Cerca nel blog

2017/11/10

Facebook prova a combattere le fake news promuovendo qualunque commento contenente la parola “fake”

Facebook sta facendo vari esperimenti per contrastare il fenomeno delle fake news. Recentemente ne ha svolto uno che probabilmente si poteva evitare semplicemente accendendo un neurone prima di mettersi a picchiettare codice sulla tastiera: ha iniziato a promuovere e mettere in evidenza qualunque commento che contenesse la parola fake.

Avete già indovinato cos’è successo: anche notizie perfettamente attendibili di testate come la BBC, l’Economist, il New York Times, l’Independent e il Guardian si sono trovate inondate di commenti in primo piano che le definivano fake.

Le proteste degli utenti non si sono fatte attendere: invece di aiutare a distinguere le notizie vere da quelle chiaramente false, l’esperimento stava producendo l’effetto contrario, creando solo confusione.

Facebook si è giustificata dichiarando alla BBC che si è trattato di “un piccolo test che ora si è concluso. Volevamo vedere se dare la priorità ai commenti che indicano scetticismo poteva essere utile.” Arrivarci ragionandoci un attimo, invece di fare esperimenti sulla pelle degli utenti, a quanto pare non si usa più.

5 commenti:

Diego Laurenti ha detto...

"Arrivarci ragionandoci un attimo, invece di fare esperimenti sulla pelle degli utenti, a quanto pare non si usa più."

Questa condotta mi ricorda molto quella Microsoft con i suoi sistemi operativi... :(

pgc ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Jotar ha detto...

Ma anche senza ragionare, potevano almeno fare un test in una sandbox...

Det. Bullock ha detto...

Ma stì tizi la usano internet?
Perché di gente che strilla FAKE NEWS sotto ogni articolo che non gli piace se ne vedono sempre a vagonate, talvolta pare che stì tizi dell'industria informatica non vivano nel mondo reale.

Nuvolotta Nuvi ha detto...

Sembra una barzelletta, potevano almeno farlo per il primo di aprile :-D