Cerca nel blog

2007/07/17

Radio: i temi di oggi

Radio: 25 anni di virus, fuga da Second Life, arresti phishing, e bufale assortite

Ecco i temi dell'edizione radiofonica del Disinformatico di oggi, in onda come consueto dalle 11 alle 12 sulla Rete Tre della RTSI, ascoltabile in streaming in diretta e come podcast in differita:
  • 25 anni di virus, un po' di archeoinformatica
  • Le aziende fuggono da Second Life
  • Arresti per phishing in Italia
  • Antibufala: è pericoloso usare l'iPod in un temporale?
  • Antibufala: la NASA avvista "l'occhio di Dio"
A dopo!

5 commenti:

Dan ha detto...

Non ptrebbero pubblicare direttamente l'URL dello streaming, invece di farti usare il loro player che vuole per forza il plugin realplayer? Io che usi VLC per non dover installare realplayer che dovrei fare?

Luca ha detto...

http://real.xobix.ch/live/rsi3.ram

Ho provato adesso con VLC e funziona.

'File'->'Apri flusso di rete'-> selezioni HTTP/HTTPS/FTP/MMS e inserisci l'indirizzo di cui sopra.

Magari queste cose le sai già e sono stato ripetitivo. In questo caso chiedo perdono ;)

pupiddo ha detto...

Io su linux digito 'mplayer' in un ternimale e poi copio ed incollo il link rtsp://a1544.l1137939855.c11379.e.lr.akamaistream.net/live/D/1544/11379/v0001/reflector:39855
et voilà!
Oppure uso il pligin per mplayer per firefox effettivamente su windows a lavoro non sò come fare visto che non posso installare realplayer ma credo che vlc possa leggere lo steaming come dice luca...

Dan ha detto...

"coincidenza" che i grandi nomi se ne vadano dopo quello che hai detto? E' tutta colpa tua! Se adesso Second Life crollerà sarà colpa tua!
...scherzo ovviamente, ma trovarlo affollato è oggettivamente un po' difficile, perchè effettivamente anche se ci fossero gli otto milioni di iscritti totali, Second Life è comunque un mondo vastissimo. Se vuoi un po' di "vita", vai in qualche luogo di ritrovo pubblico, se vuoi la folla, cerca una festa o una discoteca... In effetti forse il dato più realistico è poco meno dei 1,7 milioni di utenti entrati negli ultimi 60 giorni.

Quanto alle grandi ditte... in effetti il loro approccio esclusivamente commerciale credo sia visto come una sgradita intrusione del mondo esterno (o perlomeno di una sua parte già sgradevole e invadente di solito) nel mondo di fantasia, da parte di molti utenti. Prova ne è che molti non vengono "solo per divertirsi", ma per costruire, programmare oggetti, o vendere con successo. I venditori interni hanno molto più successo di quelli esterni, forse perchè sono utenti come gli altri, anzichè aziende saltate sul carrozzone perchè ora se ne parla tanto.
(NOTA BENE: questo è derivato dalla mia personale esperienza. Leggo che invece le ditte che hanno saputo adattarsi al nuovo universo stanno procedendo bene.)

Mentre la questione politica trovo sia quasi ovvia quando si entra in un mondo pieno di gente così eterogenea... l'unico grosso problema a quel che so è stata la protesta con tanto di sit-in, cartelli e resistenza armata quando in gennaio ha messo la sede in SL il partito di estrema destra di Le Pen (un partito che promuoveva ideuzze carine come chiusura delle frontiere e altre leggi di stampo colonial/nazista contro i neri.)
Un riassunto dal Second Life Herald:
http://www.secondlifeherald.com/slh/2007/01/protesters_dema.html
E un articolo più esaustivo da un tuo collega su New World Notes:
http://nwn.blogs.com/nwn/2007/01/stronger_than_h.html

Dan ha detto...

"Magari queste cose le sai già e sono stato ripetitivo. In questo caso chiedo perdono ;)"
Sì ti sei ripetuto, ma grazie lo stesso. Per ottenere quell'URL ho però dovuto fare un po' di "hacking" e guardare nel sorgente della pagina...

Nota divertente per Paolo: cercando riferimenti sulla storia di Le Pen, ho trovato un articolo che parla degli errori comunenemente fatti quando si parla di SL:
http://gigaom.com/2007/07/12/debunking-5-business-myths-about-second-life/

e un altro che si occupa proprio dell'articolo del LA Times, intitolato, ironicamente, "debunking Second Life myths"...
http://nwn.blogs.com/nwn/2007/07/re-debunking.html