Cerca nel blog

2017/11/27

Twitter segnala il Disinformatico come blog “pericoloso”


Da ieri il mio articolo sul manuale della Tesla Model 3 viene bloccato e segnalato da Twitter con l’avviso (copia su Archive.is) che “Il link al quale stai cercando di accedere è stato identificato da Twitter o dai nostri partner come potenzialmente pericoloso o associato a una violazione dei Termini di servizio di Twitter”. Cliccando su Continua si viene comunque portati all’articolo.

Twitter non mi ha mandato neanche una riga di spiegazioni, che magari sarebbero state utili per capire la causa del blocco. Una fonte tecnica esterna, solitamente attendibile, mi ha detto che il link a una copia non ufficiale del manuale di Tesla che c’è nel mio articolo è oggetto di una segnalazione secondo la DMCA, la normativa statunitense per la gestione delle violazioni di copyright. Sembra quindi che non ci sia nessun pericolo a visitare il mio articolo, ma che ci sia di mezzo una presunta violazione del diritto d’autore.

Ho sostituito il link con un altro che porta a un articolo che parla del manuale in questione: vediamo che succede.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

12 commenti:

Marco ha detto...

In effetti violare il copyright è molto pericoloso: un mio amico l'ha fatto e s'è preso una scia chimica in testa.

newbrain ha detto...

Ma Paolo, lo sanno tutti che il tuo blog è pericoloso.
Aiutare a pensare e a difendersi dalla fuffa è quasi sovversivo.

Giorgio Silvio Patalani ha detto...

Cosa c'è di più pericoloso della conoscenza ?

Francesco ha detto...

Sei il solito pirata. Chiamo Marcianò e ti faccio denunciare.

Berto ha detto...

E subito dopo s'è trovato vestito da rettiliano.
:D

FridayChild ha detto...

Ma infatti mi stavo chiedendo come mai avevi linkato direttamente il manuale, dato che era stato diffuso senza il consenso dei titolari del copyright.

Palin ha detto...

@FridayChild

Perché è un giornalista e in questo caso citare la fonte del suo articolo era legittimo...

Carlo ha detto...

Saranno gli impianti bioplasmatici

Vandalo ha detto...

Pure NoScript, addon di Firefox sul pc, mi segnala il "pericolo" all'apertura del post, citando l'avviso di Twitter.

Sciking ha detto...

Ocio Paolo, già sei "rifugiato in Svizzera perché hai commesso reati in Italia", se anche la Svizzera crea problemi col copyright devi andare direttamente su Rettilania e usare la VPN terrestre del NWO per scrivere sul blog!
:P

Stefano Longagnani ha detto...

Queste piattaforme PRIVATE che decidono cosa è buono e cosa è cattivo non sono molto tranquillizzanti.
Ho la sensazione che le segnalazioni e i blocchi a casaccio stiano aumentando (anche su FB).
Bisognerebbe interrogarsi sulla leggerezza di lasciare in mano ai PRIVATI la libertà d'espressione.
Una volta c'era la SIP pubblica e al telefono nessuno ci segnalava o ci censurava.

Stefano Bettega ha detto...

Secondo me la pericolosità è data dal link http al posto che https... però è un'opinione personale.