegarlo è l'infettivologo Mauro Moroni, direttore della Clinica di malattie infettive dell'università degli Studi-ospedale Sacco di Milano. "Il virus H1N1 circolò in Italia nell'uomo. Era il 1977 e aveva le sembianze di una classica epidemia stagionale. Non si trattò di una forma letale - racconta l'esperto all'Adnkronos Salute - e, proprio perché è entrato in contatto con una parte della popolazione, è possibile che queste persone siano già 'immuni'".

Ecco che anche stavolta gli italiani hanno una marcia in più. Come ama dire Berlusconi gli italiani ne usciranno per primi e meglio degli altri.

Dio salvi Berlusconi e gli italiani.

Replicante Cattivo ha detto...

c'è addirittura chi fantastica che si tratti di una malattia inventata dalle multinazionali del farmaco per ottenere lauti profittiE subito lo Zoo di 105, come da copione, ha puntato su questa diceria. E quando un telespettatore ha mandato un sms scrivendo "smettete di fomentare queste teorie del complotto, sono solo dannose", Mazzoli ha risposto col solito "gne gne gne, faccia culo specchio riflesso".

JohnWayneJr ha detto...

There is always a bright side:

quest'estate le grigliate costeranno molto ma molto meno!!!

Sapete mica se si può mettere in giro anche una voce sull'influenza trasmessa via birra?

Un barbecue al giorno, gente!!!

phantoz ha detto...

Commento, trovato su youtube, al video complottista che ha linkato Paolo:

"tutte le catastrofi naturali economiche e endemiche guerre rivoluzioni sono create ad arte dalle rispettive haarp wall street manovrata dalla city di londra dai maghi dell eugenetica dai vertici della massoneria mondiale che risalgono tutti alla stirpe ariano rettile che domina questo pianeta sotto mentite spoglie da centinaia di migliaia di anni
ah dimenticavo le religioni i partiti politici e sopratutto l ignoranza collettiva di chi popola questo pianeta"

...

Lys ha detto...

Se lo fanno apposta non lo posso sapere, ma certamente puzza di bruciato il fatto che ogni anno ce n'è una.
Ormai il vaccino antinfluenzale lo raccomandano a chiunque respiri e quindi il mercato si sta un po' saturando. Perché non metterci sopra qualche influenza extra per vendere un po' di più?

Poi sarà colpa degli informatori farmaceutici, oppure dei giornalisti che cercano sempre la notizia clamorosa... non lo so...

...so soltanto che a forza di gridare "al lupo, al lupo" quando capiterà una vera pandemia (SE capiterà) avremo tutti le difese abbassate.

Anonimo ha detto...

@ Replicante Cattivo: almeno Mazzoli nel suo aver torto ha letto il messaggio di colui che non la pensa come lui... cosa abbastanza rara visti i megaparaocchioni indossati da certi complottisti!!!

Pablo ha detto...

Beh, a proposito di virus nati in laboratorio, sembra che ci sia un ricercatore che sostiene che il virus della nuova influenza A/H1N1 sia stato coltivato (anche se per errore) in laboratorio (http://tinyurl.com/q6ffqo), notizia su cui l'OMS sta indagando.

Non ho ben capito se sia lo stesso dell'influenza suina, pero' chissa' che certe volte i complotti non abbiano anche qualche fondo di verita'...

Anonimo ha detto...

ho ricevuto questa mail/bufala(???) ma non ho tempo di indagare. Mi stupisce solo che all'origine ci sia Adrian Gibbs:

il ricercatore che ha sviluppato il TAMIFLU dice che il virus del A/H1N1 potrebbe essere stato creato in laboratorio.

il blog in italiano di pino cacucci sul tema che riassume la vicenda:
http://www.feltrinellieditore.it/BlogAutore?id_autore=155756&blog_id=14

l'articolo originale della jornada (quotidiano messicano):
http://www.jornada.unam.mx/2009/05/14/index.php?section=politica&article=014n1pol

un articolo in inglese (ABC con video di Adrian Gibbs):
"Tamiflu Developer: Swine Flu Could Have Come From Bio-Experiment Lab"
http://www.abcnews.go.com/GMA/SwineFlu/story?id=7584420&page=1

l'Organizzazione Mondiale della Sanità smentisce. (non ho trovato il link sul sito del WHO)

A quando la prossima "influenza" ? Su che animale scommettiamo?
MAIALE (A/H1N1) fatto
POLLO (influenza aviaria) fatto
MUCCA (solo mucca pazza) da fare

ammazza un pò bimbi e vecchi per fare tanti soldi

Anonimo ha detto...

dopo avere letto i link del mio commento precedente mi sono fatto un opinione:

da dove arrivi H1N1 nessuno lo sa.

Mi pare di capire che è tecnicamente possibile (un biologo puo confermare ?) mettere in giro un virus dell'influenza che è sensibile a un certo medicinale.

Quindi un manager bastardo più un ricecatore bastardo possono farsi una barca di soldi se vogliono.

Se non altro si potrebbe scrivere un romanzo alla Crichton verosimile a partire da questi dati :D :D :D

paolo tu che ne dici ?

casamia ha detto...

Dunque: facciamo accoppiare una mucca pazza con un suino pazzo.
Dal DNA del prodotto della copula, ricaveremo milioni di vaccini che, iniettati ai nostri politici, magari non faranno diminuire il virus del contagio, ma avranno sicuramente altri benefici effetti collaterali.
Concordo con più barbecue!